NOTIZIE

ULTIMORA

 

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI
 FRANCOFONTE
TAORMINA-G.NAXOS

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new

 



AcirealePoliziotti in abiti civili bloccano 1 per droga: ai domiciliari. Agenti del Commissariato di P.S. di Acireale ieri, hanno bloccato il già noto acese Luigi Alessio MARRANCA

  28enne

 perché responsabile del reato di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di marijuana. La  Polizia di Stato, ha operato nella zona del “Triangolo” (l’area perimetrata dalle vie Kennedy e Felice Paradiso, Corso Italia e parte Corso Savoia): come già avvenuto qualche settimana addietro, infatti, continua la predisposizione dei servizi di controllo del territorio e di osservazione da parte di pattuglie in abiti civili, finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati in materia di spaccio di stupefacenti. Una  pattuglia in abiti civili della sezione Investigativa, nel tardo pomeriggio di ieri, stava effettuando un servizio di osservazione in via Felice Paradiso quando, erano circa le 20,00 ed ha   notato  MARRANCA. Il soggetto è stato avvicinato da un ragazzo con il quale si è intrattenuto a discutere per qualche istante per poi allontanarsi verso un vicino cespuglio da dove ha prelevato un oggetto consegnato frettolosamente al giovane acquirente. Gli agenti sono intervenuti bloccando il compratore che, messo alle strette, ha confermato di aver comprato dal MARRANCA 1 dose di marijuana   MARRANCA, nel contempo è stato fermato, i poliziotti addosso hanno trovato 2 dosi di marijuana. Altre 16 dosi della medesima sostanza erano celate nel cespuglio “deposito” del MARRANCA. La droga e il denaro provento dello spaccio sono stati sequestrati. L’arrestato, su disposizione del P.M., è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima.


Pedara CT- Estorsione, minacciano postare film fard su internet: CC, 2 presi a consegna soldi. Un 20enne ed un 14enne hanno pronunciato la fatidica frase: “Dacci i soldi o postiamo in rete i  tuoi video “hard”. Arrestato ai domiciliari all’atto della consegna del denaro il maggiorenne. Posto al CPA il minorenne.    I Carabinieri della Stazione di Pedara hanno arrestato nella flagranza un 20enne ed un 14enne, entrambi del posto, poiché ritenuti responsabili del concorso in estorsione. Vittima un 37enne, anch’egli del luogo, che per mesi è stato vessato ed umiliato  dal maggiorenne che, dopo una vera e propria opera di assoggettamento, lo aveva convinto ad avere con lui dei rapporti sessuali. Ogni incontro, filmato di nascosto, era diventato l’arma per ricattare la vittima ed estorcerle del denaro, quasi 700€, consegnato in più tranche. Il poveretto, terrorizzato dalla possibilità di vedere i video postati sui social network, ha ceduto ai ricatti del suo persecutore fino ad ieri mattina quando, contattato al telefono dal minorenne, che nel frattempo era entrato nell’affare con una scaltrezza da malvivente navigato, il quale recitando frasi minacciose  di morte, accompagnate dalla solita tiritera della divulgazione delle immagini “hot” (telefonata registrata ed acquisita come prova), avrebbe chiesto 600 euro in contanti. Preso dallo sconforto più totale, accompagnato da un familiare cui ha raccontato tutto, si è presentato in caserma a Pedara per chiedere aiuto ai carabinieri della locale Stazione. Il comandante, dopo avere ascoltato la via crucis patita dalla vittima,  l’ha invitato ad aderire alla richiesta estorsiva precisando di stabilire bene l’ora ed il luogo della consegna.  La vittima, ricontattando i suoi aguzzini, li ha invitati a raggiungerlo alle ore 21:00 nel garage posto sotto la propria abitazione. I due si sono presentati puntuali all’appuntamento e nel preciso momento in cui hanno intascato i 600€ hanno visto stringersi ai polsi le manette apposte dai militari nascosti nell’ombra. Il maggiorenne, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari mentre il minorenne è stato associato al Centro di Prima Accoglienza di Catania in via R.Franchetti.


Catania  Antidroga 4 arresti e denuncie. Si tratta di Rosario ZITO 36enne, Antonino TOSTO 67enne, Alagie NJIE 18enne, Marcello ANFUSO  43enne. La Direzione Centrale Anticrimine della Polizia, per il tramite del Servizio Centrale Operativo, ha attuato su tutto il territorio nazionale un'imponente iniziativa di contrasto alla commercializzazione degli stupefacenti denominata progetto “Pusher II".  Lo SCO dal 30 marzo all’1 aprile, nell’ambito del progetto, a Catania ha arrestato 4 persone mentre altre 4 sono state denunciate in stato di libertà. I tutori dell’ordine hanno segnalato alla Prefettura, ex art. 75 D.P.R. 309/90, 11 soggetti e   sequestrato complessivamente 12 grammi di marijuana e 1,5 grammi di cocaina. Poliziotti della Squadra Mobile, nel pomeriggio del 30 marzo hanno tratto in arresto Rosario ZITO, 36enne, per il reato di spaccio di cocaina; il soggetto è stato fermato e controllato dopo aver ceduto ad un acquirente un involucro di colore bianco che, ad esito di perquisizione personale, è risultato contenere sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso di circa 1 gr. La polizia, Squadra Mobile, nella tarda serata del 30 marzo, ha tratto in arresto Antonino TOSTO, 67enne, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Gli agenti a seguito della perquisizione domiciliare effettuata nell’abitazione del TOSTO, hanno rinvenuto 13 involucri di cocaina, per un peso complessivo di circa 8 gr., 1 bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. I poliziotti, nella medesima giornata, col personale dell’U.P.G.S.P. hanno sequestrato a carico di ignoti 8 involucri in cellophane di colore bianco con all'interno sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo lordo di gr. 2,3. I tutori dell’ordine  dell’UP.G.S.P., la notte del 31 marzo,   hanno tratto in arresto Alagie NJIE 18enne, per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Alagie NJIE a seguito della perquisizione personale, è stato trovato in possesso di marijuana, per un peso di 5 gr., oltre a 9 involucri di hashish, dal peso totale di 11 gr. La  Squadra Mobile, la notte  del 31 marzo, ha tratto in arresto Marcello ANFUSO  43enne, per il reato di detenzione e spaccio di cocaina. Gli investigatori dopo  la perquisizione personale, estesa all’autovettura in uso all’ANFUSO, hanno rinvenuto e sequestrato 13 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di circa 5 gr, nonché la somma di 160 euro, quale presunto provento di attività illecita. La  squadra Mobile nel pomeriggio ha denunciato in libertà altre 2 persone, per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope. Agenti del Commissariato di P.S. di Caltagirone (CT) hanno denunciato  libertà una persona per produzione, traffico e detenzione illecite di sostanze stupefacenti o psicotrope. Poliziotti  del Commissariato di P.S. Centrale ha denunciato in stato di libertà una persona per lo stesso reato.


Catania Cani poliziotto con agenti trovano oltre mezzo kg droga celata in condominio. Uomini del Commissariato di Polizia a Librino, di mattina, nell'ambito dei servizi mirati alla ricerca di sostanza stupefacenti svolti con l'ausilio della Squadra Cinofili dell’UPGSP, hanno rinvenuto, grazie al prezioso fiuto dei cani Jagus e Vite, e sequestrato,   645 grammi di marijuana, in Viale Nitta 12.  Poliziotti  in divisa hanno circondato l'edificio, osservando gli appartamenti, altri hanno proceduto ad attente ispezioni degli spazi comuni e dei contatori; in tre distinti punti, ben occultati tra intercapedini e controsoffitti, i 2 cani Jagus e Vite, hanno rinvenuto 4 involucri di marijuana, in parte già pronta in dosi da spacciare, per un peso complessivo di 645 grammi. Il tutto veniva sequestrato a carico di ignoti.


Catania -  CC, 1 in carcere per rapina. I Carabinieri della Stazione di Catania Ognina hanno arrestato   Santo LA MARTINA 30enne catanese, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Pavia. Il soggetto dovrà scontare la pena di 2  anni e 4  mesi di reclusione poiché ritenuto colpevole di rapina e ricettazione,  reati commessi il 19 ottobre 2015 a Pieve del Cairo (PV). L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato al carcere di Piazza Lanza.


Paternò  CT  – CC bloccano 20enne, già ai domiciliari, intento a spacciare. I Carabinieri della Stazione di Paternò (CT) hanno arrestato nella flagranza   paternese Samuele CANNAVÒ 20enne già ristretto ai domiciliari, per spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Il giovane era stato arrestato due sere addietro per riciclaggio poiché nel suo garage era stato sorpreso ad assemblare motori rubati su altre moto. Cannavò  era stato  posto agli arresti domiciliari, e  nel  tardo pomeriggio di ieri, aveva ricevuto la visita dei Carabinieri.  I  militari, nello svolgere i controlli di routine dei soggetti sottoposti a misure restrittive alternative, giungendo nei pressi dell’abitazione del detenuto si sono accorti del viavai di giovani assuntori dalla casa del soggetto. I carabinieri  irrompendo immediatamente nell’immobile l’hanno perquisito rinvenendo, occultati in una intercapedine muraria, 50 grammi di “marijuana”, già suddivisa in dosi pronte per lo smercio e 60 euro in contanti presumibilmente incassati dalla precedente attività di spaccio. La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa di giudizio, è stato ricollocato ai domiciliari.


Palagonia CT – Spezza naso a  pugni alla  sua ex, anche con calci : CC studente ai domiciliari. Il violento, non riuscendo a farsene una ragione sull’epilogo del rapporto, ha preteso un chiarimento che potesse dare un senso alla fine della loro storia d’amore. Lo studente ieri pomeriggio, appostatosi sotto casa, ha aspettato che la ragazza di 16 anni rientrasse da scuola ed affrontandola vibratamente ha chiarito la sua posizione. Il maldestro, al diniego espresso dalla ex fidanzata, si è infuriato, non ha esitato a colpire con calci e pugni la vittima fuggendo poi via. La 16enne, seppur a terra ferita, ha trovato la forza di chiedere aiuto ai Carabinieri della locale Stazione i quali sono giunti dopo pochi minuti, hanno soccorso la ragazza. Un’ambulanza del 118  è intervenuta sul posto dell’aggressione ed ha provveduto al trasporto della ferita nell’Ospedale di Militello dove i medici del pronto soccorso hanno dovuto curare una “frattura scomposta al setto nasale” nonché numerose escoriazioni al viso guaribili in una trentina di giorni. L’assalitore – 18 anni – è stato rintracciato ed ammanettato  dai militari in casa di un amico dove si era nascosto dopo l’aggressione. In attesa di giudizio, dove risponderà all‘Autorità Giudiziaria di minacce,  violenza privata e lesioni aggravate, il giovane è stato relegato agli arresti domiciliari. 


CataniaEvade dai domiciliari, CC 1 in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Librino hanno arrestato Gianluca TORRISI  20enne catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari per droga, dando esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania. Il provvedimento è scaturito dalle diverse evasioni commesse dal giovane ed accertate dai Carabinieri che sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria. L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato ristretto nel carcere di Piazza Lanza.


CataniaDepreda Fondazione benefica “Val di Savoia”, CC bloccano ladro seriale. I Carabinieri della Stazione di Viagrande hanno arrestato nella flagranza Carmelo TUMMINELLO 46enne catanese, reo di furto aggravato.  Il  direttore della Fondazione, ubicata nel quartiere di Cibali, nata per scopi benefici ed utilizzata dagli studenti della Facoltà di Agraria per la sperimentazione e la coltivazione di ogni tipo di ortaggio, aveva denunciato al Comandante della Stazione di Viagrande i saccheggi subiti da circa un anno per mano di ignoti. I militari, acquisita la denuncia, hanno organizzato  i servizi di osservazione ed ieri pomeriggio hanno dato l’esito sperato. I carabinieri, intorno alle 17:00, hanno sorpreso il personaggio, il quale praticando un buco nella recinzione, è entrato nel fondo iniziando a razziare le coltivazioni. Il soggetto è stato immediatamente bloccato, ammanettato e posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato per direttissima. La refurtiva è stata restituita al direttore della fondazione.


Caltagirone  CT –  Viola sorveglianza, CC 1 preso. I Carabinieri della Compagnia di Caltagirone (CT) hanno arrestato nella flagranza  Benedetto SEMINARA 35enne, di Piazza Armerina, Sorvegliato Speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.Una  pattuglia della Stazione di Mirabella Imbaccari(CT), di notte durante un servizio di controllo del territorio, ha riconosciuto il sorvegliato mentre alla guida  una Fiat Punto stava percorrendo velocemente una strada del centro cittadino. I militari hanno immediatamente segnalato alla centrale operativa il tipo di autovettura che,  poco dopo, in via Alcide De Gasperi è stata intercettata e bloccata da una “gazzella” del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Caltagirone. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Caltagirone.


Pedara CT - Calci e pugni a nonna : CC, manette  a 25enne. I Carabinieri della Stazione di  Pedara (CT) hanno arrestato nella flagranza un 25enne del luogo, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.  Stanotte una pattuglia, su richiesta da parte di un anonimo cittadino che ha telefonato al 112, segnalando una lite in famiglia, è intervenuta in un’abitazione del centro cittadino di Pedara. I militari, giunti sul posto, hanno trovato il giovane dentro casa il quale, sotto l’effetto dell’alcol, aveva colpito ripetutamente a calci e pugni la nonna convivente  di 67 anni. La vittima è stata trasportata all’Ospedale di Acireale dove è stata medicata per  i politraumi guaribili in una trentina di giorni. L’arrestato è stato associato nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Catania –   Furti e rapine ad anziani,  donna dei “caminanti” ai domiciliari. Agenti del Commissariato  di P.S. “Nesima“, ieri, hanno dato esecuzione all’Ordinanza del Tribunale di Catania Sezione GIP dispositiva della reiterazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di Fortunata SESTA 29enne. La donna, lo scorso 9 novembre, era stata arrestata dagli uomini del Commissariato insieme alla madre Giovanna RESIZZI SCALORA 50enne (quest’ultima, invece, era stata tradotta in carcere). Le  due congiunte, appartenenti all‘etnia dei c.d. “camminanti“, si erano rese responsabili in concorso di numerosi  furti aggravati e di una rapina.  I delitti erano stati programmati e consumati con spregiudicatezza, in modo seriale e in un brevissimo lasso di tempo, ai danni di  soggetti anziani od affetti da patologie e quindi in condizioni di minorata difesa. Le due simulando con scaltrezza la qualità di assistenti sociali, conoscenti o impiegate del Comune riuscivano, con vari raggiri, a carpire la fiducia delle vittime e farsi accogliere nelle loro abitazioni dove, con diversi stratagemmi, si appropriavano di denaro in contanti e di oggetti in oro, non esimendosi dall’agire con particolare efferatezza, per assicurarsi l’impunità, qualora venivano scoperte dai malcapitati  mentre frugavano nei cassetti. SESTA, lo scorso 2 dicembre, era stata rimessa in libertà dal Tribunale del Riesame a causa della nullità di un atto. Il GIP, stante la sussistenza del quadro accusatorio, formalizzato a seguito dell’attività investigativa condotta dal Commissariato, ha riconosciuto la pericolosità della donna accogliendo l’istanza del Pm che aveva chiesto  di adottare nuovamente un’ordinanza restrittiva a carico della SESTA. La donna è stata arrestata dai poliziotti del Commissariato Nesima e posta ai domiciliari, disposti a ragione della recente maternità.


Caltagirone CT7 ospiti C.P.A. aggrediscono e feriscono 2 operatrici,  danneggiati locali. 2  maggiorenni arrestati e 5 minori denunciati. I Carabinieri della Stazione di Caltagirone (CT)  hanno arrestato, nella flagranza

 ISISSIAKA MAIGA 19enne del Mali,  ABDULRAHIM FOFANA 18enne della Guinea e denunciato 5 minorenni, originari della Guinea, del Mali e del Gambia, dell’età  compresa tra  16 e  17 anni, tutti ritenuti responsabili  di sequestro di persona, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose ed alle persone, lesioni personali e danneggiamento.  I fatti sono accaduti nella tarda mattinata di ieri quando il gruppetto, capeggiato dagli arrestati, al fine di ottenere  immediatamente il “Pocket Money”, non hanno esitato a sradicare dai muri alcuni estintori iniziando a distruggere i suppellettili nel Centro di Prima Accoglienza calatino. Le operatrici presenti nella struttura, nel tentativo di calmare gli animi, sono state aggredite, minacciate con dei cocci di bottiglia ed obbligate a non lasciare i locali del centro. Solo l’intervento in  forze dei Carabinieri, avvisati da un’altra operatrice tramite 112, ha consentito la liberazione degli ostaggi e l’arresto, dopo una violenta colluttazione,  dei due vandali con il contestuale ripristino delle condizioni di sicurezza all’interno della struttura.  Le due operatrici aggredite sono state medicate all’Ospedale di Caltagirone dove i sanitari hanno riscontrato loro  “distorsione cervicale, trauma cranico minore e stato d’ansia reattivo” con prognosi di una decina di giorni. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati ristretti nel carcere di Caltagirone. 


Catania Droga in cucina : polizia dai domiciliari al carcere. Si tratta di Manuel RUVOLO 26enne. Il personaggio,  nonostante si trovasse agli arresti domiciliari avrebbe continuato a spacciare.  Due  agenti dell’U.P.G.S.P.,ieri pomeriggio, liberi dal servizio, sono intervenuti in via Malta, arrestando il soggetto  26enne per detenzione di stupefacenti e spaccio ed hanno messo fine termine alla situazione. L’attenzione dei poliziotti era stata attirata dal via vai di persone notato nei pressi dell’abitazione del soggetto, già noto per essere sottoposto alla misura restrittiva. I tutori dell’ordine, conoscendo i precedenti del RUVOLO, hanno subito immaginato di cosa potesse trattarsi. Gli agenti  hanno   controllato e perquisito il domicilio che, com’era facile immaginare, ha permesso di trovare occultati in cucina: 11 grammi di marijuana, 1 bilancia da cucina utilizzata per pesare la droga ed una somma di denaro, probabile provento dell’attività di spaccio.  RUVOLO, immediatamente  arrestato, su disposizione del P.M. di turno è stato condotto presso la Casa Circondariale “Piazza Lanza” di Catania.


Catania Spaccio: 1 condannato a 4 anni, CC ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Catania Librino hanno arrestato Ignazio Vincenzo ALBERTI 46enne  catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari, su esecuzione ad un ordine di espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura della Repubblica di Catania. Il 46enne, ritenuto colpevole di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, reato commesso a Catania nel 2015, dovrà espiare la pena di 4 anni di reclusione. L’arrestato è stato posto nuovamente ai domiciliari, come disposto dall’Autorità  Giudiziaria.





Ultimora   nov. dic.2014




 



ULTIMORA

CC ROS documentati 10 summit di mafia tra Catania e Lentini fermato Magrì


 

ultimo aggiornamento

 

 



Catania - Guardia Costiera sequestra 20.000 kg pesce non commestibile tra ME e SR: 100 uomini in Operazione Surprise. La Guardia Costiera della Direzione Marittima di Catania ha svolto, nelle giornate tra il 26 e il 28 aprile scorsi, un’attività di controllo sull’intera filiera ittica in tutta la Sicilia Orientale. Gli oltre 100 militari, fra uomini e le donne del Corpo, hanno condotto un’attività di controllo combinato mare/terra, impiegando 20 mezzi terrestri e 25 unità navali, al fine di vigilare su tutte le fasi della filiera della pesca, dalla cattura al trasporto, dalla vendita ed alla somministrazione del pescato, portando a termine oltre 50 controlli, sanzionando con circa 25.000€ di pene pecuniarie i trasgressori e sequestrando circa 20.000 kg di prodotto ittico. Moltepilici attività sono state condotte nell’ambito dell’operazione: ad Acireale è stata elevata una sanzione amministrativa a carico di un grande distributore di prodotti ittici, che deteneva all’interno delle celle frigo della propria azienda del prodotto ittico allo stato congelato senza tracciabilità, per un peso complessivo di circa 13.600 kg, in violazione  dell’articolo 10 comma 1 lettera z) del D.lvo 9 gennaio 2012 n. 4, punita con sanzione pecuniaria e sequestro amministrativo. Il prodotto ittico senza tracciabilità è stato sottoposto al controllo sanitario dal servizio veterinario dell’ASP distretto di Acireale, che ne hanno dichiarato la non commestibilità al consumo, pertanto è stato lasciato in custodia gratuita al trasgressore in attesa della distruzione. I Guardiacoste nel territorio di Riposto hanno deferito all’Autorità giudiziaria il proprietario di una società di distribuzione di prodotti ittici a causa del cattivo stato di conservazione dei prodotti per un peso complessivo di circa 7000 kg, successivamente dichiarato non commestibile e sottoposto a sequestro. Uomini della Capitaneria a Catania  hanno proceduto al sequestro di oltre 300 kg di spigole provenienti dalla Grecia, totalmente sprovviste di tracciabilità, trasportate su un furgone isotermico.  I controlli hanno interessato anche le attività di ristorazione, nello specifico, i militari di S. Agata di Militello, hanno deferito, alla competente Autorità Giudiziaria, il titolare di un ristorante nel comune di Tusa (Me), per l’accertato “cattivo stato di conservazione” di circa 30 kg di prodotto ittico, sottoposto a sequestro penale per il successivo smaltimento presso struttura autorizzata. I militari ad Augusta, durante dei controlli al mercato rionale, hanno proceduto al sequestro di 35 kg di pesce in quanto privo di documentazione e irrogato la relativa sanzione amministrativa. I controlli posti in essere, si collocano nell’ambito dell’attività di contrasto alla pesca illegale e per verificare il rispetto della politica comune della pesca anche in merito all'osservanza delle norme inerenti le taglie minime del pescato, la tracciabilità/rintracciabilità e l'etichettatura del prodotto ittico in tutte le fasi della commercializzazione, a tutela delle risorse ittiche, dell'ambiente marino ed a garanzia della sicurezza alimentare del consumatore che il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha assegnato al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.


CataniaEvade dai domiciliari, tenta furto in appartamento: preso in azione. Si tratta di Osama ABU TOUQ 33enne. I  Poliziotti della Squadra Mobile - Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, ieri sera, su segnalazione della Sala Operativa si sono recati in una via del centro storico, in prossimità di piazza Federico di Svevia, dove era stato segnalato un tentativo di furto in un appartamento. Gli agenti, giunti sul posto, sono riusciti a bloccare il malvivente mentre stava cercando di entrare in un appartamento. Il maldestro, aveva già forzato un infisso del balcone e si stava accingendo a forzare una porta finestra per poter accedere all’abitazione.  Il malvivente, identificato per il già noto Osama ABU TOUQ, che si trovava già agli arresti domiciliari, veniva tratto in arresto per i reati di tentato furto aggravato ed evasione e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Agenti della Polizia di Stato hanno ammanettato anche: Fabio Marco RAPISARDA, 52enne già noto, destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso il  27 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di  6 mesi e 16 giorni di reclusione per il reato di furto aggravato;   Antonino SANTONOCITO 49enne  già noto, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il  27 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione per il reato di violenza o minaccia a P.U.; Luigi CASTELLI  37enne già noto, in atto detenuto in regime di arresti domiciliari, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il   28 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di 4 anni e 2 mesi di reclusione per il reato di rapina aggravata; Osama ABU TOUQ 33enne già noto, responsabile dei reati di tentato furto aggravato ed evasione dagli arresti domiciliari.


CataniaDroga: giovane Arena inseguito e bloccato ai domiciliari da Agenti. Poliziotti personale della squadra investigativa del Commissariato Librino, lo scorso 27 aprile, nel quadro dei servizi di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti, hanno ammanettato Maurizio Agatino ARENA 22enne per detenzione di marjuana. Il giovane è già noto agli agenti sia per il legame di parentela che lo lega a  famiglia nota, residente nel medesimo quartiere, sia per i suoi precedenti specifici, lo scorso mese di gennaio era stato arrestato per fatto analogo. Arena ieri è stato sorpreso e bloccato al termine di un inseguimento, durante il quale si è sbarazzato di 1 busta di plastica contenente 64 “stecche” di marijuana dal peso complessivo di grammi 71 circa, già pronte per lo spaccio. L’arresto è stato preceduto da una metodica attività di osservazione dell’attività di spaccio svolta in viale San Teodoro, a seguito della quale gli agenti avevano appreso come l’Arena, avesse assunto il ruolo di pusher, prelevando la marijuana da un sacchetto di plastica che portava addosso. Lo spacciatore sarebbe stato, secondo gli investigatori, collaborato da almeno altri due complici, dileguatisi immediatamente dopo il blitz ed in corso d’identificazione. I 2 avrebbero   svolto il ruolo di vedette. Il magistrato di turno ha disposto che l’arrestato fosse condotto presso il suo domicilio, agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.


Catania Avvocati protesta pacifica in 30mila a Roma: contribuzione proporzionata a reddito. La manifestazione nazionale degli avvocati è venerdì 21 aprile 2017, a Roma in Piazza Cavour. I referenti della manifestazione sono i primi firmatari della petizione: gli avvocati Goffredo D’Antona e Monica Foti. Gli avvocati di tutta Italia si sono dati  appuntamento per venerdì 21 aprile 2017 alle ore 11.00 in Piazza Cavour per una protesta civile. La  categoria professionale, già da mesi, è in stato di agitazione a causa delle spese esorbitanti della Cassa Forense. Il primo grido di allarme è partito dalla città del Sud: Catania, dove un gruppo di avvocati Liberi e senza coloritura sindacale ha chiamato a raccolta i colleghi di tutto il Paese per unirsi contro gli sperperi dei costi di gestione dell’ente previdenziale e per ottenere una contribuzione proporzionata al reddito. Tutto  è iniziato con una raccolta di firme, alla quale   hanno aderito circa 30 mila Avvocati. I legali, successivamente hanno indetto uno sciopero contributivo nei pagamenti della Cassa che ha coinvolto nuovamente migliaia e migliaia di avvocati. Affermano i legali: “Ora è il momento di presenziare con una protesta pacifica davanti la sede del massimo organo giurisdizionale della Repubblica la Corte di Cassazione”. Avvocati, praticanti e studenti di giurisprudenza arrivano a Roma provenienti da tutte le città italiane.


CataniaFurti in ville: Polizia, 5 presi.   Gli agenti, nella mattinata al termine di una articolata e rapidissima attività d’indagine, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania hanno dato esecuzione ad ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere, emessa il  15 aprile 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di  5 persone, tutte di Catania: Giuseppe DI STEFANO 35enne; Umberto MINNELLA  21enne; Antonino PINO 26enne; Salvatore FARO  26enne; Davide LEANZA 40enne.  Il giudice per   MINNELLA ha disposto la misura degli arresti domiciliari. Tutti gli arrestati sono ritenuti responsabili dei reati di furto pluriaggravato (furto in villa), ricettazione e art.707 c.p. per possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, in concorso tra loro. Il provvedimento ha accolto gli esiti di una attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e condotta dal personale del Commissariato di P.S. di Acireale nelle scorse settimane, che ha consentito di individuare l’esistenza di una consolidata e pericolosa “banda” composta da 5 personaggi catanesi e dediti alla commissione di furti “in villa”. La Polizia ha appurato che la tecnica consolidata del gruppo criminale era quella della preventiva individuazione dell’obiettivo da colpire, nel caso specifico la villa da svaligiare, in base all’orario, alla zona, alla presenza di persone nei pressi ed alla possibilità di essere controllati da forze dell’ordine in servizio di controllo del territorio; la scelta si concentrava  su zone isolate o, comunque, non centrali e poco abitate. Le indagini hanno preso avvio lo scorso 28 marzo in seguito ad  un furto in una villa della zona di Guardia Mangano, nel corso del quale alcuni individui, travisati da passamontagna, si erano introdotti nella villa ed avevano depredato un ingente bottino composto da vari orologi di pregio, giubbotti griffati e gioielli.L’attività informativa e quella di controllo del territorio, immediatamente era stata intensificata ad opera di pattuglie in abiti civili, al fine di individuare il gruppo criminale.Gli investigatori hanno  concentrato l’attenzione nelle zone esterne alla città ed in orari particolarmente indicati, quali quelli serali e notturni.Una  pattuglia del Commissariato, nel corso di uno di questi servizi, ha intercettato una auto  di grossa cilindrata con 5 individui sospetti a bordo.I fermati sono stati sottoposti a perquisizione personale e della vettura,  e rinvenuti, occultati sotto i sedili anteriori, alcuni scaldacollo, guanti da lavoro ed un cacciavite. Gli agenti, presupponendo che potesse trattarsi del gruppo criminale ricercato, hanno deciso di effettuare anche perquisizione domiciliare nei confronti dei 5 sospetti, tutti noti catanesi, abitanti nella zona Cibali-Nesima. L’esito delle perquisizioni è stato positivo e, nelle varie abitazioni, è stata rinvenuta buona parte della refurtiva del furto del 28 marzo: bracciali, pellicciotti, giubbotti, orologi ed anche 2 computer portatili, risultati questi ultimi provento di un furto commesso nella zona di Viagrande nel mese di febbraio.Le risultanze della immediata attività investigativa sono state compendiate in una apposita informativa di reato a carico dei 5 indagati ed immediatamente valutate da parte della locale Procura della Repubblica, che ne ha accolto positivamente i risultati, richiedendo al GIP del Tribunale idonea misura restrittiva a carico dei 5 individui, emessa lo scorso 15 aprile ed eseguita.


Mascalucia CT - Marito:“Sento le voci che mi dicono che vi debbo ammazzare”. Destinatarie del messaggio: moglie e figlioletta di 1 operaio finito in manette.  La  frase rivolta una mattina del dicembre scorso alla moglie,  ha convinto la donna a rivolgersi immediatamente  all’Autorità Giudiziaria per presentare denuncia contro il coniuge. I  Carabinieri della Tenenza di Mascalucia, delegati ad indagare dal Pubblico Ministero titolare del fascicolo, ascoltando la vittima e confrontando quanto asserito con e le testimonianze fornite da amici e parenti, hanno ricostruito una sorta di via crucis costellata da anni di vessazioni ed ogni tipo di umiliazione, che l’avevano relegata ad una emarginazione sociale e psicologica,  sfociate addirittura in costrizioni di natura sessuale.La vittima ha raccontato agli investigatori di aver avuto sempre il timore di  denunciare il marito violento per proteggere la figlioletta che, in molti casi, ha dovuto assistere ai maltrattamenti, ma di aver trovato la forza di farlo poiché terrorizzata per quella maledetta frase espressa che poteva far presagire un reale rischio per l’incolumità della bambina. Il quadro probatorio raffigurato dai carabinieri, recepito in toto dal magistrato inquirente, è stato oggetto di proposta al G.I.P. del Tribunale di Catania che ha inteso ordinare l’arresto del 43enne, avvenuto ieri mattina a cura dei militari di Mascalucia che, assolte le formalità di rito, lo hanno ristretto agli arresti domiciliari, in altra abitazione. L’Autorità Giudiziaria, la Procura ha contestato al soggetto i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.


Catania - Rapina, estorsione ed usura, 1 condannato: 4 anni in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Verga  hanno arrestato   Roberto DI MATTIA 49enne, di Catania, in esecuzione di un ordine per la  carcerazione emesso dal Tribunale di Gela (CL). Il personaggio riconosciuto colpevole di rapina, estorsione ed usura, reati commessi dal 2010 al 2012 tra Gela e Catania, dovrà espiare la pena di 4 anni di reclusione. L’arrestato, espletate le formalità di rito,  è stato ristretto nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Adrano CT - Dissidi tra vicini in via dell’Amicizia, esplosi colpi di pistola, 1 in manette. Polizia del Commissariato di Adrano, ieri pomeriggio, ha arrestato Carmelo ALBERIO 67enne, per tentato omicidio ai danni di un vicino di casa.  I  poliziotti in servizio di controllo del territorio sono intervenuti in via dell’Amicizia dove alcune persone, telefonando al 113, avevano segnalato colpi d’arma da fuoco.  Gli agenti immediatamente, sono giunti sul posto dove hanno trovato una persona anziana accerchiata da una piccola folla. I tutori dell’ordine   hanno provveduto ad isolare l’anziano ed a condurlo in un garage che poi si è scoperto essere di sua proprietà. Le indagini immediate hanno permesso di ricostruire il quadro accusatorio: il personaggio, nel primo pomeriggio, infastidito dai rumori causati da alcuni bambini che giocavano per strada, era sceso dalla sua abitazione e li aveva minacciati pesantemente per farli smettere di giocare. Il  fratello di uno dei minori, poco tempo dopo, si era presentato alla porta dell’ALBERIO per un chiarimento con l’anziano.  ALBERIO, per tutta risposta si mostrava armato di 1 pistola che avrebbe puntato all’indirizzo del giovane il quale ha poi riferito di aver udito lo scatto del grilletto.  ALBERIO, dopo aver fallito così nel suo intento, sarebbe rientrato nella sua abitazione e da una finestra avrebbe esploso 1 colpo sempre all’indirizzo del fratello del minore.  Il successivo sopralluogo della Polizia Scientifica ha permesso di ricostruire tutte le fasi della vicenda: la polizia ritiene che  ALBERIO avrebbe provato per la prima volta ad uccidere il giovane quando se lo è trovato davanti in strada; l’azione delittuosa non sarebbe stata portata a compimento poiché il proiettile utilizzato, forse a causa del cattivo stato di conservazione, non è esploso.  Secondo la ricostruzione degli investigatori, successivamente, dopo essere rientrato a casa ed aver “scarrellato” avrebbe provato nuovamente ad uccidere il  giovane esplodendo (questa volta con esito positivo) un colpo che solo per puro caso non è andato a colpire il bersaglio. Gli agenti hanno provveduto ad arrestare ALBERIO e porlo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La immediata perquisizione ha permesso agli agenti il ritrovamento dell’arma, utilizzata per compiere l’insano gesto, adagiata sul comodino della stanza da dove si era affacciato per sparare; inoltre è stata sequestrata un’altra arma, anch’essa regolarmente denunciata che l’arrestato aveva nascosto murandola in una parete della propria abitazione. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Piazza Lanza a Diposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Catania Droga in camera da letto: donna arrestata  a San Leone. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia al comando del MM Rocco Scirripa hanno arrestato nella flagranza una catanese 39enne, poiché ritenuta responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari ieri sera concludendo una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nell’abitazione della donna, ubicata in via Lazio a Catania, e nella camera da letto, previa perquisizione, hanno rinvenuto e sequestrato:  200 grammi di marijuana, 1 bilancino elettronico di precisione, 50 euro in contanti nonché materiale  utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente da porre in vendita. La donna, in attesa del giudizio per direttissima, è stata relegata agli arresti domiciliari.


Catania CC Operazione antimafia per estorsione : 6 provvedimenti restrittivi per  biancavillesi.  I  destinatari sono: Carmelo VERCOCO 44 anni; Vincenzo MONFORTE 31enne; Alfio PETRALIA 40enne; Alfio MUSCIA 39enne; Angelo GIRASOLE  41enne; Alberto GRAVAGNA  32enne.I militari della locale Stazione Carabinieri nella mattinata del 7 Aprile 2017 a Biancavilla (CT), nell’ambito di un’attività investigativa diretta dalla Procura Distrettuale di Catania, hanno eseguito 6  ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti soggetti   residenti in quel comune. L’attività è stata  completata all’esito di un’articolata indagine, nell’ambito della quale un imprenditore del comune etneo, costretto da diversi anni a pagare  somme di denaro a titolo di “protezione”,  avrebbe collaborato con le Forze dell’ordine, confermando il già grave quadro indiziario. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale,  ha emesso i provvedimenti nei confronti dei 6 soggetti Biancavillesi. Gli investigatori ritengono che  i 6 siano appartenenti alla criminalità organizzata, e gravemente indiziati in ordine al reato di estorsione continuata ed aggravata dal metodo mafioso.   I provvedimenti cautelari tengono conto di una lunga e complessa attività  d’indagine nei confronti di appartenenti al clan "Mazzaglia - Toscano - Tomasello", attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”. I riscontri investigativi svolti, caratterizzati anche da attività tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a riprese video, hanno permesso di ricostruire minuziosamente l’azione estorsiva,  e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del citato clan biancavillese. L’indagine, svolta a quattro mesi di distanza dall’operazione Onda d’Urto, evidenzia ulteriormente una vicinanza dell’Arma dei Carabinieri alla cittadinanza di Biancavilla ed evidenzia la serrata attività volta a infrangere il muro del silenzio ancora presente nella provincia catanese. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di Catania Bicocca, ad esclusione di Vincenzo MONFORTE, già recluso nel carcere di  Siracusa.


Catania Truffe on line Subito : polizia denuncia 4 di Crotone.  Agenti del Commissariato P.S. Sezionale Nesima di Catania, dopo accurate e complesse indagini, hanno individuato e denunciato in libertà quattro persone residenti a Crotone, 3 uomini e 1 donna, per truffa continuata in concorso ai danni di varie persone residenti nel quartiere di Nesima, Catania. Le 4 persone denunciate pubblicavano sul sito internet “Subito.it” annunci di vendita di vari oggetti, allo scopo di truffare le persone che versavano il prezzo pattuito su varie carte PostePay, utilizzando anche copie di documenti d’identità e tessere sanitarie che, in precedenza, avevano carpito dolosamente da persone residenti in varie città italiane durante le truffe messe in atto.


Caltagirone  CT -   Abusi sessuali su 2 figli minori, 1 arrestato. Il soggetto è stato  rinchiuso in carcere. I Carabinieri della Compagnia di Caltagirone  hanno eseguito,  il 25 marzo scorso, il fermo d’indiziato di delitto d’iniziativa per tale N.G.,  poiché ritenuto gravemente indiziato dei reati di violenza sessuale aggravata ed atti sessuali con minorenne commessi ai danni dei figli, rispettivamente uno minore degli 10 anni e l’altro minore 14enne. L’allarme è stato lanciato  dai medici del pronto soccorso cui si era rivolta la convivente del fermato la quale aveva  chiesto che la figlia fosse sottoposta a visita, in quanto asseritamente vittima di ripetuti abusi da parte del padre. La ragazzina infatti, dopo insistenti richieste, avrebbe confidato alla mamma, che aveva notato un cambio di atteggiamento, una maggiore chiusura della piccola, che il padre le “aveva fatto del male”. Il turpe avrebbe approfittato di temporanee assenze della donna, abusando della relazione parentale e della situazione determinata dalla convivenza, e costretto la ragazzina a subire reiterati atti sessuali. Gli investigatori dal racconto inquietante avrebbero anche compreso che ad essere oggetto di morbose e concupiscenti attenzioni, non era solo la bambina ma anche il fratellino. L’esito delle visite specialistiche cui sono stati sottoposti i due minori ha fornito poi un quadro clinico compatibile con le ipotesi investigative, ragion per cui, alla luce dei gravi e concordanti indizi raccolti nell’immediatezza, si sono aperte le porte del carcere per il sospettato. Il giudice all’esito del giudizio di convalida ha applicato allo stesso la misura cautelare della custodia in carcere, unica ritenuta proporzionata alla gravità del fatto e adeguata ad evitare il compimento di nuovi e analoghi reati.


Palagonia  CT  – Tenta investire CC all’Alt: 2 ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia (CT) hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza Giuseppe MAGGIORE  36enne, ed un 20enne, entrambi di Militello Val Catania, per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, tentate lesioni aggravate e illecita detenzione e porto di munizionamento in concorso. Una  gazzella, la notte scorsa durante un servizio di controllo della circolazione stradale, svolto sulla SP 28/II, ha imposto l’alt ad una Lancia Y con due individui a bordo. Il conducente giunto in prossimità dei militari ha prima rallentato la marcia per poi accelerare bruscamente tentando di investire 1 dei 2 militari. Il carabiniere  è riuscito a schivare l’impatto lanciandosi fuori dalla strada. Il  militare, fortunatamente si è ripreso e salito sull’auto di servizio col collega, ha immediatamente inseguito i fuggitivi bloccandoli, dopo circa 6 km,  allorquando i malviventi hanno impattato l’auto contro un muro di contenimento. I carabinieri, successivamente   sul mezzo hanno rinvenuto 2 cartucce cal.12, illegalmente detenute e un paio di guanti, che sono stati sequestrati. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati ristretti ai domiciliari.  


Catania - Fermati 2 trafficanti libici, sbarco 502 migranti e 1 cadavere: ricavavano 63mila€,  pro capite 3300€. La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha coordinato le attività svolte dalla Polizia di Stato e  dalla Guardia di Finanza di Catania che hanno posto in stato di fermo di indiziato di delitto Wasim AL MORHAQ  25enne nato in Libia e Zouhair SAMIDA 27enne nato in Libia  in quanto gravemente indiziati dei reati di “associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per avere promosso ed organizzato, con  altri soggetti, allo stato ignoti, viaggi dalle coste libiche a quelle italiane, e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. La nave della Guardia Costiera norvegese “Siem Pilot”,  la  mattina  del 5 marzo era giunta nel Porto di Catania  con a bordo 502 migranti di varie nazionalità ed una salma. Le indagini avviate, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, da personale della Squadra Mobile - Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione - e da militari del locale Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno consentito di individuare i due cittadini libici quali organizzatori del viaggio, unitamente ad altri soggetti, allo stato ignoti, nonché conducenti di un’imbarcazione in legno, con al traino altro natante di piccole dimensioni, con il quale i due trafficanti si presume, sarebbero dovuti tornare sulle coste libiche, su cui viaggiavano 32 migranti, prevalentemente di nazionalità siriana, soccorsi lo scorso 3 marzo dalla nave “Siem Pilot”.Le  testimonianze rese da migranti di varia nazionalità e lingue diverse sono risultate nel corso delle indagini univoche e concordanti. 1 giovane cittadino siriano ha fornito uno spaccato del modus operandi delle organizzazioni libiche che si occupano del traffico di essere umani. Il ragazzo  siriano, dimorante in Libia da alcuni anni, ha riferito che, per conto di un gruppo di connazionali, abitanti a Zwara, aveva contattato un soggetto conosciuto come Wasim, indicato come “poliziotto libico”, per organizzare un “viaggio” con un’imbarcazione di dimensioni ridotte ma ritenuta “sicura”. Zouhair SAMIDA ha pattuito con Wasim ed altro libico indicato con il nome di Zoher,  il pagamento della somma di 95.000,00 dinari libici - circa 63 mila euro per un importo pro capite di 3.300,00 dinari - consegnando a Wasim solo parte della somma, con l’impegno che la rimanente parte l’avrebbero lasciata ad un intermediario in Libia, che l’avrebbe consegnata ai trafficanti solo dopo una telefonata di conferma del loro arrivo in Italia. In realtà, si sono accordati per versare la somma di 75.000,00 dinari libici, 40 mila da versare subito e 35 dopo l’arrivo in Italia, tanto che gli organizzatori hanno inserito nel “viaggio” anche migranti di altre nazionalità. Wasim, trascorse un paio di settimane, alle prime ore del 2 marzo scorso, aveva condotto i migranti presso il porto di Sabratah. Sulla spiaggia di Sabratah, Wasim e Zoher. I trafficanti, collaborati da altri 4 libici, hanno fatto salire i migranti su un’imbarcazione in legno sulla quale ha preso posto anche Wasim il quale si sarebbe messo alla guida del natante. Zoher, dopo avere preso posto su un natante più piccolo, al traino dell’imbarcazione con i migranti, è salito su quest’ultima mettendosi alla guida. Wasim  e Zoher avevano preso accordo con i migranti di condurli in alto mare e, poco prima dell’arrivo dei soccorsi, rientrare con il barchino verso le coste libiche. L’imbarcazione su cui viaggiavano i migranti, nel corso della traversata, ha fatto registrare un’avaria al motore ed a quel punto i due libici sono saliti a bordo del barchino promettendo di avvisare i soccorsi. Il giovane siriano, temendo che li avrebbero abbandonati con la barca che andava alla deriva, si è tuffato in mare ed è salito a bordo del  barchino per cercare di raggiungere insieme a Zoher una nave dei soccorsi, mentre Wasim è rimasto sull’imbarcazione con gli altri migranti. L’avaria al motore del barchino ha impedito di andare a cercare soccorsi che, tuttavia, non hanno tardato ad arrivare essendo stati avvistati da un elicottero che aveva dava l’allarme raccolto dalla “Siem Pilot”. I  due libici, durante la permanenza a bordo della “Siem Pilot”, hanno raccomandato ai migranti di riferire alle Autorità di essere dei pescatori che avendoli visti in difficoltà si erano fermati per aiutarli. Il loro tentativo di eludere le investigazioni, però, non è andato a buon fine grazie alle dichiarazioni, precise e concordanti, dei migranti, al report acquisito dalla nave della guardia costiera norvegese ed ai filmati dai quali non sono stati rilevati elementi che potessero far ritenere trattarsi dell’imbarcazione di pescatori. I  fermati, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Acireale CT Furti in appartamento e rapine: agenti bloccano 6: gruppo esperto. La  Polizia di Stato, oggi al termine di una complessa e articolata indagine, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha dato esecuzione ad ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa in data 16 febbraio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania nei confronti di  6 persone: Gaetano RAPISARDA 51enne, Salvatore RAPISARDA  25enne,  Alfio BARBAGALLO 37enne,  Giuseppe ANIELLO 26enne, Martino Rosario CALANDRA SCIALACOMO 45enne, nei confronti di ANIELLO e CALANDRA SCIALACOMO è stata disposta la misura degli arresti domiciliari, per Sebastiana Assunta CALABRETTA 50enne, è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. I tutori dell’ordine ritengono “i primi tre responsabili di associazione a delinquere (art.416 c.p.) finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati contro il patrimonio, in particolare furti in appartamento, furti e rapine; inoltre, tutti sono considerati responsabili,  a vario titolo, dei reati di cui agli artt. 624, 625 e 628 c.p., perché, in concorso tra loro, commettevano una serie di furti e una tentata rapina”. Il provvedimento ha accolto gli esiti di un’articolata attività investigativa, anche di natura tecnica, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e condotta dal Commissariato di P.S. di Acireale, nell’arco temporale gennaio – aprile 2016. gli investigatori hanno  individuato l’esistenza di una consolidata associazione a delinquere, radicata nel territorio acese, finalizzata, in particolare, alla commissione di furti in appartamento, nonché di un furto di ingente quantità di agrumi ed una tentata rapina. La capillare attività investigativa, corroborata da servizi tecnici e da attività classiche di “osservazione” degli indagati, ha permesso di accertare l’esistenza di questa organizzazione, strutturata secondo ruoli e specializzazioni dei singoli associati, in cui ciascuno metteva a disposizione la professionalità criminale acquisita nel tempo dando il proprio specifico contributo. La tecnica ben consolidata del gruppo criminale era quella della preventiva individuazione dell’obiettivo da colpire, nel caso specifico l’appartamento da svaligiare, in base all’orario, alla zona, alla presenza di persone nei pressi e alla possibilità di essere controllati da forze dell’ordine in servizio di controllo del territorio. Gli investigatori hanno appurato che i soggetti dopo l’individuazione del migliore obiettivo,  pianificavano le fasi e le modalità di svolgimento dei reati usufruendo, a seconda dei casi, delle capacità dei singoli, avendo sempre presente un “palo” che fungesse da allerta in caso di improvviso arrivo di forze dell’ordine o di persone.  I tutori dell’ordine nel corso dell’attività investigativa hanno rilevato che il gruppo  abbia consumato 4 furti in appartamento, una tentata rapina e un furto di agrumi; inoltre, erano stati pianificati altri “colpi” impediti da servizi appositi degli investigatori che hanno ottenuto, in tal modo, ulteriori riscontri probatori a carico degli indagati.


Catania - Polizia blocca marocchino con armi bianche antiche rubate. Si tratta del marocchino R.A.  33enne. La Polizia non potendo escludere, visti anche i precedenti penali di R.A., che le   armi possano essere di provenienza furtiva,  invita  i cittadini che sono state vittime di furto di oggetti simili e che ritengono di riconoscere le armi sequestrate come proprie, a presentarsi presso gli uffici della Polizia Ferroviaria di Catania, muniti di copia delle denunce di patito furto. I  poliziotti della Polfer - Sezione Catania Centrale, durante i servizi di prevenzione e repressione dei reati in ambito ferroviario, hanno notato un soggetto che, nel piazzale antistante l’ingresso alla stazione, portandosi 2 grossi sacchi di plastica di colore nero, si dirigeva verso l’ingresso dell’impianto ferroviario. Il sospetto, accortosi della presenza degli agenti in divisa, si è fermato dietro uno dei pilastri posti in prossimità delle porte di ingresso. L’atteggiamento ha insospettito gli agenti che  hanno deciso di procedere al controllo. Il cittadino straniero è stato accompagnato negli Uffici della Polizia Ferroviaria dove, nel corso della perquisizione personale, è stato ritrovato, all’interno dei sacchi, un vero e proprio arsenale di armi bianche dall’aspetto antico: 1 spada di un metro circa, due di circa 90 centimetri e 1 di 85 centimetri; 1 balestra smontata e 2 machete ricurvi della lunghezza di 40 centimetri ciascuno. Il fermato, che era sprovvisto di documenti, ha dichiarato di essere un cittadino marocchino, R.A.  33enne; tale informazione è stata riscontrata sia nella Banca dati interforze – dove sono emersi i numerosi pregiudizi penali per reati contro il patrimonio a carico del sospetto – sia in AFIS (la il sistema automatico di identificazione delle impronte digitali), presso cui personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica ha accertato anche che il soggetto, in passato, era stato “fotosegnalato” con diverse generalità ed era destinatario di un Ordine del Questore di Caltanissetta datato  7 novembre 2005. Nessuna indicazione è stata fornita in merito al possesso delle armi e alla loro provenienza. Il marocchino è stato denunciato per possesso senza giustificato motivo di armi, per ricettazione e per porto abusivo di armi. Le armi, che seppur dall’aspetto antico conservano un’elevata capacità offensiva, sono state sequestrate e poste a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


CataniaGualtieri, Poliziotto che arrestò Provenzano designato Questore a Catania.  Il  cambio al vertice della Questura di Catania è il 1 marzo tra il dott. Cardona ed il dott Gualtieri. Il Dirigente Generale dott. Marcello Cardona  assume la direzione della Questura di Milano, lasciando la direzione della Polizia di Stato a Catania al Dirigente Generale dott. Giuseppe Gualtieri, già Questore di Potenza. Il dottor Marcello Cardona ha trascorso a Catania, 2 anni intensi che hanno segnato una rapida evoluzione sia nella dotazione di uomini e mezzi per i servizi di controllo del territorio, che  nell’erogazione di innovativi servizi al cittadino, sempre più sottratto alla “burocrazia della presenza fisica”. Il  progetto “Passaporto Subito”, è un tangibile esempio divenendo strumento di richiesta del documento di viaggio internazionale che viaggia alla velocità della posta elettronica e che richiede la presenza del cittadino solamente nell’ineludibile momento della firma e della consegna del passaporto; il tutto con un notevole risparmio di tempo e con il minimo degli spostamenti. Il dottor Marcello Cardona ha ottenuto  successi nella lotta al crimine organizzato e l’aggressione ai beni riconducibili al malaffare, con una serie di sequestri e confische che hanno colpito l’ingente patrimonio accumulato nel tempo dai mafiosi. Un altro merito della “gestione Cardona” è stata la generale diminuzione dell’incidenza dei reati ed un’attenta gestione dell’ordine pubblico, specie in un periodo che ha visto Catania sempre più al centro di grandi eventi nazionali.  I tutori dell’ordine in   casi di occasionali eccessi dei pochi esagitati, hanno avuto la meglio col senso d’equilibrio del personale impiegato. Le forze dell’ordine hanno usato fermezza, ispirata proprio dalla massima autorità della Polizia di Stato etnea, che ha così permesso ai cittadini di vivere serenamente tutte le manifestazioni susseguitesi in città. Le  Volanti si sono avvantaggiate della “caparbietà” del Questore Cardona che è riuscito nell’arricchimento del “parco vetture” con nuove Seat Ibiza, che hanno   rinforzato i diuturni servizi di pattugliamento, ed il “parco moto” con le fiammanti BMW F700GS; ed ancora, i protocolli d’intesa con l’Ente Sordi e la nuova sede del Commissariato Librino: tappe importanti che hanno segnato l’azione della Polizia di Stato a Catania.   I  migliori auguri per il suo nuovo, prestigioso incarico al dott. Cardona. Un sincero benvenuto al dott. Giuseppe Gualtieri, poliziotto DOC che vanta un palmares di tutto rispetto, con brillanti operazioni come la cattura del latitante Bernardo Provenzano con la quale ha meritatamente conseguito la promozione per merito straordinario a Dirigente Superiore. La collettività ha la certezza che, sotto la  guida del dott. Giuseppe Gualtieri, la Questura di Catania riuscirà ad ottenere sempre migliori risultati.


Catania –  Cannizzaro:  chirurghi a 18enne siracusano salvano braccio schiacciato in sinistro stradale. Il giovane è ricoverato nel reparto di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva dell'ospedale Cannizzaro. Il  18enne è residente a Siracusa, ed era rimasto vittima di un incidente stradale verificatosi, ieri pomeriggio, lungo la Tangenziale di Catania, nel quale ha riportato un trauma complesso con fratture agli arti superiori. Il giovane ha rischiato di perdere il braccio sinistro, che è stato schiacciato ed ha strisciato sull’asfalto, con gravi danni a livello nervoso, muscolare e cutaneo. Il ferito è entrato in codice rosso in Pronto Soccorso al Cannizzaro ed è stato operato d’urgenza al Trauma Center da un’équipe di chirurghi ed ortopedici, che hanno salvato l’arto. Il  paziente, a causa dell’esposizione della ferita, gravemente contaminata, è attualmente trattato al fine di abbattere l’elevato rischio infettivo; solo successivamente sarà programmato il trattamento per la ricostruzione tendinea e cutanea. I medici, al momento, mantengono riservata la prognosi circa il recupero della piena funzionalità dell’arto sinistro. Una  donna, coinvolta nel medesimo incidente è anche ricoverata al Cannizzaro in Ortopedia, con una frattura al braccio ancora in corso di valutazione.


Catania Marito picchia moglie causandole lesioni guaribili in 30 giorni. Poliziotti del Commissariato “Centrale” hanno proceduto alla notifica di un’ordinanza di applicazione dell’obbligo di presentazione alla P.G., emessa dal GIP presso il locale Tribunale d.ssa Cercone su richiesta del Pubblico Ministero d.ssa Maresca, a carico di B.G. 38enne nato a Catania, perché resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate in pregiudizio della di lui moglie. Le indagini svolte dal Commissariato “Centrale”, compendiate in una corposa informativa di reato, hanno infatti accertato che l’indagato, in più occasioni si è reso protagonista di episodi di violenza che hanno costretto la donna a fare ricorso alle cure dei sanitari a seguito delle lesioni riportate giudicate guaribili in gg. 30.


Catania Depreda pensionato: CC, preso rapinatore seriale. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza  Lorenzo BONANNO 22enne catanese, poiché ritenuto responsabile di rapina e tentata rapina aggravate. L’equipaggio di una “gazzella”, di sera, durante un servizio di controllo del territorio nel centro cittadino, su segnalazione di alcuni passanti è intervenuto in via Duca Degli Abruzzi inseguendo e bloccando il rapinatore mentre cercava di fuggire a piedi. I  militari, nella circostanza, hanno accertato che il reo poco prima aveva aggredito e rapinato un pensionato, al quale aveva sottratto una ventina di euro,  e subito dopo, ad un centinaio di metri di distanza, aveva tentato di rapinare il cellulare ad un coetaneo che praticava jogging. La reazione veemente della vittima aveva fatto desistere e fuggire via il maldestro. Il denaro è stato recuperato è restituito al malcapitato. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza


Catania Spaccio cocaina e marijuana in via Capo Passero: 2 presi in azione. La Polizia di Stato ha tratto in arresto i già noti:

 

Claudio  CALABRETTA  52enne, Sorvegliato Speciale di P.S.; Damiano DE LUCA 26enne, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina e marijuana. Agenti della Squadra Mobile - Sezione “Antidroga” in attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti su piazza, hanno effettuato, in via Capo Passero nel rione di San Giovanni Galermo, servizi mirati che hanno consentito l’individuazione dei due soggetti intenti a cedere, a diversi acquirenti, dosi di sostanza stupefacente, previo pagamento. I poliziotti, dopo avere acquisito indubbi riscontri circa l’attività di spaccio in flagranza, Claudio CALABRETTA e Damiano DE LUCA hanno sottoposto i 2 a perquisizione personale. I tutori dell’ordine hanno rinvenuto e sequestrato numerosi involucri contenenti marijuana, per un peso complessivo di 250gr., altri contenenti cocaina per un peso complessivo di 33gr. e  la somma di euro 230, che è stata sequestrata in quanto ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Gli  arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati nel carcere di Catania “piazza Lanza” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


CataniaFurto, CC 1 in carcere, già era ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato Francesco Antonino RANNO 20enne, già sottoposto agli arresti domiciliari, su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Il giovane dovrà espiare la pena di 3 anni e 6 mesi di reclusione poiché ritenuto responsabile di un furto aggravato in concorso, reato commesso nel mese di aprile del 2015 a Catania.L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.


Catania  Viola domiciliari, CC 1 preso. I Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno bloccato nella flagranza   Giuseppe CAMPIONE 34enne, poiché ritenuto responsabile di evasione. I  militari del Nucleo Operativo di sera,  hanno riconosciuto e fermato il personaggio mentre stava percorrendo a piedi  Via del Maggiolino a Librino, in evidente violazione della misura detentiva cui era sottoposto. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato ricollocato agli arresti domiciliari.


Catania Lite per donne ed omicidio, CC 1 ricercato in manette. I  Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania su delega della Procura, hanno arrestato   Giuseppe ZUCCARO 43enne, in esecuzione di un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania poiché indagato, in concorso con Dario VALLE 40enne, in stato di custodia cautelare in carcere, per omicidio, tentato omicidio, rissa, porto e detenzione illegale di armi. Le indagini effettuate dagli investigatori dell’Arma e coordinate da questa Procura  hanno consentito di  far piena luce sul fatto di sangue che la notte dell’8 gennaio scorso causò la morte del 26enne romeno DINU FLORIN  nonché il ferimento di un altro connazionale e di un cittadino di origini marocchine, tutti attinti da colpi di arma da fuoco. gli investigatori, ricostruendo minuziosamente gli accadimenti di quella notte, hanno accertato che Giuseppe ZUCCARO, in compagnia del VALLE, si era recato presso un locale notturno di Via Scuto Costarelli dove, probabilmente sotto l’effetto dell’alcool, molestava alcune ragazze straniere.  I connazionali delle donne intervenivano  a loro difesa azzuffandosi con i due catanesi. Una ventina di minuti dopo l’alterco, i due italiani, dopo essersi allontanati, ritornavano  sul posto con due distinte autovetture, mentre il VALLE avrebbe individuato ed attirato all’esterno del locale i ragazzi con cui poco prima avevano discusso, lo  ZUCCARO avrebbe esploso in loro direzione vari colpi di pistola colpendo a morte il giovane romeno e ferendo altre due persone.  Gli  investigatori, nell’immediatezza dei fatti, avevano sottoposto a fermo di indiziato di delitto Dario VALLE 39enne, rintracciato presso l’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania, dove si era recato per farsi medicare le ferite riportate durante la rissa.  ZUCCARO, invece, irreperibile dal giorno del delitto, ieri sera, dopo una serie di servizi di osservazione e pedinamento, è stato catturato dai Carabinieri in  Via Pisacane. Lo stesso era riuscito a nascondersi grazie all’aiuto di due conoscenti, che gli assicuravano alloggio e vitto, denunciati per favoreggiamento. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.


CataniaSantapaolaErcolano”: CC, preso latitante Nizza in villa a Viagrande, con moglie e coppia amici. I carabinieri del Comando Provinciale di Catania, coordinati della Procura Distrettuale della Repubblica etnea, hanno arrestato Andrea Luca NIZZA 30enne, irreperibile dal 12 dicembre 2014 e, dal giugno 2015, inserito nell’elenco dei latitanti pericolosi del Ministero dell’Interno. NIZZA, nonostante la latitanza, secondo gli investigatori avrebbe ricoperto il ruolo di responsabile dell’omonimo gruppo criminale, quale articolazione della famiglia di cosa nostra catanese “SantapaolaErcolano”, attivo nel quartiere di Librino. Le indagini, condotte con attività tecniche e servizi dinamici sul territorio, hanno avuto come epilogo  l’intervento risolutivo di questa notte che ha visto l’impiego massiccio di militari del Nucleo Investigativo. Gli operanti, nel corso della notte, hanno fatto irruzione in una villetta, dotata di tutti i confort, situata nella periferia di Viagrande, al confine con il comune di Trecastagni. Il latitante, che non ha opposto resistenza durante l’arresto, è stato trovato in compagnia della giovane moglie in gravidanza e di due dei suoi figli. I militari all’interno dell’immobile hanno trovato anche due giovani coniugi incensurati, di 30 e 26 anni, a loro volta arrestati per favoreggiamento personale aggravato dall’aver commesso il fatto per agevolare l’organizzazione mafiosa “Santapaola – Ercolano”. I due, per quanto potuto accertare dagli investigatori nell’immediatezza dei fatti, si sarebbero presi cura della famiglia del latitante assicurando adeguata assistenza logistica. La latitanza di Andrea NIZZA ha avuto inizio dopo la sua condanna in abbreviato, nell’ambito del procedimento Fiori Bianchi, essendosi all’epoca sottratto al provvedimento restrittivo contestualmente emesso dal GUP. Il personaggio nel corso della sua latitanza ha avuto a suo carico ulteriori provvedimenti cautelari e sentenze di condanna, nessuna delle quali ancora divenuta definitiva. Nizza, il 12 gennaio 2015 ancora latitante, veniva raggiunto da un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia etnea poiché ritenuto, insieme ad altri, responsabile di Associazione di tipo mafioso, estorsione ed usura aggravata in danno di un imprenditore di Mascalucia. Il personaggio nel 22 giugno 2015 veniva raggiunto da ulteriore provvedimento restrittivo con cui veniva ritenuto responsabile, in concorso con altri, di omicidio, occultamento di cadavere, detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo. I carabinieri per ultimo, a seguito di un ulteriore provvedimento restrittivo nei confronti della famiglia di cosa nostra catanese e segnatamente del gruppo NIZZA, l’hanno eseguito il 6 luglio 2016 con la c.d. operazione “CARTHAGO”. L’inchiesta   ha portato alla sbarra 35 persone per i reati di associazione mafiosa, armi e traffico di stupefacenti, ritenute appartenenti al gruppo dei NIZZA della famiglia Santapaola, che sarebbe capeggiato proprio da Andrea NIZZA. L’esecuzione dell’ordinanza riguardò l’intero quartiere di Librino posto nella periferia sud della città, eletto dal clan Nizza quale centro di distribuzione di stupefacenti di vario tipo ed in particolare di hascisc, marijuana e cocaina. L’attività investigativa CARTHAGO prese le mosse dal rinvenimento di un maxi arsenale, composto da oltre 50 armi tra kalashnikov, pistole e fucili, effettuato dai Carabinieri sulla scorta delle prime dichiarazioni del collaboratore di giustizia Davide Seminara, già uomo di fiducia di Andrea Nizza. Le ulteriori dichiarazioni di recenti collaboratori di giustizia, riscontrate da attività di indagine tecnica e tradizionale, consentirono agli investigatori di ricostruire le attività e l’organigramma del sodalizio mafioso dei Nizza, e fare, quindi, piena luce su uno dei gruppi più agguerriti ed organizzati del panorama criminale catanese. Le investigazioni documentarono come il gruppo mafioso, operante nella zona di Librino e San Cristoforo e capeggiato rispettivamente da Fabrizio NIZZA (ora collaboratore di giustizia) e Daniele NIZZA (detenuto al 41 bis O.P.), e di seguito retto da Andrea NIZZA, avesse acquisito un peso determinante nell’ambito delle dinamiche mafiose all’interno di Cosa Nostra catanese, anche grazie all’investitura a rango di uomini d'onore di Fabrizio e Daniele Nizza avvenuta nel giugno 2008 ad opera di Santo La Causa, Carmelo Puglisi e Vincenzo Aiello.  I carabinieri hanno appurato che il gruppo facente capo ai fratelli Nizza, negli ultimi anni, sarebbe riuscito a creare un vero e proprio “cartello” della droga con il monopolio delle “piazze di spaccio” nei quartieri di Librino, San Giovanni Galermo e San Cristoforo. I militari hanno appurato che i soggetti indagati, grazie ai cospicui profitti derivanti da tale attività, avevano acquisito un peso notevole all’interno del clan Santapaola, essendo in grado di reclutare e retribuire centinaia di affiliati e di acquistare ingenti quantitativi di stupefacente da immettere sul mercato catanese garantendosi rilevanti flussi di denaro in contanti, prontamente riutilizzabili per investimenti economici, finanziari e per il  sostentamento degli affiliati già detenuti e al mantenimento degli associati al pari di una vera e propria retribuzione. I carabinieri hanno ricostruito come le attività di spaccio fossero svolte nelle singole piazze professionalmente con ripartizione di ruoli tra pusher, vedette, responsabili di zona e coloro che assicuravano il continuo rifornimento di stupefacente, e con organizzazione di turni di vendita durante tutto l’arco della giornata, così riuscendo a garantire al sodalizio proventi giornalieri pari a circa  80.000€. L’operazione di oggi costituisce un ulteriore importante risultato dell’ampia strategia di contrasto della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania e dei Carabinieri del Comando Provinciale che ha consentito di trarre in arresto, in esecuzione di numerose ordinanze cautelari, dal gennaio 2015 fino ad oggi, complessivamente oltre 60 persone per i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, e di fare piena luce su alcuni omicidi avvenuti tra il 2006 ed 2011, disarticolando definitivamente il gruppo dei fratelli NIZZA.


Catania Polizia sequestra 1000 kg marijuana in zona balneare Vaccarizzo.  La  Polizia di Stato, intorno alla mezzanotte di ieri, ha rinvenuto in contrada Vaccarizzo 1000 kg circa di marijuana, stipata all’interno di un casolare pertinente ad uno stabilimento balneare non più in funzione. Gli uomini della Squadra Nautica dell’U.P.G.S.P. già alle ore 11:30 di ieri, erano intervenuti presso la spiaggia ubicata quasi dirimpetto al luogo in contrada Vaccarizzo, su segnalazione di un anonimo che aveva visto un gommone d’ingenti dimensioni, senza persone a bordo, rimasto incagliato nella battigia ed in balia delle onde. Gli operatori hanno rinvenuto il gommone in questione, lungo mt.12, totalmente pieno d’acqua, provvisto di tre motori fuori bordo da 350 cv. cadauno, con diversi fusti di benzina. I tutori dell’ordine, tramite il personale dei Vigili del Fuoco hanno cercato ma invano di rimuovere il natante, infatti le sue ingenti dimensioni ed il mare molto agitato non l’hanno consentito.   Il  gommone appariva chiaro fosse stato appena utilizzato o per il trasporto di stupefacente o di immigrati, ma qualcosa era andato improvvisamente storto e gli scafisti l’avevano abbandonato. La conseguente attività della  Polizia ha consentito di rinvenire ben occultata in una cabina di cemento in uno stabilimento balneare abbandonato 30 colli colmi di marijuana, poi quantificata in Kg. 1000 complessivi. Gli investigatori stanno svolgendo indagini tese a chiarire i contorni della vicenda, la provenienza ed i destinatari dello stupefacente. La polizia ha sequestrato l’ingente  quantitativo di stupefacente è un sequestro operato a poca distanza di tempo da quello effettuato dalla Squadra Mobile lo scorso 25 novembre. Le forze dell’ordine ritengono importante in questo momento di feste di fine anno, agire e prevenire con azione attenta.   La  Questura di Catania infligge un duro colpo e mette un grosso freno alla criminalità dedita allo spaccio di stupefacenti, consentendo di bloccare l’immissione sul mercato della droga   e l’attività di spaccio prevista per i festeggiamenti di fine anno.  La marijuana sequestrata ieri, avrebbe fruttato, sul mercato etneo circa 3 milioni di euro.


Catania Antimafia: DIA sequestra beni a Bronte 500mila€. Uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catania dalle prime ore della mattinata stanno eseguendo il decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - su proposta avanzata dal Direttore della D.I.A., Nunzio Antonio FERLA, in sinergia con la Procura Distrettuale Antimafia di Catania diretta dal Procuratore Carmelo ZUCCARO, nei confronti di Antonio SALVA’ GAGLIOLO 36enne, ritenuto elemento di spicco della criminalità Brontese. Il Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione ha disposto il sequestro dei beni, complessivamente stimati in oltre 500.000,00 euro, consistenti in una società operante nel settore dei lavori di movimento terra, sbancamenti e demolizioni, terreni, quindici tra autoveicoli e mezzi pesanti, quattro tra conti correnti e depositi bancari.  Il personaggio vanta svariati pregiudizi penali e di polizia, essendo stato tratto in arresto più volte in flagranza di reato (tra il 1998 e il 2015) per furto aggravato, danneggiamento, ricettazione, riciclaggio di automezzi con numero di telaio alterato, associazione per delinquere, truffa, ecc., tutti reati che hanno avuto per oggetto automezzi pesanti e macchine industriali (escavatori, camion, betoniere, rulli compressori, frantoi, ecc.).  gli accertamenti minuziosi effettuati dagli investigatori sul suo conto hanno messo in evidenza come Antonio SALVA’ GAGLIOLO abbia mantenuto nel tempo una costante ed assidua frequentazione con pluripregiudicati di notevole spessore criminale ed anche, in vari casi, con soggetti indiziati di appartenenza ad associazioni di tipo mafioso, come documentato dai numerosi controlli di Polizia ai quali lo stesso è stato sottoposto.  Il soggetto il  18 dicembre 2015, da ultimo, unitamente ad altri, veniva tratto in arresto dai Carabinieri presso una cava di Priolo (SR) nella flagranza del reato di furto di materiale ferroso ed in particolare dei frantoi utilizzati per la macina delle rocce, del peso di 50 tonnellate, per il quale veniva sottoposto alla pena detentiva degli arresti domiciliari. Antonio SALVA’ GAGLIOLO, è germano del noto Daniele, il quale, nell’anno 2001, fu denunciato per concorso nel tentato omicidio del noto boss Francesco MONTAGNO BOZZONE, cl.61, ritenuto a capo dell’omonimo clan mafioso operante nell’area di Bronte e collegato al più noto e pericoloso clan dei “Carcagusi” di Catania. Il Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione, in considerazione dei reati recentemente commessi (in particolare truffa e riciclaggio), “ritenuta l’attuale pericolosità sociale del medesimo, soggetto che senza dubbio vive anche di proventi illeciti”, il  10 maggio 2016, ha applicato nei confronti di Antonio SALVA’ GAGLIOLO la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per la durata di 1 anno e 6 mesi, e di versare a titolo di cauzione 1000€. La ricostruzione del profilo  di Antonio SALVA’ GAGLIOLO operata dalla D.I.A. di Catania, che ha altresì dimostrato, con minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali, estesi anche al suo nucleo familiare, la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati, l’attività svolta e gli arricchimenti patrimoniali dello stesso, è stata positivamente valutata dal Tribunale di Catania che ha disposto, con il provvedimento ablativo in corso di esecuzione, il sequestro dei beni complessivamente stimati in 500.000,00 euro. Il patrimonio oggetto del  sequestro è composto da una società operante nel settore dei lavori di movimento terra, sbancamenti e demolizioni, terreni, nr.15 (quindici) tra autoveicoli e mezzi pesanti, nr.4 (quattro) tra conti correnti e depositi bancari.


Catania –  Mafia-estorsioni, imprenditore denuncia: CC operazione Onda d’urto a Biancavilla,  12 misure. I fermati sono: Vincenzo Salvatore PANEBIANCO 26enne già noto; Vincenzo MONFORTE 30enne incensurato; Tino CARUSO 38enne  incensurato; Placido MERLO 34enne già noto; Antonino ARICO' 34enne già noto; Angelo SANTI 39enne già noto; Alfio Ambrogio MONFORTE 47enne già noto, fermato dai Carabinieri del Comando Provinciale di  Reggio Emilia, luogo di residenza.  L’ordinanza di custodia cautelare per lo stesso reato è stata invece notificata in carcere nei confronti di altri quattro soggetti già noti: Giuseppe AMOROSO 44enne; Gregorio GANGI 27enne; Massimo MERLO 44enne; Roberto MAGLIA 29enne.I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Paternò, la mattina  del  5 dicembre 2016 a Biancavilla (CT), nell’ambito di una attività investigativa diretta da questa Procura distrettuale, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di estorsione Fabio AMOROSO, 23enne, incensurato. L’arresto è stato effettuato all’esito di una articolata attività di indagine, nell’ambito della quale un imprenditore di Biancavilla, costretto da diversi anni a pagare ingenti somme di denaro a titolo di “protezione”, collaborava con le forze dell’ordine confermando il già grave quadro indiziario. La Procura Distrettuale successivamente ha emesso il provvedimento di fermo del Pubblico Ministero di indiziato di delitto, nei confronti di altri 7 soggetti di Biancavilla, tutti ritenuti appartenenti alla criminalità organizzata, e gravemente indiziati in ordine al reato di estorsione continuata ed aggravata dal metodo mafioso. L’attività estorsiva posta in essere dagli indagati nei confronti del denunciante partiva dall’anno 2012, ma si era progressivamente aggravata con ulteriori e sempre più intollerabili vessazioni e continue richieste di somme di denaro.  I provvedimenti cautelari tengono conto,   di una lunga e complessa attività  d’indagine nei confronti di soggetti ritenuti appartenenti al clan "Mazzaglia - Toscano - Tomasello", attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”. I riscontri investigativi svolti, caratterizzati anche da attività tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche , oltre a riprese video, hanno permesso di ricostruire minuziosamente l’azione estorsiva,  e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del citato clan biancavillese. Gli  arrestati, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Catania Bicocca, ad esclusione di Alfio Ambrogio MONFORTE, associato presso l’istituto penitenziario di Reggio Emilia.


Catania 100 Carabinieri in operazione Kallipolis: DDA ordinanza per 12. L'indagine denominata Kallipolis ha fatto luce su presunte dinamiche interne al gruppo che tra il giugno del 2013 ed il novembre del 2014, sarebbe stato a guida di Pietro Carmelo Oliveri, dopo la morte del capo storico, Paolo Brunetto, e  la contemporanea detenzione domiciliare del fratello  Salvatore. Si  tratta di Alfio Di Grazia  43enne, Vito Fazio  69enne, Leonardo Fresta  34enne, Alessandro Siligato 37enne,  Francesco Pace  44enne,  Paolo Patanè 30enne; ai domiciliari è Marco Miraglia 21enne di Giarre;  l'ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere: Terni a Salvatore Brunetto  48enne,  ad Agrigento a Giuseppe Calandrino  42enne, a Lanciano (Chieti) a Pietro Carmelo Olivieri  49enne,  a Frosinone ad Alfio Patanè  38enne,  ed a Catania a Luca Daniele Zappalà 41enne. Oltre  100 sono stati i carabinieri del comando provinciale di Catania ed unità specializzate, che, dalle prime ore del mattino, hanno eseguito nella provincia ed in altre località del territorio nazionale un provvedimento restrittivo.I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito l'ordinanza del Gip nei confronti dei 12 ritenuti, dirigenti ed affiliati dei Brunetto, che opera nella fascia jonica e pedemontana dell'Etna, legato alla famiglia   catanese Santapaola - Ercolano. I reati ipotizzati a vario titolo sono associazione mafiosa, porto illegale di armi, spaccio di stupefacenti e rapina. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire l'organigramma del clan, di individuarne i capi ed i gregari. Gli inquirenti hanno   ricostruito un ingente volume di affari illegali del gruppo, riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell'economia locale, anche con l'imposizione affiliati come 'buttafuori' a discoteche e ristoranti.   Luce  fatta sul sistema di spaccio di cocaina e marijuana e scoperti elementi su rapine ad autotrasportatori al fine di agevolare l'organizzazione di appartenenza.  le  indagini avrebbero evidenziato  anche l'attenzione usata dagli associati nell'evitare controlli delle forze dell'ordine e la ricerca di armi da fuoco per affrontare eventuali aggressioni di gruppi criminali antagonisti.


Catania Omicidio Maccarrone ad Adrano:  video e dichiarazioni, Polizia  2 presi.   La  Polizia di Stato ha tratto in arresto: Antonio MAGRO 41enne, inteso “’u rannazzisi”, già noto, già detenuto per altra causa;  Massimo MERLO 44enne già noto,in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il  1 dicembre 2016 dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di omicidio aggravato nonchè di detenzione e porto illegali di arma da fuoco.Le indagini condotte dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di P.S. di Adrano hanno consentito di individuare gli autori e svelare il movente dell’omicidio di Maurizio Maccarrone, ucciso a colpi d’arma da fuoco ad Adrano la mattina del 14 novembre 2014. I particolari dell’operazione  illustrati nel corso di una conferenza stampa   presso gli uffici della Procura della Repubblica di Catania. La misura cautelare accoglie gli esiti di indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica e condotte dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di P.S. di Adrano, che hanno fatto luce sull’omicidio di Maurizio MACCARRONE (cl.1971) - avvenuto ad Adrano la mattina del 14 novembre 2014, consentendo di acquisire gravi e univoci elementi di reità nei confronti di  Antonio MAGRO e Massimo MERLO, ritenuti responsabili, il primo quale mandante e l’altro come esecutore materiale dell’omicidio.  Il delitto sarebbe stato perpetrato, alle ore 7.00 circa del 14 novembre 2014, ed a seguito di segnalazione su linea 113, personale del Commissariato P.S. di Adrano e della Squadra Mobile era intervenuto in via Cassarà dove c’era il cadavere di Maurizio MACCARRONE, di professione impiegato.I poliziotti del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica in sede di sopralluogo, avevano rinveuto e sequestrato  5 bossoli cal.7,65. Gli investigatori, da una prima ricostruzione del fatto, effettuata grazie alle immagini estrapolate da un impianto di video-sorveglianza installato nei presi del luogo teatro del fatto di sangue, avevano appurato che MACCARRONE, dopo essere uscito dall’abitazione, si dirigeva verso la sua autovettura, parcheggiata poco distante, e veniva affiancato da due individui, entrambi travisati da caschi, che viaggiavano a bordo di uno scooter. Con il mezzo in movimento il passeggero esplodeva alcuni colpi all’indirizzo della vittima che si accasciava al suolo, a questo punto il killer, sceso dal mezzo, si avvicinava velocemente alla vittima ed esplodeva, a distanza ravvicinata, ulteriori due colpi alla testa. Le investigazioni, orientate sin dalle prime battute sulla sfera personale del MACCARRONE, facevano emergere il movente passionale del delitto.  Il modus operandi dei killer ed il particolare dell’esplosione dei due colpi alla testa - c.d. “colpo di grazia” - lasciavano, tuttavia, ritenere che i killer potessero operare nei contesti della locale criminalità organizzata.  Le indagini traevano un decisivo impulso dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Gaetano DI Marco, esponente storico del sodalizio degli Scalisi, costituente locale articolazione della famiglia mafiosa Laudani, il quale riscontrava che l’episodio, sebbene riconducibile a movente passionale, era maturato nell’ambito dei gruppi mafiosi operanti nell’area di Paternò, Adrano e Biancavilla, riconducibili ai Laudani cd. “Mussi ‘i ficurinia”.  Il c.d.g. individuava il ruolo di mandante di MAGRO e quello di esecutore materiale di Massimo MERLO, entrambi operanti nell’area criminale dei Laudani, MAGRO nell’ambito del gruppo mafioso Morabito - Rapisarda di Paternò e MERLO nrl gruppo degli Scalisi di Adrano. Il movente era da individuarsi nella gelosia che MAGRO provava nei confronti di  MACCARRONE, per una presunta relazione con una donna - già individuata dagli investigatori subito dopo l’evento delittuoso – con la quale in passato il MAGRO aveva avuto, a sua volta, una relazione, motivo per il quale dava l’ordine di eliminare il MACCARRONE. Il complesso delle intercettazioni disposte dalla Procura Distrettuale di Catania ed eseguite dagli investigatori della Mobile - Sezione Criminalità Organizzata - e del Commissariato di Adrano, non disgiunte dall’analisi dei tabulati telefonici delle utenze in uso agli odierni arrestati, dagli interrogatori resi al P.M., dall’escussione delle persone informate, e non ultimo, la comparazione antropometrica effettuata nei confronti di MERLO, tra il filmato dell’omicidio ed altro appositamente acquisito, consentivano di acquisire formidabili elementi di riscontro alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia. I tutori dell’ordine da indagini hanno estrapolato   una conversazione ambientale di Massimo MERLO, il quale discorrendo con il suo interlocutore in merito all’omicidio in esame,  esclamava a voce bassa (intercettazione )Ci i’ d’arreri …n’aricchi accussì… PUM - imitando un colpo d’arma da fuoco - ….e gridava…gridava … ittava vuci”, confermando ampiamente il suo ruolo di killer. La  Procura Distrettuale della Repubblica di Catania il 26 novembre, sulla scorta degli esiti delle investigazioni, ha emesso decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di  MERLO (essendo MAGRO era già detenuto per altra causa), che veniva eseguito dagli investigatori della Polizia la mattina del successivo 28 novembre Il G.I.P., il 1 dicembre 2016, a seguito di udienza di convalida del fermo, ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti del   MERLO ed ha altresì accolto la richiesta avanzata nei confronti di Antonio MAGRO.


 

















 




Notizie

LAV : NON

 

ABBANDONARLI

 



Catania  - “Arrestatemi perché se torno libero le taglio la testa e i soldi non se li gode”. Maltratta madre vedova, per denaro : CC 23enne in manette. I carabinieri hanno appurato che  nemmeno la morte del padre avrebbe frenato la   sete di soldi.  I militari del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza un catanese di 23 anni, poiché ritenuto responsabile di tentata estorsione e percosse.   Madre  e  sorella minore, la scorsa notte, hanno chiesto aiuto al 112.  Il giovane da almeno 5 anni, appena raggiunta la maggiore età, aveva iniziato a vessare i genitori, compreso il padre malato di sclerosi multipla, con continue richieste di denaro che, se disattese, generavano azioni violente nei confronti dei genitori ed alla presenza della sorella minore. Il personaggio, anche dopo aver lasciato l’abitazione paterna non ha mai smesso di chiedere soldi, verosimilmente per l’acquisto di droga (nel 2012 aveva patteggiato una pena a 2 anni di reclusione, scontata ai domiciliari poiché ritenuto colpevole di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti), sia col genitore costretto a letto, per l’aggravarsi della malattia, che dopo il suo decesso avvenuto  pochi giorni fa. Il soggetto ieri sera, sul tardi, si è presentato sull’uscio dell’abitazione materna e pretendendo una sorte di eredità, all’ovvio diniego della poveretta, l’ha aggredita scaraventandola a terra procurandole delle lesioni e sottraendole  anche l’auto. L’intervento degli equipaggi di due “gazzelle”, oltre ha permesso alla donna di ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’Ospedale Cannizzaro per delle contusioni a spalle, braccia e gambe. I militari hanno  rintracciato poi dell’aggressore che, in caserma, di fronte alla madre ed alla sorella ha continuato imperterrito a minacciarla, gridando alla presenza dei  militari: “Arrestatemi perché se torno libero le taglio la testa e i soldi non se li gode”. I carabinieri dai successivi riscontri investigativi  hanno acclarato che il personaggio lo scorso febbraio era stato allontanato, con provvedimento, anche dall’abitazione dei nonni materni, dove aveva trovato ospitalità, sempre per atti vessatori nei confronti dei due poveri anziani. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania - Spaccio a S. Cristoforo, CC presi 2 fratelli ed 1 amico: ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza i fratelli

Antonino 32enne e  Concetto CELSO  25enne ed un 37enne, tutti catanesi, ritenuti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti. La notte scorsa gli uomini della Squadra “Lupi”, in servizio anticrimine nel popoloso quartiere di San Cristoforo, verificando una notizia appresa in strada, si sono posizionati a debita distanza per osservare quanto stava avvenendo nella zona compresa tra le Vie Alogna e Della Concordia. La zona teatro dello spaccio vedeva come protagonisti tre soggetti che, con compiti ben definiti: vedetta  il 37enne, procacciatore ed addetto alla consegna  il 32enne   e galoppino  il 25enne  i quali spacciavano droga a clienti in successione. I militari, prima di intervenire, hanno fermato nella vicina Via Plaja alcuni assuntori  trovati in possesso delle dosi di cocaina acquistate in precedenza in Via Alogna. I carabinieri, comprovata l’attività di spaccio hanno deciso di porre fine all’illecito hanno bloccato e perquisito il terzetto. I soggetti sono stati trovati in possesso di altre dosi di cocaina e 250 euro in contanti, incassati poco prima dalla vendita dello stupefacente. La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati tutti relegati agli arresti domiciliari.


CataniaRapinatore in manette, identificato dal video, preso in casa. La Polizia di Stato ha tratto in arresto Massimiliano MASITTI 24enne, già noto, perché ritenuto responsabile di tentata rapina aggravata ai danni di un supermercato del capoluogo etneo.La  Sala Operativa, a seguito della segnalazione, aveva diramato un tentativo di rapina ai danni del supermercato “Decò” nella zona di via Medaglie d’Oro, perpetrato da un individuo che era riuscito ad impossessarsi di parte dell’incasso ed a fuggire. Il rapinatore si era dileguato nonostante una breve colluttazione con alcuni dei dipendenti che l’avevano inseguito fin fuori l’esercizio, riuscendo a fargli perdere parte del bottino. I poliziotti della “Sezione Contrasto al crimine diffuso”, grazie alla visione dei filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza del supermercato, hanno riconosciuto nelle fattezze del rapinatore proprio Massimiliano MASITTI, noto personaggio per reati contro il patrimonio, ed anche sono risaliti al proprietario  del veicolo per mezzo della targa a bordo del quale il soggetto era fuggito. L’individuo è stato rintracciato nella sua abitazione dove si era appena spogliato degli abiti indossati durante la rapina infilandoli in  lavatrice. MASITTI è stato condotto presso gli uffici della Squadra Mobile,  dichiarato in   arresto per il reato di tentata rapina aggravata e condotto presso la Casa Circondariale di Catania a “Piazza Lanza”.


Catania -  Colpi con spaccata nel catanese, Polizia sgomina gang di specialisti. Il  G.i.p. del Tribunale di Catania, accogliendo la richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica, ha disposto la misura cautelare nei confronti di 11 soggetti, gravemente indiziati di essere gli autori di ben 9 furti, nel mese di ottobre e novembre del 2016, commessi ai danni di esercizi commerciali di Catania e provincia, con il metodo c.d. della “spaccata”. Si tratta di Domenico Alessandro MESSINA, Antonino CASTELLI, Luciano TUDISCO, Salvatore Concetto VACCALLUZZO, Mirko TERMINI, Santo Antonio Lorenzo GUZZARDI, cui è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere, e di Santo Alessandro TRENTUNO, Antony Michael PLATANIA, Giovanni ARENA, Salvatore MANGANARO, Agatino Francesco GRASSO, sottoposti alla misura degli arresti domiciliari. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Catania, dirette dal sostituto procuratore Gabriele Fragalà e coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro e dal procuratore aggiunto Francesco Puleio, erano state avviate in seguito alla commissione del furto perpetrato il 5 ottobre scorso ai danni del negozio di abbigliamento “ULTIMODA”, in corso Italia a Catania.  La Polizia, attraverso la visione delle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza cittadino e da altri impianti privati, ha incrociato con l’analisi delle celle di aggancio delle utenze cellulari presenti sul luogo ed al momento dei furti, ed è stata in grado d’individuare alcuni soggetti, ritenuti responsabili dei colpi. Le attività successive di intercettazione telefonica e di analisi dei tabulati telefonici hanno consentito ai tutori dell’ordine di accertare l’identità dei soggetti che, episodicamente od in modo stabile e permanente, avevano preso parte ai furti commessi con le medesime modalità nei giorni successivi, e di acquisire pertanto elementi di riscontro all’ipotesi investigativa circa l’esistenza di un sodalizio criminale specializzato nei furti con “spaccata”. Gli investigatori hanno acclarato che tale specifico modus operandi sia caratterizzato dallo sfondamento violento delle vetrine esterne dei negozi mediante l’utilizzo alternativo di veicoli di provenienza furtive o – ove i “bersagli” siano muniti di sistemi di difesa passiva – di pesanti mazze, nonché dalla successiva, fulminea razzia della merce anche di cospicuo valore custodita all’interno dei negozi. La refurtiva veniva asportata in non più di due minuti dai pur numerosi autori dei reati, rivelando un efficace coordinamento fra i vari attori e l’avvenuto consolidamento di un metodo di “lavoro” comune agli autori dei vari episodi delittuosi. I tutori dell’ordine hanno accertato le modalità esecutive ed individuato gli autori anche dei furti consumati ai danni del negozio Luflà, commesso in Zafferana Etna il 14 ottobre 2016, dell’ottica Angiolucci, commesso a Catania il 19 ottobre 2016, del calzaturificio Mickey, commesso a San Giovanni La Punta il 28 ottobre 2016, del negozio “La Bottega Di Ennio”, commesso a Catania l’1 novembre 2016, del negozio di abbigliamento “Blu”, commesso a San Giovanni La Punta il   5 novembre 2016. Le risultanze investigative hanno permesso altresì di individuare, attraverso l’analisi dei tabulati telefonici, gli autori di alcuni furti commessi con analoghe modalità in epoca immediatamente precedente all’episodio del 5 ottobre; in particolare, i furti commessi ai danni del negozio Calabrò il  3 ottobre 2016, del negozio Ultimoda Emporio il 4 ottobre 2016, ed ancora, del negozio Blu il giorno 8 ottobre 2016. La Polizia dall’analogia delle modalità operative, la reiterazione, in un ristretto arco temporale, di numerosi reati commessi con lo stesso metodo, la frequenza e stabilità dei contatti telefonici fra gli indagati, spesso collegati in modalità teleconferenza e con utenze ‘dedicate’ per coordinarsi efficacemente durante la fase esecutiva dei reati, ha  rivelato l’esistenza di un’associazione criminale “specializzata” in tale tipologia di reati, articolata attraverso una precisa ripartizione di ruoli fra i vari sodali, con la predisposizione di compiti di vedetta e di controllo del territorio – normalmente affidata ai membri di maggiore spessore criminale – in supporto di coloro cui era affidata la esecuzione materiale dei furti. Gli inquirenti sottolineano come fra gli autori materiali dei furti vi siano anche soggetti che hanno preso parte ai delitti in forza della “capacità attrattiva” e delle consolidate capacità “professionali” dei più stretti appartenenti al nucleo criminale. Le indagini hanno permesso di delineare come in caso di necessità, la qualità dei soggetti da coinvolgere nei programmi criminosi, loro era affidato il ruolo più rischioso – siccome più esposto ad eventuali interventi delle Forze dell’Ordine, nonostante l’ampio dispiegamento di pali e vedette – di esecutori materiali delle effrazioni, senza che ciò abbia mai compromesso la efficacia delle azioni criminose. La Polizia sta  svolgendo ancora indagini tese ad accertare se agli arrestati siano imputabili anche i furti commessi con metodo analogo nel corso degli ultimi giorni nel centro cittadino ed in alcuni Comuni dell’hinterland. I particolari dell’operazione sono stati resi noti dal Procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro, nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo, presso i locali della Procura Distrettuale di Catania, alla presenza del Questore e dei responsabili della Polizia di Stato di Catania.


Palagonia CT - Martellate a padre ex fidanzata del fratello, CC 1 ai domiciliari.  I Carabinieri della Stazione di Palagonia hanno arrestato nella  flagranza Salvatore BISICCHIA   44enne del luogo, per violenza privata, lesioni aggravate, danneggiamento e porto illegale di oggetti atti ad offendere. Il soggetto, ha agito di mattina intorno alle 10,30,  a seguito di un’accesa discussione, scaturita  da una serie di dissidi riconducibili alla fine del fidanzamento tra il fratello e la figlia di un 40enne del posto. Il personaggio finito ai domiciliari ha aggredito il padre della ragazza con un martello colpendolo alle braccia e danneggiandogli anche l’autovettura.  La vittima  è stata trasportata e medicata all’Ospedale di Caltagirone dove i sanitari gli hanno riscontrato delle lesioni all’avambraccio sinistro guaribili in 7 giorni. Il martello è stato rinvenuto nell’abitazione del soggetto e sequestrato. L’arrestato, espletate le formalità di rito,  è stato ristretto ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Mineo CT -  Rapina: CC trasferiscono nigeriano dal CARA Mineo al carcere. I Carabinieri della Stazione di Mineo hanno arrestato John OSAS 32enne, originario della Nigeria, su ordine di esecuzione emesso dalla Procura Generale della Corte di Appello di Catania.. I militari, di pomeriggio in località Cucinella hanno rintracciato il personaggio nel  C.A.R.A. di Mineo. Il 32enne dovrà scontare la pena residua di 1 anno, 3 mesi e 24 giorni di reclusione poiché ritenuto colpevole di rapina in concorso, lesioni personali aggravata in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale, reati commessi ad Acireale il 4 ottobre 2014.L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Caltagirone.


Catania -   Minacce morte  per ex  compagna e botte collega, 1 stalker ai domiciliari. Agenti del Commissariato Borgo Ognina ieri, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari nei riguardi di Marco Giuseppe Barbero 38enne catanese, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori. Il personaggio, esasperato per la fine della relazione sentimentale che l’ha unito alla sua vittima per 10 anni, ed ossessionato per un verso dalla volontà di recuperare un nuovo rapporto affettivo e per altro verso dal sospetto che ella potesse intrattenere un nuovo rapporto con altri, avrebbe posto in essere reiterate condotte violente e persecutorie. Il soggetto avrebbe procurato ripetute lesioni, e proferito minacce di morte attuate con un coltello ovvero gettandole dell’alcool addosso e minacciando di darle fuoco. L’individuo, tra l’altro, si sarebbe reso responsabile di costanti pedinamenti ed appostamenti nei pressi dei luoghi frequentati dalla vittima, inviandole altresì numerosissimi messaggi telefonici a tal punto che la donna, assieme alla figlia, avrebbe deciso di cambiare domicilio dopo aver vissuto un periodo di terrore e limitazione della libertà personale. Barbero, accecato dalla gelosia, si sarebbe scagliato contro un collega di lavoro della vittima il quale si era reso disponibile ad accompagnare la donna sino a casa, procurandogli lesioni personali guaribili in giorni 25, nello specifico trauma facciale, ferita labbro inferiore e padiglione auricolare. La vittima ed il collega  hanno denunciato  i fatti. L’attività info-investigative ha consentito di acquisire riscontri utili e prove testimoniali grazie a cui il Barbero è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.


AcirealeCC bloccano ambulante con droga tra ortofrutta. I Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno preso in flagranza Lucio BOMBACI 49enne, del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile,  di pomeriggio, in  Piazza San Domenico, ha sottoposto a controllo e perquisizione il venditore ambulante e la sua Ape Piaggio, utilizzata per la vendita in strada di prodotti ortofrutticoli. I militari  proprio tra la merce, hanno rinvenuto e sequestrato 3 dosi di “hashish”. I  Carabinieri, estendendo la perquisizione nell’abitazione dell’ambulante, hanno  scovato e sottoposto a sequestro 18 grammi della medesima sostanza stupefacente nonché 1 bilancino elettronico di precisione.


Catania Violenza sessuale a 2 donne,1 minore: CC da video localizzano ed ammanettano 30enne. I Carabinieri della Stazione di Aci Castello hanno arrestato, il 20 febbraio 2017, a conclusione di delicate indagini condotte della Procura della Repubblica di Catania, A.T. 30enne catanese già noto, per il delitto di violenza sessuale, in esecuzione di provvedimento cautelare in carcere emesso dal Gip di Catania, su conforme richiesta della locale Procura. I fatti che hanno determinato l’avvio delle indagini riguardano 2 vittime, di cui 1  minorenne, e si sono verificati nei mesi di Febbraio e di Dicembre dello scorso anno. La  vittima, con riferimento all’episodio di Febbraio, aveva denunciato ai Carabinieri di Acicastello di essere stata avvicinata di sorpresa dal soggetto mentre rientrava a casa a tarda serata, di essere stata aggredita alle spalle e di essere stata toccata nelle parti intime con il deliberato scopo di subire atti sessuali. La vittima, nonostante fosse terrorizzata, è riuscita a liberarsi dall’aggressione grazie alla sua pronta reazione, dando un calcio al turpe e riuscendo così a scappare. Il  molestatore a Dicembre, aveva adocchiato una minorenne, lasciata qualche minuto in macchina da sola dal fratello: il soggetto avvicinandosi all’auto aveva prima tentato di aprire lo sportello ma, non riuscendoci, aveva iniziato a masturbarsi dinanzi alla ragazza, sconvolta.  I Carabinieri della Stazione di Aci Castello, subito dopo aver ricevuta la denuncia di violenza sessuale commessa nel mese di febbraio, hanno avviato immediatamente approfondite indagini che hanno consentito in breve tempo di identificare l’indagato. L’intuizione di un militare dell’Arma si è rivelata preziosa ed ha  dato contributo al buon esito delle indagini. Il  carabiniere visionando i filmati acquisiti dai sistemi di videosorveglianza di centri commerciali vicini alla zona delle violenze, aveva notato la presenza della stessa auto nelle vicinanze dei luoghi indicati dalle vittime,  la vettura che già in passato era stata segnalata da un’altra vittima, come quella in uso al molestatore. L’indagato è stato tradotto presso il carcere di Piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria etnea.


Trecastagni  CTCC, donna in manette per estorsione in concorso. I Carabinieri della Stazione di Trecastagni (CT) hanno arrestato Carmela POLIZZI 56enne, del luogo, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catania. La donna dovrà espiare la pena di 2 anni, 2 mesi e 10 giorni di reclusione poiché riconosciuta responsabile di estorsione in concorso, commessa a Catania nel 2012 ai danni di  un commerciante.  L’arrestata è stata associata nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania  Estorsione con “cavallo di ritorno”: CC, 1 in manette. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato  Giovanni DI BENEDETTO 20enne catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Il giovane già noto, condannato per furto aggravato motorino ed estorsione, reati commessi nell’aprile del 2015 a Catania,  dovrà espiare la pena di 3 anni  e 6 mesi  di reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza dov’è stato associato al termine delle formalità di rito.


Nicolosi CTPestano avversario per futili motivi: CC 2  presi. I  Carabinieri della Stazione di Nicolosi (CT) la scorsa settimana, hanno  proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di

Biagio RAPISARDA 43enne e di un 21enne, entrambi del posto, ritenuti responsabili di lesioni gravi in concorso. I  due, la mattina del 31 gennaio in via Re Martino a Nicolosi, a seguito di una discussione animata, scaturita per futili motivi, aggredirono a calci e pugni un 48enne. La vittima, per le gravi lesioni riportate, fu trasportata e medicata nell’Ospedale di Paternò dove i sanitari riscontarono: trauma cranico facciale  ed all’orbita dx, una contusione al torace con una prognosi di 40 giorni. I militari intervenuti immediatamente sul posto avviarono una veloce attività investigativa che permise di  identificare e bloccare gli autori del pestaggio. L’Autorità Giudiziaria tenuto conto delle risultanze investigative prodotte dai Carabinieri, che hanno raccolto indizi inequivocabili di reità nei confronti dei due, dopo aver confermato il fermo dei personaggi, ha disposto gli arresti domiciliari per il 21enne e la traduzione di RAPISARDA nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania - CC, rapinatore “trasfertista” in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato il catanese  Giuseppe NICOLOSI 30enne, in esecuzione di un ordine per la  carcerazione emesso dal Tribunale di Messina. Il personaggio dovrà espiare la pena residua di 4 anni  e 5 mesi di reclusione poiché riconosciuto colpevole di rapina aggravata, reato commesso a Roccavaldina (ME) nel 2014. L’arrestato è stato rinchiuso  nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania Ai domiciliari per maltrattamenti familiari ed atti persecutori evade: CC, 1 in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante hanno arrestato  il  catanese Nunzio RIOLO 38enne, già agli arresti domiciliari per maltrattamenti contro i familiari conviventi ed atti persecutori, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania. Il provvedimento è scaturito dalle evasioni dai domiciliari commesse dal 38enne ed accertate dai Carabinieri il 2 dicembre ed il 12 gennaio scorsi. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Piazza Lanza.


Mascalucia  CTDonna costretta a subire attenzioni sessuali: CC 1 compaesano bloccato. Il soggetto costringeva da mesi  la vittima. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia (CT) hanno arrestato un 57enne, del luogo per violenza sessuale. I militari, di sera, a seguito di una telefonata della vittima al 112 la quale era riuscita chiedere aiuto nascondendosi nel bagno, sono intervenuti in un’abitazione del centro cittadino. I Carabinieri giunti immediatamente sul posto hanno bloccato il soggetto dopo averlo sorpreso mentre con violenza stava costringendo la donna a subire atti sessuali, dopo essersi introdotto nel domicilio di quest’ultima con il pretesto di doverle parlare. I militari, nella circostanza, hanno accertato che la vittima, una 42enne del luogo, subiva reiteratamente delle attenzioni di natura sessuale da parte del  57enne dal settembre scorso. L’arrestato è stato trattenuto in una camera di sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.


Palagonia  CTCC preso 1 con 110g. marijuana, ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palagonia (CT) hanno arrestato nella flagranza un 34enne, di Ramacca (CT), per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Una  gazzella, di sera durante un servizio di controllo del territorio nel centro cittadino di Ramacca, in viale Regina Margherita ha imposto l’Alt al soggetto alla guida di una Opel Astra.  I  militari hanno proceduto ad una perquisizione personale e veicolare rinvenendo, abilmente occultata sotto il sedile anteriore, 1 busta di plastica contenente 110 grammi di, 2 bilancini elettronici di precisione e la somma contante di 20 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio, che sono stati sequestrati. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è strato posto ai domiciliari.


Ramacca CT -Carabinieri denunciano  titolare centro scommesse.  I Carabinieri della Stazione di Ramacca (CT) coadiuvati da personale dell’AAMS hanno effettuato dei controlli in diverse sale giochi della giurisdizione denunciando alla Procura della Repubblica di Catania un 32enne, del luogo, per esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa.I militari, durante un’ispezione in un centro scommesse cittadino che  gestisce il personaggio in questione, hanno rinvenuto e sequestrato 2 computer collegati ad un server esterno, non riconosciuti dai monopoli di stato, in violazione delle norme in materia di giochi e scommesse.


Catania –  CC intercettano corriere con 30 Kg marijuana: 1 in manette.  I Carabinieri della Compagnia di  Giarre (CT) hanno arrestato nella flagranza  Marino DEL VECCHIO 40enne del luogo,  per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.  L’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile, di mattina, verso le ore 12, durante un servizio di controllo alla circolazione stradale in via San Matteo nella frazione di Macchia, ha imposto l’Alt  al soggetto a bordo di una Fiat 500. il guidatore   non si è  fermato ed è fuggito. I militari hanno inseguito il fuggitivo per le vie cittadine. Il conducente durante la corsa ha effettuato diverse manovre pericolose perdendo infine il controllo del mezzo andando a collidere con un’auto  regolarmente parcheggiata in Via Marsala. L’individuo, ha abbandonato l’auto, ed è fuggito a piedi ma, è stato inseguito dai due carabinieri. I militari dopo una cinquantina di metri hanno  bloccato ed ammanettato Del Vecchio. I tutori dell’ordine nell’abitacolo dell’auto hanno rinvenuto e sequestrato 25 panetti contenenti 30 Kg di marijuana. La droga, del valore al dettaglio di circa 300.000 euro, è stata sequestrata mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania a Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania –  Adrano intitola strada a Carabiniere “Angelo ROGNONI”.  La cerimonia in onore dell’eroe dell’Arma Medaglia d'Argento al Valor Militare alla Memoria, si è svolta di mattina ad Adrano.  Il  Real Carabiniere Angelo ROGNONI originario di Dorno, in provincia di Pavia,   nel lontano 1905 sacrificò la sua vita per il bene della collettività adranita poiché “insieme a due soldati, coraggiosamente inseguiva alcuni malfattori e, colpito da una fucilata, mentre cadeva vittima del dovere, rincuorava i suoi dipendenti con animose parole”. L’eroico gesto ha spinto l’amministrazione comunale adranita ad intitolare la via che costeggia la locale Stazione Carabinieri nonché ad inaugurare la nuova sede della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri dedicandola sempre al giovane militare che riposa nel cimitero cittadino. Il  programma si è svolto alla presenza del Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Brigata Riccardo GALLETTA, accompagnato  dal Comandante Provinciale di Catania, Colonnello Francesco GARGARO, con la deposizione di una corona d’alloro sul sacello dell’eroe nel cimitero cittadino. La manifestazione è proseguita  con l’intitolazione della via al Carabiniere “Angelo ROGNONI” ed infine con l’inaugurazione della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Piazza Umberto. Il Generale GALLETTA prendendo la parola durante la cerimonia, oltre a ringraziare il Sindaco e tutta l’amministrazione comunale, si è rivolto ai numerosi giovani presenti all’evento. L’alto ufficiale ha sottolineato che “la figura del Carabiniere Rognoni può essere per loro un grande esempio di coraggio e profondo senso del dovere”. Nell’ambito della celebrazione dell’eroe, nel pomeriggio alle 17.30, nel teatro Bellini di Adrano avrà luogo un concerto della Fanfara del 12° Battaglione Carabinieri Sicilia.


 Catania –  Romeno preso per furto: era evaso dai domiciliari.  Agente del Commissariato “Centrale” libero dal servizio, ieri mattina, ha arrestato il già noto Sandel Marcel NICOTRA 24enne nato in Romania, nella flagranza di furto aggravato ed evasione. Il soggetto, alle ore 7,00 circa, è stato fermato dopo aver asportato in un pubblico locale  in piazza Sapienza, 1 bicicletta, 1 contenitore con del denaro e una serie di bottiglie di liquore. I tutori dell’ordine nel corso del sopralluogo effettuato hanno accertato che NICOTRA, aveva forzato la saracinesca del locale utilizzando un tubo “Innocenti” che è stato sequestrato. I poliziotti, durante l’espletamento delle formalità di rito, hanno acclarato che l’arrestato sin dal 23 agosto precedente, si era reso irreperibile, evadendo dagli arresti domiciliari cui si trovava sottoposto presso la sua abitazione di Adrano per il reato di violenza o minaccia a P.U..  NICOTRA è stato pertanto trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione, nella mattinata, del processo per direttissima.








 


ASCOLTA TUTTE  LE  INTERVISTE


CHI SONO



 

visitatori