NOTIZIE

ULTIMORA

 

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI
   FRANCOFONTE
TAORMINA-G.NAXOS
 TAORMINA-CULTURA

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new

 



Catania -   Spaccio, a Borgo, CC Lupi bloccano 3 in azione e sequestrano ½kg  droga. I militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza i catanesi Adriano GRASSO 28enne, Federico GRASSO 25enne e  Gabriele BERETTI 30enne, poiché ritenuti responsabili del concorso in spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I personaggi, avevano organizzato un’area di spaccio tra le Vie Consolazione e Guglielmo dividendosi scrupolosamente le mansioni: BERETTI, posto all’angolo tra le 2 strade e con in testa un casco da moto di colore nero, fungeva da vedetta ed indirizzava i clienti in Via Guglielmo dove ad attenderli vi era   Adriano GRASSO che prendeva le “ordinazioni” ed allontanandosi di una ventina di metri raggiungeva  Federico GRASSO “custode della droga” posta sul muro di cinta di una casa diroccata da dove passava al complice le dosi richieste da piazzare in cambio di denaro alla clientela. L’urlo della vedetta alla vista dei Carabinieri, lanciato in tipico gergo catanese:  “Auu, Occhiu!!!”,  a nulla è valso, in quanto i militari della Squadra Lupi sono riusciti in pochi secondi a bloccare ed ammanettare la vedetta ed il pusher scovando dentro la casa diroccata il terzo complice mentre cercava di nascondere 2 buste di plastica contenenti in totale 540 grammi di marijuana di cui una parte,  38 dosi, già pronta ad essere smerciata. La droga è stata posta sotto sequestro mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati relegati agli arresti domiciliari.


Paternò CT –  Evaso dai domiciliari è preso a spasso in festa patronale, CC condotto in carcere. I  Carabinieri della Stazione di Paternò, la notte scorsa, hanno arrestato nella flagranza     Carmelo ASERO 30enne del posto,  poiché ritenuto responsabile di evasione. I militari di pattuglia a piedi l’hanno sorpreso in Piazza Santa Barbara mentre stava partecipando ai preparativi per la festa della Santa Patrona di Paternò in evidente violazione della misura detentiva che lo voleva relegato agli arresti domiciliari. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania -  Gruppo Picanello, CC sequestrano  beni Pavone. I militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Catania, su delega di questa Procura Distrettuale della Repubblica, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro dei beni, emesso dal Tribunale di Catania – sezione misure di prevenzione  ai sensi del D. Lgs. 159/11 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione), finalizzato alla successiva confisca, nei confronti di Lorenzo PAVONE 47enne  nato a Catania, in atto detenuto. Le indagini patrimoniali svolte dai Carabinieri, relative al periodo 2005-2016, hanno fatto emergere che al Pavone, apparentemente impossidente, sono invece riferibili, in modo indiretto e per il tramite di intestazioni fittizie, beni immobili e mobili e attività di impresa, il cui valore appare sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati dal soggetto e dai componenti il suo nucleo familiare.   Oggetto  di sequestro sono: 1 appartamento a Catania; 2 auto  ed 1 moto ; 1 impresa individuale (rosticceria) a Catania, del valore complessivo di € 250.000 circa. Il personaggio è stato più volte condannato per associazione di tipo mafioso, in particolare: con sentenza del 14 dicembre 2004, la  Corte di Assise di Appello di Catania l’ha condannato alla pena di 4 anni   e 6 mesi  di reclusione per aver partecipato all’associazione mafiosa “Santapaola”;  il 10 dicembre 2014, il G.U.P. del Tribunale di Catania l’ha condannato alla pena di 8 anni  di reclusione per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell’operazione denominata “Fiori Bianchi”; con sentenza del 19.06.2015, la Corte di Appello di Catania lo ha condannato alla pena di anni sei di reclusione, per estorsione aggravata; con sentenza del 10 dicembre 2016, la Corte di Appello di Catania l’ha condannato alla pena di 2 anni  e 6 mesi   di reclusione, per aver partecipato all’associazione mafiosa “Santapaola”. Il personaggio per ultimo, il   9 gennaio 2017, nell’ambito dell’operazione denominata “Orfeo”, è stato raggiunto da un’ ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. di Catania in quanto gravemente indiziato di aver fatto parte con ruolo direttivo ed organizzativo all’associazione mafiosa “Santapaola” ed in particolare del gruppo di “Picanello”.


Catania CC, 1 romeno in carcere per furto in abitazione. I militari del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo Carabinieri di Catania hanno arrestato Costid Dorinel VENACHE 28enne romeno, in esecuzione ad un ordine di carcerazione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna, dovendo espiare 1 anno e 9 mesi  di reclusione per furto aggravato in concorso e violazione di domicilio. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso il Carcere di Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania -  Rapina  Banca in Toscana, CC  21enne catanese ai domiciliari. I  militari della Tenenza Carabinieri di Misterbianco (CT), di mattina, hanno arrestato un 21enne catanese in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare del Tribunale di Firenze in quanto responsabile di una rapina commessa nel settembre 2016 presso l’istituto di credito “CARIPARMA” di Sesto Fiorentino (FI). Il giovane è stato sottoposto in regime di custodia domiciliare come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania - 72enne siracusano ruba tartaruga argento in  negozio, filmato e scoperto, restituisce e dice colpo per scaramanzia.

 Il titolare di un’attività commerciale in centro storico, nei giorni scorsi, aveva presentato una querela presso il Commissariato Borgo-Ognina e rappresentato che un cliente, approfittando della sua distrazione, aveva sottratto dal bancone una statuetta raffigurante una tartaruga in argento, dal valore economico  100 euro,  nascondendola nel giaccone. Il commerciante, accortosi di tale ammanco il giorno successivo, era riuscito ad acquisire alcuni elementi utili ai fini delle indagini e li ha allegati alla querela. La polizia a seguito di mirata attività investigativa, era  giunta all’identificazione del malfattore, C.F. di 72 anni, di Siracusa, con precedenti specifici per reati contro il patrimonio che, visti i fatti, è stato indagato in stato di libertà per il reato di furto aggravato. L’autore del misfatto è stato individuato grazie ad un sistema di video telecamera e ad una copia del documento d’identità che lo stesso aveva utilizzato all’interno di un esercizio commerciale del centro storico per intestarsi una scheda telefonica sim, circostanza che sicuramente aveva dimenticato. Il  maldestro di fronte all’evidenza dei fatti, ha confessato e spontaneamente ha dichiarato di avere compiuto tale gesto per “scaramanzia”. L’indagato, il giorno dopo, si è recato presso l’esercizio commerciale,   si è scusato ed ha restituito la tartaruga al legittimo proprietario che, vista la restituzione, ha ritirato la querela.


Mascalucia  CT – CC 1 ai domiciliari per usura. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno arrestato ai domiciliari

Carmelo SCUDERI 56enne, già sottoposto agli arresti domiciliari, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania. Il soggetto, riconosciuto colpevole di usura reato commesso a Mascalucia tra il 2012 ed il 2014, dovrà espiare la pena residua di 2 anni e 17 giorni di reclusione.L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nuovamente ai domiciliari dove sconterà l’ulteriore pena, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Viagrande CT – CC,  1 in carcere: estorsione in concorso ad Acireale.  I Carabinieri della Stazione di Viagrande hanno arrestato Giuseppe FICHERA 46enne, del luogo, su ordine di esecuzione per espiazione pena detentiva emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di  Appello  di Catania. Il soggetto, ritenuto colpevole di un’estorsione in concorso commessa ad Acireale  nel 2009, dovrà scontare la pena di 3 anni e 6 mesi di reclusione.L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Aci Catena CT -   Donna vittima di stalker, molestata e perseguitata, CC 1 in carcere.  I Carabinieri della Stazione di Aci Catena hanno arrestato un 50enne, del luogo, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catania, poiché indagato per  atti persecutori. Lui  era già ai domiciliari, per aver violato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex convivente, ed aver continuato a perseguitare e molestare la donna seguendola ed appostandosi nei pressi dell’abitazione. L’Autorità Giudiziaria valutata la gravità della situazione, tenendo conto delle ripetute violazioni commesse dal soggetto ed accertate dai Carabinieri, ha ritenuto opportuno aggravarne la misura restrittiva ordinando   l’arresto ed il trasferimento nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Catania GuardiaCoste salva  bagnante da annegamento a S.G. Li Cuti. La  Sala Operativa della Capitaneria di porto di Catania, ieri pomeriggio, è stata allertata da una segnalazione pervenuta al numero d’emergenza in mare 1530, ed è stata impegnata nel coordinamento delle operazioni di ricerca e salvataggio di un bagnante in difficoltà nelle acque antistanti località S. G. LI CUTI. Lo sfortunato nuotatore era stato sorpreso dal repentino peggioramento delle instabili condizioni meteo marine delle ultime ore.  Le operazioni di soccorso sono scattate immediatamente, grazie alla tempestiva segnalazione effettuata da una cittadino che ha notato, nei pressi del solarium di Piazza Europa, il bagnante in una situazione di evidente pericolo. L’arrivo immediato in zona della Motovedetta della Guardia Costiera CP 888, impiegata nelle operazioni di ricerca e soccorso 24 ore su 24,  ha con un tempestivo intervento tratto in salvo il malcapitato trasportandolo, successivamente, presso i locali della Capitaneria di Porto di Catania. Il  bagnante è stato  affidato alle cure del personale medico del 118. I sanitari, dopo aver constatato la presenza di crampi agli arti inferiori ed un principio d’ipotermia, ha provveduto al trasporto in ambulanza del malcapitato presso un nosocomio cittadino per le verifiche sanitarie  del  caso.


Catania –Nascituro messo in vendita su Facebook: Polizia Postale denuncia donna TROLL. La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha indagato in stato di libertà una donna di 28 anni residente a Milano per avere pubblicato on line un annuncio in cui proponeva a terzi la vendita del proprio nascituro. Tale condotta è sanzionata penalmente dall’art.71 legge 184/83. L’indagine è stata avviata a seguito del rinvenimento, da parte del personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania, di un annuncio sulla pagina Facebook “Compro e vendo tutto” in cui una utente, asserendo di essere al quinto mese di gravidanza e pubblicando l’ecografia del feto, proponeva il nascituro al miglior offerente con prezzo di partenza di 10.000 euro. Le indagini della Polizia Postale hanno consentito di identificare l’utente che è stata sottoposta a perquisizione domiciliare ed informatica prontamente disposta dalla Procura Distrettuale di Catania ed eseguita dalla Polizia Postale di Milano. L’indagata, coniugata, con un impiego di addetta in un esercizio commerciale, ha ammesso di essere stata l’autrice dell’annuncio ma ha riferito di averlo scritto in maniera provocatoria, in qualità di “troll”, ovvero utente che pubblica messaggi provocatori con la finalità di creare disturbo e fomentare gli utenti. La  donna, che non era in stato di gravidanza, aveva prelevato l’immagine della ecografia in Rete da un gruppo web di mamme e, per attirare l’attenzione nel gruppo Facebook, l’aveva pubblicato con allegata la proposta di vendita. Un troll, termine che deriva dalla mitologia scandinava, nel gergo di internet è un soggetto che interagisce con altri nell’ambito degli spazi virtuali, pubblicando scritti possibilmente falsi, diffamatori, molesti, fortemente provocatori, al fine di attirare l’attenzione, fomentare le discussioni e disturbare. La Polizia Postale consiglia di non rispondere ai troll, ignorando le provocazioni e segnalando, comunque, i contenuti che potrebbero configurare reati procedibili d’ufficio o imminenti pericoli al fine, in ogni caso, di verificarne la fondatezza. Coloro che si rendono autori di tali condotte possono rendersi responsabili di illeciti penalmente o civilmente perseguibili.


Misterbianco CT– Carabinieri bloccano 1 rapinatore in azione a distributore benzina. I militari della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato nella  flagranza

Orazio CASTRO 21enne, già sottoposto al divieto di ritorno nel comune di Misterbianco ed all’obbligo di soggiorno a Catania. il giovanecon altri due complici, stanotte, è giunto a bordo di una Lancia Delta in un distributore carburanti nella strada per San Giovanni Galermo. I rapinatori   con i volti  travisati da passamontagna ed armati di coltello, hanno aggredito l’addetto alla cassa  facendosi consegnare la somma in contante di 100 euro. Una pattuglia, che in quel momento stava transitando in quella strada, ha notato la scena criminosa ed è intervenuta immediatamente. I tre rapinatori, accortisi dell’arrivo dei militari, hanno tentato la fuga prendendo direzioni diverse. Il 21enne dopo un breve inseguimento è stato raggiunto in via Poggio Lupo e bloccato, mentre gli altri due rei sono riusciti a dileguarsi. L’auto  Lancia Delta, risultata rubata il 14 settembre scorso a Catenanuova, è stata restituita al legittimo proprietario. Il coltello ed il passamontagna utilizzati dal fermato sono stati sequestrati. La somma rapinata è stata recuperata e restituita al responsabile del distributore carburanti. La vittima, che durante la rapina è stata aggredita dai malviventi,  ha riportato un trauma contusivo alla spalla sinistra guaribile in 7 giorni. Le indagini sono ancora in corso al fine di identificare i due fuggitivi.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania – Prostituzione su web e strada, carabinieri ammanettano coppia che organizza chat incontri. 2 arrestati per sfruttamento della prostituzione. I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante collaborati dai militari del Nucleo Radiomobile, della Compagnia d’Intervento Operativo del battaglione "Sicilia" hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto della prostituzione nel capoluogo etneo. I militari del Nucleo Operativo di piazza Dante hanno arrestato nella flagranza un 43enne e la convivente di 37 anni, entrambi catanesi, per il concorso in favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. I Carabinieri hanno accertato che la 37enne, tramite un’inserzione fatta dal convivente tramite un sito web di incontri hot, contattava i clienti e concordava con loro prezzo e modalità delle prestazioni sessuali offerte da una catanese di 45 anni al soldo della coppia. Lui invece accompagnava la clientela nell’appartamento dove l’amica riceveva, previo il pagamento per ogni prestazione, la somma di 100 euro.  Gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati relegati agli arresti domiciliari.  I Carabinieri hanno anche svolto contrasto alla prostituzione nel centro cittadino. I militari hanno bloccato 7 donne durante i controlli nelle aree di via Don Luigi Sturzo, Corso dei Martiri della Libertà, via di Prima, Piazza Spirito Santo, Viale Africa, Piazza Papa Giovanni XXIII°, Piazza Galatea, Piazza Europa e nei pressi del porticciolo Rossi. I carabinieri  hanno identificato le  7 ragazze mentre stavano esercitando l’attività e 10 clienti, “pizzicati” proprio nel momento in cui facevano salire in macchina le prostitute o mentre le riaccompagnavano in strada. Una prostituta  21enne originaria delle Romania, già allontanata dall’Italia nel 2015, è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Catania per violazione della normativa vigente in materia di limitazione al diritto di ingresso e di soggiorno per i cittadini dell'U.E., essendo rientrata nel territorio nazionale prima dei 5 anni previsti. Ai dieci clienti sono state contestate sanzioni per un importo totale di 3.400 euro in applicazione della legge 48/2017 e dell’ordinanza del Sindaco di Catania 50/2017. I Carabinieri nel contesto di tale servizio hanno identificato due parcheggiatori  abusivi  ai quali sono stati sequestrati oltre 3.000€ ed elevate contravvenzioni per l’ammontare di 2.000€.  


Trecastagni  CT-  Paziente in Guardia Medica, dopo le cure violenta dottoressa, preso ancora seminudo dai CC. Il soggetto che ha violentato il medico 51enne è un 26enne abitante Santa Venerina.  L’autore del turpe gesto, la notte scorsa intorno alle 02,30, si era presentato nella  Guardia Medica di Via Agostino De Pretis a Trecastagni,per ricevere cure ed assistenza. L’individuo, dopo aver ricevuto l’auto medico dalla dott.ssa di turno le ha usato violenza sessuale. Il turpe, già noto, è stato bloccato ed arrestato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Acireale mentre era ancora seminudo. Il personaggio ha anche  cercato di fuggire dalla struttura, ma invano. La donna 51enne vittima, della violenza si trova ancora ricoverata all’Ospedale di Acireale per gli accertamenti sanitari di rito. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Catania  - Scippò donna 80enne, identificato dai Carabinieri. I militari della Stazione di Catania Piazza Verga nei giorni scorsi hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del catanese

Antonio CRISTALDI 42enne, indagato di rapina aggravata in concorso, lesioni personali ed evasione. Il soggetto il 26 ottobre 2016, aiutato da una donna di 34 anni, già arrestata dai Carabinieri di Piazza Verga nel febbraio scorso per il medesimo reato, dopo essere evaso dai domiciliari, bloccò in Via Fabio Filzi una pensionata di 80 anni strappandole gli orecchini dai padiglioni auricolari e fuggendo su di una Citroen C2 guidata proprio dalla complice.  Gli investigatori, ricostruendo minuziosamente il reato, attraverso i filmati delle telecamere attive nella zona, hanno rilevato la targa dell’auto risalendo alla identità della donna per poi riuscire a dare un volto all’autore materiale. Il quadro probatorio rappresentato dai Carabinieri all’Autorità Giudiziaria ha consentito al G.I.P. del Tribunale di Catania di emettere il provvedimento restrittivo che è stato notificato all’indagato nel carcere di Enna dov’è rinchiuso per altra causa.   


Catania  - Colf italiana ruba assegni e bancomat ad assistita 79enne, 2 sorelle denunciate. Si tratta della colf M.P.C. 55enne e della congiunta coetanea A.E.C. Una  donna anziana, nei giorni scorsi, ha denunciato lo smarrimento dei documenti d’identità e del bancomat presso il Commissariato Borgo-Ognina.  La vittima, poi si è recata in banca e chiedere l’emissione di un nuovo bancomat e, casualmente, si è accorta che erano stati incassati a sua insaputa 3 assegni per un importo totale di 9000€ (1 da 5000€ 2 da 2000€), quindi buona parte dei suoi risparmi derivanti dalla pensione. La vittima a questo punto, ha presentato una seconda denuncia di furto affermando che ignoti avevano asportato un blocchetto di assegni posto sopra il comodino nella stanza stanza. La  vittima ha indirizzato i suoi sospetti sulla sua collaboratrice domestica, italiana, 55enne e priva di contratto di lavoro, quindi in nero. I poliziotti, a seguito di attività investigativa, sono riusciti a ricostruire i fatti ed identificare la responsabile dell’inganno. La  domestica M.P.C., in base alla ricostruzione dei fatti, dopo aver rubato gli assegni ed i documenti, ha consegnato la refurtiva alla propria sorella A.E.C.  La congiunta, nei giorni seguenti e con le dovute cautele, ha cambiato i titoli presso più istituti bancari incassando il denaro in contante in modo da disperderne le tracce ed a tal fine, è riuscita altresì ad eludere i controlli delle banche apponendo sui titoli firme verosimili, circostanza resa possibile grazie anche al furto del documento d’identità dove vi è apposta la firma per esteso. La  donna badante che ha asportato gli assegni a questo punto è stata indagata in stato di libertà per il reato di furto mentre la sorella per ricettazione. Le  2 sorelle, una volta smascherato il disegno criminoso, hanno ammesso le loro responsabilità senza tuttavia restituire, ad oggi, le somme di denaro. La polizia ha accertato  che la responsabile del furto annovera numerosi precedenti penali specifici per aver in passato rubato presso altre abitazioni, secondo le medesime modalità e celandosi sotto la veste di colf.


Palagonia CT – Carabinieri ammanettano stalker. Il soggetto era ossessionato ed ha  perseguitato l’ex fino al carcere.   I Carabinieri della Stazione di Palagonia hanno arrestato un 25enne del posto, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Caltagirone. Lo stalker,  non accettando la decisione della convivente sua coetanea di lasciarlo, aveva continuato a vessarla con ogni possibile mezzo creando nella donna una stato d’ansia che nel tempo ne aveva minato il regolare vivere quotidiano. La vittima, seppur terrorizzata, ha trovato il coraggio di rivolgersi ai carabinieri denunciando gli accadimenti. I militari, ricostruendo i fatti narrati dalla poveretta, sono riusciti a raffigurare a carico del soggetto un quadro probatorio tale da convincere il giudice ad ordinarne  l’arresto e la reclusione nel carcere di Caltagirone poiché indagato del reato di “atti persecutori”.


Motta S.Anastasia CT-  Picchia convivente, Carabinieri l’ammanettano. I  militari della locale Stazione a Motta S.Anastasia, la scorsa notte, hanno arrestato nella flagranza un 53enne del posto, già noto, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.  I  vicini, sentendo le urla provenire dall’abitazione della coppia, hanno chiamato il 112.  La   pattuglia dell’Arma giunta immediatamente sul posto ed entrando in casa ha trovato la donna  47enne, in un grave stato di disagio psicofisico scaturito dalla precedente aggressione, prima verbale poi fisica,  patita per l’azione del convivente. Lui,  per sottrarsi all’arresto si è scagliato contro i militari che, dopo una concitata colluttazione, sono riusciti a renderlo inoffensivo  ammanettandolo.   La vittima, rassicurata dalla presenza dei carabinieri, ha trovato il coraggio di denunciare le pregresse molestie e minacce subite che giorno dopo giorno l’avevano relegata, per paura, ad un ruolo di pura sottomissione all’individuo. L’arrestato, in attesa di giudizio, è stato allontanato e ristretto ai domiciliari  in un’altra abitazione della provincia etnea.


Catania –    Sfilano borsa ad anziana seduta in auto parcheggiata: 2 indagati in libertà.  Agenti delle volanti dell’U.P.G.S.P., ieri sera, hanno denunciato libertà  2 giovani: un 31enne  ed un 26enne, i quali, il giorno precedente, avevano perpetrato un furto con destrezza ai danni di un’anziana signora.  La  vittima era ferma nella sua auto in sosta, quando è stata depredata della borsa contenente denaro ed altri effetti personali. I poliziotti,  alla luce della descrizione fornita dalla vittima in sede di denuncia, sono riusciti  a rintracciare gli autori dell’illecito. I due ragazzi, sono stati condotti in Questura ed alla presenza del legale di fiducia, hanno ammesso le loro responsabilità. I maldestri  conseguentemente sono stati indagati in libertà per il reato di furto aggravato.


Catania Polizia sequestra a Vaccarizzo lido con bar, ristorante, pizzeria e discoteca abusivi. Agenti del Commissariato Borgo-Ognina, Corpo Forestale della Regione Sicilia ed ASP, nei giorni scorsi, in ottemperanza alle disposizioni del Questore, hanno effettuato controlli straordinari mirati alla tutela della salute pubblica, dell’ambiente e della fauna protetta. Il  controllo effettuato presso una struttura in località Vaccarizzo, dove insiste uno stabilimento balneare  con annessi bar, ristorante, pizzeria, discoteca  che comprende anche bungalow con cucina ha assunto particolare rilievo. L’intera struttura è risultata completamente abusiva ed insistente nella zona “B” della riserva naturale “Oasi del Simeto”, inoltre, sul bagnasciuga prospiciente lo stabilimento si trova una piccola area delimitata dal WWF quale luogo di ovodeposizione della tartaruga “Caretta Caretta”, specie marina protetta. Il titolare del lido non è stato trovato sul posto poiché sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, tuttavia, in qualità di gestore è stato identificato il padre, al quale sono state contestate numerose violazioni di carattere penale e amministrativo. Il locale non possiede l’autorizzazione per le attività di stabilimento balneare, di bar/pizzeria e di discoteca ed è risultato privo, altresì, della prevista concessione demaniale e del certificato di agibilità per le strutture edilizie e alberghiere. I poliziotti hanno accertato che l’intera struttura non possiede l’autorizzazione comunale per lo scarico delle acque reflue, sia “bianche” che “nere”. Gli agenti hanno riscontrate scarse condizioni igienico-sanitarie, alimenti surgelati non indicati come tali nel menù esposto al pubblico, alimenti privi di tracciabilità ed ancora, sono state accertate numerose violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro quali estintori scaduti, mancanza di spogliatoi e precarie condizioni dell’impianto elettrico, attrezzature sprovviste di sistemi di sicurezza. I poliziotti hanno anche trovato dipendenti non in regola con la normativa sul lavoro. Accertamenti successivi, hanno fatto emergere che già in passato l’esercizio posto a controllo era stato sottoposto a sequestro penale senza che fosse intervenuto un successivo provvedimento di dissequestro. Il  titolare, alla luce di quanto esposto, è stato indagato in libertà per i reati di: violazione di sigilli (art. 349 c.p.), per frode in commercio (art.515 c.p.), per occupazione abusiva di spazio demaniale (art. 1161 cod. navigazione), per abusivismo edilizio (art. 44 DPR 380/2001), per scarico delle acque reflue illegale (decr. Leg.vo 152/2006) e per violazione aree protette (Legge n. 394/1991).  Sono state irrogate sanzioni amministrative per svariate migliaia di euro.


Catania - Autista Amt aggredito, condanna Ugl Catania  e   solidarietà a lavoratore. Il  segretario generale territoriale della Ugl etnea Giovanni Musumeci ed il segretario provinciale di Ugl trasporti autoferrotranvieri Giuseppe Scannella,  hanno inviato un messaggio di solidarietà e vicinanza al lavoratore aggredito ed affermano a chiare lettere : “In città non c’è più rispetto per il servizio pubblico e per chi vi lavora. La società è malata. L’aggressione all’autista dell’Amt, avvenuta nella giornata di ieri, è l’ennesimo campanello di allarme del fatto che in città non c’è più rispetto per il servizio pubblico e per chi vi lavora. Un giorno vengono aggrediti i medici ed il personale sanitario nei pronto soccorso, un altro giorno vittime sono gli agenti della polizia municipale od i dipendenti Sidra, ed oggi a pagare le spese è nuovamente un dipendente Amt. Questo è il chiaro segnale che la nostra società è sempre più malata, poiché sopraffazione, insolenza e arroganza stanno sempre più prendendo il sopravvento. Apprezziamo l’intervento del primo cittadino Enzo Bianco, il cui richiamo a fare quadrato certamente ci trova concordi e disponibili a collaborare per il rispetto delle regole e, soprattutto, di chi si reca a lavorare per offrire un servizio pubblico, portare a casa il pane e non dover invece subire una simile violenza.”


Santa Maria di Licodia – CC 1 in carcere per maltrattamenti in famiglia.  I Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia hanno arrestato un 45enne del luogo, su ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia. Il GIP  concordando in pieno con le risultanze investigative fornite dai Carabinieri, a conclusione di un’articolata indagine scaturita a seguito della denuncia dell’ex  moglie, ha ritenuto lui fosse responsabile di costanti violenze fisiche e minacce nei confronti della donna che le hanno cagionato un perdurante e grave stato d’ansia, paura e timore, costringendola anche a cambiare le proprie abitudini di vita. Il 45enne, già in precedenza, per le sue condotte era stato sottoposto alla misura cautelare di allontanamento dalla casa coniugale ed al divieto di avvicinamento alla vittima, provvedimento ripetutamente disatteso. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato nel carcere    di Piazza Lanza.


Mascalcia CT – CC bloccano giovane evaso dai domiciliari. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno arrestato

Giovanni PUSILLICO, 24enne, per evasione. Il giovane, benché sottoposto agli arresti domiciliari, stamani è stato riconosciuto e bloccato dai militari mentre era sulla pubblica via, fuori dalla sua abitazione senza alcun giustificato motivo, in palese violazione dei vincoli restrittivi a cui era sottoposto. L’arrestato è stato posto nuovamente ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo,  come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Caltagirone CT - Perseguita  ex convivente : Carabinieri, stalker ai domiciliari. I militari della Stazione di Caltagirone hanno arrestato ai domiciliari un 28enne del posto, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale calatino. Il giovane non accettando la fine del rapporto di convivenza con una coetanea, anche lei del luogo, l’aveva fin dal giugno del 2016 vessata attraverso ingiurie, minacce e delle vere e proprie aggressioni fisiche, tali da indurre la donna a denunciarlo ai militari della locale Stazione. Le indagini dei Carabinieri, confermando in pieno quanto lamentato dalla vittima, hanno consentito di raffigurare a carico del soggetto un quadro probatorio recepito in toto dall’Autorità Giudiziaria che ne ha ordinato l’arresto con misura  domiciliare.


CataniaAgenti bloccano guidatore ubriaco ed armato di coltello.  A.R. andava in giro in auto completamente ubriaco ed armato di un coltello a serramanico. Il  soggetto la sera dello scorso 29 luglio è stato denunciato in libertà dagli uomini delle Volanti, per i reati di minaccia grave, porto abusivo di coltello, oltraggio, resistenza e minacce a P.U. L’operazione è stata condotta grazie anche all’ausilio di una pattuglia dell’Esercito impegnata nel programma “strade Sicure” che ha incrociato il veicolo del personaggio, bloccandolo in attesa dell’immediato arrivo delle Volanti. L’allarme è scattato poco prima delle 22, dalla Sala operativa che ha diramato una nota radio circa un individuo probabilmente ubriaco che, viaggiava a bordo della sua auto. Il guidatore si era fermato per il traffico nella zona del Faro Biscari ed aveva impugnato un coltello, pronunciando frasi sconnesse rivolte agli automobilisti che gli erano vicini; dopodiché, lui si era allontanato in direzione della Stazione Centrale.Gli agenti hanno avviato la ricerca della vettura segnalata che, grazie all’accerchiamento della zona verso cui era diretta, è stata prontamente individuata e bloccata. I  poliziotti intervenuti al momento del controllo, si sono subito accorti sia del coltello a serramanico che l’A.R. aveva sul sedile del passeggero, che dello stato d’ebbrezza alcolica del guidatore che ha pure provato ad opporre resistenza agli agenti.  Il  fermato è stato sottoposto in Questura al test alcolemico che ha rilevato un tasso di 1,72 g./l, oltre il triplo del massimo consentito; ciò ha  comportato una denuncia penale, ai sensi dell’art. 186 del Codice della Strada, che prevede l'ammenda da 1.500 a 6.000 euro, l'arresto da sei mesi ad un anno e ulteriori sanzioni amministrative.


Catania Carabinieri, preso incendiario auto in Piazza Verga: nascosto in casa materna è grave.    I  Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Verga, la scorsa notte, hanno arrestato nella flagranza un 37enne di Catania, poiché ritenuto responsabile di incendio doloso. Il soggetto nella notte tra il 27 ed il 28 luglio scorsi con fredda premeditazione aveva parcheggiato la sua Fiat Panda negli stalli riservati alle autovetture di servizio del Comando Provinciale Carabinieri di Catania e cospargendola di liquido infiammabile le aveva dato fuoco fuggendo subito via. Il  militare di servizio alla caserma, per fortuna, accortosi delle fiamme, aveva dato l’allarme consentendo l’immediato intervento dei pompieri che riuscivano a domare l’incendio prima che raggiungesse gli altri veicoli parcheggiati.L’analisi delle immagini video, dove peraltro si notava che anche l’individuo era stato avvolto dalle fiamme ed i successivi accertamenti sull’auto  hanno consentito ai militari di Piazza Verga di dare un nome al piromane. Il soggetto è stato rintracciato dopo qualche ora di ricerche a casa della madre. Il maldestro, gravemente ustionato alle braccia ed al volto, è stato immediatamente portato dagli stessi Carabinieri al pronto soccorso dell’Ospedale Cannizzaro di Catania, luogo in cui i sanitari di turno, data la gravità delle ustioni – 2° e 3° grado – ne hanno disposto il ricovero d’urgenza nel reparto di terapia intensiva. I medici hanno sottolineato che grazie al tempestivo trasporto del soggetto in ospedale hanno potuto salvargli la vita,  evitandogli anche l’amputazione delle mani. I militari hanno ipotizzato il movente che sembra sia un atto dimostrativo per attirare  l’attenzione delle istituzioni sulle  condizioni economiche del piromane in quanto perennemente in cerca di occupazione. Il  magistrato di turno ha disposto che l’arrestato rimanga in regime di detenzione domiciliare nel reparto dell’Ospedale Cannizzaro di Catania.  


Catania – Polizia e GdF sanzionati ristoranti per occupazione suolo.  L’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, su disposizioni del sig. Questore,  nell’ambito del piano d’azione denominato “Trinacria”, ieri sera, ha coordinato un servizio di controllo del territorio che ha avuto come obiettivo il controllo, coi poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale (Reparto Annona), di  8  ristoranti ubicati in via Plebiscito, via Antico Corso, via Lago di Nicito, via Dusmet, via Riccioli e via Paternò, elevando  8 sanzioni per occupazione di suolo pubblico e   7 sequestri amministrativi inerenti a tavoli e sedie. I tutori dell’ordine contestualmente, hanno effettuato anche servizi concernenti la viabilità, con 12 contravvenzioni al CDS elevate per guida di veicoli senza copertura assicurativa.


Catania  - Stalker perseguita donna, si nasconde vista polizia, bloccato in azione. Il comportamento del persecutore avrebbe potuto sfociare nell’ennesima tragedia.   G.S, 29enne catanese incensurato   alle prime luci dell’alba dello scorso 23 luglio è stato arrestato ai domiciliari dagli uomini delle Volanti, per il reato di atti persecutori, davanti all’abitazione della propria vittima. Il fatto è accaduto a Catania, in pieno centro: intorno alle 3 del mattino, la telefonata di una donna in Sala operativa aveva avvisato che G.S., un uomo con cui aveva intrattenuto un precedente rapporto sentimentale, si trovava sotto la sua abitazione e lanciava sassi contro la sua finestra. Le  Volanti sono intervenute immediatamente  e, giunte sul posto, non hanno potuto far altro che costatare come il disturbatore si fosse già allontanato. La  vittima, contattata dai poliziotti, ha riferito delle minacce di morte ricevute dal soggetto, mostrando anche i sassi che erano rimasti sul ballatoio del balcone.I  poliziotti, si sono allontanati ma, G.S. che evidentemente era rimasto in zona,  è tornato all’attacco, stavolta scalciando contro il portone e ripetendo la sassaiola contro gli infissi della vittima. I  tutori dell’ordine di nuovo sono intervenuti,  la Polizia non ha trovato traccia del disturbatore e  l’esito è stato ancora negativo: del personaggio nessuna traccia. L’assalto delle 4.30 è stato fatale a  G.S., la Volante di zona, infatti, l’ha intercettato proprio mentre si trovava sul luogo del misfatto ed i poliziotti non hanno lasciato scampo al maldestro che, è stato immediatamente immobilizzato ed ammanettato. G.S. è stato condotto in Questura e col supporto della denuncia della vittima, è stato arrestato per il reato di atti persecutori e, su disposizione del P.M. di turno, è stato confinato nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima.


Raddusa CT- Maltratta genitori adottivi per denaro da spendere in gioco azzardo: CC 1 arresto. I Carabinieri della Stazione di Raddusa hanno arrestato nella flagranza un 19enne di origini russe, poiché ritenuto responsabile di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia ed oltraggio a pubblico ufficiale. Il giovane era in attesa di occupazione ma ossessionato dalle slot machine, e da mesi vessava i genitori adottivi pur di ottenere il denaro da spendere nel gioco d’azzardo. Il colmo è stato raggiunto ieri sera quando, al diniego dei genitori, ai quali aveva richiesto una banconota da 20 euro, li ha prima minacciati di morte per poi danneggiare in sequenza il portone d’ingresso dell’abitazione ed il parabrezza dell’auto del padre,  pensionato di 58 anni. La madre, terrorizzata,  ha chiesto aiuto ai Carabinieri delle locale Stazione. I militari sono giunti dopo pochi minuti sul posto, hanno bloccato ed ammanettato l’esagitato che nelle fasi dell’arresto non ha risparmiato loro insulti di ogni genere.   L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Caltagirone.


Catania – Polizia blocca 2 pusher del Gambia a S.Berillo.  Gli  agenti, nel pomeriggio di ieri hanno ammanettato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente BARROW L.  22enne, originario del Mali, e SANJANG E 18enne, di nazionalità gambiana, entrambi con precedenti specifici. I poliziotti, nello specifico, alle ore 15:25 circa, venivano inviati in via Zara angolo via Buda (quartiere San Berillo: nota piazza di spaccio di stupefacenti) a seguita di segnalazione, giunta su linea 113, inerente attività di spaccio in atto ad opera di 2 soggetti. Gli  operatori, giunti sul posto hanno notato un giovane extracomunitario che dal balcone di una casa in costruzione lanciava 1 involucro ad 1 altro extracomunitario, il quale lo cedeva ad un giovane italiano in cambio di denaro. il sospetto, alla vista dei poliziotti, si dava alla fuga, mentre il cedente raggiungeva l’altro extracomunitario suo complice sul balcone, rifugiandosi con lui nell’abitazione. Gli  operatori accedendo nella casa in costruzione hanno proceduto a perquisire i due sospetti. Il soggetto che poco prima si trovava sulla strada, identificato per SANJANG E, veniva trovato in possesso della somma di 42 €,  suddivisa in banconote di piccolo taglio, mentre nell’abitazione, nelle immediate vicinanze dell’altro soggetto, identificato per BARROW L., venivano rinvenuti, anche grazie all’intervento dell’unità cinofila, 8 involucri in cellophane contenenti sostanza stupefacente del tipo “marijuana” per un peso complessivo di 20 grammi e 2 boccette vuote di Rivotril, utilizzato per aumentare il principio attivo degli stupefacenti. Il  P.M. di turno, è stato informato dei fatti ed ha disposto che i due soggetti venissero associati presso le Camere di Sicurezza della Locale Questura in attesa del giudizio per direttissima.


Catania  - Evaso dai domiciliari, 1 preso.

  Si tratta del catanese Alfio LEONARDI 52enne. Agenti del Commissariato “Centrale” e del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, unitamente alla Guardia di Finanza ed alla Polizia Municipale, nell’ambito del piano d’azione denominato “Trinacria”, ieri, hanno svolto servizio di controllo del territorio nel centro cittadino e di pattugliamento degli itinerari turistici conseguendo i seguenti risultati: 80 le persone identificate; 1 persona accompagnata in ufficio; 1 la persona arrestata; 40 i veicoli controllati; 13 i controlli ARDOM; 37 i verbali al C.d.S. per un importo di Euro 18.447; 8 i fermi amministrativi di motocicli; 5 le carte di circolazione ritirate; 1 esercizio pubblico controllato.  Il  catanese Alfio LEONARDI nell’ambito dello stesso servizio è stato bloccato per evasione dagli arresti domiciliari.  LEONARDI era stato già arrestato per il medesimo reato da personale del Commissariato “Centrale”. Il soggetto durante un controllo operato dal personale del Reparto Prevenzione Crimine della Sicilia Orientale, non veniva trovato in casa, ma, è stato rintracciato successivamente ed accompagnato negli uffici del Commissariato Centrale per l’espletamento delle formalità di rito al termine delle quali, come disposto dal P.M. veniva posto agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida.


Catania - Operaio picchia moglie e si barrica, finisce ai domiciliari in casa materna. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima, collaborati dai colleghi del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale, hanno arrestato nella flagranza un 54enne di Catania, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. I  vicini di casa, sentendo le urla della donna,  hanno chiamato il 112 consentendo l’intervento sul posto delle pattuglie dell’Arma. Lui, poco prima, al culmine di una lite, aveva picchiato la consorte e, temendo di essere arrestato, ha prima chiuso la porta di casa, aggredendo successivamente i militari che comunque erano riusciti ad accedervi. Il soggetto, dopo una concitata colluttazione  è stato ammanettato e relegato ai domiciliari nella casa materna laddove attenderà di essere ammesso al giudizio per direttissima. La vittima, medicata all’Ospedale Garibaldi Centro, è stata riscontrata  affetta da  “lieve trauma cranico” guaribile con alcuni giorni di riposo.


Catania – Donna incinta picchiata da stalker perde bimbo in grembo, CC 1 manette. A picchiarla è stato il suo datore di lavoro invaghitosi di lei.    I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante hanno arrestato un catanese di 69 anni, già gravato da precedenti di polizia, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania. Il soggetto  aveva assunto all’inizio del 2016 la donna come collaboratrice domestica per la madre. La vittima, una catanese di 29 anni, dopo qualche tempo ha ricevuto delle particolari attenzioni che, respinte al mittente, avevano generato nel soggetto un senso di frustrazione tramutatosi inizialmente in minacce e successivamente in delle aggressioni fisiche, tanto da costringere la ragazza a denunciarlo. Il persecutore destinatario di un provvedimento  ha ricevuto divieto di avvicinarsi alla vittima che convinse, promettendo di lasciarla in pace, a revocare la querela presentata ai Carabinieri. L’ossessione per la ragazza, dopo qualche tempo, ha ripreso il sopravvento e, precisamente alla fine dello scorso maggio.  Lui  ha iniziato a pedinare la vittima fin sotto casa facendole nuovamente delle avance. Il  reo,  ancora rifiutato, è stato colto da raptus in tal misura da colpire la poveretta con calci e pugni. La vittima, in stato interessante, soccorsa e trasportata in ospedale, dopo alcuni giorni, a causa dello spavento e dei colpi patiti al ventre,  ha subito una interruzione di gravidanza. Le informative del militari di Piazza Dante, che hanno seguito l’intera vicenda, hanno fornito al giudice un quadro probatorio inequivocabile consentendo la contestazione oltre che del reato di lesioni aggravate anche di quello che tutela la maternità e l’interruzione della gravidanza.   L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere  di Catania Piazza Lanza.


Mascalucia CT – Domestico cingalese ammanettato da Carabinieri per abusi su ragazzina, figlia datori lavoro. L’orco era il collaboratore domestico: arrestato mentre stava  tentando di abusare della figlioletta dei datori di lavoro.  I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia di sera   hanno arrestato nella flagranza un cingalese di 33 anni, poiché ritenuto responsabile di  violenza sessuale nei confronti di minore 14enne. La  bambina, qualche giorno fa, avrebbe confidato alla madre come il collaboratore domestico, al servizio della famiglia da una decina di anni, negli ultimi tempi, la invitasse spesso a “giocare” nello scantinato. La madre, accompagnata dal marito,  si è rivolta immediatamente ai carabinieri raccontando e denunciando quanto appreso dalla figlia. I particolari erano chiaramente votati alla sfera sessuale, e veniva indicato anche il luogo dove presumibilmente l’orco approfittava della bambina.  I militari, appresa la notizia hanno immediatamente informato l’Autorità Giudiziaria che ha fornito le direttive sulle modalità di intervento, e, dopo alcune ore di appostamento, è stata verificata la piena fondatezza del racconto della minore, operando in flagranza.  i carabinieri che, intervenuti immediatamente,   hanno    fermato in tempo, ammanettato ed associato, il turpe su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nel carcere di  Catania a Piazza Lanza.


SM Licodia CT - Concorso in estorsione, rapina e spaccio, CC 1 in carcere. I Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia hanno

 

arrestato Rosario CONTI BELLOCCHI 24enne del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni del Tribunale di Catania. il  giovane è stato condannato dai giudici per  concorso in estorsione, rapina e spaccio di sostanze stupefacenti, reati commessi il 28 luglio 2014 a Santa Maria di Licodia, sconterà nel carcere di Catania Piazza Lanza la pena comminatagli equivalente ad 1 anno, 3 mesi  e 6 giorni di reclusione.


Acireale CT – Colombiano rapina anziano a Firenze, viola domiciliari: CC manette a Catania. I Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno arrestato il colombiano

  Jemenz Yerson Stiward Londono 29enne acese d’adozione, in esecuzione di un provvedimento per l’aggravamento della misura cautelare emesso dalla Corte di Appello di Firenze. Il personaggio era ai domiciliari per rapina aggravata, reato commesso a Firenze il 21 maggio del 2016 ai danni di un pensionato, ed ha più volte trasgredito gli obblighi imposti dalla misura restrittiva, così come puntualmente accertato dai militari del Nucleo Operativo. L’informativa recapitata all’Autorità Giudiziaria toscana ha prodotto l’emissione del provvedimento che, ieri sera, ne ha consentito la cattura e la traduzione nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Ramacca CT - Fucilate  in volto a cugino per interessi, CC 1 in manette. La  resa dei conti tra congiunti è stata a Ramacca con  fucilate finali. Il sorvegliato speciale

 

 Giuseppe OGLIALORO 49enne di Ramacca è finito in carcere per tentato omicidio. I  Carabinieri della Compagnia di Palagonia e della locale Stazione, la scorsa notte, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto Giuseppe OGLIALORO poiché ritenuto l’autore del tentato omicidio del cugino di 40 anni, persona del posto nota ai militari. I 2, di sera in un bar del centro, hanno dato vita ad una furibonda lite, sembra da una ricostruzione dei carabinieri, per vecchi dissidi di carattere familiare.  I cugini sono stati calmati dai clienti presenti nell’esercizio pubblico.  I  2 avrebbero deciso di rientrare nelle rispettive abitazioni.   Il  40enne, poco dopo avrebbe raggiunto il parente nella sua abitazione, in  via Eryke  e lungo vialetto di casa l’avrebbe  affrontato reclamando altri chiarimenti.  Il   sorvegliato,  per tutta risposta, avrebbe imbracciato un fucile da caccia ed esploso dei colpi al volto ed al petto del cugino. La vittima, seppur ferita, è riuscita a fuggire a piedi trovando rifugio nella locale Guardia Medica dove, dopo le prime cure, è stata  trasferita d’urgenza nell’Ospedale Gravina di Caltagirone. I  medici hanno ricoverato il ferito in prognosi riservata per: “Occhio dx ematoma palpebrale, emorragia sottocongiuntivale, ferita perforante sclerale paralimbare e ampia ferita sclerale dal limbus con fuoriuscita di membrane”, lesioni che, come diagnosticato dai sanitari, rischiano di fargli perdere irreversibilmente la vista all’occhio destro.Gli investigatori dell’Arma per giungere alla cattura del feritore, dopo la chiamata dei sanitari della Guardia Medica e la reticenza da parte della vittima a fornire  notizie in merito al suo ferimento, sono ripartiti, attraverso una testimonianza, dalla lite avvenuta la sera precedente al bar identificando il contendente ripreso dalle telecamere di sicurezza attive in zona. I carabinieri hanno fatto irruzione nell’abitazione del sorvegliato dove, previo sopralluogo, hanno rinvenuto sulla porta di casa e sull’auto  di proprietà, una Mini Cooper, 1 bussolotto di una cartuccia esplosa cal.12/16 ed alcuni  colpi di fucile andati a vuoto ed i relativi pallini compatibili con quelli estratti dai medici dal corpo del ferito e le tracce di sangue.  Tutto il materiale ed il sangue è stato opportunamente repertato ed è oggetto di futuri esami di laboratorio, essendo stato lasciato dalla vittima durante la fuga verso la Guardia Medica. Gli  elementi di prova hanno convinto i Carabinieri, di concerto con il magistrato di turno, ad arrestare l’autore del ferimento il quale, assolte le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Caltagirone.


Catania CC, 2 in carcere per rapina.

I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato, su ordine carcerazione emesso dalla Corte d’Appello di Catania, i catanesi Francesco RAGUSA 48enne e Gaetano GIAMBELLO 50enne.  I soggetti dovranno scontare, rispettivamente, la condanna a 4 anni e   4 anni, 10 mesi e 20 giorni di reclusione poiché ritenuti colpevoli di rapina aggravata e ricettazione in concorso, reati commessi l’8 aprile 2015 a Trecastagni. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati nel carcere di Piazza Lanza.


Acireale – Bastona madre e sorella: 23enne dello Srilanka in carcere. Uomini di una Volante del Commissariato di Acireale, nel corso della sempre più intensa attività di controllo del territorio e di prevenzione dei reati, hanno tratto in arresto in flagranza di reato il  srilankese W.R.D.R.T. 23enne, residente in Acireale, in quanto responsabile di lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia nei confronti di madre e sorella. I poliziotti, intorno alla mezzanotte, sono intervenuti su indicazione della Centrale Operativa acese dove, poco prima, era giunta una chiamata al numero di emergenza. Gli  agenti, giunti presso l’abitazione segnalata, hanno trovato due donne ferite e sanguinanti nell’androne di casa, mentre lui si era barricato nell’edificio. L’aggressore, all’intimazione perentoria dei tutori dell’ordine, è uscito dall’appartamento, consegnando spontaneamente i bastoni oltre ad un coltello a scatto ed un altro oggetto contundente, che sono stati sottoposti a sequestro, utilizzati per percuotere sia la madre che la sorella quest’ultima poco più giovane di lui.I poliziotti, dalle prime ed immediate attività d’indagine, poi approfondite nel corso della mattinata successiva, hanno ricostruito la vicenda familiare penosa, piena di violenza. Le percosse ed i maltrattamenti inferti  alle due donne, vittime del loro congiunto violento, erano quotidiani da almeno 5 anni: le vittime li subivano quasi fossero assoggettate al comportamento violento del loro familiare convivente. I tutori dell’ordine hanno appurato che i bastoni utilizzati e sequestrati siano, con ogni probabilità, derivati da un unico manico di scopa in legno, opportunamente diviso in 2 pezzi, alle cui estremità era stato avvolto de nastro adesivo, plausibilmente utilizzato per una “migliore impugnatura” da parte del soggetto violento.Le 2 donne  vittime sono state trasferite presso il nosocomio acese, con l’ausilio degli agenti  della Volante con l’ausilio e di un’ambulanza. Le poverette  sono state prontamente medicate e giudicate guaribili, rispettivamente, la madre in 30 giorni s.c e la sorella dell’arrestato in 6 giorni s.c. Il violento  è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.


CataniaOspiti Cara  Mineo: protesta e blocco stradale Catania-Gela. La viabilità  a seguito della manifestazione ha subito un notevole rallentamento sulla strada statale. Le forze dell’ordine sono state impegnate per evitare danni e problemi ulteriori per gli automobilisti. Il  responsabile della comunicazione in Sicilia di Noi con Salvini Fabio Cantarella sul suo profilo Facebook ha rilanciato :  "Non gli bastano vitto e alloggio gratis e tanti altri benefici. Al Cara di Mineo protestano: vogliono la piscina? I pass per il mare? In effetti stare intere giornate a non far nulla alla lunga diventa pesante...". Matteo Salvini il leader della Lega ha affermato : "Ennesima RIVOLTA stamane, con blocco stradale sulla Catania-Gela, da parte dei presunti profughi ospitati al Centro immigrati di Mineo, il più grande carnaio d'Europa. Essendo già dotati di tutti i comfort, per che cosa protesteranno i signorini? Spero che non sia, come dice qualche residente, perché c'è troppo caldo e vogliono pass gratis per entrare nelle piscine e nei lidi della zona...... #stopinvasione".  Angelo Attaguile, segretario nazionale di Noi con Salvini e leader siciliano del movimento, ha aggiunto: "Il Cara di Mineo va chiuso subito, lo diciamo da anni. Anche per questi motivi il centrodestra siciliano non può aprire a chi, come Angelino Alfano e il suo partito, sono complici di tutto questo!". Il leader Angelo Attaguile in merito alle regionali in Sicilia aggiunge : “mai con Alfano e con chi è complice dell’invasione della nostra Isola con l’impoverimento dei nostri territori” “Aprire il centrodestra ad Alfano significherebbe mandare a quel paese le istanze di rinnovamento e cambiamento che provengono dai siciliani e che noi riteniamo un punto indispensabile del programma di rilancio della Sicilia. Lo ha già anticipato ieri il nostro leader Matteo Salvini, la nostra partecipazione alla coalizione di centrodestra è condizionata a due punti irrinunciabili: programma a trazione salviniana e mai, sottolineo mai, con Alfano e gli altri che hanno governato assieme al Partito democratico e soprattutto sono causa dell’invasione scellerata delle nostre terre, con pesanti inchieste giudiziarie che li coinvolgono proprio nella gestione dell’accoglienza. A  noi le ammucchiate non interessano per niente, se qualcuno è nostalgico di quel passato che ci ha ridotti in queste condizioni, noi andremo da soli per la nostra strada. Nessuna alleanza con chi è causa delle difficoltà dell’Isola”.  


 Sant’Alfio CT -  Delitto Buda: CC, carcere per ex assessore, concorso. I Carabinieri della Stazione di Sant’Alfio hanno arrestato

Giovanni TORRISI  35enne del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Catania. il personaggio è stato riconosciuto colpevole dai giudici nel concorso in omicidio e rapina aggravati, reati commessi il 23 gennaio del 2013 a Calatabiano. Torrisi è stato condannato per l’omicidio di Salvatore Buda a  6 anni  e 6 mesi  di reclusione, da scontare  nel carcere di Catania Piazza Lanza dov’è stato associato al termine delle formalità di rito.


Catania Stalking: studente ingegneria perseguita collega.  Agenti delle volanti, alle ore 10:30 di ieri, sono intervenuti presso la facoltà di ingegneria di via Santa Sofia, dove una guardia giurata aveva bloccato un giovane che aveva molestato una studentessa.  Gli  equipaggi giunti in loco hanno preso in consegna dalla guardia giurata un ragazzo, cittadino dello Sri Lanka  20enne, anch’egli studente, iscritto al primo anno d’ingegneria, ed hanno rintracciato la vittima delle presunte molestie, una ragazza di 19 anni, la quale appariva visibilmente scossa. La studentessa ha riferito che, mentre era in aula, il suo collega, anch’egli lì presente, inveiva ad alta voce contro di lei e con tono minaccioso la invitava ad uscire fuori dalla struttura universitaria per dei chiarimenti. Gli  altri studenti a quel punto hanno preso le difesa della ragazza frapponendosi tra lei ed il giovane che cercava di raggiungerla, tentando di farsi largo energicamente tra i colleghi che avevano creato una vera e propria barriera per proteggerla. Gli studenti nel mentre hanno contattato la guardia giurata lì in servizio, che è accorsa provvedendo con difficoltà a bloccare lo studente dello Sri Lanka  ed a condurlo in una stanza fino all’arrivo della Polizia. Il ragazzo   anche con gli agenti   si è manifestato intollerante ed aggressivo, cercando di sottrarsi al controllo ed addirittura, all’accompagnamento con la volante in ufficio. Le  brevi indagini esperite dai poliziotti, che hanno sentito la vittima ma anche altri testimoni, hanno fatto emergere che già dalla fine dell’anno scorso il ragazzo si era invaghito della collega, la quale non gli aveva però mai dato adito a pensare che la loro fosse qualcosa in più di una semplice amicizia tra colleghi. Il  ragazzo al contrario sembra si comportasse come se fossero fidanzati, chiedendole conto con messaggi e bloccandola più volte nei corridoi dell’università. L’insistenza, che negli ultimi tempi aveva avuto un crescendo ed era divenuta sempre più pervasiva, aveva ingenerato nella ragazza un comprensibile timore e l’aveva costretta a cambiare le sue abitudini di vita pur di sottrarsi ai “fastidiosi” incontri, fino a costringere i genitori ad accompagnarla all’università e, esasperata, indurla qualche giorno addietro a formulare istanza di ammonimento questorile. Il  nuovo episodio, ancora più grave di ieri,   ha fatto scattare le manette ai polsi del giovane stalker, denunciato qualche mese addietro persino dalla madre per maltrattamenti, tanto da andare a dimorare in casa di uno zio. Il   giovane, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di turno, è stato associato presso il carcere Piazza Lanza di Catania.


Catania Carabinieri, preso pusher a San Giorgio.  I militari del Nucleo Operativo di Catania Fontanarossa hanno arrestato nella flagranza un 20enne, catanese, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.  I tutori dell’ordine, di sera durante un servizio antidroga nel popolare quartiere San Giorgio, hanno notato il giovane nello Stradale Cravone cedere delle bustine ad occasionali avventori. Il soggetto è stato bloccato e trovato in possesso di 50 grammi di marijuana, già suddivisa in  dosi e la somma contante di 160 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’attività di spaccio. La droga ed il denaro sono stati sequestrati. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.


Catania Turisti scippati, polizia vede filmati e blocca 2 a S. Cristoforo. Si tratta di:

Giovanni MONTEFORTE 28enne e Giuseppe VINCIGUERRA 23enne, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di furto con strappo ai danni danno di una coppia di turisti francesi. La  Sala Operativa della Questura, ieri pomeriggio, ha segnalato uno scippo perpetrato ai danni di una coppia di turisti francesi, nella zona di piazza Federico di Svevia. Gli investigatori, nel dare la notizia hanno diramato le descrizioni fisico - somatiche dei 2 soggetti ed il mezzo con cui erano fuggiti, uno scooter Aprilia Scarabeo 50 di colore chiaro con paravento.    Una  pattuglia della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso ha raggiunto il luogo dove era avvenuto il reato, es altri equipaggi della medesima sezione si sono recati nella zona per acquisire elementi utili alla individuazione dei due scippatori. Gli agenti hanno  visionato le immagini registrate dal sistema di video –sorveglianza cittadino appurando che a compiere lo scippo erano stati due giovani che  indossavano entrambi magliette a maniche corte, ed a bordo di un ciclomotore Aprilia “Scarabeo” di colore chiaro con paravento.  Le  immagini hanno permesso di evidenziare che il passeggero, alto circa 180 cm, longilineo, indossava una maglietta di colore nero, successivamente identificato per Giovanni MONTEFORTE, era sceso dal mezzo dirigendosi verso una coppia di turisti seduti su una panchina della piazza Federico di Svevia. Il soggetto, avvicinatosi alla coppia, con una mossa fulminea ha scippato lo zaino che il turista teneva in spalla, all’interno del quale vi era una macchina fotografica “Nikon”, dandosi alla fuga in direzione del complice, robusto con barba nera, successivamente identificato in Giuseppe VINCIGUERRA.I turisti francesi sono stati condotti presso gli uffici della Mobile dove agli investigatori hanno descritto minuziosamente sia il giovane che materialmente aveva commesso lo scippo che il complice il quale lo attendeva a bordo del mezzo. L’azione è risultata perfettamente corrispondente alle immagini visionate. Gli equipaggi della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso, in stretto raccordo con gli investigatori che visionavano le immagini e quelli che assumevano le dichiarazioni delle vittime, nel breve volgere di pochi minuti, hanno intercettato un ciclomotore Aprilia “Scarabeo” di colore chiaro con il paravento, nella vicina piazza Risorgimento, con a bordo due giovani, il cui abbigliamento era perfettamente coincidente con quello indossato dagli autori dello scippo. I due, alla vista degli investigatori, hanno tentato di eludere il controllo dirigendosi rapidamente verso la via Aurora, dove  venivano prontamente bloccati e condotti presso gli uffici della Squadra Mobile.I  due, dopo un primo tentativo di negare ogni addebito, hanno confessato spontaneamente di essere gli autori dello scippo in danno dei turisti francesi dichiarato di avere lasciato presso l’abitazione di VINCIGUERRA,  nel rione di san Cristoforo, la macchina fotografica “Nikon” e di essersi disfatti dello zaino gettandolo in  un cassonetto della spazzatura posizionato nelle vicinanze. La perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione di VINCIGUERRA ha consentito il rinvenimento della macchina fotografica, mentre il controllo del cassonetto della spazzatura ha permesso di ritrovare lo zaino contenente abbigliamento ed effetti personali dei turisti francesi.  Gli oggetti rinvenuti venivano restituiti ai turisti francesi che non mancavano di esternare la propria gratitudine alla Polizia di Stato per l’efficienza dimostrata. MONTEFORTE e VINCIGUERRA sono stati dichiarati in arresto e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.  

Palagonia CT - CC, 1 ai domiciliari per atti persecutori. I Carabinieri della Stazione di Palagonia hanno arrestato un 39enne, del posto, già gravato da pregiudizi penali, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Caltagirone.  Il provvedimento è scaturito da un’articolata attività investigativa avviata dai Carabinieri, a seguito della  denuncia  sporta dall’ex convivente. La  donna di 33 anni  ha consentito di accertare come lui, da oltre un anno, aveva tormentato la poveretta attraverso minacce ed aggressioni, cercando addirittura in un alcuni frangenti di estorcerle del denaro. L’arrestato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, è stato ristretto agli arresti  domiciliari.


Catania CC bloccano 1 mentre tenta ingresso in Tribunale con 2 grossi coltelli. Denunciato un 47enne. I Carabinieri del Nucleo Tribunali di Catania hanno denunciato un catanese 47enne, già noto, poiché ritenuto responsabile di porto di armi o oggetti atti ad offendere. Il personaggio, ieri pomeriggio, intorno alle 15:30,  si è presentato all’ingresso principale del Palazzo di Giustizia di Piazza Giovanni Verga con un borsa che all’interno celava 2 coltelli di grosse dimensioni. Il maldestro, noncurante di quanto stava trasportando  ha tentato l’accesso nel Palazzo cercando di eludere con uno stratagemma per evitare l’apparato radiogeno ed il controllo dei carabinieri addetti alla sicurezza. I militari   accorgendosi della manovra  hanno bloccato e perquisito il sospetto trovandolo in possesso delle 2 armi bianche opportunamente poste sotto sequestro.


CataniaRapina commessa nel 2013, CC  arrestano 25enne I Carabinieri della Stazione di Catania Ognina hanno arrestato Giovanni PRIVITERA 25enne catanese, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania. Il giovane riconosciuto colpevole di una rapina, commessa a San Giovanni La Punta (CT)  il 29 agosto 2013, dovrà espiare la pena di 4 anni ed 8 mesi di reclusione. L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania – CC, operaio carlentinese in manette per sfruttamento prostituzione a Fondachello. I carabinieri  della Stazione di Mascali hanno bloccato un 37enne  di Carlentini (SR), ed una 42enne, di Misterbianco (CT), per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. I  militari, da alcune settimane, stavano effettuando  servizi finalizzati  a contrastare il fenomeno dello sfruttamento della prostituzione nella nota località turistica “Fondachello”. L’attività investigativa articolata ed eseguita dai Carabinieri ha permesso di accertare che i due avevano concesso in locazione un appartamento di proprietà del 37enne ad una prostituta sudamericana, che si alternava nell’attività con numerose altre connazionali, sfruttando l’attività per profitto.  I carabinieri, dalle indagini hanno appurato che oltre ad organizzare gli incontri amorosi, con annunci anche in alcuni siti dedicati, i due arrestati avrebbero provveduto ad accompagnare personalmente le prostitute nell’appartamento. I 2 gestori pulivano i locali, ritiravano direttamente i  proventi e provvedevano anche al reclutamento di ulteriori donne straniere con accurate selezioni. Gli investigatori, la scorsa notte, durante l’ennesimo servizio di osservazione, hanno bloccato l’operaio  di Carlentini e la donna di Misterbianco a bordo di una Volkswagen Golf,  dopo aver riscosso la somma contante di 250 euro ed 1 assegno di 5000 euro quale provento dell’attività di prostituzione esercitata da una donna brasiliana. I carabinieri nell’appartamento in questione hanno rinvenuto: profilattici, telefoni cellulari, utilizzati per annunci e contatto dei clienti, oltre a vario altro materiale utilizzato per effettuare l’illecita attività.  Tutto è stato sequestrato dai militari compresi  l’abitazione,  l’autovettura ed il denaro. Le indagini sono ancora in corso al fine di individuare eventuali altri complici. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati ristretti il 37enne nel carcere di Piazza Lanza mentre la 42enne ai domiciliari.


Catania Amore conteso, auto sfregiata con scritte “diffamanti”, 4 ragazze denunciate a Maniace.    Il  contendere sembra che sia nato per il comune interesse verso un coetaneo del posto. La vittima  di 22 anni,  lo scorso 12 aprile era seduta in un bar del centro cittadino quando la rivale di 23 anni  accompagnata da 3 amiche, di età compresa tra i 19 e i 23 anni, vedendola da lontano ha ordito la sottile vendetta prendendo di mira l’autovettura della poveretta. La maldestra ha parcheggiato l’auto proprio vicino a quella della vittima e, nascosta dalla sagoma del veicolo, con il prezioso aiuto delle amiche solidali alla causa, ha iniziato a danneggiarla incidendo con un oggetto appuntito sulla carrozzeria delle frasi ingiuriose intaccanti l’onorabilità della ragazza. La vittima, appena uscita dal bar, notando lo scempio si è rivolta immediatamente ai Carabinieri della locale Stazione per denunciare l’accaduto. Gli investigatori, avvalendosi delle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza attive all’esterno del locale, teatro del misfatto, hanno identificato le autrici della diffamazione e del  danneggiamento aggravato, reati per le quali sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria.


Catania  Impronta accusa rapinatore, CC 1 ai domiciliari. Si  tratta del catanese Giulio MAGRÌ 20 enne.   4 individui di cui 1 armato di pistola,  con il volto travisato da passamontagna, il 29 dicembre scorso, fecero irruzione nel negozio di abbigliamento “Blu” di Via Magna Grecia a Tremestieri Etneo dove, sotto la minaccia dell’arma, riuscirono a razziare denaro contante e capi di vestiario per un valore  di circa 13.000 euro. Le indagini svolte dai militari della locale Stazione, egregiamente collaborati dai colleghi della Compagnia di Gravina di Catania, hanno consentito di dare un volto ad 1 dei criminali attraverso l’esaltazione ed il confronto in banca dati, accertamento tecnico eseguito dagli specialisti del R.I.S. di Messina,  di 1 impronta digitale lasciata dallo stesso sulla porta d’ingresso dell’esercizio commerciale. Tale inconfutabile quadro probatorio ha convinto il G.I.P., su proposta del magistrato titolare del fascicolo, ad emettere 1 ordinanza di custodia cautelare nei confronti del catanese Giulio MAGRÌ, eseguita ieri sera dai Carabinieri di Tremestieri nel quartiere San Cristoforo a Catania.  L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari.


AcirealePoliziotti in abiti civili bloccano 1 per droga: ai domiciliari. Agenti del Commissariato di P.S. di Acireale ieri, hanno bloccato il già noto acese Luigi Alessio MARRANCA

  28enne

 perché responsabile del reato di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di marijuana. La  Polizia di Stato, ha operato nella zona del “Triangolo” (l’area perimetrata dalle vie Kennedy e Felice Paradiso, Corso Italia e parte Corso Savoia): come già avvenuto qualche settimana addietro, infatti, continua la predisposizione dei servizi di controllo del territorio e di osservazione da parte di pattuglie in abiti civili, finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati in materia di spaccio di stupefacenti. Una  pattuglia in abiti civili della sezione Investigativa, nel tardo pomeriggio di ieri, stava effettuando un servizio di osservazione in via Felice Paradiso quando, erano circa le 20,00 ed ha   notato  MARRANCA. Il soggetto è stato avvicinato da un ragazzo con il quale si è intrattenuto a discutere per qualche istante per poi allontanarsi verso un vicino cespuglio da dove ha prelevato un oggetto consegnato frettolosamente al giovane acquirente. Gli agenti sono intervenuti bloccando il compratore che, messo alle strette, ha confermato di aver comprato dal MARRANCA 1 dose di marijuana   MARRANCA, nel contempo è stato fermato, i poliziotti addosso hanno trovato 2 dosi di marijuana. Altre 16 dosi della medesima sostanza erano celate nel cespuglio “deposito” del MARRANCA. La droga e il denaro provento dello spaccio sono stati sequestrati. L’arrestato, su disposizione del P.M., è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima.


Pedara CT- Estorsione, minacciano postare film fard su internet: CC, 2 presi a consegna soldi. Un 20enne ed un 14enne hanno pronunciato la fatidica frase: “Dacci i soldi o postiamo in rete i  tuoi video “hard”. Arrestato ai domiciliari all’atto della consegna del denaro il maggiorenne. Posto al CPA il minorenne.    I Carabinieri della Stazione di Pedara hanno arrestato nella flagranza un 20enne ed un 14enne, entrambi del posto, poiché ritenuti responsabili del concorso in estorsione. Vittima un 37enne, anch’egli del luogo, che per mesi è stato vessato ed umiliato  dal maggiorenne che, dopo una vera e propria opera di assoggettamento, lo aveva convinto ad avere con lui dei rapporti sessuali. Ogni incontro, filmato di nascosto, era diventato l’arma per ricattare la vittima ed estorcerle del denaro, quasi 700€, consegnato in più tranche. Il poveretto, terrorizzato dalla possibilità di vedere i video postati sui social network, ha ceduto ai ricatti del suo persecutore fino ad ieri mattina quando, contattato al telefono dal minorenne, che nel frattempo era entrato nell’affare con una scaltrezza da malvivente navigato, il quale recitando frasi minacciose  di morte, accompagnate dalla solita tiritera della divulgazione delle immagini “hot” (telefonata registrata ed acquisita come prova), avrebbe chiesto 600 euro in contanti. Preso dallo sconforto più totale, accompagnato da un familiare cui ha raccontato tutto, si è presentato in caserma a Pedara per chiedere aiuto ai carabinieri della locale Stazione. Il comandante, dopo avere ascoltato la via crucis patita dalla vittima,  l’ha invitato ad aderire alla richiesta estorsiva precisando di stabilire bene l’ora ed il luogo della consegna.  La vittima, ricontattando i suoi aguzzini, li ha invitati a raggiungerlo alle ore 21:00 nel garage posto sotto la propria abitazione. I due si sono presentati puntuali all’appuntamento e nel preciso momento in cui hanno intascato i 600€ hanno visto stringersi ai polsi le manette apposte dai militari nascosti nell’ombra. Il maggiorenne, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari mentre il minorenne è stato associato al Centro di Prima Accoglienza di Catania in via R.Franchetti.


Catania  Antidroga 4 arresti e denuncie. Si tratta di Rosario ZITO 36enne, Antonino TOSTO 67enne, Alagie NJIE 18enne, Marcello ANFUSO  43enne. La Direzione Centrale Anticrimine della Polizia, per il tramite del Servizio Centrale Operativo, ha attuato su tutto il territorio nazionale un'imponente iniziativa di contrasto alla commercializzazione degli stupefacenti denominata progetto “Pusher II".  Lo SCO dal 30 marzo all’1 aprile, nell’ambito del progetto, a Catania ha arrestato 4 persone mentre altre 4 sono state denunciate in stato di libertà. I tutori dell’ordine hanno segnalato alla Prefettura, ex art. 75 D.P.R. 309/90, 11 soggetti e   sequestrato complessivamente 12 grammi di marijuana e 1,5 grammi di cocaina. Poliziotti della Squadra Mobile, nel pomeriggio del 30 marzo hanno tratto in arresto Rosario ZITO, 36enne, per il reato di spaccio di cocaina; il soggetto è stato fermato e controllato dopo aver ceduto ad un acquirente un involucro di colore bianco che, ad esito di perquisizione personale, è risultato contenere sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso di circa 1 gr. La polizia, Squadra Mobile, nella tarda serata del 30 marzo, ha tratto in arresto Antonino TOSTO, 67enne, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Gli agenti a seguito della perquisizione domiciliare effettuata nell’abitazione del TOSTO, hanno rinvenuto 13 involucri di cocaina, per un peso complessivo di circa 8 gr., 1 bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. I poliziotti, nella medesima giornata, col personale dell’U.P.G.S.P. hanno sequestrato a carico di ignoti 8 involucri in cellophane di colore bianco con all'interno sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo lordo di gr. 2,3. I tutori dell’ordine  dell’UP.G.S.P., la notte del 31 marzo,   hanno tratto in arresto Alagie NJIE 18enne, per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Alagie NJIE a seguito della perquisizione personale, è stato trovato in possesso di marijuana, per un peso di 5 gr., oltre a 9 involucri di hashish, dal peso totale di 11 gr. La  Squadra Mobile, la notte  del 31 marzo, ha tratto in arresto Marcello ANFUSO  43enne, per il reato di detenzione e spaccio di cocaina. Gli investigatori dopo  la perquisizione personale, estesa all’autovettura in uso all’ANFUSO, hanno rinvenuto e sequestrato 13 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di circa 5 gr, nonché la somma di 160 euro, quale presunto provento di attività illecita. La  squadra Mobile nel pomeriggio ha denunciato in libertà altre 2 persone, per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope. Agenti del Commissariato di P.S. di Caltagirone (CT) hanno denunciato  libertà una persona per produzione, traffico e detenzione illecite di sostanze stupefacenti o psicotrope. Poliziotti  del Commissariato di P.S. Centrale ha denunciato in stato di libertà una persona per lo stesso reato.


Catania Cani poliziotto con agenti trovano oltre mezzo kg droga celata in condominio. Uomini del Commissariato di Polizia a Librino, di mattina, nell'ambito dei servizi mirati alla ricerca di sostanza stupefacenti svolti con l'ausilio della Squadra Cinofili dell’UPGSP, hanno rinvenuto, grazie al prezioso fiuto dei cani Jagus e Vite, e sequestrato,   645 grammi di marijuana, in Viale Nitta 12.  Poliziotti  in divisa hanno circondato l'edificio, osservando gli appartamenti, altri hanno proceduto ad attente ispezioni degli spazi comuni e dei contatori; in tre distinti punti, ben occultati tra intercapedini e controsoffitti, i 2 cani Jagus e Vite, hanno rinvenuto 4 involucri di marijuana, in parte già pronta in dosi da spacciare, per un peso complessivo di 645 grammi. Il tutto veniva sequestrato a carico di ignoti.


Catania -  CC, 1 in carcere per rapina. I Carabinieri della Stazione di Catania Ognina hanno arrestato   Santo LA MARTINA 30enne catanese, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Pavia. Il soggetto dovrà scontare la pena di 2  anni e 4  mesi di reclusione poiché ritenuto colpevole di rapina e ricettazione,  reati commessi il 19 ottobre 2015 a Pieve del Cairo (PV). L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato al carcere di Piazza Lanza.


Paternò  CT  – CC bloccano 20enne, già ai domiciliari, intento a spacciare. I Carabinieri della Stazione di Paternò (CT) hanno arrestato nella flagranza   paternese Samuele CANNAVÒ 20enne già ristretto ai domiciliari, per spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Il giovane era stato arrestato due sere addietro per riciclaggio poiché nel suo garage era stato sorpreso ad assemblare motori rubati su altre moto. Cannavò  era stato  posto agli arresti domiciliari, e  nel  tardo pomeriggio di ieri, aveva ricevuto la visita dei Carabinieri.  I  militari, nello svolgere i controlli di routine dei soggetti sottoposti a misure restrittive alternative, giungendo nei pressi dell’abitazione del detenuto si sono accorti del viavai di giovani assuntori dalla casa del soggetto. I carabinieri  irrompendo immediatamente nell’immobile l’hanno perquisito rinvenendo, occultati in una intercapedine muraria, 50 grammi di “marijuana”, già suddivisa in dosi pronte per lo smercio e 60 euro in contanti presumibilmente incassati dalla precedente attività di spaccio. La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa di giudizio, è stato ricollocato ai domiciliari.


Palagonia CT – Spezza naso a  pugni alla  sua ex, anche con calci : CC studente ai domiciliari. Il violento, non riuscendo a farsene una ragione sull’epilogo del rapporto, ha preteso un chiarimento che potesse dare un senso alla fine della loro storia d’amore. Lo studente ieri pomeriggio, appostatosi sotto casa, ha aspettato che la ragazza di 16 anni rientrasse da scuola ed affrontandola vibratamente ha chiarito la sua posizione. Il maldestro, al diniego espresso dalla ex fidanzata, si è infuriato, non ha esitato a colpire con calci e pugni la vittima fuggendo poi via. La 16enne, seppur a terra ferita, ha trovato la forza di chiedere aiuto ai Carabinieri della locale Stazione i quali sono giunti dopo pochi minuti, hanno soccorso la ragazza. Un’ambulanza del 118  è intervenuta sul posto dell’aggressione ed ha provveduto al trasporto della ferita nell’Ospedale di Militello dove i medici del pronto soccorso hanno dovuto curare una “frattura scomposta al setto nasale” nonché numerose escoriazioni al viso guaribili in una trentina di giorni. L’assalitore – 18 anni – è stato rintracciato ed ammanettato  dai militari in casa di un amico dove si era nascosto dopo l’aggressione. In attesa di giudizio, dove risponderà all‘Autorità Giudiziaria di minacce,  violenza privata e lesioni aggravate, il giovane è stato relegato agli arresti domiciliari. 


CataniaDepreda Fondazione benefica “Val di Savoia”, CC bloccano ladro seriale. I Carabinieri della Stazione di Viagrande hanno arrestato nella flagranza Carmelo TUMMINELLO 46enne catanese, reo di furto aggravato.  Il  direttore della Fondazione, ubicata nel quartiere di Cibali, nata per scopi benefici ed utilizzata dagli studenti della Facoltà di Agraria per la sperimentazione e la coltivazione di ogni tipo di ortaggio, aveva denunciato al Comandante della Stazione di Viagrande i saccheggi subiti da circa un anno per mano di ignoti. I militari, acquisita la denuncia, hanno organizzato  i servizi di osservazione ed ieri pomeriggio hanno dato l’esito sperato. I carabinieri, intorno alle 17:00, hanno sorpreso il personaggio, il quale praticando un buco nella recinzione, è entrato nel fondo iniziando a razziare le coltivazioni. Il soggetto è stato immediatamente bloccato, ammanettato e posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato per direttissima. La refurtiva è stata restituita al direttore della fondazione.


Catania –   Furti e rapine ad anziani,  donna dei “caminanti” ai domiciliari. Agenti del Commissariato  di P.S. “Nesima“, ieri, hanno dato esecuzione all’Ordinanza del Tribunale di Catania Sezione GIP dispositiva della reiterazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di Fortunata SESTA 29enne. La donna, lo scorso 9 novembre, era stata arrestata dagli uomini del Commissariato insieme alla madre Giovanna RESIZZI SCALORA 50enne (quest’ultima, invece, era stata tradotta in carcere). Le  due congiunte, appartenenti all‘etnia dei c.d. “camminanti“, si erano rese responsabili in concorso di numerosi  furti aggravati e di una rapina.  I delitti erano stati programmati e consumati con spregiudicatezza, in modo seriale e in un brevissimo lasso di tempo, ai danni di  soggetti anziani od affetti da patologie e quindi in condizioni di minorata difesa. Le due simulando con scaltrezza la qualità di assistenti sociali, conoscenti o impiegate del Comune riuscivano, con vari raggiri, a carpire la fiducia delle vittime e farsi accogliere nelle loro abitazioni dove, con diversi stratagemmi, si appropriavano di denaro in contanti e di oggetti in oro, non esimendosi dall’agire con particolare efferatezza, per assicurarsi l’impunità, qualora venivano scoperte dai malcapitati  mentre frugavano nei cassetti. SESTA, lo scorso 2 dicembre, era stata rimessa in libertà dal Tribunale del Riesame a causa della nullità di un atto. Il GIP, stante la sussistenza del quadro accusatorio, formalizzato a seguito dell’attività investigativa condotta dal Commissariato, ha riconosciuto la pericolosità della donna accogliendo l’istanza del Pm che aveva chiesto  di adottare nuovamente un’ordinanza restrittiva a carico della SESTA. La donna è stata arrestata dai poliziotti del Commissariato Nesima e posta ai domiciliari, disposti a ragione della recente maternità.


Caltagirone CT7 ospiti C.P.A. aggrediscono e feriscono 2 operatrici,  danneggiati locali. 2  maggiorenni arrestati e 5 minori denunciati. I Carabinieri della Stazione di Caltagirone (CT)  hanno arrestato, nella flagranza

 ISISSIAKA MAIGA 19enne del Mali,  ABDULRAHIM FOFANA 18enne della Guinea e denunciato 5 minorenni, originari della Guinea, del Mali e del Gambia, dell’età  compresa tra  16 e  17 anni, tutti ritenuti responsabili  di sequestro di persona, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose ed alle persone, lesioni personali e danneggiamento.  I fatti sono accaduti nella tarda mattinata di ieri quando il gruppetto, capeggiato dagli arrestati, al fine di ottenere  immediatamente il “Pocket Money”, non hanno esitato a sradicare dai muri alcuni estintori iniziando a distruggere i suppellettili nel Centro di Prima Accoglienza calatino. Le operatrici presenti nella struttura, nel tentativo di calmare gli animi, sono state aggredite, minacciate con dei cocci di bottiglia ed obbligate a non lasciare i locali del centro. Solo l’intervento in  forze dei Carabinieri, avvisati da un’altra operatrice tramite 112, ha consentito la liberazione degli ostaggi e l’arresto, dopo una violenta colluttazione,  dei due vandali con il contestuale ripristino delle condizioni di sicurezza all’interno della struttura.  Le due operatrici aggredite sono state medicate all’Ospedale di Caltagirone dove i sanitari hanno riscontrato loro  “distorsione cervicale, trauma cranico minore e stato d’ansia reattivo” con prognosi di una decina di giorni. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati ristretti nel carcere di Caltagirone. 






Ultimora   nov. dic.2014




 



ULTIMORA

Operazione antimafia, Carabinieri e ROS eseguono 30 misure clan Santapaola e Nardo


 

ultimo aggiornamento

 

 



Catania – Librino, Blitz 200 Carabinieri, 100 perquisizioni in fortino droga, 36 presi. Imponente  operazione del Comando Provinciale di Catania, dalle prime ore del mattino, impegnati oltre 200 Carabinieri. I militari hanno passato al setaccio l’intero agglomerato della periferia sud della città, nel quartiere di Librino, considerato il più redditizio “supermarket” della droga.  L’esito dell’imponente e complessa attività investigativa ha portato all’emissione di un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di 36 indagati, emesso dall’Ufficio Gip del Tribunale etneo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa Nostra catanese. I particolari dell’operazione  illustrati dal Procuratore Distrettuale della Repubblica nel corso di una conferenza stampa presso la sala stampa della Procura della Repubblica di Catania.


(video OPERAZIONE)

Catania Squadra Mobile trova 31kg marijuana e 850gr. cocaina, presi corriere albanese e destinatario etneo.  La Polizia di Stato ha tratto in arresto: Agatino PIANA  38enne, già noto; Vladimir KAPAJ  40enne, responsabili, a vario titolo, di trasporto, detenzione e cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina, marijuana e hashish. Agenti della Squadra Mobile - Sezione Antidroga, nell’ambito di attività info-investigativa, avevano appreso che, la sera del 27 novembre, Agatino PIANA, domiciliato nella zona di Misterbianco - frazione Poggio del Lupo, avrebbe ricevuto un importante quantitativo di sostanza stupefacente che gli sarebbe stato consegnato da un cittadino di nazionalità albanese che lo trasportava a bordo di un’autovettura Opel di colore scuro. Gli uomini della Squadra Mobile, alla luce di quanto appreso, dopo avere effettuato mirati accertamenti hanno verificato che PIANA era domiciliato proprio a Poggio del Lupo, ed hanno predisposto un discreto servizio di osservazione nei pressi della sua abitazione e lungo le strade della frazione di Misterbianco prossime alla casa. Gli  investigatori, nel corso della serata, hanno notato giungere un’auto Opel Vectra, condotta da un individuo, che si è fermato nei pressi dell’abitazione di PIANA già in strada ad attenderlo. Gli uomini dell’Antidroga hanno deciso di entrare in azione procedendo al controllo dei due, identificati per Vladimir KAPAJ cittadino albanese  domiciliato in un comune della fascia jonica della provincia di Catania  ed Agatino PIANA, ed alla perquisizione dell’autovettura. I poliziotti a seguito   di un accurato controllo eseguito nell’Opel Vectra, esattamente dentro il cofano posteriore  hanno rinvenuto e sequestrato 3 sacchi di marijuana per un peso complessivo lordo di kg. 31. Gli uomini dell’Antidroga nel prosieguo dell’attività,  hanno eseguito una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Agatino PIANA, destinatario dello stupefacente trasportato dal cittadino albanese, ed  all’interno hanno rinvenuto e sequestrato n.2 involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di gr.850 circa e 1 involucro contenente sostanza stupefacente del tipo hashish per un peso complessivo di gr.25 circa. I 2, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso il carcere di Catania - piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La droga del valore di circa 75.000€, avrebbe fruttato, se immessa sul mercato etneo circa 160.000€.


Catania – CC preso ricercato, per evitare  cattura, ogni notte, si nascondeva in terrazza. Cristian Calogero SPADICCHIA 21enne è stato bloccato a Gravina di Catania. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato il 21enne catanese, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla 3^ sezione penale del Tribunale di Catania. Il 3 luglio scorso era stato arrestato in flagranza per evasione dai domiciliari. Il personaggio era stato ricollocato lo stesso giorno agli arresti nella su abitazione l’indomani, al momento della traduzione presso il Tribunale etneo per la direttissima, non si era fatto trovare in casa rendendosi irreperibile.   SPADICCHIA destinatario del provvedimento restrittivo, la scorsa notte, è stato scovato dai militari del Nucleo Radiomobile in Via Oberdan a Gravina di Catania mentre dormiva in un locale tecnico, adibito a camera da letto di fortuna,  attiguo alla terrazza del palazzo di residenza. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.


 

(video OPERAZIONE)

Catania -Operazione antimafia, Carabinieri e ROS eseguono 30 misure clan Santapaola e Nardo. I soggetti colpiti dal provvedimento sono: famiglia SANTAPAOLA - ERCOLANO: posizione apicale: Antonio TOMASELLI 41enne nato a Catania; Gruppo di San Giovanni Galermo: Salvatore FIORE 39enne  nato a Catania(in atto detenuto), Giovanni LA MATTINA 47enne nato a Catania; Antonio MANGANO 40enne nato a Catania(in atto detenuto); Luca MARINO 35enne nato a Catania;  Roberto MARINO 62enne nato a Catania;   Arturo MIRENDA 46enne nato a Bronte (CT) (in atto detenuto); Francesco Lucio MOTTA 30enne nato a Catania (in atto detenuto);  Christian PATERNÒ 36enne nato a Catania; Gruppo della Stazione: Angelo ARENA 41enne nato a Catania;  Alfio Davide COCO 40enne nato a Catania; Gruppo di Lineri: Carmelo DISTEFANO 33enne nato a Catania; Carmelo RANNESI 53enne nato a Catania;  Corrado MONACO 39enne nato a Catania; Gruppo di Giarre: Orazio DI GRAZIA  35enne nato a Giarre (CT);   Salvatore LEONARDI 39enne nato a Castiglione di Sicilia (CT); Gruppo di Paternò: Carmelo Cristian FALLICA 32enne nato in Germania; Gruppo di Palagonia: Gaetano FIAMMETTA 25enne nato a Caltagirone (CT); Sebastiano VESPA 38enne  nato a Palagonia (CT). Benché non affiliati, ma ritenuti responsabili di ipotesi delittuose aggravate ex art. 7 l.n. 203/91, poiché commesse con metodo mafioso ovvero per agevolare la famiglia SANTAPAOLA - ERCOLANO, sono stati altresì raggiunti dal provvedimento: Alfio ROMEO 34enne nato a Catania, per detenzione di stupefacente; Giuseppe MODICA 29enne nato a Caltagirone(destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari), perché coinvolto in una vicenda estorsiva. famiglia MAZZEI: Alfio MAUGERI 58enne nato a Catania e Mario MAUGERI,  53enne nato a Catania, che secondo gli investigatori rivestono ruoli apicali, Orazio COPPOLA  53enne nato a Catania; Santo DI BENEDETTO 60enne nato a Catania; Carmelo PANTALENA 44enne nato a Catania(in atto detenuto) e Mario PAPPALARDO 45enne nato a Catania; clan NARDO: Francesco CALTABIANO 59enne  nato Lentini e Salvatore CATANIA 44enne  nato a Siracusa, i quali secondo fonti investigative rivestono ruoli apicali, Fabrizio IACHININOTO 47enne nato a Lentini (in atto detenuto) e Cirino RIZZO 46enne nato a Lentini.  L’Ufficio GIP del Tribunale di Catania il 9 novembre 2017, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia etnea, ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti  di 30 soggetti, 6 dei quali già detenuti per altra causa e altra misura cautelare di arresti domiciliari nei confronti di altro soggetto. L’esecuzione è stata effettuata nella notte tra il 10 e l’11 novembre da parte di personale del R.O.S. e dell’Arma territoriale di Catania e Siracusa ed ha interessato l’attuale reggente della famiglia SANTAPAOLA/ERCOLANO nonché i soggetti responsabili delle diverse articolazioni territoriali dello stesso gruppo criminale e di quelli alleati.   Gli investigatori,  nel corso dell’indagine hanno documentato condotte estorsive, sia consumate che tentate, in quest’ultimo caso anche attraverso il compimento di atti intimidatori,  ai danni di soggetti esercenti attività imprenditoriali, una ipotesi di sequestro di persona ed ipotesi delittuose in materia di armi.


Catania – Mafia, eccidio 3  Carabinieri a San Gregorio, Commemorato   38° anniversario.   La  criminalità organizzata, il 10 novembre del 1979, al casello autostradale di San Gregorio di Catania,  uccise barbaramente tre servitori dello stato: il  Vice Brigadiere Giovanni BELLISSIMA 24 anni, gli Appuntati Salvatore BOLOGNA 41 anni e Domenico MARRARA 50 anni, in servizio al Comando Provinciale di Catania.  Il commando entrò in azione per liberare e uccidere, dopo qualche giorno, il boss  Angelo PAVONE, alias “faccia d’angelo”, che doveva essere trasferito dal carcere di Catania a quello di Bologna.  Il  Sindaco Carmelo Antonio CORSARO ed il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catania,  Colonnello Raffaele COVETTI, di mattina al casello autostradale di San Gregorio,  alla presenza di autorità civili e militari, hanno deposto una corona d’alloro nei pressi del monumento voluto dal comune in ricordo dei tre eroici militari.La cerimonia si è conclusa nella locale chiesa madre con la celebrazione di una santa messa, al termine della quale, il Colonnello COVETTI nel ringraziare gli intervenuti, ha ricordato i tre Carabinieri, decorati di M.O.V.C., i quali non esitarono a servire la Patria fino all’estremo sacrificio. Il primo cittadino ha ringraziato l’Arma dei Carabinieri per la quotidiana attività svolta al servizio della cittadinanza e dei più bisognosi. I  rappresentanti delle associazioni di carabinieri in congedo, liberi cittadini, rappresentanti del consiglio comunale e diversi studenti erano presenti alla commemorazione.


Catania  Il comandante provinciale Arma Carabinieri col. Raffaele Covetti,   ha presentato il Calendario storico 2018 .

(video intervista colonnello Covetti)


Catania – Carabinieri trovano armi e droga in casa, 1 in manette. I militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza Pietro COCO  44enne di Aci Bonaccorsi, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, detenzione abusiva di armi e detenzione abusiva di armi alterate. I  militari, la notte scorsa a conclusione di un breve attività info investigativa finalizzata  a contrastare il fenomeno dello spaccio sono giunti al 44enne. I Carabinieri hanno proceduto ad una perquisizione nell’abitazione del sospettato ad Aci Bonaccorsi rinvenendo e sequestrando 9 involucri contenenti della marijuana, per un peso complessivo di 310 grammi, 1 pistola Beretta Cougar  8000, con matricola abrasa, 2 serbatoi cal. 9 x 21, 15 cartucce cal. 7x65, 24 cartucce cal. 9x21 e la somma in contante di 160 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. La pistola sequestrata   è  in un ottimo stato d’uso, ed è stata inviata al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnico balistici del caso, per stabilire se sia stata utilizzata in eventuali azioni criminose. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania – Scippa e fa cadere donna in strada, riconosciuto da video, Polizia l’ammanetta. Si tratta di: Giovanni Sebastiano RUSSO 40enne  già noto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il giorno  11 ottobre 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, in quanto responsabile del reato di rapina aggravata in concorso con altra persona da identificare. Una  donna catanese, la mattinata del 30 agosto scorso, stava percorrendo il Viale Mario Rapisardi, a piedi, per recarsi a lavoro. la vittima, improvvisamente, è stata sorpresa alle spalle da un individuo il quale, con mossa violenta e repentina, ha strappato la borsa tenuta a spalla. La donna, d’istinto, ha provato ad opporsi alla forza esercitata dal malvivente il quale, continuando nella sua azione violenta, cagionò la caduta per terra, con conseguenti lesioni. Il soggetto, impossessatosi del bene, raggiunse il complice che l’attendeva a bordo di un’auto  di colore grigio. Personale della Squadra Mobile – Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, intervenne sul posto, acquisendo le immagini delle telecamere di sicurezza di diverse attività commerciali, situate nei pressi del luogo dove era avvenuta la rapina-scippo e le sottopose ad una scrupolosa analisi.  Il  mosaico dei filmati recuperati dagli operatori ha permesso d’individuare, non solo l’autore materiale della rapina, ma anche la composizione alfanumerica della targa del veicolo utilizzato dai malviventi per garantirsi la fuga. Gli  uomini della Squadra Mobile, nel prosieguo delle indagini, intercettarono la vettura con a bordo uno, identificato in Giovanni Sebastiano Russo, che veniva riconosciuto dagli operatori come l’autore del reato. Il malvivente, infatti, oltre ad avere delle caratteristiche antropometriche del tutto compatibili con quelle del rapinatore inquadrato dai sistemi di videosorveglianza, indossava, al momento del controllo, la medesima maglietta usata per compiere la rapina. La  Procura della Repubblica,  sulla scorta degli elementi acquisiti dagli investigatori, ha  chiesto la misura cautelare nei confronti di Russo che veniva emessa dal G.I.P. di Catania. Il  soggetto dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Catania a “Piazza Lanza”.   


Catania –  Fratelli in manette per condanna operazione “Fort Apache”: spaccio a Librino. Uomini della Polizia Squadra Mobile di Catania  hanno tratto in arresto: Mario e Salvatore CANTONE 28enni già noti,  destinatari di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso il  10 ottobre 2017 dalla Procura Generale della Repubblica  presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, dovendo espiare la pena di 9 anni e 4 mesi di reclusione per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante di cui all’art.7. I fratelli erano  stati tratti in arresto nell’ambito dell’operazione “Fort Apache”, condotta dalla  Squadra Mobile il 3 luglio 2014, in esecuzione di ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa il  18 giugno 2014 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di   41 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di  associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di cui all’art.7 L.203/91. La misura cautelare accoglieva gli esiti di indagini di tipo tecnico, coordinate dalla D.D.A. di Catania, nell’arco temporale marzo 2012 – giugno 2013, che avevano evidenziato un ingente traffico di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, cocaina ed eroina, nel popolare rione di Librino, con epicentro in un palazzo di edilizia popolare ubicato in viale Moncada n. 16, ove era stata allestita una fiorente “piazza di spaccio”.  Le  indagini tecniche avevano fatto emergere  come nella  “piazza di spaccio” operassero tre distinte organizzazioni criminali Cappello – Bonaccorsi, Santapaola – Ercolano e Cursoti Milanesi, in seno alla quale operavano i fratelli CANTONE.


(video operazione Polizia)

Catania – 25 misure per narcotraffico Cappello collegato: ndrine calabresi, palermitani e siracusani. La  Polizia di Stato, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha in corso di esecuzione in Sicilia e Calabria di un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 25 personaggi ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione ai fini di spaccio delle medesime, con l’aggravante di avere commesso il fatto agendo con il metodo mafioso ed al fine di agevolare le attività dell’associazione mafiosa riferibile al clan Cappello - Bonaccorsi. Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania hanno permesso di individuare l'esistenza di distinte organizzazioni criminali, operanti in diversi quartieri della città etnea e provincia, dedite all’attività di narcotraffico, con collegamenti con le ‘ndrine calabresi e gruppi palermitani e siracusani. I particolari dell’operazione  illustrati nel corso di un incontro con i giornalisti presso la Sala Riunioni della Questura di Catania - piazza Santa Nicolella.

 


Catania1 in manette per rapina in strada a prostitute rumene. Agenti della Squadra di polizia giudiziaria del Commissariato Centrale, di mattina  hanno proceduto alla cattura di Vincenzo DICUZZO LIOTTO 25enne nato a Catania, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Catania su richiesta del Pubblico Ministero. Il giovane è accusato di essere responsabile del reato di rapina commessa a Catania nella notte dell’ 11 luglio scorso. L’attività investigativa è stata condotta dal Commissariato Centrale, con una corposa informativa di reato. Le risultanze conseguite dai poliziotti sono state pienamente accolte dalla competente Autorità Giudiziaria,  che ha consentito di acquisire gravi elementi di reità a carico dell’arrestato, ritenuto responsabile della rapina perpetrata ai danni di due giovani prostitute romene. Le vittime furono “abbordate” in piazza Giovanni XXIII ed il rapinatore con il pretesto di avere delle prestazioni sessuali, si sarebbe appartato con le donne. Il malfattore sotto la minaccia di una pistola si è poi  impossessato del denaro in  possesso delle ragazze provento dell’attività di prostituzione.  DICUZZO LIOTTO, al termine delle formalità di rito, è stato associato nella Casa Circondariale Piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante.


Catania CC 1 in manette per rapina, ricettazione e furto. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato Alessandro DIACCIOLI 39enne, catanese, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Catania. Il personaggio  dovrà espiare la pena di 3 anni e 7 mesi di reclusione poiché riconosciuto colpevole di rapina, ricettazione e furto, reati commessi a Catania tra il 2010 ed il 2017.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


ù

Catania – Esperto  in antimafia a Palermo,  Colonnello Covetti insediato a Comando Provinciale Arma Carabinieri. L’ufficiale  è subentrato al colonnello Francesco GARGARO destinato ad altri prestigiosi impegni. Il Colonnello Raffaele COVETTI 48 anni è nato a Frattamaggiore (NA) il 27 febbraio 1969. Il neo comandante provinciale dell’Arma  ha intrapreso la carriera militare nel 1985, frequentando i corsi della Scuola Militare “Nunziatella” in Napoli, dell’Accademia Militare di Modena e della Scuola di Applicazione Carabinieri di Roma. Il colonnello Covetti si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università la Sapienza ed in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna presso l’Università di Tor Vergata, ha conseguito i Masters di secondo livello in Studi Internazionali Strategico-Militari e Scienze dell’Organizzazione e di primo livello in Scienze delle Migrazioni. L’ufficiale ha frequentato sia l’11° Corso 1SSM1 presso il Centro Alti Studi della Difesa, che il 10° Corso per Consigliere Giuridico nelle Forze Armate presso il Centro Alti Studi della Difesa, Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze. È conoscitore della lingua inglese. Il colonnello Covetti quale Ufficiale inferiore, dopo le prime esperienze da Comandante di Plotone del 12° Battaglione Carabinieri SICILIA e di Sezione del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Palermo ha ricoperto gli incarichi di Comandante del Nucleo Radiomobile di Palermo e delle Compagnie di Carini (PA), Roma-Montesacro e Roma-Centro. Il comandante provinciale da Ufficiale Superiore ha ricoperto gli incarichi di Addetto all’Ufficio Criminalità Organizzata dello Stato Maggiore dell’Arma dei Carabinieri, Comandante del Battaglione Carabinieri presso l’Accademia Militare di Modena e Comandante del Comando Carabinieri Camera dei Deputati. Il colonnello Covetti dal 28 settembre 2017 è Comandante Provinciale Carabinieri di Catania. L’alto ufficiale nel corso della carriera ha ricevuto encomi ed elogi ed è stato insignito delle seguenti onorificenze: Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare, Croce d’Oro per anzianità di servizio, Medaglia Militare di Argento al merito di lungo comando, Croce di Grand’Ufficiale con spade al merito Melitense del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni, di Rodi e di Malta, Medaglia al merito della Gendarmeria Nazionale Argentina e Medaglia di Bronzo al merito della “Croce Rossa Italiana”.Il colonnello Covetti è sposato ed è padre di due figli. Auguri di buon lavoro al comandante appena insediato. i.l.p.



Catania Medici aggrediti in pronto soccorso per rifiuti false attestazioni, Polizia scopre incidenti finti per inganno assicurazioni ed indennizzi: “Operazione Road accident”, 64 indagati. La  Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha delegato alla Squadra Mobile di Catania l’esecuzione di un’ordinanza di cautelare, emessa il  21 settembre 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di: Giovanni PANTELLARO 52enne già noto; Gaetano PANTELLARO 27enne, Angelo RAGUSA 34enne; Giuseppe ALI’ 61enne, inteso “Zio Pippo”, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari; Alessandro FICHERA 42enne, per il quale è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Catania; Carmelo MONCADA 60enne, inteso “Melo”, per il quale è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Catania; Orazio SAPUPPO  42enne, inteso “Squalo”, già noto, per il quale è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Catania. i personaggi sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa in danno di compagnie assicurative e corruzione in atti giudiziari. La misura cautelare accoglie gli esiti di indagini tecniche avviate, su delega della Procura Distrettuale delle Repubblica di Catania, dalla Squadra Mobile nel mese di gennaio 2016 e concluse nel gennaio 2017, che hanno consentito di individuare un’associazione per delinquere, presumibilmente capeggiata da Giovanni PANTELLARO, dedita alla consumazione di una serie indeterminata di delitti previsti dall’art. 642 c.2 c.p. ai danni di molteplici società assicuratrici sotto forma di denuncia di falsi sinistri stradali e precostituzione dei relativi elementi di prova, nonché di più reati contro l’Amministrazione della Giustizia - nella specie false testimonianze e corruzioni in atti giudiziari - finalizzati a realizzare i profitti conseguenti alle simulate denunce di incidenti stradali.  Le indagini sono state coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica e delegate alla Squadra Mobile - Sezione Reati contro il Patrimonio e la P.A. - “Unità Anticorruzione”. L’inchiesta ha preso le mosse da alcune aggressioni ai sanitari in servizio presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele e dalla conseguente constatazione della presenza, nei locali dello stesso Pronto soccorso, di soggetti impegnati nel reclutamento di pazienti in attesa. Le risultanze dei servizi di intercettazione audio e video, nello specifico, i contenuti delle conversazioni telefoniche, accostati alla visione delle immagini acquisite da un sistema di video-registrazione, hanno evidenziato la presenza di un gruppo di soggetti che, utilizzando uno studio di infortunistica stradale  in via Plebiscito, avrebbero organizzato sinistri stradali  al fine di trarre in inganno le compagnie assicurative e ricevere da queste gli indennizzi. Le investigazioni avrebbero fatto emergere l’esistenza di un’associazione criminale che sarebbe stata promossa da Giovanni PANTELLARO  collaborato da Angelo RAGUSA, Gaetano PANTELLARO e Giuseppe ALI’ i quali avrebbero coordinato l’attività degli altri associati, impartendo le necessarie indicazioni operative. Lo  studio di “Infortunistica Stradale”, strategicamente collocato di fronte all’ingresso del Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele II sarebbe stato base operativa dell’associazione criminale. L’accorgimento avrebbe consentito agli indagati di individuare i pazienti con lesioni astrattamente compatibili con un sinistro stradale che venivano quindi accompagnati direttamente durante la loro visita in Pronto Soccorso ed “invitati” ad indicare un generico incidente stradale come causa delle lesioni stesse. I poliziotti hanno invero fatto emergere che molti pazienti, al momento della registrazione presso il triage, sostenevano la natura accidentale del trauma, ma, successivamente, in sede di referto medico, pretendevano che il sanitario di turno apponesse, nello spazio del medesimo referto dedito alla causale, la dicitura “incidente stradale” (i rigorosi rifiuti dei medici di turno sono stati spesso alla base delle aggressioni agli stessi sanitari). La vicinanza fisica all’ospedale, inoltre, garantiva agli associati i necessari contatti con gli intranei alla struttura ospedaliera senza necessità di pericolosi contatti telefonici. Angelo RAGUSA, formale titolare dell’agenzia, si sarebbe occupato quindi di istruire pratiche relative ai finti incidenti, creare l’apparenza delle conseguenze materiali dei simulati sinistri e curare i rapporti con gli altri associati e con i clienti coinvolti nei falsi sinistri, concorrendo in tali attività Gaetano PANTELLARO, figlio di Giovanni, e Giuseppe ALI’, titolari di fatto del medesimo studio. ALI’ nell’ambito avrebbe ricoperto un ruolo particolare: lo “zio Pippo”, infatti, si sarebbe adoperato nel rintracciare la clientela ed istruirla sia sui comportamenti da tenere che  in merito alle vicende inerenti il sinistro. Il  personaggio sarebbe stato attivo anche nel reperire soggetti disposti a testimoniare falsamente in sede stragiudiziale e giudiziale, ed avrebbe  curato, infine, la delicata fase della liquidazione e suddivisione dei profitti.I servizi di intercettazione, inoltre, facevano emergere le figure di FICHERA, MONCADA e SAPUPPO i quali svolgevano l’attività di procacciatori, in quanto si recavano costantemente presso il Pronto Soccorso degli Ospedali Vittorio Emanuele e Garibaldi, allo scopo di contattare pazienti che riportavano traumi compatibili con incidenti stradali ai quali proponevano di far dichiarare falsamente di essere stati coinvolti in sinistri collegati alla circolazione di vetture su strada. Il modus operandi del gruppo criminale, reiterato per 18 diversi incidenti (per uno dei quali i reati risultano già prescritti), appariva sempre lo stesso, seguendo uno schema preciso. La Polizia ha ricostruito il programma operativo: individuazione dei traumatizzati  al momento del loro accesso presso i locali del Pronto soccorso; artata ricostruzione di un sinistro stradale e successiva richiesta di risarcimento alla compagnia assicurativa di volta in volta competente; proposizione – nell’ipotesi di mancato immediato risarcimento da parte della società di assicurazione – del ricorso innanzi al Giudice di Pace con correlata indicazione di falsi testimoni (in gran parte) retribuiti per le deposizioni infedeli.La maggior parte delle pratiche di sinistro risultavano avviate a seguito della compilazione del c.d. modello “C.A.I.” - costituzione amichevole d’incidente - spesso compilata dagli stessi organizzatori. In detti modulari le responsabilità del sinistro erano sempre poste a carico di una sola parte con l’esclusione di ipotesi di responsabilità concorsuale. Tutti i sinistri si caratterizzavano per l’assenza di qualsiasi intervento o coinvolgimento delle Forze dell’Ordine, nonostante la presenza di lesioni traumatiche riportate spesso significative, mancando in conseguenza rilievi descrittivi, fotografici o planimetrici. I tutori dell’ordine hanno rilevato che in nessuno dei sinistri, si indicava, all’atto della compilazione del modello “C.A.I.”, la  presenza di testimoni, i quali sarebbero emersi molto tempo  dopo e solo se la compagnia assicurativa avanzava rilievi, fornendo dichiarazioni particolarmente dettagliate. Le persone indicate quali vittime dell’incidente riportavano effettivamente delle lesioni, ma determinate da eventi che nulla avevano a che fare con l’incidente simulato. La  misura cautelare oltre alla fattispecie associativa ha contestato  17 episodi di truffa (altri sono in fase di ricostruzione), per un danno stimato in un milione di euro circa. Gli indagati sono complessivamente 64. Il  G.I.P. nel medesimo provvedimento cautelare, ha disposto il sequestro preventivo dello studio di infortunistica stradale.


San Gregorio CTPicchia  convivente, Carabinieri arrestano 29enne per maltrattamenti in famiglia.  I militari della Stazione di San Gregorio di Catania hanno arrestato nella flagranza un 29enne, del luogo, per maltrattamenti in famiglia. Una  pattuglia, ieri pomeriggio, a seguito di una telefonata alla locale Stazione che segnalava una lite in famiglia, è intervenuta in un’abitazione nel centro di San Gregorio. I militari giunti sul posto hanno bloccato lui all’interno dell’appartamento in un evidente stato di agitazione accertando che lo stesso poco prima, a seguito di una discussione scaturita per futili motivi, aveva picchiato la convivente una 30enne catanese. I carabinieri hanno inoltre appurato che non si trattava di un singolo episodio e che la condotta violenta del soggetto perdurava da alcuni anni.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


 

Catania Blitz antidroga a S. G. Galermo, polizia trova 5kg marijuana in armadio, 1 in manette. Si tratta di Giuseppe Samuele NIZZARI 40enne. I poliziotti,ieri pomeriggio, su disposizione del Questore di Catania, hanno effettuato un servizio di controllo straordinario del territorio finalizzato a  frenare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti si sono diretti nel popolare rione San Giovanni Galermo. L’attività è stata coordinata dalla Squadra Mobile – Sezione “Antidroga” e dal Commissariato di P.S. “Nesima”, con l’ausilio di 5 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine della Sicilia Orientale e 2 equipaggi dell’Unità Cinofili del locale U.P.G.S.P.. Gli investigatori hanno effettuato numerose perquisizioni domiciliari, finalizzate al rinvenimento di sostanze stupefacenti. Gli agenti nel contesto hanno bloccato Giuseppe Samuele NIZZARI poichè resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. I tutori dell’ordine, a seguito della perquisizione domiciliare, eseguita presso l’abitazione di NIZZARI a Gravina di Catania, hanno rinvenuto e sequestrata la marijuana per un peso complessivo di kg. 5 circa, e materiale per il confezionamento dello stupefacente. I personaggio, espletate le formalità di rito, è stato è stato associato presso la Casa Circondariale di Catania a piazza Lanza. I poliziotti, nell’ambito del medesimo servizio, in via Capo Passero, hanno rinvenuto e sequestrato, su strada, a carico di ignoti,  56 involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di 20gr. circa, e sostanza stupefacente del tipo marijuana per un peso complessivo di 352gr. circa.


Catania Polizia trova a Nesima 5 cavalli, farmaci e macello clandestino, denunciato proprietario. Agenti del Commissariato P.S. Nesima e della Squadra a Cavallo e Cinofili dell’U.P.G.S.P. coadiuvati dal Nucleo Operativo Italiano per la Tutela degli Animali di Trapani ieri, hanno individuato e posto sotto sequestro un fabbricato rurale adibito a stalla abusiva, sito in via Palermo, dove   è stata accertata la presenza di 3 cavalli utilizzati, verosimilmente, per le corse clandestine, privi di certificazione di proprietà e sanitaria.  I poliziotti inoltre, hanno rinvenuto e sequestrato  farmaci utilizzati presumibilmente per migliorare le prestazione degli equini.  Gli animali sono stati sequestrati e saranno affidati al Nucleo Operativo Italiano per la Tutela degli Animali.  Il proprietario dei cavalli è stato deferito all’Autorità competente per il delitto di maltrattamento su animali. I poliziotti successivamente, dopo aver allargato il raggio dei controlli ad altri ambienti poco distanti, hanno constatato la presenza di altri 2 locali adibiti a stalla abusiva, entrambi successivamente posti sotto sequestro. Gli agenti, nel primo hanno rinvenuto 2 cavalli privi di microchip ed in evidente stato di abbandono stante la completa mancanza delle previste norme igienico-sanitarie, mentre nel secondo locale hanno rinvenuto 3 cavalli dotati di microchip, ma privi di qualsiasi documentazione sanitaria e di proprietà, in evidente stato di abbandono e pronti per essere macellati, considerando che nel suddetto locale c’era l’attrezzatura atta alla macellazione degli animali ed 1 banco frigorifero pieno di carne equina appena macellata e diretta alla probabile vendita, che veniva sequestrata e distrutta. I poliziotti hanno anche questi animali affidato in custodia a centri autorizzati mentre il proprietario di quest’ultima stalla, una volta rintracciato, è stato deferito all’Autorità competente per i reati di maltrattamento su animali e macellazione clandestina.


(video delitto)

Catania Carabinieri fermano licatese Luigi CASSARO 49enne indiziato per omicidio CALCAGNO. I militari, dal DNA e dal video, indicano il fermato quale implicato nel delitto Calcagno. I particolari dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa presso la Sala Stampa del Comando Provinciale di Catania alla presenza del Procuratore della Repubblica di Caltagirone Giuseppe VERZERA. Le indagini dei militari dell’arma erano state avviate subito dopo il 23 agosto 2017, quando alle ore 08,30 circa, in Contrada Nunziata di Palagonia, in un fondo agricolo di sua proprietà, tra i filari di agrumi, veniva rinvenuto il cadavere di Francesco CALCAGNO 58enne. La vittima era stata attinta da alcuni colpi d’arma da fuoco. Francesco CALCAGNO era  stato coinvolto nell’ottobre dello scorso anno in una sparatoria all’interno del “Caffè Europa” di Palagonia. Il consigliere comunale Marco LEONARDO 55enne rimase ucciso nel corso del conflitto a fuoco. Francesco CALCAGNO, dopo aver scontato un periodo di detenzione in carcere ed un altro di detenzione domiciliare in una località del nord Italia, dall’aprile di quest’anno era tornato in libertà, rientrando a Palagonia, in attesa del giudizio, che si sarebbe dovuto svolgere a breve. Le indagini, immediatamente avviate dall’Arma per l’omicidio di Francesco CALCAGNO, sono state svolte senza trascurare ipotesi, ed erano partite dai fotogrammi recuperati dalle videocamere di sorveglianza installate nella proprietà della vittima. Il  filmato aveva  immortalato alcune parti salienti dell’omicidio. Gli investigatori da subito, quindi, avevano contezza dell’autore del delitto, ma con il difficile compito di dare   nome ed una identità certa.  Gli inquirenti hanno esaminato tutte le posizioni dei soggetti d’interesse a livello locale ed avviato riscontri di carattere scientifico per l’individuazione di elementi significativi di prova su quanto repertato in sede di sopralluogo. Le attività di ricerca sono state  sviluppate con l’estensione   del soggetto in un campo sempre più allargato. I carabinieri hanno dapprima   diramato  le foto ai vari Comandi dell’Arma sia a livello regionale che nazionale e quindi, con il pieno assenso della Procura della Repubblica di Caltagirone, che nel frattempo aveva assunto la direzione delle indagini, veniva valutata e poi decisa la scelta di coinvolgere i media e quindi una larga parte della popolazione, divulgando una sequenza del video registrato dalle telecamere di sorveglianza. La scelta si è rivelata subito efficace, poiché iniziavano a pervenire sui numeri messi a disposizione dall’Arma alcune segnalazioni, puntualmente oggetto di verifica ed approfondimento. Una di queste segnalazioni, in effetti, ha dato la svolta nelle indagini per dare un nome all’assassino. L’indicazione di un soggetto residente nella provincia di Agrigento, dopo le prime immediate verifiche, corrispondeva in maniera significativa alle caratteristiche fisiche del ricercato. I militari hanno  avviato servizi di osservazione ed approfondimenti sulla personalità del soggetto. Gli investigatori hanno   avvalorato sempre   più la convinzione di essere sulla pista giusta. L’attività  nella giornata di ieri si è conclusa con il fermo di indiziato di delitto operato nei confronti del noto Luigi CASSARO 49enne, dopo la conferma oggettiva pervenuta dalle analisi tecnico-scientifiche del RIS di Messina, con la comparazione del DNA prelevato al soggetto e quello rinvenuto sulla scena del crimine. CASSARO, rintracciato presso la sua abitazione di Licata (AG), al momento dell’irruzione non ha opposto resistenza, chiudendosi in un ostinato mutismo, tradito soltanto da qualche segno di nervosismo all’atto di conoscere che i Carabinieri che stavano operando erano quelli di Catania e Palagonia. Il personaggio è stato associato  al carcere  di Catania Piazza Lanza a disposizione della Procura della Repubblica di Caltagirone.


Catania – Carabinieri trovano zaino sospetto abbandonato in via Etnea  di fronte Prefettura, fatto brillare da artificieri,  scongiurato allarme bomba.  I militari dell’Arma in servizio di controllo del territorio nel centro storico, intorno alle 22.30,  hanno ricevuto la segnalazione di uno zaino sospetto, abbandonato in prossimità di una vetrina dei grandi magazzini Coin di fronte  chiesa e   Prefettura. I tutori dell’ordine si sono recati immediatamente sul posto del hanno accertato la presenza dello zaino sospetto. I carabinieri hanno accertato che nessuno delle persone nella zona fosse il proprietario dello zaino e che fosse impossibile quindi identificarlo. I tutori dell’ordine, a quel punto hanno fatto scattare le misure di sicurezza previste con allarme  per la presenza  e sospetto di ordigni. Tutta l’area interessata al centro storico di via Etnea, dall’angolo 4 Canti  fino a piazza Stesicoro è stata cinturata e messa in sicurezza.

  I  vigili del Fuoco, in poco tempo sono giunti sul posto oltre ai militari, anche in attesa dell’arrivo degli artificieri dell’Arma

 

specializzati in queste particolari operazioni.  Il tratto di strada è stato transennato ed all’arrivo dei carabinieri artificieri che hanno indossato la particolare tuta di protezione è iniziata l’operazione di controllo dell’involucro sospetto. I militari specialisti,

 

dopo mezzanotte,  hanno deciso per sicurezza di far brillare l’involucro sospetto utilizzando uno speciale sistema  di esplosione ad acqua che ha permesso di verificare il contenuto dello zaino. Fortunatamente non si è trattato di ordigno inesploso, ma di uno zaino lasciato all’ingresso dei grandi magazzini. Gli investigatori probabilmente dalle immagini di sorveglianza potranno anche accertare l’identità di chi ha abbandonato lo zaino. Molti curiosi, passanti e turisti hanno assistito, a debita distanza, alle operazioni dei tutori dell’ordine di messa in sicurezza ed all’esplosione dello zaino abbandonato in centro storico.


Catania -  Branco aggredisce vigile: coma farmacologico, aveva bloccato scuterista per transito vietato in via del Rotolo.  L'aggressione si è verificata di sera in via Del Rotolo, zona Ognina a Catania  ed è stata subita da Luigi Licari  ispettore della polizia municipale. Il vigile urbano  aveva impedito l'accesso ad un motorino in una strada chiusa al traffico. Sembra che il giovane scuterista  sia tornato sul posto con amici ed abbiano  colpito in testa il vigile con un casco lasciandolo per terra in una pozza di sangue. L’ispettore  è stato ricoverato in prognosi riservata per trauma cranico nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Cannizzaro. Il  segretario generale della Cgil di Catania Giacomo Rota e il segretario generale della Funzione Pubblica Cgil Sicilia Gaetano Agliozzo, esprimono solidarietà all'ispettore e condannano il gesto con un documento hanno detto:  “In merito all'aggressione subita ieri sera a Catania in via Del Rotolo da un ispettore della polizia municipale, colpito in testa con un casco perché aveva impedito l'accesso a un motorino in una strada chiusa al traffico e ricoverato in prognosi riservata per trauma cranico nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Cannizzaro,  condanniamo con forza il vile gesto ed esprimiamo la nostra solidarietà al lavoratore, in questo caso un ispettore della polizia municipale, impegnato nell'adempimento del proprio dovere mirato al rispetto della legalità e delle regole molto spesso disattese". Giovanni Musumeci, segretario generale territoriale della Ugl catanese, ed il segretario provinciale della Ugl federazione nazionale autonomie Giuseppe Viglianesi, dichiarano : "Speriamo che presto il vigile possa superare questa fase complicata e riprendersi. Ci chiediamo quale piega sta prendendo la nostra città, considerato l'incremento degli episodi di violenza nei confronti delle istituzioni, dei pubblici servizi e, in primo luogo, dei lavoratori che li rappresentano. Tutto ciò non è accettabile e siamo certi che la parte buona di questa comunità cittadina non abbia timore ad isolare i violenti ed i facinorosi. Chiediamo però, ancora una volta purtroppo, che l'apparato istituzionale locale si coalizzi affinché si possa individuare, in tempi rapidi, un percorso per la sensibilizzazione al rispetto sia delle persone, che delle cose, ma anche per individuare azioni forti di dura repressione nei confronti di chi non vuol seguire le regole. Prima che la deriva sociale diventi irrecuperabile."


(video delitto)

 

Catania  - Carabinieri, diffuso video ed immagini riguardanti delitto Calcagno, per identificare  omicida. Un  individuo, il  23 agosto 2017, a Palagonia, armato di pistola, ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di Francesco CALCAGNO 58enne, attingendolo mortalmente. Gli investigatori dell’Arma nell’ambito dell’attività relativa al delitto hanno acquisito alcune immagini video che ritraggono l’autore dell’efferato delitto durante la fase omicidiaria.  La  Procura della Repubblica di Caltagirone, al fine di poter concorrere all’identificazione dell’autore del delitto ha stabilito di  diffondere alcuni fotogrammi e video che ritraggono il killer in azione. Eventuali informazioni sull’autore potranno essere comunicate, anche in forma anonima, ai seguenti numeri di telefono (video delitto)  : 095-2509227 ---- 331-3767225, attestati presso il Comando Provinciale Carabinieri di Catania.


Catania -  Polizia in azione ammanetta ladro in fuga su auto rubata. Agenti della Squadra Volante dell’U.P.G.S.P. hanno bloccato, per furto aggravato di autovettura, Francesco MANNUCCIA  40enne già noto per reati specifici contro il patrimonio. Gli  agenti di polizia sono stati inviati nel quartiere “San Cristoforo” in via Giannitto, a seguito della segnalazione da parte di un istituto di vigilanza privata del furto di una Fiat “Panda”, di cui venivano forniti targa e colore, di proprietà della ditta di noleggio “Hertz” con sede a Bolzano. Gli  agenti, giunti all’incrocio tra via Acquicella e via della Concordia, sono riusciti ad intercettare la macchina, che stava procedendo a velocità sostenuta. Il conducente della vettura, successivamente identificato per MANNUCCIA, alla vista dell’equipaggio della polizia, ha accelerato per   fuggire. I  poliziotti,  senza mai perdere di vista il fuggitivo si mettevano al  suo inseguimento, comunicando in tempo reale alla Sala Operativa le strade percorse. Gli  operatori di polizia, giunti in via della Regione sono riusciti a bloccare la macchina ed il suo conducente, che veniva portato presso gli Uffici della Questura per ulteriori accertamenti, a seguito dei quali risultava avere precedenti per furto e possesso ingiustificato di chiavi alterate idonee alla commissione di furti di autovetture. I poliziotti nella Fiat “Panda” rubata, che riportava vari danni ed era priva del sistema di allarme satellitare, hanno rinvenuto arnesi atti allo scasso ed una centralina codificata, con la quale era stata messa in moto l’autovettura. Il  P.M. di turno, informato ha disposto di trattenere l’arrestato presso le locali camere di sicurezza in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo fissato per la mattinata.


Catania  - Polizia trova 10 cavalli maltrattati, denutriti: sequestrati, affidati  in custodia. 2 denunciati:  G.R. 45enne e   B.M. 22enne.  Agenti dell’UPGSP - Squadra a Cavallo e Cinofili, ieri,   sono intervenuti in contrada Vampolieri – Acicatena (CT) la  “Collina di Aci Trezza”, presso una struttura fatiscente adibita abusivamente a stalla, già in passato posta sotto sequestro per maltrattamento di animali ed il rinvenimento di mezzi di provenienza furtiva e falso documentale. I poliziotti, a seguito del controllo, hanno rinvenuto   10 cavalli lì  stabulati in condizioni estremamente precarie ed igienico-sanitarie pessime, privi di acqua e di profenda (mangime animale). Gli  uomini della Squadra a Cavallo si sono attivati al fine di reperire mangime o fieno per alimentare gli equidi. I tutori dell’ordine hanno rilevato che nella stessa struttura fatiscente c’era soltanto mezza balla di fieno e del mangime,  quindi gli animali venivano alimentati ed abbeverati dalla Polizia intervenuta sul posto. Gli agenti, alla luce di quanto trovato , hanno proceduto a denunciare in stato di libertà per violazione dei doveri inerenti a cose sottoposte a sequestro giudiziale e maltrattamenti di animali, G.R. 45enne, gestore ed affittuario del terreno e proprietario di 5 dei cavalli, nonché B.M. 22enne  proprietario degli altri 5 cavalli, entrambi noti anche per reati specifici. Uomini della Polizia Scientifica del Commissariato P.S. di Acireale sono intervenuti sul posto per i rilievi del caso con personale veterinario dell’ASP di Catania, che ha confermato il precario stato di salute dei cavalli in evidente  denutrizione. I tutori dell’ordine hanno proceduto al prelievo di sangue per le analisi di eventuali malattie infettive e per verificare la presenza di altre patologie. Il  P.M. di turno ha disposto  di sottoporre a sequestro giudiziale i 10 cavalli rinvenuti, della cui custodia si è fatta carico una nota associazione nazionale di volontariato in favore degli animali.


Santa Venerina CT - “Indic” fiuta  droga in casa, pusher la lancia da terrazzo:CC, sorvegliato ai domiciliari.  manette.    I Carabinieri della Stazione di Santa Venerina, coadiuvati dal Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno arrestato nella flagranza il  Elia RACITI  25enne del posto, già sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I  militari, concludendo di mattina una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nell’abitazione del giovane spacciatore. Il pastore tedesco “INDIC”, appena entrato nell’abitazione, ha iniziato ad abbaiare indicando al suo conduttore la presenza in casa di sostanze stupefacenti. Il pusher vedendosi scoperto ha tentato una mossa disperata prendendo 1 busta  nascosta in un mobile e lanciandola dal terrazzino. Uno  dei carabinieri rimasti a cinturare l’immobile ha raccolto la busta in strada.I  militari, oltre alle 54 dosi di marijuana rinvenute nella busta hanno sequestrato 1 bilancino elettronico di precisione, del materiale comunemente utilizzato per confezionare la sostanza stupefacente. L’arrestato, in attesa della direttissima è stato relegato agli arresti domiciliari.


Roma Estradato in Italia da Antille Re Slot catanese Corallo. FRANCESCO CORALLO 56enne catanese è definito dagli investigatori Il Re delle Slot, ed era ricercato per  associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio internazionale di denaro ed altro.  Francesco CORALLO è rientrato ieri in Italia presso l’aeroporto di Roma Fiumicino, scortato da agenti dello SCIP - Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Il personaggio era stato  arrestato a Saint Martin (Antille Olandesi) il 13 dicembre 2016, nell’ambito dell’operazione “Rouge et Noir”, col suo braccio destro Rudolf Theodoor Anna BAETSEN. CORALLO, a seguito delle indagini eseguite dallo S.C.I.C.O. della Guardia di Finanza di Roma con il coordinamento dello S.C.I.P., è stato ritenuto il promotore di un’associazione a delinquere a carattere transnazionale specializzata nel riciclaggio di grosse somme di denaro ricavate dal mancato versamento delle imposte sugli introiti delle c.d. slot machine. L’operazione “Rouge et noir”, guidata dalla D.D.A. di Roma, ha consentito agli investigatori di far luce sul sistematico riciclaggio dei proventi illeciti realizzato mediante numerosi trasferimenti di denaro all’estero al fine di eludere il pagamento dei tributi erariali. Le  operazioni fraudolente del sodalizio criminale hanno coinvolto personaggi noti del mondo politico ed economico italiano ed hanno fruttato all’organizzazione guadagni per oltre 200 milioni di euro. Il catanese Corallo, dopo le formalità espletate presso gli Uffici della Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino,  per il quale sono nel frattempo decorsi i termini di custodia cautelare secondo la normativa italiana, sarà sottoposto alle misure alternative alla detenzione dell’obbligo di dimora, dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e del divieto di espatrio. I  militari dello S.C.I.C.O. della Guardia di Finanza di Roma, devono contestualmente notificare allo stesso Corallo  numerosi decreti di sequestro di denaro, conti correnti, quote societarie, beni mobili ed immobili, anche siti all’estero, per un importo pressoché equivalente agli illeciti guadagni dallo stesso ottenuti.


Catania Questore: vietati funerali per Sebastiano Laudani. Il provvedimento di divieto dei funerali pubblici per Sebastiano Laudani 80enne è stato adottato dal Questore di Catania. Il personaggio era ritenuto dalla Questura il capo dell’omonimo sodalizio inteso “Mussi di Ficurinia” attivo in provincia di Catania, il quale, il 10 agosto scorso, è deceduto per cause naturali. L’Autorità di P.S. con lo stesso provvedimento ha disposto che le esequie si svolgessero alle prime luci mattutine, in forma privata, presso la Cappella Cimiteriale, senza corteo o manifestazioni esterne di alcun tipo. Laudani è stato diverse volte colpito da provvedimenti giudiziari e condannato per gravi reati, segnatamente associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio ed estorsione.


Catania –  Scippatore seriale donne anziane, CC 1 preso.   I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Paternò, nel pomeriggio del 9 Agosto hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere nei confronti di Salvatore Giuliano CUNSOLO   21enne, originario di Catania. L'ordinanza del GIP del Tribunale di Catania è stata emessa su richiesta della Procura della Repubblica. Le indagini condotte dai Carabinieri hanno preso avvio da 4 denunce presentate nel marzo 2017 per furti con strappo ai danni di donne anziane, presentate presso la Stazione Carabinieri di Paternò. Le borse delle signore contenevano oltre ai documenti, bancomat ed oggetti personali, anche somme in contanti fino a 200€.  In  due circostanze le vittime oltre al furto, hanno subito importanti lesioni. Una signora di 82 anni a causa dello scippo, ha patito “trauma contusivo alla spalla sinistra in assenza di lesioni ossee traumatiche ed un trauma alla spalla destra sede di pregresso intervento chirurgico per una prognosi di gg. 15 salvo complicazioni”.  Un’altra signora di 68 anni ha riportato una diagnosi di “frattura collo-omero sinistro per una prognosi di gg 30 salvo complicazioni”.  Entrambe le donne, a causa delle lesioni subite, sono state ricoverate presso l’ospedale SS. Salvatore di Paternò. Le immagini acquisite nell’immediatezza degli eventi  hanno permesso di risalire alla vettura usata dal CONSOLO per darsi alla fuga, una Fiat Punto, auto che veniva prontamente rintracciata dai militari. I tutori dell’ordine, a bordo del veicolo hanno rinvenuto  parte della refurtiva, successivamente restituita alle aventi titolo. I militari hanno notato nella Fiat Punto anche un’ immagine e preghiera di “S Rita”, con relativa custodia di colore marrone, che una delle vittime aveva indicato presente nella sua borsa al momento dello scippo. L’attività dei militari proseguiva anche presso l’abitazione dell’indagato, dove veniva rinvenuto anche l’abbigliamento utilizzato durante le azioni delittuose. I reati contestati, furto con strappo e lesioni, sono aggravati dall’aver approfittato di circostanze di persona (riferiti all’età delle vittime), tali da ostacolare la difesa privata, oltre alla recidiva specifica infraquinquennale. SALVATORE GIULIANO CUNSOLO si trova ristretto presso la Casa Circondariale di Catania Lanza.


Catania –    Preso rapinatore ad autotrasportatore e refurtiva, 1 filmato: in manette. La  Polizia di Stato ha tratto in arresto: Massimo FARO 43enne , quale responsabile del reato di rapina aggravata in concorso. La  locale Sala Operativa, ieri  mattina 9 agosto, alle ore 10:12 circa, ha diramato la nota radio di rapina consumata in via Gabriele D’Annunzio, altezza via Largo Giovanni Pascoli, ai danni di un autotrasportatore di tabacchi. La vittima, era intenta a scaricare la merce, sarebbe stata aggredita da 2 individui i quali, dopo averla minacciata, hanno sottratto 7 colli contenenti tabacchi di vario tipo. I rapinatori,   subito dopo il colpo, hanno provveduto a caricare la refurtiva a bordo di una vettura modello Nissan Micra. Gli agenti della Squadra Mobile, Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” e della Sezione “Antirapine”,  e dell’U.P.G.S.P, in modo coordinato, sono giunti sul posto dando inizio alle ricerche dei rapinatori, seguendo le descrizioni fornite  immediatamente dalla vittima. L’auto  utilizzata per commettere la rapina, in breve tempo, è stata rinvenuta con il motore ancora caldo e con lo schienale del sedile posteriore ribaltato. Gli agenti,   con l’ausilio delle immagini registrare dai sistemi di video sorveglianza, scrupolosamente visionate, hanno accertato che il malvivente alla guida della Nissan Micra fosse proprio Massimo FARO. Individuato il personaggio come uno dei rapinatori, gli uomini della Squadra Mobile sono riusciti a fermarlo nelle vicinanze del luogo in cui era stata abbandonata l’auto. I poliziotti, dopo aver eseguito una perquisizione in uno stabilite nella disponibilità del sospettato, hanno rinvenuto i 7 colli di tabacchi, il carrellino utilizzato per il trasporto ed una tuta ginnica di colore nero, verosimilmente utilizzata da uno dei complici. La refurtiva, il cui valore ammonta a circa 10.700€, è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario. Il malvivente, invece, è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza”.   


Catania Si definiva reincarnazione d’Arcangelo ed abusava di minori in congregazione: operazione 12 apostoli.  Su delega della Procura distrettuale di Catania, il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni “Sicilia Orientale” di Catania ha eseguito questa mattina, una ordinanza di custodia cautelare in carcere per Pietro Alfio CAPUANA 72enne ed agli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Catania nei confronti di: Fabiola RACITI 54enne,  Rosaria GIUFFRIDA 56enne e Katia Concetta SCARPIGNATO 47enne.  I personaggi sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata alla violenza sessuale aggravata ai danni di minori. L’indagine è stata avviata lo scorso anno, allorché la madre di una minore (di anni 15) ha denunciato alla Polizia Postale di Catania i reiterati abusi sessuali subiti dalla figlia in una congregazione religiosa, denominata “Associazione Cattolica Cultura ed ambiente”, ad Aci Bonaccorsi (CT), fondata da un sacerdote, Padre Cavalli, oggi deceduto e gestita, ormai da molti anni, da Pietro Capuana. La comunità, composta da circa 5000 persone, è un gruppo chiuso, con selezione d’ingresso ed organizzazione di tipo fortemente gerarchico, al cui vertice è posto  Capuana, affiancato da soggetti aventi vari incarichi direttivi, denominati “12 apostoli”.   La polizia ha ricostruito che all’interno della Comunità, formalmente dedita alla vendita di prodotti agricoli coltivati dagli stessi adepti (con proventi di migliaia di euro mensili), venivano perpetrati, da moltissimi anni, atti di violenza sessuale ai danni di minorenni, qualificati come azioni mistiche e spirituali, aventi valenza religiosa. La  mamma della minore, in occasione della denuncia, ha consegnato agli investigatori uno smartphone in cui erano contenute conversazioni in chat, utili alle indagini, estratte in maniera forense dalla Polizia. Gli inquirenti, successivamente, hanno identificato altre persone offese che, assunte a sommarie informazioni, hanno confermato gli abusi (talvolta risalenti negli anni), descrivendo lo stato di totale plagio esistente all’interno del gruppo, fondato su argomenti di carattere religioso (persuasione tanto forte da indurre anche alcune donne, madri di minori, a condurre consapevolmente le figlie all’interno del gruppo, nonostante le pratiche,  esercitate). Le capillari investigazioni, sia di carattere tecnico (intercettazioni telefoniche), sia di natura tradizionale (appostamenti con rilievi fotografici) hanno consentito ai poliziotti di accertare la sussistenza di una vera e propria associazione a delinquere, finalizzata alla violenza sessuale aggravata, composta oltre che dal Capuana (che fruiva delle prestazioni sessuali), anche da almeno 3 donne: Fabiola Raciti, Katia Scarpignato e Rosaria Giuffrida. Le 3 signore si sarebbero occupate stabilmente di reclutare le minori da sottoporre alle pratiche sessuali, vincendone le resistenze (le stesse convincevano le giovani che i rapporti con il Capuana  non erano atti sessuali, bensì atti di “amore pulito” , “amore dall’alto”) ed organizzando dei veri e propri “turni” delle bambine presso l’abitazione del soggetto, durante i quali le minori, oltre ad attendere alle svariate necessità dell’indagato (lavarlo, vestirlo, pulire la sua abitazione, ecc.), dovevano soddisfare anche le sue richieste sessuali, talvolta anche in gruppo. Le vittime, inoltre, erano costrette a sottoscrivere delle lettere in cui dichiaravano il loro amore per il Capuana, dichiarandosi espressamente consenzienti alle sue richieste sessuali. Le  minori allorquando esternavano dubbi o non aderivano alle richieste dell’uomo e delle sue collaboratrici venivano tacciate di essere prive di fede in Dio e, talvolta, anche multate, con obbligo di pagamento di somme di denaro. Gli abusi venivano consumati oltre che nell’abitazione del Capuana, anche nel cosiddetto “cenacolo”, luogo dove la Comunità si riuniva con cadenza settimanale per riunioni su argomenti religiosi, in occasione delle quali lui faceva delle “locuzioni” religiose, proclamandosi la reincarnazione di un Arcangelo. Gli investigatori nel corso delle perquisizioni locali ed informatiche hanno rinvenuto numeroso materiale cartaceo ed informatico, tra cui moltissime delle lettere redatte dalle giovani, nonché il “registro” con gli elenchi nominativi di migliaia di adepti.


Belpasso CT  -  Statua Madonna in piazza S. Antonio "Mater Divinae Gratiae".   La  statua "Mater Divinae Gratiae" realizzata ​dallo scultore Pier Manuel Cartalemi, dedicata alla Madonna delle Grazie, venerata nella Parrocchia di Sant'Antonio Abate è stata inaugurata ieri sera, in piazza S. Antonio, è stata ufficialmente consegnata e scoperta nel quartiere ed in città, gode di una particolare ed intensa devozione. La realizzazione dell'opera è stata fortemente voluta dal Comitato Festeggiamenti Maria SS. delle Grazie e sostenuta dall'Amministrazione comunale.  La  cerimonia si è svolta al termine di una celebrazione eucaristica in piazza S. Antonio ed, hanno preso parte il parroco padre Orazio Scuderi, il presidente del Comitato, Angelo Pellegrino, il rettore del Santuario Madonna della Sciara di Mompileri, padre Alfio Privitera ed i  sindaci : Carlo Caputo e di Mascalucia  Giovanni Leonardi. La serata ha infatti segnato un momento di incontro spirituale tra le comunità di Belpasso e di Mompileri, nelle cui vicinanze si trovano i ruderi dell'antica chiesetta della Misericordia (oggi territorio di Mascalucia) che secoli addietro si trovava nel paese di Malpasso, distrutto dall'eruzione del 1669 e ricostruito prima a Fenicia Moncada e poi nell'attuale Belpasso. La fede verso la Madonna delle Grazie era già ardente ai tempi di Malpasso e la posa della statua ha voluto rimarcare la storia e il legame tra le comunità, oltre che testimoniare le radici di una devozione lunga ben 480 anni (dal 1537, anno in cui il popolo di Malpasso attribuì alla Madonna delle Grazie la protezione durante una rovinosa eruzione). Il  sindaco Carlo Caputo   ha evidenziato  l'importanza della statua legato al progetto delle 100 Sculture:   il fascino della pietra capace di resistere  nei secoli.


Riposto CT- CC trovano 6 piante cannabis  in balcone e droga in cucina,1 ai domiciliari.  I Carabinieri della Stazione di Riposto hanno arrestato nella flagranza  un 54enne del luogo, per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. I  militari, stamani a conclusione di una veloce attività investigativa finalizzata a contrastare il fenomeno dello spaccio nella zona jonica, hanno proceduto ad una perquisizione nell’abitazione del personaggio rinvenendo e sequestrando 20 grammi di marijuana abilmente occultati in 1 barattolo di vetro in un’anta della cucina e, in un balcone interno, hanno recuperato anche 6 piante di cannabis indica, dell’altezza superiore ad 1 metro, nonché vario materiale utilizzato per confezionare lo stupefacente. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.


Aci Castello CT -  Estorsione col “cavallo di ritorno”, moto rubata: CC 2 presi in flagranza. I Carabinieri della Stazione di Aci Castello hanno arrestato nella flagranza il castellese Antonino BARBAGALLO 27enne ed il catanese Carmelo DI RE 22enne, poiché ritenuti responsabili di tentata estorsione. Ignoti,  la sera del 27 luglio scorso, avevano  rubato una moto Suzuki GSR 600 in Via Nizzeti a Valverde. Il  27enne, il giorno seguente si era presentato sotto casa del proprietario proponendogli la restituzione del  veicolo dietro elargizione di una somma in denaro equivalente a 250 euro.  La vittima ha finto di accettare la proposta e, dopo aver preso appuntamento con lo stesso per l’indomani, si è rivolto ai Carabinieri di Aci Castello. I militari, sentiti i fatti, hanno invitato la vittima a presentarsi puntualmente nel luogo concordato, sempre la Via Nizzeti a Valverde, per la consegna dei soldi. I carabinieri si nascosti in vicinanza dello scambio riuscendo ad ammanettare i malviventi nel preciso istante in cui stavano per intascare i soldi. Gli arrestati, in attesa della direttissima,  sono stati relegati agli arresti domiciliari. 


Catania Esercizio coi contatori “frenati da magnete”: titolari, minacciano dipendenti Enel, gemelli ai domiciliari.  Agenti  del Commissariato Borgo-Ognina ieri, hanno proceduto all’arresto ai domiciliari  di Antonio Davide e Giuseppe Dario Tramontana fratelli gemelli 34enni. I due, titolari di un minimarket ubicato nel quartiere di San Cristoforo, sono indagati per i reati di furto, favoreggiamento personale, resistenza e minaccia nei confronti di incaricati di pubblico servizio. La vicenda trae origine da un controllo, effettuato in passato da operatori Enel presso il negozio dei gemelli, per verificare un sospetto furto di energia elettrica che con ogni probabilità, atteso il bassissimo consumo di elettricità registrato, si stava verificando nell’esercizio commerciale. I tecnici Enel, giunti presso il negozio, verificarono la presenza di un magnete posto sul contatore e mentre stavano svolgendo l’accertamento furono  rinchiusi in uno stanzino del locale, dal padre dei 2 gemelli spalleggiato da altre persone. I tecnici di fatto si sentirono sequestrati, e poi fu loro ingiunto di andarsene con minacce  allo scopo di farli desistere dal procedere  con la verifica. Gli operatori, intimoriti, lasciarono il luogo dell’accertamento per recarsi presso il Commissariato Borgo-Ognina dove sporsero denuncia per sequestro di persona, minaccia e resistenza a incaricato di pubblico servizio. L’esercizio commerciale, nel frattempo continuava a far registrare consumi di energia elettrica eccessivamente bassi, soprattutto a fronte delle attrezzature elettriche ivi installate, facendo presagire che l’illecito prelievo fosse ancora in atto. Gli  operatori Enel,   ieri, di concerto con gli uomini del Commissariato, si sono nuovamente recati presso il minimarket, al fine di effettuare le dovute verifiche e, quindi, acquisire il magnete posto sopra il contatore  e rivolgere ai titolari dell’attività le dovute contestazioni. Davide Tramontana stavolta era presente e spalleggiato sia dall’altro fratello che da un secondo dipendente, ha afferrato il personale Enel e con violenza e minacce l’ha allontanato dal contatore, impedendo la verifica. Una  quarta persona, nel frattempo, ha afferrato il magnete per poi dileguarsi. Il  padre dei gemelli Tramontana, giunto frattanto nel locale, ha minacciato i tecnici Enel ai quali si è pure “presentato” come “uomo d’onore”, intimando loro di allontanarsi e di non procedere ai controlli. I  poliziotti, visti i precedenti accadimenti ed il pericolo per l’incolumità degli operatori Enel, avevano predisposto un servizio di appostamento a pochi metri dall’esercizio commerciale, allo scopo di intervenire tempestivamente qualora necessario: e così è stato. Gli agenti hanno fatto immediatamente irruzione, mettendo anzitutto in sicurezza il personale Enel, “cristallizzando” le prove dei reati commessi e, dopo aver ricostruito fatti e responsabilità a carico dei due fratelli, li hanno dichiarati in arresto. I  Tramontana, in Questura, dove sono stati condotti, si sono rifiutati di indicare il nome del complice che aveva rimosso la calamita dal contatore per poi fuggire e di consegnare le immagini del sistema di video sorveglianza posto all’interno del locale: per tale motivo è scattato anche il sequestro penale dell’impianto di telecamere installato nel negozio. Il  P.M. di turno per i due arrestati ha stabilito gli arresti domiciliari. Il padre dei Tramontana è stato anch’egli denunciato, ma libertà non v’era più lo stato di flagranza, sia per le minacce agli operatori dell’Enel   che per il reato di sequestro di persona commesso nei loro confronti. Indagini  sono in corso per l’identificazione del quarto complice, già segnalato all’Autorità Giudiziaria. La Polizia puntualizza: “con l’avvento dei contatori elettronici, i consumi e, quindi, anche quelli “sospetti” per eccessiva esiguità, vengono registrati centralmente dai sistemi informatici Enel”. Il caso di S. Cristoforo ha evidenziato come possibile accertare che l’illecito prelievo di energia elettrica perdurava da più di un anno.


Catania 3 ai domiciliari per spedizione punitiva, 8 a Villaggio S. Agata.  Su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad ordinanza degli arresti domiciliari, emessa in data 25.7.2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti dei noti: Angelo PASQUALINO 34enne; Gioacchino Orazio PALAZZOLO 24enne; Carmelo BUDA 40enne; in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro e con Angelo PASQUALINO, Gioacchino PALAZZOLO Orazio e Carmelo BUDA, dei reati di rissa aggravata, lesioni personali, porto d’armi e danneggiamento. Il provvedimento restrittivo accoglie gli esiti di un’attività investigativa, coordinata dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania  e condotta dalla Squadra Mobile, che ha consentito di identificare gli altri soggetti coinvolti nel violentissimo raid punitivo avvenuto il pomeriggio dello scorso 22 marzo in un parcheggio per auto, ubicato nel quartiere Villaggio S. Agata, nel corso del quale furono picchiati alcuni soggetti e danneggiata la struttura. Agenti della Squadra Mobile e dell’U.P.G.S.P. alle ore 18:00 circa del 22 marzo scorso, a seguito di segnalazione pervenuta su linea 113, si erano recati presso un parcheggio ubicato nel rione Villaggio S. Agata. I poliziotti sul posto, avevano appreso che uno dei titolari dell’attività commerciale era stato selvaggiamente aggredito da 2 soggetti, giunti a bordo di una Smart fortwo di colore bianco. I malfattori, dopo essere risaliti in macchina avevano investito il malcapitato provocandogli traumi e ferite. L’uomo veniva condotto presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele dove i sanitari riscontravano una policontusione con trauma cranico. Un  gruppo di 8 individui, a bordo di 2 scooter e di 1 Lancia Y, sopraggiunse pochi minuti, nel parcheggio, i soggetti, armati di bastone e spranghe, dopo avere malmenato i presenti uno dei quali era costretto a ricorrere alle cure ospedaliere per i colpi subiti,  danneggiarono alcune autovetture ed i locali adibiti ad ufficio. Gli investigatori della Squadra Mobile - Sezione “Reati contro al Persona” avviando immediatamente le indagini volte ad identificare gli autori del raid e dare una chiave di lettura dell’accaduto, acquisirono le dichiarazioni dei presenti e le immagini del sistema di video-sorveglianza del parcheggio e di quelle cittadine.  Gli  esiti delle prime indagini portarono all’arresto di Antonino PRIVITERA,  Carmelo RAGONESE e Giuseppe MUNZONE, il  19 giugno scorso in esecuzione di ordinanza della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa il   15 giugno 2017 dal Tribunale di Catania – Sezione del G.I.P. I poliziotti, nel prosieguo delle indagini hanno identificato  gli altri soggetti coinvolti nei fatti-reato, per  Angelo PASQUALINO, Gioacchino Orazio PALAZZOLO e Carmelo BUDA, tratti in arresto da agenti della  Squadra Mobile il 26 luglio, in esecuzione di ordinanza degli arresti domiciliari, emessa il   25 luglio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania. I personaggi, espletate le formalità di rito, sono stati posti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Mascalucia Carabinieri scoprono identità Piromane condominio per vendetta, ai domiciliari. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia, collaborati dai militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Gravina di Catania, hanno arrestato nella flagranza il noto catanese Giuseppe CONTI   62enne, già affidato in prova ai servizi sociali,  poiché ritenuto responsabile di incendio doloso. Il fuoco si è sviluppato ieri pomeriggio in un condominio di Via Pulei a Mascalucia. Il  folle gesto sembra che sia nato da una sorta di rivalsa nei confronti  delle istituzioni che alcuni anni fa, a causa dei mancati pagamenti degli oneri previsti per legge, gli revocarono l’assegnazione della casa popolare esistente proprio in quel condominio di Via Pulei. Il piromane avrebbe  preparato dei cumuli di legno e plastica e, piazzandoli in diversi punti attorno all’area condominiale, utilizzando della benzina, ha appiccato il fuoco  provocando un incendio che si è esteso anche alle campagne vicine per oltre 1.000 metri quadri.La gente, terrorizzata, ha chiamato i Carabinieri che giunti  immediatamente sul posto sono riusciti, nel giro di qualche minuto, a raccogliere notizie utili per l’identificazione del piromane che è stato bloccato poco dopo  in paese con le mani ancora annerite e maleodoranti. L’intervento dei Vigili del Fuoco di Catania è stato necessario per domare in serata le fiamme.  L’arrestato, in attesa di giudizio, è stato relegato agli arresti domiciliari.


Catania  CC preso pusher a S.Cristoforo.  I  Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante la scorsa notte hanno arrestato nella flagranza il catanese Prospero Salvatore RACCUIA 21enne, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Il giovane stava prelevando la droga da un nascondiglio di Via Merlo per poi incontrare i suoi clienti in Via Alogna dove consegnava loro le dosi in cambio di denaro. Gli uomini del Nucleo Operativo, in servizio antidroga a San Cristoforo,  dopo averne osservato le modalità di spaccio e fermato a debita distanza uno degli acquirenti con la droga acquistata addosso,  hanno bloccato il sospetto procedendo ad una perquisizione personale estesa ovviamente anche al nascondiglio di Via Merlo. I carabinieri nel complesso hanno rinvenuto e sequestrati 50 grammi di marijuana, suddivisa in dosi, nonché 200 euro in banconote di vario taglio incassate dalla vendita dello stupefacente. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Catania Piazza Lanza.       


Catania – DIA, sequestro beni mafia 4.000.000€. Il provvedimento di sequestro, eseguito  dalla D.I.A. di Catania, ha colpito i seguenti beni intestati ai fratelli NIZZA ed ai propri familiari conviventi: 14 appartamenti costituenti diverse palazzine ristrutturate elegantemente ubicate nel quartiere San Cristoforo di Catania, una villa a due elevazioni con piscina, una impresa individuale esercente l’attività di commercio di automezzi, numerosi beni mobili registrati oltre a diversi rapporti bancari. Il valore dei beni sequestrati ai fratelli NIZZA è stato complessivamente stimato in euro 4.000.000,00. Uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal 1° Dir. P.S. dr. Renato Panvino hanno eseguito il decreto di sequestro di beni mobili, immobili e aziende, a vario titolo, riconducibili ai noti fratelli Andrea Luca, Salvatore e Daniele NIZZA a seguito di proposta  avanzata dalla Direzione Distrettuale Antimafia ed accolta dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione. I fratelli NIZZA, annoverano, a vario titolo, numerose condanne in primo e secondo grado per estorsione, associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, violazioni alla normativa in materia di armi e omicidio.  I soggetti  sono secondo le forze dell’ordine appartenenti all’omonimo gruppo criminale - articolazione della famiglia di cosa nostra catanese “SANTAPAOLA – ERCOLANO” attivo nel quartiere Librino della Città.  Gli investigatori hanno dimostrato dalle numerose operazioni di polizia le cointeressenze di uomini e di mezzi tra il gruppo “NIZZA” e la “famiglia SANTAPAOLA - ERCOLANO”. Il gruppo dei NIZZA, dopo una collocazione inizialmente autonoma, sarebbe stato saldamente inserito nella più ampia famiglia di “Cosa Nostra” catanese, operando anche nell’interesse e per raggiungere i fini propri della organizzazione mafiosa.  Il gruppo   NIZZA, secondo gli investigatori sarebbe capeggiato da Daniele, il quale avrebbe avuto il monopolio delle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti  a Catania nel quartiere Zia Lisa ed a San Cristoforo, nonché in altre aree della cittadina etnea, così come risulta dalle Operazioni di polizia: CARTHAGO – FIORI BIANCHI – SPARTIVENTO. La DIA  evidenzia, altresì, che Andrea Luca NIZZA, all’inizio del 2017, era stato tratto in arresto dopo una latitanza che durava dal dicembre del 2014 ed a seguito della quale era stato inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi del Ministero dell’Interno.   ANDREA Luca, Salvatore e Daniele NIZZA risultano già destinatari di Misure di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S.  L’Ufficio DIA, al fine di dare riscontro alle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia tra i quali anche il fratello Fabrizio Nizza,  che indicavano la riconducibilità agli stessi di beni immobili e imprese, ha predisposto approfonditi accertamenti reddituali e patrimoniali nei confronti dei soggetti facenti parte del nucleo della famiglia “NIZZA”.  Gli approfonditi e complessi accertamenti patrimoniali e bancari svolti dagli investigatori,  compendiati nella proposta di applicazione della misura di prevenzione patrimoniale avanzata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, hanno consentito di far emergere come i fratelli NIZZA,  e  propri nuclei familiari, abbiano accumulato un patrimonio, costituito da numerose unità immobiliari, beni mobili registrati e aziende.  Le indagini patrimoniali eseguite dalla DIA di Catania hanno permesso di ricostruire l’evoluzione del patrimonio, anche illecito, dei Nizza per oltre dieci anni ed hanno consentito di accertare una notevole sproporzione tra le fonti dichiarate e i beni direttamente o indirettamente posseduti, beni che evidentemente sono stati acquistati con somme dell’associazione mafiosa e del provento della gestione delle piazze di spaccio.


Scordia CT– Marito e moglie presi con 50 dosi cocaina in auto, CC in manette. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia hanno arrestato nella flagranza il  Rocco CARUSO 35enne e la moglie 29enne, entrambi di Scordia, poiché ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. La coppia è stata fermati ieri sera ad un posto di controllo, mentre percorreva  a bordo della loro BMW 320 la Via Giuseppe Garibaldi a Scordia.   L’atteggiamento nervoso dei coniugi ha  indotto i militari a sottoporli a perquisizione personale e veicolare. I carabinieri, nella borsa della donna hanno rinvenuto 50 dosi di  “cocaina” 1 confezione di mannitolo, mentre nel cruscotto dell’auto erano nascosti circa 250 euro in contanti, considerati dagli investigatori quale somma ricavata dalla vendita dello stupefacente, 4 cutter nonché del materiale comunemente utilizzato per confezionare lo stupefacente. I militari al marito hanno inoltre contestato la guida senza patente. La droga, il denaro e l’auto  sono stati sequestrati mentre gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati: Il marito al carcere di Caltagirone e la moglie al carcere di Catania Piazza Lanza.


S.G. La Punta CT – Blitz CC in villino con giardino trovata coltivazione “cannabis”: 1  ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di San Giovanni La Punta hanno arrestato nella flagranza un 49enne del posto, poiché ritenuto responsabile di coltivazione o produzione illecita di sostanze stupefacenti. Gli  uomini dell’Arma ieri sera, concludendo una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nella proprietà di un soggetto, ubicata in Via delle Sciare, dove nel giardino annesso all’unita abitativa aveva creato una vera e propria piantagione di canapa indiana mimetizzata tra il verde di altre colture e protetta da una rete metallica.   I  militari, oltre al sequestro di un centinaio di piante, nella camera da letto hanno rinvenuto e sequestrato un recipiente  in plastica con all’interno della marijuana essiccata, pronta per essere dosata e posta in commercio, nonché una bilancia elettronica di precisione. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.


Catania  -  Pistola rubata a Siracusa e droga in casa boss a S.Giorgio: manette CC a moglie e nipote.  I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato nella flagranza la moglie 54enne di Mario BUDA, ritenuto elemento di spicco del clan “Cappello-Carateddi”. Il personaggio è in atto detenuto nel carcere di Milano Opera dove sta scontando l’ergastolo per omicidio, associazione di tipo mafioso. Le manette sono scattate anche per un 19enne, nipote della donna, poiché ritenuti responsabili di detenzione illegale di armi, detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione.  Il blitz dei carabinieri è scattato nella notte tra sabato e domenica quando gli sviluppi di una attività info-investigativa hanno condotto gli uomini dell’Arma nell’abitazione del quartiere San Giorgio. Gli investigatori nel luogo hanno avviato  un’accurata perquisizione  che ha consentito loro di rinvenire e sequestrare: 1 pistola marca browning, cal. 7,65, completa di caricatore contenente 6 cartucce, risultata rubata a Siracusa il 27 dicembre 2015;  10 confezioni termosaldate contenenti complessivamente oltre 100 grammi di cocaina, ancora da tagliare e dosare, 2 bilancini elettronici di precisione nonché del  materiale comunemente utilizzato per il confezionamento delle sostanze stupefacenti. Nel corso delle operazioni sono stati altresì rinvenuti e sequestrati diversi monili in oro, di probabile provenienza furtiva, che nei prossimi giorni saranno catalogati per l’eventuale restituzione ai legittimi proprietari. L’arma sarà sottoposta agli esami tecnico-balistici da parte degli specialisti del RIS di Messina che potrebbero stabilirne l’eventuale utilizzo in pregressi episodi criminosi.  Gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati al carcere di Catania a Piazza Lanza. 


Catania  - Spaccio a S.G. Galermo, polizia ammanetta 1 pusher.  Agenti dell’UPGSP hanno arrestato il catanese Antonio LONGO 43enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I  poliziotti, durante l’attività di pattuglia svolta nel popoloso quartiere di San Giovanni Galermo, hanno notato 2 individui confabulare tra loro. I tutori dell’ordine immediatamente, hanno riconosciuto le fattezze di 2 noti personaggi, tra cui  LONGO ed I.F., entrambi attivi nell’ambiente catanese. LONGO, dopo un giro ispettivo finalizzato all’osservazione a distanza, si è avvicinato ad un centauro passato da lì, al quale ha consegnato 1 involucro recuperato dal parabrezza di una vettura parcheggiata nelle vicinanze, ed in evidente stato di abbandono. Gli  operatori di polizia hanno evidenziato acume investigativo che ha determinato la necessità di un controllo più approfondito, al termine di quella che era sembrata inequivocabilmente una cessione di sostanza stupefacente. L’intuizione si è concretizzata positivamente, attraverso il ritrovamento di numerose stecche di sostanza, del tipo marijuana, celate in una bottiglia di plastica e riposte tra il cofano ed il parabrezza dell’auto  in stato d’abbandono. I.F.,  il secondo soggetto in compagnia del LONGO, è stato  deferito all’Autorità Giudiziaria in ordine al reato di inosservanza delle prescrizioni imposte dalla Sorveglianza Speciale. Il quantitativo rinvenuto e sequestrato, del peso lordo complessivo di 60 grammi, ha determinato l’arresto di LONGO. Il  soggetto su disposizione del P.M. di turno è stato sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere, in attesa del giudizio di convalida dinanzi al G.I.P.


Misterbianco CT – Blitz carabinieri  in casa spaccio: famiglia ai domiciliari. I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Nicolosi,  hanno arrestato nella flagranza un muratore di 54 anni, la moglie, casalinga di 55 anni  e la figlia, disoccupata di 32 anni, poiché ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari hanno valutato l’eccessivo viavai di giovani in quell’abitazione di Via Salso a Misterbianco, tanto da spingerli a monitorarla giorno e notte. I carabinieri, ieri sera, approfittando del momento propizio – l’accesso in casa di un cliente, hanno fatto irruzione e grazie al prezioso fiuto del pastore tedesco “INDIC” hanno scovato, nascosta in un portavivande collocato all’interno del frigorifero, 150 grammi di marijuana, in gran parte suddivisa in dosi, 1 bilancino elettronico di precisione nonché del materiale comunemente utilizzato per confezionare la sostanza stupefacente. Gli investigatori hanno potuto avvalorare la tesi investigativa sull’attività di spaccio col controllo degli assuntori fermati dai Carabinieri all’uscita dalla casa con la droga acquistata. I giovani fermati  saranno segnalati all’Autorità prefettizia per uso personale di sostanze stupefacenti.La droga ed il materiale sono stati posti sotto sequestro mentre l’intero nucleo familiare attenderà il giudizio per direttissima relegato agli arresti domiciliari.


Catania Polizia Librino blocca 1 grossista e  2 operai coltivatori droga. Si tratta di : Giovanni RUSSO  63enne nato a Paternò  e residente a Ragalna (CT), già noto; Antonio CONTARINO 29enne, nato Catania e residente a Paternò, già noto; Salvatore MAGRI’ 44enne nato a Catania  e residente a Pedara incensurato. I Poliziotti del Commissariato Librino, il  14 luglio scorso, a seguito di articolata ed intensa attività info-investigativa,  hanno eseguito i 3 arresti in flagranza per produzione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana.  Gli uomini del Commissariato Librino erano da tempo sulle tracce di RUSSO, poiché, a seguito di una pregressa attività investigativa l’avevano  individuato come uno dei principali “grossisti” rifornitori di sostanze stupefacenti del florido mercato illecito nel popoloso quartiere catanese di Librino.  Gli  agenti sono giunti ad individuare un appezzamento di terreno, posizionato su un percorso impervio, difficilmente visibile dall’esterno. Gli  investigatori hanno desunto che nella zona sorvegliata vi potesse essere  una coltivazione di cannabis indica. Gli investigatori, fatte le dovute valutazioni, hanno ritenuto d’intervenire nel terreno individuato.  Diverse  pattuglie del Commissariato Librino, dopo avere percorso la S.P. 192 che da Catania conduce ad Enna, hanno imboccato la S.P. 50 fino a giungere in territorio di Centuripe (EN), collocato fra le frazioni Muglia e Pietralunga. I   poliziotti operanti, durante il tragitto che conduce al terreno individuato, giunti quasi in prossimità dell’area, hanno sorpreso CONTARINO e MAGRI a bordo di un camion con sopra  collocato un serbatoio in plastica appena riempito di acqua sorgiva da utilizzare per irrigare le colture lì presenti. I tutori dell’ordine hanno fatto accesso nel podere ed avviato la perquisizione in un casolare  e  nel terreno circostante verificando immediatamente che, nascosti da altri alberi, vi erano  lunghe file di piante del tipo Cannabis e Skunk. L’attività di ricerca ha permesso di rivenire tutto ciò che occorre  per coltivare, essiccare e confezionare la sostanza stupefacente prodotta: concime, diserbante, fertilizzante, antiparassitari, setacci, macchina termosaldatrice, una bilancia e anche una confezione termosaldata di marijuana dal peso di grammi 300 circa.  La lunga e defatigante verifica ha permesso di quantificare il rinvenimento in complessive 2.697 piante, delle quali 1.617 del tipo Cannabis, ancora in fase di crescita avente altezza di circa un metro, per complessivi kg 242, e 1.080 piante del tipo Skunk, per un peso lordo complessivo di kg 216 per un totale di kg 458. RUSSO, ignaro della presenza della Polizia di Stato sul posto, frattanto si è presentato sul luogo delle operazioni.   Il personaggio   non poteva che ammettere come il terreno e la coltivazione fossero riconducibili a lui. Agenti della Squadra Mobile e del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica della Questura di Enna, notiziati del rinvenimento effettuato in quella giurisdizione dai poliziotti del Commissariato Librino, sono giunti in loro ausilio per operare in collaborazione. La  Polizia Scientifica ennese ha proceduto ad un meticoloso sopralluogo, con filmati e fotografie, che, per la vastità della piantagione, richiedeva diverse ore di applicazione. Gli investigatori, di quanto acclarato, hanno dato comunicazione alla Procura della Repubblica di Enna, competente per territorio, comunicando gli arresti e chiedendo l’autorizzazione a procedere alla distruzione delle coltivazioni illecite, fatti salvi i campioni per  le analisi di rito. Le   piante su autorizzazione dalla suddetta Autorità Giudiziaria di Enna sono state distrutte mediante fresatura,   con un decespugliatore fatto giungere appositamente sul posto. I  3, dopo gli adempimenti di rito, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Enna, come disposto dalla Procura, per  rimanere ristretti in attesa della convalida degli arresti.


Catania - Polizia blocca 1 topo d’auto filmato in centro commerciale. Agenti del Commissariato “Librino” hanno bloccato, nella flagranza di reato, il catanese Antonino CARAMBIA 42enne residente nel rione “San Cristoforo”, per tentato furto aggravato già noto per reati contro il patrimonio e destinatario della misura di prevenzione dell’avviso orale, emessa dal Questore di Catania. Il  soggetto è stato sorpreso dalla pattuglia del Commissariato, in servizio di specifica vigilanza proprio nella zona dei centri commerciali, mentre armeggiava nelle vicinanze di 1 furgone in sosta presso il parcheggio del noto centro commerciale “Ikea”.   La  locale centrale operativa già aveva diramato nota di furto in atto seguita da segnalazione telefonica fatta su linea 113 dal personale di vigilanza del negozio, per comportamento sospetto. CARAMBIA all’arrivo della polizia sul posto, avvenuto poco dopo  la segnalazione telefonica, ha cercato di disfarsi di 1 chiave adulterina con la quale aveva poco prima forzato la portiera del furgone e  darsi alla fuga. il personaggio è stato prontamente bloccato  ed a seguito della perquisizione del mezzo in uso al sospettato, è stato rinvenuto nella sua disponibilità armamentario da scasso. La  visione delle videoriprese del sistema di sorveglianza dello stesso parcheggio nell’immediatezza dei fatti, ha evidenziato che lo stesso soggetto, pochi giorni prima, si era verosimilmente reso responsabile di analogo episodio di furto  di autoveicolo. L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno è stato tradotto presso la sua abitazione dove permarrà in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.


Catania Operazione “CARTHAGO 2”  1 in manette. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Catania,  nei confronti  del  catanese Giuseppe BELLIA 22enne. Il giovane era sfuggito all’arresto nell’ambito dell’operazione del 6 luglio scorso, che ha disarticolato un gruppo criminale, radice della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano, che come associazione a delinquere di tipo mafioso si dedicava al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti nonché alle estorsioni. Il 22enne era stato ricercato attivamente e messo sotto pressione dagli uomini del Nucleo Investigativo si sarebbe convinto ieri sera a costituirsi. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.


CataniaRapina a Taormina, 1 condannato a 4 anni. I Carabinieri della Stazione di Calatabiano hanno arrestato Massimo MONASTRA 34enne del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni del Tribunale di Catania. Il  giovane è stato  condannato dai giudici per rapina aggravata,  commessa a Taormina (ME) nel marzo del 2005. il personaggio dovrà scontare la pena 4 anni e 1 mese di reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza la pena.


Catania – Polizia scopre  oltre 7000 piante marijuana, coltivatore in manette. si tratta di : Fabio PASTORE  38enne già noto,  ritenuto responsabile del reato di coltivazione e produzione di marijuana, nonché detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Poliziotti della Squadra Mobile di Catania - “Sezione Contrasto al Crimine Diffuso”, nell’ambito delle attività finalizzate a   frenare il fenomeno del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, da attività info-investigativa avevano appreso che Fabio PASTORE aveva realizzato, in un appezzamento di terra ricadente in agro di Palagonia (CT), una vasta piantagione di marijuana. Gli  uomini della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, alla luce di quanto appreso, dopo avere esperito preliminari accertamenti, hanno avviato una certosina attività di p.g. espletando numerosi servizi di osservazione e pedinamento che consentivano di individuare il terreno ove insisteva la piantagione in contrada Campanito di Palagonia.  Gli investigatori,  ieri mattina, ad esito di mirata attività, hanno effettuato una perquisizione nell’appezzamento di terreno dove sono state rinvenute e sequestrate n. 7700 piante di marijuana, 400 delle quali di oltre 2 metri di altezza. I poliziotti, sul posto hanno, altresì, rinvenuto sacchi di juta necessari alla raccolta dello stupefacente e materiale necessario alla coltivazione. La piantagione era stata abilmente realizzata tra gli alberi di un vasto agrumeto e per tale ragione era difficilmente individuabile dall’esterno. Gli investigatori hanno deciso di procedere alla perquisizione dell’abitazione di PASTORE, ubicata nel comune di Palagonia,  dove sono stati rinvenuti e sequestrati 2 panetti di hashish, per un peso complessivo di gr.174, gr.50 circa di marijuana e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Fabio PASTORE espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Caltagirone (CT) a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania – Polizia trova armi da guerra nascoste, eseguiti 4 provvedimenti.  Giuseppe TIRENNI  41enne  è stato tratto in arresto per detenzione di armi da guerra essendo stato ritenuto responsabile di detenzione illegale di arma da guerra e relativo munizionamento. Gli Agenti della Squadra Mobile Sezione “Antidroga”, nell’ambito di attività info-investigativa, hanno appreso che Giuseppe TIRENNI  teneva armi da guerra, in un appezzamento di terreno in contrada Quartararo, in territorio di Misterbianco.  I poliziotti hanno effettuato  gli opportuni accertamenti, nel pomeriggio di ieri ed è stata eseguita la perquisizione domiciliare ad esito della quale, abilmente occultata in un incavo ricavato nel telaio di una porta di un fabbricato ivi insistente, è stata rinvenuta 1 pistola mitragliatrice a raffica Skorpion cal.7,65 con relativo caricatore rifornito con  cartucce del medesimo calibro, dotata di silenziatore. Gli agenti nel prosieguo della perquisizione hanno rinvenuto e sequestrato 1 fucile ad aria compressa marca WEIHRAUCH, modificato. Giuseppe TIRENNI, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Catania - piazza Lanza.

La  Polizia di Stato, nell’ambito dell’attività volta al rintraccio di soggetti destinatari di provvedimenti restrittivi, ha tratto in arresto: Florinel DINU 33enne  già noto in atto agli arresti domiciliari, destinatario di decreto magistrato di sorveglianza sospensione provvisoria dell’espiazione presso il domicilio della pena detentiva con conseguente carcerazione emesso il  10 luglio 2017 dalla Procura  della Repubblica presso il Tribunale di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito dalla Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”,  per il reato di furto. Fabio Marco  RAPISARDA  52enne già noto in atto agli arresti domiciliari, destinatario di  esecuzione decreto magistrato di sorveglianza sospensione provvisoria detenzione domiciliare con conseguente carcerazione, emesso in data 11.7.2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale  Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”,  per il reato di furto. Alfio MOSCUZZA 40enne  già noto in atto agli arresti domiciliari, destinatario di revoca di decreto di sospensione di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 11 luglio 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale  Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di 1 anno  e 8 mesi di reclusione per  reati in materia di stupefacenti.


Catania Commissiona omicidio compagno, collaboratore svela: CC, 4 accusati. Donna ai domiciliari. Operazione Circe. La  Procura Distrettuale della Repubblica nella mattinata  ha delegato  ai Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Catania, l’esecuzione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa l’8 luglio 2017 dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Catania nei confronti di: Barbara BREGAMO 42enne, domiciliata a Misterbianco; Francesco Giuseppe INDORATO  48enne, domiciliato a Catania; Antonio ZUCCARELLO  50enne, domiciliato a Santa Maria di Licodia (CT); Alfio MAUGERI  43enne, domiciliato a Misterbianco;   rispettivamente indagati:  BREGAMO (quale mandante) e INDORATO (quale esecutore) per il tentato omicidio aggravato, e nello specifico dell’accoltellamento, commesso a Misterbianco il 21 gennaio 2001 nei confronti dell’imprenditore Catanese Santo GIUFFRIDA nato nel 1957, compagno della BREGAMO; BREGAMO (quale mandante), ZUCCARELLO e MAUGERI (quali esecutori)  per l’omicidio premeditato, per mezzo di iniezione di sostanza venefica e soffocamento, dell’imprenditore Santo GIUFFRIDA nato nel 1957, avvenuto a Catania il 10 dicembre 2002. Gli investigatori hanno ricostruito la vicenda: la morte di GIUFFRIDA era stata finora attribuita ad un infarto fulminante, ma, le dichiarazioni rese nel corso del 2016 dal neo-collaboratore di giustizia Luciano CAVALLARO, hanno consentito di far luce su un efferato omicidio fino ad ora dissimulato come morte naturale. CAVALLARO ha, nella sostanza, riferito di aver avuto l’incarico dalla BREGAMO di uccidere il proprio compagno Santo GIUFFRIDA e di aver per questo effettuato un primo tentativo nel 2001 incaricando dell’esecuzione materiale un suo conoscente (Francesco Giuseppe INDORATO) che aggredì con un coltello la vittima nel suo garage condominiale. GIUFFRIDA in tale occasione riuscì a scampare all’attentato restando gravemente ferito. Nessun elemento raccolto all’epoca consentì poi di ritenere la BREGAMO coinvolta nell’accaduto e seppure l’INDORATO veniva indagato, non venivano acquisiti sufficienti elementi per un rinvio a giudizio.  BREGAMO, a distanza di quasi un anno da tali fatti, avrebbe richiesto nuovamente al CAVALLARO l’uccisione del compagno pagando questa volta 20.000€ ed acquistando, per lo stesso CAVALLARO, una BMW. Il gruppo in questa seconda occasione  avrebbe pianificato l’omicidio con maggior cura e, nello specifico,  CAVALLARO avrebbe coinvolto Alfio MAUGERI ed Antonio ZUCCARELLO. I tre soggetti si sarebbero introdotti nella notte tra il 9 ed il 10 dicembre 2002 nell’abitazione del GIUFFRIDA (con la collaborazione della convivente BREGAMO) e  dopo aver iniettato a GIUFFRIDA una sostanza velenosa,  lo avrebbero soffocato. La BREGAMO avrebbe inscenato successivamente la morte naturale dello stesso GIUFFRIDA senza che si ingenerassero sospetti su quanto realmente accaduto. Le indagini, avviate sotto la direzione della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, per ottenere i necessari riscontri alle dichiarazioni del CAVALLARO sono state condotte dalla Sezione di Polizia Giudiziaria Carabinieri presso l’Autorità Giudiziaria e dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Catania ed, attraverso un’articolata serie di intercettazioni telefoniche, telematiche, ambientali e di videoregistrazione  e, corroborate da molteplici attività istruttorie (sommarie informazioni di persone informate sui fatti,  consulenze medico-legali ed altro) hanno consentito di acquisire fonti di prova dall’elevata carica probatoria. Gli investigatori invero, hanno ottenuto riscontri precisi ed individualizzanti in ordine alla chiamata di correità compiuta dal collaboratore di giustizia. Gli inquirenti, al fine di indurre gli indagati a commentare il fatto di reato risalente, avrebbero, inoltre, lasciato sulla loro autovettura un foglio di carta riportante la seguente frase: “sacciu comu tu e i to cumpari affucasturu u masculu di l’amica di Luciano 15 anni fa”. Uno degli indagati dopo aver ricevuto il biglietto avrebbe confessato ad un amico il delitto riferendo testualmente “Sedici anni fa abbiamo fatto un omicidio, io ed altri due”.  Il  G.I.P. del   Tribunale di Catania, per tali motivi concordando sulla piattaforma probatoria ricostruita dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico per Francesco Giuseppe INDORATO (quest’ultimo indagato per il solo tentato omicidio), Alfio MAUGERI ed Antonio ZUCCARELLO, mentre per Barbara BREGAMO (madre di prole di età inferiore ai sei anni), ha  disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari. 


Catania -  Caporalato: DIA  sequestra beni ad imprenditore Paternò 10 milioni€. Si tratta di Rosario DI PERNA   61enne, nativo di Raccuja(ME) e domiciliato in Paternò (CT). La Direzione Investigativa Antimafia di Catania, diretta dal 1° Dirigente della Polizia di Stato dr. Renato PANVINO, ha eseguito nella mattinata un decreto di sequestro beni, emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, su proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della D.I.A., Nunzio Antonio FERLA, in sinergia con la Procura Distrettuale della Repubblica di Catania guidata dal dr. Carmelo ZUCCARO. Rosario DI PERNA era stato già colpito, unitamente al figlio Calogero e ad altri indagati di nazionalità rumena, da un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa nel 2015 dal Tribunale di Catania (operazione di polizia denominata “SLAVE”), poiché gravemente indiziato di aver costituito un’associazione, operante a Paternò ed in Romania, preordinata al reclutamento di manodopera rumena per l’impiego nelle campagne paternesi, in assenza delle garanzie minime di tutela spettanti ai lavoratori. Gli accusati avrebbero costretto le numerose vittime a subire condizioni lavorative vessatorie con violenze e minacce, implicite ed esplicite, e commettendo nei loro confronti più delitti di estorsione (cd. caporalato). Le vittime venivano, inoltre, collocate in alloggi di fortuna, privi delle condizioni minime di abitabilità (acqua corrente, energia elettrica, servizi igienici, riscaldamento).  Le forze dell’ordine, nell’ambito dell’operazione “Slave”, condotta dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, oggi diretta dal dr. Carmelo ZUCCARO, arrestarono 9 (nove) persone, quasi tutte provenienti dalla Romania, accusate di appartenere ad associazione a delinquere dedita al “capolarato”. Gli investigatori ritengono che DI PERNA, sia elemento a capo dell’organizzazione delinquenziale. Il personaggio annovera, tra l’altro, condanne per truffa all’INPS, furto continuato ed usura, per le quali era già stato tratto in arresto in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Catania. La D.I.A. di Catania ha svolto approfonditi e complessi accertamenti patrimoniali non solo sul conto di DI PERNA, ma anche sulle attività riconducibili ai familiari, in primis al figlio Calogero, titolare di un’impresa e cointeressato in una società inserita nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli. Gli inquirenti hanno operato in attuazione della vigente normativa antimafia, che ha introdotto un più ampio ventaglio di soggetti sui quali è possibile avviare indagini finalizzate all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, tra i quali figura anche il reato di caporalato, contestato al DI PERNA dalla D.D.A. di Catania. Gli accertamenti patrimoniali svolti sul suo conto, ai fini dell’applicazione della misura di prevenzione, hanno evidenziato l’assenza, nei confronti di Rosario DI PERNA, di risorse lecite idonee a giustificare gli investimenti effettuati e, nel contempo, una cospicua e generalizzata sproporzione tra i redditi dichiarati ed il patrimonio posseduto. Il Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione, accogliendo la proposta presentata dal Direttore della D.I.A., con il provvedimento, ha disposto il sequestro del patrimonio riconducibile a DI PERNA, stimato in circa 10.000.000€. La DIA ha sequestrato diversi rapporti bancari in corso di quantificazione,  8 automezzi, 2 aziende - la DIFRUIT Srl di Paternò, operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli e la ditta individuale CALOGERO DI PERNA, operante nel settore delle colture agrumicole -, nonchè svariati immobili costituiti da n. 20 fabbricati e da n. 48 appezzamenti di terreno ubicati nei comuni di Paternò, Belpasso, Biancavilla, Ramacca, Floresta (ME), Patti (ME) per una estensione totale di oltre 50 ettari.


 Catania CC, 26 arresti mafia: collaboratori  giustizia ricostruiscono attività Librino, S.G.Galermo e S.Cristoforo. Si tratta di: Massimo AMANTEA 39enne;  Francesco BELVISO 46enne; Salvatore BONANNO  29enne; Giuseppe BONCALDO  44enne già detenuto; Carlo BURRELLO  23enne già detenuto; Domenico CONTARINI  45enne; Antonio CRISTALDI  41enne già detenuto; Sebastiano GRASSO  59enne; Rosario LOMBARDO  48enne; Angelo Marcello MAGRI’ 46enne già detenuto; Natale NIZZA   20enne; Natale Dario NIZZA  23enne già detenuto; Salvatore NIZZA  44enne già detenuto; Giuseppe PASTURA  26enne; Francesco PETRALIA 44enne già detenuto; Francesco PINTO  41enne già detenuto; Vito ROMEO  40enne già detenuto; Arnaldo SANTORO  39enne già detenuto; Biagio SAPUPPO  33enne; Francesco SANTAPAOLA  37enne già detenuto; Francesco SCUDERI 29enne già detenuto; Giuseppe VINCIGUERRA  28enne già detenuto; Giuseppe SCALETTA  50enne già detenuto. 200 militari del Comando Provinciale di Catania, alle prime ore del mattino, su delega di questa Direzione Distrettuale Antimafia, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania,  nei confronti di 26 persone, per associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, ed estorsione con l’aggravante del metodo mafioso, ritenute appartenenti al clan Santapaola capeggiato negli anni 2015 e 2016 da Francesco Santapaola e da Marcello Magrì. I carabinieri in particolare hanno accertato che prima Francesco Santapaola  e  dopo il suo arresto, Marcello Magrì siano stati i “reggenti” del clan Santapaola con il compito di relazionarsi con gli altri responsabili del clan e con le altre organizzazioni territoriali, mentre il mercato della droga sarebbe rimasto saldamente nelle mani di Rosario Lombardo che nonostante 1 condanna definitiva ad anni 20 di reclusione ed un’altra in secondo grado a 20 anni di reclusione, entrambi per associazione mafiosa ed associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, a causa dell’incompatibilità carceraria per motivi di salute, abbia continuato a gestire il traffico di stupefacenti delle piazze di spaccio di Librino, San Giovanni Galermo e San Cristoforo, avrebbe ospitato veri e propri summit mafiosi presso la sua abitazione dove era autorizzato a scontare la detenzione domiciliare e dove avrebbe svolto anche l’incarico di provvedere agli stipendi dei detenuti e degli affiliati.  L’esecuzione dell’ ordinanza, naturale prosieguo dell’indagine “Carthago”, eseguita lo scorso anno, che aveva interessato il quartiere Librino, ha comportato un intervento massiccio di militari nell’intero quartiere di San Cristoforo posto nella periferia sud della città. Gli investigatori la ritengono enclave del clan Nizza quale centro di distribuzione di sostanze stupefacenti di tipo hascisc, marijuana e cocaina. Le dichiarazioni di recenti collaboratori di giustizia, riscontrate da attività di indagine tecnica e tradizionale, hanno permesso di ricostruire le attività criminali e l’organigramma del gruppo dirigente del clan Santapaola nonchè del gruppo dei Nizza insediato nel quartiere San Cristoforo. I collaboratori avrebbero svelato che il gruppo facente capo ai fratelli Nizza, negli ultimi anni, era riuscito a creare un vero e proprio “cartello” della droga con il monopolio delle “piazze di spaccio” nei quartieri di Librino, San Giovanni Galermo e San Cristoforo e, grazie ai cospicui profitti derivanti da tale attività, aveva acquisito un peso notevole all’interno del clan Santapaola, essendo in grado di reclutare e retribuire centinaia di affiliati e di acquistare ingenti quantitativi di stupefacente da immettere sul mercato catanese garantendosi rilevanti flussi di denaro in contanti, prontamente riutilizzabili per investimenti economici e finanziari. Le rivelazioni e le  indagini dei carabinieri hanno permesso di accertare come l’attività di traffico e vendita di cocaina e marijuana fosse funzionale al sostentamento degli affiliati già detenuti e al mantenimento degli associati al pari di una vera e propria retribuzione. Le indagini di natura tecnica dei militari, inoltre, attraverso il monitoraggio dei circuiti relazionali dei soggetti apicali posti alla direzione dei gruppi mafiosi della famiglia Santapaola, hanno permesso di far luce su una serie di estorsioni e tentate estorsioni poste in essere ai danni di cantieri edili e di altre attività commerciali. L’operazione dei militari si inquadra in un’ampia strategia di contrasto della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania e dei Carabinieri del Comando Provinciale che ha consentito, dal gennaio 2015 fino ad oggi, di eseguire numerose ordinanze cautelari e di disarticolare completamente il gruppo dei fratelli NIZZA. Gli arrestati sono stati associati al carcere di Catania Bicocca in attesa dell’interrogatorio di garanzia che si terrà nei prossimi giorni.


Catania Mafia Santapaola-Ercolano operazione DOKS: CC 54 indagati, 40 in carcere, 14 ai domiciliari. Si tratta di : Ordinanza di custodia cautelare : Giosuè Michele AIELLO  23enne; Domenico BUTTAFUOCO 38enne; Mario Maurizio CALABRETTA 28enne; Andrea Nicolò CORALLO 34enne; Mario DIOLOSA’  41enne; Salvatore FIORE  49enne;  Andrea FLORIO 21enne; Giorgio FRENI  51enne;  Francesco FURNO’ 28enne;  Vincenzo GIGANTINI 49enne; Armando GIUFFRIDA 36enne;  Francesco IUCULANO  30enne;  Silvana LEOTTA 40enne; Salvatore LO RE 29enne; Salvatore MANTARRO 51enne;  Angelo MIRENDA 52enne; Arturo MIRENDA 55enne;  Francesco Lucio MOTTA 30enne;  Corin MUSUMECI  21enne; Desiree MUSUMECI  27enne;  Domenico MUSUMECI 47enne;  Carmelo PALERMO  59enne; Salvatore Fabio Valentino PALERMO  37enne;  Salvatore PONZO  30enne; Saverio RAMPULLA  30enne; Mario RUSSO  43enne;  Antonino SAVOCA 26enne; Corrado SPATARO  33enne; Damiano Salvatore SQUILLACI  23enne;  Nicola STRANO 52enne. Arresti domiciliari: Diego AIELLO  21enne; Alfredo BULLA  32enne;  Alessio LA MANNA  28enne; Antonino GIUFFRIDA  53enne; Antonino COSENTINO  37enne; Vincenzo FLORIO  39enne;  Vincenzo MIRENDA  43enne; Alessandro PALERMO  41enne;  Salvatore CALTABIANO  40enne; Antonino RUSSO  27enne. Già detenuti : Claudio Pietro Antonio AIELLO  30enne;  Daniele BUTTAFUOCO  28enne;  Claudio CALABRETTA  52enne; Nunzio CALTABIANO  47enne;   Vittorio Benito FIORENZA 35enne; Vincenzo DI MAURO  37enne; Massimo VIZZINI  43enne; Mario GUGLIELMINO  49enne;  Salvatore GURRIERI  4enne;  Francesco PRIVITERA  23enne; Angelo VARONCELLI  46enne; Affidamento in prova ai servizi sociali ed obbligo di dimora: Andrea MAZZARINO  29enne; Antonio MANGANO  39enne. I Carabinieri hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica, dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania nei confronti di 54 soggetti indagati, di cui 40 in carcere e 14 posti agli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato eseguito da oltre 200 Carabinieri del Comando Provinciale di Catania, supportati dai reparti specializzati (Compagnia di Intervento Operativo del XII Battaglione “Sicilia”, Nuclei Cinofili ed Elicotteri), su tutto il territorio nazionale, ed ha riguardato figure apicali e semplici affiliati del clan “Santapaola-Ercolano” attivo nel capoluogo e con ramificazioni in tutta la provincia etnea, responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, traffico di stupefacenti, rapina. L’indagine è stata condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gravina di Catania dal 2014 al 2016 mediante attività tecniche e dinamiche, ulteriormente riscontrate da dichiarazioni di collaboratori di giustizia, ed era stata avviata sulla base di intercettazioni emerse da un procedimento in corso per associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni. I militari dell’arma, il 15 maggio 2013, in seno a procedimento, hanno rilevato che per cause legate a conflittualità  interne conseguenti all’acquisizione della leadership in seno al “gruppo”  mafioso di San Giovanni Galermo, gli indagati Vincenzo MIRENDA, suo fratello Arturo ed un altro correo,  si erano posti alla ricerca di Vittorio Benito FIORENZA per attentare alla sua vita, tanto che, non trovandolo, si erano recati presso la sua abitazione dove avrebbero minacciato con una pistola i suoi familiari e le persone a lui vicine. Il  grave episodio avviò una complessa attività tecnica sui fratelli Arturo e Vincenzo MIRENDA, che consentiva ai carabinieri di far piena luce anche sulle condotte criminali di un articolato gruppo di spacciatori che, sarebbero stati capeggiati da Alessandro PALERMO, per occuparsi dell’acquisto di cospicue quantità di stupefacente da destinare sulle piazze dei comuni dell’hinterland nord della provincia per il tramite di pusher locali. Le intercettazioni ambientali consentivano ai militari dell’arma di appurare come l’alternanza delle figure apicali, inevitabile a seguito degli arresti che si susseguivano, di arrivare a presunti affiliati che si sarebbero posti immediatamente alle dipendenze del nuovo responsabile. Gli investigatori hanno valutato il   caso di Francesco Lucio MOTTA, il quale,  dopo l’arresto di Vincenzo GUZZETTA “Enzo il biondo”, si sarebbe posto prima agli ordini di Salvatore FIORE “Turi ciuri” e, dopo l’arresto di questi, alle dipendenze di Salvatore GURRERI “il puffo” ed infine dell’ultimo responsabile del gruppo di S. Giovanni Galermo individuato nel corso delle indagini, ovvero Vincenzo MIRENDA “Enzo patata”. I militari dell’arma hanno evidenziato che  Salvatore FIORE sarebbe risultato agli inquirenti  figura di spicco in seno al clan di riferimento, anche dopo il suo arresto avvenuto nel mese di Aprile 2013 (operazione Fiori Bianchi 2) come emerso dal fatto che, a seguito degli attriti tra i due fratelli Arturo e Vincenzo MIRENDA su chi dovesse assumere la leadership del gruppo, il primo per tentare di scalzare il fratello Vincenzo ed avere una posizione di rilievo nel gruppo avrebbe cercato proprio l’appoggio di Salvatore FIORE, per il tramite della moglie, che fungeva da messaggera durante i colloqui in carcere.  I militari su tali basi, a partire dal febbraio 2014,  svolgendo indagini avrebbero  accertato la responsabilità degli indagati in relazione all’appartenenza al “gruppo” della famiglia di Cosa Nostra catanese operante nel quartiere popolare di San Giovanni Galermo, inizialmente capeggiata da Salvatore GURRIERI, il quale pur essendo sottoposto alla misura degli arresti domiciliari avrebbe diretto le attività illecite grazie ai fratelli Vincenzo, Arturo ed Angelo MIRENDA Gli investigatori dalle articolate indagini hanno evidenziato la struttura del gruppo, le posizioni di vertice ed i ruoli degli affiliati nell’ambito del sodalizio malavitoso, ed   anche ricostruito l’ingente volume di affari illegali del clan nei settori delle estorsioni e rapine ai danni di imprenditori e commercianti,  e del traffico di sostanze stupefacenti. L’attività investigativa ha consentito di trarre in arresto in flagranza di reato 17 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 


 

Adrano CT  - 101 dosi in camera e materiale per confezionare: Polizia, 1 ai domiciliari. Agenti del Commissariato di P.S. di Adrano ieri,  hanno proceduto all’arresto ai domiciliari di Gaetano MAZZAGLIA  26enne, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. I poliziotti, nel corso dell’intensa attività di prevenzione e correlato controllo del territorio, mentre stavano percorrendo  via Carnazza, hanno notato  la presenza di Gaetano MAZZAGLIA. Il giovane repentinamente, visti gli Operatori di Polizia, ha tentato di fare rientro nella sua abitazione.  L’atteggiamento sospetto ha indotto gli Operatori  a  procedere alla perquisizione personale e domiciliare con esito positivo. I poliziotti addosso al sospetto negli slip, hanno rinvenuto 2 involucri di sostanza stupefacente del tipo marijuana, 6 banconote da 5€ 1 da dieci, ritenute provento di spaccio. Gli agenti nell’abitazione, all’interno di un armadio, hanno trovato 1 sacchetto di plastica con 101 involucri (dosi) di carta stagnola contenenti marijuana per un peso complessivo lordo di circa 130 grammi, ed altri 2 involucri, uno di carta del peso di 16,5 grammi e 1 di plastica da 10,7 grammi contenenti la medesima sostanza stupefacente; infine, in 1 comodino della stanza da letto dell’interessato, veniva rinvenuta 1  busta in plastica contente 48,5 grammi di marijuana sfusa. I tutori dell’ordine hanno altresì rinvenuto 1 bilancino elettronico, 2 macinini e circa 230 ritagli di carta stagnola, ovverosia materiale atto al suddivisione e al confezionamento delle dosi di stupefacente. Gaetano MAZZAGLIA è stato tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio, dandone notizia al P.M. di Turno della Procura della Repubblica di Catania che ha disposto fosse posto agli arresti domiciliari a disposizione della procedente Autorità Giudiziaria.


Catania - Agenti lo bloccano con anfetamina, cocaina e marijuana: ai domiciliari. La Polizia di Stato ha tratto in arresto ai domiciliari: Sergio LA ROSA  30enne, accusato di essere responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo anfetamina, cocaina e marijuana. Uomini della Squadra Mobile, Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, ieri sera hanno bloccato  Sergio LA ROSA poiché  trovato in possesso di diverse tipologie di sostanze stupefacenti, pronte per essere cedute sul mercato. Il personaggio era stato fermato a bordo del suo ciclomotore in via Dottor Consoli, e già durante il controllo di Polizia ha mostrato un atteggiamento insofferente. Gli agenti hanno sottoposto a perquisizione personale, il sospetto ed hanno rinvenuto e sequestrato  6 involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo anfetamina, per un peso complessivo di gr. 3,15; n. 1 involucro in alluminio contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di gr. 0,21; n. 4 confezioni di sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 7; n. 2 bustine trasparenti contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 45; n. 1 bilancino elettronico di precisione e la somma di euro 100, suddivisa in banconote di piccolo taglio, provento dell’attività illecita. Gli investigatori della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, nel prosieguo dell’attività di Polizia Giudiziaria hanno eseguito una perquisizione presso l’abitazione del soggetto,  nel quartiere di San Berillo Nuovo, ed hanno rinvenuto e sequestrato altra sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 765 circa. Sergio LA ROSA espletate le formalità di rito, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima disposto dall’Autorità Giudiziaria.


CataniaDroga tra CT e SR, condanna: 6 anni e 11 mesi ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato il catanese PIERO D’AGATA  35enne in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Catania.Il personaggio è ritenuto colpevole dai giudici di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, reato commesso tra Catania e Siracusa nel 2014, per cui  è stato  condannato ad una pena equivalente ad 6 anni, 11 mesi  e 21 giorni  di reclusione che dovrà scontare in regime di detenzione domiciliare.


Mascali CT –    Cane Cinofili CC scopre marijuana e piantagione, 1 ai domiciliari. I  Carabinieri della locale Compagnia, con in campo gli uomini delle Stazioni territoriali nei giorni scorsi, coadiuvati dai militari del battaglione “Sicilia” e del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno battuto palmo a palmo le zone ad alto indice di criminalità del territorio di competenza. I carabinieri hanno ammanettato nella flagranza un 36enne di Mascali, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, perquisendo l’abitazione e grazie al fiuto del pastore tedesco “Zero”, hanno rinvenuto e sequestrato: 20 grammi di  “marijuana”, già dosata e pronta allo spaccio,  una mini piantagione di canapa indiana: una decina di piante e   materiale comunemente utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente.


Aci S.Antonio CTDroga in camera da letto: CC, 1 ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Aci Sant’Antonio hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza  Raffaele MIRABELLA 28enne, del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio  di sostanze stupefacenti.  I militari hanno rilevato che tanti  giovani  si succedevano nei pressi dell’abitazione in pieno centro cittadino, tanto da spingerli  a porla discretamente sotto osservazione fino a quando l’altra notte vi hanno fatto irruzione. I  carabinieri hanno rinvenuto, perquisendo la  stanza da letto, nascosti dentro uno zaino: 110 grammi circa di “marijuana”, ancora da dosare, altri 15 grammi circa della medesima sostanza già suddivisa in dosi, 150 euro in contanti, un bilancino elettronico di precisione e del materiale comunemente utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente. La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa di giudizio, è stato relegato ai   domiciliari.


CataniaAnimali maltrattati a Picanello: Polizia denuncia gestore attività. Agenti del Commissariato Borgo-Ognina, hanno effettuato controlli straordinari mirati alla tutela degli animali ed in generale, all’illegalità diffusa nel quartiere di Picanello. L’ispezione eseguita presso un’attività commerciale operante nel settore degli animali, ubicata nel quartiere di Picanello ha assunto particolare rilievo per i risvolti rilevati. Il  titolare ha occupato un significativo spazio di suolo pubblico davanti l’attività ponendovi, tra l’altro, piante, sacchi di mangime e cassette per animali e per tale motivo è stato sanzionato per occupazione del suolo pubblico ai sensi dell’art. 20 CdS con obbligo di ripristino immediato dello stato dei luoghi. I tutori dell’ordine hanno esteso il controllo nell’attività dove, attirati anche dal guaito, o meglio la sofferenza di un cane, hanno riscontrato la presenza di un pitbull di grossa taglia chiuso in una piccolissima rientranza scavata in una parete di una stanza di circa mezzo metro quadrato. L’animale, privo di acqua e cibo, boccheggiante per il caldo, è stato immediatamente rifocillato ed il titolare d’esercizio commerciale indagato in   libertà per il reato di maltrattamenti di animali ai sensi dell’art. 544 ter c.p. che prevede la pena della reclusione da tre a diciotto mesi o la multa da euro 5.000 a euro 30.000. L’indagato ha giustificato l’insano gesto riferendo che”l’aveva chiuso poiché nel corso della mattinata altri cani avrebbero dovuto entrare in detto esercizio commerciale per dei trattamenti”. I poliziotti inoltre, in un terrazzino posto nel retrobottega dell’attività, in un piccolo spazio recintato all’interno di una aiuola di circa un metro quadrato, hanno riscontro la presenza di 4 tartarughe tenute in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttivi di gravi sofferenza.Le  tartarughe, infatti, erano tenute anche in questo caso senza acqua e senza cibo, sotto il sole cocente e in un piccolo spazio. Il  Servizio CITES del Distaccamento Regionale di Carabinieri e Forestale di Catania, ha certificato che appartengono alla specie protetta “Testudo Hermanni” inclusa nell’allegato A Reg. Ce n. 338/97 in applicazione della Convenzione di Washington. Il  titolare è stato indagato in   libertà per il reato previsto dall’art. 1 c.1 lett. f della L. 150/1992 che punisce la detenzione di specie protette a ai sensi dell’art. 727 c.p. per avere tenuto  animali nelle condizioni sopradescritte. Le   tartarughe sono state sequestrate e saranno custodite in un luogo idoneo dove verranno accudite.


Acireale - Stalking, violenza sessuale, circonvenzione incapace, 1 ammanettato da poliziotti. Agenti del Commissariato di P.S. di Acireale hanno tratto in arresto Giuseppe Marcello DI MASE  45enne, acese, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in data  21 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Catania. DI MASE è indagato per svariati gravi reati nei confronti di più vittime ed, in particolare, per il reato di atti persecutori (Stalking), violenza sessuale, circonvenzione di incapace, sostituzione di persona ed estorsione. L’indagine consiste, sostanzialmente, in due diversi filoni. Il primo è iniziato nel mese di settembre 2016, allorquando è stata avviata un’attività investigativa che ha consentito ai poliziotti di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico del DI MASE che, abusando dello stato di infermità psichica di una donna, si sarebbe fatto consegnare, in più occasioni, ingenti cifre di denaro per oltre 5.000€. Il soggetto inoltre, utilizzando falsi account Facebook, si è attribuito l’identità di un altro uomo, sempre al fine di ingannare la donna per estorcerle denaro. Il personaggio in una circostanza avrebbe  estorto, colpendola con un pugno, la somma di 350 euro ad un’altra donna che era stata incaricata dalla vittima di consegnargli del denaro. Un’indagine parallela ha consentito agli inquirenti di accertare che  DI MASE  fosse responsabile anche del reato di atti persecutori nei confronti di una donna di 41 anni, con la quale aveva avuto una relazione amorosa, interrotta per volontà della vittima nel mese di giugno dello scorso anno, proprio a causa dei comportamenti violenti e minacciosi del soggetto. Il personaggio secondo la denuncia fatta dalla vittima agli investigatori del Commissariato, in una circostanza l’aveva costretta con la forza a un rapporto sessuale.I risultati dell’attività investigativa, condotta in costante e perfetta sinergia con la Procura della Repubblica, sono stati compendiati in una dettagliata informativa di reato inviata all’Autorità Giudiziaria. DI MASE, pur essendo stato indagato, negli ultimi giorni, avrebbe aumentato la sua pressione psicologica nei confronti della vittima di stalking con messaggi dalle chiare frasi minacciose, imponendole perfino di non allacciare altre relazioni, altrimenti avrebbe provveduto a eliminarla. La gravità delle minacce, il comportamento violento e persecutorio del soggetto, la frequenza sempre più intensa con la quale i messaggi sono stati inviati, ha fatto scattare un’immediata attività di protezione della vittima, concordata con la competente Autorità Giudiziaria, che è stata costantemente seguita dal personale della Polizia di Stato, al fine di tutelarne l’incolumità. DI MASE, cercando di rimanere non identificabile, nei giorni scorsi ha inviato, da cabine telefoniche ubicate ad Acireale ed a Catania, messaggi con minacce di morte alla donna, cagionandole naturalmente un grave stato di ansia e di paura. Gli investigatori hanno appurato che ad ogni messaggio inviato  è corrisposta con l’immediata attività di riscontro da parte della Polizia di Stato, è stato verificato chi fosse l’autore delle minacce:  l’individuazione dei telefoni pubblici e   la visione di alcune riprese di impianti di video registrazione, hanno permesso di individuare  proprio DI MASE quale responsabile. Queste  attività di riscontro sono state immediatamente riferite, con apposite informative, alla Autorità Giudiziaria, che, con tempestività, ha  chiesto un provvedimento di custodia cautelare nei confronti dell’arrestato, per la sua elevatissima pericolosità. Il GIP, con altrettanta attenzione e celerità, ha emesso la relativa ordinanza applicativa di misura cautelare che ieri pomeriggio è stata eseguita.


Catania Estorsioni e frodi informatiche, Polposta: operazione  “Criptolocker”. La Polizia Postale e delle Comunicazioni Compartimento di Catania diretta dal  v.questore Marcello La Bella,   (ascolta l'intervista) ha svolto l’operazione “Criptolocker”, condotta e coordinata dalla Procura Distrettuale etnea, contro un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di estorsioni, frodi informatiche, accessi abusivi e danneggiamenti a sistemi informatici, sostituzioni di persone e truffe. 7 le persone coinvolte di cui 4 destinatari di un’ordinanza di misura cautelare in carcere. 

Si tratta di Gennaro BOZZAOTRO 23enne detto Genny; Raffaele BOZZAOTRO  31enne detto Lello; Giuseppe DE SIMONE  27enne detto Peppe; Carmine AMATO 24enne detto Carminiello. Altre 3 le persone sottoposte alle indagini per i medesimi titoli di reato, per le quali   Ufficio di Polizia non aveva avanzato richiesta applicativa di misura cautelare, ricoprendo essi il ruolo di meri partecipi del sodalizio criminale.  L’indagine della Polizia postale era stata avviata a  seguito della denuncia per accesso abusivo e per tentata estorsione sporta, nel febbraio 2016, da un imprenditore catanese. I    sistemi informatici della vittima erano stati colpiti dal virus denominato Criptolocker. Gli investigatori hanno   avviato la laboriosa attività di indagine che ha consentito di individuare l’esistenza di un’organizzazione criminale che operava nel territorio napoletano, ma che colpiva le sue vittime sull’intero territorio nazionale.Il virus  denominato Criptolocker è un malware che viene iniettato dai malviventi nei sistemi informatici delle vittime (per lo più imprenditori) ed è in grado di bloccare tutti i dati  presenti, criptandoli. Gli  autori della condotta illecita chiedono, poi, un riscatto in denaro per la successiva decriptazione. La Polizia Postale attraverso complesse analisi di dati informatici e di tabulati telefonici e, poi, intercettazioni telefoniche, è riuscita a risalire all’identità dei componenti il sodalizio criminoso, dedito ad un’ampia attività illecita non solo legata all’uso del  malware, ma anche alla realizzazione di frodi informatiche, di accessi abusivi a sistemi informatici, di truffe e di sostituzioni di persona.I tutori dell’ordine hanno accertato attacchi informatici ad aziende alle quali sono state sottratte le credenziali di accesso ad indirizzi di posta elettronica, a conti correnti on-line ed a piattaforme di vendita digitali. I maldestri eseguivano truffe secondo lo schema c.d. man-in-the-middle, ovvero si sostituivano per lo più a professionisti, trattavano con i relativi clienti, concludevano affari ed indicando coordinate bancarie relative a conti correnti a sé riferibili, si impossessavano dei relativi guadagni. Una  delle vittime di tali condotte illecite è stato un imprenditore catanese.Il  programma criminale comprendeva inoltre l’intenzione di creare un sito web falso (cd. fake) di un istituto bancario, al fine così di poter carpire i dati di home banking dei relativi clienti.L’organizzazione, con sede a Napoli, colpiva le sue vittime sull’intero territorio nazionale. Numerose  le aziende interessate dai raggiri informatici e diverse decine i privati truffati come decine di migliaia di euro i proventi illeciti.La Polizia, nel corso dell’esecuzione dell’ordinanza cautelare ha, inoltre, eseguito perquisizioni locali volte a sequestrare gli strumenti informatici mediante i quali venivano commessi i reati. Sono in corso accertamenti tecnici sul notevole materiale informatico sequestrato.


Adrano - Truffa a Livorno, CC ai domiciliari ad Adrano. I carabinieri  della Stazione di Adrano ieri pomeriggio hanno arrestato ai domiciliari  Salvatore RESTIVO 35enne, del posto, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Livorno. Il personaggio nel livornese è stato ritenuto   colpevole di truffa aggravata in concorso, reato commesso   nel maggio del 2012 ed è stato condannato alla pena di mesi 6 di reclusione che espierà nel proprio domicilio.


Catania - Coltellate e mattarellate   a  madre: lui in manette,  donna in prognosi. Agenti della Polizia di Stato ieri notte hanno arrestato Dario ORLANDO, 30enne nato a Catania, responsabile del delitto di tentato omicidio e di resistenza a P.U. L’operazione ha avuto origine da una segnalazione, giunta sul 113, secondo la quale in un appartamento nei pressi di via Milo era in corso una violenta lite. I  poliziotti sono accorsi immediatamente sul luogo indicato, ed hanno fatto ingresso nell’abitazione, trovando innanzi  una donna che giaceva a terra, in una pozza di sangue. Il marito della vittima era sul posto,   ed ha raccontato agli agenti che poco prima, forse in preda ad un raptus omicida, il figlio  aveva ripetutamente colpito la madre in varie parti del corpo sia  con un coltello da cucina che con un mattarello. Il marito della vittima avrebbe detto ai poliziotti come poco prima dell’aggressione il figlio, che a quanto gli risultava, non aveva mai manifestato segni di disturbo psichico,  avrebbe al momento manifestato alla madre uno stato di ansia e di nervosismo, motivo per cui la donna gli aveva preparato una camomilla. Il  giovane , dopo avere assunto la bevanda, sarebbe parso colto da un’improvvisa furia: si è recato in cucina e ha accoltellato alle spalle la donna, utilizzando 1 coltello della lunghezza di circa 45 cm. Il  marito richiamato dalle urla della signora,  sarebbe accorso e  riuscito a disarmare il figlio, ma è stato da quest’ultimo allontanato con forza dall’abitazione per poi ricominciare a inveire sulla madre con un mattarello da cucina, causandole la frattura di numerose costole. Il  marito della vittima è riuscito con l’aiuto di un vicino, a rientrare nell’appartamento per soccorrere la donna, mentre il figlio,  forse spaventato dal suono delle sirene delle volanti che stavano sopraggiungendo, ha scavalcato la finestra della stanza da letto dell’appartamento per raggiungere, attraversando vari cornicioni, il terrazzo di un palazzo adiacente. Le  Volanti sono giunte sul posto.  Gli  agenti hanno cercato di raggiungere immediatamente il giovane, ed hanno sfondato la porta d’accesso al lastrico solare dove si era rifugiato ed hanno ingaggiato con lui un’accesa colluttazione, terminata col suo l’ammanettamento. La donna, frattanto soccorsa dall’ambulanza fatta accorrere sul posto, è stata trasportata d’urgenza all’Ospedale Garibaldi, dove è stata ricoverata in prognosi riservata. ORLANDO è stato condotto in Questura dove è stato formalizzato l’arresto; il P.M di turno, ha disposto la traduzione dell’arrestato nel il carcere Piazza Lanza, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida.


Catania  - Librino, CC 1 preso con 1kg marijuana: ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza il catanese Antonino GANGI, 31enne, per detenzione ai fini di spaccio. Una  pattuglia, ieri sera  durante un servizio antidroga nel popolare quartiere Librino, in posizione defilata ha notato il soggetto in viale Grimaldi cedere delle bustine ad occasionali avventori, prelevandole di volta in volta da una busta occultata sotto una macchina parcheggiata in quella via. I  militari, accertato lo spaccio, sono immediatamente intervenuti recuperando la busta, nascosta sotto il veicolo, contenente 1 kg di marijuana, già suddivisa in dosi pronte per lo smercio. Il 31enne è stato subito dopo bloccato, perquisito e trovato in possesso di ulteriori 40 grammi di marijuana, suddivisa in dosi, e della somma contante di 145€ in banconote di piccolo taglio, ritenute provento dell’attività illecita. La droga ed il denaro sono stati sequestrati.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.


CataniaANPS Perugia, omaggio a memoria poliziotto Raciti.  Una delegazione della sezione di Perugia dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, stamane, ha voluto rendere omaggio,   alla memoria del Sostituto Commissario Filippo Raciti, il poliziotto deceduto in servizio il 2 febbraio 2007. Il  Questore di Catania Giuseppe Gualtieri,  i rappresentanti delle sezioni ANPS di Sicilia ed  un folto gruppo di agenti del X Reparto Mobile di Catania, il medesimo in cui prestava servizio il poliziotto scomparso, hanno presenziato alla deposizione di una “stella tricolore”, un particolare omaggio floreale che gli aderenti all’Associazione hanno voluto tributare alla figura di Filippo Raciti.L’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, nata come Associazione del Corpo delle Guardie di PS, è stata eretta come Ente Morale nel 1970, ad essa aderiscono i poliziotti in servizio, quelli in quiescenza e cittadini come soci simpatizzanti, onorari, benemeriti e sostenitori. Il Capo della Polizia in carica è il Presidente Onorario del Sodalizio. Obiettivo dell’Associazione, oltre a custodire il patrimonio storico-culturale ed i valori morali della Polizia di Stato, è anche l’impegno sociale che si realizza, in special modo a Catania dov’è anche attivo un gruppo di protezione civile, attraverso l’opera di volontariato degli iscritti.


Catania Picchia, violenta e rapina donna, salito da finestra: filmato e bloccato acrobata. Si tratta di Sebastiano BALSAMO 27enne già noto.  La vittima è stata visitata dai sanitari di turno che le hanno diagnosticato traumi e lesioni in diverse parti del corpo, giudicate guaribili con una prognosi di gg.25. La  Polizia di Stato nel pomeriggio del  5 giugno, a seguito di indagini coordinate dalla Procura distrettuale di Catania, ha posto in stato di fermo di indiziato di delitto: Sebastiano BALSAMO  in quanto gravemente indiziato dei reati di violenza sessuale, rapina e lesioni aggravate.  Poliziotti dell’U.P.G.S.P. e della Squadra Mobile, alle ore 7.00 circa del 4 giugno 2017, erano intervenuti presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “Garibaldi Centro”, a seguito di segnalazione giunta su linea 113.   una  giovane donna  era stata vittima di aggressione all’interno della sua abitazione, nelle immediate adiacenze del predetto presidio ospedaliero. Gli  investigatori della Mobile, giunti sul posto, d’intesa con la Procura della Repubblica di Catania, hanno proceduto, utilizzando personale femminile specializzato della Sezione “Reati contro la Persona, in pregiudizio di minori e reati sessuali”, ad escutere la vittima. La ragazza ha denunciato che un individuo, dopo essersi arrampicato sulla parte esterna dello stabile ed avere raggiunto la sua abitazione sita al primo piano, utilizzando il manico di un coltello aveva infranto il vetro di una finestra e si era introdotto in casa. Il soggetto, dopo avere picchiato la donna, che aveva tentato in ogni modo di difendersi, sotto la minaccia di un coltello a serramanico, aveva abusato di lei. Il  malvivente,  subito dopo, aveva arraffato un telefono cellulare, un computer portatile e due portafogli, dandosi alla fuga. Il sopralluogo effettuato dai poliziotti presso l’abitazione teatro della turpe aggressione, ha consentito al personale della Squadra Mobile e del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di trovare immediati riscontri al racconto della vittima.  Il  vetro della finestra del bagno si presentava infranto con presenza dei frammenti all’interno, la camera da letto evidenziava ancora i segni della colluttazione e della violenza. Gli agenti nella citata camera hanno rinvenuto e repertato numerose tracce di sostanza ematica, talune miste a liquido di colore chiaro, verosimilmente liquido seminale. I poliziotti hanno sequestrato un coltello a serramanico, utilizzato per infrangere il vetro e minacciare la donna nella fasi della violenza ed una abajour rotta, indicata dalla vittima come oggetto con cui aveva tentato di difendersi colpendo più volte il malvivente. Altri  investigatori della Mobile nel contempo, hanno proceduto ad acquisire le immagini degli impianti di video-sorveglianza dell’Ospedale “Garibaldi Centro”.  L’attenta visione dei filmati ha dato modo di ricostruire le fasi dell’accaduto ed    identificare  l’autore dei reati. Il video ha mostrato che un giovane, corrispondente alle fattezze fisiche dell’aggressore, alle prime ore del mattino di domenica 4 giugno era presente all’interno del triage del nosocomio; lo stesso giovane veniva successivamente individuato nei filmati delle telecamere relativi al piazzale del nosocomio mentre usciva dal varco di via Dolo. La  visione delle immagini di altre telecamere, ha mostrato che il giovane ha varcato l’ingresso di un cancello di uno stabile, arrampicandosi sulla parete dell’edificio per raggiungere una finestra; dopo avere armeggiato per alcuni istanti, lo si è notato scendere ed andare via - dal sopralluogo, si avrà modo di appurare che la finestra era protetta da sbarre, pertanto il soggetto, vistosi impossibilitato ad entrare, aveva desistito. Il  medesimo soggetto, trascorsi alcuni minuti, durante i quali era rimasto nelle vicinanze, si è recato nuovamente presso l’immobile e dopo essersi arrampicato sulla parete esterna, ha raggiunto una finestra adiacente alla precedente. Il  malvivente a quel punto, ha infranto il vetro entrando nell’appartamento della vittima.  Il soggetto, dopo una decina di minuti circa, veniva visto uscire dal cancello dello stabile per darsi alla fuga con in mano alcuni oggetti.  Il personaggio immortalato nelle immagini del triage del Garibaldi è stato identificato, grazie anche al contributo offerto dal personale sanitario in  Sebastiano BALSAMO, ma le attività volte al suo rintraccio si sono rilevate tutt’altro che facili.  Il maldestro è stato ricercato invano presso il luogo di residenza - un comune dell’hinterland etneo e presso l’abitazione dei familiari.  La perseveranza degli investigatori, che avevano scandagliato incessantemente il vissuto personale di BALSAMO al fine di acquisire notizie utili al suo rintraccio, veniva premiata il pomeriggio del 6 giugno scorso allorquando BALSAMO è stato individuato e fermato nella zona del centro cittadino, a pochi passi da piazza Università.  BALSAMO, visti i concordanti indizi di colpevolezza acquisiti a suo carico, veniva posto in stato di fermo di indiziato di delitto per i reati di violenza sessuale, rapina e lesioni aggravate ed associato presso la casa circondariale di Catania “Piazza Lanza”.   Il  G.I.P. del Tribunale di Catania, il 9 giugno, accogliendo la richiesta della Procura della Repubblica, ha convalidato il fermo di BALSAMO, disponendone la custodia cautelare in carcere.


Catania - 203° Annuale Fondazione Arma dei Carabinieri. La manifestazione è lunedì 5 giugno, alle ore 18:30,  nella  caserma “Vincenzo Giustino” di Piazza Giovanni Verga, storica sede del Comando Provinciale Carabinieri di Catania. La  cerimonia per il 203° anniversario  della fondazione dell’Arma dei Carabinieri prevede lo schieramento di un Reparto di formazione con rappresentanze delle singole specialità dell’Arma, degli organismi di rappresentanza e dell’Associazione Nazionale  Carabinieri.  Il  Comandante Provinciale, Colonnello Francesco Gargaro, alla presenza delle Autorità cittadine, riassume  i risultati conseguiti dall’Arma etnea e procede  alla consegna delle ricompense ai militari maggiormente distintisi in attività di servizio. I momenti solenni della cerimonia sono la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dell’Ordine del Giorno del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Tullio Del Sette.


Catania –  Matricidio al cimitero per rancori, polizia arresta figlio 43enne.  Gli agenti  su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, hanno tratto in arresto: Angelo Fabio MATA’   43enne, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il  20 maggio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, in quanto ritenuto responsabile di omicidio commesso ai danni della madre Maria Concetta VELARDI (cl.1955), con l’aggravante di aver commesso il fatto contro l’ascendente. Uomini  dell’U.P.G.S.P. della Questura di Catania, alle ore 16.20 circa del 7 gennaio 2014,  erano intervenuti presso il cimitero, a seguito della richiesta di intervento formulata da Angelo Fabio MATA’ il quale aveva riferito di avere rinvenuto il cadavere insanguinato della madre. I poliziotti dell’U.P.G.S.P. e della Squadra Mobile, giunti sul posto, constatarono la presenza del cadavere di Maria Concetta Velardi. Il corpo della donna giaceva a terra su alcune macchie di sangue, in un corridoio tra due cappelle, a pochi metri di distanza da quella della famiglia MATÀ. Gli investigatori nel corso del sopralluogo, eseguito in presenza del P.M. di turno presso la Procura Distrettuale della Repubblica di Catania che si era recato sul posto per coordinare le indagini, personale del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica rinvennero, tra la cappella della famiglia MATA’ ed il cadavere della donna, un sasso intriso di sangue. Il reperto era  compatibile per forma e dimensioni con una prima aggressione che la vittima avrebbe subito, mediante uno o più colpi alla nuca e che ne avrebbe provocato la caduta a terra. Gli agenti, accanto al cadavere avevano rinvenuto, come se fossero stati deposti e abbandonati dopo la selvaggia aggressione, 2 pesanti sassi di grandi dimensioni, intrisi su un lato di sostanza ematica.  Gli investigatori rilevarono  sulle pareti del corridoio la presenza di tracce ematiche compatibili per forma ed ubicazione con l’ipotesi che nel punto in cui era ubicato il cadavere vi fosse stata una seconda violentissima aggressione consistita in una serie di colpi inferti al capo ed altre parti del corpo della vittima, che si trovava già stesa per terra, mediante i due pesanti sassi rinvenuti accanto.Gli inquirenti hanno appurato che sul viale antistante ove era ubicata la cappella MATA’, era posteggiata l’autovettura appartenente a Angelo Fabio MATA’ con la parte anteriore rivolta in direzione di via Acquicella. Una  goccia di piccole dimensioni di sostanza ematica veniva rinvenuta in auto precisamente vicino alla maniglia di apertura dalla portiera posteriore destra. La polizia, da una prima ricostruzione effettuata, ha rilevato che la vittima appariva essere stata trascinata nel corridoio, essendo stata constatata dal medico legale la presenza di abrasioni nella parte inferiore della schiena; la maglia indossata dalla donna, era strappata in corrispondenza del punto in cui vi erano le abrasioni, e ciò lasciava ipotizzare che la malcapitata fosse stata trascinata dall’aggressore per ripararsi da sguardi indiscreti, mentre infliggeva i colpi di grazia. Gli investigatori hanno notato che emergeva in maniera incontrovertibile come l’autore del turpe delitto dovesse essere dotato di notevole forza fisica. Gli inquirenti, sulla base di tali iniziali risultanze, avviarono una complessa ed articolata indagine, anche di tipo tecnico, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania, che si avvaleva del contributo di personale dei Gabinetti Regionali di Polizia Scientifica di Catania e di Palermo (specie per ciò che concerne la ricerca e la catalogazione di tracce di sostanza biologica) che consentivano di acquisire univoci e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti di Angelo Fabio MATA’ evidenziando, quale movente del delitto, il rapporto conflittuale esistente tra quest’ultimo e la madre. Le circostanziate dichiarazioni rese da Angelo Fabio MATA’ in ripetute occasioni, a partire dal 7 gennaio 2014, giorno del ritrovamento del cadavere della signora Velardi, erano oggetto di un’accurata verifica da parte degli investigatori della Sezione “Reati contro la Persona” della Squadra Mobile che riuscivano ad individuare progressivamente numerose persone presenti al cimitero di Catania  il giorno dell’omicidio. 3 diverse persone che si trovavano in altrettanti distinti luoghi del cimitero, non lontani dalla cappella MATA’, avrebbero riferito che avevano avuto modo di udire le urla della donna nel corso dell’accesa discussione con il figlio. Il combinato delle dichiarazioni con i dati offerti dal medico legale hanno consentito di affermare che l’aggressione alla Velardi, a seguito della quale è deceduta (dopo circa trenta-quaranta minuti di agonia) andava collocata tra le ore 15.30 e le ore 15.45 circa del 7 gennaio 2017.  La polizia ha ricostruito che perpetrata l’aggressione, MATA’ si sarebbe precostituito un alibi, cercando di simulare che l’aggressione alla madre fosse avvenuta durante la sua assenza dal cimitero ed effettuando con la propria autovettura un giro che creasse un lasso di tempo sufficiente a tale scopo.I tutori dell’ordine invero, dall’analisi dei tabulati non disgiunte dalle dichiarazioni rese dalle persone presenti al cimitero, affermano che la Velardi era stata aggredita in un lasso di tempo nel quale il figlio si trovava all’interno del cimitero.  Gli investigatori hanno concluso che MATA’, al ritorno al cimitero (documentato dai ponti di aggancio del telefono cellulare), avrebbe messo in piedi la messinscena del disperato rinvenimento con le mani piene di sangue, in modo da giustificare ogni eventuale traccia ematica della madre si di sé come frutto di contaminazione derivante dal rinvenimento e dalla manovre effettuate. Gli esiti degli accurati esami svolti dalla Polizia Scientifica hanno consentito di affermare che, mentre subiva l’aggressione, la Velardi graffiava con la mano destra il figlio, fatto dimostrato sia dalla presenza di materiale genetico riconducibile al MATA’ sotto 2 unghie della mano destra della vittima, sia dalla presenza di sostanza ematica dell’indagato (anche mista a sangue della madre) sugli abiti e sullo sportello dell’autovettura del MATA’.Gli investigatori, in ordine al movente del delitto, hanno accertato che MATA’, a seguito di un’accesa lite con la madre, aveva avuto una violentissima reazione, frutto del rancore a lungo covato nei suoi confronti quale genitore, ritenuta ostacolo alla realizzazione di progetti di vita personale. Espletate le formalità di rito, MATA è stato associato presso la Casa Circondariale di piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania  - Mobiliere in manette,  CC trovano in negozio 15 kg marijuana, 1,5 kg hashish e 250g. cocaina. Il  noto catanese Mario GUGLIELMINO 50enne, è stato arrestato in flagranza poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.Il duro colpo inferto la scorsa notte dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante ai clan che controllano il traffico e lo smercio al minuto di droga nel popoloso quartiere del capoluogo etneo. Il  negozio di mobili di Via Della Concordia sarebbe stato utilizzato come copertura per loschi traffici.  Gli  investigatori dell’Arma annoverano numerosi precedenti nella specifica materia. I carabinieri, da alcuni giorni stavano monitorando con la dovuta attenzione il sospettato fino a giungere ieri sera alla decisione di fare irruzione nell’esercizio commerciale. I carabinieri perquisendo ogni sorta di anfratto e di locale di pertinenza  all’attività in uno sgabuzzino, celata da mobili e scatoloni, hanno rinvenuto e sequestrato:   circa 15 Kg di “marijuana; 1,5 Kg di “hashish”, 250 grammi di “cocaina” nonché del materiale utilizzato per il taglio ed il dosaggio delle sostanze stupefacenti.   Il rinvenimento di una quantità così rilevante di droga ha spinto gli operanti a perquisire nell’immediatezza l’abitazione dell’uomo, ubicata a poca distanza dal negozio, luogo in cui sono stati  rinvenuti e sequestrati ulteriori 14 Kg. di  marijuana. I  carabinieri sono riusciti, calcolando le fasi di lavorazione  e trasformazione degli stupefacenti nelle dosi finali da piazzare al dettaglio, a sottrarre dalle casse della criminalità organizzata una cifra vicina ai 500.000 euro. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.  


Milano Mafia, Laudani invischiati in attività milanesi con LIDL, DDA indagini a  Volpiano (TO), Biandrate (NO), Somaglia (LO) e Misterbianco (CT), 218 filiali. Militari  del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Varese e personale della Squadra Mobile della Questura di Milano, alle prime ore del 15 maggio 2017, hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia (Procuratore Aggiunto dr.ssa Boccassini e Sostituto Procuratore dr. Storari), nei confronti di   15 soggetti (di cui   11 in carcere,   3 agli arresti domiciliari e  1 divieto di dimora), a vario titolo accusati di far parte di un’associazione per delinquere che ha favorito gli interessi, in particolare a Milano e provincia, della famiglia mafiosa catanese dei “LAUDANI” o “Mussi i ficurinia”.  La  Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, nella stessa mattinata, hanno dato esecuzione, in provincia di Catania, al decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia alla sede etne, in collegamento investigativo con la D.D.A. di Milano, nei confronti di   2 indagati accusati di far parte dell’associazione di tipo mafioso riconducibile alla predetta famiglia “LAUDANI”. Contestualmente, è stata data esecuzione ai seguenti provvedimenti cautelari di natura reale: misura di prevenzione dell’amministrazione giudiziaria dei beni connessi ad attività economiche, disposta dal Tribunale di Milano – Sezione Autonoma Misure di Prevenzione, ai sensi dell’art. 34 del d.lvo 159/2011 (codice antimafia) nei confronti della Lidl Italia Srl, (società operante nel settore della grande distribuzione), con riferimento alle Direzioni Regionali di Volpiano (TO), Biandrate (NO), Somaglia (LO) e Misterbianco (CT), che amministrano complessivamente 218 filiali;   sequestro preventivo disposto dal G.I.P. del Tribunale di Milano, ai sensi degli articoli 240 c.p. e 321 c.p.p., delle quote di  10 società e cooperative riconducibili al cd. “gruppo Sigilog” di Cinisello Balsamo (operanti nel settore della logistica, del facchinaggio e dei servizi alle imprese, alle cui dipendenze risultano circa 190 dipendenti) nonché   3 beni immobili, oggetto di intestazione fittizia ai sensi dell’art. 12 quinquies d.l. 306/1992;  decreto di fissazione di udienza, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Milano ai sensi dell’art.47 d.l.vo 231/2001 (responsabilità amministrativa degli enti), al fine di decidere sulla nomina di un commissario giudiziale per la durata di 1 anno, nei confronti di 5 società riconducibili alla “Securpolice Group scarl” di Cinisello Balsamo (operanti nel settore della sicurezza e della vigilanza, alle cui dipendenze risultano circa 600 dipendenti); sequestro preventivo d’urgenza disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, relativo a disponibilità finanziarie per un importo per equivalente di oltre 2,5 milioni di euro, derivante da reati di natura fiscale. Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Varese e dalla Squadra Mobile della Questura di Milano, hanno consentito di individuare l’operatività di un’associazione, prevalentemente composta da imprenditori attivi, anche attraverso prestanome, nei servizi di vigilanza, sicurezza, cortesia e logistica.  L’indagine, avviata a giugno 2015, ha consentito di accertare che la famiglia mafiosa dei LAUDANI  sarebbe riuscita, attraverso una serie di società e cooperative riconducibili al cd. “gruppo Sigilog” di Cinisello Balsamo e facenti capo a diversi imprenditori – tra i quali Luigi ALECCI, Giacomo POLITI, Emanuele MICELOTTA ed i fratelli Alessandro FAZIO e Nicola FAZIO, tutti collegati a Orazio Salvatore DI MAURO, organico dei “LAUDANI” – ad infiltrarsi nel tessuto economico lombardo.  Luigi ALECCI sarebbe la figura di riferimento del sodalizio, in grado di gestire e mediare i rapporti tra gli imprenditori con i quali è in affari, mentre i fratelli FAZIO, su sollecitazione di   Giacomo POLITI e di Emanuele MICELOTTA, avrebbero concorso ad inviare, per il tramite dell’affiliato Enrico BORZI’, somme di denaro contante in Sicilia destinate al sostentamento economico delle famiglie dei detenuti appartenenti alla famiglia mafiosa “LAUDANI”.   I fratelli FAZIO sono imprenditori che operano nel campo della vigilanza e della sicurezza, attraverso diverse società della “Securpolice Group scarl” di Cinisello Balsamo e forniscono numerosi servizi a favore di strutture pubbliche e private, in particolare presso catene di supermercati su tutto il territorio nazionale.  Le dazioni di denaro a esponenti della famiglia laudani, in particolare quelle riconducibili ai fratelli FAZIO, sono funzionali ad ottenere commesse ed appalti in Sicilia dalla Lidl Italia srl, garantendo così il monopolio e la cogestione del settore nonché veicolando il reclutamento del personale da assumere.  Il denaro, grazie alla connivenza di un professionista, Attilio Alfonso PARLAGRECO, viene monetizzato attraverso società riconducibili anche a prestanome - tra i principali,  Alberto MONTEVERDE, Vincenzo STRAZZULLA, Vincenzo GRECO, Antonino FERRARO e Rosario SPOTO e proviene da diverse attività illecite (emissione di fatture per operazioni inesistenti ad oggi quantificate in oltre 2,5 milioni di euro, omessa dichiarazione ed omesso versamento IVA).  Tali provviste sarebbero secondo l’inchiesta destinate anche a finanziare attività di corruttela di amministratori di enti pubblici e di dirigenti della Lidl Italia srl, quale Simone SURIANO, al fine di assicurarsi l’assegnazione dei lavori di restyling e rifacimento delle filiali di quest’ultima società, mediamente per un importo di circa 3 milioni di euro annuali. L’attività di penetrazione nei pubblici appalti, in particolare quelli assegnati con affidamento diretto, gestiti dalla dr.ssa Giovanna Rosaria Maria AFRONE  (Responsabile del Servizio Gestione Contratti Trasversali con Convenzioni Centrali di Committenza del Comune di Milano), è avvenuta grazie alle illecite influenze di due ex dipendenti pubblici, Orazio ELIA (settore ospedaliero) e Domenico PALMIERI, (Provincia di Milano), quest’ultimo tuttora sindacalista con delega al rapporto con le istituzioni e “stipendiato” mensilmente dal sodalizio criminale.


Catania - Tratta per prostituzione e “Conference voodoo” 1 madame presa. La  Polizia di Stato su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa il  5 maggio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di: Belinda JOHN 36enne, in quanto “ritenuta responsabile del delitto di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed alla tratta di persone (collaborando con altre persone allo stato non identificate ed operanti sia in Nigeria ed in Libia che Italia), nonché dei delitti di tratta di persone aggravata e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, con le aggravanti di avere esposto a pericolo la vita o l’incolumità delle persone trasportate - facendole imbarcare su natanti occupati da numerosi migranti privi di ogni necessaria dotazione di sicurezza - e di avere agito al fine di reclutare persone da destinare alla prostituzione o, comunque, allo sfruttamento sessuale ed al fine di trarne profitto”. Il provvedimento restrittivo ha  accolto gli esiti di un’articolata attività investigativa di tipo tecnico, inizialmente effettuata dalla Squadra Mobile di Palermo e successivamente proseguita da personale della Squadra Mobile di Catania - Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione - coordinata dalla D.D.A. di Catania, a seguito delle dichiarazioni rese il  24 luglio 2015 da una giovane nigeriana, all’epoca minorenne, “Nicoletta” (nome di fantasia) giunta nella medesima giornata presso il Porto di Palermo a bordo della nave norvegese “Siem Pilot”. La  ragazza riferì dettagli plurimi in ordine al viaggio compiuto per raggiungere l’Italia, a seguito di promesse fatte da una vicina di casa che le aveva prospettato la possibilità di partire per l’Europa dove avrebbe potuto trovare un lavoro, così da potere saldare il debito iniziale, pari alla somma di 35.000€, contratto con la sua “madame”. La minore veniva sottoposta, con  altre connazionali, ad un rituale “voodoo”, che l’ha obbligato ad obbedire alla sua madame ed a ripagarle l’intero debito, e ciò per non incorrere in un minacciato destino funesto.  La minore ha dichiarato che il voodooista  le aveva fatto prendere con le mani la testa di animale morto, facendole giurare che, una volta partita, e poi raggiunta la destinazione, avrebbe lavorato per ripagare il debito, altrimenti sarebbe stata perseguitata dagli incubi e dalla morte. la vittima ha intrapreso il viaggio per l’Europa, partendo da Benin City e giungendo a Lagos in Nigeria. La  minore ha continuato per la Libia, dove, durante la sosta in un campo,  la stessa “Nicoletta” aveva appreso dagli altri migranti che in Europa sarebbe stata avviata alla prostituzione. L’attività tecnica degli investigatori, iniziata a seguito della denuncia resa dalla vittima, la quale ha fornito  le utenze telefoniche che avrebbe dovuto contattare una volta giunta in Italia, ha permesso di risalire all’indagata. La madame, in concorso con altri soggetti non identificati, organizzava abitualmente viaggi di fortuna sui barconi dei trafficanti libici per fare entrare in Italia clandestinamente ragazze nigeriane, anche minorenni, che venivano avviate alla prostituzione nella zona di Catania. Le sventurate venivano private della libertà, picchiate e considerate quasi come oggetti di sua proprietà. gli inquirenti della Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione, nel corso delle intercettazioni, hanno ascoltato in diretta, in modalità “conference call” una conversazione tra la voodooista, l’indagata Belinda, i genitori di un’altra “sua” ragazza, “Antonia”(nome di fantasia), la quale, secondo quanto emerso dall’attività tecnica, era scappata dal controllo di Belinda, non versandole le somme di denaro e fingendo di non lavorare. Belinda aveva reagito duramente, contattando la famiglia di “Antonia” per farla tornare e pagare il “dovuto”, ovvero la somma di 30.000€, e chiedendo di versare mensilmente 4.000€, fino all’estinzione del debito, così come concordato. Belinda, inoltre, aveva deciso di sottoporre “Antonia” ad altri riti voodoo, uno dei quali veniva registrato in diretta, ed in tale circostanza il soggetto che faceva il rito voodoo aveva invitato i familiari di “Antonia” a chiamarla ed attivare il vivavoce. I  genitori, in diretta telefonica, alla presenza di Belinda,  hanno invitato “Antonia” a ritornare dalla madame per rispettare il giuramento, ma “Antonia” affermava di non avere  intenzione alcuna di tornare da Belinda perché la trattava male e pretendeva per il posto di lavoro, tratto di strada dove prostituirsi c.d. “joint”, una somma maggiore di quanto pagato dalle altre ragazze.  Il  voodooista, sempre in diretta telefonica, rivolgendosi ad “Antonia” esclamava: “sono io ti ricordi di me? (…) Come mai dopo che ti ho chiamato l’altra volta, tu dopo due giorni sei scappata? (…) Guarda che la madame ha appena parlato con i tuoi genitori dicendo tutto quello che hai fatto … i tuoi genitori sono qua da me! Da questo momento in poi tu devi parlare con la verità ! Se tu dirai delle bugie, morirai!” Espletate le formalità di rito, Belinda JOHN, su disposizione del G.I.P.  è stata sottoposta agli arresti domiciliari.


Catania CC, blitz in casa sospetta : trovati 8,5 kg droga, 1 in manette. I Carabinieri della Compagnia di Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza il  catanese Angelo TENERELLO 37enne, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Gli appostamenti ed i pedinamenti svolti da diversi giorni dagli uomini del Nucleo Operativo nella zona compresa tra le vie Garibaldi e Vittorio Emanuele hanno sortito ieri sera i risultati auspicati. I  militari, convinti appieno della bontà dei dati raccolti in sede di attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’individuo dove, nel locale sottotetto, erano stipati dei sacchi di plastica di colore nero contenenti ben 8,5 Kg di “marijuana” sfusa (ancora da lavorare e dosare)  nonché 1 bilancia di precisione.  La droga, del valore al dettaglio vicino ai 100.000€, è stata sequestrata mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Mascalucia  CT Ergastolo per omicidio e rapina, uccise guardia giurata nel lodigiano.  I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno tradotto in carcere Giuseppe SABISTER 61enne catanese, già agli arresti domiciliari presso il C.T.A. Villa Major di Mascalucia, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Milano.  L’individuo è stato condannato dai giudici per omicidio e rapina, reati commessi il 2 novembre 2006 a Pieve Fissiraga nel Lodigiano. Il soggetto in quel luogo   insieme ad altri complici, facenti parte di una banda specializzata in rapine ai portavalori dal 2002 al 2006 seminò il terrore in tutto il Nord Italia. La banda assaltò il furgone portavalori dell’IVRI a seguito dell’azione criminosa perse la vita la guardia giurata Enrico MORANDI di 51 anni. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza. 


Catania - Guardia Costiera sequestra 20.000 kg pesce non commestibile tra ME e SR: 100 uomini in Operazione Surprise. La Guardia Costiera della Direzione Marittima di Catania ha svolto, nelle giornate tra il 26 e il 28 aprile scorsi, un’attività di controllo sull’intera filiera ittica in tutta la Sicilia Orientale. Gli oltre 100 militari, fra uomini e le donne del Corpo, hanno condotto un’attività di controllo combinato mare/terra, impiegando 20 mezzi terrestri e 25 unità navali, al fine di vigilare su tutte le fasi della filiera della pesca, dalla cattura al trasporto, dalla vendita ed alla somministrazione del pescato, portando a termine oltre 50 controlli, sanzionando con circa 25.000€ di pene pecuniarie i trasgressori e sequestrando circa 20.000 kg di prodotto ittico. Moltepilici attività sono state condotte nell’ambito dell’operazione: ad Acireale è stata elevata una sanzione amministrativa a carico di un grande distributore di prodotti ittici, che deteneva all’interno delle celle frigo della propria azienda del prodotto ittico allo stato congelato senza tracciabilità, per un peso complessivo di circa 13.600 kg, in violazione  dell’articolo 10 comma 1 lettera z) del D.lvo 9 gennaio 2012 n. 4, punita con sanzione pecuniaria e sequestro amministrativo. Il prodotto ittico senza tracciabilità è stato sottoposto al controllo sanitario dal servizio veterinario dell’ASP distretto di Acireale, che ne hanno dichiarato la non commestibilità al consumo, pertanto è stato lasciato in custodia gratuita al trasgressore in attesa della distruzione. I Guardiacoste nel territorio di Riposto hanno deferito all’Autorità giudiziaria il proprietario di una società di distribuzione di prodotti ittici a causa del cattivo stato di conservazione dei prodotti per un peso complessivo di circa 7000 kg, successivamente dichiarato non commestibile e sottoposto a sequestro. Uomini della Capitaneria a Catania  hanno proceduto al sequestro di oltre 300 kg di spigole provenienti dalla Grecia, totalmente sprovviste di tracciabilità, trasportate su un furgone isotermico.  I controlli hanno interessato anche le attività di ristorazione, nello specifico, i militari di S. Agata di Militello, hanno deferito, alla competente Autorità Giudiziaria, il titolare di un ristorante nel comune di Tusa (Me), per l’accertato “cattivo stato di conservazione” di circa 30 kg di prodotto ittico, sottoposto a sequestro penale per il successivo smaltimento presso struttura autorizzata. I militari ad Augusta, durante dei controlli al mercato rionale, hanno proceduto al sequestro di 35 kg di pesce in quanto privo di documentazione e irrogato la relativa sanzione amministrativa. I controlli posti in essere, si collocano nell’ambito dell’attività di contrasto alla pesca illegale e per verificare il rispetto della politica comune della pesca anche in merito all'osservanza delle norme inerenti le taglie minime del pescato, la tracciabilità/rintracciabilità e l'etichettatura del prodotto ittico in tutte le fasi della commercializzazione, a tutela delle risorse ittiche, dell'ambiente marino ed a garanzia della sicurezza alimentare del consumatore che il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha assegnato al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.


CataniaEvade dai domiciliari, tenta furto in appartamento: preso in azione. Si tratta di Osama ABU TOUQ 33enne. I  Poliziotti della Squadra Mobile - Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, ieri sera, su segnalazione della Sala Operativa si sono recati in una via del centro storico, in prossimità di piazza Federico di Svevia, dove era stato segnalato un tentativo di furto in un appartamento. Gli agenti, giunti sul posto, sono riusciti a bloccare il malvivente mentre stava cercando di entrare in un appartamento. Il maldestro, aveva già forzato un infisso del balcone e si stava accingendo a forzare una porta finestra per poter accedere all’abitazione.  Il malvivente, identificato per il già noto Osama ABU TOUQ, che si trovava già agli arresti domiciliari, veniva tratto in arresto per i reati di tentato furto aggravato ed evasione e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Agenti della Polizia di Stato hanno ammanettato anche: Fabio Marco RAPISARDA, 52enne già noto, destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso il  27 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di  6 mesi e 16 giorni di reclusione per il reato di furto aggravato;   Antonino SANTONOCITO 49enne  già noto, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il  27 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione per il reato di violenza o minaccia a P.U.; Luigi CASTELLI  37enne già noto, in atto detenuto in regime di arresti domiciliari, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il   28 aprile 2017 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, eseguito da personale della Squadra Mobile - Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi”, dovendo espiare la pena di 4 anni e 2 mesi di reclusione per il reato di rapina aggravata; Osama ABU TOUQ 33enne già noto, responsabile dei reati di tentato furto aggravato ed evasione dagli arresti domiciliari.


CataniaDroga: giovane Arena inseguito e bloccato ai domiciliari da Agenti. Poliziotti personale della squadra investigativa del Commissariato Librino, lo scorso 27 aprile, nel quadro dei servizi di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti, hanno ammanettato Maurizio Agatino ARENA 22enne per detenzione di marjuana. Il giovane è già noto agli agenti sia per il legame di parentela che lo lega a  famiglia nota, residente nel medesimo quartiere, sia per i suoi precedenti specifici, lo scorso mese di gennaio era stato arrestato per fatto analogo. Arena ieri è stato sorpreso e bloccato al termine di un inseguimento, durante il quale si è sbarazzato di 1 busta di plastica contenente 64 “stecche” di marijuana dal peso complessivo di grammi 71 circa, già pronte per lo spaccio. L’arresto è stato preceduto da una metodica attività di osservazione dell’attività di spaccio svolta in viale San Teodoro, a seguito della quale gli agenti avevano appreso come l’Arena, avesse assunto il ruolo di pusher, prelevando la marijuana da un sacchetto di plastica che portava addosso. Lo spacciatore sarebbe stato, secondo gli investigatori, collaborato da almeno altri due complici, dileguatisi immediatamente dopo il blitz ed in corso d’identificazione. I 2 avrebbero   svolto il ruolo di vedette. Il magistrato di turno ha disposto che l’arrestato fosse condotto presso il suo domicilio, agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.


Catania Avvocati protesta pacifica in 30mila a Roma: contribuzione proporzionata a reddito. La manifestazione nazionale degli avvocati è venerdì 21 aprile 2017, a Roma in Piazza Cavour. I referenti della manifestazione sono i primi firmatari della petizione: gli avvocati Goffredo D’Antona e Monica Foti. Gli avvocati di tutta Italia si sono dati  appuntamento per venerdì 21 aprile 2017 alle ore 11.00 in Piazza Cavour per una protesta civile. La  categoria professionale, già da mesi, è in stato di agitazione a causa delle spese esorbitanti della Cassa Forense. Il primo grido di allarme è partito dalla città del Sud: Catania, dove un gruppo di avvocati Liberi e senza coloritura sindacale ha chiamato a raccolta i colleghi di tutto il Paese per unirsi contro gli sperperi dei costi di gestione dell’ente previdenziale e per ottenere una contribuzione proporzionata al reddito. Tutto  è iniziato con una raccolta di firme, alla quale   hanno aderito circa 30 mila Avvocati. I legali, successivamente hanno indetto uno sciopero contributivo nei pagamenti della Cassa che ha coinvolto nuovamente migliaia e migliaia di avvocati. Affermano i legali: “Ora è il momento di presenziare con una protesta pacifica davanti la sede del massimo organo giurisdizionale della Repubblica la Corte di Cassazione”. Avvocati, praticanti e studenti di giurisprudenza arrivano a Roma provenienti da tutte le città italiane.


CataniaFurti in ville: Polizia, 5 presi.   Gli agenti, nella mattinata al termine di una articolata e rapidissima attività d’indagine, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania hanno dato esecuzione ad ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere, emessa il  15 aprile 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di  5 persone, tutte di Catania: Giuseppe DI STEFANO 35enne; Umberto MINNELLA  21enne; Antonino PINO 26enne; Salvatore FARO  26enne; Davide LEANZA 40enne.  Il giudice per   MINNELLA ha disposto la misura degli arresti domiciliari. Tutti gli arrestati sono ritenuti responsabili dei reati di furto pluriaggravato (furto in villa), ricettazione e art.707 c.p. per possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, in concorso tra loro. Il provvedimento ha accolto gli esiti di una attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e condotta dal personale del Commissariato di P.S. di Acireale nelle scorse settimane, che ha consentito di individuare l’esistenza di una consolidata e pericolosa “banda” composta da 5 personaggi catanesi e dediti alla commissione di furti “in villa”. La Polizia ha appurato che la tecnica consolidata del gruppo criminale era quella della preventiva individuazione dell’obiettivo da colpire, nel caso specifico la villa da svaligiare, in base all’orario, alla zona, alla presenza di persone nei pressi ed alla possibilità di essere controllati da forze dell’ordine in servizio di controllo del territorio; la scelta si concentrava  su zone isolate o, comunque, non centrali e poco abitate. Le indagini hanno preso avvio lo scorso 28 marzo in seguito ad  un furto in una villa della zona di Guardia Mangano, nel corso del quale alcuni individui, travisati da passamontagna, si erano introdotti nella villa ed avevano depredato un ingente bottino composto da vari orologi di pregio, giubbotti griffati e gioielli.L’attività informativa e quella di controllo del territorio, immediatamente era stata intensificata ad opera di pattuglie in abiti civili, al fine di individuare il gruppo criminale.Gli investigatori hanno  concentrato l’attenzione nelle zone esterne alla città ed in orari particolarmente indicati, quali quelli serali e notturni.Una  pattuglia del Commissariato, nel corso di uno di questi servizi, ha intercettato una auto  di grossa cilindrata con 5 individui sospetti a bordo.I fermati sono stati sottoposti a perquisizione personale e della vettura,  e rinvenuti, occultati sotto i sedili anteriori, alcuni scaldacollo, guanti da lavoro ed un cacciavite. Gli agenti, presupponendo che potesse trattarsi del gruppo criminale ricercato, hanno deciso di effettuare anche perquisizione domiciliare nei confronti dei 5 sospetti, tutti noti catanesi, abitanti nella zona Cibali-Nesima. L’esito delle perquisizioni è stato positivo e, nelle varie abitazioni, è stata rinvenuta buona parte della refurtiva del furto del 28 marzo: bracciali, pellicciotti, giubbotti, orologi ed anche 2 computer portatili, risultati questi ultimi provento di un furto commesso nella zona di Viagrande nel mese di febbraio.Le risultanze della immediata attività investigativa sono state compendiate in una apposita informativa di reato a carico dei 5 indagati ed immediatamente valutate da parte della locale Procura della Repubblica, che ne ha accolto positivamente i risultati, richiedendo al GIP del Tribunale idonea misura restrittiva a carico dei 5 individui, emessa lo scorso 15 aprile ed eseguita.


Mascalucia CT - Marito:“Sento le voci che mi dicono che vi debbo ammazzare”. Destinatarie del messaggio: moglie e figlioletta di 1 operaio finito in manette.  La  frase rivolta una mattina del dicembre scorso alla moglie,  ha convinto la donna a rivolgersi immediatamente  all’Autorità Giudiziaria per presentare denuncia contro il coniuge. I  Carabinieri della Tenenza di Mascalucia, delegati ad indagare dal Pubblico Ministero titolare del fascicolo, ascoltando la vittima e confrontando quanto asserito con e le testimonianze fornite da amici e parenti, hanno ricostruito una sorta di via crucis costellata da anni di vessazioni ed ogni tipo di umiliazione, che l’avevano relegata ad una emarginazione sociale e psicologica,  sfociate addirittura in costrizioni di natura sessuale.La vittima ha raccontato agli investigatori di aver avuto sempre il timore di  denunciare il marito violento per proteggere la figlioletta che, in molti casi, ha dovuto assistere ai maltrattamenti, ma di aver trovato la forza di farlo poiché terrorizzata per quella maledetta frase espressa che poteva far presagire un reale rischio per l’incolumità della bambina. Il quadro probatorio raffigurato dai carabinieri, recepito in toto dal magistrato inquirente, è stato oggetto di proposta al G.I.P. del Tribunale di Catania che ha inteso ordinare l’arresto del 43enne, avvenuto ieri mattina a cura dei militari di Mascalucia che, assolte le formalità di rito, lo hanno ristretto agli arresti domiciliari, in altra abitazione. L’Autorità Giudiziaria, la Procura ha contestato al soggetto i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.


Catania - Rapina, estorsione ed usura, 1 condannato: 4 anni in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Verga  hanno arrestato   Roberto DI MATTIA 49enne, di Catania, in esecuzione di un ordine per la  carcerazione emesso dal Tribunale di Gela (CL). Il personaggio riconosciuto colpevole di rapina, estorsione ed usura, reati commessi dal 2010 al 2012 tra Gela e Catania, dovrà espiare la pena di 4 anni di reclusione. L’arrestato, espletate le formalità di rito,  è stato ristretto nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Adrano CT - Dissidi tra vicini in via dell’Amicizia, esplosi colpi di pistola, 1 in manette. Polizia del Commissariato di Adrano, ieri pomeriggio, ha arrestato Carmelo ALBERIO 67enne, per tentato omicidio ai danni di un vicino di casa.  I  poliziotti in servizio di controllo del territorio sono intervenuti in via dell’Amicizia dove alcune persone, telefonando al 113, avevano segnalato colpi d’arma da fuoco.  Gli agenti immediatamente, sono giunti sul posto dove hanno trovato una persona anziana accerchiata da una piccola folla. I tutori dell’ordine   hanno provveduto ad isolare l’anziano ed a condurlo in un garage che poi si è scoperto essere di sua proprietà. Le indagini immediate hanno permesso di ricostruire il quadro accusatorio: il personaggio, nel primo pomeriggio, infastidito dai rumori causati da alcuni bambini che giocavano per strada, era sceso dalla sua abitazione e li aveva minacciati pesantemente per farli smettere di giocare. Il  fratello di uno dei minori, poco tempo dopo, si era presentato alla porta dell’ALBERIO per un chiarimento con l’anziano.  ALBERIO, per tutta risposta si mostrava armato di 1 pistola che avrebbe puntato all’indirizzo del giovane il quale ha poi riferito di aver udito lo scatto del grilletto.  ALBERIO, dopo aver fallito così nel suo intento, sarebbe rientrato nella sua abitazione e da una finestra avrebbe esploso 1 colpo sempre all’indirizzo del fratello del minore.  Il successivo sopralluogo della Polizia Scientifica ha permesso di ricostruire tutte le fasi della vicenda: la polizia ritiene che  ALBERIO avrebbe provato per la prima volta ad uccidere il giovane quando se lo è trovato davanti in strada; l’azione delittuosa non sarebbe stata portata a compimento poiché il proiettile utilizzato, forse a causa del cattivo stato di conservazione, non è esploso.  Secondo la ricostruzione degli investigatori, successivamente, dopo essere rientrato a casa ed aver “scarrellato” avrebbe provato nuovamente ad uccidere il  giovane esplodendo (questa volta con esito positivo) un colpo che solo per puro caso non è andato a colpire il bersaglio. Gli agenti hanno provveduto ad arrestare ALBERIO e porlo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La immediata perquisizione ha permesso agli agenti il ritrovamento dell’arma, utilizzata per compiere l’insano gesto, adagiata sul comodino della stanza da dove si era affacciato per sparare; inoltre è stata sequestrata un’altra arma, anch’essa regolarmente denunciata che l’arrestato aveva nascosto murandola in una parete della propria abitazione. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Piazza Lanza a Diposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Catania Droga in camera da letto: donna arrestata  a San Leone. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia al comando del MM Rocco Scirripa hanno arrestato nella flagranza una catanese 39enne, poiché ritenuta responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari ieri sera concludendo una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nell’abitazione della donna, ubicata in via Lazio a Catania, e nella camera da letto, previa perquisizione, hanno rinvenuto e sequestrato:  200 grammi di marijuana, 1 bilancino elettronico di precisione, 50 euro in contanti nonché materiale  utilizzato per confezionare le dosi di stupefacente da porre in vendita. La donna, in attesa del giudizio per direttissima, è stata relegata agli arresti domiciliari.


Catania CC Operazione antimafia per estorsione : 6 provvedimenti restrittivi per  biancavillesi.  I  destinatari sono: Carmelo VERCOCO 44 anni; Vincenzo MONFORTE 31enne; Alfio PETRALIA 40enne; Alfio MUSCIA 39enne; Angelo GIRASOLE  41enne; Alberto GRAVAGNA  32enne.I militari della locale Stazione Carabinieri nella mattinata del 7 Aprile 2017 a Biancavilla (CT), nell’ambito di un’attività investigativa diretta dalla Procura Distrettuale di Catania, hanno eseguito 6  ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti soggetti   residenti in quel comune. L’attività è stata  completata all’esito di un’articolata indagine, nell’ambito della quale un imprenditore del comune etneo, costretto da diversi anni a pagare  somme di denaro a titolo di “protezione”,  avrebbe collaborato con le Forze dell’ordine, confermando il già grave quadro indiziario. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale,  ha emesso i provvedimenti nei confronti dei 6 soggetti Biancavillesi. Gli investigatori ritengono che  i 6 siano appartenenti alla criminalità organizzata, e gravemente indiziati in ordine al reato di estorsione continuata ed aggravata dal metodo mafioso.   I provvedimenti cautelari tengono conto di una lunga e complessa attività  d’indagine nei confronti di appartenenti al clan "Mazzaglia - Toscano - Tomasello", attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”. I riscontri investigativi svolti, caratterizzati anche da attività tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a riprese video, hanno permesso di ricostruire minuziosamente l’azione estorsiva,  e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del citato clan biancavillese. L’indagine, svolta a quattro mesi di distanza dall’operazione Onda d’Urto, evidenzia ulteriormente una vicinanza dell’Arma dei Carabinieri alla cittadinanza di Biancavilla ed evidenzia la serrata attività volta a infrangere il muro del silenzio ancora presente nella provincia catanese. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di Catania Bicocca, ad esclusione di Vincenzo MONFORTE, già recluso nel carcere di  Siracusa.


Catania Truffe on line Subito : polizia denuncia 4 di Crotone.  Agenti del Commissariato P.S. Sezionale Nesima di Catania, dopo accurate e complesse indagini, hanno individuato e denunciato in libertà quattro persone residenti a Crotone, 3 uomini e 1 donna, per truffa continuata in concorso ai danni di varie persone residenti nel quartiere di Nesima, Catania. Le 4 persone denunciate pubblicavano sul sito internet “Subito.it” annunci di vendita di vari oggetti, allo scopo di truffare le persone che versavano il prezzo pattuito su varie carte PostePay, utilizzando anche copie di documenti d’identità e tessere sanitarie che, in precedenza, avevano carpito dolosamente da persone residenti in varie città italiane durante le truffe messe in atto.


Caltagirone  CT -   Abusi sessuali su 2 figli minori, 1 arrestato. Il soggetto è stato  rinchiuso in carcere. I Carabinieri della Compagnia di Caltagirone  hanno eseguito,  il 25 marzo scorso, il fermo d’indiziato di delitto d’iniziativa per tale N.G.,  poiché ritenuto gravemente indiziato dei reati di violenza sessuale aggravata ed atti sessuali con minorenne commessi ai danni dei figli, rispettivamente uno minore degli 10 anni e l’altro minore 14enne. L’allarme è stato lanciato  dai medici del pronto soccorso cui si era rivolta la convivente del fermato la quale aveva  chiesto che la figlia fosse sottoposta a visita, in quanto asseritamente vittima di ripetuti abusi da parte del padre. La ragazzina infatti, dopo insistenti richieste, avrebbe confidato alla mamma, che aveva notato un cambio di atteggiamento, una maggiore chiusura della piccola, che il padre le “aveva fatto del male”. Il turpe avrebbe approfittato di temporanee assenze della donna, abusando della relazione parentale e della situazione determinata dalla convivenza, e costretto la ragazzina a subire reiterati atti sessuali. Gli investigatori dal racconto inquietante avrebbero anche compreso che ad essere oggetto di morbose e concupiscenti attenzioni, non era solo la bambina ma anche il fratellino. L’esito delle visite specialistiche cui sono stati sottoposti i due minori ha fornito poi un quadro clinico compatibile con le ipotesi investigative, ragion per cui, alla luce dei gravi e concordanti indizi raccolti nell’immediatezza, si sono aperte le porte del carcere per il sospettato. Il giudice all’esito del giudizio di convalida ha applicato allo stesso la misura cautelare della custodia in carcere, unica ritenuta proporzionata alla gravità del fatto e adeguata ad evitare il compimento di nuovi e analoghi reati.


Palagonia  CT  – Tenta investire CC all’Alt: 2 ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia (CT) hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza Giuseppe MAGGIORE  36enne, ed un 20enne, entrambi di Militello Val Catania, per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, tentate lesioni aggravate e illecita detenzione e porto di munizionamento in concorso. Una  gazzella, la notte scorsa durante un servizio di controllo della circolazione stradale, svolto sulla SP 28/II, ha imposto l’alt ad una Lancia Y con due individui a bordo. Il conducente giunto in prossimità dei militari ha prima rallentato la marcia per poi accelerare bruscamente tentando di investire 1 dei 2 militari. Il carabiniere  è riuscito a schivare l’impatto lanciandosi fuori dalla strada. Il  militare, fortunatamente si è ripreso e salito sull’auto di servizio col collega, ha immediatamente inseguito i fuggitivi bloccandoli, dopo circa 6 km,  allorquando i malviventi hanno impattato l’auto contro un muro di contenimento. I carabinieri, successivamente   sul mezzo hanno rinvenuto 2 cartucce cal.12, illegalmente detenute e un paio di guanti, che sono stati sequestrati. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati ristretti ai domiciliari.  


Catania - Fermati 2 trafficanti libici, sbarco 502 migranti e 1 cadavere: ricavavano 63mila€,  pro capite 3300€. La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha coordinato le attività svolte dalla Polizia di Stato e  dalla Guardia di Finanza di Catania che hanno posto in stato di fermo di indiziato di delitto Wasim AL MORHAQ  25enne nato in Libia e Zouhair SAMIDA 27enne nato in Libia  in quanto gravemente indiziati dei reati di “associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per avere promosso ed organizzato, con  altri soggetti, allo stato ignoti, viaggi dalle coste libiche a quelle italiane, e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. La nave della Guardia Costiera norvegese “Siem Pilot”,  la  mattina  del 5 marzo era giunta nel Porto di Catania  con a bordo 502 migranti di varie nazionalità ed una salma. Le indagini avviate, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, da personale della Squadra Mobile - Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione - e da militari del locale Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno consentito di individuare i due cittadini libici quali organizzatori del viaggio, unitamente ad altri soggetti, allo stato ignoti, nonché conducenti di un’imbarcazione in legno, con al traino altro natante di piccole dimensioni, con il quale i due trafficanti si presume, sarebbero dovuti tornare sulle coste libiche, su cui viaggiavano 32 migranti, prevalentemente di nazionalità siriana, soccorsi lo scorso 3 marzo dalla nave “Siem Pilot”.Le  testimonianze rese da migranti di varia nazionalità e lingue diverse sono risultate nel corso delle indagini univoche e concordanti. 1 giovane cittadino siriano ha fornito uno spaccato del modus operandi delle organizzazioni libiche che si occupano del traffico di essere umani. Il ragazzo  siriano, dimorante in Libia da alcuni anni, ha riferito che, per conto di un gruppo di connazionali, abitanti a Zwara, aveva contattato un soggetto conosciuto come Wasim, indicato come “poliziotto libico”, per organizzare un “viaggio” con un’imbarcazione di dimensioni ridotte ma ritenuta “sicura”. Zouhair SAMIDA ha pattuito con Wasim ed altro libico indicato con il nome di Zoher,  il pagamento della somma di 95.000,00 dinari libici - circa 63 mila euro per un importo pro capite di 3.300,00 dinari - consegnando a Wasim solo parte della somma, con l’impegno che la rimanente parte l’avrebbero lasciata ad un intermediario in Libia, che l’avrebbe consegnata ai trafficanti solo dopo una telefonata di conferma del loro arrivo in Italia. In realtà, si sono accordati per versare la somma di 75.000,00 dinari libici, 40 mila da versare subito e 35 dopo l’arrivo in Italia, tanto che gli organizzatori hanno inserito nel “viaggio” anche migranti di altre nazionalità. Wasim, trascorse un paio di settimane, alle prime ore del 2 marzo scorso, aveva condotto i migranti presso il porto di Sabratah. Sulla spiaggia di Sabratah, Wasim e Zoher. I trafficanti, collaborati da altri 4 libici, hanno fatto salire i migranti su un’imbarcazione in legno sulla quale ha preso posto anche Wasim il quale si sarebbe messo alla guida del natante. Zoher, dopo avere preso posto su un natante più piccolo, al traino dell’imbarcazione con i migranti, è salito su quest’ultima mettendosi alla guida. Wasim  e Zoher avevano preso accordo con i migranti di condurli in alto mare e, poco prima dell’arrivo dei soccorsi, rientrare con il barchino verso le coste libiche. L’imbarcazione su cui viaggiavano i migranti, nel corso della traversata, ha fatto registrare un’avaria al motore ed a quel punto i due libici sono saliti a bordo del barchino promettendo di avvisare i soccorsi. Il giovane siriano, temendo che li avrebbero abbandonati con la barca che andava alla deriva, si è tuffato in mare ed è salito a bordo del  barchino per cercare di raggiungere insieme a Zoher una nave dei soccorsi, mentre Wasim è rimasto sull’imbarcazione con gli altri migranti. L’avaria al motore del barchino ha impedito di andare a cercare soccorsi che, tuttavia, non hanno tardato ad arrivare essendo stati avvistati da un elicottero che aveva dava l’allarme raccolto dalla “Siem Pilot”. I  due libici, durante la permanenza a bordo della “Siem Pilot”, hanno raccomandato ai migranti di riferire alle Autorità di essere dei pescatori che avendoli visti in difficoltà si erano fermati per aiutarli. Il loro tentativo di eludere le investigazioni, però, non è andato a buon fine grazie alle dichiarazioni, precise e concordanti, dei migranti, al report acquisito dalla nave della guardia costiera norvegese ed ai filmati dai quali non sono stati rilevati elementi che potessero far ritenere trattarsi dell’imbarcazione di pescatori. I  fermati, espletate le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Acireale CT Furti in appartamento e rapine: agenti bloccano 6: gruppo esperto. La  Polizia di Stato, oggi al termine di una complessa e articolata indagine, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha dato esecuzione ad ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa in data 16 febbraio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania nei confronti di  6 persone: Gaetano RAPISARDA 51enne, Salvatore RAPISARDA  25enne,  Alfio BARBAGALLO 37enne,  Giuseppe ANIELLO 26enne, Martino Rosario CALANDRA SCIALACOMO 45enne, nei confronti di ANIELLO e CALANDRA SCIALACOMO è stata disposta la misura degli arresti domiciliari, per Sebastiana Assunta CALABRETTA 50enne, è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. I tutori dell’ordine ritengono “i primi tre responsabili di associazione a delinquere (art.416 c.p.) finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati contro il patrimonio, in particolare furti in appartamento, furti e rapine; inoltre, tutti sono considerati responsabili,  a vario titolo, dei reati di cui agli artt. 624, 625 e 628 c.p., perché, in concorso tra loro, commettevano una serie di furti e una tentata rapina”. Il provvedimento ha accolto gli esiti di un’articolata attività investigativa, anche di natura tecnica, coordinata dalla Procura della Repubblica di Catania e condotta dal Commissariato di P.S. di Acireale, nell’arco temporale gennaio – aprile 2016. gli investigatori hanno  individuato l’esistenza di una consolidata associazione a delinquere, radicata nel territorio acese, finalizzata, in particolare, alla commissione di furti in appartamento, nonché di un furto di ingente quantità di agrumi ed una tentata rapina. La capillare attività investigativa, corroborata da servizi tecnici e da attività classiche di “osservazione” degli indagati, ha permesso di accertare l’esistenza di questa organizzazione, strutturata secondo ruoli e specializzazioni dei singoli associati, in cui ciascuno metteva a disposizione la professionalità criminale acquisita nel tempo dando il proprio specifico contributo. La tecnica ben consolidata del gruppo criminale era quella della preventiva individuazione dell’obiettivo da colpire, nel caso specifico l’appartamento da svaligiare, in base all’orario, alla zona, alla presenza di persone nei pressi e alla possibilità di essere controllati da forze dell’ordine in servizio di controllo del territorio. Gli investigatori hanno appurato che i soggetti dopo l’individuazione del migliore obiettivo,  pianificavano le fasi e le modalità di svolgimento dei reati usufruendo, a seconda dei casi, delle capacità dei singoli, avendo sempre presente un “palo” che fungesse da allerta in caso di improvviso arrivo di forze dell’ordine o di persone.  I tutori dell’ordine nel corso dell’attività investigativa hanno rilevato che il gruppo  abbia consumato 4 furti in appartamento, una tentata rapina e un furto di agrumi; inoltre, erano stati pianificati altri “colpi” impediti da servizi appositi degli investigatori che hanno ottenuto, in tal modo, ulteriori riscontri probatori a carico degli indagati.


Catania - Polizia blocca marocchino con armi bianche antiche rubate. Si tratta del marocchino R.A.  33enne. La Polizia non potendo escludere, visti anche i precedenti penali di R.A., che le   armi possano essere di provenienza furtiva,  invita  i cittadini che sono state vittime di furto di oggetti simili e che ritengono di riconoscere le armi sequestrate come proprie, a presentarsi presso gli uffici della Polizia Ferroviaria di Catania, muniti di copia delle denunce di patito furto. I  poliziotti della Polfer - Sezione Catania Centrale, durante i servizi di prevenzione e repressione dei reati in ambito ferroviario, hanno notato un soggetto che, nel piazzale antistante l’ingresso alla stazione, portandosi 2 grossi sacchi di plastica di colore nero, si dirigeva verso l’ingresso dell’impianto ferroviario. Il sospetto, accortosi della presenza degli agenti in divisa, si è fermato dietro uno dei pilastri posti in prossimità delle porte di ingresso. L’atteggiamento ha insospettito gli agenti che  hanno deciso di procedere al controllo. Il cittadino straniero è stato accompagnato negli Uffici della Polizia Ferroviaria dove, nel corso della perquisizione personale, è stato ritrovato, all’interno dei sacchi, un vero e proprio arsenale di armi bianche dall’aspetto antico: 1 spada di un metro circa, due di circa 90 centimetri e 1 di 85 centimetri; 1 balestra smontata e 2 machete ricurvi della lunghezza di 40 centimetri ciascuno. Il fermato, che era sprovvisto di documenti, ha dichiarato di essere un cittadino marocchino, R.A.  33enne; tale informazione è stata riscontrata sia nella Banca dati interforze – dove sono emersi i numerosi pregiudizi penali per reati contro il patrimonio a carico del sospetto – sia in AFIS (la il sistema automatico di identificazione delle impronte digitali), presso cui personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica ha accertato anche che il soggetto, in passato, era stato “fotosegnalato” con diverse generalità ed era destinatario di un Ordine del Questore di Caltanissetta datato  7 novembre 2005. Nessuna indicazione è stata fornita in merito al possesso delle armi e alla loro provenienza. Il marocchino è stato denunciato per possesso senza giustificato motivo di armi, per ricettazione e per porto abusivo di armi. Le armi, che seppur dall’aspetto antico conservano un’elevata capacità offensiva, sono state sequestrate e poste a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


CataniaGualtieri, Poliziotto che arrestò Provenzano designato Questore a Catania.  Il  cambio al vertice della Questura di Catania è il 1 marzo tra il dott. Cardona ed il dott Gualtieri. Il Dirigente Generale dott. Marcello Cardona  assume la direzione della Questura di Milano, lasciando la direzione della Polizia di Stato a Catania al Dirigente Generale dott. Giuseppe Gualtieri, già Questore di Potenza. Il dottor Marcello Cardona ha trascorso a Catania, 2 anni intensi che hanno segnato una rapida evoluzione sia nella dotazione di uomini e mezzi per i servizi di controllo del territorio, che  nell’erogazione di innovativi servizi al cittadino, sempre più sottratto alla “burocrazia della presenza fisica”. Il  progetto “Passaporto Subito”, è un tangibile esempio divenendo strumento di richiesta del documento di viaggio internazionale che viaggia alla velocità della posta elettronica e che richiede la presenza del cittadino solamente nell’ineludibile momento della firma e della consegna del passaporto; il tutto con un notevole risparmio di tempo e con il minimo degli spostamenti. Il dottor Marcello Cardona ha ottenuto  successi nella lotta al crimine organizzato e l’aggressione ai beni riconducibili al malaffare, con una serie di sequestri e confische che hanno colpito l’ingente patrimonio accumulato nel tempo dai mafiosi. Un altro merito della “gestione Cardona” è stata la generale diminuzione dell’incidenza dei reati ed un’attenta gestione dell’ordine pubblico, specie in un periodo che ha visto Catania sempre più al centro di grandi eventi nazionali.  I tutori dell’ordine in   casi di occasionali eccessi dei pochi esagitati, hanno avuto la meglio col senso d’equilibrio del personale impiegato. Le forze dell’ordine hanno usato fermezza, ispirata proprio dalla massima autorità della Polizia di Stato etnea, che ha così permesso ai cittadini di vivere serenamente tutte le manifestazioni susseguitesi in città. Le  Volanti si sono avvantaggiate della “caparbietà” del Questore Cardona che è riuscito nell’arricchimento del “parco vetture” con nuove Seat Ibiza, che hanno   rinforzato i diuturni servizi di pattugliamento, ed il “parco moto” con le fiammanti BMW F700GS; ed ancora, i protocolli d’intesa con l’Ente Sordi e la nuova sede del Commissariato Librino: tappe importanti che hanno segnato l’azione della Polizia di Stato a Catania.   I  migliori auguri per il suo nuovo, prestigioso incarico al dott. Cardona. Un sincero benvenuto al dott. Giuseppe Gualtieri, poliziotto DOC che vanta un palmares di tutto rispetto, con brillanti operazioni come la cattura del latitante Bernardo Provenzano con la quale ha meritatamente conseguito la promozione per merito straordinario a Dirigente Superiore. La collettività ha la certezza che, sotto la  guida del dott. Giuseppe Gualtieri, la Questura di Catania riuscirà ad ottenere sempre migliori risultati.


Catania –  Cannizzaro:  chirurghi a 18enne siracusano salvano braccio schiacciato in sinistro stradale. Il giovane è ricoverato nel reparto di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva dell'ospedale Cannizzaro. Il  18enne è residente a Siracusa, ed era rimasto vittima di un incidente stradale verificatosi, ieri pomeriggio, lungo la Tangenziale di Catania, nel quale ha riportato un trauma complesso con fratture agli arti superiori. Il giovane ha rischiato di perdere il braccio sinistro, che è stato schiacciato ed ha strisciato sull’asfalto, con gravi danni a livello nervoso, muscolare e cutaneo. Il ferito è entrato in codice rosso in Pronto Soccorso al Cannizzaro ed è stato operato d’urgenza al Trauma Center da un’équipe di chirurghi ed ortopedici, che hanno salvato l’arto. Il  paziente, a causa dell’esposizione della ferita, gravemente contaminata, è attualmente trattato al fine di abbattere l’elevato rischio infettivo; solo successivamente sarà programmato il trattamento per la ricostruzione tendinea e cutanea. I medici, al momento, mantengono riservata la prognosi circa il recupero della piena funzionalità dell’arto sinistro. Una  donna, coinvolta nel medesimo incidente è anche ricoverata al Cannizzaro in Ortopedia, con una frattura al braccio ancora in corso di valutazione.


Catania Marito picchia moglie causandole lesioni guaribili in 30 giorni. Poliziotti del Commissariato “Centrale” hanno proceduto alla notifica di un’ordinanza di applicazione dell’obbligo di presentazione alla P.G., emessa dal GIP presso il locale Tribunale d.ssa Cercone su richiesta del Pubblico Ministero d.ssa Maresca, a carico di B.G. 38enne nato a Catania, perché resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate in pregiudizio della di lui moglie. Le indagini svolte dal Commissariato “Centrale”, compendiate in una corposa informativa di reato, hanno infatti accertato che l’indagato, in più occasioni si è reso protagonista di episodi di violenza che hanno costretto la donna a fare ricorso alle cure dei sanitari a seguito delle lesioni riportate giudicate guaribili in gg. 30.


Catania Depreda pensionato: CC, preso rapinatore seriale. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza  Lorenzo BONANNO 22enne catanese, poiché ritenuto responsabile di rapina e tentata rapina aggravate. L’equipaggio di una “gazzella”, di sera, durante un servizio di controllo del territorio nel centro cittadino, su segnalazione di alcuni passanti è intervenuto in via Duca Degli Abruzzi inseguendo e bloccando il rapinatore mentre cercava di fuggire a piedi. I  militari, nella circostanza, hanno accertato che il reo poco prima aveva aggredito e rapinato un pensionato, al quale aveva sottratto una ventina di euro,  e subito dopo, ad un centinaio di metri di distanza, aveva tentato di rapinare il cellulare ad un coetaneo che praticava jogging. La reazione veemente della vittima aveva fatto desistere e fuggire via il maldestro. Il denaro è stato recuperato è restituito al malcapitato. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza


Catania Spaccio cocaina e marijuana in via Capo Passero: 2 presi in azione. La Polizia di Stato ha tratto in arresto i già noti:

 

Claudio  CALABRETTA  52enne, Sorvegliato Speciale di P.S.; Damiano DE LUCA 26enne, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina e marijuana. Agenti della Squadra Mobile - Sezione “Antidroga” in attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti su piazza, hanno effettuato, in via Capo Passero nel rione di San Giovanni Galermo, servizi mirati che hanno consentito l’individuazione dei due soggetti intenti a cedere, a diversi acquirenti, dosi di sostanza stupefacente, previo pagamento. I poliziotti, dopo avere acquisito indubbi riscontri circa l’attività di spaccio in flagranza, Claudio CALABRETTA e Damiano DE LUCA hanno sottoposto i 2 a perquisizione personale. I tutori dell’ordine hanno rinvenuto e sequestrato numerosi involucri contenenti marijuana, per un peso complessivo di 250gr., altri contenenti cocaina per un peso complessivo di 33gr. e  la somma di euro 230, che è stata sequestrata in quanto ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Gli  arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati nel carcere di Catania “piazza Lanza” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


CataniaFurto, CC 1 in carcere, già era ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato Francesco Antonino RANNO 20enne, già sottoposto agli arresti domiciliari, su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Il giovane dovrà espiare la pena di 3 anni e 6 mesi di reclusione poiché ritenuto responsabile di un furto aggravato in concorso, reato commesso nel mese di aprile del 2015 a Catania.L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.


Catania  Viola domiciliari, CC 1 preso. I Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno bloccato nella flagranza   Giuseppe CAMPIONE 34enne, poiché ritenuto responsabile di evasione. I  militari del Nucleo Operativo di sera,  hanno riconosciuto e fermato il personaggio mentre stava percorrendo a piedi  Via del Maggiolino a Librino, in evidente violazione della misura detentiva cui era sottoposto. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato ricollocato agli arresti domiciliari.


Catania Lite per donne ed omicidio, CC 1 ricercato in manette. I  Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania su delega della Procura, hanno arrestato   Giuseppe ZUCCARO 43enne, in esecuzione di un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania poiché indagato, in concorso con Dario VALLE 40enne, in stato di custodia cautelare in carcere, per omicidio, tentato omicidio, rissa, porto e detenzione illegale di armi. Le indagini effettuate dagli investigatori dell’Arma e coordinate da questa Procura  hanno consentito di  far piena luce sul fatto di sangue che la notte dell’8 gennaio scorso causò la morte del 26enne romeno DINU FLORIN  nonché il ferimento di un altro connazionale e di un cittadino di origini marocchine, tutti attinti da colpi di arma da fuoco. gli investigatori, ricostruendo minuziosamente gli accadimenti di quella notte, hanno accertato che Giuseppe ZUCCARO, in compagnia del VALLE, si era recato presso un locale notturno di Via Scuto Costarelli dove, probabilmente sotto l’effetto dell’alcool, molestava alcune ragazze straniere.  I connazionali delle donne intervenivano  a loro difesa azzuffandosi con i due catanesi. Una ventina di minuti dopo l’alterco, i due italiani, dopo essersi allontanati, ritornavano  sul posto con due distinte autovetture, mentre il VALLE avrebbe individuato ed attirato all’esterno del locale i ragazzi con cui poco prima avevano discusso, lo  ZUCCARO avrebbe esploso in loro direzione vari colpi di pistola colpendo a morte il giovane romeno e ferendo altre due persone.  Gli  investigatori, nell’immediatezza dei fatti, avevano sottoposto a fermo di indiziato di delitto Dario VALLE 39enne, rintracciato presso l’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania, dove si era recato per farsi medicare le ferite riportate durante la rissa.  ZUCCARO, invece, irreperibile dal giorno del delitto, ieri sera, dopo una serie di servizi di osservazione e pedinamento, è stato catturato dai Carabinieri in  Via Pisacane. Lo stesso era riuscito a nascondersi grazie all’aiuto di due conoscenti, che gli assicuravano alloggio e vitto, denunciati per favoreggiamento. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.


CataniaSantapaolaErcolano”: CC, preso latitante Nizza in villa a Viagrande, con moglie e coppia amici. I carabinieri del Comando Provinciale di Catania, coordinati della Procura Distrettuale della Repubblica etnea, hanno arrestato Andrea Luca NIZZA 30enne, irreperibile dal 12 dicembre 2014 e, dal giugno 2015, inserito nell’elenco dei latitanti pericolosi del Ministero dell’Interno. NIZZA, nonostante la latitanza, secondo gli investigatori avrebbe ricoperto il ruolo di responsabile dell’omonimo gruppo criminale, quale articolazione della famiglia di cosa nostra catanese “SantapaolaErcolano”, attivo nel quartiere di Librino. Le indagini, condotte con attività tecniche e servizi dinamici sul territorio, hanno avuto come epilogo  l’intervento risolutivo di questa notte che ha visto l’impiego massiccio di militari del Nucleo Investigativo. Gli operanti, nel corso della notte, hanno fatto irruzione in una villetta, dotata di tutti i confort, situata nella periferia di Viagrande, al confine con il comune di Trecastagni. Il latitante, che non ha opposto resistenza durante l’arresto, è stato trovato in compagnia della giovane moglie in gravidanza e di due dei suoi figli. I militari all’interno dell’immobile hanno trovato anche due giovani coniugi incensurati, di 30 e 26 anni, a loro volta arrestati per favoreggiamento personale aggravato dall’aver commesso il fatto per agevolare l’organizzazione mafiosa “Santapaola – Ercolano”. I due, per quanto potuto accertare dagli investigatori nell’immediatezza dei fatti, si sarebbero presi cura della famiglia del latitante assicurando adeguata assistenza logistica. La latitanza di Andrea NIZZA ha avuto inizio dopo la sua condanna in abbreviato, nell’ambito del procedimento Fiori Bianchi, essendosi all’epoca sottratto al provvedimento restrittivo contestualmente emesso dal GUP. Il personaggio nel corso della sua latitanza ha avuto a suo carico ulteriori provvedimenti cautelari e sentenze di condanna, nessuna delle quali ancora divenuta definitiva. Nizza, il 12 gennaio 2015 ancora latitante, veniva raggiunto da un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia etnea poiché ritenuto, insieme ad altri, responsabile di Associazione di tipo mafioso, estorsione ed usura aggravata in danno di un imprenditore di Mascalucia. Il personaggio nel 22 giugno 2015 veniva raggiunto da ulteriore provvedimento restrittivo con cui veniva ritenuto responsabile, in concorso con altri, di omicidio, occultamento di cadavere, detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo. I carabinieri per ultimo, a seguito di un ulteriore provvedimento restrittivo nei confronti della famiglia di cosa nostra catanese e segnatamente del gruppo NIZZA, l’hanno eseguito il 6 luglio 2016 con la c.d. operazione “CARTHAGO”. L’inchiesta   ha portato alla sbarra 35 persone per i reati di associazione mafiosa, armi e traffico di stupefacenti, ritenute appartenenti al gruppo dei NIZZA della famiglia Santapaola, che sarebbe capeggiato proprio da Andrea NIZZA. L’esecuzione dell’ordinanza riguardò l’intero quartiere di Librino posto nella periferia sud della città, eletto dal clan Nizza quale centro di distribuzione di stupefacenti di vario tipo ed in particolare di hascisc, marijuana e cocaina. L’attività investigativa CARTHAGO prese le mosse dal rinvenimento di un maxi arsenale, composto da oltre 50 armi tra kalashnikov, pistole e fucili, effettuato dai Carabinieri sulla scorta delle prime dichiarazioni del collaboratore di giustizia Davide Seminara, già uomo di fiducia di Andrea Nizza. Le ulteriori dichiarazioni di recenti collaboratori di giustizia, riscontrate da attività di indagine tecnica e tradizionale, consentirono agli investigatori di ricostruire le attività e l’organigramma del sodalizio mafioso dei Nizza, e fare, quindi, piena luce su uno dei gruppi più agguerriti ed organizzati del panorama criminale catanese. Le investigazioni documentarono come il gruppo mafioso, operante nella zona di Librino e San Cristoforo e capeggiato rispettivamente da Fabrizio NIZZA (ora collaboratore di giustizia) e Daniele NIZZA (detenuto al 41 bis O.P.), e di seguito retto da Andrea NIZZA, avesse acquisito un peso determinante nell’ambito delle dinamiche mafiose all’interno di Cosa Nostra catanese, anche grazie all’investitura a rango di uomini d'onore di Fabrizio e Daniele Nizza avvenuta nel giugno 2008 ad opera di Santo La Causa, Carmelo Puglisi e Vincenzo Aiello.  I carabinieri hanno appurato che il gruppo facente capo ai fratelli Nizza, negli ultimi anni, sarebbe riuscito a creare un vero e proprio “cartello” della droga con il monopolio delle “piazze di spaccio” nei quartieri di Librino, San Giovanni Galermo e San Cristoforo. I militari hanno appurato che i soggetti indagati, grazie ai cospicui profitti derivanti da tale attività, avevano acquisito un peso notevole all’interno del clan Santapaola, essendo in grado di reclutare e retribuire centinaia di affiliati e di acquistare ingenti quantitativi di stupefacente da immettere sul mercato catanese garantendosi rilevanti flussi di denaro in contanti, prontamente riutilizzabili per investimenti economici, finanziari e per il  sostentamento degli affiliati già detenuti e al mantenimento degli associati al pari di una vera e propria retribuzione. I carabinieri hanno ricostruito come le attività di spaccio fossero svolte nelle singole piazze professionalmente con ripartizione di ruoli tra pusher, vedette, responsabili di zona e coloro che assicuravano il continuo rifornimento di stupefacente, e con organizzazione di turni di vendita durante tutto l’arco della giornata, così riuscendo a garantire al sodalizio proventi giornalieri pari a circa  80.000€. L’operazione di oggi costituisce un ulteriore importante risultato dell’ampia strategia di contrasto della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania e dei Carabinieri del Comando Provinciale che ha consentito di trarre in arresto, in esecuzione di numerose ordinanze cautelari, dal gennaio 2015 fino ad oggi, complessivamente oltre 60 persone per i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, e di fare piena luce su alcuni omicidi avvenuti tra il 2006 ed 2011, disarticolando definitivamente il gruppo dei fratelli NIZZA.


Caltagirone  CT –  Viola sorveglianza, CC 1 preso. I Carabinieri della Compagnia di Caltagirone (CT) hanno arrestato nella flagranza  Benedetto SEMINARA 35enne, di Piazza Armerina, Sorvegliato Speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.Una  pattuglia della Stazione di Mirabella Imbaccari(CT), di notte durante un servizio di controllo del territorio, ha riconosciuto il sorvegliato mentre alla guida  una Fiat Punto stava percorrendo velocemente una strada del centro cittadino. I militari hanno immediatamente segnalato alla centrale operativa il tipo di autovettura che,  poco dopo, in via Alcide De Gasperi è stata intercettata e bloccata da una “gazzella” del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Caltagirone. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Caltagirone.


Catania Polizia sequestra 1000 kg marijuana in zona balneare Vaccarizzo.  La  Polizia di Stato, intorno alla mezzanotte di ieri, ha rinvenuto in contrada Vaccarizzo 1000 kg circa di marijuana, stipata all’interno di un casolare pertinente ad uno stabilimento balneare non più in funzione. Gli uomini della Squadra Nautica dell’U.P.G.S.P. già alle ore 11:30 di ieri, erano intervenuti presso la spiaggia ubicata quasi dirimpetto al luogo in contrada Vaccarizzo, su segnalazione di un anonimo che aveva visto un gommone d’ingenti dimensioni, senza persone a bordo, rimasto incagliato nella battigia ed in balia delle onde. Gli operatori hanno rinvenuto il gommone in questione, lungo mt.12, totalmente pieno d’acqua, provvisto di tre motori fuori bordo da 350 cv. cadauno, con diversi fusti di benzina. I tutori dell’ordine, tramite il personale dei Vigili del Fuoco hanno cercato ma invano di rimuovere il natante, infatti le sue ingenti dimensioni ed il mare molto agitato non l’hanno consentito.   Il  gommone appariva chiaro fosse stato appena utilizzato o per il trasporto di stupefacente o di immigrati, ma qualcosa era andato improvvisamente storto e gli scafisti l’avevano abbandonato. La conseguente attività della  Polizia ha consentito di rinvenire ben occultata in una cabina di cemento in uno stabilimento balneare abbandonato 30 colli colmi di marijuana, poi quantificata in Kg. 1000 complessivi. Gli investigatori stanno svolgendo indagini tese a chiarire i contorni della vicenda, la provenienza ed i destinatari dello stupefacente. La polizia ha sequestrato l’ingente  quantitativo di stupefacente è un sequestro operato a poca distanza di tempo da quello effettuato dalla Squadra Mobile lo scorso 25 novembre. Le forze dell’ordine ritengono importante in questo momento di feste di fine anno, agire e prevenire con azione attenta.   La  Questura di Catania infligge un duro colpo e mette un grosso freno alla criminalità dedita allo spaccio di stupefacenti, consentendo di bloccare l’immissione sul mercato della droga   e l’attività di spaccio prevista per i festeggiamenti di fine anno.  La marijuana sequestrata ieri, avrebbe fruttato, sul mercato etneo circa 3 milioni di euro.


Catania Antimafia: DIA sequestra beni a Bronte 500mila€. Uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catania dalle prime ore della mattinata stanno eseguendo il decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione - su proposta avanzata dal Direttore della D.I.A., Nunzio Antonio FERLA, in sinergia con la Procura Distrettuale Antimafia di Catania diretta dal Procuratore Carmelo ZUCCARO, nei confronti di Antonio SALVA’ GAGLIOLO 36enne, ritenuto elemento di spicco della criminalità Brontese. Il Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione ha disposto il sequestro dei beni, complessivamente stimati in oltre 500.000,00 euro, consistenti in una società operante nel settore dei lavori di movimento terra, sbancamenti e demolizioni, terreni, quindici tra autoveicoli e mezzi pesanti, quattro tra conti correnti e depositi bancari.  Il personaggio vanta svariati pregiudizi penali e di polizia, essendo stato tratto in arresto più volte in flagranza di reato (tra il 1998 e il 2015) per furto aggravato, danneggiamento, ricettazione, riciclaggio di automezzi con numero di telaio alterato, associazione per delinquere, truffa, ecc., tutti reati che hanno avuto per oggetto automezzi pesanti e macchine industriali (escavatori, camion, betoniere, rulli compressori, frantoi, ecc.).  gli accertamenti minuziosi effettuati dagli investigatori sul suo conto hanno messo in evidenza come Antonio SALVA’ GAGLIOLO abbia mantenuto nel tempo una costante ed assidua frequentazione con pluripregiudicati di notevole spessore criminale ed anche, in vari casi, con soggetti indiziati di appartenenza ad associazioni di tipo mafioso, come documentato dai numerosi controlli di Polizia ai quali lo stesso è stato sottoposto.  Il soggetto il  18 dicembre 2015, da ultimo, unitamente ad altri, veniva tratto in arresto dai Carabinieri presso una cava di Priolo (SR) nella flagranza del reato di furto di materiale ferroso ed in particolare dei frantoi utilizzati per la macina delle rocce, del peso di 50 tonnellate, per il quale veniva sottoposto alla pena detentiva degli arresti domiciliari. Antonio SALVA’ GAGLIOLO, è germano del noto Daniele, il quale, nell’anno 2001, fu denunciato per concorso nel tentato omicidio del noto boss Francesco MONTAGNO BOZZONE, cl.61, ritenuto a capo dell’omonimo clan mafioso operante nell’area di Bronte e collegato al più noto e pericoloso clan dei “Carcagusi” di Catania. Il Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione, in considerazione dei reati recentemente commessi (in particolare truffa e riciclaggio), “ritenuta l’attuale pericolosità sociale del medesimo, soggetto che senza dubbio vive anche di proventi illeciti”, il  10 maggio 2016, ha applicato nei confronti di Antonio SALVA’ GAGLIOLO la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per la durata di 1 anno e 6 mesi, e di versare a titolo di cauzione 1000€. La ricostruzione del profilo  di Antonio SALVA’ GAGLIOLO operata dalla D.I.A. di Catania, che ha altresì dimostrato, con minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali, estesi anche al suo nucleo familiare, la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati, l’attività svolta e gli arricchimenti patrimoniali dello stesso, è stata positivamente valutata dal Tribunale di Catania che ha disposto, con il provvedimento ablativo in corso di esecuzione, il sequestro dei beni complessivamente stimati in 500.000,00 euro. Il patrimonio oggetto del  sequestro è composto da una società operante nel settore dei lavori di movimento terra, sbancamenti e demolizioni, terreni, nr.15 (quindici) tra autoveicoli e mezzi pesanti, nr.4 (quattro) tra conti correnti e depositi bancari.


Catania –  Mafia-estorsioni, imprenditore denuncia: CC operazione Onda d’urto a Biancavilla,  12 misure. I fermati sono: Vincenzo Salvatore PANEBIANCO 26enne già noto; Vincenzo MONFORTE 30enne incensurato; Tino CARUSO 38enne  incensurato; Placido MERLO 34enne già noto; Antonino ARICO' 34enne già noto; Angelo SANTI 39enne già noto; Alfio Ambrogio MONFORTE 47enne già noto, fermato dai Carabinieri del Comando Provinciale di  Reggio Emilia, luogo di residenza.  L’ordinanza di custodia cautelare per lo stesso reato è stata invece notificata in carcere nei confronti di altri quattro soggetti già noti: Giuseppe AMOROSO 44enne; Gregorio GANGI 27enne; Massimo MERLO 44enne; Roberto MAGLIA 29enne.I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Paternò, la mattina  del  5 dicembre 2016 a Biancavilla (CT), nell’ambito di una attività investigativa diretta da questa Procura distrettuale, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di estorsione Fabio AMOROSO, 23enne, incensurato. L’arresto è stato effettuato all’esito di una articolata attività di indagine, nell’ambito della quale un imprenditore di Biancavilla, costretto da diversi anni a pagare ingenti somme di denaro a titolo di “protezione”, collaborava con le forze dell’ordine confermando il già grave quadro indiziario. La Procura Distrettuale successivamente ha emesso il provvedimento di fermo del Pubblico Ministero di indiziato di delitto, nei confronti di altri 7 soggetti di Biancavilla, tutti ritenuti appartenenti alla criminalità organizzata, e gravemente indiziati in ordine al reato di estorsione continuata ed aggravata dal metodo mafioso. L’attività estorsiva posta in essere dagli indagati nei confronti del denunciante partiva dall’anno 2012, ma si era progressivamente aggravata con ulteriori e sempre più intollerabili vessazioni e continue richieste di somme di denaro.  I provvedimenti cautelari tengono conto,   di una lunga e complessa attività  d’indagine nei confronti di soggetti ritenuti appartenenti al clan "Mazzaglia - Toscano - Tomasello", attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”. I riscontri investigativi svolti, caratterizzati anche da attività tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche , oltre a riprese video, hanno permesso di ricostruire minuziosamente l’azione estorsiva,  e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del citato clan biancavillese. Gli  arrestati, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Catania Bicocca, ad esclusione di Alfio Ambrogio MONFORTE, associato presso l’istituto penitenziario di Reggio Emilia.


Catania 100 Carabinieri in operazione Kallipolis: DDA ordinanza per 12. L'indagine denominata Kallipolis ha fatto luce su presunte dinamiche interne al gruppo che tra il giugno del 2013 ed il novembre del 2014, sarebbe stato a guida di Pietro Carmelo Oliveri, dopo la morte del capo storico, Paolo Brunetto, e  la contemporanea detenzione domiciliare del fratello  Salvatore. Si  tratta di Alfio Di Grazia  43enne, Vito Fazio  69enne, Leonardo Fresta  34enne, Alessandro Siligato 37enne,  Francesco Pace  44enne,  Paolo Patanè 30enne; ai domiciliari è Marco Miraglia 21enne di Giarre;  l'ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere: Terni a Salvatore Brunetto  48enne,  ad Agrigento a Giuseppe Calandrino  42enne, a Lanciano (Chieti) a Pietro Carmelo Olivieri  49enne,  a Frosinone ad Alfio Patanè  38enne,  ed a Catania a Luca Daniele Zappalà 41enne. Oltre  100 sono stati i carabinieri del comando provinciale di Catania ed unità specializzate, che, dalle prime ore del mattino, hanno eseguito nella provincia ed in altre località del territorio nazionale un provvedimento restrittivo.I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito l'ordinanza del Gip nei confronti dei 12 ritenuti, dirigenti ed affiliati dei Brunetto, che opera nella fascia jonica e pedemontana dell'Etna, legato alla famiglia   catanese Santapaola - Ercolano. I reati ipotizzati a vario titolo sono associazione mafiosa, porto illegale di armi, spaccio di stupefacenti e rapina. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire l'organigramma del clan, di individuarne i capi ed i gregari. Gli inquirenti hanno   ricostruito un ingente volume di affari illegali del gruppo, riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell'economia locale, anche con l'imposizione affiliati come 'buttafuori' a discoteche e ristoranti.   Luce  fatta sul sistema di spaccio di cocaina e marijuana e scoperti elementi su rapine ad autotrasportatori al fine di agevolare l'organizzazione di appartenenza.  le  indagini avrebbero evidenziato  anche l'attenzione usata dagli associati nell'evitare controlli delle forze dell'ordine e la ricerca di armi da fuoco per affrontare eventuali aggressioni di gruppi criminali antagonisti.


Catania Omicidio Maccarrone ad Adrano:  video e dichiarazioni, Polizia  2 presi.   La  Polizia di Stato ha tratto in arresto: Antonio MAGRO 41enne, inteso “’u rannazzisi”, già noto, già detenuto per altra causa;  Massimo MERLO 44enne già noto,in esecuzione ad ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il  1 dicembre 2016 dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania, in quanto ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di omicidio aggravato nonchè di detenzione e porto illegali di arma da fuoco.Le indagini condotte dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di P.S. di Adrano hanno consentito di individuare gli autori e svelare il movente dell’omicidio di Maurizio Maccarrone, ucciso a colpi d’arma da fuoco ad Adrano la mattina del 14 novembre 2014. I particolari dell’operazione  illustrati nel corso di una conferenza stampa   presso gli uffici della Procura della Repubblica di Catania. La misura cautelare accoglie gli esiti di indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica e condotte dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di P.S. di Adrano, che hanno fatto luce sull’omicidio di Maurizio MACCARRONE (cl.1971) - avvenuto ad Adrano la mattina del 14 novembre 2014, consentendo di acquisire gravi e univoci elementi di reità nei confronti di  Antonio MAGRO e Massimo MERLO, ritenuti responsabili, il primo quale mandante e l’altro come esecutore materiale dell’omicidio.  Il delitto sarebbe stato perpetrato, alle ore 7.00 circa del 14 novembre 2014, ed a seguito di segnalazione su linea 113, personale del Commissariato P.S. di Adrano e della Squadra Mobile era intervenuto in via Cassarà dove c’era il cadavere di Maurizio MACCARRONE, di professione impiegato.I poliziotti del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica in sede di sopralluogo, avevano rinveuto e sequestrato  5 bossoli cal.7,65. Gli investigatori, da una prima ricostruzione del fatto, effettuata grazie alle immagini estrapolate da un impianto di video-sorveglianza installato nei presi del luogo teatro del fatto di sangue, avevano appurato che MACCARRONE, dopo essere uscito dall’abitazione, si dirigeva verso la sua autovettura, parcheggiata poco distante, e veniva affiancato da due individui, entrambi travisati da caschi, che viaggiavano a bordo di uno scooter. Con il mezzo in movimento il passeggero esplodeva alcuni colpi all’indirizzo della vittima che si accasciava al suolo, a questo punto il killer, sceso dal mezzo, si avvicinava velocemente alla vittima ed esplodeva, a distanza ravvicinata, ulteriori due colpi alla testa. Le investigazioni, orientate sin dalle prime battute sulla sfera personale del MACCARRONE, facevano emergere il movente passionale del delitto.  Il modus operandi dei killer ed il particolare dell’esplosione dei due colpi alla testa - c.d. “colpo di grazia” - lasciavano, tuttavia, ritenere che i killer potessero operare nei contesti della locale criminalità organizzata.  Le indagini traevano un decisivo impulso dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Gaetano DI Marco, esponente storico del sodalizio degli Scalisi, costituente locale articolazione della famiglia mafiosa Laudani, il quale riscontrava che l’episodio, sebbene riconducibile a movente passionale, era maturato nell’ambito dei gruppi mafiosi operanti nell’area di Paternò, Adrano e Biancavilla, riconducibili ai Laudani cd. “Mussi ‘i ficurinia”.  Il c.d.g. individuava il ruolo di mandante di MAGRO e quello di esecutore materiale di Massimo MERLO, entrambi operanti nell’area criminale dei Laudani, MAGRO nell’ambito del gruppo mafioso Morabito - Rapisarda di Paternò e MERLO nrl gruppo degli Scalisi di Adrano. Il movente era da individuarsi nella gelosia che MAGRO provava nei confronti di  MACCARRONE, per una presunta relazione con una donna - già individuata dagli investigatori subito dopo l’evento delittuoso – con la quale in passato il MAGRO aveva avuto, a sua volta, una relazione, motivo per il quale dava l’ordine di eliminare il MACCARRONE. Il complesso delle intercettazioni disposte dalla Procura Distrettuale di Catania ed eseguite dagli investigatori della Mobile - Sezione Criminalità Organizzata - e del Commissariato di Adrano, non disgiunte dall’analisi dei tabulati telefonici delle utenze in uso agli odierni arrestati, dagli interrogatori resi al P.M., dall’escussione delle persone informate, e non ultimo, la comparazione antropometrica effettuata nei confronti di MERLO, tra il filmato dell’omicidio ed altro appositamente acquisito, consentivano di acquisire formidabili elementi di riscontro alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia. I tutori dell’ordine da indagini hanno estrapolato   una conversazione ambientale di Massimo MERLO, il quale discorrendo con il suo interlocutore in merito all’omicidio in esame,  esclamava a voce bassa (intercettazione )Ci i’ d’arreri …n’aricchi accussì… PUM - imitando un colpo d’arma da fuoco - ….e gridava…gridava … ittava vuci”, confermando ampiamente il suo ruolo di killer. La  Procura Distrettuale della Repubblica di Catania il 26 novembre, sulla scorta degli esiti delle investigazioni, ha emesso decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di  MERLO (essendo MAGRO era già detenuto per altra causa), che veniva eseguito dagli investigatori della Polizia la mattina del successivo 28 novembre Il G.I.P., il 1 dicembre 2016, a seguito di udienza di convalida del fermo, ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti del   MERLO ed ha altresì accolto la richiesta avanzata nei confronti di Antonio MAGRO.











 








 




Notizie

 



Catania -  Librino, 23enne del Mali propone droga a poliziotti su auto civetta, 1 in manette. Uomini  del Commissariato Librino in servizio a bordo di vettura senza contrassegni,  ieri mattina a transitando in via Pistone, giunti in prossimità dell’intersezione con via delle Finanze, venivano avvicinati da Ba DIARA 23enne cittadino maliano, il quale ha   proposto la vendita di 1 dose di marijuana. I  poliziotti, nell’immediatezza hanno pensato si trattasse di un atteggiamento volutamente ironico del soggetto che, avendo compreso l’identità dei tutori della legge, voleva interagire, per così dire, goliardicamente con loro. I poliziotti   inaspettatamente hanno visto che l’atteggiamento del DIARA, era disarmante, nel momento in cui questi, dopo essersi diretto ed abbassato verso la cavità di un muro nei pressi, ha allungato la mano, prelevato 1 involucro e l’ha passato al Funzionario seduto nel posto anteriore lato passeggero, al quale ha  chiesto la somma di 10,00€. I  due poliziotti, sorpresi dagli sviluppi della vicenda ed avendo compreso di non essere stati riconosciuti, ma di essere stati scambiati per alcuni dei tanti avventori, si sono qualificati ed hanno bloccato lo sprovveduto spacciatore.  Gli agenti, hanno acquisito lo stupefacente offerto, per il successivo sequestro, e, dopo avere  chiesto ausilio alla Sala Operativa della Questura per fare giungere altro personale ed un’unità cinofili, si sono avviati per gli accertamenti necessari. I poliziotti hanno  ispezionato l’anfratto dal quale il soggetto aveva prelevato l’involucro, recuperandone 1 altro analogo al primo contenente la medesima sostanza stupefacente. L’unità cinofila richiesta, giunta sul posto ha  ispezionato più meticolosamente la cavità nella quale era stato rinvenuto poco prima lo stupefacente ed altri nascondigli in quella prossimità. L’attività di ricerca ha dato esito positivo  e veniva complessivamente rinvenuto e sottoposto a sequestro un quantitativo pari a circa 28 grammi lordi di stupefacente fra marijuana ed hashish. Gli agenti hanno  rinvenuto 12 dosi di marijuana, confezionate in bustine di cellophane chiuse con apposita linguetta, e 5 grammi della tipologia hashish suddivisi in 5 stecchette confezionate e pronte allo smercio. DIARA, regolarmente soggiornante su territorio italiano, in quanto in attesa di permesso di soggiorno per protezione sussidiaria, e con a carico svariati precedenti specifici per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, è stato tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il soggetto dopo gli adempimenti di rito è stato condotto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa di essere tradotto in Tribunale per il rito direttissimo del 18 novembre, così come disposto dal PM di turno presso la locale Procura della Repubblica.


Catania Carabinieri bloccano a Zafferana Etnea  39enne topo d’appartamento in azione.   I militari della Stazione Carabinieri di Zafferana Etnea, coadiuvati dal personale del locale Nucleo Cinofili ieri mattina hanno  bloccato in flagranza di reato un 39enne di Mascalucia (CT).  I Carabinieri, transitando nella frazione Fleri, hanno sorpreso il soggetto che, munito di arnesi atti allo scasso, dopo aver scavalcato un muro di recinzione e divelto la serratura della porta d’ingresso, tentava di introdursi in un’abitazione. Il maldestro è stato tempestivamente bloccato mentre tentava di fuggire a bordo della sua autovettura. Lui, dopo le formalità, è stato tradotto presso la sua abitazione in attesa rito direttissimo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Riposto CT – Rapina in gioielleria, Carabinieri ammanettano 1 e cercano complice. I militari della Stazione Carabinieri di Riposto (CT) a seguito di una ininterrotta attività info-investigativa, hanno sottoposto a fermo indiziato di delitto un 44enne di Aci Catena (CT) poiché ritenuto uno degli autori del tentativo di rapina avvenuto il  9 novembre scorso in una gioielleria di Corso Italia a Riposto. le indagini relative al rintraccio dell’arma utilizzata dai malviventi e del complice sono ancora in corso.  il soggetto, dopo le formalità di rito è stato tradotto presso il carcere di Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania Detenzione armi ed omessa segnalazione, 4 denunciati. Poliziotti del commissariato Borgo-Ognina, nei giorni scorsi, nell’ambito dell’attività di polizia mirata a prevenire e reprimere il dilagante fenomeno dei reati connessi all’irregolare detenzione delle armi, hanno eseguito controlli mirati. I tutori dell’ordine nella circostanza, hanno indagato in stato di libertà  R.A. per aver trasportato dalla provincia di Enna e senza autorizzazione da parte dell’Autorità di P.S. 3 fucili con 30 munizioni calibro 12 e 24. Le  armi, per tale motivo, sono state sequestrate.   2 fratelli,  F.G. e F.L., hanno omesso di denunciare un notevole quantitativo di armi e munizioni di cui 3 corte e 10 fucili oltre a munizionamento appartenenti al defunto padre. I 2 fratelli, per tale motivo, sono stati indagati in libertà ai sensi dell’art. 38 del T.U.L.P.S. e art.58 del relativo regolamento con relativo sequestro delle armi.   L.L., è stato indagato, per il reato di omessa denuncia in quanto non ha comunicato all’Autorità di P.S. la detenzione di 1 fucile appartenente al defunto padre.


Catania Strage Nassiriya:Cerimonia e ricordo  vittime.   Il  tragico giorno, di 14 anni addietro, è divenuto “giornata della memoria per i caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la  pace”. Le  vittime italiane, “ambasciatori di pace”, sono state ricordate dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catania, Colonnello Raffaele COVETTI  alla presenza di familiari dei caduti. L’alto ufficiale ha voluto far visita nei cimiteri di Catania e Biancavilla e reso onore a due delle eroiche vittime,  l’Appuntato Horacio MAJORANA ed il Maresciallo Aiutante Massimiliano BRUNO, deponendo sulle loro lapidi 2 cuscini di fiori a nome di tutta l’Arma dei Carabinieri.  Le cerimonie sono state seguite da autorità civili e militari  ed hanno  avuto  momenti di commozione durante la benedizione delle tombe dei 2 caduti e la recita  della “Preghiera del Carabiniere”.


Catania San Giorgio, CC trovano in motoape  doppietta a canne mozze e fucile rubati, 1 in manette.  I Carabinieri del Nucleo Operativo delle Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza il catanese Giuseppe PANZERA 45enne, poiché ritenuto responsabile di detenzione illegale, alterazione e ricettazione  di armi.  I militari, di sera, concludendo una breve ma efficace attività info investigativa, hanno fatto irruzione in un’abitazione di Via del Potatore procedendo alla perquisizione sia dell’immobile che dei veicoli nella disponibilità del soggetto. I Carabinieri hanno scovato e sequestrato nascosti sotto il cassone di una Apecar  : 1 fucile cal. 16 a canne mozze, marca “Umberto Gitti” ed 1 fucile cal. 12  marca “Beretta”, entrambi in ottimo stato. I militari  dai successivi accertamenti esperiti in banca dati  hanno rilevato che le armi ritrovate erano state rubate il 13 dicembre del 2012  in un’abitazione a Mascalucia.  Le armi nei prossimi giorni saranno inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnico balistici che potrebbero stabilirne  l’eventuale utilizzo in pregressi eventi delittuosi. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza.


Giarre CT – Droga e refurtiva in casa, CC 1 in  manette. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Giarre hanno arrestato un 43enne originario di Riposto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione.  I militari, da un alcuni giorni, al fine di prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio nella zona jonica, hanno effettuato servizi di osservazione nell’abitazione del 43enne, notando uno strano movimento di persone negli orari più inconsueti della giornata. I  Carabinieri di pomeriggio sono intervenuti procedendo con una perquisizione domiciliare sia a Giarre che a Riposto rinvenendo e sequestrando 47 Kg. di marijuana, suddivisa in 21 contenitori di plastica di varie misure e tipologie, 1 trolley ed 1 borsone trasparente, 120 grammi di cocaina, suddivisa in 3 involucri,  40 grammi di hashish, suddivisa in 8 involucri, 2 panetti di sostanza da taglio tipo “mannite”, 6  bilancini elettronici di precisione, la somma in contante 350 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio, e vario materiale utilizzato per il confezionamento dello stupefacente e per l’allestimento di serre, abilmente occultati  nel garage in uso al 43enne. I Carabinieri nel garage inoltre hanno trovato, risultati rubati nella zona alcune settimane fa, un Fiat Fiorino ed uno scooter Honda SH, una Vespa Piaggio 150, priva di targa, sulla quale sono ancora in corso accertamenti per risalire al proprietario. La droga per un valore di oltre 50 mila euro era pronta per essere immessa nel mercato della fascia jonica.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Aci Sant’Antonio CT Labrador Ivan e CC trovano in casa 850g.marijuana e  3g. cocaina. I Carabinieri della Stazione di Aci Sant’Antonio, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno bloccato nella flagranza    Antonio Alfio DI DIO 37enne, del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività info-investigativa svolta dai militari negli ultimi giorni,  li ha condotti sabato mattina nell’abitazione di Via Onofrio. I Carabinieri appena entrati in casa hanno trovato su di un tavolo 1 bilancino elettronico di precisione con sopra del residui di marijuana. Il  Labrador “Ivan”   nel giardino di pertinenza della casa, grazie al suo fiuto, ha permesso ai Carabinieri di notare un filo elettrico di colore blu che portava nel sottostante terreno dell’ignaro confinante, luogo in cui erano depositati alcuni sacchi di plastica tra i quali proprio quello collegato  al filo, contenente  850 grammi di marijuana e  3 grammi di cocaina. La droga è stata sequestrata mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari. L’arrestato stamattina è stato sottoposto al rito per direttissima al termine del quale il Giudice ne ha disposto la traduzione nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Belpasso  CTCC 1 ai domiciliari, viola sorveglianza. I Carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato  Maurizio COSTANZO 32enne, del luogo, già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania. Il personaggio dovrà espiare la pena residua di 9 mesi e 28 giorni di reclusione, poiché riconosciuto colpevole di aver violato i vincoli della Sorveglianza Speciale, reato commesso il 3 settembre 2016 a Belpasso. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto nuovamente ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania Carabinieri e Cacciatori  Sicilia scoprono coltivazione cannabis, sorpresi coltivatore e 3 amici. I Carabinieri della Stazione di Adrano coadiuvati dalla squadra “Falco 23” dello squadrone Eliportato Cacciatori “Sicilia” hanno bloccato ai domiciliari nella flagranza Antonio VITANZA 30enne del luogo, per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti e detenzione illecita di munizioni. I   militari, a conclusione di un’articolata attività investigativa finalizzata a contrastare il fenomeno della coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti nella zona etnea, in contrada Cugno ad Adrano hanno proceduto ad una perquisizione nel fondo agricolo di pertinenza del personaggio rinvenendo una  piantagione di canapa indiana, composta da 11 piante dell’altezza media di  m. 2,50. I  Carabinieri, successivamente nel domicilio del fermato hanno recuperato ulteriori 5 grammi di marijuana e 2 proiettili cal. 38 s.w. Le piante di cannabis indica, la marijuana ed i 2 proiettili sono stati sequestrati. I  Carabinieri, nel medesimo contesto operativo, hanno identificato e denunciare alla Procura della Repubblica di Catania per concorso nella coltivazione di stupefacenti altri 3 individui di Adrano, gravati da precedenti penali. Il soggetto, espletate le formalità di rito, è stato ristretto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania - Picchia ed estorce denaro a madre invalida, CC 29enne in manette. I Carabinieri della Stazione di Calatabiano hanno arrestato nella flagranza un 29enne, del luogo, per rapina, tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. I  militari, la notte scorsa, a seguito di una telefonata anonima al 112  con la quale era stata segnalata una lite in famiglia, sono intervenuti in un’abitazione nel centro cittadino di Calatabiano. I  Carabinieri giunti sul posto hanno trovato nell’appartamento lui in un evidente stato di agitazione. I tutori dell’ordine, nella circostanza hanno accertato che lo stesso soggetto, poco prima, aveva aggredito la madre 64enne, invalida, sottraendole con violenza 1 collana ed 1 bracciale d’oro e la somma contante 50€, danneggiando alcuni mobili, l’auto della sorella. Il soggetto aveva anche  minacciato di incendiare tutto. La donna è stata soccorsa e medicata da personale del 118 riportando un trauma contusivo al polso sinistro.  Gli operanti, inoltre, hanno accertato che non si trattava di un singolo episodio e che il 29enne da diversi giorni maltrattava la madre con incessanti vessazioni, minacce ed ulteriori aggressioni fisiche, provocandole un perdurante stato d’ansia e paura. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania - CC, preso pusher a Picanello. I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato ai domiciliari Cristian SACCONE 25enne catanese, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I  Carabinieri, ieri sera durante un servizio antidroga nel popolare quartiere Picanello, hanno notato il giovane stazionare con fare sospetto in via Timoleone angolo con via Grasso Finocchiaro. I  militari, dopo qualche istante hanno osservato il 25enne cedere delle bustine prelevate di volta in volta in un cortile poco distante, ad occasionali avventori ricevendo in cambio un corrispettivo. Gli  operanti, prontamente intervenuti hanno bloccato e perquisito il pusher trovandolo in possesso di 2  dosi di marijuana, per un peso complessivo di 2 grammi, e la somma in contanti di 115 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuti provento dell’attività di spaccio. I  Carabinieri successivamente nel cortile, sotto una mattonella, hanno recuperato una busta contenente altri 60 grammi dello stesso stupefacente. La droga ed il denaro sono stati sequestrati. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato ristretto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Mascalucia  CT – CC, donna ai domiciliari per truffa. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno arrestato ai domiciliari Annalisa SGROI , del luogo, su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Catania.La donna dovrà espiare la pena di 6 mesi di reclusione poiché riconosciuta colpevole dei reati di truffa aggravata in concorso,  commessi a Catania nell’anno 2013. L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata ristretta ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania – Pusher bloccato da carabinieri in azione a S. Cristoforo.

I militari del Nucleo Operativo hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza Giovanni PALAZZOLO, 22enne, catanese, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I  militari di sera durante un servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio nel popolare quartiere San Cristoforo, hanno notato il giovane stazionare all’angolo di via Del Principe con via Moncada e prendere contatti con occasionali “clienti” per poi consegnargli delle bustine, prelevate di volta in volta sotto il paraurti di un’auto parcheggiata in via Del Principe.  I Carabinieri sono immediatamente intervenuti bloccando e perquisendo il giovane che è stato trovato in possesso di 20 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 47 grammi, recuperando poi sotto l’auto parcheggiata altre 24 dosi dello stesso stupefacente, per un speso complessivo di 60 grammi. La marijuana per un peso totale di 107 grammi è stata sequestrata. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato per direttissima, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania – 2 in furto Smart restano in panne, si fanno spingere da passante, ma invano.

Agenti del Commissariato Borgo Ognina, nei giorni scorsi, hanno denunciato in stato di libertà  S.C. 55enne già noto, responsabile insieme a un altro complice del furto di una Smart City Coupé avvenuto nei pressi di piazza Abramo Lincoln. Le indagini sono scattate dopo la denuncia della vittima e si sono avvalse anche di alcune immagini grazie alle quali è stato identificato il mezzo utilizzato dai malfattori per giungere sul luogo del furto. Le  immagini hanno evidenziato che i due, dopo aver asportato l’auto, sono stati costretti a chiedere aiuto ad un passante perché la Smart si era improvvisamente spenta. L’uomo, ignaro di quanto stesse accadendo, si è cortesemente offerto di spingere la macchina, facendo così un inconsapevole “favore” ai due malfattori. Il  colpo comunque, non è andato a buon fine.   L’auto è stata recuperata e riconsegnata al proprietario dopo  i rilievi del personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, che hanno notato   impronte digitali le quali hanno inequivocabilmente fatto risalire al noto S.C.


Catania Carabinieri trovano armi illegali nascoste in rudere a Librino. I militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Catania nei giorni scorsi hanno effettuato un servizio straordinario nel popolare quartiere Librino. I miliari hanno setacciato ed ispezionato aree e strutture abbandonate, garage e giardini dove, in un rudere abbandonato nello Stradale Cardinale, hanno rinvenuto 1 busta di plastica contenente 1 fucile semiautomatico Hatsan cal. 20, con calciolo mozzato, 1 pistola semiautomatica Bruni a salve cal. 8 modificata in arma comune da sparo calibro 7,65, 1 pistola semiautomatica Taurus cal. 9x19, con matricola abrasa e 14  cartucce di vario calibro.  Le indagini sono ancora in corso al fine di accertare chi avesse la disponibilità del mini arsenale. Le armi, tenute in ottimo stato d’uso e perfettamente funzionanti, sono state sequestrate ed inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnici del caso e per stabilire se le stesse siano state utilizzate in eventuali azioni criminose. 


Catania Polizia blocca pusher in azione nel centro storico in via Crociferi.

Agenti dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volanti nel tardo pomeriggio di ieri, hanno arrestato ai domiciliari il catanese Salvatore MACCARRONE 22enne, per spaccio di sostanze stupefacenti. Gli  operatori, nel corso di servizi mirati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti nella zona del centro storico cittadino  in via Crociferi, hanno notato un gruppetto sospetto di giovani.  MACCARRONE è stato avvicinato da due giovani e dopo aver ricevuto una banconota ha ceduto ad uno di essi 2 dosi di sostanza stupefacente di tipo marijuana. Il pusher e l’acquirente sono stati, quindi, immediatamente bloccati dagli agenti. L’acquirente ha consegnato spontaneamente la sostanza acquistata, che veniva sequestrata, e per tale motivo veniva accompagnato presso gli Uffici della Questura per gli ulteriori accertamenti e sanzionato in via amministrativa.  Il  P.M. di turno, è stato informato dell’accaduto, ed ha disposto di sottoporre  MACCARRONE alla misura degli arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa di convalida innanzi al G.I.P.


Catania Fucile, passamontagna e cartucce trovate nascoste a S. Cristoforo. I poliziotti  dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volanti ieri sera hanno anche rinvenuto e sequestrato a carico di ignoti 1 fucile,   cartucce e 1 passamontagna.  Gli  agenti, procedendo ad un accurato controllo, hanno rinvenuto in un casolare abbandonato  nel quartiere San Cristoforo, ben occultati tra le pietre ed i calcinacci di tale edificio, 1 fucile automatico marca Franchi, 23 cartucce calibro 12 e 1 passamontagna di colore nero. L’arma con relativo munizionamento sarebbe servita per compiere attività delittuose. L’arma effettuati i rilievi da parte del personale del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica e messa in sicurezza ed è stata sequestrata.


Catania S.Venerina vietato parco a cani : 3 picchiano proprietario entrato in villa col cucciolo. Agenti del Commissariato Borgo Ognina hanno indagato in stato di libertà tre persone, responsabili del reato di rissa, minacce e lesioni. Le indagini hanno preso spunto da una querela sporta da una persona che ha riferito di essere stata aggredita da tre individui, mentre si trovava in una villetta comunale nella cittadina di Santa Venerina. L’uomo ha raccontato che, mentre si trovava in quel luogo per far passeggiare il proprio cane, è stato affrontato da una persona che l’ha invitato ripetutamente a uscire dal parco. La  persona, all’opposizione del denunciante, che frattanto era stata raggiunta da un amico e da un parente,  l’ha dapprima bloccato e poi aggredito a calci e pugni, costringendolo a riparare al Pronto Soccorso di Acireale, dove gli è stata diagnosticata l’infrazione di una costola ed un trauma cranico minore. L’indagine degli agenti del Commissariato, basata anche sulle testimonianze dei presenti all’accaduto, ha permesso di identificare i responsabili dell’aggressione i quali sarebbero intervenuti contro il denunciante perché, nonostante i divieti esposti dal Comune, ha comunque introdotto il cane all’interno dell’area a verde.


Catania 20enne:“una manata al vigile urbano” ancora in coma farmacologico. Sarebbe questa la confessione fatta  da un ventenne ai magistrati che indagano per l’aggressione subita da Luigi Licari  ispettore della polizia municipale   sabato sera in via Del Rotolo, zona Ognina a Catania. L’inchiesta per tentato omicidio, era stata aperta dal Procuratore della Repubblica a Catania Carmelo Zuccaro ed affidata  all'aggiunto Ignazio Fonzo ed al sostituto Santo Distefano. La  squadra mobile della Questura e la Polizia Municipale di Catania indagano  sull’aggressione. Il 20enne, alla presenza dei suoi legali, avrebbe ammesso ai magistrati di avere colpito Luigi Licari,   con una manata l'ispettore, ma avrebbe detto di averlo fatto al termine di una discussione accesa. Secondo indiscrezioni il giovane avrebbe detto ai giudici che dopo un primo confronto  con il vigile sarebbe tornato indietro e che la discussione sarebbe, sempre secondo la sua ricostruzione, degenerata in litigio. Il 20enne avrebbe   detto di essere pentito e di non essersi accorto che il vigile era finito a terra vista la presenza di numerose persone. Il fermo dovrà adesso convalidato d il Gip dopo l'interrogatorio di garanzia dovrà decidere sulla convalida del fermo.


Randazzo CT  - Intrappolato tra le fiamme appiccate, salvato da 2 Carabinieri. L’episodio è accaduto ieri mattina in località IMBISCHI agro di Randazzo.   Un pensionato del posto  64enne, aveva deciso di dar fuoco alle numerose sterpaglie esistenti nel  suo fondo agricolo generando un incendio incontrollato che propagandosi repentinamente l’ha investito in pieno. Il malcapitato, raggiunto agli arti inferiori dalle fiamme,  ha perduto conoscenza. Una  parente confinante di terreno, si è accorta della vasta estensione dell’incendio ed ha chiesto aiuto telefonico ai Carabinieri di Randazzo. L’operatore della centrale operativa ha immediatamente fatto convergere sul posto l’equipaggio di una “gazzella” del pronto intervento che giunto in loco non ha esitato ad addentrarsi per circa 400 metri tra le fiamme portando in salvo il poveretto.  Un’ambulanza del 118 proveniente dall’Ospedale di Bronte è giunta sul posto, i   sanitari hanno riscontrato all’uomo un infarto in corso, si sono attivati per farlo trasportare a mezzo elisoccorso all’Ospedale Cannizzaro di Catania dove d’urgenza è stato sottoposto ad un intervento chirurgico di angioplastica. Il  pensionato al momento si trova ricoverato in prognosi riservata nel nosocomio catanese ma non sembra versare in pericolo di vita. L’incendio è stato domato dopo alcune ore dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Randazzo.


Catania –  Viola sorveglianza e fugge sui tetti, inseguito e preso da  poliziotti. La Polizia di Stato ha bloccato: Francesco Giuseppe PAPPALARDO 35enne già noto, resosi responsabile del reato di inosservanza agli obblighi ed alle prescrizioni inerenti la sottoposizione della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno. Agenti della Squadra Mobile, sabato mattina durante l’espletamento di un servizio di p.g. all’interno del quartiere “San Berillo Nuovo”, hanno notato un folto gruppo di giovani intenti a discutere, ragione per cui gli operatori si sono decisi ad effettuare un controllo. Uno  dei personaggi, successivamente identificato per Francesco Giuseppe PAPPALARDO, alla vista della pattuglia, si è staccato dal gruppo fuggendo a  piedi. Gli  operatori di Polizia scendendo dal mezzo di servizio hanno iniziato un inseguimento a piedi per le vie del quartiere. PAPPALARDO, nonostante i ripetuti avvisi atti a fermarsi, non desisteva ed, accelerando la sua corsa, si è lanciato da uno scosceso terrapieno, scomparendo per alcuni istanti alla vista degli agenti. Gli inseguitori, tuttavia non demordendo  hanno bloccato  il fuggitivo nel momento in cui tentava di arrampicarsi sul tetto di un garage.  Francesco Giuseppe PAPPALARDO è stato, dichiarato in arresto per il reato di inosservanza agli obblighi ed alle prescrizioni inerenti la sottoposizione della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di Paternò (CT) e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


CataniaAi domiciliari per stalking evade e minaccia donna: preso ed ammanettato. Agenti  delle Volanti dell’U.P.G.S.P. ieri sera  hanno tratto in arresto per i reati di stalking ed evasione dagli arresti domiciliari S.G. 28enne, già noto. La  chiamata di una signora nel tardo pomeriggio era giunta su linea 112. L’interlocutore donna ha segnalato che il suo ex convivente si trovava sotto la sua abitazione,  proferendo parole ingiuriose e minacce che le causavano uno stato d’ansia e di paura per la sua incolumità. Gli operatori, prontamente, ricevuta la nota radio da parte della Sala Operativa della Questura, si sono recati sul posto e riuscivano ad individuare e bloccare il soggetto. I poliziotti, a seguito di controlli in banca dati, hanno appurato che il malfattore era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari  a seguito di arresto per il reato di atti persecutori perpetrato nei confronti della stessa richiedente. Gli  agenti, alla luce di questo nuovo episodio di minaccia-molestia, hanno veniva nuovamente arrestato in flagranza per i reati di stalking ed evasione il personaggio e, su disposizione del P.M. di turno, l’hanno tradotto presso il carcere di Piazza Lanza, in attesa della celebrazione del giudizio di convalida .


Catania –    Polizia trova droga in casa di vigilantes, 1 ai domiciliari. La Polizia di Stato ha tratto in arresto domiciliare: Fabio VOLPE   37enne, resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Agenti della Squadra Mobile - Sezione Contrasto al Crimine Diffuso, seguito di attività info-investigativa, avevano appreso che Fabio VOLPE, di professione guardia particolare giurata, dimorante nel centro del quartiere Librino, deteneva, nella sua abitazione, sostanza stupefacente del tipo marijuana.  Gli agenti della Sezione, nel pomeriggio di ieri, dopo avere effettuato preliminari accertamenti, hanno eseguito,   una perquisizione domiciliare nell’abitazione di Fabio VOLPE. I poliziotti ad esito dell’attività hanno rinvenuto e sequestrato: n. 1 involucro in plastica contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 365 circa; n. 1 involucro in plastica contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 500 circa; n. 1 sacchetto in plastica contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di gr. 35 circa; n. 1 bilancia da cucina marca Howell; n. 1 bilancino elettronico di precisione. Espletate le formalità di rito, il personaggio è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Zafferana Etnea CT –CC, 1 in carcere: 5 anni e 8 mesi, violenze e maltrattamenti in famiglia. I Carabinieri della Stazione di Sant’Alfio hanno arrestato un 37enne, di Zafferana Etnea su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania.Il soggetto dovrà espiare la pena di 5 anni e 8 mesi di reclusione per violenza sessuale aggravata, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate, e violenza privata in concorso, reati commessi dal 2006 al 2007 a Milo. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.


Paternò CT – CC, 1 ai domiciliari per maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori. I Carabinieri della Stazione di Paternò hanno arrestato un 26enne, paternese, su ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Corte d’Appello di Catania.  Il giovane è stato ritenuto colpevole di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti dell’ex convivente,  20ennne del luogo. Violenze e  minacce   hanno causato alla vittima un grave e perdurante stato d’ansia e paura, temendo per la propria vita. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato ristretto ai domiciliari.


Misterbianco CT –Rissa in condominio via Dei Garofani per parcheggio: CC,  9 arresti.  I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato nella flagranza 9 persone, tra cui 4 donne, appartenenti a due nuclei familiari per rissa aggravata e lesioni personali. I militari, la notte scorsa, a seguito di una telefonata al 112, sono interventi in un condominio in via Dei Garofani per sedare una rissa. I Carabinieri giunti sul posto hanno bloccato i litiganti in evidente stato di agitazione accertando che la causa della lite era stata l’occupazione di un’area del parcheggio condominiale. i due capi famiglia successivamente, rispettivamente di 58 e 63 anni, sono stati trasportati e medicati all’ospedale Vittorio Emanuele dove i sanitari hanno riscontrato vari traumi contusivi alle spalle e braccia guaribili in 10 giorni.


  Catania – Marito stalker vessa moglie e figli, 1 in manette. Si tratta del catanese V.D. già noto. La  triste vicenda umana ha avuto da una parte le vittime una donna ed i figli e dall’altra il carnefice  catanese V.D. che, ieri, è stato rinchiuso in esecuzione di un Ordine di Custodia Cautelare in Carcere emesso dal G.I.P. di Catania.  Le     indagini ed accertamenti  sono stati condotti dagli uomini della Divisione di Polizia Anticrimine della Questura, il quali hanno ristretto le manette ai polsi del violento. La storia famigliare è stata seguita sin dall’inizio dai poliziotti dell’Ufficio Minori e Stalking della Divisione che hanno raccolto la denuncia della moglie, vittima, insieme ai figli minorenni, delle vessazioni fisiche e psicologiche, delle violenze e degli abusi. Il soggetto   aveva costretto i congiunti a vivere in un clima di terrore, con costanti angherie e vessazioni.  La  Polizia di Stato, in considerazione della gravità del quadro venutosi a delineare, per garantire la sicurezza del nucleo familiare aveva già provveduto a collocare la donna ed i suoi figli in una struttura protetta. L’esilio è durato  15 giorni, un tempo ristretto nel quale, però, l’Autorità Giudiziaria, grazie alle evidenze chiaramente risultanti dall’attività dell’Ufficio di Polizia,  ha emesso il provvedimento restrittivo che ha condotto V.D. in carcere.


Catania Pedofilo abusa di 16enne ai bagni pubblici, 67enne in manette. la  Polizia di Stato su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha tratto in arresto S.S. 67enne, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il giorno  8 luglio 2017 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, in quanto ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale aggravata.  Un  impiegato, alla fine del mese di maggio, aveva presentato presso gli Uffici della Squadra Mobile una denuncia-querela segnalando che nel tardo pomeriggio dello stesso giorno il figlio, 16enne, aveva subito violenza sessuale all’interno dei bagni della villa comunale Bellini. Gli investigatori, dopo avere acquisito la denuncia, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catania, hanno effettuato una mirata attività di p.g. nel corso della quale venivano escusse numerose persone presenti nella villa Bellini e visionate le immagini registrate da sistemi di video-sorveglianza. L’attività di p.g., non disgiunta da mirati servizi effettuati dagli agenti all’interno della villa comunale ha consentito di individuare l’autore del reato in S.S, catanese  67enne, incensurato, nei cui confronti venivano acquisiti univoci e concordanti elementi di reità. Il  G.I.P. del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura della Repubblica, il giorno  8 luglio 2017,  ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di S.S. in quanto ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale aggravata. Espletate le formalità di rito, S.S. veniva associato presso la Casa Circondariale di Catania  a “Piazza Lanza”.


Catania –  Droga a S.Cristoforo: CC, presi 2 in azione.  Si tratta di ORAZIO VICINO 19enne e Giuseppe SCIUTO 37enne. I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno bloccato nella flagranza il catanese ORAZIO VICINO, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Gli uomini del Nucleo Operativo hanno il osservato sospetto mentre in Via Stella Polare stava vendendo droga ad alcuni assuntori. Lo  spacciatore, al momento dell’intervento dei militari, è fuggito in Via Murifabbro dove è stato raggiunto ed ammanettato. Il giovane è stato perquisito sul posto ed aveva addosso circa 40 grammi di marijuana, suddivisa in dosi, e 170 euro in contanti, incassati dalla precedente vendita dello stupefacente.  Il denaro e la droga sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.  I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno fermato nella flagranza il catanese Giuseppe SCIUTO, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

 Una breve ma proficua attività info-investigativa ha condotto i militari in nell’abitazione di via Pietro Fullone luogo in cui, previa perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati una ventina di grammi di “marijuana in fase di dosaggio per il successivo smercio al minuto.


Catania PolFer  arresta pusher minorenne messinese. La polizia, in occasione del periodo estivo con incremento di viaggiatori sia a bordo dei treni che nelle stazioni, al fine di garantire la sicurezza dei viaggiatori e del trasporto ferroviario in generale, considerata anche la delicata situazione internazionale, ha intensificato i servizi di vigilanza e pattuglia in tutti gli impianti ferroviari di giurisdizione finalizzati a prevenire e/o reprimere tutti quei reati o illeciti commessi in ambito ferroviario.  Agenti della Polizia Ferroviaria della Sezione di Catania, lo scorso 27 luglio, nel corso dei servizi, hanno  controllato 1 minorenne seduto nei pressi del sottopasso il quale alla loro vista ha cercato di guadagnare l’uscita simulando indifferenza. Gli agenti operanti, durante l’attività di controllo, hanno notato che i pantaloncini in jeans indossati, presentavano uno strano rigonfiamento all’altezza dell’inguine. I tutori dell’ordine, in considerazione di tanto e della possibilità che il sospetto potesse occultare qualcosa l’hanno accompagnato presso gli uffici della polizia ferroviaria per il proseguo degli accertamenti. Il giovane a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 1 involucro in plastica trasparente termosaldata contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana occultata all’altezza dell’inguine, pari a circa 70 grammi.  Il  17enne nativo della provincia di Messina è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.  Il ragazzo, cosi come disposto dal Pubblico Ministero di turno della locale Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni, è stato accompagnato al Centro di Prima Accoglienza in via Raimondo Franchetti.


Catania Armi, Polizia sequestra carabine e pistole tenute in luoghi diversi da indicazioni. Gli agenti del Commissariato Borgo-Ognina, hanno effettuato un controllo straordinario mirato a verificare la regolare detenzione delle armi. Il  controllo eseguito presso un’abitazione ubicata nel quartiere Borgo ha un particolare rilievo poichè un detentore di armi avrebbe dovuto detenere 17 fucili e carabine, 2 pistole e svariate munizioni. I poliziotti, fatto di rilievo, hanno rinvenuto 4 fucili, 3 carabine e 663 munizioni vario calibro all’interno di un armadio custodito nel garage, non in appartamento. Le restanti armi e munizioni sono state regolarmente trovate presso l’abitazione e custodite in un armadio. Ulteriori accertamenti hanno consentito di rinvenire 1 pistola, non denunciata in abitazione, modello PPK-L marca Walter calibro 7,65 e 14 munizioni stesso calibro.  I poliziotti, nell’occorso  hanno accertato anche l’illegale detenzione di numero 113 cartucce calibro 9 X 21 e numero 26 cartucce calibro 7,62 X 29. Gli agenti hanno pertanto  proceduto ad indagare in libertà il responsabile F.F., per i reati di cui agli artt. 38 T.U.L.P.S., 58 Reg. T.U.L.P.S. e 697 C.P. (detenzione abusiva/illegale di armi e munizioni).  I tutori dell’ordine, attesa la gravità della condotta hanno proceduto infine a sequestrare penalmente la pistola e le munizioni illegalmente detenute ed in via cautelare ai sensi dell’art. 39. T.U.L.P.S., l’intero arsenale è stato ritirato per motivi di ordine e sicurezza pubblica e custodito presso gli Uffici di Polizia.


CataniaPolizia  libera stabile occupato illegalmente a Borgo Ognina.  Agenti del Commissariato Borgo-Ognina ieri su disposizione del Questore hanno effettuato un controllo presso uno stabile  in via Calatabiano che risultava occupato abusivamente. Gli  operatori durante i controlli hanno constatato diversi allacci abusivi alla rete Enel e per tali ragioni hanno provveduto ad indagare in stato di libertà ben 6 persone per i reati di furto di energia elettrica ed invasione di edifici. I tutori dell’ordine hanno constatato che lo stabile in questione versava in precarie condizioni di sicurezza, si è provveduto ad informare le autorità competenti.


Misterbianco CT     -  5 catanesi rubano motoscafo a Messina, CC 1 preso, 4 ricercati. I Carabinieri della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato nella flagranza un 30enne del luogo, poiché ritenuto responsabile di concorso in furto aggravato. Il soggetto, ieri notte, insieme ad altri 4 complici, in corso di identificazione, a bordo di 2 auto:  1 Fiat Panda e 1 Volkswagen Golf, è partito da Misterbianco  per raggiungere la località Torre Faro a Messina con il preciso intento di rubare un motoscafo modello “Acquamar Phenicusa” dotato di motore fuoribordo. I maldestri, nel momento in cui stavano armeggiando vicino all’imbarcazione sono stati scoperti da uno dei custodi del porticciolo che li ha costretti ad una fuga repentina sul motoscafo rubato abbandonando sul posto la Fiat Panda. I  Carabinieri di Messina sono stati allertati, gli investigatori sono  risaliti alla proprietaria della macchina abbandonata dai ladri, risultata essere di proprietà di una donna di Misterbianco. I  militari del Nucleo Radiomobile di Messina e le pattuglie della Tenenza di Misterbianco, in perfetta sinergia, sfruttando il GPS montato a bordo della barca, ne hanno seguito il percorso rinvenendola  senza “marinai” sulla battigia di Via Cristoforo Colombo a Riposto. Il reo, nel tragitto tra Messina e Riposto, aveva  chiamato la moglie, intestataria della Fiat Panda, riferendole di andare immediatamente dai Carabinieri a denunciare il furto dell’auto. L’evento che ha chiuso il cerchio sul soggetto, riconosciuto peraltro in foto dal custode del porticciolo. Il motoscafo, del valore di circa 30.000 euro, è stato restituito al legittimo proprietario mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.


Catania  -  Blitz CC, ammanettato pusher in azione. i Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante, la scorsa notte, hanno arrestato nella flagranza il catanese Vito VINCIGUERRA 25enne, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.  Gli uomini del Nucleo Operativo, in servizio anticrimine a San Cristoforo, hanno osservato il personaggio con discrezione fare la spola tra le vie Trovatelli ed Alogna dove, all’angolo tra le due strade, piazzava la droga in cambio di denaro. I militari  sono intervenuti al momento propizio, hanno perquisito il sospetto. I tutori dell’ordine hanno esteso le operazioni di controllo all’anfratto murario di Via Trovatelli, rinvenendo e sequestrando nel complesso: 14 dosi di marijuana e 130 euro in contanti, incassati dalla precedente vendita della droga. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania  - Agenti pedinando ragazzini trovano droga nascosta in condominio a Librino. Una  pattuglia dell’UPGSP ieri mattina  durante un servizio di controllo del territorio all’interno del quartiere di Librino, ha notato un folto gruppo di ragazzini entrare con fare sospetto all’interno di uno stabile condominiale   in via Grimaldi. I poliziotti, dopo un controllo effettuato sui giovani soggetti, che ha dato esito negativo, hanno rinvenuto 1 busta di plastica nel sottotetto del condominio in zona ispezionata, che conteneva sostanza del tipo marijuana per un peso complessivo di circa 100 grammi, che veniva successivamente sequestrata a carico di ignoti.


Linguaglossa CT- Abusi sessuali su ragazza minore psicolabile: CC 1 ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Linguaglossa hanno arrestato un 47enne del luogo, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania in ordine al reato di violenza sessuale con abuso della condizione di infermità mentale della minorenne.  Approfittando della condizione di minorità anagrafica e mentale della ragazza di 15 anni, l’ha fatta infatuare costringendola a dei rapporti sessuali, avvenuti dallo scorso gennaio e fino alla fine del mese di maggio in una casa di campagna nella disponibilità del soggetto. Un’amica per fortuna ha accolto le confidenze della vittima e rivolgendosi ai carabinieri ha denunciato quanto di squallido stava accadendo. I militari, affiancando il magistrato titolare del fascicolo, hanno svolto gli opportuni riscontri investigativi raffigurando al termine un quadro probatorio tale da convincere il giudice ad ordinarne l’arresto e la conseguente sottoposizione  agli arresti domiciliari.


Ramacca CT Prostituzione  in carrozza itinerante anche minorile, 1 donna in carcere. I Carabinieri della Stazione di Ramacca hanno arrestato  

Laura BONSIGNORE 44enne

 del posto, in esecuzione d un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Caltanissetta. La donna avrebbe gestito in prima persona una sorta di “carrozzone” itinerante che sfruttando  delle ragazze, anche minorenni, indotte a fare sesso dietro corrispettivo in denaro, si spostava in diversi comuni siciliani tra i quali: Enna, Calascibetta (EN), Villarosa (EN), Campobello di Licata (AG), Misterbianco (CT)  e Catania. I giudici, considerandola colpevole del reato di sfruttamento della prostituzione con l’aggravante di avere sfruttato anche delle minorenni, l’hanno condannata alla pena di 3 anni, 9 mesi e 20 d giorni i reclusione da scontare nel carcere di Catania Piazza Lanza dov’è stata associata al termine delle formalità di rito. 


Catania - Rissa e coltellate tra guidatori a casello autostrada: 4 denunciati. Una  pattuglia della sezione di Polizia Stradale di Catania, in servizio di vigilanza sula Tangenziale, presso lo svincolo “Paesi Etnei”, alle ore 19.00, ha notato un’auto  ferma sul lato della carreggiata con alcune persone fuori dall’abitacolo. I poliziotti si sono fermati subito, rendendosi  conto che 2 di loro, I.E. 40enne, proveniente da Vittoria (RG), ed il cognato, T. A., 33enne di Gela, ambedue già noti, presentavano delle ferite rispettivamente all’addome e ad un braccio. I tutori dell’ordine hanno sollecitato il 118, ed i feriti  sono stati accompagnati al pronto Soccorso dell’ospedale “Cannizzaro”. Gli agenti, da  presenti, perlopiù amici e parenti dei feriti, hanno appreso che poco prima era avvenuto un acceso diverbio tra loro ed 1 altro automobilista, il quale nel corso della discussione li aveva colpiti con un taglierino, dileguandosi subito dopo a bordo della sua vettura insieme alla moglie ed un giovane che pure aveva preso parte all’alterco. I  sanitari di turno in ospedale hanno riscontrato rispettivamente, ad I.E., ferite da taglio all’addome ed al torace con una prognosi di 30 gg., ed a  T.A. una ferita ad un braccio ed una contusione ad una mano con una prognosi di 10 gg. Il  presunto autore del gesto, tale P. S. 64enne  catanese incensurato, nel frattempo si presentava spontaneamente presso gli uffici di Polizia, insieme a moglie e figlio, P. S. 26enne, incensurato, affermando subito di essere stato lui a colpire con un taglierino le due persone in questione. Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento di Catania sono intervenuti, dopo aver sentito tutti i testimoni del fatto e dopo aver effettuato tutte le verifiche del caso, ed accertato che il 64enne quella sera, mentre stava transitando  la Tangenziale, aveva avuto da ridire sul comportamento di guida di una delle autovetture condotte dai due soggetti poi rimasti feriti. La discussione sarebbe proseguita in corsia di emergenza, dove sarebbe degenerata coinvolgendo l’anziano e suo figlio da una parte, il vittoriese e suo cognato dall’altra. Il  più anziano, nel corso della breve colluttazione, temendo di essere sopraffatto, avrebbe tirato fuori un piccolo taglierino e colpito i 2 cognati, poi sarebbe fuggito immediatamente dal posto, per dirigersi in città verso gli uffici di Polizia. I  4, al termine degli accertamenti, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per il reato di rissa aggravata.

Catania - Rumeno evaso dai domiciliari è preso da polizia. Agenti dell’U.P.G.S.P. hanno arrestato il  

rumeno I.C. CRACIUN 27enne   per evasione dagli arresti domiciliari. Un  equipaggio di volante, alle ore 20:15 circa, era stato inviato dalla Sala Operativa in via Di Benedetto per effettuare un controllo su un soggetto sottoposto agli arresti domiciliari. Gli  operatori giunti sul posto, hanno notato, innanzi allo stabile in questione, un giovane che, alla loro vista, si allontanava rapidamente e vi si introduceva. I tutori dell’ordine sono   entrati anche loro nel palazzo seguendo il soggetto, il quale si ritirava nel suo appartamento chiudendo il portone. I poliziotti hanno bussato ed ha aperto  il giovane da loro seguito, il quale veniva identificato per CRACIUN I.C., sottoposto al regime degli arresti domiciliari e, dunque, tratto in arresto per il reato di evasione. Il  soggetto in questione non risultava corrispondere a quello per il quale la Sala Operativa aveva disposto il controllo il quale successivamente veniva  controllato e risultava adempiente alle disposizioni. Il  P.M. di turno, informato dei fatti   ha disposto il ripristino degli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo al Tribunale via Crispi, aula I, dinanzi al giudice dott. Passalacqua.


Catania Polizia blocca pusher 17enne. Agenti  delle volanti hanno arrestato il minore R.R. 17enne, per detenzione e spaccio di marijuana. Il pusher, alle ore 22.30 in largo Taormina, è stato sorpreso da una pattuglia mentre stava per cedere una stecchetta di marijuana ad un giovane a bordo di autovettura che al giungere della volante si dava subito alla fuga. Il minore è stato bloccato ed addosso gli sono state rinvenute   10 stecchette di marijuana da un grammo cadauna ed 1 bilancia di precisione. Il 17enne è stato dichiarato in arresto, e su disposizioni dell’Autorità Giudiziaria di turno associato presso il Centro di Prima Accoglienza per Minorenni di via R. Franchetti a Catania.


CataniaAgenti bloccano rapinatore in fuga, era ai domiciliari. Uomini delle Volanti dell’UPGSP ieri pomeriggio, hanno tratto in arresto per   rapina aggravata ed evasione dagli arresti domiciliari il

 

noto Domenico D’ANNA 40enne catanese. Un  interlocutore , alle ore 13:25,  ha segnalato su linea 113 una rapina  a mano armata da poco consumata ai danni di un tabacchino situato in Viale Vittorio Veneto da parte di un soggetto travisato da passamontagna,  con evidenti tatuaggi sul corpo ed interamente vestito di scuro. La  volante di zona, dopo pochi istanti, si è recata nel luogo oggetto di segnalazione ed ha notato un individuo, con caratteristiche fisiche compatibili a quelle poco prima diramate dalla Sala Operativa della Questura. Il sospetto è stato inseguito anche perchè, con evidenti gesti, attirava l’attenzione dei poliziotti. I poliziotti hanno intuito che potesse trattarsi del soggetto autore della rapina, e sono scesi repentinamente dalla volante  iniziavano un inseguimento a  piedi del fuggitivo che, dopo alcune centinaia di metri, veniva raggiunto e bloccato. Il fermato, è stato  sottoposto a perquisizione personale,  ed è stata esito positivo in quanto  nelle tasche dei pantaloni  c’era il provento della rapina poco prima perpetrata:   735 €.  I poliziotti hanno inoltre, a seguito di perlustrazione della via di fuga percorsa dal malfattore,  altresì recuperata la pistola, che risulterà essere giocattolo, utilizzata per compiere l’atto. D’ANNA, che a seguito degli accertamenti compiuti risultava essere sottoposto al regime degli arresti domiciliari, è stato tratto in arresto per i reati di rapina aggravata ed evasione e, su disposizione del P.M. di turno, tradotto presso il carcere di Piazza Lanza.


San Gregorio CT- Topo d’auto ammanettato da CC e Polizia locale. Si tratta di  Antonino STRANO 46enne. Il soggetto  già noto è stato bloccato mentre stava per rubare un’auto in Via Catira. 2 agenti della Polizia locale, durante l’attività d’istituto finalizzata anche a visionare le aree colpite dall’incendio di questi giorni, hanno individuato il soggetto mentre stava forzando la serratura di una Volkswagen parcheggiata in Via Catira. Il personaggio, alla vista degli uomini in divisa ha tentato di fuggire ma è stato bloccato e messo in sicurezza. Una  pattuglia dei carabinieri della locale stazione ed un’altra di Polizia locale sono giunte subito dopo sul posto in supporto. Il maldestro è stato condotto in caserma dove è stata avviata per lui la procedura di arresto. Il sindaco, Carmelo Corsaro ha commentato : “Ciò dimostra che San Gregorio è presidio di legalità”.La vettura è stata restituita al proprietario abitante a Palermo.


Catania -  CC, preso pusher con droga in auto: 1 ai domiciliari. I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza un 34enne di Ramacca, già gravato da precedenti di polizia specifici, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Gli  uomini del Nucleo Operativo, ieri sera in servizio anticrimine nel popoloso quartiere del capoluogo etneo, hanno notato aggirarsi in Via Del Principe una Volkswagen Passat con a bordo un sospetto.  Il reo, appena fermato, facendo trasparire un certo nervosismo ha indotto i militari  ad approfondire il controllo con conseguente perquisizione dell’auto, all’interno della quale  sono stati  rinvenuti e sequestrati: 20 grammi di “cocaina”, ancora da tagliare e dosare, nonché alcuni grammi di “hashish”. L’arrestato, in attesa del giudizio per direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.


CataniaMafia per gruppo Scalisi, Polizia esegue 39 misure. La  Polizia di Stato, su delega della Procura Distrettuale Antimafia di Catania, ha in corso di esecuzione ordinanza applicativa di misure cautelari, nei confronti di  39 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso (clan Scalisi), con l’aggravante di essere l’associazione armata, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime, tentato omicidio, estorsione, rapina, furto, ricettazione, reati in materia di armi, danneggiamento seguito da incendio, con l’aggravante di aver commesso il fatto in nome e per conto dell’associazione di tipo mafioso denominata clan Scalisi ed al fine di agevolarne le attività illecite. La misura cautelare, eseguita dalla Squadra Mobile di Catania e dal Commissariato di P.S. di Adrano, consente di disarticolare la cosca Scalisi operante in territorio di Adrano, costituente locale articolazione della famiglia mafiosa Laudani di Catania, decapitandone i vertici.  Le indagini hanno consentito di verificare come la “famiglia” sottoponeva sistematicamente ad estorsione la gran parte delle attività commerciali ubicate in territorio adranita, in primo luogo il mercato ortofrutticolo. I particolari dell’operazione  illustrati nel corso di una conferenza stampa presso gli uffici della Procura della Repubblica di Catania, alla presenza del Procuratore della Repubblica e del Questore di Catania.


CataniaArmi e droga in condominio a Librino Villaggio S.Agata trovati da Polizia con cinofili. Agenti  del Commissariato Librino a seguito di attività info-investigativa, hanno eseguito alcune perquisizioni, con l’ausilio di Unità Cinofile Antidroga, anche nei confronti di soggetti sottoposti ad obblighi giudiziari. I poliziotti, nel corso dell’attività, in località Villaggio Sant’Agata zona C, dopo avere eseguito perquisizione in un appartamento dove padre e figlio si trovavano in regime di arresti domiciliari, ed aver rinvenuto un piccolo involucro contenente marijuana hanno  esteso la perquisizione alle parti condominiali. I tutori dell’ordine, anche in considerazione dell’atteggiamento del cane Sky che puntava con decisione verso l’esterno dell’abitazione  sono saliti di un piano, i poliziotti hanno individuato 1 botola sul tetto, ed è stata aperta. Gli agenti  hanno scorto 1 vano nel quale erano riposti diversi oggetti.  L’attenzione degli operatori si è incentrata su un bauletto per scooter di colore rosso e su una vicina borsa in tela, all’interno, sono stati rinvenuti droga e armi.  Il  bauletto conteneva 1 panetto di hashish per complessivi grammi 100 ed 1 busta colma di marijuana per un peso complessivo di circa 670 grammi, oltre ad 1 bilancino elettronico di precisione.  La  borsa in tela, conteneva 2 pistole semiautomatiche, i cui accertamenti successivi hanno chiarito essere armi giocattolo prive del prescritto tappo rosso, ma in tutto simili a reali modelli cal. 9 e certamente utilizzate per scopi illeciti, visto che sono state rinvenute insieme alla droga. Il  tutto è stato sottoposto a sequestro a carico d’ignoti, essendo stato rinvenuto in area condominiale e quindi non direttamente imputabile ad alcuno.  i rinvenimenti di droga e armi in zone condominiali non direttamente riconducibili ai criminali cui fanno capo sono sempre più frequenti, ed è uno stratagemma che garantisce l’impunità, sopportato dagli altri condomini verosimilmente per il timore delle rappresaglie che ne deriverebbero qualora informassero le Forze di Polizia.  gli investigatori stanno svolgendo ulteriori indagini, anche di natura tecnico-scientifica, al fine d’individuare i responsabili dei reati connessi al sopra descritto rinvenimento.


Catania – Scarico rifiuti liquidi in mare Ognina: Polizia sequestra 2 esercizi. Agenti del Commissariato Borgo-Ognina,  e della Polizia Provinciale, hanno effettuato controlli contro i reati ambientali. Le operazioni hanno interessato principalmente la zona del lungomare di Ognina, dove sono stati controllati gli scarichi delle acque reflue di alcune attività commerciali. Gli accertamenti esperiti presso due chioschi-bar ubicati proprio a ridosso del porticciolo di Ognina, a circa 3 metri dal mare, hanno dato esito positivo. I tutori dell’ordine, nei pressi del primo esercizio controllato, hanno notato un rivolo d’acqua sporca e maleodorante che, dopo aver percorso un breve alveo, si riversava direttamente a mare. Gli agenti risalendo il percorso dell’acqua hanno avuto modo di constatare che lo scarico proveniva proprio dal chiosco che è risultato privo di un’idonea vasca per la raccolta delle acque sporche, cosicché saponi, detersivi e i residui dell’attività di mescita finivano direttamente a mare.   Il  titolare è stato indagato in   libertà per il reato ambientale di scarico illecito di acque reflue punito dagli artt. 124 e 137 del D. Lgs 152/2006. I tutori dell’ordine, al fine di interrompere la prosecuzione del reato, hanno deciso per l’attività di chiosco-bar il sequestro preventivo con apposizione di sigilli e l’affido al titolare il quale, peraltro, aveva occupato illegalmente 6 mq. di suolo pubblico con sedie e tavolini senza avere  concessione, illecito per cui è stato sanzionato dal Reparto Annona della Polizia Municipale, ai sensi dell’art. 20 del Cds che prevede pure la sanzione accessoria del ripristino dello stato dei luoghi e il pagamento dei tributi fiscali evasi. Gli agenti a pochi passi dal primo chiosco, hanno controllato un secondo bar ed anche in questo caso, è stata notata la presenza di uno sbocco d’acqua proveniente dall’attività e che finiva, a distanza di pochi metri, direttamente in mare. Il titolare, opportunamente interpellato, ha riferito di non avere una vasca di raccolta delle acque e che quindi “era obbligato” a scaricare le acque reflue direttamente in mare. Il  responsabile, anche in questo caso, è stato indagato in   libertà per il reato di scarico illecito di acque reflue previsto dagli artt. 124 e 137 del D. Lgs 152/2006, l’attività di chiosco-bar è stata sequestrata preventivamente con apposizione di sigilli ed affidata allo stesso titolare. Gli agenti anche in questo secondo accertamento hanno rilevato l’occupazione abusiva di suolo pubblico, ben 21 mq., con un bancone più varie sedie e tavolini, il tutto, ovviamente,  senza avere   concessione. Il  responsabile per tali motivi è stato sanzionato ai sensi dell’art. 20 del C.d.S., con gli obblighi del ripristino dello stato dei luoghi e del pagamento dei tributi e delle tasse non pagate. La Polizia ricorda “È opportuno rimarcare che i titolari delle attività sottoposte a controllo operavano senza le autorizzazioni comunali per lo scarico, non presentavano alcun formulario riguardante lo smaltimento rifiuti e, come detto, non disponevano di alcun sistema di raccolta delle acque sporche, con ciò contribuendo a determinare lo stato di inquinamento del mare”. Gli agenti hanno anche controllato una terza attività che è risultata in regola con le norme per lo smaltimento delle acque sporche.


Catania Polstrada: La Piana subentra a Maruccia al comando sezione Etnea.  Il  saluto ufficiale al Questore Giuseppe Gualtieri, è stato stamane, per il nuovo dirigente del Compartimento di Polizia Stradale della Sicilia Orientale, il neo Dirigente Superiore dott. Francesco La Piana, il quale ha assunto la direzione dell’Ufficio, subentrando al dott. Cosimo Maruccia, andato recentemente in quiescenza.   Il dott. Francesco La Piana  ritorna a Catania, da dove  nel 2013  era stato trasferito alla Questura di Prato quale Vicario del Questore fino alla promozione e  l’odierno nuovo incarico. Buon lavoro da L’INFORMATORE di Sicilia.


Catania DIA riceve visita delegazione allievi ufficiali BKA tedesco.La  D.I.A. di Catania, di mattina, ha ricevuto una delegazione di allievi commissari della scuola di polizia del BKA (Bundeskriminalamt), la Polizia Federale tedesca, in Sicilia nell’ambito di un viaggio di istruzione che favorisce i rapporti di collaborazione internazionale, venuti in visita negli uffici del Centro Operativo per conoscere struttura e compiti della Direzione Investigativa Antimafia.    Il  Capo Centro dr. Renato PANVINO, ha ricevuto gli investigatori germanici ai quali sono stati dati brevi cenni sulla storia dell’Istituzione ed illustrate le articolazioni e modalità operative della struttura.   Funzionari  ed ufficiali appartenenti alle varie Forze di Polizia che compongono l’organico, hanno suscitato particolare interesse e curiosità e dato vita ad un vivace dibattito, ricco di numerose domande poste dagli ospiti.  Gli allievi commissari hanno mostrato particolare interesse per la struttura e le dinamiche criminali di cosa nostra e le tecniche investigative utilizzate dalla D.I.A. per la disarticolazione dei clan e l’aggressione ai patrimoni mafiosi.


Piedimonte Etneo – 8 feriti in gara automobilistica: ragazzo e donna in prognosi riservata al Cannizzaro. Come riferito dalla dott.ssa Isabella Bartoli, responsabile della Co 118, sono state impiegate nell’intervento 2 eliambulanze e 5 autoambulanze. I feriti più gravi sono entrambi in prognosi riservata i due malcapitati, sono rimasti coinvolti nella gara automobilistica di stamattina a Piedimonte Etneo, e sono stati ricoverati all’ospedale Cannizzaro di Catania. Si tratta di una donna e di un 15enne, entrambi portati con elisoccorso e trattati, in codice rosso, al Trauma Center. Il ragazzo si trova in condizioni molto gravi, in quanto ha subito un politrauma con lesioni interne: operato d’urgenza, andrà ricoverato in Rianimazione. Politraumatizzata e grave, con una frattura al bacino, è anche la donna: i medici valuteranno a breve il trattamento più idoneo in questa fase. Da quanto riscontrato con la Centrale Operativa 118 Catania-Ragusa-Siracusa, i feriti nell’incidente in questione sarebbero stati otto: oltre ai 2 più gravi presi in carico all’ospedale Cannizzaro, gli altri meno gravi sono stati trasferiti 2 all’ospedale di Taormina (2) e 4 a quello di Acireale (quattro).  


Catania -  Agente  commercio condannato per violenza sessuale: CC arrestato.    I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno arrestato un 52enne del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di  Catania. il soggetto è stato condannato dai giudici etnei poiché ritenuto colpevole di violenza sessuale, reato commesso a Catania nel maggio del 2010. Assolte le formalità di rito è stato tradotto nel carcere di Catania Piazza Lanza dove sconterà un residuo pena equivalente ad anni cinque di reclusione.


Catania Polizia trova pistola, fucile ed esplosivo illegali in casa di 87enne, denunciato. Agenti del Commissariato Borgo Ognina, nei giorni scorsi, a seguito di istanza di ammonimento da parte di un residente,  si erano recati presso l’abitazione di un anziano di anni 87, responsabile di continue molestie nei confronti del vicinato, circostanza confermata da diverse persone assunte a sommarie informazioni. I poliziotti, giunti sul posto e visto che da accertamenti info-investigativi emergeva come l’anziano fosse in possesso di armi, hanno proceduto ad una perquisizione mirata ai sensi dell’art. 41 T.U.L.P.S. Il controllo si era reso necessario poiché l’anziano inizialmente non si mostrava collaborativo. L’attività ha dato esito positivo ed a tal riguardo, è stato rinvenuto 1 fucile automatico a 5 colpi calibro 12, 1 pistola a tamburo a 9 colpi e della polvere da sparo contenute in 3 contenitori particolarmente deteriorati. Il  materiale esplodente, oltre ad esserne vietata la detenzione poiché privo di autorizzazione, rappresentava un pericolo per l’incolumità pubblica. Le  armi e la polvere da sparo per tale motivo sono state sequestrate e lo è stato stesso indagato in   libertà per detenzione illegale di armi e materiale esplodente ai sensi degli artt. 697 C.P. e 38 T.U.L.P.S.


Catania – Perseguita sua ex a Francofonte: CC, catanese ai domiciliari.  Il soggetto ha violato  in più occasioni il divieto di avvicinamento alla ex.  I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante ieri sera hanno arrestato un 31 enne catanese, già gravato da precedenti di polizia, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Siracusa per il reato di atti persecutori aggravati. Il  soggetto, già sottoposto al divieto di avvicinamento alla ex convivente, 25enne di Francofonte (SR),  in diverse occasioni ha violato i vincoli continuando l’azione persecutoria nei confronti della vittima. La  condotta è stata oggetto di una informativa dei Carabinieri che, recepita in toto dall’Autorità Giudiziaria, ha consentito l’emissione di un provvedimento restrittivo e la sottoposizione del soggetto agli arresti domiciliari.    


Catania Romeno  razzia negozio scarpe in centro commerciale, CC 1 ai domiciliari. I  Carabinieri hanno bloccato per furto al “Porte di Catania”: 1 romeno di 27 anni.  I militari della Stazione di Catania Librino  hanno arrestato nella flagranza il giovane, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato.  La fattiva collaborazione tra le società addette alla sicurezza nei vari centri commerciali, attivi nel capoluogo etneo ed in provincia e l’Arma territoriale, ieri sera, ha consentito ad una pattuglia di intervenire nel parcheggio dell’ipermercato “Porte di Catania”.   Il  ladro è stato fermato in loco, perquisito e trovato in possesso di un borsone colmo di prodotti rubati poco prima dagli espositori del negozio  “Scarpe & Scarpe”. La refurtiva, del valore di circa 500€, è stata restituita al responsabile dell’esercizio commerciale mentre l’arrestato attenderà la direttissima agli arresti domiciliari.


video aggressione

Catania  - CC, fermato 1 russo per pugni e morte aggredito: il video in stazione. I  Carabinieri della Compagnia di Acireale, in esecuzione di provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Catania, nella notte del 14 giugno, hanno fermato il cittadino russo Nikita GROMOKOV 25enne,  accusato del reato di omicidio preterintenzionale aggravato. L’indagato, il  12 giugno, si era reso responsabile di una violenta aggressione nei confronti di Giovanni LEONARDI, acese di 61 anni, deceduto poco dopo presso l’Ospedale di Acireale per arresto cardiocircolatorio. I militari dell’Arma sono riusciti, in poche ore, a ricostruire la dinamica dei fatti grazie ad un’intensa attività investigativa, coordinata dalla Procura di Catania, avviata a seguito del decesso della vittima.  La visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza e l’escussione dei testimoni presenti sui luoghi dei fatti hanno permesso di accertare che il GROMOKOV aveva incontrato, in maniera fortuita,  LEONARDI nei pressi della stazione ferroviaria, responsabile quest’ultimo, a detta dell’indagato, di aver sottratto qualche giorno prima un portafogli alla giovane compagna. I due avevano iniziato a discutere, in maniera animata, dello smarrimento del portafogli e da lì era nata una violenta colluttazione, nella quale  LEONARDI era finito per soccombere a causa dei calci e dei pugni sferrati dal giovane nei suoi confronti. La  lite si era protratta, a più riprese, nella centrale stazione ferroviaria, sotto gli occhi increduli e spaventati dei presenti.   L’indagato, in compagnia della fidanzata e di un’amica, ha poi subito preso un treno diretto a Messina, per giungere poi nella città di Milazzo, luogo di domicilio dei tre.  I  protagonisti della triste vicenda, nel pomeriggio del 13 giugno, sono stati condotti presso il Comando Carabinieri di Acireale dove, alla presenza del magistrato della Procura etnea, sono stati effettuati gli ultimi accertamenti investigativi che hanno permesso di acclarare i gravi indizi di colpevolezza nei confronti del GROMOKOV.   I militari dell’Arma, quindi, al termine delle formalità di rito, hanno posto in stato di fermo l’indagato e lo hanno tradotto presso la Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria etnea.  


Catania - Squadra Mobile  arresta 1 per droga ed armi. Agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto Giovanni AIELLO 36enne ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana e hashish e di detenzione illegale di arma comune da sparo.  I poliziotti Sezione Contrasto al Crimine Diffuso, nel corso di un mirato servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti, nella serata, hanno bloccato Giovanni AIELLO. Gli uomini della Squadra Mobile, a seguito di un’accurata perquisizione eseguita nell’abitazione del personaggio, in viale Vittorio Veneto, hanno trovato 1 busta bianca di carta contenente sostanza stupefacente del tipo hashish, del peso complessivo di 130 gr. circa ed 1 bilancino di precisione, di cui AIELLO, durante le fasi della perquisizione, aveva tentato, invano, di disfarsi, gettandoli da una finestra. Gli investigatori, nell’abitazione, inoltre, hanno rinvenuto 1 fucile marca “P. Beretta”, cal. 28, illegalmente detenuto. La perquisizione, estesa anche nella casa di campagna, di proprietà dello stesso AIELLO ha consentito agli agenti di rinvenire e sequestrare un considerevole quantitativo di droga, numerosi “panetti” di sostanza stupefacente del tipo hashish, del peso complessivo di 1,4 kg. circa, diversi involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo marijuana, del peso complessivo di kg. 1,5 circa, nonché 1 involucro in plastica con all’interno sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso di gr. 4, 2 bilancini di precisione e materiale per il confezionamento.  AIELLO, alla luce di quanto accertato, è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria


Randazzo CTPistole e coltivazione droga: CC bloccano 67 e badante romena. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Randazzo hanno arrestato nella flagranza un pensionato brontese 67enne, poiché ritenuto responsabile di detenzione illecita di arma da fuoco e coltivazione illecita  di sostanze stupefacenti, una romena di 22 anni, badante dovrà rispondere solo del reato di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti. I  militari  di sera a conclusione di una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno fatto irruzione nell’abitazione del pensionato a Bronte, luogo in cui, previa perquisizione, hanno rinvenuto  e sequestrato: 1 pistola Mauser-Werke calibro 6,35, col colpo in canna e caricatore inserito, completo di 16 cartucce,  riposta nel comodino vicino al letto, nonché 1 pistola a salve marca Rhoner Sportwaffen mod.15 calibro 8 mm priva di tappo rosso, occultata tra la biancheria nell’armadio della stanza da letto. I  Carabinieri, nel proseguo delle operazioni hanno altresì scoperto, ben mimetizzata tra gli alberi di ulivo, coltivati nel fondo esistente davanti casa del pensionato, 1 mini piantagione di canapa indiana: 16 piante curate “sembra” in modo esclusivo dalla ragazza, opportunamente dissotterrate e poste sotto sequestro.  La pistola cal.6,35, in ottimo stato d’uso e perfettamente funzionante, sarà inviata al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnico balistici che potrebbero stabilirne l’eventuale utilizzo in pregresse azioni criminose. Il  pensionato è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza mentre la 22enne attenderà il giudizio agli arresti domiciliari.


Catania – Carabinieri  sequestrano cocaina per oltre 100.000€ in  Via Alogna, 1 in manette. I Carabinieri della Compagnia di Catania “Piazza Dante” hanno arrestato nella flagranza il 24enne catanese Simone CONSOLO, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Tanti, troppi clienti si alternavano ieri sera  al cospetto del pusher, così da risaltare agli occhi attenti degli uomini del Nucleo Operativo in servizio anticrimine a San Cristoforo. I militari, dopo avere monitorato discretamente una serie di cessioni, sono intervenuti  interrompendo la compravendita scoprendo il nascondiglio, un ampio anfratto murario posto in quella strada, da dove il personaggio attingeva la droga da piazzare.   La perquisizione della cavità ha consentito il rinvenimento  e sequestro di 700gr. circa di “cocaina”, di cui una cospicua parte ancora in pietra (pura) da tagliare e lavorare,  circa 100 grammi di “marijuana” nonché un bilancino di precisione e del materiale utilizzato per il confezionamento degli stupefacenti.  L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Catania  - CC bloccano pusher a San Cristoforo. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno ammanettato nella flagranza il catanese Salvatore Giuliano CONSOLO  20enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I  militari, durante la scorsa notte un servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio nel popolare quartiere San Cristoforo, hanno notato il soggetto aggirarsi nella zona con un atteggiamento sospetto. I   Carabinieri hanno notato il 20enne in via Alogna prendere contatti  con occasionali “clienti” e poi dirigersi in via Della Lava, prelevare delle bustine occultate all’interno di una cabina dell’Enel e consegnare il tutto agli acquirenti, ricevendone in cambio un corrispettivo in denaro. I militari, accertato quanto stava accadendo sono immediatamente intervenuti bloccando e perquisendo il pusher ed ispezionando i luoghi hanno rinvenuto complessivamente 6 grammi di cocaina e 63 grammi di marijuana, già confezionate in dosi pronte per lo smercio al dettaglio, che sono state sequestrate.  L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


  video intercettazioni

Catania Mafia ed estorsioni : custodia cautelare per  15 in operazione Araba Fenice. Oltre  100   Carabinieri del Comando Provinciale di Catania ed unità specializzate, dalle prime ore del mattino, hanno eseguito nella provincia etnea un provvedimento cautelare emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Catania su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 15 persone, ritenute appartenenti al “gruppo di Belpasso”. I soggetti interessati alla misura sono operanti prevalentemente in quel comune, quale articolazione territoriale della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola - Ercolano, ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, sequestro di persona, danneggiamento seguito da incendio e riciclaggio, con l’aggravante del metodo mafioso. Le indagini, sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania. Gli investigatori  hanno ricostruire l’organigramma del clan, ed  individuato  capi e gregari. Gli inquirenti hanno altresì documentato l’ingente volume di affari illegali della consorteria criminale, riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell’economia locale. I carabinieri hanno rilevato il sistema di gestione dell’attività di spaccio di cocaina e marijuana ed acquisito elementi di prova in ordine ad estorsioni consumate ai danni di imprenditori locali alla perpetrazione di rapine nei confronti di autotrasportatori al fine di agevolare l’organizzazione di appartenenza.  Gli investigatori ritengono che a capo del sodalizio malavitoso, sia il personaggio ritenuto dagli inquirenti pericoloso e spietato “boss” Carmelo Aldo NAVARRIA, scarcerato e rimesso in libertà nel 2014 dopo 26 anni di reclusione per sei omicidi. Il soggetto che negli anni ’80 era considerato secondo gli accertamenti degli investigatori, lo “spazzino” – colui che faceva sparire i cadaveri - del clan “Malpassotu” braccio armato di Nitto Santapaola. I dettagli dell’operazione sono forniti nel corso di una conferenza stampa nella saletta della Procura della Repubblica di Catania alla presenza del Procuratore Carmelo Zuccaro.


Catania -   Digos, preso parcheggiatore abusivo tunisino condannato nel 2015 : tentata estorsione. Si tratta di Ezzedine ZAIRI 31enne nato in Tunisia, richiedente protezione internazionale. La  Digos ha proceduto al controllo in piazza Papa Giovanni XXIII di un cittadino non appartenente all’Unione Europea, sprovvisto di documenti e senza fissa dimora. I poliziotti, effettuati i dovuti riscontri foto-dattiloscopici, hanno accertato che il soggetto in questione s’identificava in Ezzedine ZAIRI 31enne nato in Tunisia, richiedente protezione internazionale, il quale in passato aveva declinato in varie occasioni diversi nomi falsi, anche con generalità del tutto difformi tra loro.  ZAIRI era destinatario di un ordine di carcerazione alla pena della reclusione per 1 anno, 1 mese e 7 giorni poiché condannato il  20 novembre 2015 dal Tribunale di Catania, con sentenza divenuta irrevocabile, per tentata estorsione commessa il 7 ottobre 2015. Il  soggetto in quel frangente, mentre era intento a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo in piazza Lupo, si era avvicinato a 3 giovani donne appena scese dall’auto e le aveva minacciate in quanto pretendeva che pagassero la sosta. Lo straniero, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Catania piazza Lanza. La Polizia di Stato, negli ultimi giorni, ha svolto controlli straordinari di sicurezza volti ad intensificare l’attività di prevenzione sul territorio provinciale.  I  servizi sono stati estesi alle stazioni ferroviarie, all’aeroporto, ai terminal del trasporto pubblico ed ai luoghi abitualmente frequentati dai cittadini extracomunitari. Le ispezioni hanno comportato l’identificazione di quasi 300 soggetti, il controllo di oltre dieci esercizi commerciali nonché la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria di un italiano che si era rifiutato di fornire indicazioni sulla propria identità personale.  


Catania  - “Arrestatemi perché se torno libero le taglio la testa e i soldi non se li gode”. Maltratta madre vedova, per denaro : CC 23enne in manette. I carabinieri hanno appurato che  nemmeno la morte del padre avrebbe frenato la   sete di soldi.  I militari del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza un catanese di 23 anni, poiché ritenuto responsabile di tentata estorsione e percosse.   Madre  e  sorella minore, la scorsa notte, hanno chiesto aiuto al 112.  Il giovane da almeno 5 anni, appena raggiunta la maggiore età, aveva iniziato a vessare i genitori, compreso il padre malato di sclerosi multipla, con continue richieste di denaro che, se disattese, generavano azioni violente nei confronti dei genitori ed alla presenza della sorella minore. Il personaggio, anche dopo aver lasciato l’abitazione paterna non ha mai smesso di chiedere soldi, verosimilmente per l’acquisto di droga (nel 2012 aveva patteggiato una pena a 2 anni di reclusione, scontata ai domiciliari poiché ritenuto colpevole di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti), sia col genitore costretto a letto, per l’aggravarsi della malattia, che dopo il suo decesso avvenuto  pochi giorni fa. Il soggetto ieri sera, sul tardi, si è presentato sull’uscio dell’abitazione materna e pretendendo una sorte di eredità, all’ovvio diniego della poveretta, l’ha aggredita scaraventandola a terra procurandole delle lesioni e sottraendole  anche l’auto. L’intervento degli equipaggi di due “gazzelle”, oltre ha permesso alla donna di ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’Ospedale Cannizzaro per delle contusioni a spalle, braccia e gambe. I militari hanno  rintracciato poi dell’aggressore che, in caserma, di fronte alla madre ed alla sorella ha continuato imperterrito a minacciarla, gridando alla presenza dei  militari: “Arrestatemi perché se torno libero le taglio la testa e i soldi non se li gode”. I carabinieri dai successivi riscontri investigativi  hanno acclarato che il personaggio lo scorso febbraio era stato allontanato, con provvedimento, anche dall’abitazione dei nonni materni, dove aveva trovato ospitalità, sempre per atti vessatori nei confronti dei due poveri anziani. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania - Spaccio a S. Cristoforo, CC presi 2 fratelli ed 1 amico: ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno arrestato ai domiciliari nella flagranza i fratelli

Antonino 32enne e  Concetto CELSO  25enne ed un 37enne, tutti catanesi, ritenuti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti. La notte scorsa gli uomini della Squadra “Lupi”, in servizio anticrimine nel popoloso quartiere di San Cristoforo, verificando una notizia appresa in strada, si sono posizionati a debita distanza per osservare quanto stava avvenendo nella zona compresa tra le Vie Alogna e Della Concordia. La zona teatro dello spaccio vedeva come protagonisti tre soggetti che, con compiti ben definiti: vedetta  il 37enne, procacciatore ed addetto alla consegna  il 32enne   e galoppino  il 25enne  i quali spacciavano droga a clienti in successione. I militari, prima di intervenire, hanno fermato nella vicina Via Plaja alcuni assuntori  trovati in possesso delle dosi di cocaina acquistate in precedenza in Via Alogna. I carabinieri, comprovata l’attività di spaccio hanno deciso di porre fine all’illecito hanno bloccato e perquisito il terzetto. I soggetti sono stati trovati in possesso di altre dosi di cocaina e 250 euro in contanti, incassati poco prima dalla vendita dello stupefacente. La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati tutti relegati agli arresti domiciliari.


CataniaRapinatore in manette, identificato dal video, preso in casa. La Polizia di Stato ha tratto in arresto Massimiliano MASITTI 24enne, già noto, perché ritenuto responsabile di tentata rapina aggravata ai danni di un supermercato del capoluogo etneo.La  Sala Operativa, a seguito della segnalazione, aveva diramato un tentativo di rapina ai danni del supermercato “Decò” nella zona di via Medaglie d’Oro, perpetrato da un individuo che era riuscito ad impossessarsi di parte dell’incasso ed a fuggire. Il rapinatore si era dileguato nonostante una breve colluttazione con alcuni dei dipendenti che l’avevano inseguito fin fuori l’esercizio, riuscendo a fargli perdere parte del bottino. I poliziotti della “Sezione Contrasto al crimine diffuso”, grazie alla visione dei filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza del supermercato, hanno riconosciuto nelle fattezze del rapinatore proprio Massimiliano MASITTI, noto personaggio per reati contro il patrimonio, ed anche sono risaliti al proprietario  del veicolo per mezzo della targa a bordo del quale il soggetto era fuggito. L’individuo è stato rintracciato nella sua abitazione dove si era appena spogliato degli abiti indossati durante la rapina infilandoli in  lavatrice. MASITTI è stato condotto presso gli uffici della Squadra Mobile,  dichiarato in   arresto per il reato di tentata rapina aggravata e condotto presso la Casa Circondariale di Catania a “Piazza Lanza”.


Catania -  Colpi con spaccata nel catanese, Polizia sgomina gang di specialisti. Il  G.i.p. del Tribunale di Catania, accogliendo la richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica, ha disposto la misura cautelare nei confronti di 11 soggetti, gravemente indiziati di essere gli autori di ben 9 furti, nel mese di ottobre e novembre del 2016, commessi ai danni di esercizi commerciali di Catania e provincia, con il metodo c.d. della “spaccata”. Si tratta di Domenico Alessandro MESSINA, Antonino CASTELLI, Luciano TUDISCO, Salvatore Concetto VACCALLUZZO, Mirko TERMINI, Santo Antonio Lorenzo GUZZARDI, cui è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere, e di Santo Alessandro TRENTUNO, Antony Michael PLATANIA, Giovanni ARENA, Salvatore MANGANARO, Agatino Francesco GRASSO, sottoposti alla misura degli arresti domiciliari. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Catania, dirette dal sostituto procuratore Gabriele Fragalà e coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro e dal procuratore aggiunto Francesco Puleio, erano state avviate in seguito alla commissione del furto perpetrato il 5 ottobre scorso ai danni del negozio di abbigliamento “ULTIMODA”, in corso Italia a Catania.  La Polizia, attraverso la visione delle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza cittadino e da altri impianti privati, ha incrociato con l’analisi delle celle di aggancio delle utenze cellulari presenti sul luogo ed al momento dei furti, ed è stata in grado d’individuare alcuni soggetti, ritenuti responsabili dei colpi. Le attività successive di intercettazione telefonica e di analisi dei tabulati telefonici hanno consentito ai tutori dell’ordine di accertare l’identità dei soggetti che, episodicamente od in modo stabile e permanente, avevano preso parte ai furti commessi con le medesime modalità nei giorni successivi, e di acquisire pertanto elementi di riscontro all’ipotesi investigativa circa l’esistenza di un sodalizio criminale specializzato nei furti con “spaccata”. Gli investigatori hanno acclarato che tale specifico modus operandi sia caratterizzato dallo sfondamento violento delle vetrine esterne dei negozi mediante l’utilizzo alternativo di veicoli di provenienza furtive o – ove i “bersagli” siano muniti di sistemi di difesa passiva – di pesanti mazze, nonché dalla successiva, fulminea razzia della merce anche di cospicuo valore custodita all’interno dei negozi. La refurtiva veniva asportata in non più di due minuti dai pur numerosi autori dei reati, rivelando un efficace coordinamento fra i vari attori e l’avvenuto consolidamento di un metodo di “lavoro” comune agli autori dei vari episodi delittuosi. I tutori dell’ordine hanno accertato le modalità esecutive ed individuato gli autori anche dei furti consumati ai danni del negozio Luflà, commesso in Zafferana Etna il 14 ottobre 2016, dell’ottica Angiolucci, commesso a Catania il 19 ottobre 2016, del calzaturificio Mickey, commesso a San Giovanni La Punta il 28 ottobre 2016, del negozio “La Bottega Di Ennio”, commesso a Catania l’1 novembre 2016, del negozio di abbigliamento “Blu”, commesso a San Giovanni La Punta il   5 novembre 2016. Le risultanze investigative hanno permesso altresì di individuare, attraverso l’analisi dei tabulati telefonici, gli autori di alcuni furti commessi con analoghe modalità in epoca immediatamente precedente all’episodio del 5 ottobre; in particolare, i furti commessi ai danni del negozio Calabrò il  3 ottobre 2016, del negozio Ultimoda Emporio il 4 ottobre 2016, ed ancora, del negozio Blu il giorno 8 ottobre 2016. La Polizia dall’analogia delle modalità operative, la reiterazione, in un ristretto arco temporale, di numerosi reati commessi con lo stesso metodo, la frequenza e stabilità dei contatti telefonici fra gli indagati, spesso collegati in modalità teleconferenza e con utenze ‘dedicate’ per coordinarsi efficacemente durante la fase esecutiva dei reati, ha  rivelato l’esistenza di un’associazione criminale “specializzata” in tale tipologia di reati, articolata attraverso una precisa ripartizione di ruoli fra i vari sodali, con la predisposizione di compiti di vedetta e di controllo del territorio – normalmente affidata ai membri di maggiore spessore criminale – in supporto di coloro cui era affidata la esecuzione materiale dei furti. Gli inquirenti sottolineano come fra gli autori materiali dei furti vi siano anche soggetti che hanno preso parte ai delitti in forza della “capacità attrattiva” e delle consolidate capacità “professionali” dei più stretti appartenenti al nucleo criminale. Le indagini hanno permesso di delineare come in caso di necessità, la qualità dei soggetti da coinvolgere nei programmi criminosi, loro era affidato il ruolo più rischioso – siccome più esposto ad eventuali interventi delle Forze dell’Ordine, nonostante l’ampio dispiegamento di pali e vedette – di esecutori materiali delle effrazioni, senza che ciò abbia mai compromesso la efficacia delle azioni criminose. La Polizia sta  svolgendo ancora indagini tese ad accertare se agli arrestati siano imputabili anche i furti commessi con metodo analogo nel corso degli ultimi giorni nel centro cittadino ed in alcuni Comuni dell’hinterland. I particolari dell’operazione sono stati resi noti dal Procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro, nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo, presso i locali della Procura Distrettuale di Catania, alla presenza del Questore e dei responsabili della Polizia di Stato di Catania.


Palagonia CT - Martellate a padre ex fidanzata del fratello, CC 1 ai domiciliari.  I Carabinieri della Stazione di Palagonia hanno arrestato nella  flagranza Salvatore BISICCHIA   44enne del luogo, per violenza privata, lesioni aggravate, danneggiamento e porto illegale di oggetti atti ad offendere. Il soggetto, ha agito di mattina intorno alle 10,30,  a seguito di un’accesa discussione, scaturita  da una serie di dissidi riconducibili alla fine del fidanzamento tra il fratello e la figlia di un 40enne del posto. Il personaggio finito ai domiciliari ha aggredito il padre della ragazza con un martello colpendolo alle braccia e danneggiandogli anche l’autovettura.  La vittima  è stata trasportata e medicata all’Ospedale di Caltagirone dove i sanitari gli hanno riscontrato delle lesioni all’avambraccio sinistro guaribili in 7 giorni. Il martello è stato rinvenuto nell’abitazione del soggetto e sequestrato. L’arrestato, espletate le formalità di rito,  è stato ristretto ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Mineo CT -  Rapina: CC trasferiscono nigeriano dal CARA Mineo al carcere. I Carabinieri della Stazione di Mineo hanno arrestato John OSAS 32enne, originario della Nigeria, su ordine di esecuzione emesso dalla Procura Generale della Corte di Appello di Catania.. I militari, di pomeriggio in località Cucinella hanno rintracciato il personaggio nel  C.A.R.A. di Mineo. Il 32enne dovrà scontare la pena residua di 1 anno, 3 mesi e 24 giorni di reclusione poiché ritenuto colpevole di rapina in concorso, lesioni personali aggravata in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale, reati commessi ad Acireale il 4 ottobre 2014.L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Caltagirone.


Catania -   Minacce morte  per ex  compagna e botte collega, 1 stalker ai domiciliari. Agenti del Commissariato Borgo Ognina ieri, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari nei riguardi di Marco Giuseppe Barbero 38enne catanese, ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori. Il personaggio, esasperato per la fine della relazione sentimentale che l’ha unito alla sua vittima per 10 anni, ed ossessionato per un verso dalla volontà di recuperare un nuovo rapporto affettivo e per altro verso dal sospetto che ella potesse intrattenere un nuovo rapporto con altri, avrebbe posto in essere reiterate condotte violente e persecutorie. Il soggetto avrebbe procurato ripetute lesioni, e proferito minacce di morte attuate con un coltello ovvero gettandole dell’alcool addosso e minacciando di darle fuoco. L’individuo, tra l’altro, si sarebbe reso responsabile di costanti pedinamenti ed appostamenti nei pressi dei luoghi frequentati dalla vittima, inviandole altresì numerosissimi messaggi telefonici a tal punto che la donna, assieme alla figlia, avrebbe deciso di cambiare domicilio dopo aver vissuto un periodo di terrore e limitazione della libertà personale. Barbero, accecato dalla gelosia, si sarebbe scagliato contro un collega di lavoro della vittima il quale si era reso disponibile ad accompagnare la donna sino a casa, procurandogli lesioni personali guaribili in giorni 25, nello specifico trauma facciale, ferita labbro inferiore e padiglione auricolare. La vittima ed il collega  hanno denunciato  i fatti. L’attività info-investigative ha consentito di acquisire riscontri utili e prove testimoniali grazie a cui il Barbero è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.


AcirealeCC bloccano ambulante con droga tra ortofrutta. I Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno preso in flagranza Lucio BOMBACI 49enne, del posto, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile,  di pomeriggio, in  Piazza San Domenico, ha sottoposto a controllo e perquisizione il venditore ambulante e la sua Ape Piaggio, utilizzata per la vendita in strada di prodotti ortofrutticoli. I militari  proprio tra la merce, hanno rinvenuto e sequestrato 3 dosi di “hashish”. I  Carabinieri, estendendo la perquisizione nell’abitazione dell’ambulante, hanno  scovato e sottoposto a sequestro 18 grammi della medesima sostanza stupefacente nonché 1 bilancino elettronico di precisione.


Catania Violenza sessuale a 2 donne,1 minore: CC da video localizzano ed ammanettano 30enne. I Carabinieri della Stazione di Aci Castello hanno arrestato, il 20 febbraio 2017, a conclusione di delicate indagini condotte della Procura della Repubblica di Catania, A.T. 30enne catanese già noto, per il delitto di violenza sessuale, in esecuzione di provvedimento cautelare in carcere emesso dal Gip di Catania, su conforme richiesta della locale Procura. I fatti che hanno determinato l’avvio delle indagini riguardano 2 vittime, di cui 1  minorenne, e si sono verificati nei mesi di Febbraio e di Dicembre dello scorso anno. La  vittima, con riferimento all’episodio di Febbraio, aveva denunciato ai Carabinieri di Acicastello di essere stata avvicinata di sorpresa dal soggetto mentre rientrava a casa a tarda serata, di essere stata aggredita alle spalle e di essere stata toccata nelle parti intime con il deliberato scopo di subire atti sessuali. La vittima, nonostante fosse terrorizzata, è riuscita a liberarsi dall’aggressione grazie alla sua pronta reazione, dando un calcio al turpe e riuscendo così a scappare. Il  molestatore a Dicembre, aveva adocchiato una minorenne, lasciata qualche minuto in macchina da sola dal fratello: il soggetto avvicinandosi all’auto aveva prima tentato di aprire lo sportello ma, non riuscendoci, aveva iniziato a masturbarsi dinanzi alla ragazza, sconvolta.  I Carabinieri della Stazione di Aci Castello, subito dopo aver ricevuta la denuncia di violenza sessuale commessa nel mese di febbraio, hanno avviato immediatamente approfondite indagini che hanno consentito in breve tempo di identificare l’indagato. L’intuizione di un militare dell’Arma si è rivelata preziosa ed ha  dato contributo al buon esito delle indagini. Il  carabiniere visionando i filmati acquisiti dai sistemi di videosorveglianza di centri commerciali vicini alla zona delle violenze, aveva notato la presenza della stessa auto nelle vicinanze dei luoghi indicati dalle vittime,  la vettura che già in passato era stata segnalata da un’altra vittima, come quella in uso al molestatore. L’indagato è stato tradotto presso il carcere di Piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria etnea.


Trecastagni  CTCC, donna in manette per estorsione in concorso. I Carabinieri della Stazione di Trecastagni (CT) hanno arrestato Carmela POLIZZI 56enne, del luogo, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catania. La donna dovrà espiare la pena di 2 anni, 2 mesi e 10 giorni di reclusione poiché riconosciuta responsabile di estorsione in concorso, commessa a Catania nel 2012 ai danni di  un commerciante.  L’arrestata è stata associata nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.


Catania  Estorsione con “cavallo di ritorno”: CC, 1 in manette. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato  Giovanni DI BENEDETTO 20enne catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Il giovane già noto, condannato per furto aggravato motorino ed estorsione, reati commessi nell’aprile del 2015 a Catania,  dovrà espiare la pena di 3 anni  e 6 mesi  di reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza dov’è stato associato al termine delle formalità di rito.


Nicolosi CTPestano avversario per futili motivi: CC 2  presi. I  Carabinieri della Stazione di Nicolosi (CT) la scorsa settimana, hanno  proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di

Biagio RAPISARDA 43enne e di un 21enne, entrambi del posto, ritenuti responsabili di lesioni gravi in concorso. I  due, la mattina del 31 gennaio in via Re Martino a Nicolosi, a seguito di una discussione animata, scaturita per futili motivi, aggredirono a calci e pugni un 48enne. La vittima, per le gravi lesioni riportate, fu trasportata e medicata nell’Ospedale di Paternò dove i sanitari riscontarono: trauma cranico facciale  ed all’orbita dx, una contusione al torace con una prognosi di 40 giorni. I militari intervenuti immediatamente sul posto avviarono una veloce attività investigativa che permise di  identificare e bloccare gli autori del pestaggio. L’Autorità Giudiziaria tenuto conto delle risultanze investigative prodotte dai Carabinieri, che hanno raccolto indizi inequivocabili di reità nei confronti dei due, dopo aver confermato il fermo dei personaggi, ha disposto gli arresti domiciliari per il 21enne e la traduzione di RAPISARDA nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania - CC, rapinatore “trasfertista” in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato il catanese  Giuseppe NICOLOSI 30enne, in esecuzione di un ordine per la  carcerazione emesso dal Tribunale di Messina. Il personaggio dovrà espiare la pena residua di 4 anni  e 5 mesi di reclusione poiché riconosciuto colpevole di rapina aggravata, reato commesso a Roccavaldina (ME) nel 2014. L’arrestato è stato rinchiuso  nel carcere di Catania a Piazza Lanza.


Catania Ai domiciliari per maltrattamenti familiari ed atti persecutori evade: CC, 1 in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante hanno arrestato  il  catanese Nunzio RIOLO 38enne, già agli arresti domiciliari per maltrattamenti contro i familiari conviventi ed atti persecutori, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania. Il provvedimento è scaturito dalle evasioni dai domiciliari commesse dal 38enne ed accertate dai Carabinieri il 2 dicembre ed il 12 gennaio scorsi. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Piazza Lanza.


Mascalucia  CTDonna costretta a subire attenzioni sessuali: CC 1 compaesano bloccato. Il soggetto costringeva da mesi  la vittima. I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia (CT) hanno arrestato un 57enne, del luogo per violenza sessuale. I militari, di sera, a seguito di una telefonata della vittima al 112 la quale era riuscita chiedere aiuto nascondendosi nel bagno, sono intervenuti in un’abitazione del centro cittadino. I Carabinieri giunti immediatamente sul posto hanno bloccato il soggetto dopo averlo sorpreso mentre con violenza stava costringendo la donna a subire atti sessuali, dopo essersi introdotto nel domicilio di quest’ultima con il pretesto di doverle parlare. I militari, nella circostanza, hanno accertato che la vittima, una 42enne del luogo, subiva reiteratamente delle attenzioni di natura sessuale da parte del  57enne dal settembre scorso. L’arrestato è stato trattenuto in una camera di sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.


Pedara CT - Calci e pugni a nonna : CC, manette  a 25enne. I Carabinieri della Stazione di  Pedara (CT) hanno arrestato nella flagranza un 25enne del luogo, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.  Stanotte una pattuglia, su richiesta da parte di un anonimo cittadino che ha telefonato al 112, segnalando una lite in famiglia, è intervenuta in un’abitazione del centro cittadino di Pedara. I militari, giunti sul posto, hanno trovato il giovane dentro casa il quale, sotto l’effetto dell’alcol, aveva colpito ripetutamente a calci e pugni la nonna convivente  di 67 anni. La vittima è stata trasportata all’Ospedale di Acireale dove è stata medicata per  i politraumi guaribili in una trentina di giorni. L’arrestato è stato associato nel carcere di Catania Piazza Lanza.


Palagonia  CTCC preso 1 con 110g. marijuana, ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palagonia (CT) hanno arrestato nella flagranza un 34enne, di Ramacca (CT), per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Una  gazzella, di sera durante un servizio di controllo del territorio nel centro cittadino di Ramacca, in viale Regina Margherita ha imposto l’Alt al soggetto alla guida di una Opel Astra.  I  militari hanno proceduto ad una perquisizione personale e veicolare rinvenendo, abilmente occultata sotto il sedile anteriore, 1 busta di plastica contenente 110 grammi di, 2 bilancini elettronici di precisione e la somma contante di 20 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio, che sono stati sequestrati. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è strato posto ai domiciliari.


Ramacca CT -Carabinieri denunciano  titolare centro scommesse.  I Carabinieri della Stazione di Ramacca (CT) coadiuvati da personale dell’AAMS hanno effettuato dei controlli in diverse sale giochi della giurisdizione denunciando alla Procura della Repubblica di Catania un 32enne, del luogo, per esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa.I militari, durante un’ispezione in un centro scommesse cittadino che  gestisce il personaggio in questione, hanno rinvenuto e sequestrato 2 computer collegati ad un server esterno, non riconosciuti dai monopoli di stato, in violazione delle norme in materia di giochi e scommesse.


CataniaEvade dai domiciliari, CC 1 in carcere. I Carabinieri della Stazione di Catania Librino hanno arrestato Gianluca TORRISI  20enne catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari per droga, dando esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania. Il provvedimento è scaturito dalle diverse evasioni commesse dal giovane ed accertate dai Carabinieri che sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria. L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato ristretto nel carcere di Piazza Lanza.


Catania –  CC intercettano corriere con 30 Kg marijuana: 1 in manette.  I Carabinieri della Compagnia di  Giarre (CT) hanno arrestato nella flagranza  Marino DEL VECCHIO 40enne del luogo,  per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.  L’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile, di mattina, verso le ore 12, durante un servizio di controllo alla circolazione stradale in via San Matteo nella frazione di Macchia, ha imposto l’Alt  al soggetto a bordo di una Fiat 500. il guidatore   non si è  fermato ed è fuggito. I militari hanno inseguito il fuggitivo per le vie cittadine. Il conducente durante la corsa ha effettuato diverse manovre pericolose perdendo infine il controllo del mezzo andando a collidere con un’auto  regolarmente parcheggiata in Via Marsala. L’individuo, ha abbandonato l’auto, ed è fuggito a piedi ma, è stato inseguito dai due carabinieri. I militari dopo una cinquantina di metri hanno  bloccato ed ammanettato Del Vecchio. I tutori dell’ordine nell’abitacolo dell’auto hanno rinvenuto e sequestrato 25 panetti contenenti 30 Kg di marijuana. La droga, del valore al dettaglio di circa 300.000 euro, è stata sequestrata mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania a Piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Catania –  Adrano intitola strada a Carabiniere “Angelo ROGNONI”.  La cerimonia in onore dell’eroe dell’Arma Medaglia d'Argento al Valor Militare alla Memoria, si è svolta di mattina ad Adrano.  Il  Real Carabiniere Angelo ROGNONI originario di Dorno, in provincia di Pavia,   nel lontano 1905 sacrificò la sua vita per il bene della collettività adranita poiché “insieme a due soldati, coraggiosamente inseguiva alcuni malfattori e, colpito da una fucilata, mentre cadeva vittima del dovere, rincuorava i suoi dipendenti con animose parole”. L’eroico gesto ha spinto l’amministrazione comunale adranita ad intitolare la via che costeggia la locale Stazione Carabinieri nonché ad inaugurare la nuova sede della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri dedicandola sempre al giovane militare che riposa nel cimitero cittadino. Il  programma si è svolto alla presenza del Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Brigata Riccardo GALLETTA, accompagnato  dal Comandante Provinciale di Catania, Colonnello Francesco GARGARO, con la deposizione di una corona d’alloro sul sacello dell’eroe nel cimitero cittadino. La manifestazione è proseguita  con l’intitolazione della via al Carabiniere “Angelo ROGNONI” ed infine con l’inaugurazione della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Piazza Umberto. Il Generale GALLETTA prendendo la parola durante la cerimonia, oltre a ringraziare il Sindaco e tutta l’amministrazione comunale, si è rivolto ai numerosi giovani presenti all’evento. L’alto ufficiale ha sottolineato che “la figura del Carabiniere Rognoni può essere per loro un grande esempio di coraggio e profondo senso del dovere”. Nell’ambito della celebrazione dell’eroe, nel pomeriggio alle 17.30, nel teatro Bellini di Adrano avrà luogo un concerto della Fanfara del 12° Battaglione Carabinieri Sicilia.


 Catania –  Romeno preso per furto: era evaso dai domiciliari.  Agente del Commissariato “Centrale” libero dal servizio, ieri mattina, ha arrestato il già noto Sandel Marcel NICOTRA 24enne nato in Romania, nella flagranza di furto aggravato ed evasione. Il soggetto, alle ore 7,00 circa, è stato fermato dopo aver asportato in un pubblico locale  in piazza Sapienza, 1 bicicletta, 1 contenitore con del denaro e una serie di bottiglie di liquore. I tutori dell’ordine nel corso del sopralluogo effettuato hanno accertato che NICOTRA, aveva forzato la saracinesca del locale utilizzando un tubo “Innocenti” che è stato sequestrato. I poliziotti, durante l’espletamento delle formalità di rito, hanno acclarato che l’arrestato sin dal 23 agosto precedente, si era reso irreperibile, evadendo dagli arresti domiciliari cui si trovava sottoposto presso la sua abitazione di Adrano per il reato di violenza o minaccia a P.U..  NICOTRA è stato pertanto trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione, nella mattinata, del processo per direttissima.


Catania Spaccio: 1 condannato a 4 anni, CC ai domiciliari. I Carabinieri della Stazione di Catania Librino hanno arrestato Ignazio Vincenzo ALBERTI 46enne  catanese, già sottoposto agli arresti domiciliari, su esecuzione ad un ordine di espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura della Repubblica di Catania. Il 46enne, ritenuto colpevole di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, reato commesso a Catania nel 2015, dovrà espiare la pena di 4 anni di reclusione. L’arrestato è stato posto nuovamente ai domiciliari, come disposto dall’Autorità  Giudiziaria.


Catania Droga in cucina : polizia dai domiciliari al carcere. Si tratta di Manuel RUVOLO 26enne. Il personaggio,  nonostante si trovasse agli arresti domiciliari avrebbe continuato a spacciare.  Due  agenti dell’U.P.G.S.P.,ieri pomeriggio, liberi dal servizio, sono intervenuti in via Malta, arrestando il soggetto  26enne per detenzione di stupefacenti e spaccio ed hanno messo fine termine alla situazione. L’attenzione dei poliziotti era stata attirata dal via vai di persone notato nei pressi dell’abitazione del soggetto, già noto per essere sottoposto alla misura restrittiva. I tutori dell’ordine, conoscendo i precedenti del RUVOLO, hanno subito immaginato di cosa potesse trattarsi. Gli agenti  hanno   controllato e perquisito il domicilio che, com’era facile immaginare, ha permesso di trovare occultati in cucina: 11 grammi di marijuana, 1 bilancia da cucina utilizzata per pesare la droga ed una somma di denaro, probabile provento dell’attività di spaccio.  RUVOLO, immediatamente  arrestato, su disposizione del P.M. di turno è stato condotto presso la Casa Circondariale “Piazza Lanza” di Catania.







ASCOLTA TUTTE  LE  INTERVISTE


CHI SONO



 

 

visitatori