L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : info@informatoredisicilia.it - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI

  - Storia          

   - Farmacie   

  - Numeri utili

 FRANCOFONTE
 FLORIDIA
TAORMINA-G.NAXOS

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new

 

 

 

 

 

 

Carlentini - Vigilantes muore per sventare rapina in banca: esempio eroico. Benedetto Magro 64 anni fu ferito a morte il 27 gennaio 1983 e dopo 24 ore di agonia morì per i colpi di arma da fuoco subiti. La guardia giurata caduta sul posto di lavoro a maggio del 1983, 4 mesi dopo la fatidica rapina sarebbe stato collocato in pensione. Benedetto Magro era in servizio davanti la banca Agricola di Ragusa a Carlentini, quando alle 10.00 circa un commando di rapinatori stava per fare irruzione armi in pugno nella banca. I malandrini, a quei tempi per fare le rapine non usavano come accade spesso oggi, delle rami giocattolo imitazioni di quelle vere, ma vere e proprie pistole che potevano uccidere chi si poneva innanzi a loro. La mattina del 27 gennaio 1983 a morire dopo 24 ore di agonia fu Benedetto Magro, il cui omicidio rimase anche irrisolto poiché i malandrini riuscirono a farla franca. Nessuno o quasi, oggi nella piccola cittadina di Carlentini ricorda il gesto eroico di Benedetto Magro che lavorava per conto dell’Istituto di Vigilanza il Piave e che sacrificò la vita per l’onore della divisa che indossava. E’ rimasto solo il dolore dei famigliari della vittima : la moglie Concetta, la figlia Giovanna, il nipote Gianluca che abitava con lui oltre al figlio Salvatore ed altri nipoti che vivevano in diversa abitazione. Benedetto Magro riuscì ad impedire la rapina sia per l'orgoglio che per la professionalità oltre all'amore per il suo lavoro, ed oggi che sono trascorsi 31 anni sembra quasi che quell’episodio non sia quasi mai accaduto se non fosse per il dolere dei congiunti. Il sindaco di Carlentini Pippo Basso ha sempre mostrato di essere una persona sensibile ai messaggi sani che sono venuti dai suoi concittadini ed anche il sacrificio di Benedetto Magro non dovrebbe finire nel dimenticatoio. L’esempio della lealtà, del dovere verso gli impegni presi sia nel lavoro che sociali sono valori a cui il sindaco Pippo Basso fa sempre riferimento,  lunedì 27 gennaio 2014 è il giorno in cui il mondo ricorda l’Olocausto e le vittime del Nazismo celebrando la Giornata della Memoria, istituita nel 2005,   Carlentini potrà pensare di celebrare il suo valoroso concittadino: Benedetto Magro .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NECROLOGI

 

NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24


 CARLENTINI

Pino Puglisi il prete che fece tremare la mafia con un sorriso


Carlentini - Pino Puglisi il prete che fece tremare la mafia con un sorriso". Il libro è presentato venerdì 5 giugno 2015 alle ore 19,30,  presso la Chiesa Santa Tecla di Carlentini (Sr). Francesco Deliziosi, giornalista, capo redattore del Giornale di Sicilia, allievo ed amico  del sacerdote ucciso dalla mafia è l’autore di “Pino Puglisi il prete che fece tremare la mafia con un sorriso". Il libro, edito dalla Rizzoli con la prefazione di don Luigi Ciotti racconta la vita del primo martire della chiesa ucciso dai mafiosi. L’evento, è moderato dal giornalista  Salvatore Di Salvo,   presidente provinciale dell’Ucsi di Siracusa ed è organizzato dalla Parrocchia Santa Tecla di Carlentini, dall’Ucsi di Siracusa, dall’Ucsi Sicilia  e da Radio una Voce Vicina di Carlentini ed inserito nel programma per celebrare il  25° anniversario della fondazione della Parrocchia.  Don Luca Gallina, parroco della chiesa Santa Tecla e Michele Ruma, presidente dell’Associazione Radio Una Voce Vicina introducono precedendo l’intervento di don Paolo Buttiglieri, consulente ecclesiastico dell’Ucsi Sicilia. Francesco Deliziosi autori dello scritto partecipa alla presentazione, è stato  allievo di don Pino Puglisi,  ha collaborato col Postulatore della Causa, monsignor Vincenzo Bertolone, dalla sua nomina, nel 2010, fino al riconoscimento del martirio da parte della Chiesa. Il Postulatore gli ha anche chiesto una testimonianza extragiudiziale, allegata agli atti.


Carlentini Morte fulminea: palma schiaccia Patrizia Scalora 49enne. Il Comandante Interregionale dell’Italia Sud-Occidentale, Generale di Corpo  d’Armata Filippo Ritondale a funerale di Patrizia Scalora 49enne schiacciata dalla palma in piazza Cutelli a Catania. L’alto ufficiale per partecipare alle esequie di Patrizia Scalora  moglie del Maresciallo  Giovanni Cascone che ieri era tragicamente scomparsa nel pomeriggio si è recato a Carlentini.  La  chiesa del Cuore Immacolato di Maria e S.Anna era stracolma di conoscenti, amici, e parenti. È tragedia quella che ha colpito la famiglia di Patrizia Scalora. Il rito è stato celebrato dal vescovo di Siracusa Monsignor Salvatore Pappalardo erano presenti con i vertici della Guardia di Finanza, i  Prefetti di Siracusa e di Catania, gli appartenenti a diocesi delle due province, il sindaco di Carlentini Pippo Basso. La tragedia di Patrizia Scalora si era consumata in pochi minuti: il caffè al bar con la figlia Ludovica, la passeggiata in piazza Cutelli  a Catania, la sosta sulla panchina per due chiacchiere ed infine lo schianto mortale della palma. Ludovica è scampata per miracolo.


Carlentini - Pippo Basso a Carlentini. 4.573 con il 51,41%, è confermato sindaco. Nuccio Carnazzo 2155  pari al 24,23%, Mario Battaglia 1621  pari al 18,22%, Lo Castro 546  pari al 6,14%

 Il sindaco di Carlentini  Pippo Basso(intervista) plaude la scelta sull' Acqua pubblica in Sicilia decisa dalla giunta Crocetta. Si tratta di una direzione giusta per il primo cittadino che si è opposto fermamente alla privatizzazione della gestione delle acque pubbliche nel comune di Carlentini. Afferma testualmente Pippo Basso (intervista):” Con questo provvedimento di Governo si stabilisce che la gestione dell’importante bene dell’acqua deve essere pubblica e non privata. E’ la battaglia che il nostro comune ha condotto contro Sai 8 e certe persone che pensavano al business. Il Comune di Carlentini assieme ad altri della provincia si era opposto a questo tipo di gestione e ci stiamo difendendo in tutte le sede opportune. Non  ci faremo intimidire da una richiesta abnorme di risarcimento personale di 25 milioni di euro. Con il decreto del presidente Crocetta credo che si ponga fine ad ogni tipo di controversia. Non è era giusta la linea di  chi non paga e staccavano l’acqua . Insomma la gestione tra consorzi di comuni o dei singoli porterà certo ad una migliore operatività anche verso i cittadini”. Il sindaco Pippo Basso tracciando una breve linea del mandato svolto negli ultimi 5 anni si ritiene soddisfatto della strada intrapresa del risanamento ed al tempo stesso di miglioramento dell’attività di servizio nella gestione del Comune.


L'ULTIMO LEONE DI CARLENTINI

Carlentini - “Premio bagnato, Leone fortunato”. La manifestazione del  Premio culturale “Leone d’Argento”,  giunta alla XIX edizione,  si è svolta domenica sera in piazza Armando Diaz a Carlentini. Il sindaco Giuseppe Basso ,  ed i presidenti della Pro Loco Debora Tirrò ,  dell’Associazione “La Meta” Maurizio Di Salvo e della commissione giudicatrice Giuseppe Catana con  il loro saluto hanno aperto la manifestazione. Il premio “Leone d’Argento” è stato consegnato al cantautore 

  Aldo Lundari, al general manager  della Carbofer, una multi internazionale che distribuisce acciaio in tutto il mondo Piero Piccolo, all’imprenditore Salvatore Turco. Salvo La Rosa, ha aspettato che l’acquazzone terminasse per iniziare la cerimonia di consegna dei riconoscimenti “Leone d’Argento”,  destinato ai personaggi carlentinesi, del premio alla sicilianità “Francesco Favara Adorni” consegnato ai siciliani, del premio nazionale “Pippo Micalizio”, alla sua  seconda  edizione, consegnato agli appartenenti alle forze dell’ordine e al Riconoscimento “Città di Carlentini”, seconda edizione, offerto dall’amministrazione comunale.

 

I riconoscimenti sono stati consegnati alla presenza delle autorità politiche  civili e militari della provincia di Siracusa e della Regione alla presenza di un folto pubblico, che non ha voluto mancare al premio. Per la pioggia solo una modifica: non si sono esibiti  gli allievi della scuola di danza dell’associazione “Arte – danza” diretta da Marianna Morgano.  I premi alla sicilianità “Francesco Favara Adorni” sono stati consegnati: al manager Aldo Garozzo, presidente dell’Erg Raffinerie Mediterranee e presidente di Confindustria Siracusa, all’attore Marcello Perracchio ed al jazzista Francesco Cafiso.  Il premio nazionale “Pippo Micalizio”, giunto alla seconda edizione,  è stato assegnato al generale di Brigata Vincenzo Coppola, Comandante la Legione Carabinieri Sicilia.

  La designazione è arrivata dalla commissione giudicatrice presieduta dal prefetto di Siracusa, dottoressa Carmela Elda Floreno Vacirca composta dai vertici provinciali delle forze dell’ordine. Il Comandante Provinciale dell'Arma dei carabinieri Colonnello Massimo Mennitti , già nel corso dell'incontro alla Provincia a Siracusa, aveva avuto parole di compiacimento  all'annuncio che il Generale di Brigata dott. Vincenzo Coppola avrebbe ricevuto l'ambito premio. Il riconoscimento “Città di Carlentini” offerto dall’amministrazione comunale è stato assegnato al maresciallo aiutante Rocco Schirripa, comandante la Stazione Carabinieri di Carlentini.  Le targhe, consegnate a tutti i premiati,  sono state realizzate da Kèramos di  Orazio Costanzo, con sede a Carlentini.  Ai componenti del comitato d’onore è stato donato il pane di Tumminia prodotto dal panificio Parisi.  La consegna dei premi è stata intervallata da momenti di spettacolo con l’intervento di Enrico Guarneri “Litterio” e della cantante pugliese Dolcenera.  Il premio, promosso dall’associazione culturale “La Meta” di Carlentini, è stato organizzato dalla Pro Loco ed è stato  patrocinato: dal Comune di Carlentini, dalla Provincia, dall’Assemblea Regionale Siciliana, dalla Presidenza della Regione,  dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione, Dipartimento dei Beni Culturali, Ambientali e dell’Educazione permanente, dall’Assessorato Regionale al Turismo, Comunicazione e dei Trasporti, Dipartimento Turismo, Sport e Spettacolo, dalla Città di Lentini, dal Comune di Francofonte  e  sostenuto dall’Unpli – Sicilia e da diversi partners  privati, che hanno voluto  sostenere la manifestazione.

  Tutti gli amministratori comunali hanno fatto gli onori di casa  alle autorità presenti:   al prefetto di Siracusa Carmela Elda Floreno Vacirca, al Questore Domenico Percolla,  ai comandanti provinciali dei Carabinieri Massimo Mennitti e della Guardia di Finanza Cosimo Tripoli ,  al comandante US - NAS Sigonella  Thomas Quinn, Todd Battaglia,  al direttore Ncis e Joseph Micalizio della polizia  investigativa, ai deputati regionali  Vincenzo Vinciullo, all’europarlamentare Giovanni La Via, al presidente della provincia Nicola Bono, al Presidente aggiunto onorario della Suprema Corte di Cassazione Gabriele  Alicata, al giudice Umberto Puglisi.  Il sindaco  Giuseppe Basso sulla manifestazione ha detto: “Per la nostra Carlentini il premio è diventato un momento culturale della città, entrato a pieno titolo nella nostra storia”. Debora Tirrò presidente della Pro Loco ha aggiunto : “Un grazie va a tutti i soci che hanno lavorato in questi mesi ed alle istituzioni che hanno sostenuto il premio ed alle autorità che hanno aderito al comitato d’onore”. Maurizio Di Salvo  presidente de “La Meta”  ha detto : “Il premio, il dopo essere stato registrato all’ufficio Brevetti, diventa oggi un biglietto importante per la cultura del nostro territorio”.


Carlentinese festeggia 105 anni con figli nipoti ed amministratori comunali

nella foto da sinistra: il v.sindaco Nuccio Carnazzo, Bartolo Garotto ed il sindaco Pippo Basso

Carlentini 105 anni festeggiati con figli, nipoti, pronipoti ed amministratori comunali. Il traguardo di longevità è stato raggiunto dal carlentinese Bartolo Garrotto. I festeggiamenti per il 105 anni si sono svolti a Carlentini in via Duilio nei locali di Casa Belvedere, presenti il sindaco Giuseppe Basso, il vice sindaco Sebastiano Carnazzo, gli assessori Sebastiano Ventura e Paolo Fagone La Zita. Bartolo Bartolo è nato il 10 febbraio del 1904. Il longevo carlentinese è  padre di sette figli, nonno di 29 nipoti e 50 pronipoti che vivono a Carlentini, Lentini, Varese, Pietraperzia, Ragusa, Bologna, Catania, Bergamo ed Augusta. Il festeggiato, in ottima salute, ha voluto essere fotografato accanto al medico di famiglia: il vice sindaco Sebastiano Carnazzo ed il sindaco Giuseppe Basso . I parenti, del più longevo di Carlentini, Bartolo Garrotto, hanno preso parte con grande emozione alla festa, ben lieti nel vedere spegnere le 105 candeline. Adesso Bartolo Garrotto punta al compleanno 106 fissato per il prossimo 10 febbraio 2010. 


Notizie

Antonina Rocca donna imprenditore vuole valorizzare Santuzzi a Carlentini

Carlentini - Antonina Rocca donna imprenditore vuole valorizzare Santuzzi a Carlentini. La zona nord del comune carleontino è di espansione, un fiore all’occhiello anche per i cittadini lentinesi che vi abitano diventati di fatto carlentinesi. Le elezioni comunali e non solo, costituiscono un momento di riflessione sui problemi e sui miglioramenti di una vasta e ricca zona come Santuzzi. Per tal motivo Antonina Rocca vuole lanciare la sua sfida di Santuzzi ed ottenere risultati migliori e consoni ad un quartiere – città come Santuzzi che potrebbe trainare anche il centro di Carlentini di fa parte. Le dichiarazioni di Antonina Rocca  intervista ad imprenditore Antonina Rocca  sono  un grido di allarme  in un periodo di crisi sociale ed economica che pervade l’Italia ed avvolge tutti i comuni. Dice Antonina Rocca: “Carlentini può crescere, bisogna muoversi facendo i passi giusti e dare la fiducia a chi è in grado di creare sviluppo a tutti i livelli”.


Carlentini -  Il Presidente dell’Associazione culturale “La Meta” Maurizio Di Salvo  e della Pro Loco Debora Tirrò ringraziano le forze dell’ordine:  Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e  Polizia municipale per aver garantito domenica sera, in occasione del Premio culturale  “Leone d’Argento”, che si è svolto in piazza Diaz  la sicurezza agli illustri  ospiti, ai premiati e ai cittadini che hanno partecipato alla bellissima serata. “ “Vogliamo ringraziare i rappresentanti delle forze dell’ordine – affermano i due presidenti – per il lavoro svolto domenica sera e per l’attenzione che ogni anno viene data alla nostra città per lo svolgimento del Premio culturale. Un grazie all’amico Salvo La Rosa che con grande  professionalità ha condotto la serata, compromessa dalla pioggia. All’amico Salvatore Tolomeo per gli spettacoli inseriti nel contesto della manifestazione.    E’ stato un momento importante per tutta la nostra città. Un grazie al prefetto Dott.ssa  Carmela Elda Floreno Vacirca, ai rappresentanti provinciali delle forze dell’ordine: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e polizia municipale, al comandante NAS Sigonella  Thomas Quinn, ai rappresentanti della Marina e dell’Aeronautica,  ai deputati regionali della nostra provincia, in particolare all’onorevole Vincenzo Vinciullo, all’onorevole Mario Bonomo e all’onorevole Bruno Marziano, al Presidente dell’Assemblea Regionale siciliana, Francesco Cascio e all’assessore regionale  ai Beni culturali, Lino Leanza. Un grazie, per il sostegno economico elargito per poter realizzare la manifestazione al Sindaco di Carlentini Giuseppe Basso, all’amministrazione e al consiglio comunale, al presidente della Provincia Nicola Bono e al suo vice Enzo Reale, agli assessori e consiglieri provinciali, al presidente del Consiglio provinciale Michele Mangiafico, al consigliere provinciale Francesco Saggio, ai sindaci del comune di Lentini Alfio Mangiameli  e   Francofonte Giuseppe Castania,  ai partners Pizzarotti e Industria acqua siracusana e ai diciassette sponsor che hanno permesso di realizzare questa diciannovesima edizione del “Leone d’Argento. Un grazie, infine, a tutti i giornalisti  e agli organi di informazione e comunicazione   locale, provinciale e regionale per l’attenzione che hanno dato alla manifestazione in questi mesi”.


Danza: stage ballerina Ornella Cicero, esami e complimenti

Carlentini - Esami di danza a fine corso dell’accademico e stage con la prima ballerina dell’Arena di Verona e del teatro Massimo di Palermo Ornella Cicero. E’ stato notevole il successo ed i consensi per il centro danza “Etoile”.  Grande l’entusiasmo da parte dei genitori degli allievi, che hanno frequentato i corsi di danza classica del Centro Danza “Etoile” presso l’impianto lifenergy di Carlentini. I ballerini in eraba sono stati ammirati dai genitori che hanno visto i figli impegnati negli esami di fine corso accademico. Di interesse lo stage con la ballerina di fama nazionale Ornella Cicero.  La prima ballerina all’Arena di Verona e al teatro Massimo di Palermo, ha dato modo ai giovani di esprimersi indicando movimenti e cadenze. Ornella Cicero è rimasta quasi impressionata dalla bravura, durante le esibizioni dei piccoli allievi. La ballerina si è  sinceramente complimentata con l’insegnante Stefania Lo Presti per la tecnica e la disciplina espressa dai giovani talenti.


Carlentini Un volto fresco per la Pro loco di Carlentini con la nuova presidente Debora Tirrò . Amedeo Seguenzia, dopo 12 anni di guida, dell’associazione ha ceduto il passo. Il Consiglio di Amministrazione dell’associazione ha accettato le dimissioni motivate da questioni personali e professionali. Nel corso della stessa riunione del Consiglio di Amministrazione, la Presidenza è stata affidata a Debora Tirrò,   che all’intero ricopriva la carica di vice presidente. Il consiglio direttivo ha eletto vice presidente Rosario Mangiameli,  Aldo Carnazzo è confermato tesoriere e Rosario Di Carlentini e Amedeo Seguenzia, consiglieri.  La rotazione all’interno del consiglio di amministrazione è stata  ratificata dall’assemblea dei soci che si è svolta mercoledì sera, 18 febbraio, nella  sede dell’associazione in piazza Diaz. All’assemblea ha partecipato l’assessore al Turismo del Comune Sebastiano Ventura, che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale.  Il neo Presidente Debora Tirrò dovrà interagire con le istituzioni locali: il Comune di Carlentini, l’amministrazione provinciale e regionale.  Un incontro è stato al sindaco Giuseppe Basso, agli assessori Sebastiano Ventura e Michele Ruma  per annunciare e programmare  le attività che la Pro Loco di Carlentini proporrà   nel 2009. Tra gli obiettivi la valorizzazione del territorio, l’avvio di una serie di progetti con le scuole di ogni ordine e grado e con le Facoltà universitarie. Tra i progetti con gl’istituti dovrebbe essere confermato il “Progetto scuola”. La Pro Loco intende riavviare l’iniziativa “Identità & Luoghi”, gli stage formativi con gli studenti universitari. Con l’associazione culturale “La Meta” è organizzata  la 19a edizione del premio culturale “Leone d’Argento”.


AUGURI A