L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

©  REGIONE
©  CATANIA

 - Farmacie

 - Numeri utili

©  PALERMO

©  MESSINA
©  SIRACUSA
©  ACIREALE
©  LENTINI
©  CARLENTINI
©  FRANCOFONTE
©  FLORIDIA

RUBRICHE

Ain politica
©  SPORT
©  ANNUNCI
©  EVENTI
©  CONCORSI
©  SEGNALAZIONI
©  INTERNET
©  VOLONTARIATO
©  ZODIACO
©  RICETTE

CataniaIntitolata strada zona Rettorato a scrittore Sebastiano Addamo. L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Catania, ed ha avuto luogo lunedì 23 luglio, alle ore 10, nello Slargo dietro il Rettorato, nel cuore storico della città. L’intitolazione allo scrittore Sebastiano Addamo (Catania, 1924 – ivi, 2000) è il riconoscimento per l’attività dello scrittore catanese. Il sindaco avv. Raffaele Stancanelli ha scoperto la targa alla presenza di autorità, personalità della cultura e della moglie Grazia Cavallaro. Un riconoscimento alla poliedrica figura di narratore, poeta, saggista, autorevole collaboratore de “La Sicilia”. Capolavoro di Sebastiano Addamo il romanzo “Il giudizio della sera”, riedito di recente, a cura di Sarah Zappulla Muscarà, per i tipi di Bompiani, ambientato nella Catania sconvolta dalla drammaticità degli eventi bellici del secondo conflitto mondiale. Un romanzo di formazione, fortemente autobiografico, che percorre il tortuoso processo di crescita giovanile attraverso le traumatiche esperienze della sessualità e della guerra. Sono lieto, di essere stato alunno e successivamente amico, dello scrittore e preside Sebastiano Addamo, il quale mi avviò al giornalismo, fin dai tempi del Liceo, indirizzandomi con la sua massima disponibilità per redigere e stampare il mio primo giornale del Liceo di cui era il preside. i.l.p.

Catania - Il Consigliere provinciale, Alfio Barbagallo, che era stato eletto nel collegio di Trecastagni con il Movimento per l’Autonomia, si è dichiarato indipendente. Alfio Barbagallo si sarebbe ritrovato nel percorso politico vicino alle posizioni del presidente della Provincia regionale di Catania, on. Giuseppe Castiglione  del quale apprezza fortemente l’attività amministrativa.

 Catania - Salvo Ferlito  eletto presidente dell’Ance Sicilia, l’associazione regionale dei costruttori edili. Il presidente della Provincia regionale di Catania, Giuseppe Castiglione, esprime i suoi “più sinceri complimenti al neo eletto Salvo Ferlito”. “Si tratta di un importante e prestigioso riconoscimento – ha commentato Castiglione –  che premia la serietà e la competenza dell’imprenditore catanese. Al presidente Ferlito e al nuovo gruppo dirigente dell’Ance Sicilia auguro, pertanto, i miei migliori auguri di buon lavoro”.

Catania - Il sen. Enzo Oliva,  commissario regionale del Mpa, commentando le dichiarazioni del segretario regionale dell’Udc, on. Saverio Romano, ha espresso “Soddisfazione e apprezzamento per l’alto profilo e la concretezza di un ragionamento politico che merita un approfondito confronto .  Se si tratta – ha detto Oliva – di agire dell’interesse della Sicilia e dei siciliani, non ci tiriamo mai indietro. E l’intervento del Segretario dell’Udc merita la più grande attenzione”.

Catania  - Mpa:  sen. Oliva  “La Finanziaria è solo un punto di partenza. Sempre più Siciliani parlano con orgoglio di Autonomia”. Il commissario regionale del Mpa, il sen. Enzo Oliva, ha dichiarato che la Finanziaria della Regione, “con la sua carica rivoluzionaria per i cambiamenti risolutivi che introduce, è solo un punto di partenza, ma ha sollevato la coscienza dei Siciliani, che con sempre maggiore orgoglio parlano di Autonomia”. “Il fatto che il governo Lombardo – ha aggiunto il sen. Oliva – grazie ai tantissimi deputati che, nell’Assemblea regionale, non si ritengono ascari di Roma, sia riuscito a far approvare questa Finanziaria, ha galvanizzato i Siciliani onesti, dimostrando come, se soltanto si hanno coraggio e voglia di rimboccarsi le maniche, si possano ottenere grandi risultati e diventare padroni del proprio destino. Il nostro popolo, nonostante la grande stampa nazionale e certe trasmissioni televisive in cui parlano, chissà perché, sempre i padani e i romani, ma mai i siciliani, si è reso conto di non essere secondo a nessuno. E presto chiederà, con orgoglio, quanto gli spetta”.  “La nostra terra – ha detto ancora il commissario regionale del Mpa - ha grandi risorse, come il petrolio, che altre regioni italiane non posseggono. Abbiamo uno Statuto autonomistico che il governo nazionale non applica e potrebbe consentirci di prosperare. Eppure, su stampa e tv, cercano di farci fare la figura dei mendicanti. La finanziaria di Lombardo e quanto fatto nei settori Sanità e Rifiuti sono risposte a muso duro ai luoghi comuni bugiardi. Ecco perché i Siciliani sono orgogliosi del proprio governo e ci invitano a continuare sulla strada intrapresa”.

Catania  - Crocifisso a Teatro Bellini: fieri di essere cristiani.

Il Teatro Massimo Bellini espone un grande crocifisso sulla facciata. E’ questa la posizione del sovrintendente Antonio Fiumefreddo dopo la decisione della Corte Europea sui Diritti dell'Uomo di Strasburgo sulla negazione dei Crocifissi nelle aule scolastiche. La Corte di Strasburgo offende l'identità cristiana ed il grande crocifisso sulla facciata del Teatro Massimo Bellini è la risposta siciliana. Il sovrintendente Antonio Fiumefreddo è dell’opinione che “la decisione della Corte di Strasburgo offende la identità millenaria dei cristiani e ferisce la storia di tolleranza e libertà dell'Europa. Una società è autenticamente libera se a ciascuno è data la libertà di esprimersi mentre desolante ed illiberale è quella società in cui occorre nascondersi per legge”. L’enorme crocifisso, esposto sulla facciata del Teatro Massimo Bellini di Catania è il segnale chiaro che la Fede non s’intende nasconderla né toglierla dai muri ma piuttosto esserne fieri.

Bellini…..  Fiumefreddo: ”dimissioni” respinte da Lombardo

 Palermo - Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha respinto le dimissioni del Sovrintendente del Teatro Bellini di Catania, Antonio Fiumefreddo. “Comprendo e apprezzo - ha detto il presidente della Regione - la competenza dell’avvocato Fiumefreddo, e per questa ragione voglio impedire che venga interrotto il percorso di rilancio intrapreso, in analogia a quanto sta avvenendo in altre amministrazioni. Devo pertanto richiamarlo a rispettare l’impegno assunto di portare a termine il mandato assegnatogli. La Regione Siciliana – ha aggiunto Lombardo – ha bisogno che enti e istituzioni culturali si aprano sempre più alle comunità, per trasferire e diffondere quelle energie positive necessarie a creare appartenenza civica e migliori condizioni di benessere. Fiumefreddo è stato in tal senso precursore e artefice di una stagione significativa che mi auguro possa continuare in sinergia con il nuovo consiglio d’amministrazione”. “Perciò – ha concluso Lombardo – il governo regionale seguirà con maggior attenzione le vicende del Teatro, anche perché le incomprensioni insorte possano essere stabilmente superate”.

Santino Cantarella   Commissario IACP

 PALERMO – Santino Cantarella della Motorizzazione civile etnea è stato designato quale Commissario ad acta dell’ IACP di Catania.  La giunta regionale siciliana ha designato i commissari straordinari di alcuni Iacp siciliani : Giuseppe Palmeri (Palermo), Santino Cantarella (Catania), Antonino Messina (Siracusa), Maurizio De Luca (Trapani), Matteo Petralito (Agrigento) e Salvatore Minaldi (Acireale).  Il “sì” della giunta è arrivato anche per un provvedimento che consentirà all’assessorato regionale alla Famiglia di gestire circa 150 milioni di euro che fanno capo al Fondo Sociale Europeo 2007-2013 (FSE), Asse III-inclusione sociale.   “Con questo documento l’assessorato regionale per la Famiglia, le Politiche Sociali e le Autonomie locali   - spiega l’assessore regionale, Francesco Scoma - potrà gestire risorse europee per migliorare l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e per combattere ogni forma di discriminazione nel mercato del lavoro”.

Gristina, Vecchio, Fiumefreddo  e Montana: antiracket in piazza Teatro Massimo

CATANIA – L'arcivescovo di Catania Salvatore Gristina, l'imprenditore Andrea Vecchio, il sovrintendente del Teatro Antonio Fiumefreddo ed il presidente catanese di Libera Dario Montana hanno dato inizio alla Via Crucis antiracket in piazza Massimo Bellini. Molti erano con le fiaccole accese per lo spettacolo dedicato alle vittime della mafia. La rappresentazione, è stata curata dal regista Roberto Laganà Manoli. L'imprenditore Andrea Vecchio ha letto un brano del libro 'La scelta'. Allo spettacolo hanno assistito migliaia di persone che hanno “gustato” la musica di Haydn suonata dall'orchestra Nova Symphonia, diretta da Carmen Failla, con la recita di sedici attori sulla passerella-palcoscenico. Soltanto il dialetto marcatamente sicilianizzato della recita è stato gradito e compreso poco nella piazza gremita, ma è stata poca cosa rispetto al complesso spettacolare sapientemente organizzato. Ma… le parole….. ed il solo impegno delle forze dell’ordine e sociali non bastano contro la mafia.

Catania - La presentazione della III Edizione del Premio Internazionale Sebastiano Addamo, avrà luogo martedì 22 settembre, alle 11.30, alla Sala Conferenze (piano seminterrato) del Centro Direzionale Nuovaluce  in via Nuovaluce, 67a  a Tremestieri Etneo. Nel corso dell’incontro saranno resi noti i nomi dei premiati ed il programma.  Interverranno: Giuseppe Castiglione e Nello Catalano rispettivamente Presidente e Vice-presidente della Provincia, Giuseppe Savoca Ordinario di Letteratura Italiana Contemporanea, Sarah Zappulla Muscarà Ordinaria di Letteratura Italiana. Il Premio è promosso dall’Associazione Addamo con il patrocinio della Provincia Regionale di Catania. La cerimonia di consegna si terrà domenica 27 settembre, alle 18.30, presso il Centro “Le Ciminiere”  in viale Africa.

 

Siracusa Pippo Sorbello   sindaco di Melilli (Sr), replica al collega di Palermo Diego Cammarata ed Andrea Piraino, ha detto: “I due continuano questa farsa da commedia dell’arte tirando in ballo personaggi autorevoli come Chiamparino: non facciano gli ipocriti, sanno benissimo che già per lunedì prossimo Visentin ha convocato un consiglio per decidere la data l’Assemblea del congresso dell’Anci. Impedendo a Mario Alvano, legittimo segretario generale dell’Anci Sicilia di raggiungere il posto di lavoro, poi, Cammarata ha utilizzato a fini personali un servizio pubblico come la polizia municipale di Palermo, ed anche di questo dovrà rispondere. Quanto a Piraino, non ha alcun titolo per stare all’Anci, ed il riconoscimento di segretario non può certo darlo un presidente per caso come Cammarata, responsabile con Piraino di tutte le divisioni all’interno dell’Anci. Basta giochetti da feudatari, insomma, e torni la legalità nell’Associazione dei comuni siciliani, a meno che non si voglia correre il rischio di iniziative clamorose come la costituzione di un’altra associazione. Nei prossimi giorni – ha concluso il sindaco di Melilli – rappresenteremo a Chiamparino tutto ciò che questi due signori hanno combinato”.

 

 

 

 Sebastiano Addamo

 

 


NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24


 CATANIA

Presepe, canti e manifestazioni in memoria di Pippo Fava


Acitrezza Presepe, canti e manifestazioni in memoria di Pippo Fava. Tra tradizione, musica e iniziative culturali, l'associazione trezzota presenta il calendario delle attività sotto l'albero di Natale e per i primi giorni del 2015. L'associazione culturale Centro Studi Acitrezza per il Natale ha organizzato diversi eventi.  Il  programma è   tutto all'insegna della tradizione. Il  CSA ha posizionato, come accade da alcuni, un presepe in terracotta sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista in piazza Giovanni Verga. L’associazione rispettando le tradizioni come in passato, a partire dall'8 dicembre in occasione della festività dell'Immacolata Concezione ha avviato le manifestazioni di Natale. Il  presepe e lo zampognaro  che la mattina del 25 dicembre allieterà grandi e piccoli presenti per le strade e nelle piazze di Aci Trezza con i classici brani popolari del Natale sono gli elementi prettamente natalizi.  L'appuntamento di venerdì 2 gennaio 2015, alle ore 19.30, è con la "Festa di inizio anno" nel salone parrocchiale di Aci Trezza (Vico Oratorio). L'evento chiama a raccolta i soci dell'associazione e tutti i simpatizzanti per festeggiare il nuovo anno associativo con la classica tombola e l'animazione a cura del direttivo del CSA. La prima gita associativa dell'anno è domenica 4 gennaio poichè l’associazione ha programmato  una tappa a Palazzolo Acreide, città di Pippo Fava, giornalista ucciso dalla mafia.L'iniziativa “Tracce di memoria 1984- 2015” Palazzolo ricorda Giuseppe Fava, è proprio in questa occasione nel palazzo del Municipio a cura del Coordinamento Fava di Palazzolo, della Fondazione Fava, dell’associazione Antiracket di Palazzolo, del Comune di Palazzolo e dell’Assostampa Siracusa.La proiezione del docufilm “I ragazzi di Pippo Fava” ed a seguire il dibattito e la consegna del premio. Il periodo di iniziative natalizie si conclude in musica con il "Concerto di Capodanno" della "Galatea - L'Orchestra del CSA". L’appuntamento è per lunedì 5 gennaio 2015 alle ore 20.30  nel salone principale dell'Oratorio parrocchiale di Aci Trezza. Lo spettacolo con ingresso gratuito, sarà accompagnato da una fiera del dolce, il cui ricavato sarà in parte devoluto in beneficenza alla Parrocchia San Giovanni Battista per le spese di manutenzione dei locali parrocchiali. Antonio Castorina, Presidente del CSA, dichiara: “Anche quest'anno gli eventi natalizi che abbiamo organizzato sono in linea con le tradizioni siciliane: presepe, zampognaro ed una tombola ricca di prodotti siciliani come premi. Infine concludiamo offrendo un concerto della nostra orchestra Galatea, formata per lo più da giovani trezzoti per salutare l'arrivo del nuovo anno nel migliore dei modi”.


nella foto da sinistra: Valentina Bruno, Luca Pennisi, Gianfranco Privitera, Salvo Fiorito, Alberta De Guidi, Rosario Mignemi, Cristina Cancaro, Desirée Russo, Marcello Parisi

 

CataniaFiorito presidente ingegneri ed architetti Inarsind. Salvo Fiorito già vicepresidente uscente e attuale vicepresidente dell’Ordine degli Architetti della provincia di Catania è stato designato al vertice della struttura. Il nuovo direttivo è il seguente :  vicepresidente Marcello Parisi (ingegnere), segretario Alberta De Guidi (architetto), tesoriere Valentina Bruno(ingegnere), consiglieri: Cristina Cancaro, Luca Pennisi, Gianfranco Privitera (ingegneri) Rosario Mignemi, Desireé Russo (architetti). Per il Collegio dei Probiviri sono stati eletti Barbaro Ciatto, Mario Gangi (ingegneri) e Sebastian Carlo Greco (architetto), al Collegio dei Revisori dei Conti sono stati designati Luca Muscarà, Ezio Siciliano (architetti) e Alessandro Zanghì (ingegnere). L’agenda di priorità del nuovo Consiglio direttivo della sezione provinciale catanese di Inarsind - sindacato nazionale ingegneri e architetti liberi professionisti, rinnovato per il triennio 2014/2017:  è tutela delle professioni tecniche, analisi di nuove opportunità di lavoro, impiego più efficiente degli strumenti di previdenza. Il neo presidente Fiorito ha  affermato:”Il rinnovamento è il segno che contraddistingue la nuova squadra direttiva, composta da professionisti giovani ma già esperienti nell’azione sindacale a sostegno della libera professione degli architetti e degli ingegneri del nostro territorio, per la prima volta sarà un architetto a guidare la sezione catanese, raccogliendo l’eredità dell’impegno profuso dall’ing. Carmelo Russo alla presidenza, e dai colleghi che lo hanno supportato”. L’ing. Salvo Garofalo catanese, presidente nazionale di Inarsind ha espresso compiacimento per l’elezione di Salvo Fiorito. Il massimo rappresentante di categoria a livello nazionale ha il compito di dirigere in tutt’Italia il sindacato che affonda le sue radici nel 1950 quando fu istituito con il nome di S.N.I.L.P.I. - sindacato nazionale ingegneri liberi professionisti.


CataniaBianco presidente C.A. Bellini. La giunta regionale, presieduta da Rosario Crocetta ha designato Enzo Bianco, sindaco protempore della città di Catania quale presidente Consiglio di amministrazione dell'Ente lirico regionale Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania. Designati i componenti Filippo Cosentino, Maria Rosa De Luca, Giuseppe Calanna, Harald Massimo Bonura. Il  Consiglio di amministrazione dell'Ente lirico regionale Bellini è stato rinnovato per 4 anni


Palermo - Nello Musumeci è stato eletto presidente commissione regionale Antimafia insediatasi all'Ars. L'ex candidato alle scorse regionali è stato votato all'unanimità. La commissione Antimafia, dopo il presidente, ha eletto tre vicepresidenti: Toto Cordaro (Pid) è il vicepresidente vicario, Fabrizio Ferrandelli (Pd) e Gianluca Miccichè (Udc) sono gli altri due vicepresidenti. Il  segretario della commissione: è Salvino Caputo (Pdl).


CataniaLutto in casa di  Nello Musumeci  è morto il figlio Giuseppe, 30enne, secondogenito, era nella sua abitazione di Catania. La collaboratrice domestica della famiglia ha lanciato l'allarme quando non riuscendo a comunicare e non avendo  visto Giuseppe Musumeci ha provato a chiamarlo sul telefono cellulare, ed l’ha sentito suonare nel bagno. La  governante ha provato ad entrare, ma la porta era chiusa ed ha chiamato Nello Musumeci, il quale ha chiesto l'intervento dei carabinieri di piazza Dante. I  militari giunti nell'appartamento hanno forzato la porta, trovando il giovane solo per terra e la finestra del bagno chiusa. Nel bagno non sono stati trovati  farmaci o altre sostanze mediche. la Procura di Catania come atto dovuto, sull'episodio, ha aperto un'inchiesta conoscitiva. Domani sul corpo verrà eseguita l'autopsia. Il Presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta ha affermato : “Sono vicino all'On Musumeci ed alla sua famiglia in questo momento di dolore, mi associo al dolore della famiglia dell'On Nello Musumeci per la perdita del  figlio Giuseppe. Il sincero cordoglio da parte di tutto il Governo regionale”. Il  Senatore Vincenzo Gibiino del Popolo della Libertà ha  dichiarato: “Mi stringo all’amico Nello Musumeci per la drammatica scomparsa del figlio Giuseppe. La perdita di una giovane vita è sempre motivo di grande dolore per l’intera collettività”.


CataniaScuse sindaco Stancanelli per giornalista Guerrieri e cittadini. Al primo cittadino era stata chiesta ammenda su Fb anche dal segretario provinciale dell’Assostampa di Catania Daniele Lo Porto che ha scritto: ”La segreteria provinciale dell’Associazione siciliana della Stampa esprime la propria solidarietà alla giornalista della Rai Antonella Gurrieri, impegnata questa mattina in un servizio di cronaca vicino al Comune di Catania, dove ha subito una quanto meno inopportuna reazione verbale da parte del sindaco Raffaele Stancanelli, che voleva intervistare in merito alla protesta dei dipendenti di cooperative socio-assistenziali. Le tensioni sociali, particolarmente acute in città, il clima politico e le difficoltà amministrative non possono essere un alibi per mancare di rispetto, personalmente e professionalmente, a chi ogni giorno esercita in condizioni difficili il diritto di cronaca. Più che una totale smentita su quanto accaduto che è, invece, documentabile, riteniamo opportuno un gesto di pubbliche scuse da parte del sindaco di Catania che non può alimentare ulteriori tensioni e deve, per primo, manifestare senso di responsabilità”. In merito all'episodio che ha visto coinvolta la giornalista Antonella Guerrieri del Tg3 Sicilia, il sindaco Raffaele Stancanelli ha diffuso la seguente nota: “Sono sinceramente rammaricato per l'ampio risalto dato all'epilogo di una intervista rilasciata a una giornalista al Tg3 regionale, in cui viene evidenziata solo una mia reazione poco formale e non l'intero contenuto della stessa in cui avevo espresso le mie opinioni sulle domande poste.Chiunque vedesse integralmente l'intervista, infatti, avrebbe chiaro il motivo della mia non giustificabile ma sicuramente comprensibile reazione. Tuttavia sarà mia cura, in futuro, stare più attento nell'evitare il ripetersi di spiacevoli episodi come questo di cui comunque chiedo scusa ai miei concittadini”. In mattinata il sindaco aveva incontrato in piazza Università un gruppo di lavoratrici socio assistenziali che manifestavano contro i ritardi nei pagamenti. Alla collega ... ed amica di vecchia data, la  massima solidarietà e comprensione per l'accaduto, con l'auspicio che simili episodi non si ripetano.


Catania - Insediato nuovo esecutivo cittadino del PD. Il segretario cittadino del Partito Democratico etneo, Saro Condorelli, ha nominato i componenti dell’esecutivo comunale che lo affiancheranno nella conduzione del partito a Catania. Ogni componente dell’esecutivo ha affidato un incarico, una competenza specifica: Valentina Riolo, consigliere PD alla I Municipalità (Diritti di Cittadinanza e Pari opportunità),Sonia Messina, presidente comitato Librinoattivo (Periferie), Otello Marilli, assistente universitario (Organizzazione e Circoli del PD), Jacopo Torrisi, segretario Circolo universitario PD (Università - Cultura), Zina Bianca, dirigente scolastico (Istruzione - Giovani generazioni), Sergio Cosentino, avvocato (Welfare comunale - Politiche del Lavoro),Marcello Tringali, consigliere PD alla VII Municipalità (Decentramento), Ennio Costanzo, ingegnere (Ambiente - Politiche del Territorio),Giovanni D’Avola, consigliere comunale e medico (Politiche Socio-Sanitarie),Emiliano Luca, avvocato (Carta dei Valori - Sussidiarietà - Solidarietà),Alessandro Dainotti, rappresentante sindacale (Innovazione). All’esecutivo partecipano in qualità di invitati permanenti:Saro D’Agata,  capogruppo PD in Consiglio comunale, Livio Gigliuto, segretario Giovani PD. Sulle nomine Condorelli ha affermato: “Il nostro entusiasmo e la nostra esperienza al servizio del partito e dell’intera città”. L’organismo è una squadra composta da 11 elementi più due invitati permanenti. “E’ una squadra di primissimo ordine, composta da donne, da giovani e meno giovani, tutti di grande esperienza e professionalità - ha aggiunto Condorelli, che nel corso della prima riunione dell’esecutivo ha ringraziato ognuno dei componenti - per aver accettato questa sfida importante.  Sono sicuro  che ognuno di noi porterà il proprio entusiasmo e metterà a fattor comune la propria esperienza, impegnandosi ognuno in un settore specifico per dare un contributo al partito e all’intera città.Siamo una squadra composta da elementi diversi, ognuno con un proprio vissuto, ma una cosa è certa, condividiamo tutti  la stessa idea di partito: un partito in comunicazione con i cittadini e gli elettori, plurale, trasparente, aperto e capace di interpretare  le esigenze di cambiamento. Ci impegneremo per contribuire al miglioramento della qualità della vita nella nostra città e per garantire i diritti di cittadinanza in un contesto in cui, dopo dieci anni di amministrazioni di centrodestra, la povertà e l’emarginazione sociale sono cresciute mentre le giovani generazioni sono abbandonate al loro destino. L’esecutivo infatti lavorerà a partire da tre grandi temi. Attenzione ai contenuti della proposta politica del PD, maggiore presenza nel territorio e selezione di una nuova classe dirigente”.


Catania MPA provvedimento di espulsione per consigliere Francesca Giuffrida. Per le sistematiche assenze nel Consiglio comunale di Catania, il sen. Enzo Oliva   commissario regionale del Mpa, ha reso noto di aver formalizzato, su indicazione del capogruppo Salvo Di Salvo, un provvedimento di espulsione nei confronti di Francesca Giuffrida, consigliere comunale di Catania. "Alla base del provvedimento - ha spiegato Oliva - ci sono le sistematiche assenze in Consiglio anche in momenti decisivi, che hanno il sapore di condizionamento continuo per il perseguimento di obiettivi non certo di carattere generale, ma anche la mancata attività nel partito e la mancata contribuzione, prevista dallo Statuto".


Roma Gibiino:Chiarezza su Tirrenia e Siremar. “Lo sciopero deve essere scongiurato, subito un tavolo con i sindacati a Roma: il Governo deve fare chiarezza su Tirrenia e Siremar”. E’ questo il commento di Vincenzo Gibiino deputato PdL e componente della Commissione Ambiente e infrastrutture. Il parlamentare etneo è presentatore dell’Interrogazione ai Ministri Tremonti e Matteoli. Vincenzo Gibiino commenta: “lo sciopero deve essere scongiurato, subito un tavolo a Roma con i sindacati. Lo sciopero creerà enormi danni in termini economici e di disagio per i turisti. E' obbligo del Governo rasserenare i lavoratori, tutelare i posti di lavoro e trovare una soluzione al destino delle due compagnie di navigazione, mantenendo il collegamento con le Isole minori”. 


Catania - Mpa: Bronte, ricorso per presunte irregolarità in elezioni. Spanò: “Con riconteggio si potrebbe tornare alle urne per ballottaggio”. Il Mpa ha depositato nella cancelleria del Tribunale amministrativo regionale di Catania un ricorso riguardante le elezioni del 30 e 31 maggio scorso per l’elezione del sindaco di Bronte in cui, come ha sottolineato Nunzio Spanò, responsabile della campagna elettorale del candidato del Movimento, Aldo Catania, “si ipotizzano pesanti irregolarità nell’accesso al voto, nel voto stesso e nello scrutinio. Alla magistratura – ha spiegato Spanò – chiediamo di accertare se sia vero che in diverse sezioni i presidenti di seggio hanno consegnato ai votanti non le matite copiative fornite dalla Prefettura, bensì normali matite cancellabili. Altre gravi irregolarità sarebbero state commesse nell’ammissione al voto di cittadini appartenenti alla Comunità europea: esisterebbero 25 domande accettate, 13 irricevibili perché protocollate dopo il termine di scadenza del 20 aprile, e 12 addirittura prive di numero di protocollo, e ciò sarebbe incredibile visto che il Comune di Bronte è dotato di un protocollo informatico. Al Tar – ha aggiunto Spanò – abbiamo chiesto inoltre il riconteggio dei voti, che comprende anche la verificare dell’altissimo numero di schede annullate, quasi 500 a fronte di 46 schede bianche. Abbiamo ragione di ritenere che siano in gran parte voti sottratti ad Aldo Catania. Il senatore Pino Firrarello ha evitato il ballottaggio per soli 370 voti, e se nel riconteggio i numeri dovessero essere, come pensiamo, diversi, i brontesi dovrebbero tornare alle urne”.  Il coordinatore provinciale del Pdl, on. Enzo Gibiino ha dichiarato: "Sembra quasi surreale mettere in discussione la netta affermazione del senatore Pino Firrarello alle recenti elezioni comunali di Bronte, ma ben venga il ricorso depositato al Tar dal Movimento per l’autonomia, così i giudici potranno sancire, ancora una volta, ciò che hanno deciso gli elettori brontesi, nonostante le gravi pressioni che questi hanno subito dall’Mpa nel corso della campagna elettorale".


Catania  – Mpa: Raccolta per firme solidarietà a Lombardo. 500 punti di raccolta per le firme di solidarietà al presidente della Regione Raffaele Lombardo, da consegnare al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, rimarranno aperti nelle giornate di sabato e domenica prossimi nelle piazze di tutti i comuni della Sicilia. Il vicecommissario regionale Rino Piscitello spiega: “Si potrà firmare in tutti i comuni dell’Isola. L’iniziativa – ha aggiunto, il vicecommissario regionale del Mpa con delega all’Organizzazione– è nata da un’idea espressa da diverse personalità della società civile che hanno anche redatto il testo di una petizione che abbiamo deciso di sostenere con l’organizzazione del Movimento, in particolare dei giovani del Mpa. Il nostro obiettivo è quello di consentire che i cittadini siciliani possano esprimere la propria solidarietà al presidente Lombardo, colpito da un attacco politico-mediatico senza precedenti. Tutti i siciliani – ha aggiunto Piscitello – che, al di là delle convinzioni politiche, hanno compreso come questo stato di cose serva soltanto a ostacolare il processo riformatore e di forti cambiamenti avviato dal governo Lombardo, sono invitati a far sentire la propria voce”.


Catania - Nuccio Condorelli Capogruppo Pdl al Comune di Catania stigmatizza la scelta del sindaco Raffaele Stancanelli di modificare la Giunta: “Esprimiamo massimo apprezzamento per i risultati ottenuti dalla Giunta precedente – afferma Nuccio Condorelli - e siamo al fianco del Sindaco Stancanelli in questa decisione che la legge gli attribuisce. Il Pdl ha voluto fare un passo indietro dando piena fiducia al primo cittadino di scegliere autonomamente. Se la prima fase di questa Amministrazione ha superato l’emergenza ora bisogna contraddistinguersi per avviare una fase di rilancio. È importante però che si stia tutti uniti affinché si possa compiere quel passo determinante per lo sviluppo di Catania. Il gruppo del Pdl in Consiglio comunale non farà mai mancare il suo contributo all’azione amministrativa, avendo a cuore il risanamento e la crescita della nostra città”. I nomi degli assessori nominati, già circolavano da molto tempo negli ambienti politici eruditi di Catania. Il sindaco Raffaele Stancanelli li ha resi noti ed ufficiali: Luigi Arcidiacono, Ordinario di diritto costituzionale: delega all'Urbanistica; Francesco Cannizzo, consulente di direzione aziendale: delega alle Attività produttive; Rita Cinquegrana, docente di Storia dello spettacolo delega alle Politiche scolastiche e Turismo; Marella Ferrera, stilista: delega alla Cultura; Alberto Pasqua, ingegnere civile: delega alla Mobilità; Carlo Pennisi, docente di Sociologia; Maurizio Trainiti, ingegnere edile: delega ai Lavori pubblici; Claudio Torrisi, presidente dell'Ordine dei Chimici di Catania: delega all'Ecologia e Ambiente. Il sindaco Raffaele Stancanelli ha anche reso noto che nei prossimi giorni designerà "un altro professionista di alto livello che integrerà l'attuale composizione della giunta per ricoprire l'incarico di assessore al bilancio" e che nominerà consulente a titolo gratuito il generale della Guardia di Finanza già comandante provinciale a Siracusa ed in pensione Carmine Canonico, per il contrasto all'abusivismo e la sicurezza cittadina.


Catania - Mpa: Pippo Sorbello presidente Consulta enti locali, che formerà i Quadri. La Consulta regionale degli enti locali, presieduta da Pippo Sorbello   si è insediata oggi nella sede catanese del Mpa al termine dell’incontro dal titolo “Autonomia in movimento, verso il federalismo”. All’appuntamento  hanno preso parte più di 100 amministratori provenienti da tutta la Sicilia, senatori, deputati nazionali e regionali ed il sottosegretario Pippo Reina. “Questo – ha detto il presidente della Regione, l’on. Raffaele Lombardo, concludendo i lavori - è un momento molto importante per la vita del nostro partito che ha da qualche mese avviato una grande fase di riorganizzazione sul territorio. Siamo in tanti: più di un quarto dei comuni siciliani ha amministratori del Mpa. E quello di oggi è primo di una serie di incontri che porteranno a una sempre maggiore professionalizzazione dei nostri amministratori. La consulta nata oggi, poi, sarà lo strumento operativo attraverso cui gli amministratori del nostro partito potranno realizzare sinergie e collaborazioni, in linea col principio autonomistico”. Il senatore Enzo Oliva commissario regionale del Movimento ha affermato: "La Consulta composta da una rappresentanza di amministratori del nostro partito provenienti dall'intera Sicilia, avrà il compito di studiare tutte le problematiche inerenti la Funzione pubblica in relazione al federalismo fiscale, con il supporto degli esperti che metteremo loro a disposizione, e di trasferirli ai loro colleghi”. L'on. Carmelo Lo Monte, promotore dell'iniziativa ha affermato: "La formazione capillare dei quadri dirigenti rappresenta uno dei nostri obiettivi prioritari. Ecco perché l’incontro di oggi rappresenta l’inizio di un nuovo corso per il nostro partito: periodicamente organizzeremo infatti seminari per i nostri amministratori, in maniera che possano servire sempre meglio le loro comunità”. Il presidente della Consulta Pippo Corbello ha affermato: “Grazie al lavoro dei propri esperti il Mpa sta approntando schemi di delibere municipali, determine sindacali e altri documenti standardizzati che possano rappresentare il know how per far partire immediatamente certi processi. I primi format amministrativi sono già stati distribuiti nella riunione di oggi". A proposito della formazione, nel corso dell'incontro Francesco Bondì, capo del Dipartimento Funzione pubblica e Autonomie locali del Mpa, ha approfondito i temi della riforma delle autonomie, richiamando le norme contenute nella Costituzione e nelle leggi di attuazione e individuando le modifiche al sistema dei Comuni in relazione al tema del federalismo fiscale e i drastici cambiamenti che avverranno nella finanza locale. "I Comuni - ha detto Sorbello - se vogliono sopravvivere devono tendere all'autonomia finanziaria, valorizzando le risorse esistenti nel proprio territorio. Per farlo, a livello amministrativo, diventa dunque indispensabile istituire in ogni Comune l'assessorato all'Autonomia. Ma anche altro: attraverso una progettualità da noi messa a punto anche dal punto di vista amministrativo, i Comuni possono dotarsi di propri impianti fotovoltaici da una parte riducendo i costi della propria bolletta elettrica e dall'altra incassando il contributo del Gse (Gestore servizi energetici) che ripaga di gran lunga l'investimento”. A questo proposito l’Assessore regionale al Territorio, l’on. Roberto Di Mauro, ha sottolineato “L’importanza straordinaria del tema energia e dell’interlocuzione Comuni-Regione. Nella Finanziaria – ha aggiunto Roberto Di Mauro – il Governo sta inserendo un provvedimento che accelera le procedure e consente al Presidente della regione di emettere decreti finalizzati a rimuovere le numerose difficoltà amministrative per ottenere l’autorizzazione per realizzare impianti di energia, fotovoltaici e in genere”. Bondì ha spiegato inoltre che, con una società comunale al 100 %, “i cittadini, cedendo alla società comunale il contributo del Gse, possono ricevere gratis l'energia: la società si ripaga così l'investimento e incamera utili che può a sua volta investire per il Comune". L’on. Carmelo Lo Monte ha commentato: “Si tratta di una rivoluzione copernicana nel settore dell’energia: invece che colossali e terribilmente inquinanti centrali, ogni cittadino siciliano potrà produrre la sua piccola quota di energia”. Al termine dell'incontro è stato proposto, al fine di rendere visibile ed attuale il cambiamento anche tra la gente, di intitolare in ogni Comune siciliano una piazza all'Autonomia.


Catania - Mpa designa 3 vicecommissari in Sicilia: Lo Curto, Ballistreri e Piscitello. Il sen. Enzo Oliva, commissario regionale del Movimento per le Autonomie, ha reso noto di aver nominato i 3 vicecommissari regionali gli onorevoli: Eleonora Lo Curto , Maurizio Ballistreri  e Rino Piscitello.  “Si tratta – ha spiegato il sen. Oliva – di personalità di grandissimo rilievo, con una consolidata esperienza e una visione politica di largo respiro. Sono convinto che grazie al loro apporto potremo dare un ulteriore impulso per il rilancio del nostro movimento in Sicilia, che passa attraverso la diffusione dell’idea autonomistica e della conoscenza dello Statuto da parte del popolo siciliano”. “Ho aderito al Mpa alcuni anni or sono – ha detto Rino Piscitello - perché rappresenta la voglia di riscatto e di legalità dei siciliani. Con lo stesso spirito mi accingo oggi a svolgere l’importante ruolo che mi è stato assegnato. Ritengo necessaria la costruzione di un forte Partito del Sud e per costruirlo occorre partire da un Movimento per le Autonomie forte e ben organizzato. Soprattutto in un momento in cui, in tutti i modi, si cerca di ostacolare la straordinaria opera di rinnovamento in atto nella nostra Regione”. “Il Movimento per le autonomie – ha aggiunto Maurizio Ballistreri - deve fin da subito sviluppare una battaglia che sia prima di tutto culturale che, coinvolgendo i siciliani, porti alla completa attuazione dello Statuto speciale della nostra Regione, più antico della stessa Costituzione italiana e fino a questo momento in gran parte disatteso. Lo Statuto può essere lo strumento decisivo per il riscatto del popolo siciliano, nella prospettiva della creazione di un grande partito del Sud”. “Sono al fianco del Presidente Lombardo - ha sottolineato Eleonora Lo Curto - nel convincimento che un grande partito del sud sia indispensabile ad arginare la deriva autoritaria del bipartitismo, a porre al centro del dibattito politico nazionale la questione meridionale e a ridisegnare una nuova geografia economica e sociale, fondata su un inedito protagonismo del sud del Paese che, alla virtuale unità politica dell’Italia, contrapponga la vera unità fondata su pari condizioni di sviluppo, lavoro e qualità della vita dei cittadini.” Maurizio Ballistreri, è messinese, 49 anni, è sposato e padre di due figlie, docente universitario di Diritto del Lavoro nell’Università di Messina. Il neo vicecommissario è stato Deputato all’Ars nella quattordicesima Legislatura. Giornalista pubblicista ed autore di libri ed altre pubblicazioni,  è presidente del comitato scientifico dei “Quaderni dell’Autonomia” e consigliere di amministrazione della “Stretto di Messina” Spa, in rappresentanza della Regione siciliana. Eleonora Lo Curto, cinquantenne, palermitana di nascita e marsalese d’adozione, è sposata e madre di tre figli, è laureata in pedagogia ed è dirigente scolastico. E’ stata presidente del Consiglio comunale di Marsala, e poi deputata all’Ars dal 2001 al 2006. Nel 2005 ha costituito, con altri cinque deputati, il primo gruppo Mpa dell’Assemblea regionale. E’ stata anche vicepresidente della Provincia di Trapani e assessore alla Pubblica istruzione e ai servizi sociali.  Rino Piscitello, 49 anni, palermitano di nascita e siracusano d’adozione, è sposato ed padre di due figli. Impegnato fin da giovane sul fronte delle battaglie per la legalità, contro il crimine organizzato e per la difesa dei diritti e delle prerogative della Regione Siciliana è stato consigliere provinciale di Siracusa dal 1994 al 1996. E’ stato poi ripetutamente eletto alla Camera dei Deputati (nell’undicesima, tredicesima, quattordicesima e quindicesima legislatura) ed ha aderito al Mpa nel 2008.


Catania – L’Arcivescovo metropolita di Catania, monsignor Salvatore Gristina ha impartito la benedizione apostolica alla presentazione della nuova veste del bassorilievo settecentesco “Sant’Agata sanata da San Pietro” recentemente restaurato. L’opera si trova sul prospetto della chiesa di S. Agata al Carcere, che si affaccia sull’omonima piazza, sovrapposta alla finestrella quadrata della cella in cui Agata sarebbe stata segregata. La scultura raffigura uno degli episodi più ricorrenti nell’iconografia di sant’Agata: l’apparizione nel corso della quale san Pietro Apostolo, l’avrebbe guarita da tutte le ferite.  Alla cerimonia hanno preso parte il Sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli e  l’assessore regionale alla Famiglia, Politiche sociali e Lavoro, Lino Leanza (ascolta l'intervista)nella funzione di  assessore ai Beni culturali aveva promosso il progetto. Presenti anche il dirigente generale del dipartimento Beni culturali e ambientali e dell’Identità siciliana, Gesualdo Campo, ed il deputato regionale Giuseppe Arena. L’assessore regionale Lino Leanza  ha affermato : “Sono davvero felice perché la celerità degli interventi di restauro  ha consentito di far tornare a splendere il bassorilievo settecentesco in tempo per offrirlo alla città devota nel pieno delle celebrazioni agatine”. I lavori di recupero, finanziati  dall’assessorato ai Beni Culturali, sono costati circa 30 mila euro e durati quasi due mesi Il Sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli  ha commentato : “Grazie all’impegno delle istituzioni la città riacquista un’importante testimonianza della storia di S. Agata”. Primo impegno ufficiale per il neo direttore del dipartimento regionale dei beni culturali, Gesualdo Campo che da Soprintendente  di Catania aveva richiesto il finanziamento dell’intervento: “nel futuro museo di Catania, alla cui realizzazione stiamo già lavorando, una sezione sarà sicuramente riservata all’iconografia agatina”.  La mostra d’arte contemporanea “Agatarte Icona Magnifica” è stata presentata immediatamente dopo nella stessa chiesa di S’Agata al carcere.  L’iniziativa è giunta alla terza edizione con la regia dall’associazione culturale “Dietro le quinte”, dalla galleria “Arionte Arte contemporanea” e dall’onlus “Agata donna per le donne”.  50  artisti di rilievo anche internazionale hanno prestato gratuitamente la loro opera  interpretando quadri aventi il tema di “Agata”, donna, icona religiosa, martire, simbolo e patrona della città di Catania : Alberto Abate, Adalberto Abbate, Vichi Albeggiani, Daniele Alonge,  Arcangelo Guido Baragli, Paolo Baratella, Angelo Barone, Matteo Basile’, Alessandro Bazan , Giuseppe Bertolino, Marco Brandizzi, Rosario Bruno, Ciriaco Campus, Angela Carrubba Pintaldi, Arturo Casanova, Michele Ciacciofera, Rossella Cosentino, Michele Cossyro, Santolo De Luca, Cinzia De Luca, Fabrice De Nola, Alessandro Di Giugno, Andrea Di Marco, Giacomo Failla, Omar Galliani, Lillo Giuliana, Laboratorio Saccardi, Giovanni La Cognata, Alfonso Leto, Giovanni Iudice, Giovanni Lombardini, Gian Ruggero Manzoni, Giovanni Manfredini, Gian Marco Montesano, Gianfranco Notargiacomo, Alberto Parres, Luca Maria Patella, Rossella Pezzino De Geronimo, Luca Pignatelli, Franca Pisani, Franco Politano, Nicola Pucci, Salvatore Pulvirenti, Giovanni Rizzoli, Paola Romano, Stefania Romano, Cetty Scuto, Luca Spataro, Rene’ Vincon. L’esposizione sarà ospitata al Palazzo della cultura di Catania (ex convento san Placido)  ed il ricavato della vendita finanzierà  le visite senologiche e mammografie gratuite realizzate dall’associazione “Agata donna per le donne Onlus”.  Sara Pettinato presidente dell’onlus,  ha riassunto i traguardi raggiunti dall’iniziativa nelle passate edizioni:  “Siamo riusciti ad acquistare  un mammografo col quale  continueremo ogni anno un programma di screening e prevenzione del tumore al seno.  Siamo riusciti a realizzare diagnosi precoci di 6 casi su 245 donne ed il successivo anno di 4 casi di tumore al seno su 450 mammografie eseguite”. Profondo apprezzamento per la manifestazione è stato espresso  dall’assessore regionale Lino Leanza  secondo il quale “è assolutamente meritoria ed esemplare l’attività compiuta dall’associazione Agata donna per le donne ”, e  dal Sindaco Raffaele Stancanelli che ha sottolineato l’importanza di momenti di incontro tra arte, religione e cause sociali.  Sono intervenuti anche il vicepresidente della Provincia Regionale di Catania, e l’Assessore alle Politiche culturali Nello Catalano che ha ribadito l’importanza culturale e sociale di questo progetto. Il deputato regionale  Giuseppe Arena   ha commentato: “l’associazione é ormai un punto di riferimento insostituibile per le donne”. Il curatore dell’esposizione  Francesco Gallo ha aggiuto: “Agatarte Icona Magnifica è un importante evento di cultura e solidarietà con il quale facciamo incontrare arte e scienza in una città che è fucina di tanti successi ed eventi d’arte”. La mostra inaugurata il 3 febbraio alle ore 18.30 e sarà visitabile  dal pubblico fino al 15 febbraio dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00.


17^ edizione Premio Maugeri-Amenano d’Argento festa in grande

 

nella foto da sin. Daniele Lo Porto, Sebastiano Messina, Alessandro Barlesi e Flaminia Belfiore

Catania - Festeggiata in grande stile la 17^ edizione Premio Maugeri-Amenano d’Argento. La nuova e più ampia location, gli ospiti d’eccezione, l’impeccabile organizzazione di Patrizia Maugeri, la direzione artistica della Tolomeo Spettacoli, la conduzione di Flaminia Belfiore ed un pubblico entusiasta e numerosissimo sono stati il corollario inscindibile del risultato positivo. Il primo a salire sul palcoscenico del Teatro Abc è stato Sebastiano Messina, capo della redazione siciliana di “Repubblica”. I premiati sono stati designati dalla commissione composta da Daniele Lo Porto, capo ufficio stampa della Provincia e presidente onorario del premio, Pietro Maenza, vice capo redattore del TGR Sicilia, e Pinella Iannello, vedova del dott. Barlesi, che ogni anno si riunisce per conferire il premio speciale per il giornalismo “Barlesi-Amenano d’Argento”, intitolato alla memoria del compianto giornalista Tony Barlesi. Daniele Lo Porto, la signora Iannello ed il figlio Alessanro Barlesi hanno consegnato il riconoscimento.  Insieme in scena come sul set, la regista Roberta Torre e l’attrice Donatella Finocchiaro, impegnate nelle riprese del film ambientato a Librino “I baci mai dati”, premiate rispettivamente da Nello Catalano , vice presidente della Provincia Regionale di Catania, e dal deputato regionale Nino D’Asero. Riconoscimento anche per Domenico Trischitta, giornalista e scrittore, autore del romanzo “Una raggiante Catania” del quale è in preparazione il sequel. Premio per l’impegno giuridico e per l’importante contributo prestato alla lotta per la verità e la giustizia all’avvocato Giuseppe Lipera, consegnato dall’assessore comunale allo Sport Antonio Scalia. Per l’umorismo sagace e la capacità di rinnovare di volta in volta i propri personaggi senza mai snaturarli, la motivazione del premio a Toti e Totino, cabarettisti palermitani dalla verve irresistibile che prima di andar via hanno regalato al pubblico un siparietto comico applauditissimo. Spazio anche all’imprenditoria sul palco dell’Amenano d’Argento, il riconoscimento all’operosità, alla solerzia ed alla creatività della terra siciliana: è stato assegnato a Salvatore Torrisi, presidente e fondatore dell’Agroindustry Advanced Technologies S.p.A., creatore del marchio Oranfresh che produce e vende macchine spremiagrumi nel mondo. Il tutto è stato “condito” ed arricchito dalla musica del “Violinista in jeans” Antonio Macrì, dell’esoticità della danza orientale di Hunaida, dall’eleganza della passerella d’abiti da sposa di Vera Nicolosi, e dalla vulcanicità di Carlo Kaneba.  Il gran finale è stato con un’Anna Tatangelo in dolce attesa, che ha interpretato i celebri successi “Profumo di mamma”, “Essere una donna” e “Il mio amico”, a cui è stato consegnato dall’on. Salvo Pogliese il premio per la sicilianità acquisita, ha suggellato e reso indimenticabile la splendida serata.


nella foto il Gran “ballo delle debuttanti” e beneficenza

nella foto da sinistra: Sarah Zappulla Muscarà, Grazia Addamo Cavallaro, Nello Catalano, Rita Carbanaro

Catania - Mario Andreose e Salvatore Scalia sono i vincitori della III edizione del Premio Letterario Internazionale “Sebastiano Addamo”. Lo hanno reso noto, nel corso della conferenza-stampa al Centro Direzionale Nuovaluce di Tremestieri Etneo, l’assessore provinciale alla Cultura e vicepresidente Nello Catalano e Sarah Zappulla Muscarà (Università di Catania), presidente della giuria composta da Mercedes Arriaga Flores (Università di Siviglia), Alessandro Cannavò (Corriere della Sera), Franco Nicastro (pres. Ordine Regionale dei Giornalisti di Sicilia), Gianni Oliva (Università di Chieti) e Giuseppe Savoca (Università di Catania). Fra i presenti, anche Rita Carbonaro (direttore Biblioteche Civica e Ursino-Recupero-Catania), Grazia Addamo Cavallaro (pres. Associazione Sebastiano Addamo), Enzo Zappulla (Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano) e Cettina Muratore (pres. Circolo Athena). Mario Andreose è direttore letterario di RCS libri, Gruppo editoriale operante a livello internazionale e comprendente numerosi e autorevoli marchi italiani (fra gli altri Bompiani, Rizzoli, Fabbri, Sonzogno, Sansoni, La Nuova Italia, Marsilio, Bur). Unica nel panorama editoriale nazionale, la funzione-guida di Mario Andreose sovrintende e coordina il lavoro di svariati direttori letterari. Storico editor di Umberto Eco, raffinato traduttore e apprezzato critico del “Sole 24 ore”, ha da sempre avuto un rapporto privilegiato con la Sicilia, promovendo l’opera di Bufalino, Sciascia, Brancati, Patti. Salvatore Scalia è responsabile da oltre un ventennio delle pagine culturali del quotidiano “La Sicilia”, Salvatore Scalia è anche saggista, drammaturgo e romanziere. Fra le sue pubblicazioni: “Il vulcano e la sua anima” (Prova d’autore, 1990), “Il processo a Bixio” (Maimone, 1991), “Appunti” (Sciascia, 2004) “Trilogia del malessere” (la Cantinella, 2002) e “La punizione” (Marsilio, 2006), romanzo che segna l’esordio narrativo. Ricco l’albo dei riconoscimenti conferitigli: fra gli altri il “Martoglio” e il “Vittorini”. Ha appena visto la luce, per i tipi di Marsilio, il romanzo “Fuori gioco” (2009). La cerimonia di premiazione della III Edizione del Premio Letterario Internazionale “Sebastiano Addamo” avrà luogo domenica 28 settembre, alle 18.00, presso il Centro Fieristico “Le Ciminiere” di Catania al viale Africa. La manifestazione è promossa dall’Associazione Sebastiano Addamo con il patrocinio della Provincia Regionale di Catania. Gli intermezzi musicali saranno a cura di Riccardo Insolia, condurrà Carmelita Celi. Mario Andreose incontrerà lunedì 28 settembre 2009, alle 10.30, gli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania nel Refettorio piccolo delle Biblioteche Riunute Civica e Ursino Recupero in via Biblioteca 13 .


Notizie

SANT'AGATA

   

VITA E TRADIZIONE

Catania - Nino Milazzo Presidente  Teatro Stabile.  L’Assemblea dei Soci del Teatro Stabile di Catania si era riunita il 29 luglio 2013, negli uffici di via Museo Biscari per nominare i membri del nuovo consiglio di amministrazione e designare tra questi il presidente dell’ente. Per il Comune di Catania è intervenuto personalmente il sindaco Enzo Bianco, che ha così voluto dare segno di vicinanza e cura nei confronti dell'Ente. Il nuovo Cda risulta così composto: per il Comune il dott. Nino Milazzo, che assume la carica di presidente; per la Provincia la dott.ssa Celeste Costanzo; per l’Ente Teatro di Sicilia il dott. Raffaele Marcoccio; in via di definizione i membri che saranno nominati dalla Regione. Nativo di Biancavilla, Nino Milazzo ha iniziato l'attività di giornalista agli inizi degli anni Cinquanta a Catania ("Giornale dell'Isola", "L'Isola", "Espresso Sera", "La Sicilia"). Esperto di politica internazionale, approda a Milano al "Corriere della Sera", nella cui redazione arriverà a ricoprire l'incarico di vicedirettore. E' poi  vicedirettore vicario de "L'indipendente". Nel biennio 1987-1989 torna a Catania, chiamato dal direttore Mario Ciancio, come condirettore responsabile del quotidiano "La Sicilia". Ha collaborato con il "Sole 24 Ore" e "L’Europeo". Impegnato anche nel giornalismo televisivo, dal 2000 al 2006 è stato direttore dell'emittente siciliana "Telecolor" e per circa vent'anni ha collaborato ai programmi tv di Enzo Biagi. L’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano apprende con vivissimo compiacimento la notizia della nomina a Presidente del Teatro Stabile di Catania del dott. Nino Milazzo. La nomina di una personalità autorevole alla guida di una così prestigiosa istituzione culturale costituisce un segnale positivo, che ci si augura non isolato, per il futuro della nostra città. Al dott. Nino Milazzo le più vive congratulazioni e i migliori auguri di buon lavoro. Ufficio Stampa dell’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano.

Catania - Mpa: sen. Enzo Oliva  annuncia a Catania dal 24 al 26 settembre, Festa dell’Autonomia , il tema sarà “Libera Sicilia in libero Sud”. Il sen. Enzo Oliva, commissario regionale del Mpa, parlando anche a nome della deputazione del Movimento, ha infatti  reso noto che dal 24 al 26 settembre, nel centro fieristico Le Ciminiere di Catania, sarà celebrata la Festa dell’Autonomia, che avrà per titolo “Libera Sicilia in libero Sud”. “In questo tema generale – ha spiegato Oliva – andranno a confluire le tante problematiche che andremo ad affrontare in 3 giorni fitti di incontri e dibattiti con grandi personalità del mondo della politica nazionale, della cultura e della società civile in genere. Parleremo di Autonomia, ovviamente, ricordando le grandi figure del passato, affrontando i nodi culturali di un Sud massacrato dal cosiddetto Risorgimento e discutendo della stagione dell’Indipendentismo. Parleremo poi – ha aggiunto - di autonomia e istruzione, in una terra in cui un giovane ricercatore arriva a suicidarsi perché non vede un futuro, di autonomia e sanità, con una riforma regionale siciliana che può essere definita epocale, di autonomia e legalità, di autonomia e sviluppo, di autonomia e riforma federale, ma anche del rapporto tra regioni del Sud ed Europa. Ad aprire e chiudere i lavori – ha concluso il commissario del Mpa – sarà naturalmente il segretario federale del Movimento, il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo. E come in ogni festa che si rispetti ci saranno anche momenti di spettacolo. Anche in questo caso in chiave autonomista”.

Catania – Mpa: on. Commercio: “Campagna d’autunno per agricoltura siciliana, al lavoro per salvare le nostre imprese agroalimentari”. L’on. Roberto Commercio, deputato del Mpa alla Camera, ha reso noto che nei prossimi giorni partirà una “campagna d’autunno per l’agricoltura siciliana da noi promossa. Per dare seguito – ha detto Commercio – alle interrogazioni e alle iniziative prese prima della pausa estiva con gli altri deputati della Camera e in particolare con l’on.Angelo Lombardo, ci faremo ancora promotori con i Ministri delle Politiche Agricole, dell’Economia e del Lavoro affinché vengano adottate misure per contrastare il grave stato di crisi del comparto in Sicilia. Chiediamo in particolare – ha aggiunto il deputato del Mpa – la stabilizzazione triennale della riduzione degli oneri previdenziali a carico delle aziende e l’azzeramento delle accise per i carburanti per uso agricolo per tutte le tipologie aziendali della filiera agricola. Ma nei prossimi giorni abbiamo in programma in Sicilia una serie di incontri con i rappresentanti del comparto agricolo per mettere a punto una articolata strategia di sostegno da proporre al Governo nazionale per salvare le nostre imprese agroalimentari”.

Siracusa  – Pippo Sorbello,  sindaco di Melilli (Siracusa) e presidente della Consulta dei sindaci e dei presidenti di provincia del Mpa siciliano, ha messo in guardia il Governo Nazionale “Dai gravi problemi di ordine pubblico che potrebbero nascere se il previsto emendamento alla finanziaria non consentisse di salvare i 22.500 precari siciliani della pubblica amministrazione”. “Continuo a ricevere – ha detto il presidente della Consulta dei sindaci del Mpa, che sono più di cento in Sicilia – allarmatissime telefonate di amministratori di ogni parte dell’Isola perché senza questi precari, che lavorano nella Pubblica amministrazione ormai da decenni e spesso rappresentano la parte meglio formata della nostra burocrazia, gli enti pubblici rischiano la paralisi.  Ma ancor più grave - ha aggiunto Sorbello – è il fatto che, buttando sulla strada 22.500 padri di famiglia, si provocherebbe un autentico disastro occupazionale che, come teme la maggioranza dei sindaci, potrebbe sfociare  in problemi di ordine pubblico dettati dalla disperazione. E questo deve essere attentamente valutato anche da un governo che presta molta più attenzione al nord che non al sud”

ASCOLTA

  TUTTE  LE  INTERVISTE 

Catania Mpa per intimidazione a giornalista Licata, solidarietà sen. Oliva   commissario regionale: “La società civile si stringa attorno ad Angelo Augusto”. Il sen. Enzo Oliva, commissario regionale del Mpa, ha “espresso solidarietà a nome suo e del Movimento al giornalista professionista di Licata Angelo Augusto”, a cui ignoti, la notte scorsa, hanno distrutto l’automobile a scopo intimidatorio dopo una serie di servizi realizzati dal corrispondente del Giornale di Sicilia sulle operazioni antimafia condotte nella zona. “Siamo seriamente preoccupati – ha detto Oliva – per il vile gesto compiuto nei confronti di un rappresentante di quella stampa che è sempre di più, soprattutto in Sicilia, cane da guardia della democrazia. Auspichiamo che tutta la società civile si stringa attorno ad Angelo Augusto a difesa della libertà di stampa”.

 

Catania - Mpa: sen. Oliva, “Incontro Lombardo-Udc confronto sulle Riforme, non é prova d’intesa né progetto d’allargamento del governo”. Il sen. Enzo Oliva commissario regionale del Mpa, a proposito del dell’incontro tra esponenti dell’Udc ed il presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, ha detto: “Non si è parlato “né di intese, né di progetti d’allargamento della compagine governativa. Si è trattato invece – ha spiegato Oliva - di un confronto franco e leale sulle riforme più utili per il bene e l’interesse della Sicilia. E questo nel solco del percorso d’innovazione sui temi strategici dello sviluppo che è stato intrapreso in questi mesi dal governo Lombardo ed è condiviso da larga parte dell’Assemblea Regionale.  In Sicilia – ha concluso il commissario regionale del Mpa - non ci può essere alcun passo indietro sul processo riformatore. Semmai, c’è bisogno di un sostegno per rendere ancor più incisivo quello già avviato dalle forze politiche e sociali, che ne hanno compreso l’ineluttabilità per contrastare il degrado e il sottosviluppo della nostra Isola”.

 Catania – Mpa: on. Ballistreri : “Intitolare piazze e strade a data Autonomia”. Il vicecommissario regionale lancia il messaggio: “Ricordare il 15 maggio 1946, data di nascita dello Statuto”. L’on. Maurizio Ballistreri, nella qualità di vicecommissario regionale del Mpa, ha proposto di rilanciare i valori autonomistici, “intitolando, in tutti i Comuni siciliani, una piazza o una via al 15 maggio 1946, data dell’approvazione dello Statuto speciale”. Per l’esponente autonomista “in questo modo si concorrerebbe a superare la visione agiografica del Risorgimento, in vista dell’imminente celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, segnati dall’annessione della Sicilia ai Savoia, vivificando il patto costituzionale tra la nostra Regione e lo Stato nazionale, sotteso allo Statuto speciale del 1946, sulla base della formula Due Nazioni uno Stato”.

Catania - 4 consiglieri comunali danno vita a Pdl Sicilia, in consiglio gruppo Pdl-Sicilia. Nato il gruppo  Pdl- Sicilia al Consiglio Comunale di Catania. A dare vita al nuovo soggetto politico i consiglieri  Puccio La Rosa, Alessandro Messina, Alessandro Corradi, Vincenzo Castelli. L’iniziativa che si propone nasce dalla considerazione che occorre rilanciare il progetto del Pdl- scrivono i consiglieri aderenti il gruppo-  legandolo maggiormente ai bisogni del territorio e alla necessità di definire organismi di rappresentanza nel partito che tengano conto delle diverse sensibilità e espressioni culturali presenti. Il nostro obiettivo è quello di promuovere la politica  della chiarezza e della  concretezza  rispondendo, così, ai bisogni di Catania e dei suoi cittadini,  ad iniziare da quelli più disagiati”. “In questo senso- proseguono i consiglieri-  intendiamo aprire con l’amministrazione comunale un confronto serio e costruttivo su programmi e strategie da adottare per una seconda fase della gestione della città, e che con efficacia , affrontata e superata la fase della difficoltà finanziaria, aggredisca i problemi strutturali e sociali che ancora affliggono la nostra comunità”. Una elaborazione politica e culturale che declina un’idea della Città in grado di assicurare impegno ed innovazione nell’azione amministrativa. Il Gruppo Pdl Sicilia  in consiglio comunale nasce anche con riferimento all’esperienza promossa in sede regionale nell’on. Nino Strano Ass. Reg. al Turismo, nell’on.Cristaudo, nell’on.Nicotra e nell’on.Scammacca.

Catania  - “Un goal per lasolidarietà”, presentazione al Palacannizzaro “Rosario Livatino” di Acicastello del  quadrangolare di beneficenza giunto alla sesta edizione. La manifestazione “Un Goal per la solidarietà”, quadrangolare di beneficenza si svolgerà mercoledi 21 aprile prossimo, alle ore 11.00, allo stadio “Angelo Massimino” di Catania. Le squadre invitate a partecipare sono: la nazionale Artisti TV e Stelle dello Sport, le All Stars siciliane, la nazionale giornalisti e la “Indizio Fatale” team. Prendono parte alla conferenza : l’assessore provinciale allo Sport, all’Edilizia sportiva ed ai rapporti istituzionali con la Base U.S.A. di Sigonella, dott. Daniele Capuana , l’assessore allo Sport del Comune di Catania, dott. Antonio Scalia, il provveditore agli studi di Catania, dott. Raffaele Zanoli, il presidente di “Italia Eventi” ed organizzatore della manifestazione, Luca Napoli, la madrina dell’evento, la soubrette Rosaria Cannavò, insieme al presentatore televisivo Ruggero Sardo ed ai cabarettisti Gino Astorina e David Simone Vinci.

PalermoProgramma operativo di cooperazione transfrontaliera Italia – Malta 2007/13, presentato lunedì, 25 gennaio 2010  alle 9.30, nell’auditorium “Giancarlo De Carlo” della facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Catania, nel monastero dei Benedettini, in piazza Dante n. 34, a Catania. La Regione siciliana è Autorità di gestione unica del Programma. Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo presente all’apertura dei lavori. Il rettore dell’Università di Catania, Antonino Recca, il preside della facoltà di Lettere, Enrico Iacchello, Stephen Calleja, dell’ufficio del Primo ministro della Repubblica di Malta, ed il dirigente generale del dipartimento regionale della Programmazione, Felice Bonanno sono in elenco per interventi.  Il Programma ha una dotazione finanziaria di 35 milioni€. Il progetto è stato elaborato per rafforzare la competitività dell’area transfrontaliera, attraverso l’attuazione di attività volte ad incentivare la ricerca e l’innovazione per uno sviluppo sostenibile. La Regione,  lunedì, nel corso dei lavori, insieme con l’Autorità nazionale di coordinamento maltese, illustrerà il primo bando, di 15 milioni€ per la presentazione dei progetti a valere degli assi I : Competitività,  innovazione e ricerca, sviluppo sostenibile  e II  Ambiente, energia e prevenzione dei rischi.

 

 

 

Teatro Bellini con Zappulla nomine C.D.A completate  ora si programma

Catania  - Con la nomina di Vincenzo Zappulla, in rappresentanza della Provincia regionale di Catania, il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, ha completato l’organico del consiglio di amministrazione del Teatro ‘Vincenzo Bellini’ di Catania. Del nuovo cda fanno parte il sindaco della città, Raffaele Stancanelli, che lo presiede secondo quanto prevede lo statuto dello stesso Teatro,  Rita Cinquegrana e Salvatore Gelardi in rappresentanza della Regione e Cosimo Fichera che rappresenta i lavoratori. A questi si aggiunge il Sovrintendente del Teatro, Antonio Fiumefreddo componente di diritto.  Il Teatro Massimo Bellini con l'artistica e spettacolare illuminazione natalizia che resterà accesa per tutte le feste di fine anno abbellisce  il centro storico  E' stato il sovrintendente Antonio Fiumefreddo a dare il via all'accensione delle migliaia di piccole luci che ricoprono interamente la parte superiore della facciata del teatro. L’illuminazione è il modo con cui il "Bellini" vuole portare catanesi e turisti in piena atmosfera natalizia. La luce sulla facciata vuole essere, infatti, anche un segnale di speranza e di augurio per la Città.

Catania - Il maestro tedesco Will Humburg   è stato designato all’unanimità dal consiglio di amministrazione quale direttore artistico del Teatro Massimo Bellini di Catania. Il CdA dell’Ente che ha anche nominato il nuovo direttore degli allestimenti scenici: il maestro Riccardo Sturniolo. Will Humburg, è nato ad Amburgo, è un direttore d’orchestra noto in Europa ed ha già ricoperto il ruolo di direttore artistico del Teatro e dell’orchestra sinfonica di Munster.  Will Humburg ha iniziato i suoi studi ad Amburgo sotto la guida di Horst Stein e Christoph von Dohnányi. È stato ospite del Teatro Aalto di Essen, dei teatri lirici di Torino, Lisbona, Roma, Verona e Genova, delle Orchestre radiofoniche di Napoli e Roma, dell’Orchestra Sinfonica di Bochum, al Festival „Settembre Musica“ di Torino, dell’Orchestra Arturo Toscanini a Parma e dell’Orchestra della Toscana a Firenze. Come direttore artistico e musicale del festival di musica contemporanea „Laboratorio Lirico“ di Alessandria (Piemonte) ha diretto una serie di prime mondiali e nazionali di compositori come Wolfgang Rihm, Siegfried Matthus, Peter Maxwell Davies, Ludovico Einaudi e Azio Corghi.