L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI

- Storia

- Museo

- Farmacie

- Numeri utili

   CARLENTINI

 FRANCOFONTE

TAORMINA-G.NAXOS

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new
 

 

Ivan Grancagnolo: intitolare via a  Mons. Castro

“Sono trascorsi cinque anni da quella mattina del 12 febbraio 2003 quando il   Mons. Castro  affidò  la sua bella anima a Dio.” Con queste parole il Presidente della sezione Autieri d’Italia e Commissario dell’Istituto del Nastro Azzurro rag. Ivan Grancagnolo ha voluto esprimere il ricordo e l’insegnamento morale lasciato da Mons. Sebastiano Castro  che rimane immutato nel trascorrere degli anni. “Mons. Sebastiano Castro una parte di storia contemporanea della Città di Lentini – aggiunge  Ivan Grancagnolo la sua Città, la quale dovrebbe tributare e concretizzare un riconoscimento duraturo intitolandogli una via o una piazza, perché aspettare altri anni? se si riconoscono le virtù umane e morali? ci auspichiamo che l’amministrazione comunale abbia pensato di fare questa intitolazione”. Per la ricorrenza, a Lentini,  saranno  celebrate Sante Messe in suffragio, sia nella Chiesa Madre, che nella chiesa dell’Immacolata che e a S. Antonio di Padova.

Palermo - Consegnate le “Stelle al Merito del Lavoro”, conferite dal Presidente della Repubblica ai lavoratori benemeriti delle province della Sicilia. La cerimonia si è tenuta presso il Teatro Politeama Garibaldi di Palermo, alla presenza di S.E. il Prefetto di Palermo e dei Prefetti delle province Siciliane. Alla cerimonia di consegna sono stati presenti alte cariche civili e militari. Ha aperto la manifestazione il Presidente Regionale dei Maestri del Lavoro e dei Consoli provinciali.  La finalità di questo riconoscimento è “premiare singoli meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale dei lavoratori dipendenti da imprese pubbliche o private”.Il grado che viene conferito ai premiati è di   “ Maestro del Lavoro”. La decorazione della "Stella al merito del lavoro", fu istituita con il regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3167, ed il  conferimento avviene per Decreto del Presidente della Repubblica, ogni 1° maggio. Giuseppe Grancagnolo, Alfio Castro, Sebastiano Breci,  Gran.Uff. Gaetano Saponara, Dott. Raffaele Carrara). La proposta di premiazione è del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale di concerto con il Ministro degli Affari Esteri per i lavoratori italiani all'estero. Le insegne ai Maestri del Lavoro del Lazio e dell'Umbria sono consegnate dal Capo dello Stato nel corso di una cerimonia al Quirinale. Nelle altre regioni, la cerimonia si svolge in Prefettura. Tra gli insigniti della provincia di Siracusa sono stati decorati Maestri del Lavoro: Santo Basile (Augusta), Paolo Bellino (Priolo) Cesario Blancato (Augusta), Sebastiano Breci (Priolo), Alfio Castro (Lentini) Giuseppe Grancagnolo (Lentini), Antonello Gaetano Lo Presti (Augusta) Francesco Peluso (Augusta), Salvatore Scamporrino (Augusta), Emanuele Serra (Augusta).

 
 

 

 

NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24




  LENTINI


Giudice di Pace: rimpinguato  organico, 3 avvocate donne



nella foto da sx avv. Brunetto, dott. Valenti e consorte,

dottssa Burtone e dott.ssa Gangemi

Lentini Giudice di Pace: rimpinguato  organico, 3 avvocate donne, dott.ssa Burtone, dott.ssa Gangemi e  dott.ssa Bruno. Gli Avvocati leontini hanno augurato il buon lavoro alla dott.ssa Agata Burtone ed alla dott.ssa Santa Gangemi le quali hanno da poco assunto il delicato ruolo di Giudici di Pace di Lentini e collaborano in sinergia con  la dott.ssa Annunziata Bruno già in servizio. L’occasione è stata  data  dal saluto per pensionamento dell’avv. Vincenzo Valenti  il quale ha lasciato l'incarico di Coordinatore dell'Ufficio del Giudice di Pace di Lentini.  Gli Avvocati infatti  nel corso di una bella conviviale hanno ringraziato  il giudice Vincenzo Valenti   che per molti anni ha prestato servizio con dedizione e professionalità nell'Ufficio del Giudice di Pace di Lentini rivestendo negli ultimi mesi, dopo il pensionamento  del dott. Pietro Cinconze, il ruolo di coordinatore. 


Lentini Coordinatore Cinconze conclude mandato Giudice Pace Ufficio Lentini, consegne a dott.Valenti.   

Il dott. Pietro Cinconze in servizio quale  coordinatore e Giudice di Pace a Lentini ha terminato le funzioni per limiti di età. Il dott. Vincenzo Valenti in servizio quale Giudice di Pace a Lentini è  l'attuale coordinatore. Gli  avvocati di Lentini, Carlentini e Francofonte, i Giudici di Pace  dott. Vincenzo Valenti  e dott.ssa Annunziata Bruno,  martedì sera  14 luglio in un noto locale di Carlentini l’hanno salutato. Il  dott. Pietro Cinconze per venti anni ha ricoperto il ruolo di Giudice di Pace all'interno dell'omonimo Ufficio di Lentini, che ha giurisdizione sui tre comuni del Triangolo, guidandolo, negli ultimi lustri quale coordinatore. L'avv. Vito Antonio Brunetto Presidente della Associazione Forense Lentinese nel suo indirizzo di saluto ha affermato: “Il dott. Pietro Cinconze, è stato in servizio presso il Giudice di Pace di Lentini sin dalla sua costituzione nel lontano 1995 incarnando nel modo più nobile lo spirito che permea la magistratura più vicina ai cittadini con la sua solerzia, il suo equilibrio e la sua passione. Ma dove l'operato del dott. Cinconze si è rivelato assolutamente prezioso negli ultimi anni,  allorquando, a seguito delle draconiane norme varate dal governo Monti, era stata messa in discussione la stessa sopravvivenza dell'Ufficio. Ed invece il coordinatore Cinconze con la sua opera paziente ed efficace ha fatto sì che le Amministrazioni Comunali di Lentini, Carlentini e Francofonte ponessero in essere gli atti e trovassero le risorse necessarie per il mantenimento di un tanto importante Presidio di Legalità per la nostra zona. E da parte nostra, faremo di tutto perchè il frutto dell'impegno del dott. Cinconze, al quale auguro a nome di tutti i colleghi dell'Associazione ogni fortuna nelle attività che intenderà intraprendere, non venga disperso”.


Lentini – L'Avv. Vito Antonio Brunetto è il nuovo Presidente dell'Associazione forense per il biennio 2015-17.


nella foto da sinistra:  avv. Sebastiano Grimaldi  Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Siracusa, avv. presidente Antonino Tribulato   (clicca ed ascolta l'intervista) AFL, avv. Fabio Florio Consigliere Nazionale Forense,  avv. Maurizio Magnano di San Lio, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Catania

Lentini Costituita Associazione Forense Lentinese: AFL. L’attività dell’associazione è stata inaugurata 19 ottobre con un convegno tenutosi nei locali del Tribunale a Lentini con tema in materia di deontologia: “Il procedimento disciplinare anche alla luce delle modifiche apportate dal DL 13.8.2011 n. 138”. Al Convegno hanno preso parte quali relatori : l’avv. Fabio Florio Consigliere Nazionale Forense, l’avv. Sebastiano Grimaldi  Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Siracusa, l’avv. Maurizio Magnano di San Lio, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Catania. Il consiglio direttivo dell’Associazione Forense Lentinese è composto dagli avvocati : il presidente Antonino Tribulato (clicca ed ascolta l'intervista), il vice presidente Maurizio Caracciolo, il segretario Aldo Failla, il tesoriere Orietta Gramillano, i Consiglieri : Carmelo Giunta, Lella Nigroli, Vito Salemi, Fabio D’Amico, Liliana Brunno, Massimo Vitale, dr. Antonio Sferruzzo. Sul sito dell’Associazione AFL realizzato da Amedeo Seguenzia si legge :”L’Associazione, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di coagulare gli sforzi degli iscritti per migliorarne l’attività, promuoverne la coesione e favorirne l’aggiornamento professionale, nello interesse dei cittadini e dei singoli interessi tutelati, e per riaffermare il ruolo e la insostituibile funzione sociale dell’Avvocato. Vuole essere la rappresentanza ufficiale di tutti gli avvocati del circondario del Tribunale di Lentini e farsi carico delle osservazioni, consigli e anche proteste di tutti i colleghi per una migliore organizzazione degli uffici e una migliore attuazione del servizio “giustizia”, ottimizzando i già buoni rapporti con il Consiglio dell’Ordine, con le Magistrature dei vari uffici, territoriale e della Corte di Appello di Catania, e con le istituzioni dei tre centri di riferimento (Lentini, Carlentini e Francofonte)”. L’AFL ha programmato una conferenza per il 15 Novembre 2011 alle ore 16,00, presso l’aula Penale Tribunale di Lentini. Il tema è “Il nuovo processo amministrativo a un anno dalla riforma”. Tra i relatori  il dr. Vincenzo Salomone Presidente della II Sezione del TAR di Torino e l’avv. Francesco Mineo  avv. capo della Provincia Regionale di Catania.


Lentini - Cerimonia con la Santa Messa  in memoria della Venerabile Serva di Dio  Maria Cristina di Savoia  Regina del Regno delle Due Sicilie

ed invocazione della protezione divina sul nuovo anno, promossa dall’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali  Tombe  del Pantheon  e dalla  Federazione Provinciale  di Siracusa Istituto del Nastro Azzurro fra Decorati al Valor Militare, Federazione Provinciale di Siracusa. La manifestazione si è svolta, domenica 8 febbraio 2009, per il terzo anno consecutivo, presso la Chiesa di S. Francesco d’Assisi all’Immacolata. Durante la celebrazione sono state elargite preghiere in suffragio dei  Decorati al Valor Militare della Federazione Provinciale di Siracusa dell’Istituto del Nastro Azzurro, Autieri d’Italia e di Caduti di tutte le guerre,  ed  in missione di Pace. A dare il saluto d’inizio è stato il Presidente della sezione Autieri d’Italia e Commissario dell’Istituto del Nastro Azzurro rag. Ivan Grancagnolo il quale ha rivolto un pensiero patriottico :  “Oggi sono qui presenti i labari e le bandiere dell’associazione d’arma e patriottiche  tutte autorizzate dal Ministero della Difesa;   questo significa che ognuno di esse rappresenta l’arma di appartenenza, noi soci che abbiamo aderito, abbiamo espletato il servizio di leva nei vari Comandi e oggi ognuno di noi nel proprio  cuore rinnova il “LO GIURO” fatto davanti ai propri Comandanti verso la Patria. Il mio pensiero va, oltre che ai miei congiunti, al Cap. Magg. Capo Scelto Emanuele Ferraro al quale abbiamo dedicato la sezione degli Autieri e al dott. Luigi Briganti a cui abbiamo dedicato la sezione del Nastro Azzurro Lentinese. Oggi le nostre bandiere vengono abbassate per onorare tutti i caduti di tutte le guerre ed in missione di pace. Un rinnovato grazie a don Enzo Salemi che ha messo a disposizione la Chiesa di S. Francesco d’Assisi all’Immacolata, alla Scola Cantorum, al Cav. Avv. Francesco Atanasio Delegato della Federazione delle Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e del Nastro Azzurro che ha voluto che questa cerimonia si svolgesse a Lentini, per il secondo anno, ed a coloro i quali hanno accolto l’invito delle Federazioni  delle Guardie d’Onore e del Nastro Azzurro.”  Presenti alla cerimonia, tra gli invitata d’onore : il Sindaco di Lentini Alfio Mangiameli, il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Lentini, il Luogotenente Sebastiano Bramante, il M.llo Cav. Antonio Isabella e il sig. Giuseppe Pisasale Medaglia d’Argento al Valor Civile, molti  i soci Autieri; presenti, inoltre, una delegazione di soci simpatizzanti della Associazione reduci e Combattenti ed Avis di Carlentini capitanati dal Sig. Alfio Caltabiano. La celebrazione eucaristica è stata  animata dal Coro Polifonico AD DEI LAUDEM Diretto dal M° Ezio Spinoccia. Hanno preso parte le Associazioni D’Arma, Combattentistiche Patriottiche e Cavalleresche, Istituto del Nastro Azzurro - Sezione di Lentini  “M. O. V. M. Luigi Briganti”, Istituto del Nastro Azzurro,  Sezione di Noto  “M. O. V. M.  S.Ten. Luigi  Adorno -M. O. V. M.    A. Sc. Francesco Maiore”, Associazione Nazionale Autieri d’Italia  - Sezione di Lentini  “C. M. CS. Emanuele Ferraro - Croce d’Onore “alla Memoria”, Associazione Nazionale Arma di Cavalleria -  Sezione di Siracusa, Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. L’omelia di don Enzo Salemi è stata intensa e pregnante di significato morale e teologico. Ha parlato della venerabile Maria Cristina di Savoia sottolineando la grande devozione e la fede genuina, rappresentandola quale “serva di Dio. Il celebrante ha raccontato che Maria Cristina, quando andava a portare ristoro ai poveri per le strade di Napoli sulla sua carrozza, vedendo passare un sacerdote col viatico faceva fermare la carrozza e si inginocchiava anche sul fango, come davanti a Gesù”. A conclusione la benedizione dei labari e delle bandiere.

 


 

  Precetto Associazioni d’Arma e messa suffragio Amedeo Savoia

Noto -Il Santuario Diocesano Maria SS.ma Scala del Paradiso a Noto, ha ospitato il precetto pasquale. La celebrazione Eucaristica è stata officiata  dal  Rev.do Don Giorgio Di Vita, rettore del Santuario Diocesano. L’iniziativa è stata della Federazione Provinciale del Nastro Azzurro in collaborazione con le sezioni netina e lentinese, dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, dell’Associazione  Nazionale Autieri d’Italia sezione di Lentini, dell’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria e dell’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in guerra. Inoltre, la Santa  Messa è stata in suffragio di Amedeo di Savoia M.O.V.M. viceré d’Etiopia Generale di Armata Aerea, nel 66° anniversario della morte in Africa. All’illustre condottiero è dedicata la Federazione provinciale di Siracusa e dei Militari italiani caduti nelle operazioni e nelle missioni all’estero. Al termine del sacro rito il Socio Cav. Francesco Maiore, Comm. della Sezione dell’Istituto del Nastro Azzurro di Noto ha illustrato la storia e l’architettura del Santuario. La struttura religiosa è stata realizzata nel XVII sec. dal Venerabile Frà Girolamo Terzo. Il Santuario sorge in c.da Passo del Bove e comprende la chiesa, con antistante protiro, ed un convento annesso. Oggi il Santuario è sede estiva del Seminario Vescovile di Noto. Al precetto pasquale si è registrata una grande partecipazione di soci attenti ed accostati alla significativa ricorrenza.

Veglia di San Valentino per l’amore all’Immacolata

Veglia di preghiera per l’amore organizzata dal rettore don Enzo Salemi

 

Ostensorio a memoria donna Rosa

 

Lentini - Prezioso ostensorio donato alla Chiesa dell’Immacolata dal rag. Ivan Grancagnolo e famiglia in memoria della signora Ciciulla Rosa e del marito Guerra Sebastiano. La cerimonia, alle ore 20.oo, è avvenuta  in coincidenza della prima settimana della dipartita della nonna Rosa. Alla celebrazione hanno partecipato molti amici e conoscenti di famiglia. La solenne adorazione Eucaristica  è stata presieduta dal rettore don Vincenzo Salemi amico della famiglia Grancagnolo e padre spirituale di donna Rosina da ben sette anni. Toccante la breve omelia di don Enzo. E’ stato dato risalto all’aspetto umano e spirituale della signora Rosa, alla serenità ed all’essersi affidata totalmente a Gesù nella sofferenza, fatta diventare preghiera. Sofferente ha ricevuto settimanalmente la comunione e negli ultimi giorni,  quasi sapesse che doveva lasciare questo mondo, l’unzione degli infermi. Donna solerte sino all’ultimo, cosciente di essere amata da Dio e credente in ciò che faceva, ha espresso al nipote Ivan il desiderio, quando non ci sarebbe stata più, di donare un ostensorio alla chiesa dell’Immacolata. Il dono doveva essere consegnato a don Enzo il quale ha dato il “passaporto” per raggiungere la Patria Celeste. Don Enzo ha sottolineato che l’ostensorio,  tra gli arredi sacri è il più importante perché è l'oggetto liturgico usato per l'esposizione solenne del Corpo di Cristo per l'adorazione. “Non ci dimenticheremo facilmente della signora Rosina perché ci ha lasciato un bel ricordo, non solo materiale,  ma anche un’eredità morale e spirituale di grande portata”, così si è espresso Don Enzo Salemi  nei confronti della Nonna Rosina.

 

I SANTI

 

 

vedi programma completo Natale Leontino 2011