L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SU L'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIM'ORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI
 FRANCOFONTE
TAORMINA-G.NAXOS

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new

Siracusa Mario Ferrini confermato a guida SIULP. Il sindacato dei lavoratori di polizia con voto unanime al termine del 7° Congresso provinciale tenuto nel salone “Borsellino” di palazzo Vermexio ha deciso alla presenza del segretario generale nazionale, Felice Romano, del commissario regionale  e del segretario generale della UST Cisl, Paolo Sanzaro. Mario Ferrini, nella sua relazione ha evidenziato le difficoltà del comparto. La recente finanziaria,  farebbe pagare un ulteriore prezzo in termini di potenzialità. Mario Ferrini sarà affiancato da una segreteria che gli stessi delegati ratificheranno nel corso di una prossima riunione. Il Congresso del SIULP è stato preceduto, ed arricchito visti gli argomenti sciorinati dagli intervenuti, da un convegno sul tema “Legalità: punto fermo per lo sviluppo”. I lavori sono stati coordinati dal segretario provinciale dell’Assostampa Aldo Mantineo che, nel suo breve saluto introduttivo, ha espresso la solidarietà dei giornalisti alla Cisl per le recenti minacce subite. Una serie di interventi si sono susseguiti, in maniera univoca, focalizzando l’esigenza di un maggior impegno dei singoli e di una rete autentica tra tutti i soggetti della società. Mario Ferrini, con l’intervento di apertura, ha sottolineato i punti nodali della questione, ha : “bisogna comprendere che cultura della legalità, sviluppo economico equilibrato, sicurezza dei cittadini e funzionamento delle istituzioni, sono reciprocamente collegati in un circolo dove uno dei quattro elementi influenza l’altro”. I relatori hanno posto l’accenno sulle strategie da mettere in atto per attuare questo circolo virtuoso. “Strategie che restano, però, solo un mero intendimento accademico – ha aggiunto il segretario del SIULP – se lo Stato non riesce a perseguire l’obiettivo primario per il raggiungimento della pace sociale e della convivenza civile che, necessariamente, deve passare per la creazione di concrete opportunità di lavoro”. Il segretario della Cisl siracusana, Paolo Sanzaro si è soffermato sulla legalità direttamente legata al mondo del lavoro: “Legalità che passa attraverso l’applicazione dei contratti – ha detto – il rispetto delle regole che ordinano il mondo del lavoro, garantire la sicurezza dei cantieri e nelle fabbriche. Il perseguimento ed il privilegiare una legalità diffusa offre la possibilità di uno sviluppo armonico. Come Cisl – ha concluso – abbiamo più volte proposto la creazione di una lista delle aziende virtuose; imprese sane che presentano il Durc, che salvaguardano i loro lavoratori e la loro salute.” Un concetto ripreso anche dal presidente di Confapi Sicilia, Nello Lentini, che non ha mancato di rimarcare le difficoltà di investire in un territorio dove l’illegalità è diffusa. Numerosi gli interventi, tra i quali l’analisi del Questore di Siracusa Mario Caggegi che ha focalizzato la sua cruda analisi, conseguente la richiesta di maggiore spirito critico avanzata dal segretario nazionale della Cisl, Paolo Mezzio.


Siracusa  -  Il Simulacro di Santa Lucia,  esposto solennemente nella sua cappella in Cattedrale, dalle ore 8 sino al termine delle funzioni, per l’Anniversario della dedicazione della Cattedrale e per la ricorrenza del terremoto del 1693. A renderlo noto è la Deputazione della Cappella di Santa Lucia. Nel corso della giornata, alle ore 18, verrà celebrata una Santa Messa, con ostensione delle sacre reliquie della Patrona. La dedicazione della cattedrale siracusana avvenne il 9 gennaio 1927 con fastosi festeggiamenti della durata di 13 giorni (dal 9 al 23). La chiesa era stata chiusa al culto nel giugno del 1906, “per salvaguardare l’incolumità dei fedeli”.  Un primo ciclo di lavori di restauro era stato effettuato tra il 1909 ed il 1911. Interventi minori furono eseguiti in periodi successivi. Un secondo ciclo di restauri ebbe inizio nel 1923. Il 26 dicembre del 1926, l’arcivescovo Carabelli annunziò la riapertura della cattedrale per il 9 gennaio 1927.  Ricorre l’11 gennaio 2010 il 317° anniversario del tremendo terremoto del 1693 che distrusse la diocesi di Siracusa e tutta  la Val di Noto, facendo, secondo stime dell’epoca, 59.241 vittime.


Siracusa - Solenne esposizione del Simulacro di Santa Lucia per il tradizionale incontro di preghiera con i fedeli siracusani e forestieri ospiti in città nel periodo estivo, domenica 9 agosto 2009.  Il Simulacro di Santa Lucia sarà esposto solennemente nella sua cappella in Cattedrale, ininterrottamente dalle ore 7,30 sino al termine delle funzioni. Le Sante Messe saranno celebrate alle ore 8, 10.30, 12 e 19.

 

PALERMO -“Accogliamo con gioia e riconoscenza la nomina da parte del Santo Padre di S.E. Monsignor Mariano Crociata, Vescovo di Noto, a Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. Questa designazione è, certamente, un segno di grande attenzione per la Chiesa sicilia che, anche in questa circostanza, ha saputo esprimere una significativa ed autorevole personalità, da mettere a servizio della Chiesa italiana. Sono certo che mons. Crociata saprà affrontare questo importante incarico di <<umile cooperatore alla coesione e al lavoro collegiale dei Vescovi delle diocesi d'Italia>>, come ha voluto definirsi, con l’amore alla Chiesa e l’attenzione ai più deboli che ha espresso precedentemente nella Diocesi di Mazzara e più di recente in quella di Noto.” Lo afferma il vicepresidente della Regione Siciliana Titti Bufardeci


Catacomba di Santa Lucia

 Siracusa - La Catacomba di Santa Lucia si configura come il più antico documento della presenza della Chiesa a Siracusa ed in Sicilia, testimoniando la vitalità della comunità cristiana già dalla prima metà del III secolo. E' aperta al culto dei fedeli la Catacomba di Santa Lucia. L’iniziativa era stata promossa dalla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra – Ispettorato per le catacombe della Sicilia Orientale, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siracusa, la Provincia Regionale di Siracusa e la società Kairos. Il cimitero è posto nel quartiere della Borgata, nella zona sud orientale della città, ad una distanza di circa 150 metri dal mare. Durante il lunghissimo arco temporale che va dal III sec. d.C. all’età normanna la catacomba ha subito notevoli modifiche, sia per i progressivi ampliamenti, sia per i ruoli diversi che essa ha rivestito nel tempo. Il complesso funerario, costituito da un cimitero di comunità e da alcuni ipogei di diritto privato, viene suddiviso in quattro regioni (A, B, C, D) collegate da gallerie, alcune delle quali utilizzate come rifugio antiaereo nel corso dell’ultimo conflitto mondiale. Nonostante si tratti di una parziale apertura del sito, l’area costituita dalle catacombe di San Giovanni, Vigna Cassia e Santa Lucia costituisce il complesso cimiteriale più importante dopo Roma, dove esistono un centinaio di siti, ma solo cinque di essi sono fruibili. 

 

Scuola: Epaminonda a segreteria regione Cisl personale docente e Ata

Palermo – Scuola: Patrizia Epaminonda  eletta al termine del Consiglio generale tenutosi a Palermo, nella segreteria regionale Cisl personale docente e Ata. La rappresentante siracusana è stata designata, al termine del Consiglio generale tenuto a Palermo, alla presenza del segretario generale nazionale, Francesco Scrima, del segretario nazionale, Dionisio Bonomo, e del segretario generale della Cisl Scuola Sicilia, Angelo Prizzi. Patrizia Epaminonda è già segretario generale della Cisl Scuola di Siracusa,  è entrata a far parte della segreteria regionale, ha affermato : “È un risultato che intendo condividere con l’intero gruppo dirigente della Cisl di Siracusa. È sicuramente un ruolo importante che aumenta le responsabilità verso quanti rappresentiamo quotidianamente”. Paolo Sanzaro segretario generale della Ust Cisl Siracusa ha commentato: “La nomina di Patrizia Epaminonda quale componente della segreteria regionale si inserisce in quel processo di crescita e di rinnovamento voluto dalla Confederazione e condiviso dalle singole federazioni. Una rappresentanza all’interno della segreteria regionale è il giusto riconoscimento per l’intero gruppo dirigente della Cisl siracusana che, in questi ultimi anni, ha dimostrato grande impegno, determinazione e fermezza nel perseguimento degli obiettivi: su tutti la rappresentanza di quanti a noi si affidano per le tutele ed i servizi”.


NOTIZIE ULTIM'ORA 24 ORE SU 24


                                                

  SIRACUSA


Morto Enzo Maiorca


 


Siracusa Morto Enzo Maiorca, Marina Militare esprime cordoglio. Con un comunicato  La Marina Militare ha espresso: “sentimenti di profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del senatore Enzo Maiorca, medaglia d’oro al valor di Marina, che si è spento questa mattina all’età di 85 anni. Più volte recordman di immersione e figura di spicco nello sport subacqueo internazionale, al termine dell’attività agonistica si era dedicato alla salvaguardia dell'ambiente marino diffondendo i valori della sua cultura, contribuendo ad accrescere il prestigio e lustro della marineria italiana in tutto il mondo”. Enzo Maiorca è morto di mattina a Siracusa all’età di 85anni. I funerali probabilmente martedì. La camera ardente è stata allestita nel salone "Paolo Borsellino" di Palazzo Vermexio.Il sub siracusano definito “re degli abissi” è stato il recordman di immersioni per antonomasia. Le affermazioni sportive di Maiorca sono state epiche :  nel 1960 batté il brasiliano Amerigo Santarelli scendendo a meno 45 metri.  Le  sfide Enzo Maiorca - Jaques Mayol hanno appassionato gli amanti del mare e non solo.  Il  sub nel 1976 optò per un ritiro ma decise il ritorno nel 1988 ed arrivò fino a 101 metri di profondità.  Enzo Maiorca 1994 fu eletto senatore nelle liste di Alleanza nazionale. Le figlie Patrizia e Rossana hanno sempre condiviso con il padre la passione per il mare. Rossana Maiorca è morta nel 2005, ed è stata grande appassionata di immersione ed anche detentrice di record.


Priolo SR - Ciapi   bandisce  selezione pubblica per soli titoli. Si tratta di assunzione con contratto a tempo determinato di 1415 persone. Servono 60 responsabili di processo, 514 formatori, 321 tutor, 182 segretari didattici, 182 segretari amministrativi e 156 ausiliari. Il testo integrale del bando, con l'indicazione dei requisiti e delle modalità di partecipazione, è pubblicato sui siti online del Ciapi di Priolo www.ciapiweb.it e della Regione siciliana www.regione.sicilia.it/lavoro. Bando CIAPI


 

60° Anniversario Lacrimazione programma

Siracusa - 60° Anniversario Lacrimazione di Maria a Siracusa. E’ tutto pronto per l’inizio dei festeggiamenti per il Sessantesimo Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa. Il Santuario della Madonna delle Lacrime si è lasciato alle spalle l’allagamento della cripta: “Grazie al lavoro dei volontari che hanno lavorato per ore - ha detto il rettore, don Luca Saraceno -, ripartiamo con maggiore entusiasmo. Era forse uno dei pochi eventi eccezionali a cui non eravamo pronti, ma posso dire che anche la cripta sarà pronta per ospitare le celebrazioni”. Una cripta che mercoledì 28, vigilia delle celebrazioni, sarà protagonista con la benedizione della teca che è stata progettata per custodire il Reliquiario delle lacrime di Maria. “Quest’anno il programma è particolarmente ricco. Iniziamo domani sera, sabato, con la fiaccolata per le vie della città dal titolo “Maria incontra Siracusa”. Ci ritroveremo alle 21 sul sagrato della Chiesa Cattedrale: prima un video introduttivo, poi Orazio Coclite, giornalista di Radio Vaticana, introdurrà la serata descrivendo la Siracusa degli anni ’50, che ha vissuto quell’evento miracoloso, poi un video sulla lacrimazione e le interviste ai testimoni. Saranno presenti l’arcivescovo mons. Salvatore Pappalardo, che racconterà come ha vissuto quei momenti da bimbo di 8 anni, e il sindaco Giancarlo Garozzo. Infine si parlerà dell’attualità della lacrimazione e saranno presentati  gli appuntamenti di quest’anno. Quindi la fiaccolata fino all’Oratorio di via degli Orti, dove Mariano Iannuso preleverà la copia del quadretto custodita in Oratorio e la esporrà sull’architrave dell’ingresso, ripetendo il gesto fatto il 31 agosto 1953. La fiaccolata si concluderà in Santuario”. Domenica 25 si ripeterà quel momento che accade solo una volta l’anno: l’apertura della teca che contiene il quadretto del Cuore Immacolato di Maria che nel 1953 pianse lacrime umane. Dal 29 agosto al 1 settembre del 1953, per quattro giorni, lacrime umane comparvero su un quadretto in gesso del Cuore Immacolato di Maria, capezzale della camera di letto nell'umile abitazione in via degli Orti di San Giorgio, dei coniugi Angelo e Antonina Iannuso. Il fenomeno si verificò, ad intervalli più o meno lunghi, sia all’interno che all’esterno della casa. “ … quel 29 agosto erano circa le 8.30 ho aperto gli occhi e ho visto la Madonnina che piangeva e così abbiamo chiamato il vicinato e se ne sono accorti tutti quanti …” diceva Antonina Iannuso. Il 1 settembre una Commissione di medici e di analisti, per incarico della Curia Arcivescovile di Siracusa, dopo aver prelevato il liquido che sgorgava dagli occhi del quadretto, lo sottopose ad analisi microscopica. Il responso della scienza fu: “lacrime umane”. L’Episcopato della Sicilia con la presidenza del card. Ernesto Ruffini emise il suo giudizio il 13 dicembre di quello stesso anno dichiarando autentica la Lacrimazione di Maria a Siracusa. “Per questo Sessantesimo alcuni artisti hanno voluto dedicare alla Madonnina una serata, uno spettacolo, un momento diverso che abbiamo chiamato il “Pianto in Arte” – ha detto don Luca ­-. Domenica sera alle 21.30 “Raggi d’argento. Ci sgucciuluvanu i lacrimi di l’occhi”, un recital con Carlo Muratori; martedì 27 agosto “Pianti diversi” una produzione della Kairos srl; ed infine venerdì 30 agosto “Il musical su Maria” produzione dell’associazione culturale “Metanoeite” di Caltanissetta”. “La serata pensata per il 60 anniversario della Lacrimazione di Maria ­– ha detto Piero Cavallaro della Kairòs - vuole affrontare il pianto nelle sue “diversità”… piantidiversi, diversi e di versi… pianti… tra Sacra Scrittura e filosofia. Un unico palco tra conversazioni, musica e recitazione. Cinque momenti scanditi da altrettante domande che Laura Salafia e Prospero Dente porranno al professore di filosofia Domenico Cacopardo, a mons. Giuseppe Greco e al magistrato Antonio Nicastro, sul significato del pianto nella filosofia, spiritualità e giustizia. Cinque intrusioni di Doriana La Fauci e Marinella Scognamiglio per scandire il ritmo degli interrogativi e delle riflessioni. Cinque brani dei Cantunovu come note di uno spartito da scrivere in una sera”. I festeggiamenti entreranno nel vivo da giovedì 29, con la Giornata della testimonianza e del volontariato alla sofferenza. La prima celebrazione alle ore 8.00, all'Oratorio di via degli Orti, presieduta dall'arcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo. Subito dopo in Santuario, momento di riflessione, testimonianze e preghiere con i testimoni oculari dell'evento prodigioso della lacrimazione del 1953. Il primo giorno sarà presente a Siracusa, S.E. Card. Dario Castrillon Hoyos, presidente emerito della Pontificia commissione "Ecclesia Dei" (Medellin, Colombia, America). Alle 21.30 “Pedalando nella storia con Maria” è il titolo della classica pedalata che rievoca il tragitto che Angelo Iannuso fece in bicicletta portando il quadretto sottobraccio. Ad interpretare Iannuso sarà Francesco Firullo della Associazione culturale Comica di Siracusa. Il 30 agosto, presiederà la solenne celebrazione S.E. card. Robert Sarah, Presidente del Pontificio Consiglio Cor Unum (Ourous, Guinea, Africa); il 31 agosto, S.E. mons. Savio Hon Tai-Fai, segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli (Hong Kong, Cina, Asia). Infine l'ultimo giorno, il 1 settembre, sarà a Siracusa, S.E. card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato di Sua Santità (Romano Canavese, To, Italia, Europa).


Catania Convegno itinerante su Archimede da Catania a Siracusa. Il presidente della Regione, Raffale Lombardo, il 19 marzo, apre la prima giornata dei lavori del convegno interprovinciale dal titolo "Noi e ... il grande Archimede" ospitato, a partire dalle ore 9, nella sala conferenza della sede di Catania della Regione in via Beato Bernardo 5, palazzo ex Esa. L'incontro è introdotto da Giuseppina Ignaccolo, vice presidente del Consorzio Universitario Archimede, ed è coordinato da Gioachinpaolo Tortorici, responsabile del progetto "Archimede". Sono programmate letture di testi tratti da "Il grande Archimede" di Mario Geymonat ed un incontro dibattito dal tema "Archimede eroe della scienza e genio universale" al quale partecipano ricercatori e docenti universitari. La seconda giornata dell'evento, martedì 20 marzo, inizia alle ore 9, a Siracusa, nell'auditorium dell'Istituto tecnico commerciale "F.Insolera"  via Modica 2. Con la due giorni, gli organizzatori vogliono contribuire a custodire la memoria e immortalare il pensiero geniale e creativo dello scienziato siracusano. Il convegno è organizzato dall'associazione "Fondazione Archimede" in collaborazione con il Lions Club "Eurialo" di Siracusa, il Cua di Siracusa, l'associazione Rete Scuole Sicilia e la Regione siciliana.


SiracusaBenedetta Mezzio è nuova responsabile patronato Inas Cisl di Siracusa succede a Luciano Calabrò posto in pensione. Il cambio alla giuda dell’importante ufficio servizi della Cisl, è stato ufficializzato di mattina alla presenza dei due coordinatori regionali, Marco Lategana ed Enrico Totò, e della coordinatrice regionale dei Servizi Cisl Sicilia, Ketty Gangemi. Il segretario generale della Ust Cisl, Paolo Sanzaro ha affermato : “Luciano Calabrò continuerà ad impegnarsi per la nostra organizzazione e lo ringraziamo per quanto fatto fino ad oggi. Un grande augurio a Benedetta Mezzio che va a ricoprire un ruolo delicato per la complessità e l’importanza che riveste il patronato, soprattutto in questo momento storico e di grandi cambiamenti per il mondo del lavoro.”


Palermo - Rosanna Catinella segretaria Regionale SIULP Sicilia. Il 7° congresso regionale del SIULP Sicilia, si è svolto a Mondello  Palermo venerdì 4 e sabato 5 novembre. L’appuntamento è stato preceduto da una tavola rotonda su temi legati alla legalità ed allo sviluppo del territorio, cui hanno partecipato, oltre al Segretario Generale Nazionale del SIULP, Felice Romano, autorevoli relatori istituzionali ed esponenti di spicco della politica regionale e nazionale. Al termine della fase congressuale sono stati rinnovati gli organi direttivi regionali. Rosanna Catinella,  già membro della Segretaria Provinciale del SIULP di Siracusa, è stata nominata Segretaria Regionale del SIULP Sicilia. Il prestigioso incarico che andrà a ricoprire Rosanna Catinella, in seno alla struttura del SIULP siciliano, è stato commentato con grande soddisfazione dal Segretario Provinciale del SIULP aretuseo, Mario Ferrini, il quale ha spiegato che tale nomina è un palese riconoscimento che il SIULP siciliano ha voluto tributare alla struttura siracusana per il buon lavoro svolto e per i traguardi raggiunti in questi ultimi anni di impegno sindacale.(Nella Foto da sinistra:  Vittorio Costantini, Renato Azzinnari segretario regionale generale e Rosanna Catinella) Il Segretario Generale Provinciale (Mario Ferrini)

nella foto  da sin. Failla, Mangiafico, S.E. Pappalardo, Vecchio e Savagnone

Siracusa - Informazione, etica e ruolo dei giornalisti cattolici  sono gli argomenti trattati nell’incontro regionale che l’Ucsi (Unione cattolica della stampa italiana), ha tenuto in occasione della festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, a Siracusa. Ai lavori hanno preso parte, il segretario provinciale dell’Assostampa di Siracusa, Francesco Di Parenti, mons. Pappalardo, il presidente regionale Ucsi, Giuseppe Vecchio (che ha concluso l’incontro), con i presidenti di Catania, Messina ed Enna, Rossella Jannello, Crisostomo Lo Presti e Renato Pinnisi, e numerosi altri dirigenti dell’associazione. La giornata, è stata organizzata con successo dal presidente Ucsi di Siracusa, Gianni Failla, e dagli altri dirigenti, tra cui il tesoriere regionale Salvo Di Salvo. Numerosi sono stati gli operatori della comunicazione che hanno partecipato all’incontro provenienti da diverse province dell’Isola. La giornata è iniziata in Cattedrale, con la concelebrazione della Santa Messa, presieduta dall'arcivescovo metropolita di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo. L’autorità ecclesiale, nell’omelia, ricordando il "santo - giornalista", ha sottolineato l'importante funzione che la comunicazione riveste al giorno d'oggi. Al termine della Santa Messa è stata letta la "preghiera del giornalista", composta da mons. Angelo Comastri, in cui si sottolinea proprio la delicata funzione dell’informazione e la grande responsabilità del giornalista, perché la notizia “ può costruire o distruggere, rendere felici o infelici”. Il convegno-dibattito su "La notizia e l'etica: il ruolo del giornalista", si è svolto nella sala del Consiglio provinciale di via Roma, relatore è stato il prof. Giuseppe Savagnone, editorialista di "Avvenire" e del "Giornale di Sicilia". Savagnone è stato preceduto da un intervento del presidente del Consiglio della provincia regionale di Siracusa, Michele Mangiafico, ed introdotto dal presidente provinciale Ucsi, Gianni Failla. “La notizia è un ritaglio infinitesimale della realtà e c'è un valore che oggi suona antiquato - afferma Savagnone - ma, senza il quale, la missione del giornalista non potrebbe essere tale: la mancanza del senso del pudore ovvero la capacità di vergognarci. Viviamo in una società italiana che non ha la capacità di custodire l'anima. Ma noi possiamo fare qualcosa? Il Vangelo non prevede mai che i giusti siano nella maggioranza: ricordiamo sempre che un pizzico di lievito può far lievitare la pasta”. I partecipanti all’incontro hanno saputo apprezzare e condividere le ansie, i timori del mondo giornalistico ma anche l’emozione di chi scrive a servizio della verità accostandosi alla fonte del Vangelo.


SiracusaApre  Casa Rifugio. Il progetto STOP: Sistema Territoriale Operazione Prevenzione contro la violenza sulle donne, è stato nella sede della Provincia regionale di Siracusa. Si tratta di un progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento per le Pari Opportunità che risale al bando emanato nel 2008 con un budget finanziario di 180.000€. La Provincia regionale di Siracusa e la Provincia regionale di Ragusa sono partner coofinanziatori con una quota di 5.000€ ciascuno. Al progetto aderiscono tre associazioni:  2 gruppi in provincia di Siracusa, il Centro Antiviolenza La Nereide di Adriana Prazio  e l’associazione Netum che ha sede a Noto e si occupa di prevenzione sul tema della violenza , 1gruppo a Ragusa: l’associazione Nuova Vita. L’Ente Capofila è il CE.SI.S. che realizza progetti per nuove strategie territoriali, il cui presidente è Faust Fiorini. La dott.ssa Antonella Fucile , responsabile dell’Ufficio Pari Opportunità della Provincia Regionale di Siracusa, ha affermato in occasione della presentazione del progetto:” si assegnano agli enti ed alle associazioni, dei ruoli  ben definiti ed  in questo caso, le due Province, devono fare sensibilizzazione del territorio riguardo alla tematica della violenza di genere. Devono investire molto nella comunicazione del fenomeno attraverso i media e poi devono dare servizi, devono fare rete, nel contempo le associazioni devono fare un’indagine sul territorio per verificare quali sono i tempi, le strutture, il dato fenomenico  legato appunto alla violenza. E’ una sorta di questionario ai vari enti ed associazioni che si occupano del problema. Quindi attraverso questa bozza di protocollo d’intesa sottopone ad ogni ente alcune tematiche per definire il ruolo che ognuno di loro può all’interno del progetto. Ciò serve al fine di mantenere un grado di consapevolezza molto elevato sulla tematica della violenza. Il progetto comprende anche delle azioni formative che si svilupperanno entro la prossima primavera per tutti gli operatori del servizio. Il progetto ha una durata di 18 mesi, avviato nel mese marzo  si concluderà il 27 agosto del 2010. Le organizzazioni si prefiggono quale obiettivo generale il potenziamento del sistema locale degli attori istituzionali e privati, coinvolti nella prevenzione, nel contrasto e nella tutela delle donne vittime di violenza sessuale e di genere. C’è particolare riguardo alle manifestazioni di violenza in ambito familiare”.  L’iter progettuale si articola in 4 fasi + 2 i trasversali, finalizzate al raggiungimento di obiettivi specifici e ben   articolati.  La fase 1 –  Associazione CESIS  capofila e le Province Regionali di Siracusa e Ragusa  fase trasversale di maestraeaming. Ricerca ed azione : finalizzata a delineare le effettive  dimensioni del fenomeno e le cause dello stesso ed individuare gli strumenti, le metodologie e le prassi utilizzate  attualmente dagli attori del territorio, che operano nel settore. Fase 2: costituzione della rete di supporto  finalizzata a costituire una Rete di attori territoriali appartenenti a varie culture organizzative e professionali. La Fase 3 “Progettazione partecipata” è  finalizzata a sviluppare con gli attori della Rete, attraverso laboratori di progettazione partecipata, strategie locali e strumenti metodologici ed operativi innovativi di prevenzione e contrasto del fenomeno e di tutela delle vittime.  La Fase 4: “Formazione ed aggiornamento operatori” è finalizzata ad aggiornare e riqualificare in ottica di lavoro di rete e con specifico riferimento alla realtà territoriale gli operatori impegnati nella prevenzione, contrast e tutela alle donne vittime di violenza. L’associazione La Nereide, Onlus di Adriana Prazio,  interverrà alla Fase 3  e 4 del progetto. In questi mesi è stato molto importante l’impegno dell’assessore Paola Consiglio e non soltanto per la diffusione del Progetto STOP ma  anche per la  riapertura della Casa Rifugio . Lunedì 1 dicembre  si è tenuto un presidio all’interno del consiglio provinciale: all’ordine del giorno era previsto il finanziamento per l’apertura della Casa. La maggioranza ha votato la proposta dell’assessore Paola Consiglio: di spostare all'interno del max emendamento la somma di 26.000€ dal capitolo per le politiche sociali, all'apertura della Casa. L'assessore nel ringraziare il consesso ha confermato:” La Casa rifugio sarà aperta a gennaio”.


Siracusa - Mons. Maurizio Aliotta nominato vicario generale dell'Arcidiocesi. L'Arcivescovo di Siracusa Mons. Salvatore Pappalardo   ha nominato Mons. Maurizio Aliotta, Vicario generale della Diocesi. Mons. Aliotta, docente allo Studio Teologico San Paolo di Catania e Direttore dell'Ufficio catechistico diocesano, inizierà ufficialmente il suo mandato il 9 aprile prossimo, Giovedì Santo. Nella lettera inviata alla comunità siracusana, mons. Pappalardo ha ringraziato "il Vicario Generale, Mons. Giuseppe Greco, ed i Vicari Episcopali in carica" che lo hanno collaborato "in questi primi mesi del mio servizio alla Diocesi: desidero, perciò, manifestare loro i miei sentimenti di sincera e viva gratitudine. Tuttavia, convinto della opportunità pastorale di una periodica alternanza in determinati uffici ecclesiastici, ritengo che, con il cambiamento del Vescovo alla guida della Diocesi, sia questo pure il momento propizio per dar luogo all'avvicendamento dei titolari di quegli uffici diocesani più strettamente collegati alle responsabilità di governo del nuovo Pastore. E' in questa logica che, superando quel disagio interiore che si accompagna all'assunzione di determinate decisioni, ho ritenuto mio preciso compito cominciare a fare quelle scelte che rispondono a questo progetto". Mons. Aliotta è stato segretario particolare dell'Arcivescovo Mons. Calogero Lauricella, Padre Spirituale al Seminario Arcivescovile, parroco nella chiesa di San Giovanni alle catacombe. E' attualmente Assistente Diocesano dell'Azione Cattolica. "Nel presentarlo alla Comunità diocesana - ha detto Mons. Pappalardo - desidero, innanzitutto, affidarlo alla vostra preghiera e alla vostra cordiale accoglienza. Egli è ben conosciuto per la sua preparazione culturale e teologica, per la sua formazione spirituale e umana, per la sua attiva partecipazione alla vita diocesana. Nel nuovo delicato incarico di primo collaboratore del Vescovo e di un servizio più impegnativo a favore della Comunità ecclesiale ha bisogno del conforto della nostra amicizia e del nostro sostegno morale e spirituale. Con l'inizio del ministero del Vicario Generale cessa il mandato degli altri Vicari in carica. Non prevedo, almeno per il momento, di nominare dei Vicari Episcopali per particolari settori della vita diocesana. Allo stesso Vicario Generale, poi, nella qualità di Moderatore di Curia, affido il compito del coordinamento dei vari uffici di Curia e delle iniziative e attività pastorali. Pongo questo mio primo significativo atto di governo sotto la protezione della Vergine Santissima, la nostra Madonnina delle Lacrime, affinché con la sua materna intercessione ottenga a me e a quanti chiamerò ancora a collaborarmi nei vari uffici diocesani la luce e le grazie necessarie per servire al meglio questa cara porzione del gregge di Cristo, che è la santa Chiesa di Siracusa". Intanto martedì 24 marzo, alle ore 18.00 di nella Chiesa Cattedrale di Siracusa, S. E. mons. Salvatore Pappalardo conferisce i ministeri del Lettorato e dell'Accolitato a cinque seminaristi della diocesi di Siracusa. Ricevono il ministero dell'Accolitato: Salvatore Savaglia della Parrocchia San Nicola, a Brucoli, Guido Scollo della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa; Andrea Zappulla della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime, a Siracusa. Ricevono il ministero del lettorato:   Stefano Cappello della parrocchia Sacra Famiglia, a Siracusa;  Camillo Messina della Parrocchia San Pietro al Carmine, a Siracusa.

Papa Benedetto XVI nomina Vescovi di Nicosia mons. Salvatore Muratore e di Noto mons. Antonio Staglianò Palermo - Il Papa Benedetto XVI  ha nominato stamani i Vescovi delle diocesi di Nicosia mons. Salvatore Muratore e di Noto mons. Antonio Staglianò . Il Rev.do mons. Salvatore Muratore,  è del clero dell’Arcidiocesi di Agrigento, è stato finora Vicario Generale della medesima Arcidiocesi.  Il Santo padre ha nominato Vescovo di Noto il Rev.do mons. Antonio Staglianò, del clero dell’Arcidiocesi di Crotone - Santa Severina, finora Direttore dell’Istituto Teologico Calabro. Le due sedi erano vacanti a seguito della nomina di mons. Salvatore Pappalardo ad Arcivescovo di Siracusa e della nomina di mons. Mariano Crociata, chiamato a svolgere il delicato incarico di Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. Il Rev.do mons. Salvatore Muratore è nato a Campobello di Licata, arcidiocesi e provincia di Agrigento, il 28 dicembre 1946. Ha compiuto gli studi ginnasiali presso il Seminario Minore di Favara, ha frequentato la filosofia e la teologia presso il Seminario Maggiore di Agrigento e di Messina, completando i suoi studi alla Pontificia Facoltà di Posillipo (Napoli). Nel 1976 ha conseguito la Laurea in Pedagogia presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Palermo. È stato ordinato Sacerdote il 17 maggio 1970 a Roma dal Servo di Dio Paolo VI. Negli anni del suo ministero presbiterale ad Agrigento ha svolto i seguenti incarichi: Vicario parrocchiale a Ravanusa e, in seguito, nella Parrocchia della Beata Vergine Maria di Fatima dal 1971 al 1978; Insegnante di Religione presso il Liceo Scientifico dal 1971 al 1999; Parroco ad Aragona dal 1979 al 1980; Parroco della Beata Vergine Maria del Carmelo dal 1980 al 1990; Vicario Foraneo e Vicario Episcopale per la Vita Consacrata e per la Ministerialità dei presbiteri dal 1990 al 1997. Dal 1998 è Vicario Generale e Membro del Collegio dei Consultori. È stato Insegnante di Pedagogia, Storia e Geografia nel Seminario diocesano di Agrigento. È autore di diverse pubblicazioni di carattere catechetico. Il Rev.do mons. Antonio Staglianò è nato a Isola Capo Rizzuto, arcidiocesi di Crotone-Santa Severina, il 14 giugno 1959. Ha frequentato i corsi ginnasiali nel Seminario Minore di Crotone, il liceo in quello di Reggio Calabria, la filosofia e la teologia nei Seminari di Saronno (1977-1979), di Venegono (1979-1982) e nel Pontificio Seminario Lombardo (1982-1986). Si è laureato in Teologia Fondamentale alla Pontificia Università Gregoriana (1986). Ha studiato teologia in Germania e si è laureato in filosofia presso l’Università Statale di Cosenza (1995). Ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 20 ottobre 1984, nella sua arcidiocesi di Crotone - Santa Severina. Ha svolto i seguenti incarichi a Crotone: Assistente diocesano della FUCI (1986), Vicario parrocchiale a San Dionigi (1986-1990); Vicario parrocchiale a Santa Rita (1990-1992); Assistente spirituale dell’Ordo Virginum (1991-1998); dal 1994 è Membro del Consiglio Presbiterale, Canonico della Cattedrale, Vicario Episcopale e Direttore dell’Ufficio Cultura. Dal 1999 è Parroco a Le Castella. È Direttore e Docente dell’Istituto Teologico Calabro. Insegna anche alla Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli e all’Istituto di Scienze Religiose di Crotone. Ha tenuto corsi di teologia all’Università Urbaniana ed all’Università Gregoriana. È stato nominato dal Santo Padre "auditor secretarii specialis" all’Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi dal 2 al 23 ottobre 2005. Dal 1997 è teologo consulente della CEI per il Progetto Culturale. È autore di diverse pubblicazioni di carattere teologico.

 

 

 

 
 


Siracusa  - Pellegrinaggio della Diocesi di Siracusa a Roma  dove Mons. Salvatore Pappalardo  ha ricevuto il "Pallio" sabato, 27 giugno.  Si è trattato di 4 giorni intensi. In particolare lunedì 29 giugno, mons. Pappalardo ha ricevuto dalle mani di Papa Benedetto XVI

 

il "Pallio", segno di particolare comunione tra la Chiesa di Roma e quella di Siracusa. L'evento è stato trasmesso in mondovisione dalla  CTV e  visibile dai canali Tv2000  e Telepace, in analogico su Videoregione, sul digitale satellitare (canali 801 e 802 di Sky). Della delegazione siracusana hanno fatto parte numerosi sacerdoti, diaconi e laici, una partecipazione anche del Comune di Siracusa, con il gonfalone della Città, guidata dal sindaco Roberto Visentin, il presidente del Consiglio Edy Bandiera e poi gli assessori del comune di Nicolosi, città natale dell'Arcivescovo. Presente un folto numero di agenti della Polizia di Stato con le loro famiglie guidati dal cappellano della Polizia, don Salvatore Arnone. Nel programma, la celebrazione della Santa Messa, presieduta da Mons. Pappalardo nella Basilica San Giovanni in Laterano; la partecipazione ai Vespri, presieduti dal Sommo Pontefice nella Basilica di S. Paolo fuori le mura per la chiusura dell'Anno Paolino. Il 29 giugno, dopo  aver ricevuto, a Piazza San Pietro, il "Pallio" dal Papa, l'Arcivescovo insieme con i sacerdoti ed i fedeli si è recato presso la Basilica di Santa Maria Maggiore per un momento di preghiera mariana. Il 30 giugno il pellegrinaggio ha fatto tappa presso il Santuario mariano di Pompei, dove Mons. Pappalardo ha celebrato l'Eucaristia nel 41° Anniversario della Sua Ordinazione Sacerdotale.


Palermo Regione  adotta piano paesaggistico per Siracusa e provincia. L'assessore regionale ai Beni culturali e all'Identità siciliana, Sebastiano Missineo, ha firmato il decreto con cui si dispone l'adozione del piano paesaggistico di Siracusa. "E' una data storica per Siracusa e i comuni della provincia - ha spiegato Missineo - che si doteranno di questo importante documento che mira a coniugare tutela e sviluppo del territorio. Nell'ultimo anno abbiamo impresso una forte accelerazione per definire questo indispensabile strumento che intende valorizzare il patrimonio culturale e che fa chiarezza anche sulle possibilità di intervento da parte delle categorie produttive. Siamo soddisfatti perchè la sua adozione, che era molto attesa, è arrivata al termine di una proficua concertazione, tra la nostra Soprintendenza, gli uffici dell'assessorato ai Beni culturali e i comuni che, tutti insieme, hanno lavorato per individuare le migliori caratteristiche del piano paesaggistico". L'assessore Missineo ha inoltre sottolineato che "il piano e' ancora migliorabile e in questo senso saranno fondamentali le osservazioni da parte dei soggetti interessati, che dovranno arrivare nei prossimi quattro mesi, per affinare il piano e renderlo completamente adeguato e rispondente alle esigenze del territorio".


Siracusa - Ordinati sacerdoti i diaconi don Luca Gallina della Chiesa Madre di Francofonte, e don Alessandro Genovese, della chiesa di Santa Maria della Consolazione di Belvedere lunedì, 25 gennaio, alle ore 18.30 nella Chiesa Cattedrale a Siracusa, nella giornata della Festa della conversione di San Paolo. Don Luca, 25 anni, attualmente presta il suo ministero nella chiesa della Madonna del Buon Consiglio in Santa Lucia ad Augusta. Il neo sacerdote celebrerà la sua prima messa martedì 26 gennaio, alle ore 18.30, proprio nella parrocchia del centro megarese. Don Alessandro, anche lui venticinquenne, presta il suo ministero nella parrocchia Sant'Angelo Custode di Priolo Gargallo e celebrerà la sua prima messa sabato 30 gennaio, alle 18.30, a Belvedere. Don Luca e don Alessandro ringraziano tutti i fedeli accanto a loro in questo momento che rappresenta un evento non personale, ma di tutta la chiesa siracusana.

Arcivescovo Mons. Pappalardo a Roma da Napolitano: invito a Siracusa - L'Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo  è stato nella Capitale a colloquio con il Presidente Napolitano. Si è trattato di una visita improntata in un clima di estrema cordialità  al Quirinale tra l’Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo ed il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Mons. Pappalardo  è stato accompagnato dal segretario don Aurelio Russo, ed ha parlato al Capo dello Stato dei problemi della realtà siracusana. Sono state sottolineate  anche le potenzialità e messe in evidenza le tante bellezze del territorio. L’Arcivescovo si è soffermato sulle difficoltà legate al mondo dell’industria, sulla disoccupazione  in costante aumento, sul precariato e sul disagio quotidiano vissuto da tanti giovani, ma anche sull’importanza del nucleo familiare capace ancora di dare sicurezza. Mons. Pappalardo ha invitato il Presidente della Repubblica a Siracusa per conoscere da vicino le bellezze del territorio ed i siracusani. Al termine dell’incontro, L’Arcivescovo ha regalato al Capo dello Stato alcuni libri di storia su Santa Lucia, sulla Madonna delle Lacrime, sulla città di Siracusa e sulla Chiesa siracusana.  Mons. Salvatore Pappalardo ha fatto omaggio anche di un quadro della Madonna delle Lacrime realizzato dalle Monache Carmelitane di Canicattini dipinto sul papiro.

Mons. Salvatore Pappalardo Arcivescovo Metropolita

Roma - Il Santo Padre Benedetto XVI  ha nominato monsignor Salvatore Pappalardo   quale Arcivescovo Metropolita di Siracusa. Il neo Vescovo ha svolto finora le sue funzioni vescovili a Nicosia. La nomina di monsignor Salvatore Pappalardo quale Arcivescovo Metropolita di Siracusa è stata ufficializzata  dalla Sala Stampa della Santa Sede. Il neo  “pastore” della provincia siracusana sostituisce nell'incarico monsignor Giuseppe Costanzo, di cui il Papa ha accettato la rinuncia al governo pastorale presentata in conformità al can. 401 § 1 del Codice di Diritto Canonico. “Vengo a voi, carissimi – ha scritto nel messaggio all’Arcidiocesi – in debolezza e con molto timore e trepidazione. Per questo, nell’attesa di iniziare il mio ministero pastorale tra voi, vi chiedo di pregare molto per me perché, fortificato dalla luce e dalla forza dello Spirito Santo Consolatore, sia per voi Pastore buono secondo il cuore di Cristo”. Monsignor Pappalardo è nato a Nicolosi, nell'Arcidiocesi e nella provincia di Catania, il 18 marzo 1945. Dopo gli studi nel Seminario arcivescovile di Catania, ha conseguito la Licenza in Teologia e il Dottorato in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense. Ordinato sacerdote il 30 giugno 1968, ha ricoperto nell'Arcidiocesi di appartenenza vari incarichi: cooperatore nella parrocchia cittadina di San Luigi; insegnante di religione nelle scuole statali; incaricato dell'Ufficio Catechistico diocesano; vice-rettore del Seminario; vice-cancelliere della Curia arcivescovile di Catania; parroco; cancelliere. Dal 1989 al 1998 è stato Vicario Generale di Catania. Eletto alla Chiesa di Nicosia il 5 febbraio 1998, ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 5 marzo dello stesso anno. È delegato per la liturgia nella Conferenza Episcopale Siciliana.

 

 

 

 

 

 

Mons. Mariano Crociata vescovo di Noto 

segretario generale della Cei 

Roma - Monsignor Mariano Crociata, vescovo di Noto, è il nuovo segretario generale della Conferenza episcopale italiana. Lo ha nominato, il Santo Padre Benedetto XVI  per il prossimo quinquennio 2008/2013. Mons. Crociata ha assunto il nuovo ufficio  dal 20 ottobre. Il neo-segretario generale, l’undicesimo da quando mons. Giovanni Urbani assunse per la prima volta nel 1952 la carica, prende il posto di mons. Giuseppe Betori, nominato Arcivescovo metropolita di Firenze.

Siracusa - Francesco Di Stefano  è il nuovo segretario generale della FIT Cisl Siracusa che succede a Gianluca Gentile. L’elezione, nel pomeriggio, al termine del Consiglio generale convocato alla presenza del segretario generale FIT Sicilia, Amedeo Benigno, del segretario generale della Ust, Paolo Sanzaro, e dei componenti la segreteria regionale, Dionisio Giordano e Franco Lobocchiano. A completare la nuova segreteria provinciale sono Giuseppe Mezzio, autoferrotranviere, Antonina Vicari, aeroportuale, e Angelo Campisi, ferroviere. “Molti sono i temi e le emergenze sul tappeto – ha sottolineato il neo segretario dopo l’insediamento – Naturalmente guardiamo con attenzione a quanto sta avvenendo nelle ferrovie, con il lento ed inesorabile piano di dismissione di Trenitalia, così come al rilancio delle portualità. Sono temi che mettono assieme sviluppo del territorio e difesa dell’occupazione; cercheremo in tutti i modi di difendere e sostenere entrambi, perché direttamente collegati tra loro”.