L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : info@informatoredisicilia.it  - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIM'ORA

NOTIZIE

ULTIMORA

 

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI
 FRANCOFONTE
TAORMINA-G.NAXOS
FLORIDIA

RUBRICHE

  in politica
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 MUSICA   new

 


(ascolta intercettazioni)

Palermo - Guardia Finanza scopre e filma corruzione di ex dirigente INAIL. I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale disposta nei confronti di Giuseppe La Mantia, ex Vice Direttore INAIL di Palermo e già Direttore dell’ufficio di Termini Imerese, ritenuto responsabile di aver consentito illecitamente il rilascio di numerosi DURC (Documenti unici di regolarità contributiva), a favore di una pluralità di imprenditori che l’avrebbero ricompensato pagando sostanziose mazzette.  Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, su proposta della Procura della Repubblica di Palermo, ed è stato eseguito dalle Fiamme Gialle del G.I.C.O. di Palermo. I Baschi Verdi  hanno operato il sequestro per equivalente di immobili e conti correnti nella disponibilità dell’ex dirigente, per un valore complessivo pari a 516mila €. Le indagini condotte dai finanzieri hanno permesso di ricostruire la fitta rete di complicità tra La Mantia, all’epoca ai vertici degli uffici palermitani dell’INAIL, ed imprese compiacenti che – nonostante il ricorrere di evidenti cause ostative, come l’esistenza di cartelle esattoriali mai pagate – venivano favorite nell’entrare in possesso delle certificazioni di regolarità contributiva. Il rilascio di Documenti Unici di Regolarità Contributiva del tutto falsi ha consentito ad imprenditori privi di scrupoli di realizzare, tra il 2007 ed il 2012, ingenti guadagni attraverso la partecipazione ad appalti e gare pubbliche senza averne titolo e, in altri casi, di ottenere pagamenti da pubbliche amministrazioni nonostante fosse sistematicamente evaso il versamento di contributi e premi assicurativi dovuti all’INPS ed dell’INAIL, determinando così un rilevantissimo danno alle casse dell’Erario ed una distorsione delle regole di funzionamento della concorrenza e del mercato.  Per le sue “prestazioni”, l’alto funzionario colluso sarebbe stato ricompensato con la consegna di buste contenenti denaro, che riscuoteva direttamente presso il suo ufficio, ovvero ottenendo l’accredito di somme direttamente su conti correnti di cui era titolare o di cui aveva la disponibilità perché intestati a familiari o persone a lui vicine. La  “mazzetta” in taluni casi, veniva riscossa anche sotto forma di concessione dell’uso gratuito di cellulari e auto di lusso. Oltre alle condotte di corruzione e concussione, gli investigatori hanno ricostruito l’inclinazione a commettere illeciti di Giuseppe La Mantia, il quale truffava la stessa INAIL, attestando falsamente le proprie presenze in ufficio, e chiedeva ad altri dipendenti di sottrarre e distruggere la documentazione custodita presso gli uffici INAIL di Termini Imerese (PA), durante l’esecuzione di perquisizioni svolte nei suoi confronti, da parte dei finanzieri all’uopo incaricati dall’Autorità Giudiziaria. Le investigazioni condotte hanno, inoltre, fatto emergere la vicinanza del La Mantia a diversi esponenti di “cosa nostra”, quali il costruttore Graziano Camillo, della famiglia mafiosa dell’Arenella, il capo del mandamento San Lorenzo, Vincenzo Giacalone,  e gli esponenti del clan Madonia, del quale per diverso tempo era stato il “cassiere”. Alcuni  collaboratori di giustizia, avevano, peraltro, parlato di La Mantia riferendo di una sua partecipazione alla gestione degli appalti di cui al tempo si era occupato Angelo Siino, il “ministro dei lavori pubblici” della Mafia. Le Fiamme Gialle, nel corso delle investigazioni, hanno documentato i rapporti d’affari intercorsi tra Giuseppe La Mantia e Giuseppe Damiata, anche quest’ultimo colpito da misura di prevenzione eseguita dalla Guardia di Finanza nel dicembre 2016 e con il quale il La Mantia divideva gli “utili” derivanti dalla gestione illecita di alcune cooperative.


Palermo Lite tra donne: asportata milza ad anziana, 2 ai domiciliari per aggressione. La Polizia di Stato ha eseguito due ordinanze di misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Termini Imerese nei confronti di Rosalia Di LORENZO 32enne palermitana del quartiere “Brancaccio” e Monica SPANO 37enne di Bagheria. Alle due donne è stata applicata la misura degli arresti domiciliari perché ritenute responsabili di lesioni gravissime e permanenti in danno di una signora anziana alla quale, in seguito all'aggressione ricevuta, è stata asportata la milza. I fatti si verificarono la vigilia dello scorso ferragosto nel camping "Costa Ponente" in località "Mazzaforno", alle porte di Cefalù. La  situazione sarebbe degenerata la sera del 14 agosto, dopo un crescendo di screzi tra più nuclei familiari per futili motivi tra cui fumi di barbecue molesti e schiamazzi, ed ha avuto la peggio nello scontro fisico tra più elementi dei nuclei familiari coinvolti  una donna anziana, ricoverata d'urgenza presso l'Ospedale San Raffaele di Cefalù dove i sanitari, hanno constatato lo  spappolamento della milza, e sono stati costretti ad asportarle l'organo. Gli agenti del Commissariato P.S. “Cefalù” avviarono immediate le indagini sulla base di quanto ricostruito a seguito del primo intervento effettuato dalle “volanti”. L'attività, protrattasi per circa un mese, ha consentito ai poliziotti di ricostruire esattamente la dinamica dei fatti ed individuare  le persone che avrebbero cagionato le lesioni, poi rivelatesi gravissime e permanenti, per la donna vittima della vile aggressione.


Palermo – 31enne nasconde 1 panetto droga nel reggiseno, CC bloccata donna. I  Carabinieri della locale stazione Roccapalumba hanno svolto presso lo Stazione ferroviaria un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione degli illeciti afferenti lo spaccio ed il consumo delle sostanze stupefacenti. I carabinieri, durante il controllo ai passeggeri di un treno, proveniente da Palermo, hanno notato l'atteggiamento guardingo di una ragazza appena scesa da uno dei vagoni. I militari hanno deciso di procedere al controllo della giovane, R.A. 30enne, in conseguenza del quale, la stessa, ha consegnato spontaneamente 1 panetto di hashish, del peso di circa 100 grammi, occultato nel reggiseno. La perquisizione domiciliare successiva ha permesso ai carabinieri di rinvenire 1 bilancino di precisione e la somma in contanti di 1000€,  tutto sottoposto a sequestro.  Il  Tribunale, convalidando l'arresto della ragazza, ne ha disposto l'obbligo di dimora nel territorio del comune di Roccapalumba.


Palermo  – Emergenza sangue, Questura attiva per raccolta. La  Questura di Palermo, l’Associazione Donatori Volontari della Polizia di Stato e la Struttura Provinciale dell’AIL (Associazione Italiana contro leucemie, linfomi e mieloma) di Palermo, giovedì 3 agosto 2017, hanno organizzato una raccolta straordinaria per far fronte alla crescente e preoccupante emergenza sangue nella regione siciliana. Un’equipe del Centro Trasfusionale dell’Ospedale “Cervello” accoglie i donatori su un’autoemoteca posizionata all’ingresso della Questura di Palermo, in piazza della Vittoria, dalle ore 09.00 alle ore 12.00.   il Presidente Regionale, Pasqualino Curto Pelle afferma “L’Associazione DONATORINATI Sicilia della Polizia di Stato è quotidianamente impegnata per rispondere alle esigenze e spesse volte, come purtroppo in questo periodo, a vere e proprie emergenze di sangue. Nati da poco più di un anno, oggi siamo attivi in cinque province (Agrigento, Messina, Catania, Siracusa e Palermo) con oltre 500 donatori e volontari. L’auspicio e l’obiettivo sono quelli di riuscire a coprire l’intera regione in tempi stretti, portando avanti tanto le raccolte di sangue quanto le iniziative di informazione per sensibilizzare tutti sull’importanza della cultura della donazione. Rivolgo quindi  un sincero ringraziamento al sig. Questore di Palermo, dott. Renato Cortese, per l’iniziativa di cui si è fatto promotore che conferma l’attenzione e la sensibilità verso un tema, quello della donazione, che, da poliziotti, avvertiamo come un ulteriore servizio verso la collettività. Nella circostanza, sarà possibile raccogliere materiale informativo dell’Associazione DONATORINATI Sicilia della Polizia di Stato sull’importanza della donazione di sangue”.


Palermo -  Questura ricorda anniversario assassinio capo squadra mobile Boris Giuliano.  Il 38° anniversario, dell’omicidio del  Dott. Boris Giuliano, Capo della Squadra Mobile di  Palermo ucciso dentro il Bar lux di via F.P.Di Blasi ricorre  il 21 luglio 2017. La Questura di Palermo ricorda la tragica uccisione con la deposizione  di una corona di alloro alle ore 9.00, sul luogo dell’omicidio  ed a seguire  la Messa  celebrata presso la Cappella della Soledad di Piazza della Vittoria.

La  Questura di Messina città dove ha vissuto, ricorda il Commissario di Polizia Giorgio Boris Giuliano, Capo della Squadra Mobile ucciso a Palermo  nel 1979 dalla mafia. La figura del Commissario di Polizia, lo spessore umano e le brillanti indagini per le quali pagò con la vita sono ricordati, durante tutto l’arco della giornata, con una serie di iniziative organizzate dall’associazione socio culturale “100Messinesi per Messina 2MILA8”. La commemorazione prevede, alle ore 08.10, stesso orario in cui il Commissario fu raggiunto da 7 colpi di pistola alle spalle nel bar Lux di Palermo, l’accensione della lanterna “Luce della vita” ed un momento di preghiera nella Parrocchia S.M. Annunziata e S. Giuseppe di Bisconte.  Il  convegno “Memorial Boris Giuliano 2017” è alle ore 9.30, presso la Sala “Accademia peloritana dei pericolanti” dell’Università degli studi di Messina. Una  corona di fiori alla base della lapide è posta alle ore 12.00 in sua memoria in via Natoli dove il dottor Giuliano ha vissuto. Iniziative  ludiche ricreative sono programmate alle ore 16.45, presso la Piazzetta del villaggio Bisconte.


Monreale PA – Rubati cave elettrici, strada al buio: CC 2 presi. I Carabinieri della Compagnia di Monreale hanno bloccato Osvaldo LO BIANCO 32enne, e T.G.B., 29enne, entrambi monrealesi. I due sono stati sorpresi nel primo pomeriggio in via Regione Siciliana, quasi a ridosso della frazione di San Martino delle Scale, mentre stavano rubando 10 metri di cavi elettrici in rame dopo averli tranciati con una cesoia da alcuni pozzetti di derivazione posti alla base dei lampioni dell’illuminazione pubblica. L’azione ha provocato l’interruzione dell’illuminazione che al momento non resta funzionante in attesta del ripristino. La perquisizione domiciliare eseguita successivamente dai militari ha permesso di rinvenire nell’abitazione dei due arrestati più di 2 chilogrammi di tubi di rame, utilizzati per gli impianti del gas. I 2 alla vista dei Carabinieri erano in pantaloncini e scarpe ginniche e fingevano di fare “jogging”: trucco utilizzato per non dare nell’occhio dei numerosi automobilisti di passaggio. L’Autorità Giudiziaria ha convalidato gli arresti disponendo per entrambi l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


PalermoPolizia sloggia 30 parcheggiatori abusivi con Ordini D’Allontanamento. I  servizi della Polizia di Stato per il contrasto alla dilagante presenza di parcheggiatori abusivi in numerose aree cittadine proseguono incessanti.  Le attività di controllo, sono state disposte dal Questore e coordinate dal Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine. Decine  di poliziotti appartenenti ai Commissariati di P.S. cittadini, al Reparto Prevenzione Crimine e all’Ufficio Prevenzione Generale sono scesi in campo. I tutori dell’ordine  hanno battuto, palmo a palmo, i luoghi cittadini tradizionalmente preferiti dai parcheggiatori abusivi per lo svolgimento della loro attività illegale: capolinea di autobus e metropolitane, aree prossime ad ospedali e stazioni ferroviarie. 30 sono circa gli ODA (ordini di allontanamento per 48 ore dal luogo occupato), disposti nei confronti di altrettanti parcheggiatori abusivi rintracciati nelle zone cittadine controllate. 2 soggetti sono stati ulteriormente sanzionati per aver reiterato la condotta illecita a distanza di meno di un giorno da una precedente contestazione. Le posizioni dei parcheggiatori abusivi sanzionati sono adesso oggetto di ulteriore approfondimento per l’eventuale applicazione nei loro riguardi del cosiddetto “DASPO Urbano”, un provvedimento ancor più stringente, disposto dal Questore. La misura sanzionatoria prevede un lungo divieto di reingresso nelle aree dalle quali i trasgressori sono stati estromessi. La Polizia sottolinea : “ I servizi proseguiranno nel corso delle prossime settimane. Il parcheggiatore abusivo non lede soltanto il decoro urbano, precludendo la libera fruizione della città, ma viola anche la disposizione di un preciso articolo del Codice della Strada: considerevole, al riguardo, la sanzione prevista e comminata al singolo posteggiatore, quantificata in mille euro, con contestuale confisca del denaro in suo possesso ritenuto provento dell’illecita attività”.


Palermo Carabinieri trovano pistola in bara Badalamenti morto nel 2005. I militari del Nucleo Investigativo,nella mattinata di ieri, presso il Cimitero di “Santa Maria di Gesu’”,  in ottemperanza al decreto di esumazione straordinaria di cadavere e perquisizione emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia (Proc. Agg. Dott. S. De Luca e Sost. Proc. d.ssa C. Malagoli), hanno rinvenuto una pistola a tamburo, di fabbricazione italiana, e una borsa contenente oggetti vari occultati all’interno della bara del defunto: Agostino BADALAMENTI morto a 46anni  per cause naturali il 1 giugno 2005, ritenuto già reggente del mandamento mafioso di Palermo Porta Nuova. BADALAMENTI era balzato agli onori della cronaca poiché, dopo essere stato arrestato in flagranza di reato per l’omicidio di Michele LIPARI il 22 agosto 1979, si era finto pazzo riuscendo ad ottenere la semi infermità mentale ed a  evitare l’ergastolo facendosi rinchiudere nel manicomio giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto per 18 anni. il personaggio, scontata la pena, nel 1999 sarebbe stato investito direttamente da Bernardo PROVENZANO della carica di reggente del mandamento più importante della città. Il soggetto nuovamente fu arrestato dai Carabinieri nel 2003 con l’accusa di associazione mafiosa ed estorsione, morì 2 anni dopo a seguito di una malattia. Le  dichiarazioni del neo collaboratore Salvatore BONOMOLO, hanno contribuito al rinvenimento, avendo  riferito che, prima della tumulazione del cadavere, lui stesso aveva inserito nella bara di BADALAMENTI 1 pistola e 1 pacchetto di sigarette.  L’arma verrà trasmessa al RIS di Messina per l’analisi balistica e per verificare se in passato sia mai stata utilizzata per commettere delitti.


Palermo - Polizia arresta ghanese  per tentata corruzione. Si tratta di Evans Ebabio GYAMBIBI 42enne cittadino ghanese, responsabile del reato di istigazione alla corruzione. Il reato si è concretizzato allo sportello dell’Ufficio Immigrazione della Questura, in via S.Lorenzo, dove il soggetto era giunto per richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno. Il personaggio,  a fronte di specifiche domande da parte dell’operatore dello sportello circa il possesso dei requisiti necessari per ottenere il titolo di soggiorno, assumeva un atteggiamento taciturno fino a mostrare un evidente nervosismo. Il  ghanese, ultimata la consegna dei documenti e la procedura di acquisizione dei dati biometrici, all’atto di congedarsi, allungava il braccio ed offriva all’operatore dello sportello una somma di denaro, ben occultata nel palmo della mano. Il soggetto  compiva, così, senza dire parola, ma esprimendosi attraverso il più eloquente dei comportamenti corruttivi, il tentativo di addomesticare la pratica e di influenzare l’operatore nella direzione di una celere e positiva conclusione dell’iter amministrativo. Il  poliziotto senza alcuna esitazione, ha rifiutato il denaro e bloccato il soggetto traendolo in arresto per il reato di istigazione alla corruzione.


Palermo CC trovano a Misilmeri 215gr hashish, 1 marocchino in manette. I  Carabinieri di Misilmeri ieri hanno arrestato un  di origini marocchine con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: Rabin AASSOUL  37enne, già noto perché  fermato lo scorso aprile per il medesimo reato. I Carabinieri nel corso del controllo hanno rinvenuto nell’abitazione 200 grammi di hashish, 2 grammi di cocaina suddivisa in dosi e 5 grammi di marijuana. Il soggetto è stato tradotto presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese ed a seguito di udienza di convalida, l’Autorità Giudiziaria ha disposto la custodia cautelare carcere.


Palermo Espulso a Taranto, cuoco  in cucina a Palermo: CC 1 preso. I militari, dal controllo alla banca dati hanno rilevato che 1 extracomunitario non aveva ottemperato all’ordine, emesso nel settembre 2016 dal Questore di Taranto, di lasciare il territorio nazionale. La disposizione è stata  notificata con nuovo decreto di espulsione.  I  gestori del locale per questi motivi dovranno rispondere della violazione dell’art. 22 del D.Lgs. 286/98. Il titolare trasgressore è stato multato con sanzione da 110.000€ ed ha subito il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. I carabinieri della Compagnia San Lorenzo insieme ai Carabinieri del N.A.S., Nucleo Antisofisticazione e Sanità, e del N.I.L., Nucleo Ispettorato del Lavoro, specializzati nel settore, oltre a personale dell’A.R.P.A. e S.I.A.E., hanno   verificato  le autorizzazioni ed il rispetto delle norme di uno stabilimento balneare.  Il  N.A.S. al termine dell’ispezione  ha riscontrato  carenze strutturali. I militari hanno trovato un’area abusiva adibita a deposito alimentare e di bevande, ed il N.I.L. ha accertato   6 lavoratori in nero su 10, 1 cittadino privo del permesso di soggiorno, era stato impiegato nelle cucine.  Il  proprietario di un’altra attività: dopo il controllo, è stato denunciato per il reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, previsto all’art. 659 del codice penale. La verifica dei tecnici dell’ARPA infatti ha accertato che il volume della musica era superiore ai limiti consentiti. I militari dell’Arma precisano che i controlli  continueranno nei prossimi giorni, e si rendono  necessari  per verificare il rispetto delle norme, al fine di permettere ai cittadini palermitani di divertirsi in sicurezza, evitando ogni situazione che possa turbare e mettere in pericolo l’incolumità pubblica.


Palermo Carabinieri sequestrano beni mafia, 30 milioni€ a Udine e Palermo.   I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, sotto l’egida del Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, ha dato seguito ad un provvedimento di confisca di primo grado di beni, per un valore complessivo di circa 30 milioni  €, a carico di Vincenzo GRAZIANO,  66enne nato a Palermo, soprannominato “Viciuzzu”, ritenuto elemento di spicco della famiglia dell’Acquasanta, arrestato per associazione mafiosa nel 2008 nell’operazione “Addiopizzo” e nel 2014 nell’operazione “Apocalisse”.Il provvedimento ablativo è scaturito dalla piena condivisione da parte della magistratura palermitana del quadro probatorio fornito dai Carabinieri del Nucleo Investigativo i quali, a seguito di minuziosi accertamenti patrimoniali, sono stati in grado di dimostrare che i beni in possesso di Vincenzo GRAZIANO erano frutto del reinvestimento dei capitali acquisiti dalla sua partecipazione all’organizzazione mafiosa denominata “Cosa Nostra”.  Il Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione – su richiesta della locale Procura della Repubblica, aveva già nel 2009 ordinato il sequestro di private abitazioni, imbarcazioni e autovetture di lusso e attività economico - imprenditoriali con sede a Palermo e in provincia di Udine. Il  provvedimento di confisca riguarda i seguenti beni: intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “A.F.G. Costruzioni S.R.L.” con sede a Palermo; intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “M.G. Costruzioni s.r.l.” con sede a Palermo; intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “Costruzioni Generali s.r.l.” con sede a Palermo; intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “A.G. Costruzioni s.r.l.” con sede a Tavagnacco (UD); intero capitale sociale e relativo complesso di beni aziendali della società “Immobiliare Tre s.r.l.” con sede a Tavagnacco (UD); 3 magazzini siti in Palermo; 1 garage sito in Palermo; 3 abitazioni site in Palermo; 1 appezzamento di terreno sito in Palermo; 1 appezzamento di terreno sito in Trabia (PA); 1 abitazione sita in Cinisi (PA); 8 autorimesse site in Martignacco (UD); 8 abitazioni site in Martignacco (UD); 2 appezzamenti di terreno siti in Martignacco (UD); 2 motocicli; 1 imbarcazione; quota di ½ di imbarcazione;  30 rapporti bancari.


 Palermo Tenta rapina durante permesso, preso da poliziotti. La Squadra Mobile di Palermo, ha eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, nei confronti di Giacomo Fiorentino 22enne palermitano resosi responsabile di una tentata rapina ai danni di un minore. L’episodio risale allo scorso 2 marzo, quando Fiorentino ha sorpreso alle spalle un giovane palermitano nella zona del “Villaggio Santa Rosalia” e, sotto la minaccia di un coltello, gli ha intimato di consegnare portafoglio e telefonino. Il colpo non è andato a buon fine, solo perché la giovane vittima, sfruttando un attimo di distrazione del malvivente, era riuscito a divincolarsi e fuggire. Le indagini della polizia per risalire all’autore della tentata rapina hanno preso spunto dalla dettagliata descrizione somatica fornita dalla vittima. gli agenti con  profonda conoscenza del territorio ed  esperienza hanno fornito un contributo investigativo importante. L’identikit fornito dalla vittima ha fatto correre il pensiero dei poliziotti a Fiorentino: nonostante la sua giovane età,  è  personaggio noto, conosciuto dai poliziotti i quali , anche recentemente, vi avevano avuto a che fare. I poliziotti hanno analizzato  cronologicamente gli ultimi eventi del sospettato per ricostruire i fatti. Il soggetto non sarebbe rientrato al Malaspina, dopo un permesso premio a fine febbraio, lo scorso 4 marzo. Fiorentino era stato rintracciato dai poliziotti in un supermercato. La rapina sarebbe stata, quindi, tentata in una “finestra di libertà” del maldestro, il 2 marzo, in una data in cui Fiorentino era certamente “operativo”. L’ipotesi investigativa è stata sposata dall’Autorità Giudiziaria che ha emesso il provvedimento restrittivo eseguito dai poliziotti.


PalermoAnziano rapinato in condominio: agenti,  2 in  manette. Si tratta di Francesco ABBATE 58enne e Michele LO MEDICO 45enne. La Polizia di Stato ha bloccato, nella flagranza del reato di rapina aggravata, i 2 noti palermitani. I soggetti, ieri sera, intorno alle ore 21.00, hanno notato un anziano palermitano che stava facendo rientro a casa, in via Roma. I rapinatori hanno sorpreso il malcapitato alle spalle proprio mentre stava aprendo il portone dello stabile e l’hanno spinto nell’atrio condominiale, chiudendo il portone. I soggetti hanno accerchiato, spinto verso il muro e minacciato l’anziano a consegnare denaro ed oggetti di valore.  I 2, non ai soli oggetti di valore si sono rivolti prima di allontanarsi in direzione della Stazione Centrale, hanno sottratto all’anziano 1 Euro ed 1 pacchetto di sigarette, oltrechè 1 telefono cellulare. L’anziana vittima, subito dopo l’aggressione subita, è uscita in strada ed a distanza di pochi minuti, si è imbattuta in una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. I poliziotti hanno ricevuto ogni dettaglio di quanto occorsogli e la descrizione dei rapinatori. I tutori dell’ordine via radio, hanno diramato la segnalazione a tutte le pattuglie della Polizia di Stato, comprese le molte dislocate lungo l’asse via Roma- Stazione Centrale. I due malviventi sono stati intercettati in via Manzoni e, dopo aver tentato di opporre resistenza ed avere minacciato ed ingiuriato gli agenti, sono stati immobilizzati e tratti in arresto.


Palermo –  Agenti bloccano 2 topi d’appartamento in azione  dentro B&B. I  poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico”  hanno ammanettato, nella flagranza del reato di tentato furto in abitazione, 2 giovani palermitani già noti: Giulio AVVENIMENTI  20enne e Nunzio LO GELFO  26enne. La  Polizia di Stato durante il ponte del 1 maggio, ha intensificato i servizi di controllo del territorio  con particolare riguardo alle abitazioni che, in queste occasioni, vengono spesso lasciate vuote dai proprietari. I  poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico”  ieri sera mentre transitavano nei pressi della Cala a bordo di una “Volante”, hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di tentato furto in abitazione i due giovani. Gli  agenti  hanno notato la persiana di un balcone del primo piano di un edificio, spalancata con il vetro infranto. I tutori dell’ordine hanno deciso di arrampicarsi ed entrare nella struttura, adibita a B&B, per verificare l’eventuale presenza di malviventi. I poliziotti hanno sorpreso, così, in flagranza di furto, due giovani i quali avevano già staccato 1 televisore dal muro e raccolto dei sacchi con all’interno teli da bagno  e lenzuola.  I  due giovani sono stati immediatamente bloccati, identificati, tratti in arresto e condotti presso gli Uffici della Questura per gli adempimenti di rito.


Palermo Nigeriano praticava aborti: manette degli agenti. La Polizia di Stato ha tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, il nigeriano Elvis Osaretin AIWANSOSA 27enne residente a Palermo, ritenuto responsabile dei reati di interruzione di gravidanza senza il consenso della donna, lesioni personali aggravate ed atti persecutori. Il soggetto è stato denunciato, inoltre, per i reati di  esercizio abusivo di professione medica e commercio di farmaci scaduti e imperfetti. Una  donna nigeriana, agli inizi del 2016 aveva conosciuto il connazionale Aiwansosa ed aveva intrapreso con lui una relazione sentimentale all’insaputa del marito. La ragazza, successivamente era rimasta incinta, ma l’amante l’avrebbe costretta ad abortire, con la minaccia che se si fosse rifiutata, avrebbe rivelato al marito la verità ed avrebbe, inoltre, fatto del male a suo figlio, di cui conosceva l’istituto scolastico frequentato. La donna, terrorizzata dalle minacce ricevute, avrebbe accettato di sottoporsi all’intervento, che sarebbe poi stato praticato, all’interno della sua abitazione dallo stesso amante, con strumenti rudimentali e farmaci di dubbia provenienza.  La  donna, a seguito del procurato aborto, ha iniziato a manifestare gravi algie ed emorragie tali da essere costretta ad essere trasportata in autoambulanza presso un nosocomio cittadino. La  vittima  ha deciso, pertanto, di interrompere la relazione con l’amante. Il personaggio, non accettando la fine del rapporto, ha iniziato nei confronti della vittima una serie reiterata di molestie persecutorie ed offensive, continuando ad infastidirla con insistenti telefonate anche in orari notturni ed aggressioni in strada.  Le  indagini condotte dai poliziotti della Squadra Mobile hanno evidenziato che l’indagato era solito praticare aborti clandestini a pagamento soprattutto a ragazze extracomunitarie dalle quali veniva contattavano addirittura anche da altre città. Gli  investigatori, nel corso di alcune perquisizioni all’interno dell’abitazione del soggetto hanno rinvenuto numerosi prodotti farmaceutici per l’induzione medica del parto e per il trattamento delle emorragie post aborto.


Palermo Zen, famiglia presa per eroina. I Carabinieri della Stazione San Filippo Neri, impegnati in un servizio antidroga, dopo un breve appostamento tra i padiglioni dello Z.E.N., hanno sorpreso Roberto VOLPICELLI 19enne palermitano, mentre stava cedendo 1 dose di eroina ad un acquirente (segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo di Palermo quale assuntore di sostanze stupefacenti). I militari hanno immediatamente avviato il controllo nell’abitazione del giovane, durante  la quale Luca PARISI 30enne palermitano, ha pensato bene di lanciare dalla finestra 1 barattolo contenente altre 11 dosi della medesima sostanza.  Altri  Carabinieri erano  appositamente nascosti sotto casa  e si sono subito accorti del tentativo di disfarsi della droga. Gli  uomini dell’Arma durante la perquisizione, si sono trovati di fronte ad una porta chiusa a chiave e per poter procedere al controllo della stanza,  hanno dovuto attendere la madre Rosa CUTAIA 55enne palermitana, l’unica ad essere il possesso delle chiavi.  I  militari in quella stanza  hanno trovato 1 ovulo di eroina, del peso di 11 grammi, e 1 altro involucro contenente la stessa sostanza dal peso di circa 5 grammi, oltre a 1 bilancino di precisione e 250 euro. I 3 sono stati arrestati con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. l’Autorità Giudiziaria ha convalidato gli arresti, dopo il giudizio direttissimo, la madre è stata rimessa in libertà, mentre i due figli sono stati condotti al Pagliarelli.


Palermo -   Donna 72enne enne trovata morta insanguinata, indagini CC Bagheria.  Una  telefonata è giunta di mattina intorno alle 10.10 alla centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Bagheria : una donna ha chiesto l’intervento dei militari dell’Arma in un condominio di via Salvator Rosa. I  Carabinieri, giunti nell’appartamento in questione, hanno trovato una 72enne senza vita, riversa a terra tra evidenti tracce ematiche. A seguito delle immediate indagini, supportate dalla Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Palermo, i Carabinieri della Compagnia di Bagheria dopo aver ascoltato i vari testimoni e condomini, hanno condotto in caserma un uomo per ulteriori accertamenti.


Palermo – Prostituzione su internet: 1 ai domiciliari, induzione, favoreggiamento e sfruttamento. La Polizia ha tratto in arresto ai domiciliari Marco Cricchio 38enne palermitano, ritenuto responsabile del reato di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. I  tutori dell’ordine nei confronti del soggetto hanno eseguita un’ordinanza di sottoposizione alla misura cautelare degli arresti domiciliari.Le indagini, condotte dai poliziotti della Sezione “investigativa” del Commissariato di P.S. “Libertà”, sono durate alcuni mesi, ed hanno registrato una costante e folta presenza di uomini nei pressi di alcuni edifici e, nello specifico, di alcuni appartamenti dislocati in distinte zone cittadine, immobili tutti riconducibili ad un unico conduttore, appunto Cricchio. Gli approfondimenti investigativi hanno definito i contorni di un grosso giro di prostituzione, realizzato secondo dinamiche ed accorgimenti tipici di tali fenomeni, attraverso lo sfruttamento di giovani ragazze provenienti esclusivamente dal Sud America.La circostanza che a prostituirsi fossero tante ragazze e non sempre le stesse era per il Cricchio, oltre che proficuo economicamente, anche una garanzia di riservatezza nei confronti di eventuali indagini delle Forze dell’Ordine: il continuo ricambio di cittadine straniere che regolarmente si avvicendavano per non fornire punti di riferimento, avrebbe, infatti, ridotto la possibilità di attirare attenzioni indesiderate. Cricchio alle giovani straniere forniva comode “garconniere” ricavate in appartamenti presi in affitto, alcuni anche in zone residenziali cittadine e subaffittate alle straniere che, oltre a ripagare il canone mensile, giravano all’uomo una grossa fetta dei loro guadagni. Il contatto con l’utenza, riservato ma efficace, avveniva attraverso le bacheche di un sito internet per incontri, sulle quali venivano postati messaggi inequivocabili in ordine alla natura degli incontri. On line, in ossequio al  principio di cautela, non veniva fornito l’indirizzo della casa dove si sarebbero consumati i rapporti, ma soltanto il contatto telefonico della donna straniera. La  straniera di turno avrebbe fornito ogni indicazione (indirizzo della casa e costo della prestazione), solo dopo avere esaminato telefonicamente il cliente ed averne testato l’affidabilità. In corso di indagine, sono stati ascoltati numerosi clienti, tutti provenienti dal capoluogo e dalla provincia e di diverse fasce sociali. La Polizia ha accertato che le prestazioni “costavano” da 40,00 a 100,00 euro. Ulteriori indagini sono in corso per accertare l’eventuale coinvolgimento nel giro di prostituzione di altre persone.


Palermo -   Droga e sigarette di contrabbando, CC 1 ai domiciliari. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di Monreale hanno tratto in arresto M.M. 35enne palermitano, volto noto alle Forze dell’Ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari dell’Arma sospettando che lui potesse detenere dello stupefacente nella sua abitazione, hanno effettuato una perquisizione locale.  I militari in un primo momento hanno rinvenuto 20 stecche di sigarette di contrabbando, in quanto prive di bollo del Monopolio di Stato. I militari pochi minuti dopo, in un cassetto del comò nella stanza da letto, hanno trovato 2 panetti di hashish del peso di 85 grammi circa, 1 taglierino intriso di sostanza stupefacente e materiale per confezionarlo, oltre a 40€ in banconote e monete. L’Autorità Giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari, in attesa della convalida al G.I.P. che ha ordinato il regime degli arresti domiciliari.


Palermo CC sequestrano discoteca ad Isola delle Femmine, denunciati fratelli gestori.  I   Carabinieri della Compagnia di Carini nel corso dei servizi straordinari per il controllo del territorio e della movida nel fine settimana, hanno sottoposto nuovamente sottoposto a sequestro una nota sala da ballo e denunciato i due soci - amministratori: S.L. 50enne  e S.G. 42enne, fratelli originari di Palermo. La  discoteca, a settembre 2016, era già stata chiusa dai Carabinieri e successivamente dissequestrata. I due personaggi dovranno rispondere del reato di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo, per aver organizzato una serata danzate di “latino-americano”, in assenza delle previste autorizzazioni delle Autorità Amministrative e dell’agibilità infrastrutturale.  I tutori dell’ordine hanno rilevato che a rendere ancor più grave la mancanza, c’è stato l’elevato numero di avventori presenti in sala, circa 150 al momento del controllo, i quali sono stati costretti, tra lo stupore e la delusione, ad interrompere anticipatamente la serata. Il personale della SIAE di Palermo, che ha partecipato al controllo, ha elevato sanzioni pari a circa 2.500 euro per violazioni in tema dei diritti d’autore. I militari, nell’ambito dello stesso servizio, hanno denunciato in stato di libertà un 26enne di Terrasini, poiché sorpreso alla guida della sua auto con un tasso alcolemico superiore ai limiti consentiti dalla legge, al quale è stata contestualmente ritirata la patente di guida.


Palermo  CC, preso 1 mentre vende droga a minorenne: disposti domiciliari. Francesco MIRTO 39enne palermitano, è stato bloccato dai Carabinieri della Stazione di Partanna Mondello al termine di una lunga attività di osservazione e monitoraggio. I militari dell’Arma notato un ragazzino tra i 15 ed i 16 avvicinarsi al soggetto e sospettando che stesse per acquistare dello stupefacente, sono intervenuti bloccandoli nelle fasi dello “scambio”. La perquisizione ha permesso di confermare quanto supposto: il ragazzino aveva infatti 1 “stecchetta” di hashish, mentre MIRTO è stato trovato con altre 2 stecchette e 5 €, appena ricevuti dallo stesso 16enne, come contropartita dello stupefacente. Il 39enne è stato arrestato con l’accusa di spaccio di sostanza stupefacente con l’aggravante di averlo consegnato a persona minorenne, così come previsto dall’art. 80 comma 1 del d.p.r. 309 del 1990. il soggetto è stato sottoposto al rito direttissimo presso il Tribunale di Palermo, il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per MIRTO la misura cautelare degli arresti domiciliari.


Palermo CC scoprono nigeriano coinvolto in truffa on line con carte clonate. Si tratta di Osahenrumwen OBAZEE  31enne nigeriano. L’indagine era stata avviata a seguito della denuncia sporta, alcuni giorni addietro, da un pensionato di Chiavari, il quale si era accorto di vari acquisti fatti online e pagati con la sua carta di credito, per cui si era recato in caserma chiedendo aiuto ai Carabinieri. L’indagine dei Carabinieri di Genova è partita subito ed i militari  sono riusciti ad accertare che alcune consegne sarebbero arrivate in una sede postale di Palermo.  I tutori dell’ordine della Compagnia di Palermo San Lorenzo sono stati informati, ed è stato predisposto un servizio con lo scopo di bloccare chi fosse andato a ritirare i pacchi. L’attesa non è durata molto: allo sportello di un ufficio delle Poste Italiane si è presentato Osahenrumwen OBAZEE   che al momento del ritiro dei plichi si è accorto della presenza dei Carabinieri e si è allontanato di corsa. La fuga è durata solo poche decine di metri, quando i Carabinieri  hanno raggiunto e fermato, OBAZEE con ancora tra le mani i pacchi appena ritirati, contenenti 2 profumi di marca ed 1 smartphone di ultima generazione. Le manette sono scattate quando il nigeriano ha mostrato ai militari la carta d’identità: gli uomini dell’Arma infatti, controllando il documento, si sono accorti che era falso. Il nigeriano su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato arrestato per false attestazioni sulla propria identità a Pubblico Ufficiale, ricettazione ed indebito utilizzo di carte di credito. Il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto per il 30enne la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. I Carabinieri proseguiranno le indagini al fine di verificare se, dietro queste clonazioni, vi sia una vera e propria organizzazione e dove abbia reperito il documento d’identità.


Palermo - Anziano su auto abbandona 1 cucciolo in strada, CC  1 denuncia.  Sono bastate a i Carabinieri in poche ore sono risaliti a pensionato S.P. 85enne palermitano, autore di un gesto tanto inumano quanto inaccettabile. L’anziano infatti, mentre si trovava in via Mattei, alla guida della sua auto, dopo aver accostato, ha pensato bene di abbandonare il proprio cane sul ciglio della strada.  Il piccolo meticcio, impaurito, si è rifugiato all’interno di una recinzione fatta di rete metalliche. I Carabinieri, attirati dall’attenzione di alcuni passanti, dopo essere intervenuti, sono riusciti a tirare fuori il cagnolino dalla gabbia e hanno immediatamente iniziato ad acquisire le immagine dei sistemi di videosorveglianza presenti nella zona. L’attenta analisi dei video ha permesso ai militari di risalire al proprietario. L’anziano è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per abbandono di animale. Il  piccolo meticcio, con lieto finale,   è stato  affidato ad una giovane 24enne la quale dopo averne avuta notizia, è subito corsa a chiedere l’affidamento, non pensandoci due volte. I  Carabinieri  hanno accontentato la ragazza.


Monreale PACC preso ladro 17enne, trasferito a “Malaspina”. I Carabinieri della Compagnia di Monreale hanno tratto in arresto un 17enne, palermitano, che nonostante la giovane età risulta essere già un volto noto per le Forze dell’Ordine per reati della stessa fattispecie.   Una  pattuglia composta da militari dell’Aliquota Radiomobile e della Stazione di Altofonte è stata inviata dalla Centrale Operativa su un “furto in atto”. I  militari, giunti sul posto, mentre prendevano contatti con il richiedente dell’intervento, hanno notato un giovane che si allontanava con in mano un pezzo di grondaia in rame, lunga circa 1,5 metri. Il ragazzo veniva subito fermato ed identificato. Il 17enne è  accusato di furto in abitazione aggravato. L’Autorità Giudiziaria dei minori informata del fatto ha disposto che il reo venisse accompagnato presso l’Istituto “Malaspina” di Palermo.


 Roma CSM designa Lo Voi procuratore a Palermo. Il plenum del Csm ha eletto Francesco  Lo Voi

 57enne

 palermitano preferendolo ad altri due magistrati: il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari e di Messina Guido Lo Forte. Francesco  Lo Voi ha ottenuto 13 preferenze dai togati di Magistratura Indipendente, dai laici di entrambi gli schieramenti e dai vertici della Cassazione. In magistratura dal maggio 1981, ha iniziato la carriera come Pretore a Sanluri (CA) e, successivamente è stato Giudice al Tribunale di Caltanissetta e poi Pretore a Palermo. Dal 1990 al 1997 è stato Sostituto Procuratore della Repubblica a Palermo, entrando a far parte della DDA fin dalla sua costituzione e lavorando sia con Giovanni Falcone che con Paolo Borsellino. Ha svolto le indagini e sostenuto in dibattimento l’accusa in numerosi e gravi processi di mafia, anche in contatto con altre DDA, coordinando altresì le ricerche di noti latitanti mafiosi, che sono stati tutti tratti in arresto. Dal 1997 ha svolto le funzioni di Sostituto Procuratore Generale a Palermo, continuando ad occuparsi di processi di mafia in grado di appello (tra i quali quelli contro esecutori e mandanti dell’omicidio di Padre Giuseppe Puglisi); è stato nominato Segretario Generale della Procura Generale della Repubblica e punto di contatto della Rete Giudiziaria Europea, fin dalla sua costituzione, nell’ambito della quale ha svolto un’intensa attività volta a facilitare le procedure di cooperazione giudiziaria internazionale. E’ stato designato relatore dal CSM in diversi incontri di studio in materia processuale penale ed ordinamentale ed ha partecipato, sia in Italia che all’estero, a convegni in materia di cooperazione giudiziaria internazionale; è stato inoltre chiamato dalla Commissione Europea a far parte di alcune commissioni di valutazione in materia di giustizia ed affari interni nei paesi candidati all’ingresso nell’U.E., all’esito delle quali ha redatto articolate relazioni. E’ stato eletto al CDC dell’ANM dal 1999 ed ha svolto, nella Giunta Esecutiva Centrale, gli incarichi di Direttore della Rivista “La Magistratura e, per quasi due anni, di Segretario Generale.


PALERMO -  “L’esperienza e la competenza acquisita da Diego Cammarata nei molti anni alla guida del più grande comune dell’isola sono le migliori credenziali che il sindaco di Palermo può offrire al momento della sua elezione alla guida dell’ANCI Sicilia”. Lo ha affermato il Presidente della Regione Lombardo augurando al neo eletto un proficuo lavoro nell’interesse dei comuni siciliani. Ed ha poi aggiunto. “Il tema delle autonomie locali è sempre più decisivo nel progetto che stiamo portando avanti per uno sviluppo della Sicilia in cui il territorio, con le sue risorse umane ed economiche, sia sempre più protagonista del futuro di tutti i siciliani”.

 

 

 

 


NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24



PALERMO


Mafia, polizia sequestra beni 200.000€




Palermo – “Se sotto casa vicino porta trovate  segni dei NOMADI telefonate subito ai Carabinieri”. Il Comando Provinciale dell’Arma dei carabinieri di Palermo ha diffuso un VADEMECUM su come proteggersi da furti in genere, che spesso sono commessi ai danni di anziani e fasce deboli: “non lasciamo soli i nostri cari anziani, anche se non abitano con noi, facciamoci sentire spesso ed interessiamoci ai loro problemi e alle loro esigenze personali” ALCUNI SUGGERIMENTI Proteggiamo la nostra casa Rendi sicure porte e finestre. Ideale è una porta blindata con serratura di sicurezza, antifurto e spioncino. Si a videocitofoni e/o telecamere. Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha bussato Se puoi installa in casa un sistema di antifurto elettronico o vetri antisfondamento. In alternativa è sempre valido il ricorso alle grate, purché siano robuste e lo spazio tra le sbarre non superi i 12 centimetri. Installate i dispositivi antifurto e collegateli con il 112. Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati. Se l'interruttore della luce è all'esterno, proteggilo con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa staccare la corrente. E' meglio non tenere in casa grosse somme di denaro, gioielli o oggetti di valore. Eventualmente custodirli nella cassaforte. Ricordati che luce e rumore tengono lontano i malviventi: se sei solo tieni accesa la luce in due o più stanze per simulare la presenza di più persone o anche la radio, in modo da mostrare all’esterno che la casa è abitata. Vicini di casa: scambiatevi i numeri di telefono per poterli contattare in caso di prima necessità Se perdi la chiave di casa o subisci uno scippo o un borseggio, cambia la serratura. Assicurati, uscendo e rientrando, che la porta di casa ed il portone del palazzo restino ben chiusi. No al portachiavi con targhette dove risulta indicato il vostro nome e indirizzo perché in caso di smarrimento rischierebbero di far individuare immediatamente l’appartamento Non far sapere, fuori dall'ambiente familiare, se in casa ci sono oggetti di valore o casseforti né dove si trova la centralina dell'allarme e se sei in ferie. Ricorda che i messaggi sulla porta dimostrano che in casa non è presente nessuno. Quindi non lasciate biglietti attaccati alla porta. Non fate sapere a chiunque che vivete soli. Chiudi sempre la porta a chiave e non lasciare le chiavi sotto lo zerbino o in altri luoghi alla portata di tutti. Non far sapere ad estranei i tuoi programmi di viaggi e vacanze. Evitate di pubblicare su social network (Facebook o altri) i vostri programmi di viaggio poiché queste informazioni possono arrivare indirettamente a persone poco raccomandabili. Evita l'accumularsi di posta nella cassetta delle lettere chiedendo ad un vicino di ritirarla. Evita l'accumularsi di posta nella cassetta delle lettere chiedendo ad un vicino di ritirarla. Considerate che i primi posti esaminati dai ladri in caso di furto sono gli armadi,  cassetti, vestiti, vasi, quadri , letti e tappeti. Opere d’arte/altri oggetti di valore: se avete oggetti di valore, fotografateli, al fine di agevolare alle forze dell’ordine il ritrovamento.  Se la serratura è manomessa o la porta è socchiusa Non entrate in casa, chiamate immediatamente il 112. Comunque se appena entrate vi rendete conto che la vostra casa è stata violata, non toccate nulla, per non inquinare le prove e telefonate subito ai Carabinieri. Quando rientrate a casa potreste trovare vicino alla porta di casa i segni dei NOMADI,  telefonate subito ai Carabinieri”.


PalermoGuerra mafia e delitto, Carabinieri 2 arresti: collaboratori, luce su meccanismo.  Le  recenti dichiarazioni del neo collaboratore di giustizia Antonino PIPITONE uomo della famiglia di Carini, e quelle dell’altro collaboratore Gaspare PULIZZI, correlate dai militari dell’Arma ai conseguenti riscontri eseguiti hanno consentito e contribuito alla svolta nelle indagini per ricostruire il delitto e determinare i ruoli ricoperti dai destinatari del provvedimento restrittivo. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno eseguito un provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale – Ufficio GIP di Palermo su richiesta della Procura distrettuale di Palermo, nei confronti di 2 esponenti di mafia:  Vincenzo PIPITONE 61enne nato a Torretta il 5 febbraio 1956;  Gaspare DI MAGGIO 56enne nato a Cinisi il 29 marzo 1961. in quanto responsabili dell’omicidio di Felice ORLANDO, ucciso il 17 novembre del 1999, nella sua macelleria ubicata nel quartiere Zen di Palermo. I carabinieri hanno ricostruito che  la decisione sia stata adottata dal reggente dell’epoca del mandamento mafioso di Palermo San Lorenzo, Salvatore LO PICCOLO  e dal figlio Sandro, entrambi già condannati, in primo grado, alla pena dell’ergastolo, quali mandanti del grave fatto di sangue, per una duplice motivazione:leggendo il contenuto di intercettazioni sviluppate nell’ambito di pregresse attività d’indagini, gli stessi venivano a conoscenza che Felice ORLANDO aveva utilizzato nei loro confronti espressioni dispregiative;  la vittima aveva manifestato l’intenzione di assumere un ruolo apicale nelle dinamiche mafiose del quartiere Zen di Palermo, rendendosi protagonista di relative condotte mai autorizzate dai vertici mafiosi di riferimento. Salvatore e Sandro LO PICCOLO  secondo la ricostruzione avrebbero delegato la commissione dell’omicidio a Vincenzo PIPITONE, all’epoca reggente della famiglia  di Carini, ed a Angelo CONIGLIARO (poi deceduto), i quali avrebbero individuato i materiali esecutori in Antonino PIPITONE e Gaspare PULIZZI (attuali collaboratori di giustizia), Gaspare DI MAGGIO e Ferdinando GALLINA, attualmente detenuto negli USA.Gli  esecutori, secondo la ricostruzione, nel corso delle fasi preliminari ed organizzative del grave fatto di sangue, avrebbero effettuavano alcuni sopralluoghi mirati all’individuazione della vittima (conosciuta soltanto attraverso alcune fotografie mostrate proprio da Salvatore LO PICCOLO) e dell’esatta ubicazione della sua macelleria all’interno del quartiere Zen di Palermo. I fatti ricostruiti : il giorno dell’omicidio, 17 novembre del 1999, il dispositivo era suddiviso in tre diverse autovetture: la prima era guidata da Gaspare PULIZZI; la seconda, una Fiat Uno oggetto di un precedente furto, era condotta da Antonino PIPITONE mentre Gaspare DI MAGGIO e Ferdinando GALLINA occupavano i sedili dei passeggeri; nella terza vi erano Vincenzo PIPITONE e Angelo CONIGLIARO.  Giunti nei pressi della macelleria, Gaspare DI MAGGIO e Ferdinando GALLINA calzavano dei capellini e, dopo aver lasciato il veicolo, entravano nell’attività commerciale in cui erano presenti Felice ORLANDO ed un suo assistente (rimasto illeso) che, intuendo quanto stava accadendo, cercavano riparo sotto al bancone. I killer raggiungevano Felice ORLANDO esplodendo diversi colpi di arma da fuoco che attingevano la vittima lungo il fianco esposto, provocandone la morte. Gaspare DI MAGGIO e Ferdinando GALLINA, dopo l’esecuzione dell’omicidio, sarebbero rientrati a bordo della Fiat Uno condotta da Antonino PIPITONE e l’intero commando avrebbe lasciato immediatamente la zona. La  Fiat Uno, dopo pochi chilometri, veniva abbandonata ed i relativi occupanti prendevano posto all’interno degli altri due veicoli.  


 

Palermo -   Falchi identificano e bloccano rapinatore seriale. La Polizia di Stato ha identificato e fermato l’autore di due violente e recenti rapine compiute in danno di due Farmacie cittadine. Si tratta del Diego GENNARO 24enne, già noto palermitano di via Sedievolanti. Lo scorso 17 ottobre, in orario tardo serale, un giovane rapinatore, con lo stesso modus operandi ed abbigliato con gli stessi indumenti, aveva depredato, in sequenza di rapida, 2 Farmacie: la prima in via Mariano Stabile e la seconda in corso Calatafimi. I colpi sono stati compiuti dal rapinatore  con un casco non integrale che lasciava intravedere i lineamenti del volto del soggetto armato di coltello e con il piglio autoritario di un malvivente certamente non nuovo a simili irruzioni. I poliziotti hanno registrato  la decisione delle minacce indirizzate ai dipendenti delle farmacie. Alcune  pattuglie, già nell’immediatezza dei colpi, si erano messe sulle tracce del rapinatore, ingaggiando un rocambolesco inseguimento, conclusosi tra i vicoli della Zisa, dove il giovane fuggitivo era riuscito a far perdere le tracce. Il  soggetto, tuttavia nulla ha potuto,  fronteggiare abilità e  conoscenza del territorio  del personale della Squadra Mobile: i  Falchi della sezione  Contrasto al crimine diffuso che hanno osservato le immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso delle Farmacie ed in breve hanno ricollegato i  colpi  ad un giovane palermitano, noto per muoversi a suo agio nei luoghi della malavita. I  poliziotti hanno avviato capillari servizi di appostamento che, a distanza di qualche ora dai fatti contestati, hanno permesso di individuare Gennaro. Il  giovane ha tentato di fuggire ma è stato raggiunto e catturato.  I   Falchi nel   domicilio hanno  trovato alcuni degli indumenti usati per compiere le due rapine. Gennaro è stato, inoltre, riconosciuto anche da alcuni testimoni delle rapine. Il  Fermo è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.


Palermo Coltivazione 400 piante canapa indiana in centro storico trovata da Finanzieri. Le  Fiamme Gialle della Brigata  Carini (PA), di mattina, hanno scoperto e arrestato  G.C. 43enne, originario di Carini. I finanzieri  avevano individuato il personaggio come presunto produttore di marijuana e per questo avevano iniziato appostamenti nella zona. I Baschi Verdi durante il servizio  hanno sorpreso il coltivatore al lavoro nella piantagione.  La canapa indiana era ben nascosta da alberi e flora boschiva. Il soggetto  aveva eliminato dalle piante le foglie secche e stava procedendo ad irrigare il terreno. L’intervento delle Fiamme Gialle ha permesso di sequestrare oltre 400 piante, che avevano ormai raggiunto una lunghezza superiore ai 3 metri.  La consistente quantità di marijuana avrebbe fruttato sul mercato circa un milione di euro.  Il 43enne, già gravato di precedenti specifici, è stato arrestato e condotto in carcere. Gli accertamenti proseguono per individuare eventuali altri responsabili e ricostruire i flussi di denaro derivanti dall’attività illecita.


Resuttana Colli   PAPiantagione droga in villa con piscina: CC, preso coltivatore.  I Carabinieri della Stazione Resuttana Colli hanno bloccato con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente Davide RECUPERO  21enne palermitano. I  militari dell’Arma, alle prime luci del mattino, sono piombati nell’abitazione dove vive il giovane: una villa di 3 piani con piscina. L’approfondita perquisizione in tutta la casa ha permesso di ritrovare una serra artigianale per la coltivazione di marijuana allestita all’interno della sala biliardo nel seminterrato. I militari di Resuttana Colli si sono trovati di fronte una vera e propria serra indoor provvista di tutto: lampade alogene per innalzare la temperatura e un termometro per poterla tenere sotto costante controllo, un sistema di areazione costituito da diversi tubi collegati con l’esterno per permettere la fuoriuscita dell’intenso odore, fertilizzanti di ogni tipo necessari per la crescita rapida delle piante. I carabinieri in totale hanno recuperato 35 piante di cui 13 già di un metro e cinquanta e le restanti in fase di coltivazione dall’altezza di trenta cm sono state sequestrate. I tutori dell’ordine, accanto alla serra, hanno notato vari barattoli contenenti 200 gr. di marijuana già essiccati. Il ragazzo, dopo essere stato arrestato ed essere stato condotto agli arresti domiciliari, è stato giudicato con rito direttissimo al termine del quale è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.


PalermoSparatoria e morte in mercato, CC 1 preso. Le manette sono scattate per Calogero LO PRESTI 23enne nato e residente a Palermo accusato per l’omicidio di Andrea CUSIMANO 29enne nato e residente a Palermo. I militari del Comando Provinciale di Palermo stamane, poco prima delle ore 08:00 circa,  hanno arrestato   LO PRESTI, dopo che lo stesso aveva esploso, per ragioni ancora da chiarire, diversi colpi d’arma da fuoco in direzione di Andrea CUSIMANO, 29enne nato e residente a Palermo. Il ferito, trasportato, tramite soccorso medico 118, presso l’ospedale Civico   è deceduto. I servizio disposti dal Comando Provinciale di Palermo, intensificati nei luoghi più sensibili e/o maggiormente frequentati da persone, hanno: consentito un rapido e risoluto intervento fermando l’autore presunto dell’omicidio che è stato letteralmente “buttato giù” dall’auto, dove sedeva come passeggero e con la quale ha tentato, invano, di fuggire, evitato che il fatto potesse degenerare visto che notoriamente il mercato storico, proprio di sabato, è frequentato da parecchie persone. Il conducente della vettura è riuscito invece a darsi alla fuga e le ricerche sono ancora in corso. I Carabinieri sono riusciti a recuperare l’arma del delitto (una pistola revolver marca “Lebel” di fabbricazione francese, calibro 8) di cui il LO PRESTI si era disfatto prima di darsi alla fuga. Calogero LO PRESTI è stato arrestato per il reato di omicidio e tradotto presso il carcere “Pagliarelli” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria”.


Palermo – Carabinieri scoprono coltivazione marijuana, bloccato coltivatore.  I  militari hanno scoperto una vera e propria serra artificiale fabbricata da Saverio FORTUNATO 60enne palermitano residente a Carini. i Carabinieri della Stazione di Resuttana Colli hanno rivenuto la piantagione di marijuana, costruita fino a minimi dettagli, comprendente 7 piante dall’altezza di un metro e settanta circa ognuna e, proprio accanto ai 7 vasi di cannabis indica, una busta, contenente ben 39 semi dello stesso tipo, oltre a vario materiale fertilizzante usato per la coltivazione.  Il  60enne  per coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacente, sarà giudicato anche per furto aggravato: l’intero impianto di ventilazione usato per allontanare il più possibile il forte odore emanato dalle piante di marijuana, assieme all’impianto di riscaldamento costituito da varie lampade alogene utilizzate per alzare ed abbassare la temperatura a seconda dello stato di coltivazione, era allacciato in maniera del tutto abusiva alla rete elettrica pubblica. Il  giudice, dopo aver convalidato l’arresto al termine dell’udienza di convalida, ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, in attesa del processo.


Palermo Operazione antidroga, CC 2 presi. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Monreale impegnati in una serie di servizi di controlli hanno bloccato Christian MADONIA 28enne palermitano, volto noto il quale, al momento del controllo ha provato a disfarsi di 1 busta da 10,5 grammi di cocaina e di 1 dose della stessa sostanza da 0,6 grammi. Il soggetto, per questo motivo è stato accompagnato presso il carcere Pagliarelli di Palermo, in attesa della convalida, a seguito della quale è stato sottoposto agli arresti domiciliari.  I  militari della Stazione di Monreale hanno, durante un posto di controllo, hanno anche bloccato  L.P.M 23enne palermitano, perché trovato in possesso di 2 buste contenenti marijuana per un peso di 50 grammi.  la perquisizione domiciliare successiva ha consentito ai militari il rinvenimento di 2 capsule di droga del tipo MD e di 1 bilancino di precisione. L’Autorità Giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari in attesa della convalida al G.I.P..


Palermo Carabinieri ricordano 40° eccidio Ten.col. Russo e prof. Costa.  Il  40° anniversario dell’uccisione del Ten. Col. dell’Arma dei Carabinieri Giuseppe RUSSO e del Prof. Filippo COSTA, ricorre il 20 agosto ed è avvenuta nel 1977 nella frazione di Ficuzza del Comune di Corleone nei pressi della Real Casina di Caccia del re borbonico Ferdinando IV. La cerimonia commemorativa, si svolge  alle ore 10:00 dello stesso giorno, nella medesima località dell’evento ed alla presenza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Tullio DEL SETTE, interviene anche la figlia del Ten. Col. Russo.

  

Palermo –  Strage a Passo Rigano: Gen. Galletta ricorda 7 carabinieri uccisi con bomba da Giuliano. Il 68° anniversario della strage avvenuta 19 agosto di 68 anni addietro in località Passo di Rigano di Palermo. Il grave evento criminoso provocò la morte di sette Carabinieri effettivi al Battaglione Mobile Carabinieri di Palermo i quali, mentre stavano viaggiando a bordo di un autocarro militare unitamente ad altri commilitoni, furono uccisi dall’esplosione di una mina collocata sotto il manto stradale, azionata a distanza dal bandito Giuliano. Una  corona d’alloro al Cippo commemorativo in onore dei caduti è stata deposta, alle ore 09.00, sul luogo dell’eccidio, alla presenza del Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Brigata Riccardo Galletta, del Comandante della 1^ Brigata Mobile Carabinieri di Roma  Generale di Brigata Carlo Cerrina, e di alte Autorità Cittadine.  Il  Generale di Brigata Riccardo Galletta, presso la chiesa di San Giacomo dei Militari, ubicata all’interno del Comando Legione Carabinieri Sicilia, ha consegnato le Medaglie d’Oro al Merito Civile “alla Memoria” ai familiari delle Vittime, richiamando i contenuti storici dell’evento e sottolineando l’importanza della memoria quale momenti di commemorazione dei Carabinieri caduti e di formazione delle nuove leve che, non avendo vissuto in prima persona quei tragici eventi, possano ispirarsi a quei nobili ideali e consapevolizzare il ruolo e le responsabilità connesse con il servizio prestato.


Palermo - GdF sequestra beni 2 mln € tra Roma e Milano a trafficanti droga. I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, hanno sequestrato beni per un valore complessivo pari a circa 2 milioni di euro, riconducibili a Calogero RIZZUTO 64enne  ed al suo nucleo familiare.  Le indagini eseguite nei confronti di RIZZUTO, già arrestato dalla Guardia di Finanza a gennaio del 2017, sulla base di un provvedimento della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, hanno rivelato il suo ruolo di spicco in un’organizzazione dedita al traffico di droga ed i suoi contatti privilegiati con esponenti palermitani di “Cosa Nostra”. Il personaggio, già nel 2005, infatti, era stato tratto in arresto per i suoi traffici illeciti con altri soggetti, tra i quali Mario ADELFIO 59enne, vicino alla famiglia di Palermo-Villagrazia.  I Baschi Verdi, a seguito delle minuziose indagini patrimoniali hanno fatto emergere come RIZZUTO avesse investito i proventi illeciti del traffico di droga in attività commerciali di pregio sia a Roma che a Rho (MI) e le avesse fittiziamente intestate ai propri familiari.  Tali risultanze hanno portato al sequestro, disposto dal Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione, di aziende, di rapporti finanziari e di immobili, tra i quali spiccano: 1 villa di ampie dimensioni con piscina e arredi di lusso, 1 ditta individuale esercente l'attività di barberia a Roma ed 1 ristorante della provincia di Milano. Gli accertamenti patrimoniali, svolti dal G.I.C.O. con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, hanno fatto emergere la consistente sproporzione del valore dei beni posseduti rispetto ai redditi dichiarati negli anni dall’indagato e dal suo nucleo familiare e permesso quindi di fondare su tale sbilancio il provvedimento di sequestro.


Palermo Austriaco e tedesco cenano, si dileguano senza pagare conto, CC presi. Si  tratta di Stefan Marco GRAF 28enne, nato in Austria e Constantin Niels Winfried SONNTAG 34enne,  nato in Germania. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Palermo hanno ammanettato i due cittadini stranieri con l’accusa di violenza, resistenza e minaccia a Pubblico Ufficiale.   Stefan Marco GRAF   e Constantin Niels Winfried SONNTAG entrambi in Italia senza fissa dimora, dopo aver cenato in una pizzeria nel centro della città, si sono allontanati dal locale senza pagare. I personaggi sono stati seguiti e raggiunti dai titolari, hanno iniziato a minacciarli brandendo un coltello contro di loro. L’intimidazione proseguiva anche nei confronti di una pattuglia di militari dell’Esercito Italiano, che avendo notato quanto stava accadendo erano intervenuti, riuscendo a bloccare non senza difficoltà i due stranieri, uno dei quali non aveva la minima intenzione di buttare via il coltello. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, giunti sul posto nell’immediatezza, hanno preso in custodia i due accompagnandoli in caserma, e sequestrando il coltello usato pochi minuti prima. Stefan Marco GRAF e Constantin Niels Winfried SONNTAG, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati tratti in arresto e sottoposti a giudizio con rito direttissimo a seguito del quale, dopo la convalida sono stati sottoposti all’Obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


Bagheria PA – Stalker minaccia ex compagna col coltello, 1 in manette. Agenti della Polizia di Stato, appartenenti al Commissariato di P.S.  di Bagheria ed all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ieri sera, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di atti persecutori, aggravato dall’uso di un coltello, S.G., bagherese di anni 41.  Una  telefonata alle ore 21.30, era  giunta alla Sala Operativa della Questura da parte di una donna impaurita che segnalava sotto la sua abitazione,  la presenza del suo ex compagno, armato di coltello. La vittima ha riferito che lui aveva citofonato dicendole di scendere perché “era giunto il suo momento” e doveva usare su di lei il coltello che qualche giorno prima le aveva mostrato.  2 volanti della Polizia di Stato immediatamente sono giunte sul posto.  Gli  agenti, sempre in contatto telefonico con la donna, hanno individuato il soggetto descritto, il quale, accortosi della loro presenza è  sceso repentinamente dall’auto con cui era giunto e maldestramente ha cercato di occultare sotto l’auto  un grosso coltello, con una lama in acciaio scintillante e manico nero. Il  gesto non è sfuggito ai poliziotti che in un attimo l’hanno bloccato e recuperato il coltello. La donna, ascoltata dagli agenti, ha raccontato  che da circa un anno e mezzo era finita la sua storia con S.G. e da allora lui, non rassegnandosi, aveva intrapreso nei suoi confronti una vera e propria persecuzione: minacce, ingiurie, soprusi e angherie, specialmente sul luogo di lavoro,   avevano reso la vita della vittima impossibile, inducendola a non uscire quasi più di casa. La donna ha aggiunto che qualche giorno prima aveva sorpreso lui sotto casa ed incurante della presenza del loro bambino, le aveva mostrato un grosso coltello, affermando che con quello l’avrebbe uccisa. La  donna, dopo l’ennesima minaccia ed il reale pericolo percepito, ha deciso di rivolgersi alla Polizia e denunciare tutto. S.G., è stato, tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese.


Palermo Blitz in casa a Mondello, agenti e cinofili trovano droga, 1 ai domiciliari. La Polizia di Stato ha tratto in arresto ai domiciliari M.R., 48enne palermitano, accusato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto è maturato nell’ambito di articolate attività di indagine, appositamente predisposte dalla Questura, finalizzate alla prevenzione e alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti. I poliziotti appartenenti alla squadra investigativa del Commissariato di P.S. “Mondello”,  con l’ausilio di agenti dell’omonimo Commissariato e delle Unità Cinofile della Questura, ieri mattina, intorno alle ore 10.00, a seguito di mirate ipotesi investigative, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione di M. R. a Mondello. I  poliziotti, grazie anche al fiuto del cane antidroga che ha segnalato, in maniera inequivocabile la possibile presenza di stupefacente, dopo un accurato controllo nell’immobile,  hanno rinvenuto e sequestrato stupefacente del tipo hashish e marijuana, per un peso complessivo di circa 100 grammi, di cui una parte già pronta e confezionata per la vendita. I tutori dell’ordine hanno inoltre, rinvenuto diversi arnesi atti al frazionamento ed al confezionamento dello stupefacente.  M. R., alla luce di quanto emerso, è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato condotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.


PalermoQuestore, omaggio per 32° anniversario omicidio commissario Montana. Una  cerimonia commemorativa si è svolta di mattina a Porticello, in occasione del trentaduesimo anniversario dalla tragica morte del Commissario Capo della Polizia di Stato, Giuseppe Montana.  Il Questore di Palermo ha reso omaggio alla memoria del Funzionario di Polizia barbaramente ucciso, deponendo un cuscino di fiori sul luogo dell’attentato. Il 28 luglio del 1985, proprio nella frazione marinara di Santa Flavia, “Cosa Nostra” decise di interrompere barbaramente l’azione di contrasto alle cosche mafiose che il dott. Montana, fino a quel momento, aveva brillantemente condotto, attraverso l’instancabile lavoro della Sezione “Catturandi” della Squadra Mobile di Palermo. Onestà ed abilità professionali ne fanno, ancora a distanza di tanti anni, uno dei principali punti di riferimento di donne e uomini della Polizia di Stato.


Palermo  - Poliziotti in bicicletta a Mondello e zone movida. Da oggi, il servizio di prossimità e di controllo del territorio è assicurato anche di nuovi mezzi a 2 ruote. Biciclette  alla  Polizia di Stato, in città ed in provincia per a rendere più agile l’azione dei poliziotti nei luoghi tradizionalmente frequentati da cittadini e turisti nei mesi estivi. Le due ruote, donate da un’azienda locale ed assegnati ai Poliziotti di Quartiere, serviranno per dare slancio al contrasto del borseggio e del crimine predatorio nei luoghi classici della movida e di ritrovo estivo, per rendere più incisivo il servizio di “Polizia di Prossimità”, attraverso un più immediato contatto con cittadini e commercianti.  Turisti ed residenti sul litorale di Mondello od all’interno del grosso centro storico palermitano, ma anche sull’altro versante costiero della provincia, quello orientale, fino addirittura a Cefalù, potranno vedere pedalare poliziotti con indosso caschetti da ciclista. La bicicletta è il mezzo, tradizionalmente, più agile che potrà assicurare movimenti più rapidi ed interventi più dinamici anche all’interno di parchi e aree verdi della provincia, garantendo quindi efficaci standard di sicurezza, anche dal punto di vista ecologico.


Palermo – Mafia: Carabinieri sequestrano 1 milione€ in beni, 2 in carcere. I militari  del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso da parte del Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica (dott. Sergio Demontis) con il quale è stato disposto un sequestro beni per un valore complessivo di circa 1.000.000 €  a carico di: Tommaso LO PRESTI in atto detenuto presso la Casa Circondariale di Voghera in quanto tratto in arresto nell’ambito dell’operazione denominata “IAGO”,  nel   2014, con la quale erano stati tratti in arresto numerosi esponenti dell’organizzazione mafiosa facenti parte del mandamento di “Porta Nuova”.  Le indagini patrimoniali sono consequenziali all’operazione di polizia giudiziaria con cui si dimostrò che  Tommaso LO PRESTI aveva rivestito il ruolo di vertice del mandamento mafioso dirigendone le dinamiche delittuose con particolare riferimento alle attività estorsive, al traffico di sostanze stupefacenti, nonché alla gestione illegale di giochi e scommesse. Tommaso LO PRESTI,  per tale ragione, è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Palermo alla pena di anni 12 di reclusione, pena poi confermata con Sentenza della Corte D’Appello di Palermo. Il quadro probatorio raccolto nell’ambito delle indagini patrimoniali era in grado di dimostrare l’esistenza di beni immobili nella disponibilità di Tommaso LO PRESTI ma di fatto intestati a terze persone al fine di celarne la riconducibilità diretta e così scongiurare l’eventualità di un sequestro patrimoniale. La complessa attività investigativa, svolta attraverso minuziosi accertamenti patrimoniali, ha così consentito di sequestrare un patrimonio illecitamente accumulato costituito dai seguenti beni: complesso dei beni aziendali riconducibile all’impresa individuale con attività di autoriparatore, avente sede in Palermo; 1 magazzino a Palermo, dove si svolge l’attività connessa alla suddetta impresa individuale; 1 abitazione a Palermo;  2 rapporti bancari, intestati alla coniuge. I  Carabinieri di Palermo, contestualmente, a seguito di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello, a Palermo e Reggio Calabria, hanno tratto in arresto rispettivamente: Tommaso DI GIOVANNI  51enne nato a Palermo, dovendo espiare la pena di 8 anni, 5 mesi  e 10 giorni; Calogero LO PRESTI 64enne  nato a Palermo, dovendo espiare la pena di 9 anni, 4 mesi; I soggetti erano già stati tratti in arresto nell’anno 2011 nell’ambito dell’operazione denominata “Pedro” in quanto ritenuti elementi di vertice del mandamento mafioso di Palermo – Porta Nuova e per aver preso parte alle attività delittuose dell’organizzazione mafiosa segnatamente alle attività estorsive, al traffico di sostanze stupefacenti e alle rapine. DI GIOVANNI è stato dunque associato alla Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo, mentre  Calogero LO PRESTI è stato associato alla Casa Circondariale di Reggio Calabria.


PalermoSequestro 1,5 milioni € beni di Salvatore RIINA. I Carabinieri del R.O.S. coadiuvati da quelli del Comando Provinciale di Palermo e Trapani, hanno dato esecuzione ad un Decreto di Sequestro beni emesso dal Tribunale – sezione misure di prevenzione -  di Palermo su proposta della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti del capo di cosa nostra Salvatore RIINA e del suo nucleo familiare per un valore complessivo di circa 1,5 milioni €.  Le indagini patrimoniali condotte dal ROS costituiscono il completamento della più generale attività di contrasto condotta dai Carabinieri nei confronti del potente mandamento mafioso di Corleone, uscito depotenziato negli ultimi 5 anni dagli esiti delle indagini Patria, All Stars e Grande Passo, ed ha consentito di individuare e colpire il patrimonio occulto riconducibile a Salvatore RIINA, alla moglie Ninetta BAGARELLA ed ai figli, Giuseppe Salvatore, Maria Concetta e Lucia. I beni sequestrati sono localizzati prevalentemente nelle province di Palermo e Trapani, e sono costituiti da 3 società, una villa, 38 rapporti bancari e, soprattutto, numerosi terreni di cui si è accertata l’attuale disponibilità al capo mafia corleonese. Il Punto cruciale dell’indagine patrimoniale è rappresentato dalla evidente sperequazione tra i redditi dichiarati negli anni da RIINA e dai suoi congiunti, da cui è stato possibile ipotizzare l’utilizzo di mezzi e di risorse finanziarie illecite. I carabinieri in tale quadro hanno fatto  emergere la significativa e continuativa disponibilità di denaro contante della famiglia, ed in particolar modo della moglie la quale, malgrado i molteplici sequestri di beni mobili subiti nel tempo ed a fronte dell’assenza di redditi ufficiali, è riuscita a emettere nel periodo 2007-2013 assegni per un valore di oltre 42.000 mila euro a favore dei congiunti detenuti. Il sequestro comprende, inoltre, la villa di 5 vani di Mazara del Vallo in via degli sportivi 42, in cui, in passato, nei periodi estivi Salvatore RIINA avrebbe trascorso la latitanza con il proprio nucleo familiare. Le indagini hanno ricondotto l’effettiva proprietà dell’immobile, intestata a un prestanome, a Salvatore RIINA il quale, dopo la sua cattura avvenuta nel gennaio del 1993, la cedeva al fratello Gaetano che l’ha occupata ininterrottamente attraverso un fittizio contratto di locazione.  Gaetano RIINA, nel gennaio del 1984, aveva già subito la confisca dell’abitazione a lui intestata, in contrada Banno Miragliano di Mazara del Vallo, da parte del Tribunale di Trapani, nella persona del Giudice Alberto Giacomelli che proprio per questo motivo subì la vendetta dei corleonesi che l’uccidevano il  14 settembre 1988 e per il quale Salvatore RIINA è stato condannato all’ergastolo.  Le intercettazioni hanno rivelato come l’abitazione oggetto dell’attuale sequestro fosse stata oggetto di disputa tra Gaetano RIINA e la cognata, Ninetta Bagarella, che ne rivendicava la proprietà per sé e i suoi figli. Il provvedimento  si estenderà alle province di Lecce e Brindisi, dove sono stati localizzati i beni aziendali formalmente intestati ad Antonino CIAVARELLO, genero di Salvatore RIINA (Società a Responsabilità Limitata Rigenertek, AC Service e Clawstek) tutte operanti nella vendita al dettaglio di autovetture e, stando agli esiti delle indagini patrimoniali, costituite con proventi di presunta derivazione illecita. I carabinieri, dall’esame incrociato della contabilità di queste aziende hanno evidenziato una sperequazione di ben 480 mila euro, immessi per lo più in contanti ed in numerose tranche nei patrimoni sociali senza alcuna giustificazione legale. Il Tribunale di Palermo, contestualmente al sequestro, ha inoltre sottoposto ad amministrazione giudiziaria l’azienda agricola dell’ente Santuario Maria Santissima del Rosario di Corleone. I militari hanno in particolare accertato l’ingerenza di Salvatore RIINA e della sua famiglia nel controllo e nella gestione di un vasto appezzamento di terreno del santuario, esercitati inizialmente attraverso Vincenzo DI MARCO, storico giardiniere ed autista del nucleo familiare di Salvatore RIINA, e dal 2001 per il tramite del figlio, Francesco DI MARCO.  Le indagini del ROS hanno posto in luce l’irregolare gestione dell’azienda agricola, di fatto amministrata per conto della famiglia RIINA alla quale spettava ogni decisione sia sull’utilizzo dei terreni che sulla distribuzione delle rendite, esautorando  il legale rappresentante dell’Azienda. Il  Tribunale per tali motivi ha disposto l’amministrazione giudiziaria per sei mesi allo scopo di consentire la rimozione degli ostacoli al libero esercizio delle attività aziendali depurandole dalle infiltrazioni mafiose. I decisivi riscontri in tal senso sono stati ricavati dagli esiti delle indagini della Compagnia Carabinieri di Corleone che, nel 2012, ha documentato l’esistenza di una controversia per la gestione di tali terreni tra il figlio del capo mandamento, Leoluca LO BUE e Francesco DI MARCO che aveva costretto quest’ultimo a rivolgersi prima a Giuseppe Salvatore RIINA e successivamente alla madre Antonina BAGARELLA. La questione, dopo un lungo ed aspro confronto, era stata risolta a favore del DI MARCO, rimanendo cogente l’iniziale decisione di Salvatore RIINA che il capo mandamento pro-tempore Rosario LO BUE non si era permesso di modificare.  I carabinieri hanno rilevato come il dato rappresenti un ulteriore elemento sintomatico di come l’anziano e malato capo di cosa nostra, nonostante la lunga detenzione, sia riuscito nel tempo ad imporre il proprio volere riguardo dinamiche criminali non solo interne al mandamento di Corleone, ma anche nei più generali assetti di cosa nostra, come hanno dimostrato, nel 2008, gli esiti dell’operazione denominata  “Perseo” dei Carabinieri.


nella foto da sin: Catalano,  Traina, Cosina, Loi e  Li Muli

Palermo –  Questura ricorda Strage via D’Amelio.  25° Anniversario della Strage di via D’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della scorta Agostino Catalano, Claudio Traina, Eddie Walter Cosina, Emanuela Loi e Vincenzo Li Muli . La Questura di Palermo in occasione della ricorrenza il 19 luglio, ricorda le vittime del vile attentato con una Celebrazione Eucaristica, officiata da Don Luigi Ciotti, alle ore 18:00 presso la Cattedrale di Palermo. La manifestazione prevede a seguire  alle ore 19.30, presso il chiostro della Questura, l’ultimo degli incontri tematici dal titolo “Palermo, città normale”, nell’ambito dell’iniziativa “Da Capaci a via D’Amelio: il dovere della memoria”. i giornalisti Giovanni Bianconi e Salvo Palazzolo e lo scrittore Marco Malvaldi,  partecipano moderati da Marco Romano, Vice Direttore del Giornale di Sicilia. il Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Franco Gabrielli interviene agli eventi.


Palermo Spaccio droga, carabinieri ammanettano ragazzo e donna. Si tratta dei palermitani Ivan LO DICO 26enne e Vincenza DE LUCA 45enne. I Carabinieri della Compagnia di Palermo San Lorenzo di pomeriggio hanno inferto l’ennesimo duro colpo al mercato degli stupefacenti. 2 arresti in altrettante distinte operazioni di servizio. La  prima ordine cronologico è a finire  in manette stata Vincenza DE LUCA. I Carabinieri avendo notato uno strano andirivieni di giovani in via Conte Federico, hanno effettuato una serie di servizi di osservazione. I  militari hanno identificato lo stabile e perquisito l’appartamento della DE LUCA, rinvenendo anche grazie al fiuto infallibile di “Lego”, pastore tedesco di 2 anni, in forza al Nucleo Carabinieri Cinofili di Palermo Villagrazia: 30 panetti di hashish, per un peso compressivo di  3 chilogrammi, 1 panetto e mezzo della medesima sostanza stupefacente per un peso complessivo di 154 grammi, 6 buste termosaldate contenenti 160 grammi di cocaina. Durante le operazioni sono stati rinvenuti e sequestrati 2 bilancini di precisione e 400 € in contanti, provento dell’attività illecita. Ivan LO DICO,  nel secondo caso è stato sorpreso in flagranza dai Carabinieri mentre nel suo box tra via Della Giraffa e via Degli Scalini era impegnato a “pesare e dividere” in dosi della marijuana.  I  Carabinieri complessivamente hanno rinvenuto: oltre 1 kg di marijuana, 1 dose di hashish, 2 bilancini di precisione e 700 € in contanti, provento dell’attività illecita. LO DICO è stato anche deferito in libertà con l’accusa di ricettazione e riciclaggio a seguito del rinvenimento di una Fiat Panda, completamente smontata, risultata asportata lo scorso 7 gennaio in danno di una 42enne. I due su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati arrestati con l’accusa di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e tradotti presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo in attesa dell’udienza di convalida.


Altofonte Pa CC scoprono coltivazione 49 piante cannabis 1 ai domiciliari col braccialetto. Le  indagini condotte dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Monreale e dai Carabinieri della locale Stazione finalizzate alla ricerca di piantagioni di sostanza stupefacente del tipo cannabis indica, hanno condotto all’arresto ai domiciliari con braccialetto di  Paolo Trupiano, 46enne, palermitano.  I Carabinieri hanno notato che, nell’ abitazione di campagna del predetto, sita in contrada Rebuttone, le  finestre e le porte di ingresso erano sempre chiuse, con le tapparelle abbassate ed ancora che, i condizionatori erano, altresì,  in funzione ad ogni ora del giorno e della notte. I  Carabinieri, a seguito della perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto una serra con 49 piante di marijuana dell’altezza di circa 80 cm. Inoltre, all’interno dell’abitazione venivano trovati ulteriori 350 grammi di marijuana messi ad essiccare, mentre, nella casa di residenza a Palermo, sono stati rinvenuti altri 400 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana pronta per la commercializzazione illecita. La piantagione era, poi, stata asservita ad un impianto di irrigazione, di illuminazione e di riscaldamento ancorché allacciato abusivamente alla rete elettrica pubblica.  L’Autorità Giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari nei confronti di Trupiano, in attesa della convalida del G.I.P.. Il Giudice, ha convalidato l’arresto disponendo gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.


Campofiorito PA – CC bloccano 2  mentre rubano gasolio da mezzi spazzatura. I militari hanno successivamente identificato 2 entrambi nati e residenti a Palermo : Natale ACCETTA 31enne e Salvatore CORRAO 44enne. I  Carabinieri della Stazione di Campofiorito, durante un servizio teso al contrasto dei reati predatoti, svolto nel territorio, dove si sono verificati altri furti del medesimo tenore,  sono riusciti ad assicurare alla giustizia gli autori del colpo, sventando il reato ed evitando di conseguenza uno stallo nel servizio raccolta rifiuti. I due volti noti alle forze dell’ordine, erano intenti a rubare gasolio dal compattatore per il recupero dell’immondizia, quando sono stati bloccati dai Carabinieri.  I soggetti sono stati fermati nella notte di lunedì nel deposito comunale di Campofiorito, dove l’autocompattatore era parcheggiato. Gli uomini dell’Arma che già da tempo controllavano la zona, hanno sorpreso in flagranza i due che sicuri di non essere sorpresi caricavano il gasolio in una tanica, svuotando il serbatoio del mezzo comunale con un tubo di gomma. Accompagnati in caserma, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati tratti in arresto e giudicati con processo per direttissima presso il Tribunale di Termini Imerese che, convalidato l’arresto, ha disposto gli arresti domiciliari.


Palermo Mafia, omicidio Lombardo: Polizia e Carabinieri ammanettano 2 indagati. Si tratta di Giuseppe GENNA 57enne nato a Paceco   e Rosario SCALIA  42enne nato a Castelvetrano. Uomini del RONI dei Carabinieri di Trapani e delle Squadre Mobili di Trapani e Palermo, con il supporto del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e del ROS, all’alba hanno tratto in arresto in esecuzione dell’ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere per il reato di omicidio premeditato e aggravato dal metodo mafioso, nei confronti Giuseppe GENNA e Rosario SCALIA . Il provvedimento rappresenta il completamento del percorso investigativo che, il 26 novembre 2015, aveva condotto al fermo di indiziato di delitto a carico dei 2 esecutori materiali del crimine, i noti NICOLOSI e FOGAZZA (oggi collaboratori di giustizia) ed il successivo 15 dicembre all’arresto del mandante Giovanni Domenico SCIMONELLI, ritenuto esponente di spicco della famiglia mafiosa di Partanna. Il Giudice per le Indagini Preliminari, infatti, accogliendo le richieste formulate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, il Procuratore Aggiunto dott. Paolo GUIDO ed i Sostituti Procuratori dr. Carlo MARZELLA e dr. Francesco GRASSI, ha riconosciuto, in Giuseppe GENNA e Rosario SCALIA gli altri 2 concorrenti nell’omicidio. I fatti risalgono al 21 Maggio del 2009, allorquando  i Carabinieri di Castelvetrano, a seguito di una segnalazione anonima, si erano recati nei pressi del bar denominato "Smart Cafè", a Partanna. Gli investigatori hanno accertato che lì, Salvatore LOMBARDO, personaggio noto del luogo, era stato attinto da 2 colpi di fucile cal. 12 e si trovava esamine proprio all’ingresso del bar. Le indagini esperite nell’immediato, hanno  permesso ai carabinieri di accertare che   LOMBARDO era sottoposto all’obbligo di firma presso quel Comando alle ore 19.00 di determinati giorni, incombenza che aveva assolto anche quella sera,   poi era stato  mortalmente colpito, dopo essere tornato al noto  bar di via XV Gennaio.  L’azione di fuoco era stata posta in essere da due persone sconosciute.  Gli investigatori, nell’immediatezza dell’evento avevano anche acquisito le immagini riprese dalle videocamere di due esercizi commerciali, 1 gioielleria ed 1 fioraio, dislocati lungo il tragitto compiuto dalla vittima per andare e poi tornare dalla caserma dei Carabinieri. La visione delle immagini delle telecamere dei due esercizi commerciali ha consentito di accertare che  LOMBARDO, mentre si recava in caserma e mentre vi si allontanava, era stato seguito da vicino da 2 soggetti a bordo di un’autovettura Volkswagen Polo di colore scuro. I tutori dell’ordina poi hanno appurato successivamente che la macchina fosse compatibile con quella utilizzata dai killer dopo l’azione di fuoco. L’attività investigativa esperita nei mesi a seguire non consentì di individuare i responsabili dell’efferato delitto, né far luce sul suo movente ed il caso sembrava essere destinato a rimanere irrisolto. Le recenti indagini,   condotte dalla l’Arma dei Carabinieri e dalla Polizia di Stato,  coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nell’ambito della ricerca del latitante Matteo MESSINA DENARO, hanno permesso di chiarire come Salvatore LOMBARDO fosse sospettato di essere l’autore del furto di un camion e di merce ai danni del supermercato DESPAR di Partanna (Tp) gestito, di fatto, da Giovanni Domenico SCIMONELLI e la sua uccisione rappresentasse in sostanza una vendetta. Le nuove indagini del RONI dei Carabinieri di Trapani e della Squadra Mobile di Trapani, con il supporto del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e del ROS, un’ulteriore e recente progressione investigativa che, attraverso servizi tecnici e l’escussione di numerosi testimoni, hanno permesso di individuare in Attilio FOGAZZA e Nicolò NICOLOSI i presunti autori dell’omicidio LOMBARDO ed in Giovanni Domenico SCIMONELLI il mandante.  Pregresse  attività d’indagine condotte dalle Squadre Mobili di Palermo e Trapani hanno appurato che SCIMONELLI, NICOLOSI e FOGAZZA fossero  già legati da uno stretto rapporto di amicizia al momento dell’omicidio. L’attento riascolto delle intercettazioni e la disamina del traffico cellulare dei protagonisti, ha consentito agli investigatori di affermare, che vi erano stati più momenti in cui  NICOLOSI e FOGAZZA, avessero avuto la possibilità d’incontrare   LOMBARDO il giorno del suo omicidio.I tutori dell’ordine hanno   collocato   SCIMONELLI sulla scena del crimine, con particolare riferimento alle fasi immediatamente antecedenti il delitto quando, grazie a Rosario SCALIA, teneva sotto controllo gli spostamenti della vittima accertandosi che tutto stesse proseguendo nei termini previsti.  Le indagini inoltre, supportate anche dalle dichiarazioni pienamente riscontrate di FOGAZZA e NICOLOSI che nel frattempo hanno deciso di collaborare con la giustizia, hanno permesso di accertare anche la responsabilità di altri 2 correi: gli  arrestati Giuseppe GENNA e Rosario SCALIA. Il primo aveva messo a disposizione di NICOLOSI e FOGAZZA l’auto  (WV polo) utilizzata per commettere l’omicidio e successivamente un’altra  vettura per far sì che gli stessi potessero immediatamente far perdere le loro tracce. Il secondo per avere intrattenuto  LOMBARDO all’interno del bar, comunicando a  SCIMONELLI, tramite sms, i movimenti della vittima. Gli inquirenti hanno ricostruito che, nel momento in cui il LOMBARDO lasciava il bar per recarsi presso la locale Stazione Carabinieri, SCALIA notiziava dell’evento   SCIMONELLI, il quale a sua volta avvisava NICOLOSI e FOGAZZA che avrebbero poi seguito ed ucciso  LOMBARDO al suo rientro presso il bar. Il gruppo d’investigatori dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, costituitosi allo scopo, ha, dunque, analizzato sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo ogni dettaglio delle indagini esperite all’epoca dell’omicidio, ricostruendone nella sua interezza l’esecuzione, la cui pianificazione, che sarebbe avvenuto sicuramente nel contesto mafioso riconducibile al mandamento di Castelvetrano.


Palermo CC a Misilmeri  bloccano 3 che bruciano cavi elettrici rubati.  I  Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Misilmeri, di notte in collaborazione con i militari della stazione di Campofelice di Fitalia, hanno ammanettato 3 soggetti con l’accusa di combustione illecita di rifiuti e furto aggravato. I tre palermitani: G.R. 46enne, G.S. 18enne e M.l. 28enne sono stati sorpresi dai Carabinieri mentre stavano dando fuoco ad alcune matasse di fili di rame in un appezzamento di terreno (in totale circa 600 kg di cavi) noncuranti delle gravi ripercussioni ambientali causate da questa pratica, e tantomeno della possibilità che l’incendio potesse propagarsi in maniera incontrollata causando danni più gravi. I  tre, alla vista dei militari, hanno tentato di allontanarsi ma sono stati immediatamente bloccati. I tutori dell’ordine nelle vicinanze hanno trovato un furgone Iveco Daily, di proprietà della moglie di uno dei tre soggetti, dove erano già state caricate alcune matasse di rame bruciate poco prima. I carabinieri stanno svolgendo accertamenti anche con l’ausilio di personale dell’E.N.E.L. per verificare dove siano state asportate le matasse di rame. Gli arrestati tradotti presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese su disposizione dell’Autorità Giudiziaria ed a seguito dell’udienza di convalida è stato disposto per G.R. e M.l. gli arresti domiciliari mentre per G.S. l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


Palermo -   CC arrestano 1 ricercato internazionale per violenza sessuale in Belgio. Si tratta di Ettore FAUGERA 44enne palermitano. Il personaggio era stato condannato a 3 anni di reclusione dall’Autorità Giudiziaria belga, perché accusato di aver commesso violenza sessuale aggravata e continuata nel periodo compreso tra il dicembre 2007 e l’aprile 2009. il condannato  si era reso irreperibile poco prima che la polizia belga potesse eseguire l’ordine di carcerazione. L’autorità dopo l’approvazione del giudice, aveva diramato in tutti i paesi europei il mandato d’arresto con contestuale rintraccio attraverso il sistema di informazione Schenghen, la banca dati istituita a livello europeo che consente di condividere e scambiare dati relativi a determinati soggetti. Ettore FAUGERA proprio durante un normale controllo della circolazione stradale ed alla successiva interrogazione nelle banche dati, è stato identificato  dai Carabinieri della Stazione Partanna Mondello i quali hanno accertato che  il 44enne palermitano, era ricercato dallo scorso giugno. I  militari dell’Arma completate le formalità hanno accompagnato il soggetto nel Carcere Pagliarelli. 


PalermoZen: CC, scoprono canile abusivo, 1 denunciato.   I  Carabinieri della Stazione San Filippo Neri ed  i militari Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo si sono imbattuti in un canile completamente abusivo. I tutori dell’ordine hanno effettuato  l’ispezione,   allo ZEN 2,  finalizzata alla verifica del rispetto del benessere degli animali. 22 cuccioli di varie razze, tutti collocati all’interno di 16 box, erano ospiti inconsapevolmente di una struttura fantasma. I  militari dell’Arma hanno accertato la mancanza di qualsiasi autorizzazione, e la completa assenza di un idoneo sistema di canalizzazione e scarico necessario per lo smaltimento di rifiuti organici. Il gestore è stato denunciato per attività di gestione dei rifiuti non autorizzata. I  22 cani stavano complessivamente bene. 2 beagle erano legati con una catena che non garantiva  movimento. E.F. 30enne, che deteneva i due beagle incatenati è stato denunciato per il reato di “detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze”. La struttura è stata sequestrata ed affidata al gestore. I carabinieri ricordano che :”in caso si vada in vacanza e non si possa portare al seguito il proprio amico a 4 zampe,  è consigliabile di verificare sempre che la struttura ed il personale a cui lo si affida, che sia regolarmente autorizzata”.


Palermo Agenti trovano portafoglio smarrito da turisti francesi: consegnato. La Polizia  ha riconsegnato ad una coppia di francesi ottantenni un portafoglio che conteneva tra gli altri anche tessere bancomat e carte di credito. I Poliziotti appartenenti al Commissariato di P.S. “Cefalù” dopo avere rinvenuto 1 portafoglio da donna di colore nero in similpelle si sono subito attivati per rintracciarne i proprietari estrapolando dagli appunti presenti tra i documenti il telefono appartenente ad un club francese il cui gestore, contattato nell’immediatezza, ha fornito indicazioni per risalire ai due coniugi francesi che l’avevano smarrito. La “sezione volanti”, comunicando con una parente della coppia francese tramite email ha fatto sì che nel corso della mattinata i due turisti prima che lasciassero la cittadina normanna si potessero recare presso il Commissariato per ritornare in possesso dei loro effetti personali. La coppia francese non ha mancato di ringraziare gli operatori del Commissariato di P.S. “Cefalù” per avere loro consentito di recuperare anche alcuni importanti appunti contenuti nel portafoglio che – a dire della coppia - custodivano informazioni importanti della loro famiglia.


Corleone  PA  - CC bloccano 3 con 100g. droga in auto: ai domiciliari. Carabinieri della Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, coadiuvati  dai militari della Stazione nella serata hanno arrestato per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio tre soggetti, V.P.  38enne, Z.B41enne e S.R. 28enne , tutti residente a Corleone. I militari, nel corso di un servizio di perlustrazione svolto nel centro di Corleone che, nei giorni in questione ha avuto un incremento dei turisti in occasione dei festeggiamenti del Corpus Domini, sono stati insospettiti dal comportamento dei tre soggetti. I personaggi   viaggiavano a bordo della propria auto, ed i carabinieri hanno deciso di effettuare un controllo.  I 3, alla vista  dei militari, hanno lanciato dal finestrino lato guida 1 oggetto. L’involucro è stato immediatamente recuperato risultando essere 1 panetto di sostanza stupefacente del tipo hashish dal peso di grammi 100. Gli arrestati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati sottoposti ai domiciliari in attesa della convalida. L’Autorità Giudiziaria al termine delle attività ha disposto per tutti la misura dell’obbligo di dimora.


Palermo Cinofili trovano 2 kg marijuana in casa: CC, sorpreso 32enne.    I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di Monreale hanno bloccato Giovanni Corona 32enne palermitano, già noto alle Forze dell’Ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.  I  militari dell’Arma, sospettando che il personaggio potesse  tenere sostanza stupefacente nella sua abitazione, hanno ritenuto opportuno procedere ad una perquisizione domiciliare. Il  fiuto infallibile di Derby, pastore tedesco di 2 anni in forza al Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Palermo Villagrazia, ha permesso di rinvenire in un magazzino, 2kg marijuana, 1 bilancino e 410 € in banconote di vario taglio. Un parente del personaggio, è irreperibile dal momento del controllo, ed  è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per lo stesso reato. i militari ritengono che i due erano complici dello stesso disegno criminoso. L’Autorità Giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari, in attesa della convalida al GIP. Il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora per CORONA.


Palermo Prostituzione in casa: CC trovano figlia agevolata da madre e convivente. I Carabinieri della Stazione di Partanna Mondello hanno ammanettato con l’accusa di favoreggiamento della prostituzione   Anthony Yehn  GAONA JEMENEZ 28enne e Gloria Ines  LOPEZ CASTENADA 54enne, entrambi nati in Colombia ma cittadini spagnoli. Gli investigatori, dopo un’attenta analisi effettuata su alcuni siti di incontri online, hanno posto l’attenzione in particolare, sull’annuncio di una donna che informava la clientela di essere in un appartamento nella periferia di Mondello, oltre alla pubblicazione di foto “osé”. I militari immediatamente hanno deciso di organizzare un apposito servizio, posizionandosi nei pressi dell’abitazione e riuscendo a trovare una posizione idonea che permettesse di osservare l’ingresso senza essere scoperti. I militari dopo   circa un’ora di osservazione hanno documentato diversi clienti che salivano e scendevano ripetutamente dall’abitazione, non prima che Anthony Yehn  GAONA JEMENEZ scendesse per prendere i contatti e pattuire la prestazione con i clienti.  Gli investigatori, dopo l’ultimo avventore, hanno fatto scattare il blitz in casa. I carabinieri hanno rinvenuto oltre a numerosi sex toys e preservativi, la donna con 2600 € nella borsa, mentre lui si era rifugiato in bagno. I  Carabinieri sono rimasti sorpresi ancora di più, poiché la donna trovata nella stanza da letto era  la figlia della 54enne ad effettuare l’attività di prostituta. Il fenomeno emerso con l’arresto dei due è alquanto particolare: i due arrestati erano da circa un mese in Italia ed erano pronti a partire l’indomani alla volta della Spagna insieme alla figlia. I soggetti sono stati  arrestati in flagranza di reato per favoreggiamento della prostituzione, previsto dall’Articolo 3 della legge Merlin. il giudice, dopo la notte trascorsa agli arresti domiciliari, ha convalidato l’arresto, e rimesso i due in libertà in attesa del processo, che si terrà nel mese di giugno con il rito abbreviato.


Palermo - Comandante interregionale di  divisione  Robusto  visita C.do Palermo. Il Generale di Divisione Luigi ROBUSTO, Comandante del Comando Interregionale Carabinieri “CULQUALBER", che ha competenza sulle Regioni Sicilia e Calabria, ieri mattina, si è recato in visita al Comando Legione Carabinieri Sicilia, ricevuto dal Comandante della Legione, Generale di Brigata Riccardo GALLETTA.  Il  Comandante Interregionale nel corso della visita ha reso gli onori alla Bandiera di Guerra del 12° battaglione Sicilia, firmato il Libro d’onore e incontrato i delegati del Consiglio di base della Rappresentanza Militare, l’Associazione Nazionale Carabinieri nonché il personale di ogni grado dello stesso Comando Legione, del 12° Battaglione, del Raggruppamento e delle Unità specializzate dell’Arma. Il Generale Luigi ROBUSTO si è intrattenuto con i militari ed ha espresso il suo orgoglio per aver assunto il comando di due legioni, la cui storia riunisce territori in cui uomini di valore hanno scritto pagine eroiche nella storia della Benemerita.  Il gen Robusto nel pomeriggio ha incontrato le Autorità locali, riservandosi di terminare le restanti visite nelle prossime occasioni . L’alto ufficiale, prima di lasciare il capoluogo siciliano, ha voluto rendere omaggio al Gen. Dalla Chiesa ed al Cap. D’Aleo recandosi sui luoghi degli attentati, con l'emozione di onorare coloro che, con profonda dignità, hanno dimostrato amore per i più deboli, terzietà e rigore morale, ponendosi quale indubbio riferimento e elevato esempio soprattutto per i giovani.


Palermo CC, scoperta in sotterranei condominio Zen 1 piantagione marijuana.    I  Carabinieri della Stazione di San Filippo Neri, nella notte durante  controlli allo Zen, hanno scoperto una coltivazione indoor di 59 piante di marijuana 1 metro ciascuna, nascoste  in un cunicolo sotterraneo collocato al di sotto di un padiglione. I militari hanno trovato anche apposite apparecchiature predisposte per la cura nei minimi dettagli : impianto di areazione, composto da un sistema di ventole per il ricambio dell’aria, con l’utilizzazione di diverse lampade alogene in alluminio, complete di paraluce, essenziali per il riscaldamento. I Carabinieri, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, hanno individuato, sul pavimento di un vano condominiale, 1 botola. Gli investigatori avuto accesso all’interno del buco, e seguendo le tracce che il fortissimo odore della marijuana sprigionava, hanno rinvenuto, dietro un parete, piante e materiale. I militari svolgono ancora accertamenti per individuare i proprietari della coltivazione.


Palermo ZEN, CC chiusi esercizi abusivi. I carabinieri della Stazione di San Filippo Neri, nell’ambito di un servizio organizzato all’interno del quartiere Zen 2, coadiuvati da personale della Polizia municipale e dai tecnici dell’Enel, hanno controllato gli esercizi commerciali presenti fra i padiglioni del quartiere. I tre titolari G.I, 55enne, A.Q, 25enne ed A.A., 34enne, sono stati dichiarati in  arrestato per furto aggravato di energia elettrica, invasione di edifici ed abusivismo edilizio, sono stati sottoposti al rito direttissimo dinanzi al Giudice del Tribunale di Palermo cha convalidato gli arresti. I militari dell’Arma hanno fatto accesso in una friggitoria, in un negozio adibito alla vendita di generi alimentari ed infine in un panificio. I locali, privi di qualsiasi autorizzazione ed alimentati da allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, sono stati sequestrati e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Altre 3 persone sono state denunciate per avere occupato abusivamente 3 garage presenti nello Zen.


 

Palermo Carabinieri : Lectio Magistralis del Gen. Galletta. Il Generale di Brigata Riccardo Galletta, Comandante della Legione Sicilia, ha tenuto la lectio magistralisFederico Il Grande: il primo servitore della Prussia”. L’evento, promosso e sostenuto dall’Università di Palermo dal suo Magnifico Rettore Fabrizio Micari, ha avuto come sfondo la prestigiosa sede di Palazzo Steri. La lectio è stata introdotta dal prof. Pietro Corrao, Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Studi Storici, antropologici e geografici, e dal dott. Antonino Giuffrida, docente di Storia Moderna. L’excursus del Generale Galletta si è focalizzato sulla figura di Federico II di Prussia, passato alla storia come il re filosofo, uomo dalle grandi innovazioni, sia sul piano politico sia nell’arte militare, tanto da poterlo identificare come il precursore di Napoleone.  Numerose le Autorità civili, militari e religiose presenti, gli amici, numerosi Carabinieri di vari gradi e diversi comandi della Sicilia e, last but not least, un interessato, folto gruppo di studenti universitari.


Palermo CC scoprono truffa on line, denunciato 1 napoletano. Si tratta di G.C., 31enne già noto. Il fenomeno delle truffe on-line sta diventando d’interesse per tutti gli internauti e di ogni età. L’utente ignaro, infatti, ad ogni collegamento, è sempre più esposto alle numerose insidie provenienti da quelle che sono ormai definite frodi e truffe informatiche. Il più classico degli inganni consiste nel proporre un qualsiasi oggetto in vendita a prezzi vantaggiosi ed attendere che l’utente sprovveduto, allettato dall’offerta, invii il denaro al venditore che, una volta intascata la somma, si rende irreperibile.  I Carabinieri della  Stazione di Ustica sono riusciti ad identificare gli autori dell’ultima truffa in ordine di tempo. L’ultimo caso risale proprio a questi giorni.  Le indagini sono scattate dopo la denuncia presentata da un giovane dell’isola il quale, dopo aver effettuato il pagamento di 140 € per una consolle, nulla ha ricevuto e non è più riuscito a mettersi in contatto con il venditore. I militari, dopo accurati accertamenti, hanno denunciato G.C., 31enne napoletano, già noto alle forze dell’ordine per simili episodi il quale al momento risulta irreperibile.  I  Carabinieri ad Ustica nel giro di un mese hanno già accertato quattro episodi di truffa on line.

Palermo – Mette in vendita su internet casa a Zen2 occupata abusivamente, bloccata dai CC. La gentil signora  C.C. 51enne aveva emulato   Totò che nel famosissimo film “Totò truffa ’62” aveva venduto la Fontana di Trevi.   La donna ha tentato di vendere su internet un immobile abusivamente occupato all’interno dello Zen2. La vicenda ha avuto inizio quando i Carabinieri della Stazione San Filippo Neri, passando al setaccio un noto sito internet alla ricerca di oggetti rubati, hanno trovato l’annuncio di un’abitazione in vendita all’interno del quartiere. I militari, che conoscono bene il territorio dove operano, hanno immediatamente intuito che qualcosa non andava.   La  vendita era pubblicizzata da una donna, C.C., che, dopo aver occupato abusivamente la casa, aveva pensato bene di metterla anche in vendita pur non essendo la proprietaria e pertanto non avendo alcun titolo a farlo.  L’intervento dei Carabinieri ha scongiurato ogni conseguenza e la donna è stata denunciata per invasione di terreni e tentata truffa aggravata.


Palermo Carabinieri smascherano coppia truffatori di disabile. I militari di  Lercara Friddi PA hanno scoperto i malfattori che sono stati posti ad obbligo di dimora nel comune di residenza a Misilmeri. Si tratta di coppia L.B.M. 53enne e P.R. 24enne. I due, secondo le indagini condotte dai Carabinieri e coordinate dal Sostituto Procuratore Annadomenica Gallucci del Tribunale di Termini Imerese, hanno indotto la loro vittima ad aprire un conto corrente presso l’ufficio postale di Roccapalumba, facendosi al contempo delegare ad operare liberamente, e ad usufruire del rilascio di carte di pagamento e carnet di assegni.  L’articolo 643 del Codice Penale punisce, tra gli altri, coloro i quali abusano dello stato di infermità o di deficienza psichica di una persona, allo scopo di trarne profitto. Oltre ad essere penalmente rilevante quindi, tale spregevole condotta ha il retrogusto amaro del moralmente deprecabile. E quanto accertato dai Carabinieri della Compagnia di Lercara Friddi. La vittima:  è persona affetta da problemi di salute. I malfattori, denunciati in stato di libertà: la coppia L.B.M. 53enne e P.R. 24enne sono ora sottoposti all’obbligo di dimora nel comune di Misilmeri. I militari stanno svolgendo accertamenti per verificare se e quante persone abbiano subito truffe nelle ultime settimane. I carabinieri specificano che per  ulteriori sviluppi sarebbe utile la collaborazione della popolazione, che con la denuncia dei fatti accaduti potrebbe aiutare gli inquirenti a chiarire la dinamica dell’intera vicenda, impedendo che tali episodi rimangano impuniti.


Palermo Operazione pusher II dei Falchi : 13 arresti.

La Polizia di Stato ha effettuato nei giorni scorsi una vasta operazione finalizzata alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio cittadino e della provincia, denominata “Pusher II” che ha visto coinvolte diverse articolazioni della Questura  di Palermo coordinate dalla Squadra Mobile. La Polizia, nell’ambito di tale attività ha tratto in arresto 13 persone e denunciato 4 soggetti, responsabili a vario titolo dei reati di detenzione, cessione, trasporto e coltivazione di sostanza stupefacente del tipo cocaina, hashish e marijuana. Tra gli episodi più significativi il ritrovamento da parte degli agenti delle Sezioni “Antidroga e Contrasto al Crimine Diffuso (“Falchi”) della Squadra Mobile, di un carico di oltre 2kg di cocaina trasportati in auto da un individuo; in un altro caso un uomo, già sottoposto agli arresti domiciliari, è stato trovato in possesso di quasi 100 gr di hashish e 50 gr di marijuana. Le forze dell’ordine, nel contesto delle operazioni antidroga, che hanno riguardato l’intero territorio della provincia di Palermo, hanno schierato in campo numerosi poliziotti  appartenenti alla Squadra Mobile, all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ed ai Commissariati di P.S.  cittadini e distaccati. L’intensa attività condotta dai poliziotti ha portato al sequestro di oltre 3 kg di cocaina, 500 gr di marijuana, 200 gr di hashish oltre ad una decina di bottigliette di metadone.  La Polizia nel corso delle attività, ha inoltre, identificato 108 persone, controllato 87 veicoli, elevato 28 sanzioni amministrative e 8 sequestri.


Palermo Operazione antidroga “Palermo bene”: Polizia sequestra beni. Il Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione, ha accolto le proposte avanzate dal Questore di Palermo per l’applicazione di misure di prevenzione personale e patrimoniale nei confronti di Stefano MACALUSO 31enne nato a Palermo. L’Autorità Giudiziaria ha emesso il decreto con il quale ha disposto il sequestro di un’attività commerciale operante nel campo della vendita al dettaglio di abbigliamento ed accessori e di un motoveicolo. Stefano MACALUSO è ritenuto dagli investigatori soggetto particolarmente pericoloso, incline a delinquere, come testimoniano i precedenti. Il personaggio, annovera una serie di condanne per reati contro il patrimonio, contro la fede pubblica e soprattutto legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, per l’ultimo è stato condannato con sentenza della Corte d’Appello di Palermo, divenuta irrevocabile il 15 marzo 2016, alla pena di 1 anno   e 4 mesi di reclusione. MACALUSO, già sottoposto alla misura di prevenzione personale dell’avviso orale del 22 dicembre 2014 dal Questore di Palermo, ha continuato a delinquere, a dimostrazione del suo persistente stile di vita. Il soggetto il 14 febbraio 2017, infatti, è stato nuovamente tratto in arresto in esecuzione di un’ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, a seguito delle indagini svolte dalla Squadra Mobile. L’attività investigativa ha permesso di appurare l’assoluta attualità della pericolosità sociale del personaggio, il quale ha rivestito un ruolo di primo piano nell’attività di smercio della droga nel capoluogo. Lo stesso, infatti, ben lungi dal rivisitare in chiave critica i suoi trascorsi delittuosi, avrebbe rivestito, un ruolo di primo piano nelle ultime indagini svolte dalla Squadra Mobile, rappresentando un punto di riferimento per i vari assuntori, un sicuro fornitore a cui potersi riferire ogni giorno. La polizia ha evidenziato che si tratta di persona con una disponibilità costante e consistente di sostanza stupefacente capace di soddisfare le esigenze di una domanda sempre in crescita. L’attività sarebbe stata florida per MACALUSO e per i suoi complici, capaci di assicurare ai vari assuntori forniture certe di parecchio stupefacente. Un volume d’affari che si aggira  sui 300mila€ con circa 2kg di droga smerciata e con insospettabili professionisti tra gli acquirenti. Gli investigatori hanno appurato che per comprare la cocaina gli appuntamenti con gli indagati avvenivano anche nelle zone della movida palermitana. L’operazione  della Squadra Mobile denominata “H24” ha sgominato così due gruppi distinti dediti allo spaccio di cocaina, che attraverso alcune utenze cellulari “dedicate” e sempre accese, tra cui quella del MACALUSO, fornivano un servizio di consegne a domicilio dello stupefacente attivo h24. L’attività investigativa chiarisce  subito agli inquirenti che MACALUSO riveste un ruolo di primo piano nell’indagine. La scelta della custodia cautelare in carcere per lui  e   per i suoi complici, è come unica misura idonea ad interrompere la reiterazione delle condotte criminose, e la dice lunga sulla consapevolezza raggiunta dal magistrato circa la dimostrazione della professionalità e dell’intensità delle attività di spaccio. La polizia ha evidenziato il radicato inserimento di MACALUSO e dei suoi complici in un circuito criminoso organizzato a cui abitualmente si rivolge una fitta schiera di assuntori di droghe pesanti. Le  indagini patrimoniali esperite  da agenti dell’Ufficio Misure di Prevenzione della Questura su Stefano MACALUSO e sul suo nucleo familiare a seguito dell’operazione di polizia, hanno permesso di appurare una dimensione reddituale così irrisoria e fortemente squilibrata rispetto agli acquisti ed investimenti effettuati, da poterli ritenere frutto dell’attività illecita connessa soprattutto allo spaccio di sostanze stupefacenti o costituenti comunque il reimpiego dei relativi proventi. Il  Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione, pertanto accogliendo in toto le richieste del Questore di Palermo, ha emesso un provvedimento di sequestro di beni per un valore stimato di circa 120.000€.


Palermo -   Spaccio, Polizia  blocca pusher di casa in azione, denunciata compagna. Si tratta di  Entoni Toscano 24enne palermitano della “Zisa”,   denunciata la convivente. Gli agenti del Commissariato P.S. “Zisa-Borgo Nuovo”, nell’ambito di specifici servizi volti al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato, nei pressi di uno stabile della zona di piazza Crociferi, un sospetto andirivieni di presone.  La  profonda conoscenza del territorio e degli ambienti criminali,  ha permesso ai tutori dell’ordine i quali ben sapevano che in zona risiedesse Toscano, un volto già “noto”, di effettuare  un servizio di appostamento che ha colto nel segno. Gli agenti, dopo aver registrato visivamente uno scambio denaro-stupefacente, avvenuto secondo dinamiche tradizionali (l’assuntore ha citofonato al campanello dello spacciatore, questi, dal balcone, ha scambiato brevi cenni d’intesa con l’interlocutore, l’ha  raggiunge sull’uscio e scambiato denaro stupefacente) hanno deciso di entrare in azione. I poliziotti hanno  bloccato i due ed hanno fatto irruzione nell’appartamento: anche in questo caso, è avvenuto ciò che è facile accada durante analoghi blitz:  il lancio da una finestra di un sacchetto contenente stupefacente, da parte di  un congiunto dello spacciatore che si è, così, liberato di merce compromettente. Gli investigatori consapevoli di ciò che sarebbe potuto accadere e che, fatalmente, è accaduto, hanno posto un ampio dispositivo di polizia a bordo edificio per ogni evenienza. Il contenitore lanciato è stato recuperato ed al suo interno sono stati rinvenuti stupefacente, bilancino di precisione e carta per il confezionamento della sostanza. Toscano è stato tratto in arresto ed il congiunto denunciato, a piede libero, per il reato di favoreggiamento personale.


Bagheria  PACC scoprono condominio allacciato direttamente a rete elettrica pubblica. I Carabinieri della locale Stazione ieri, hanno proceduto al controllo di diverse abitazioni al fine di contrastare il fenomeno del furto di energia elettrica. I militari, nel corso delle verifiche effettuate con l’ausilio di tecnici specializzati dell’ENEL, hanno constatato come gli occupanti di un’intera palazzina   in via Mario Francese, in località Aspra, avessero effettuato un allaccio diretto alla rete pubblica mediante il quale riuscivano ad alimentare tutti gli appartamenti presenti nell’immobile. I militari, a seguito della  verifica, hanno dichiarato in arresto per il reato di furto aggravato in concorso : L.B.V. 29enne, G.V. 26enne, C.D. 29enne, N.M.C. 25enne, G.A. 29enne e M.S. 45enne. Il danno è stato quantificato complessivamente in circa diecimila euro. L’area è stata messa in sicurezza dai tecnici ENEL e gli arrestati sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo che si è svolto presso il Tribunale di Termini Imerese, all’esito del quale gli arresti sono stati convalidati e gli interessati sottoposti all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


PalermoPolizia  scopre 2 gruppi dediti a spaccio droga in “ambienti bene”: 16 misure. Agenti della Polizia di Stato palermitana nelle prime ore di stamani, hanno provveduto all’esecuzione dell’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Palermo a carico di 16 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di  più condotte di cessione di sostanza stupefacente. 13 arresti sono stati già eseguiti mentre sono ancora in corso le ricerche di altri 3 soggetti destinatari  dell’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere:Francesco FERRANTE 56enne nato a Palermo  già noto, Salvatore PERITORE 59enne  nato a Palermo già noto, Carlo ARCULEO 66enne nato a Palermo già noto, Giuseppe SALTALAMACCHIA 32enne nato a Gioia Tauro (RC) già noto, Gaetano RUBINO,36enne nato a Palermo  già noto, Alessandro BRONTE 31enne  nato a Palermo già noto, Pietro CATALANO, 36enne nato a Palermo già noto, Ciro SPASIANO 38enne nato a Napoli e  residente in San Cipriano D’Aversa(CE) già noto, Dario DE FELICE 40enne nato a Napoli e residente a Villaricca (NA) già noto, Giuseppe ROSCIGLIONE 37enne nato a Palermo già noto, Angelo SCAFIDI 29enne nato a Palermo. In esecuzione della medesima ordinanza sono stati sottoposti alla misura degli arresti domiciliari: Giuseppe CUTINO 31enne nato a Palermo già noto ed Antonio NAPOLITANO 24enne nato a Palermo già noto. L’operazione di P.G. costituisce il risultato di un’ articolata attività di indagine avviata nel 2012 e conclusa nel 2016 su due distinti gruppi criminali che si approvvigionavano di ingenti quantitativi di stupefacenti provenienti principalmente dalla Campania e dalla Calabria. I poliziotti hanno evidenziato che un sodalizio era composto da Alessandro BRONTE  già noto in materia di stupefacenti e reati contro il patrimonio, Pietro CATALANO, con precedenti in materia di stupefacenti, ed  Angelo SCAFIDI incensurato, tutti residenti nel popolare quartiere “Capo”.  Gli investigatori hanno rilevato che tra i soggetti spicca la figura di Bronte che risulterebbe inserito nella locale compagine mafiosa del “mandamento di  Porta Nuova” e dedito anche al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, per conto di detto organismo  ed in particolare di Tommaso LO PRESTI 41enne  nato a Palermo, attualmente detenuto, ritenuto già a capo del medesimo mandamento. Alessandro BRONTE,  Pietro CATALANO ed Angelo SCAFIDI si sarebbero approvvigionati di sostanza stupefacente del tipo cocaina, eroina ed hashish da alcuni fornitori napoletani identificati per Ciro SPASIANO, già noto in materia di stupefacenti e DE Dario FELICE.  Gli investigatori  a carico di entrambi hanno rilevato gravi indizi di colpevolezza per il reato di cui all’art. 74 DPR 309/90. I tutori dell’ordine in tale contesto, a Palermo, lo scorso 19 febbraio 2014, avevano tratto in arresto Lorenzo CIARAMITARO,  Giovanni GELSOMINO e Salvatore CIOTOLA, i quali per conto del CATALANO e dello SCAFIDI, trasportavano un carico dal peso lordo di 71 chili di hashish ed 1,5 chili di eroina.  Gli inquirenti nel successivo mese di aprile hanno evidenziato dalle attività tecniche che lo SPASIANO aveva ceduto a BRONTE ed a CATALANO, al prezzo di 198.000€,  70 kg di stupefacente del tipo hashish e 2 kg di stupefacente del tipo cocaina. I poliziotti hanno scoperto che tra gli acquirenti del sodalizio criminale vi era  Giuseppe ROSCIGLIONE, del quartiere “Ballaro’ ”, con precedenti per rapina, che, nel marzo 2014, aveva acquistato 200 gr. di cocaina per la cifra di 10.000,00 € da  Pietro CATALANO, con l’intento di immetterla nel mercato palermitano. Gli agenti in quel periodo avevano individuato un ulteriore canale di approvvigionamento per l’acquisizione di partite di marijuana attivato da BRONTE e da CATALANO attraverso alcuni fornitori della Sicilia Orientale.  I poliziotti hanno in particolare si accertato che i due acquistavano dai fornitori, complessivamente, 40 chili di marijuana. Il rapporto tra i  fornitori  ed il sodalizio palermitano, a causa dei ripetuti ritardi nel pagamento da parte di questi ultimi, si incrinava. I  palermitani, pertanto, consapevoli di non riuscire a saldare l’intera fornitura, convenivano  di restituire parte dello stupefacente.  Gli agenti nell’ambito dell’attività, a riscontro del quadro probatorio, il   13 maggio 2014 a Gela (CL), sequestrarono 14 chili di marijuana e traendo in arresto i presunti corrieri Pietro SASSERA 34enne nato a Palermo e Silviu PATRU 29enne nato in Romania.  Il filone investigativo sul secondo gruppo criminale traeva origine dal sequestro effettuato il 21 agosto 2014 a carico di  Salvatore PERITORE, già noto per art 74 D.P.R.309/90,  della somma di 93.000 € in contanti. Le  attività tecniche avviate dalla polizia facevano emergere che  PERITORE,  e Carlo ARCULEO, entrambi provenienti dal rione “Noce” di Palermo e noti in materia di stupefacenti, si approvvigionavano di stupefacente del tipo cocaina a Gioia Tauro (RC) da Giuseppe SALTALAMACCHIA. La polizia in tale contesto, il 22 settembre 2014 a Messina aveva sequestrato 5 chili di cocaina acquistata dai palermitani al prezzo di 42.000 € al chilo e trasportata dal corriere Gaetano SCICCHIGNO 60enne nato a Palermo. PERITORE e FERRANTE, dopo  la “perdita”,  associandosi con Gaetano RUBINO, titolare di una ditta di trasporti, avrebbero attivato un nuovo asse di rifornimento presso alcuni fornitori di droga stazionanti nel Nord Italia. La trattativa imbastita avrebbe permesso al gruppo di operare un primo approvvigionamento, emerso a posteriori dalle attività tecniche di ascolto ed un secondo che trovava conclusione l’8 febbraio 2015, quando agenti dell’Ufficio Questura di Palermo hanno effettuato il  sequestro di 2,5 chili di cocaina occultati a bordo di un autotreno condotto da Alessandro MARAVENTANO, autista della ditta del RUBINO,  e destinata al sodalizio palermitano. Gli investigatori hanno collegato il complesso delle investigazioni che riassunte hanno portato al monitoraggio, nel capoluogo siciliano di Giuseppe CUTINO, pusher molto dinamico, accreditato presso soggetti della c.d. “Palermo bene”.  La polizia, tracciando la mappa degli spostamenti del Cutino  è giunta all’identificazione, tra i suoi clienti, di liberi professionisti. Gli inquirenti nell’ambito di tale segmento di indagini hanno individuato un altro pusher, Antonio NAPOLITANO, già noto ai poliziotti palermitani e risultato al centro di un vasto smercio di cocaina in analogo ambiente “bene”.


Palermo – Consegne cocaina a domicilio in“Palermo bene”: Polizia blocca gang. Si  tratta di : Stefano MACALUSO  31enne; Antonino DI BETTA  26enne; Danilo BIANCUCCI  26enne; Giovanni FIORELLINO 24enne; Alessandro LA DOLCETTA  20enne. La  Polizia di Stato, dalle prime ore di stamane, della Squadra Mobile di Palermo diretta dal Dr. Rodolfo RUPERTI, in esecuzione di Ordinanza emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso di Tribunale di Palermo dr. NICASTRO, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dr. AGNELLO, ha tratto in arresto, sottoponendoli al regime della custodia cautelare in carcere, 5 soggetti,  ritenuti responsabili, a vario titolo,  di  più condotte di cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina. L’attività d’indagine è stata condotta dalla Sezione Antidroga ed ha  consentito di delineare l’operatività di ben 2 gruppi distinti dediti allo smercio di cocaina. I  personaggi,  attraverso alcune utenze cellulari dedicate agli acquirenti e sempre accese, fornivano un servizio di consegne a domicilio dello stupefacente attivo “H/24” che riguardava per lo più la cd. “Palermo bene”. Le attività investigative hanno evidenziato che tra gli acquirenti dello stupefacente vi erano numerosi professionisti palermitano che concordavano con gli indagati appuntamenti spesso fissati in zone rientranti nella “Movida” Palermitana. Gli inquirenti ritengono che del primo gruppo facessero parte  MACALUSO  e DI BETTA, suo vero e proprio alter ego con il quale si sarebbe alternato  in veri e propri “turni lavorativi”, scambiandosi il cellulare “di servizio” sul quale i due ricevevano centinaia di telefonate, tutte finalizzate alla compravendita di cocaina. I poliziotti, nell’ambito dell’indagine avrebbero scoperto  l’incessante attività illecita posta in essere dai due indagati, i quali in due mesi avrebbero ricevuto circa 80 richieste al giorno di cocaina che raddoppiavano nel giorni festivi, registrandosi, oltre 22.000 conversazioni finalizzate alla compravendita di cocaina e ben 339 potenziali clienti. I tutori dell’ordine avrebbero nel secondo gruppo di pusher identificato   BIANCUCCI, FIORELLINO e LA DOLCETTA che avrebbero rifornito di cocaina una fitta rete di acquirenti utilizzando, analogamente alla prassi adottata dal duo MACALUSO/DI BETTA, un’unica Sim quale utenza di “servizio”. FIORELLINO è stato tratto in arresto da personale della “Narcotici” il 3 dicembre scorso nella flagranza della detenzione di 34 gr. di cocaina.  il LA DOLCETTA a seguito dell’ arresto avrebbe  sostituito il collega, proseguendo l’attività con il BIANCUCCI. Gli investigatori, nell’arco di circa un mese, a loro carico, avrebbero registratno 13736 telefonate con una media di più di 457 telefonate/messaggi al giorno e la presenza di 331 nominativi chiamanti. Gli inquirenti hanno constatato  anche che alcuni dei potenziali acquirenti di tale, secondo,  gruppo erano gli stessi che con le medesime criptiche e sintetiche richieste contattavano la coppia MACALUSO-DI BETTA. L’analitico calcolo della cocaina smerciata da entrambi i gruppi, sulla base del numero medio di consegne giornaliere, calcolato al minimo assoluto in circa 60 gr. al giorno, raddoppiato nei week-end, lascia raggiungere complessivamente i quantitativi di nr. 2  chili di cocaina smerciata. Il volume d’affari mosso dai due gruppi criminali si aggira, complessivamente, sui 300.000,00 euro, circa. I poliziotti in un blitz a Ballarò hanno anche bloccato un pusher  nigeriano. Gli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso  il “Commissariato di P.S. Libertà”, hanno tratto in arresto nigeriano  Omoniyi USOBOR 29enne , resosi responsabile dei reati di detenzione, spaccio di sostanze stupefacenti  e resistenza a Pubblico Ufficiale. I tutori dell’ordine hanno rilevato, che il mercato di Ballarò, spesso è luogo di spaccio di sostanze stupefacenti, a cielo aperto. Gli agenti hanno quindi attuato l’ennesimo blitz. I poliziotti della  Sezione Investigativa del Commissariato di P.S. Libertà, in abiti civili,, mischiandosi ai tanti clienti interessati alle bancarelle del mercato, hanno in realtà scrutato le sospette movenze di tre giovani cittadini uno dei quali extracomunitario. I tre sembravano instaurare sin da subito un rapporto cordiale ma improntato alla dialettica venditore- compratore. I  poliziotti, dopo aver registrato il passaggio denaro involucri, ritenevano opportuno di entrare in azione. 2 dei 3 fuggitivi, lo spacciatore ed un acquirente, venivano bloccati e ciò nonostante il cittadino extracomunitario abbia inscenato una violenta reazione fatta di calci e pugni nei confronti degli agenti.  Gli agenti a seguito di perquisizione personale, hanno rinvenuto addosso al nigeriano una busta in cellophane contenente marijuana e circa 100 euro in contanti. La  busta in precedenza ceduta all’acquirente conteneva hashish. Usobor, pertanto veniva tratto in arresto mentre l’acquirente  veniva segnalato alla Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.


Palermo Ballarò, CC bloccano 1 con 10  panetti hashish: 5kg. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palermo Piazza Verdi hanno ammanettato, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti hanno fermato ai domiciliari  Vincenzo RAO 25enne palermitano. I militari, dopo alcuni giorni di appostamento, nei pressi di piazza Enrico D’Orleans, nel quartiere “Ballarò”, area abitualmente frequentata da spacciatori e tossicodipendenti, avendo notato RAO in sella ad uno scooter Honda SH impegnato in uno strano andirivieni, hanno deciso di fermarlo. La perquisizione personale ha confermato quanto supposto. I militari hanno rinvenuto 2 panetti di hashish del peso di circa 200 grammi e 200 € in banconote da 50 €. I Carabinieri, giunti nello stabile in piazza D’Orleans, hanno individuato il magazzino utilizzato da RAO, rinvenendo all’interno: 10 “panetti” di hashish, 2 bilancini, 4 pacchi da 10 “panetti” di HASHISH del peso complessivo di 4 kg circa, all’interno della tasca anteriore del trolley, 1 panetto di hashish. RAO di fronte all’evidenza dei fatti ha confessato che quanto rinvenuto dai Carabinieri era di sua proprietà. L’autorità Giudiziaria informata dai Carabinieri ha disposto l’arresto ed a seguito di convalida è stato ristretto ai domiciliari.


Palermo CC sequestrano e distruggono 250kg pane di dubbia provenienza  venduto in strada. I carabinieri della Compagnia San Lorenzo hanno sanzionato 5 venditori ambulanti di pane nei quartieri Borgo Nuovo e Noce. Tutti, senza il possesso delle dovute autorizzazioni  e della licenza, erano intenti a distribuire il bene primario per eccellenza pur non avendone i requisiti.   250kg sequestrati da parte dei militari dell’arma. Per tutti è I 5 sono stati sanzionati come previsto dalla legge regionale per un totale di 1500 euro.   I  carabinieri, non potendo accertare l’effettiva provenienza della produzione, non hanno potuto donare il pane in beneficenza. I militari hanno ritenuto di non mettere a rischio la salute dei cittadini portando sulla tavola prodotti di cui non è stato accertata l’iter di produzione.


VillaCiambra PA–  CC presi 2 fratelli coltivatori stupefacenti in casa. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Monreale hanno tratto in arresto due fratelli, P.S. 27enne e P.A. 29enne, palermitani, volti già noti, resisi responsabili di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. I  militari, saputo che i due avessero costruito una serra per coltivare marijuana in un appartamento del 27enne P.S., hanno circondato l’edificio intimando di aprire la porta. Il più grande dei due fratelli ha aperto la porta e nel mentre il minore ha tentato una  fuga scappando dal retro e scavalcando una serie di cancelli per dileguarsi in strada. Il maldestro è stato subito bloccato  e  trovato in possesso di 1 chiave che poco dopo avrebbe aperto la porta del locale adibito a serra. I carabinieri all’interno hanno rinvenuto 8 piante di cannabis indica di circa un metro e 12 vasetti contenenti dei germogli della stessa sostanza. La serra aveva ventilatori, aspiratori, termometro, timer e ben tre lampade alogene, con portalampada e trasformatori di energia. Inoltre, sono stati rinvenuti fertilizzanti, innaffiatoi e terreno. L’Autorità Giudiziaria informata dei fatti ha disposto il regime degli arresti domiciliari per i due in attesa del rito direttissimo. Il  Giudice ha convalidato gli arresti senza applicare alcuna misura per P.A. e disponendo l’obbligo di presentazione alla Polizia  Giudiziaria per P.S..


Palermo -  Polizia trova munizioni, in controllo sanzionato esercizio. Agenti del Commissariato di P.S. San Lorenzo e del Reparto Prevenzione Crimine hanno ispezionato una vasta area del  territorio del quartiere di San Lorenzo. I  poliziotti del Commissariato di P.S. “S.Lorenzo” nel contesto di altra attività, pochi giorni orsono ,hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare nel cuore dello “Zen”. L’attenzione degli agenti si è soffermata sull’abitazione di C.S. 39enne, gravato da precedenti di polizia. La perquisizione ha consentito di rinvenire in un berrettino di lana 69 cartucce per munizionamento di arma comune da sparo, modello “357 magnum” e 75 cartucce per “38 special”. Il palermitano è stato denunciato in   libertà, anche per il reato di ricettazione. I poliziotti, nelle zone interessate dai  controlli hanno organizzato una cornice di sicurezza con posti di controllo e pattugliamento nelle zone a maggiore densità criminale e più esposte alla commissione di reati predatori che ha portato al controllo di 63 persone e 27 veicoli e ad elevare sanzioni per violazione al Codice della Strada, per un totale di circa 600,00 euro. I controlli che sono stati concentrati, in particolar modo, verso gli  esercizi pubblici dedicati alla somministrazione di cibi e bevande, hanno portato alla chiusura di un bar sito in via Resuttana in quanto risultato sprovvisto di SCIA ed all’elevazione di sanzioni per un totale che sfiora i 9.000,00 euro.


PalermoPolizia sgomina gang specializzata in estorsioni e furti veicoli, impiegati 200 agenti. Una  vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo - Direzione Distrettuale Antimafia, è in corso dalle prime luci del giorno all’alba, volta a disarticolare una pericolosa organizzazione criminale dedita alle estorsioni, perpetrate a seguito del furto di veicoli secondo il cosiddetto sistema del “cavallo di ritorno” , nonché alla commissione di rapine, furti  e ricettazioni di veicoli. Circa  200 appartenenti alla Polizia di Stato, coordinati dalla Squadra Mobile di Palermo, diretta dal dr. Rodolfo RUPERTI sono stati impegnati per eseguire numerose ordinanze di custodia cautelare. Le attività di indagine hanno avuto inizio nel mese di settembre 2015; in pochi mesi, i poliziotti della Sezione Criminalità Organizzata della Mobile hanno individuato la ramificata organizzazione dell’associazione, ricostruendone la fisionomia e i ruoli dei componenti. L’organizzazione congegnata dai promotori prevedeva, infatti, una rigida suddivisione in ruoli, in modo che ad ogni partecipante spettassero precise competenze nella “filiera criminale”. Vi erano soggetti deputati alla commissione dei furti dei veicoli, suddivisi in batterie ed operanti sull’intero territorio cittadino, sodali che fornivano luoghi sicuri dove custodire i mezzi sottratti fintanto che si concludesse la “trattativa” con le vittime e, infine, intermediari che avevano il compito di contattare queste ultime al fine di prospettare la possibilità di recuperare il maltolto.  La Polizia nel corso dell’attività investigativa conclusa con  i provvedimenti restrittivi, ha  rilevato come l’organizzazione, capace di produrre ingentissimi guadagni, avesse suscitato l’interesse delle famiglie mafiose cittadine alla partecipazione agli utili della consorteria criminale. Gli investigatori a tal proposito, hanno accertato come i sodali fossero in grado, nel corso di un mese, di portare a termine all’incirca 100 sottrazioni di veicoli con un guadagno approssimativo di 200.000,00 euro. I mezzi sottratti erano prevalentemente veicoli commerciali.


PalermoMafia, polizia sequestra beni 200.000€. La Polizia di Stato, personale della Sezione Patrimoniale dell’Ufficio Misure di Prevenzione della Questura di Palermo, ha effettuato un ingente sequestro patrimoniale, per un valore complessivo di circa 200.000€, nei confronti del noto palermitano Gaetano CIARAMITARO 47enne. Il Tribunale di Palermo - Sezione Misure di Prevenzione presieduto dal dott. Giacomo MONTALBANO, a latere la d.ssa Stefania BRAMBILLE ed il dott. Vincenzo LIOTTA, accogliendo la proposta avanzata dal Procuratore Aggiunto dr. Bernardo PETRALIA nei confronti di CIARAMITARO, ha emesso il decreto con il quale ha disposto il sequestro di un’attività commerciale attiva nel campo della commercializzazione della carne, con insegna “Macelleria Toni Ciaramitaro”, ubicata nel popoloso quartiere della “Marinella” . Gli investigatori ritengono che Gaetano CIARAMITARO, sia capo  della “Marinella”, e sia  soggetto abitualmente dedito ad attività delittuose; annovera numerosi precedenti penali per i reati di furto, resistenza a P.U., ricettazione, rapina aggravata, truffa aggravata, detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. Il personaggio, il 23 giugno 2014 era stato tratto in arresto, nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Apocalisse”, per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso e detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. Gli investigatori, nell’ambito della vasta indagine condotta dalla Squadra Mobile di Palermo avevano evidenziato come CIARAMITARO fosse a capo della famiglia   del quartiere della Marinella, organizzando, gestendo e coordinando per essa le attività estorsive e curando, in particolare, anche il reinvestimento del denaro frutto delle illecite attività. Gli inquirenti hanno  documentato, come il soggetto partecipasse ad incontri e riunioni, anche in luoghi riservati, con altri membri dell'organizzazione, in particolare con Vito GALATOLO della famiglia  dell'Acquasanta, con Onofrio TERRACCHIO e Paolo LO IACONO della nota  famiglia  di Pallavicino – Zen. Il personaggio con il figlio Antonino, anch’esso tratto in arresto nella medesima operazione, avrebbe secondo i tutori dell’ordine inoltre, coordinato e gestito il traffico di stupefacenti nel quartiere di sua competenza.  Il  G.I.P. del Tribunale di Palermo per i fatti  indicati, il 13 aprile 2016, ha condannato Gaetano CIARAMITARO alla pena di anni 10 di reclusione. Il  figlio, Antonino CIARAMITARO, formale intestatario dell’attività commerciale, oggi sotto sequestro, nonostante la giovanissima età, risulta gravato da numerosi precedenti penali. Il personaggio, recentemente, sempre nell’ambito dell’operazione “Apocalisse”, è stato condannato dal G.I.P. del Tribunale di Palermo alla pena di 6 anni di reclusione, perché riconosciuto colpevole del reato di produzione e traffico di sostanze stupefacenti, aggravato dall’aver agevolato l’organizzazione mafiosa. Gli accertamenti patrimoniali hanno dimostrato che sia Gaetano  che Antonino CIARAMITARO, quest’ultimo formale intestatario dell’attività commerciale, non disponevano di entrate lecite e sufficienti per l’acquisto dei beni oggi raggiunti dal provvedimento del Tribunale di Palermo. L'indagine è stata condotta dagli investigatori della Sezione Patrimoniale dell’Ufficio Misure di Prevenzione ed ha permesso di individuare e successivamente sequestrare beni per un valore stimato di circa 200.000€. 


Palermo

Mostra: Carabinieri nella storia. Aperta al pubblico da lunedì 22 dicembre 2014 dalle ore 16,30  in poi presso la galleria Studio 71 via Fuxa n. 10 Palermo la mostra collettiva:  “I CARABINIERI NELLA STORIA” a cura di Francesco Scorsone. La mostra è possibile visitarla con ingresso gratuito, tutti i giorni presso la galleria d’arte Studio 71 di Palermo via Fuxa n. 9 dalle  16,30 alle 19,30 tutti i giorni incluso i festivi fino al 31 gennaio 2015. La mostra è resa possibile per la disponibilità degli artisti che hanno voluto con le loro opere rendere omaggio alla plurisecolare storia dei Carabinieri italiani realizzando e prestandole per onorare i 200 anni di storia dell’Arma.  La mostra è stata esposta in precedenza: presso il Castello di Carini, il complesso multimediale di Nissoria,  l’Oratorio del SS. Rosario di Valledolmo, il Museo degli Angeli di Sant’Angelo di Brolo, affronta e conclude il suo percorso a Palermo nella sede della galleria Studio 71. L’omaggio agli ideatori della mostra Francesco Scorsone e Pino Buzzetta ed agli artisti ha indotto a concludere l’evento a Palermo e non a Catania come previsto in quanto si voleva che fosse Palermo Capitale ad ospitare la conclusione dei diversi appuntamenti con l’Arma. La mostra è nata senza un minimo di contributo sia pubblico che privato, ha chiamato a raccolta migliaia di visitatori affascinati dal richiamo dei “propri Carabinieri” in ogni luogo dove è stata esposta. Gli autori: Antonella Affronti, Luciana Anelli, Bartman (Batolomeo Manno), Om Bosser, Alessandro Bronzini, Ilaria Caputo, Sebastiano Caracozzo, Aurelio Caruso, Angelo Denaro, Daniela Gargano, Giuseppe Gargano, Pippo Giambanco, Maria Grazia Lala, Antonino Liberto, Maria Pia Lo Verso, Gabriella Lupinacci, Pino Manzella, Alessandro Monti, Franco Murer, Massimo Piazza, Vanni Quadrio, Gianni Maria Tessari, Emanuela Tolomeo, Tiziana Viola Massa ognuno di loro in maniera diversa hanno voluto rendere omaggio alla storia dell’Arma, rappresentando uomini e situazioni presenti e passate in Italia ed all’estero e fornendo uno spaccato che colpisce oggi come in passato la coesione di un corpo quali sono i Carabinieri dal motto granitico “Nei secoli fedele”. Questi uomini, che vivono la veste di carabiniere per tutta la vita, i quali: sentono, amano, soffrono, ma la loro umanità non trascende mai i limiti delle norme disciplinari. È una condizione inderogabile che non può non trovarci d’accordo.

 


Realmonte  Universitaria e Comune solidali PM Di Matteo. L’iniziativa è stata della studentessa universitaria di giurisprudenza di Palermo, Gloria Di Mora che ha stimolato l'Amministrazione Comunale. La giovane ha ottenuto di poter   posizionare a palazzo municipale 2 cartelloni a sostegno del pm Nino Di Matteo dopo le minacce ricevute. Il cartellone "Realmonte a sostegno del Pm, Nino Di Matteo"  con sullo sfondo la Scala dei Turchi è stato collocato direttamente dal sindaco Piero Puccio e dalla studentessa universitaria.  Il  cartellone è stato posto davanti al Comune di Realmonte a sostegno del pm minacciato dalla mafia.


Palermo Giudice Rocco Chinnici: 30° anniversario strage mafia. 1983-2013:  4 persone furono uccise col tritolo. Il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, lunedì 29 luglio, a Palermo. Il programma delle manifestazioni, predisposto dalla Fondazione Chinnici, prevede alle ore 9.15 la deposizione di corone di fiori sul luogo dell’attentato, in via Federico Pipitone dove abitava il magistrato, capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo e del primo pool antimafia della storia. A seguire, alle 9.45, nella chiesa di San Giacomo dei militari, all’interno della Caserma “Carlo Alberto Dalla Chiesa” sede del Comando Legione dei Carabinieri (in corso Vittorio Emanuele 475) sarà celebrata una messa in memoria del giudice Rocco CHinnici, dei carabinieri della scorta, il maresciallo Mario Trapassi e l’appuntato Salvatore Bartolotta, e del portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi. Le  vittime della strage ed il sacrificio di Chinnici per amore della giustizia e della verità sono ricordate dopo la messa. La nota attrice Pamela Villoresi leggerà alcuni brani tratti da un ricordo di Paolo Borsellino nel volumetto “L’illegalità protetta” al collega ed amico Rocco e dal recente libro “Così non si può vivere. Rocco Chinnici: la storia mai raccontata del giudice che sfidò gli intoccabili”, dei giornalisti siciliani Fabio De Pasquale ed Eleonora Iannelli, con la prefazione del presidente del Senato, Pietro Grasso (Castelvecchi editore di Roma). Al termine, un concerto della fanfara dei carabinieri. Le manifestazioni proseguono di pomeriggio a Partanna, dove Chinnici fu pretore, all’inizio della carriera (dal 1954), per dodici anni. In piazza Umberto I, alle ore 18.00, su iniziativa del Comune trapanese, avverrà la deposizione di corone sul bifrontale dedicato al giudice, nel piazzale antistante gli uffici giudiziari.


Palermo - Antonino ALLETTO Segretario Nazionale Uil Polizia solidarietà incondizionata per i poliziotti minacciati.  “Alle minacce occorre rispondere con i fatti solidarietà ai nostri colleghi ed alle loro famiglie. Siamo davvero indignati per quanto è accaduto in questi giorni nei confronti dei nostri colleghi. Sembra talmente assurdo oseremo dire surreale che appare come la trama di un film dove i cattivi sfacciatamente minacciano i buoni, ma questa non è una fiction ma la dura e cruda realtà. Questi balordi continuano a dimostrare disprezzo delle leggi e dello Stato minacciando i suoi servitori più fedeli insidiando nelle loro menti la paura per le persone che più amano  le loro rispettive famiglie. Riteniamo che i nostri colleghi non debbano essere  allontanati perché significa che stanno lavorando bene contro le consorterie mafiose e i fatti lo dimostrano, è un dovere preciso dello Stato difendere i nostri colleghi  e le loro famiglie. Un loro, seppur comprensibile,  allontanamento significherebbe un evidente atto di debolezza nei confronti di questi criminali . Se c’è ne fosse bisogno siamo pronti a difenderli da questi balordi finanche  liberi dal servizio ordinario ed in forma gratuita.  Che il Ministro dell’Interno intervenga duramente potenziando tutti presidi della Sicilia pesantemente indeboliti in questi ultimi anni dai taglia e dalla mobilità sempre più rada. F.to Antonino ALLETTO Segretario Nazionale Uil Polizia. Giacomo BENANTI Seg.Gen.Prov. UILPS Palermo ha dichiarato: "Solidarietà ai colleghi della catturandi,  questo è il segnale che dimostra che la strada percorsa è quella giusta… ora lo Stato faccia la sua parte  garantendo i suoi servitori  e le loro famiglie."  Ed ancora  Antonino ALLETTO Segretario Nazionale Uil Polizia afferma “Siamo davvero indignati per quanto è accaduto in questi giorni nei confronti dei nostri colleghi. Sembra talmente assurdo oseremo dire surreale che appare come la trama di un film dove i cattivi sfacciatamente minacciano i buoni, ma questa non è una fiction ma la dura e cruda realtà. Questi balordi continuano a dimostrare disprezzo delle leggi e dello Stato minacciando i suoi servitori più fedeli insidiando nelle loro menti la paura per le persone che più amano le loro rispettive famiglie. Riteniamo che i nostri colleghi non debbano essere allontanati perché significa che stanno lavorando bene contro le consorterie mafiose e i fatti lo dimostrano, è un dovere preciso dello Stato difendere i nostri colleghi e le loro famiglie. Un loro, seppur comprensibile, allontanamento significherebbe un evidente atto di debolezza nei confronti di questi criminali. Se c’è ne fosse bisogno siamo pronti a difenderli da questi balordi finanche liberi dal servizio ordinario ed in forma gratuita. Che il Ministro dell’Interno intervenga duramente potenziando tutti presidi della Sicilia pesantemente indeboliti in questi ultimi anni dai tagli e dalla mobilità sempre più rada”. F.to Antonino ALLETTO Segretario Nazionale Uil Polizia.


Palermo -Cammarata  guida ANCI Sicilia Diego Cammarata si era confermato sindaco di Palermo, avendo  battuto il diretto concorrente Leoluca Orlando.L’esponente del centro sinistra era senza dubbio il candidato più ostico avendo tra l’altro guidato dall'85 al 2000 quasi ininterrottamente la città di Palermo. La vittoria e riconferma a sindaco di Palermo di Diego Cammarata  non è stata  offuscata dalle accuse di brogli che erano state ipotizzati da Orlando. Le comunali di Palermo hanno registrato un record di partecipanti: 29 liste, 1.334 candidati al Consiglio comunale, 2.525 ai consigli circoscrizionali. Alta anche la percentuale di affluenza alle urne: 71,82%, con un aumento del 4,88% rispetto al 2001 e in linea con il dato complessivo della Sicilia, che è del 72,43%. Il sindaco Diego Cammarata (FI), è il pupillo di Gianfranco Micciché, sostenuto da 12 liste, ha conquistato circa il 54% dei consensi, staccando di dieci punti l'avversario. Il restante 2% viene distribuito ad Andrea Piraino (Italia di Mezzo), all'autonomista Massimo Costa e a Giovanni Zampardi (Forza nuova).

 

 

 

 

Notizie

LAV

 NON ABBANDONARLI



Palermo Carabinieri eseguono carcerazione per parcheggiatore abusivo. Rosario COSTANZA  61enne palermitano, esattamente 6 anni dopo il fatto, è stato raggiunto dall’ordine di carcerazione per una tentata estorsione commessa nel 2011.  COSTANZA, l’8 settembre del 2011 infatti era stato denunciato da un onesto cittadino al quale non erano andate giù quelle parole minacciose, proferite per la mancata corresponsione della fastidiosa “tassa”, che gli avrebbe consentito di parcheggiare in tutta tranquillità la sua auto in via Trieste. L’irritante richiesta di denaro, attraverso quelle parole intimidatorie, era un’imposta. Il  cittadino vittima di turno non avrebbe potuto  sottrarsi al pagamento secondo il 61enne. La  Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Palermo lo scorso 29 aprile, ha emesso l’ordine di carcerazione per Rosario COSTANZA. I  Carabinieri della Compagnia San Lorenzo sono riusciti a trovare  l’ex parcheggiatore abusivo condannato e portarlo al Pagliarelli dove, dovrà rimanere per 1 anno e 3 mesi.


  

PalermoAi domiciliari con braccialetto elettronico, spaccia da balcone col paniere.  Vincenzo FASONE 35enne palermitano, era ai domiciliari per un furto commesso ai danni di un tabacchi. Il personaggio aveva ingegnato “un meccanismo perfetto” per poter spacciare sostanze stupefacenti, rimanendo tranquillamente a casa, ed aveva agganciato un cavo d’acciaio collegato dal balcone alla strada per consegnare  le dosi richieste “ad  avventori” grazie ad un cestino legato ad una corda che faceva sfilare lungo il cavo. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Palermo San Lorenzo hanno fatto irruzione in casa. Lui è stato trovato seduto al solito tavolino al balcone con 21 dosi di hashish e 4 di cocaina, oltre alla somma di 105 euro ritenuto provento dell’attività illecita. La perquisizione estesa, poi, agli altri ambienti della casa, ha permesso di trovare, in un camerino, all’interno di alcune scatole per scarpe, altri 2 panetti di hashish, 3 bilancini di precisione e materiale  vario per il confezionamento delle dosi. Vincenzo FASONE è stato arrestato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e  condotto nel Carcere “Pagliarelli” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Palermo – 2 poliziotti fuori servizio, al supermercato per compere, bloccano 2 rapinatori. La Polizia di Stato ha tratto in arresto per rapina due noti palermitani della “Marinella” e dello “Zen”. Agenti liberi dal servizio e con le famiglie al seguito, mentre stavano effettuando acquisti in un supermercato in via Aiace, hanno notato entrare 2 giovani a volto coperto e con caschi da motociclista in testa.  1 dei 2 era armato di pistola che solo successivamente si è rivelata giocattolo. I malfattori si sono indirizzati velocemente alle casse ed hanno minacciato la cassiera, puntandole la pistola alla gola, per farsi consegnare l’incasso. I clienti hanno vissuto momenti di panico.  Le  fasi successive della rapina sono state caratterizzate dalla fuga dei numerosi clienti del supermercato, per il timore che il malvivente potesse esplodere colpi d’arma da fuoco ferendo o uccidendo qualcuno. Il provvidenziale intervento dei poliziotti che casualmente si trovavano nel supermercato ha consentito di evitare quello che poteva prefigurarsi come un tragico epilogo,   ancora non si conosceva la natura inoffensiva dell’arma impugnata dal malvivente mentre l’altro criminale era disarmato. I  poliziotti, senza alcuna esitazione e dopo aver verificato che gli acquirenti non corressero pericolo, hanno intimato l’ “Alt Polizia” ai due malviventi, che, vistisi scoperti, hanno tentato di fuggire verso l’esterno dell’esercizio. Il giovane armato, dopo una lunga colluttazione, è stato bloccato dagli agenti nell’esercizio commerciale, mentre il secondo, dopo aver colpito al capo uno dei poliziotti con un sacco pieno di monetine ha tentato la fuga, urlando al complice “SPARA SPARA”, affinchè potesse liberarsi dalla presa degli agenti che lo stavano trattenendo. 2 clienti che avevano assistito alle fasi dell’arresto,  all’esterno del supermercato, vedendo il secondo malvivente in fuga, a bordo di una moto, poi rivelatasi rubata, sono riusciti a bloccarlo.  I  2 hanno   lanciato contro il maldestro alcuni oggetti, fino all’arrivo dei poliziotti, che l’hanno immobilizzato definitivamente. Alcune  volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale sono giunte in pochi attimi sul luogo della rapina, in ausilio degli agenti. I due malviventi sono stati tratti in arresto e, dopo gli accertamenti di rito, tradotti presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”.


Palermo  Famiglia specialista in furti a profumeria,  Polizia smaschera da film. Una  nota profumeria di corso Calatafimi il mese scorso  aveva registrato una serie di furti d’ingente valore, l’ultimo con un ammanco di prodotti per  un  totale 1.000,00 euro. I poliziotti del Commissariato di  P.S. “ Porta Nuova” hanno immediatamente avviato una serie di approfondite indagini, visionando le immagini dei sistemi di video-sorveglianza installati all’interno dell’esercizio ed  altri nella zona. Grazie a questa l’attività ha permesso  d’individuare una famiglia: padre, madre e figlia, che aveva messo a punto uno stratagemma impeccabile.  I maldestri, dopo aver guadagnato la fiducia delle commesse, puntando sull’insospettabilità del nucleo familiare, iniziavano a girovagare per i locali. I furbi quando si assicuravano di non essere osservati, il padre s’impossessava di un profumo e lo passava velocemente alla figlia, che lo nascondeva dietro un giornale per poi riporlo in borsa, mentre la madre colmava il vuoto sullo scaffale con un’ altra confezione. I soggetti, così facendo razziavano più merce possibile, per poi recarsi alle casse, dove pagavano soltanto alcuni oggetti di poco valore, chiedendo addirittura che fossero caricati i punti corrispondenti all’acquisto sulla loro “fidelity card”. I  tre personaggi, incalzati dagli agenti, hanno ammesso le loro responsabilità. I poliziotti nell’abitazione della famiglia hanno recuperato  una parte considerevole della merce trafugata. Padre, madre e la figlia, già gravati da diversi precedenti penali specifici, sono stati, pertanto, deferiti all’Autorità Giudiziaria per furto con destrezza,   i profumi sono stati riconsegnati alla responsabile del punto vendita.


Palermo - Zen 2,  CC trovate 30 abitazioni allacciate a rete elettrica pubblica. I  Carabinieri della Stazione San Filippo Neri, nei giorni scorsi, col supporto della Compagnia di Intervento Operativo del XII Battaglione “Sicilia”, hanno  denunciato 30 persone per furto aggravato di energia elettrica nel quartiere “ Zen 2”.  I  Carabinieri, dopo i primi accertamenti, condotti con la collaborazione dei tecnici dell’ Enel, si sono subito resi conto che i contatori del complesso residenziale presentavano delle anomalie.  Le successive verifiche hanno poi chiarito ogni dubbio: ben 30 abitazioni del padiglione sono risultate allacciate in maniera totalmente abusiva al cavo elettrico della rete pubblica. Altrettante persone sono state così denunciate alla Procura della Repubblica di Palermo per furto aggravato di energia elettrica.  


Palermo Carabinieri scoprono 3 dipendenti Comune Collesano assenteisti. Le tre impiegate, D.I. 30enne, M.V. 48enne, e C.C.43enne, sono state quindi bloccate subito dopo aver abbandonato il posto di lavoro.  Si sono conclusi con l’arresto dei tre i servizi di contrasto al fenomeno dell’assenteismo condotto dalla Compagnia Carabinieri di Cefalù. I servizi si sono protratti per più giorni, ed hanno consentito di portare alla luce la condotta di 3 donne le quali, dopo aver regolarmente accreditato la propria presenza tramite il sistema informatico a “badge”, si allontanavano immediatamente dal posto di lavoro per adempiere a diverse incombenze personali, tra le quali fare compere, recandosi dal fruttivendolo o al panificio, o ancora trascorrere ore presso private abitazioni per sbrigare impegni di natura privata. I servizi posti in atto hanno consentito inoltre  di documentare la condotta abitudinaria e continuata nel tempo, tanto da indurre i militari ad intervenire per arginare il dilagante fenomeno. Le  assenteiste sono state condotte presso i locali del Comando Stazione di Collesano, dove a seguito degli accertamenti di rito, sono state dichiarate in arresto per i reati di truffa e false attestazioni. Processate con rito direttissimo, nei loro confronti sono state disposte le misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


PalermoPolizia blocca 2 ladri d’auto in azione. Gli agenti hanno sorpreso   Alfonso Maranzano 25enne già noto e Giovanni Buscemi 32enne incensurato, entrambi palermitani di viale Michelangelo, responsabili dei reati di furto, tentato furto aggravato in concorso su autovettura e ricettazione. Gli Agenti della Polizia di Stato appartenenti all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, in servizio di controllo del territorio, intorno alle ore 02.30, nel transitare lungo la via Veronese, hanno notato a breve distanza 2 individui allontanarsi a bordo di una Fiat Punto, a fari spenti. I sospetti sono stati tempestivamente raggiunti, bloccati ed identificati.  I  due giovani, tradendo una certa ansia ed insofferenza al controllo, hanno provato a giustificare la loro presenza in zona, riferendo di cercare oggettistica da rivendere al mercato di Ballarò e che l’auto su cui stavano viaggiando fosse stata prestata loro da un non precisato conoscente. La vettura su cui sono stati sorpresi, ad un controllo in banca dati, è risultata oggetto di furto: e presentava  evidenti segni di effrazione ed il cilindretto di accensione manomesso; al suo interno sono state rinvenute, inoltre, n.9 batterie per auto ed alcuni attrezzi atti allo scasso.  Altre pattuglie, nel frattempo sono intervenute, dopo un’accurata perlustrazione della zona interessata dall’intervento, hanno scoperto altri 2 mezzi “visitati” dai due topi d’auto: la prima, una fiat 600, presentava entrambi i cilindretti delle portiere forzati, il cofano aperto e la batteria spostata dalla sua sede, con i cavi di collegamento ai morsetti recisi; la seconda autovettura, una fiat Punto, oltre ai cilindretti delle portiere e l’alloggiamento dell’autoradio danneggiati, risultava priva della batteria. Buscemi ed  Maranzano, alla luce di quanto accertato, sono stati dichiarati in arresto per i reati di furto e tentato furto aggravato in concorso e denunciati per il reato di  ricettazione.  


Palermo – Carabinieri bloccano 2 borseggiatori in azione su turista. I militari della Compagnia San Lorenzo hanno tratto in arresto due individui P.M. 50enne e G.D. 34enne, colti in flagranza del reato furto con destrezza. I  tutori dell’ordine durante un servizio di controllo nel mercato rionale nei pressi di via Montepellegrino, finalizzato al contrasto dei borseggi, hanno notato due soggetti che seguivano un turista, affascinato dalla bancarelle. I malfattori, con atto fulmineo, hanno estratto dallo zaino il libretto postale all’ignaro turista. L’intervento immediato dei Carabinieri ha permesso di riconsegnare la refurtiva e di arrestare i due borseggiatori. I ladri, dopo il rito direttissimo  sono stati sottoposti rispettivamente alle misure di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ed arresti domiciliari.

Palermo – Carabinieri bloccano, multano ed allontanano 4 parcheggiatori abusivi. I militari della Compagnia San Lorenzo  e la polizia municipale, hanno  svolto un servizio di controllo del territorio a Mondello, Arenella ed Uditore finalizzato al contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi. I  tutori dell’ordine hanno sanzionato 12 persone impegnate a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo. I militari hanno applicatola recentissima riforma nel settore, avvenuta con legge nr. 48 del 2017 che ha introdotto speciali misure volte a rafforzare e tutelare la sicurezza delle città, la vivibilità ed il decoro dei territori. I trasgressori hanno subito la contestazione amministrativa che ammonta a 1000 euro, con la confisca obbligatoria delle somme percepite. I 4 soggetti hanno anche ricevuto notifica  d’ordine d’allontanamento: infatti gli articoli 9 e 10 della legge in materia prevedono il potere di allontanamento dalla zona, nonché il divieto di accesso alla stessa, per un tempo massimo di 48 ore, e  riguarda i parcheggiatori abusivi trovati a svolgere l’illecita attività in aree interne o nelle pertinenze delle infrastrutture adibite al trasporto pubblico locale.   un extracomunitario senza fissa dimora e non in regola sul territorio era tra i parcheggiatori sanzionati e nei suoi confronti è stato emesso il decreto di espulsione dal territorio nazionale.


(ascolta intercettazioni)

Palermo -   Polizia e GdF eseguono 34 misure cautelari per Mandamento Brancaccio. La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Palermo, di mattina, in esecuzione di un provvedimento emesso dal G.I.P. di Palermo, nell’ambito di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica, hanno proceduto, in Sicilia, Toscana, Lazio, Puglia, Emilia Romagna e Liguria, all’esecuzione di 34 misure cautelari personali nei confronti di 17 esponenti del Mandamento mafioso di Brancaccio e di altrettanti loro complici, nonché al sequestro di 42 aziende, per un valore complessivo di circa 60 milioni di euro.  Tra i soggetti destinatari di custodia cautelare in carcere si annovera Pietro TAGLIAVIA, ritenuto capo del mandamento di Brancaccio e della famiglia di “Corso dei Mille”, attualmente ai domiciliari. Il personaggio in tale veste, avrebbe presieduto al traffico di stupefacenti, al sostentamento dei detenuti e dei loro nuclei familiari attraverso la gestione della cassa comune, al sistema delle estorsioni attuate sul territorio di riferimento, alla gestione, tramite compiacenti prestanome, di un ramificato gruppo di imprese - operanti sul territorio nazionale principalmente nel settore della commercializzazione degli imballaggi industriali (c.d. “pallets”) - nonché del gioco del lotto abusivo nel mandamento da lui controllato.  Polizia e  Guardia di Finanza hanno ricostruito l’intero organigramma delle famiglie mafiose appartenenti al mandamento, definendo ruoli e competenze di ciascun associato e, in particolare, individuando gli elementi di vertice.Gli investigatori ritengono   spiccare le figure di Claudio D’AMORE, Bruno MAZZARA e Giuseppe LO PORTO, tutti fidati collaboratori di TAGLIAVIA; Francesco Paolo CLEMENTE, Francesco Paolo MANDALA’, Gaetano LO COCO incaricati del controllo delle numerose aziende, tutte intestate a prestanome, utilizzate per realizzare le frodi di natura fiscale, conseguendo il monopolio regionale e una posizione dominante nel restante territorio nazionale nella commercializzazione degli imballaggi industriali; Giuseppe CASERTA e Cosimo GELOSO, rappresentanti della famiglia di “Brancaccio”; ed infine Giuseppe MANGANO, Giuseppe DI FATTA e Antonino MARINO, titolati rappresentanti della famiglia “Roccella”. Le investigazioni, eseguite in stretto coordinamento dalla Squadra Mobile e dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo, hanno consentito di fare luce su numerosi episodi di minacce, danneggiamento, estorsione, furto e detenzione illegale di armi da parte di esponenti della cosca di Brancaccio. Gli investigatori hanno ricostruito decine di estorsioni perpetrate ai danni sia di imprese edili impegnate in importanti lavori di ristrutturazione sia di piccole attività commerciali storicamente attive nel territorio sul quale la consorteria esercita il proprio dominio.  Le forze dell’ordine hanno documentato come i rappresentanti del sodalizio mafioso, da prassi, abbiano voluto esibire il prestigio e fornire dimostrazione della forza anche in occasione di una delle ricorrenti feste rionali, autorizzando l’installazione di stand espositivi e monopolizzando i guadagni. Le indagini hanno evidenziato che nei casi in cui le vittime abbiano cercato di resistere alle pressioni degli associati non siano mancate le violente ritorsioni, che hanno trovato manifestazione in incendi di intere attività commerciali, in episodi di violenza privata e in danneggiamenti di notevole entità. Le indagini hanno permesso di dimostrare anche la disponibilità di armi in capo agli associati, i quali, in diverse occasioni, hanno dato prova di poterne fare uso all’occorrenza. Gli inquirenti ritengono che Pietro TAGLIAVIA, direttamente o per mano dei suoi più fidati collaboratori, abbia fornito costantemente la prevista assistenza economica a favore dei carcerati, dimostrata chiaramente, oltre che dalle attività tecniche, anche dal sequestro di un registro riportante tutte le somme versate a favore dei singoli detenuti. La strutturata attività di indagine ha altresì permesso di dimostrare il totale controllo, da parte dell’associazione, di un “gruppo imprenditoriale”, distribuito su diverse Regioni ma particolarmente radicato in Sicilia e Toscana, il quale, sistematicamente ed in forma organizzata, ha presieduto ad una molteplicità di reati tributari, in particolare utilizzando fatture false per decine di milioni di euro. Le aziende in questione, anche attraverso continui mutamenti degli organi societari e delle compagini imprenditoriali, si sono inoltre sottratte agli accertamenti del fisco ed alla coattiva riscossione delle imposte accertate in seguito a verifiche fiscali, arrivando a sviluppare complessivamente volumi d’affari annui, in relazione alle vendite effettivamente operate, per oltre 50 di milioni di euro, “foraggiando” senza soluzione di continuità la cosca mafiosa di riferimento, destinataria finale dei proventi derivanti dalla vendita degli imballaggi industriali, di fatto incassati senza il versamento di imposte. Il gruppo di imprese facente riferimento al mandamento mafioso ha, così, potuto prosperare e guadagnare posizioni di mercato a discapito degli operatori corretti, diventando uno dei leader nazionali del settore, anche in virtù dei prezzi particolarmente concorrenziali praticati.   Polizia di Stato e  Guardia di Finanza, nel corso delle operazioni, hanno proceduto, rispettivamente, al sequestro di numerosi veicoli ed autoveicoli utilizzati per la commissione dei reati contestati, nonché delle aziende riconducibili agli esponenti arrestati.


Palermo Carabinieri arrestano trafficante internazionale beni archeologici. I militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale Nucleo di Palermo hanno arrestato un ricercato a livello europeo, responsabile di traffico internazionale di beni archeologici siciliani. I militari presso l’aeroporto di Roma Fiumicino, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Termini Imerese (PA), hanno arrestato un 50enne, italiano residente a Monaco di Baviera, di origini niscemesi, indagato per associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione di beni archeologici. L’arresto si inserisce nell’ambito dell’Operazione “Himera” che, a maggio del 2016, ha portato all’esecuzione di 3 misure cautelari personali, la denuncia di 22 persone ed il sequestro di oltre 400 reperti di epoca greca e romana. Le indagini del Nucleo TPC di Palermo, coordinate dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese, sono state avviate nel 2014, a seguito di un intenso fenomeno di scavi clandestini presso l’area archeologica di “Himera”, in località Buonfornello. Il lavoro investigativo ha permesso ai carabinieri di far luce su una complessa rete criminale, in grado di gestire tutte le fasi del traffico illecito: dagli scavi clandestini in vari siti siciliani, all’esportazione illecita (tramite “corrieri”) in Germania dove i beni, attraverso vari espedienti che ostacolavano l'identificazione della loro provenienza delittuosa, venivano rivenduti. Il personaggio, che svolgeva la funzione di “corriere” nell’ambito del sodalizio, in quanto non rintracciabile in territorio italiano, è stato destinatario di un mandato di arresto europeo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Termini Imerese (PA).  Le  risultanze investigative del Nucleo TPC di Palermo ed il supporto del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale, hanno permesso la localizzazione  del soggetto e procedere all’estradizione in Italia. Il  “corriere”,  espletate le formalità dell’arresto appena giunto sul territorio nazionale, è stato condotto a Niscemi (CL), in regime di arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria siciliana. Le indagini all’estero proseguono per il recupero dei beni illecitamente esportati dal territorio nazionale e per l’individuazione degli ulteriori complici dell’organizzazione.


Palermo CC, preso Pusher  e 800 g. hashish. I Carabinieri dell’Aliquota Operativa e della Stazione di Monreale hanno bloccato il palermitano S.D.P. 27enne, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari dell’Arma hanno notato che il giovane aveva posato un pacchetto di sigarette in una fioriera. Gli investigatori, appena recuperato il contenitore hanno trovato al suo interno 15 dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish da 1 grammo l’una. La perquisizione domiciliare eseguita successivamente ha consentito di rinvenire ben 7 panetti di hashish da 100 grammi l’uno e 1 barattolo contenente sostanza stupefacente dello stesso tipo, divisa in dosi di peso diverso, per un totale di 123 grammi, oltre al bilancino di precisione e 3 taglierini intrisi di sostanza stupefacente. L’Autorità Giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari;  in attesa del giudizio di convalida al Gip. Il Giudice in quella sede ha convalidato l’arresto e disposto la misura degli arresti domiciliari.


PalermoScuterista all’alt investe Poliziotto, CC ed agenti lo bloccano. Agenti  della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. Brancaccio e militari  dell’aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Misilmeri, di sera, hanno tratto in arresto per resistenza a P.U. il palermitano William BRUNO  29enne e denunciato in stato di libertà L.G., 16enne.  Una  Volante della Polizia, intorno a mezzanotte, in servizio di prevenzione e controllo del territorio, in piazza Figurella, a Villabate, si è accostata ad una pattuglia dell’Arma Carabinieri che stava effettuando un posto di controllo. I  Militari , in quel frangente, hanno intimavano “l’Alt “ ad un ciclomotore con a bordo 2 persone, ma il conducente, dopo una brusca frenata, ha effettuato una repentina e pericolosa inversione ad “U” tentando di eludere il controllo e scappando per piazza Figurella, in controsenso. Il  ciclomotore, nell’effettuare  la manovra è finito per rovinare per terra. I  due giovani sono stati raggiunti da un Agente e da un Militare, ma i 2 maldestri sono riusciti a rialzare il ciclomotore ed a riprendere la marcia.  William Bruno, durante questo ennesimo tentativo di fuga alla guida del ciclomotore, ha investito il Poliziotto che si era posto davanti al mezzo per impedire che si dileguasse, ma ha perso il controllo del ciclomotore ed è stato definitivamente bloccato, insieme al suo complice.


Palermo - Reali Olanda, re Gugliemo e regina Maxima a Palermo. Il presidente Crocetta ed il sindaco  Orlando hanno accolto la coppia  reale d’Olanda che si trova in Sicilia per visitare Palermo. Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta ed il sindaco Leoluca Orlando,  stamane si sono recati in aeroporto al Falcone e Borsellino di Palermo. I  reali di Olanda : Re Gugliemo e la regina Maxima, sono in tour nell'ambito di un giro italiano di 4 giorni. Il  presidente Rosario Crocetta ha detto : “La visita non ha il solo scopo di conoscere la città ma anche quello di studiare il modello di accoglienza degli immigrati che viene praticato in Sicilia e che è apprezzato in tutta Europa. Alla coppia reale il più cordiale  benvenuto nell'isola più bella del mondo, manifestando la gioia e l'onore per  la presenza degli illustri ospiti”. 


Palermo - In spiaggia a spasso con arma bianca, CC 1 denunciato. La  Compagnia Carabinieri di Palermo San Lorenzo con l’avvio della stagione balneare, ha incrementato i controlli, soprattutto sulle spiagge e sulle maggiori vie di comunicazione della giurisdizione. I militari, nel pomeriggio di ieri, hanno  predisposto un servizio straordinario, con scenario di riferimento le spiagge di Mondello e Valdesi. Un 58enne è stato denunciato perché andava a spasso con un coltello di genere proibito, del quale non ha saputo fornire spiegazioni sul possesso. I militari hanno poi controllato e sanzionato ben 7 venditori abusivi, 3 italiani e 4 stranieri, poiché intenti al commercio senza le autorizzazioni previste. I 7 personaggi  sono stati sanzionati, per un totale di  5.778 €, sequestrati mezzi ed attrezzatura per il commercio. 5 gestori di altrettanti esercizi commerciali, sono stati invece sanzionati per occupazione abusiva del suolo pubblico: nelle attività commerciali di ristorazione e bar, non rispettavano i limiti autorizzativi. 2 parcheggiatori abusivi, sorpresi ad effettuare l’attività nei pressi delle spiagge sono stati multati. I controlli continueranno, al fine di garantire un’estate tranquilla ai cittadini ed ai tanti turisti presenti.


Palermo Carini, intitolata  strada  a  carabiniere Cutietta caduto in guerra. La  locale sezione dell’associazione nazionale carabinieri, nel 75esimo anniversario del sacrificio del soldato carinese ha proposto all’amministrazione comunale d’intitolare una strada di Carini al carabiniere Giuseppe Cutietta. Il militare era nato a Carini il 31 Gennaio 1910 ed è caduto sul campo di battaglia a Qukes (Albania) il 13 Aprile 1941, nell’adempimento del proprio dovere, durante gli eventi bellici del secondo conflitto mondiale. Le  Associazioni Militari state invitate alla manifestazione: Associazione Nazionale Carabinieri, Associazione Nazionale Marinai D’Italia, Associazione Nazionale Finanzieri D’Italia, Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, un invito speciale  all’Associazione SiciliAntica della sede di Isola delle Femmine per le ricerche storiche delle due guerre mondiali effettuate dal presidente Agata Sandrone. Il raduno si è svolto davanti al Palazzo comunale di Carini.  Un  corteo si è snodato fino al monumento dei caduti con una  cerimonia e deposizione di una corona.  La  santa Messa è stata celebrata in chiesa Madre dall’arcivescovo Michele Pennisi. La  scopertura della lapide toponomastica lungo la strada statale 113, con la  partecipazione della fanfara del 12° Battaglione Carabinieri Palermo ha concluso la manifestazione.


PalermoTenta forzare edicola: CC, 1 inseguito e preso. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno bloccato Fabio La Mattina 34enne, nato e residente a Palermo con l’accusa di tentato furto. I Carabinieri, su richiesta della locale Centrale Operativa, si erano portati in via Principe di Villafranca dove hanno sorpreso La Mattina mentre stava tentando d’introdursi nell’edicola ubicata nella stessa via forzando la porta d’ingresso in vetro blindato dell’esercizio commerciale. Il personaggio   viste  le “Gazzelle” ha tentato la fuga ma  dopo un breve inseguimento in via Catania è stato bloccato dai militari ed identificato. La Mattina, dopo le  formalità di rito, è stato accompagnato presso la sua abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Il soggetto, dopo la convalida dell’arresto  è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.


Palermo Agenti bloccano 2 fratelli per contrabbando 90 kg tabacchi. La Polizia di Stato ha tratto in arresto 2 fratelli, palermitani già noti,  Matteo  28enne ed Antonino BIONDO 25enne colti nella flagranza del reato di detenzione di tabacchi lavorati esteri privi del sigillo dei Monopoli di Stato. Gli Agenti della Squadra Mobile di Palermo, nell’ambito di mirate attività investigative all’interno del popolare quartiere Zen, hanno sorpreso  Antonino Biondo a vendere su un banchetto di legno alcune stecche di sigarette estere prive del sigillo dei Monopoli di Stato, mentre altre stecche erano adagiate in sacchetti di plastica sul selciato. I poliziotti, successivamente hanno sottoposto a perquisizione anche l’abitazione, dove, abilmente occultate, sono state rinvenute ulteriori 78 stecche di “bionde”, anch’esse prive dei previsti sigilli, per un totale complessivo, comprese quelle che il personaggio vendeva in strada, di oltre 30 Kg. Gli agenti nell’ambito delle stesse attività, hanno deciso di effettuare un altro controllo presso l’abitazione del fratello Matteo Biondo, già noto per analoghi episodi di contrabbando di sigarette. I tutori dell’ordine, nell’abitazione, nascoste in alcuni borsoni, valigie e sacchetti,  hanno rinvenuto 296 stecche di sigarette estere di varie marche, prive del sigillo dei Monopoli, per un peso complessivo di circa 60 chilogrammi. I  due fratelli alla luce di quanto emerso, sono stati tratti in arresto per il reato di detenzione di tabacchi lavorati esteri privi del sigillo dei Monopoli di Stato e condotti presso gli Uffici della Squadra Mobile per gli adempimenti di rito.  Le sigarette rinvenute, per un peso complessivo di oltre 90 Kg, venivano poste sotto sequestro.


Bagheria PA –   CC preso liberiano con eroina: valore 400mila €. I militari della Stazione di Bagheria hanno tratto in arresto  Peter KEVIN 46enne cittadino liberiano,  per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I controlli continui dei Carabinieri sono stati finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti. Le risultanze investigative raccolte dai militari hanno permesso di individuare il soggetto in una zona di Palermo dove era solito cedere sostanza stupefacente. Il personaggio, sentendosi braccato, ha tentato la fuga cercando di liberarsi di 4 ovuli che contenevano sostanza stupefacente. I militari hanno recuperato circa 60 grammi di eroina che  avrebbero fruttato sul mercato oltre 400mila € di guadagno. Un’accurata perquisizione ha permesso di rinvenire anche una quantità di 3 grammi di marijuana ed una somma contante di circa 1000, verosimile provento dell’attività. Le operazioni di identificazione hanno permesso di verificare che lui era destinatario di un provvedimento degli arresti domiciliari emesso dal Tribunale di Palermo nel 2014, per reati concernenti l’ambito degli stupefacenti; mai notificato all’interessato che, da allora, aveva fatto perdere le sue tracce. Il soggetto, non avendo inoltre ottemperato ad un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Palermo, è stato deferito all’ Autorità Giudiziaria. Kevin Peter  è stato tradotto presso la Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria ed in attesa dell’udienza di convalida.


Palermo - Coltiva marijuana ai domiciliari a Brancaccio: 1 in manette. Si tratta di Salvatore Ciprì 29enne palermitano, costretto in regime di detenzione domiciliare, nella sua abitazione in zona  Brancaccio, il quale ha finito con l’arresto il tentativo di botanica “fai da te”.   Agenti della Polizia di Stato, stanotte  durante un controllo effettuato nell’abitazione del personaggio, per verificarne la presenza, hanno colto un acre ed inconfondibile odore di sostanza stupefacente che ha consigliato loro di approfondire il controllo. I  poliziotti del Commissariato di P.S. “Brancaccio”, seguendo il forte odore, hanno raggiunto il camerino dell’abitazione, confinante attraverso una parete in carton gesso, con un vano che ospitava 6 vasi con relativi arbusti di marijuana, alti metri 1,60, cadauno e tutta l’attrezzatura necessaria alla coltivazione ed allo sviluppo della piccola serra indoor. Ulteriori controlli hanno portato gli agenti a scoprire come l’abitazione del soggetto, insieme ad altre due unità dello stesso edificio, riconducibili a congiunti del Ciprì, fossero allacciate abusivamente alla rete elettrica pubblica. L’allaccio era stato occultato sotto traccia muraria a sua volta celata da uno strato in cemento e ricoperto da intonaco colorato. Le piante e l’attrezzatura sono state sequestrate, Ciprì è stato tratto in arresto ed i due congiunti denunciati a piede libero. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.


Palermo -   Polizia blocca 2 fratelli “topi” d’auto in fuga. Agenti appartenenti al Commissariato di P.S. “Oreto - Stazione” hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, due  palermitani, Z.R. 22enne e Z.S. 36enne, ritenuti responsabili del reato di furto aggravato in concorso. I poliziotti, intorno a mezzanotte, transitando per via Oreto, hanno notato un’autovettura Fiat 500, con a bordo due individui il cui guidatore, alla vista della pattuglia di Polizia ha dapprima rallentato repentinamente, per poi riprendere la marcia. La  manovra ha insospettito gli agenti che  hanno deciso di effettuare un controllo, intercettando la vettura in via Mortillaro. I tutori dell’ordine hanno fermato il veicolo, ed i due occupanti hanno tentato di guadagnare la fuga abbandonando l’auto. I sospetti  sono stati subito raggiunti e bloccati dai poliziotti. 1  dei due, in quel frangente, ha cercato di disfarsi di un oggetto metallico che, prontamente recuperato, è risultato essere una chiave alterata, il cosiddetto “spadino”, utilizzato per aprire le auto. Il  controllo sulla Fiat 500, ha permesso di appurare come la serratura lato guida ed il bloccasterzo fossero stati forzati. I due fratelli, in un primo momento hanno riferito di avere avuto l’auto in prestito da alcuni parenti, ma davanti all’evidenza dei fatti ed incalzati dalle domande degli agenti, hanno ammesso di averla rubata pochi minuti prima del controllo, in via  Silvio Boccone, dove si trovava regolarmente parcheggiata. La chiave alterata è stata posta sotto sequestro e i due fratelli dichiarati in arresto.


Palermo –  Operazione Fondali puliti a Isola delle Femmine. Le squadre hanno  recuperato: pneumatici, reti abbandonate, bottiglie di plastica e tanto altro, che sono stati successivamente differenziati e trasportati all’isola ecologica. SiciliAntica, Lega Ambiente, Explora , Asci Associazione Scout, Giornale di Isola , Rifiuti e Spreco Zero, Isola del Vento Vela, Diving J. Cousteau, Diving Dreams, Enpa, Guardia Costiera Ausiliare, Liberi Tutti, Isolnautica, Tecnomare, Cogepa Consorzio Pesca Artigiana, Area Marina Protetta Capo Gallo, Pescatori di Isola delle Femmine hanno preso parte alla manifestazione. La  Capitaneria di Porto di Palermo ha collaborato all’attività. Il riscontro   è stato grande per impatto sociale nell’Operazione “Fondali puliti” promossa dal Comune e dalle associazioni locali.  I Volontari e le squadre di sub si sono impegnati sabato 22 aprile per la pulizia dei fondali del porto di Isola delle Femmine, gli scali di alaggio e la scogliera tra il mercatino del pesce e punta Parato. I volontari si sono ritrovati alle 8 del mattino a piazza Pittsburgh dove era stato fissato il campo base.Tutti  i gruppi che hanno partecipato all’iniziativa sono stati premiati al termine delle operazioni di pulizia.


Palermo -  CC trovano deposito droga allo ZEN. Una  pattuglia di motociclisti del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Palermo, impegnata nella tarda mattinata in un servizio di controllo del territorio, transitando in una traversa di via Agesia di Siracusa, ha notato una porta di metallo del sottoscala di una palazzina, parzialmente aperta. I Carabinieri insospettiti sono andati a controllare, scoprendo che su di un ripiano erano poggiate: 30 stecche di hashish del peso complessivo di 70 grammi, 28 dosi di marijuana del peso di 40 grammi, 1 busta contenente marijuana del peso di 25 grammi, 2 involucri contenenti 10 grammi di cocaina, materiale per il confezionamento ed il taglio delle dosi ed 1 bilancino di precisione. Tutta la sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro, ed inviata al Laboratorio Analisi Scientifiche del Comando Provinciale di Palermo per le analisi qualitative e quantitative.


 

Palermo -   Carabinieri ed agenti ammanettano un pusher in stazione. Si tratta di C.G. 21enne cefaludese. I  militari della locale Stazione ed   i poliziotti del Commissariato di P.S. della cittadina, sabato scorso, 18 febbraio, presso la locale stazione ferroviaria, hanno tratto in arresto,  C.G. per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Il   giovane, dopo essere sceso dal treno regionale proveniente da Palermo, accortosi della presenza di Carabinieri e Poliziotti nei pressi dell’uscita principale, aveva tentato di allontanarsi dalla stazione ferroviaria da un’uscita secondaria.  Militari ed Agenti insospettiti,  hanno,   raggiunto il 23enne ed a seguito della perquisizione personale hanno rinvenuto nella tasca dei pantaloni in tuta poco meno di una quarantina di grammi di sostanza stupefacente del tipo “hashish suddivisa in 15 dosi e, nella tasca della felpa, una “panetta” della medesima sostanza stupefacente del peso di circa gr. 90,00. Le  manette sono così scattate ai polsi del giovane cefaludese che, al termine degli accertamenti di rito e su disposizione del PM della Procura di Termini Imerese, è stato tradotto presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese.


PalermoCon corda a collo padre uccide figlio in lite. I carabinieri hanno trovato  Antonino ALU’ 61enne autista il quale ancora stringeva con forza una corda al collo del figlio Giuseppe 41enne, ormai morto.  Una  telefonata al 112 è giunta pochi minuti dopo le 14.00, l’interlocutore HA segnalato una lite furibonda in un appartamento in via Trapani ad Alimena (Pa). Una  pattuglia della locale Stazione Carabinieri è giunta immediatamente sul posto. Gli uomini dell’Arma entrati nell’appartamento, ed hanno trovato Antonino ALU’  mentre stava ancora stringendo con forza una corda al collo del figlio Giuseppe  il quale ormai era privo di vita. Il medico di guardia arrivato in via Trapani non ha potuto fare altro che constatare il decesso. I  Carabinieri della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Palermo ed il medico legale sono giunti sul posto per gli accertamenti di legge.  L’autista Antonino ALU’ è stato immediatamente condotto negli uffici della Compagnia Carabinieri di Petralia Sottana ed è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Palermo CC, presi 3 catanesi che smerciavano soldi falsi. Si tratta di Cristian Camilo Todaro Melendez 31enne nato in Colombia, residente a Catania, Sarah Niceforo  20enne nata e residente a Catania e Luciano Alessandro Gatto 25enne nato e residente a Catania. I  Carabinieri della Compagnia di Petralia hanno bloccato tre persone con l’accusa di spendita ed introduzione nello Stato di monete falsificate. L’operazione è scattata dopo una segnalazione giunta al 112.   Un  commerciante ha avvertito i militari che 3 clienti, 2 soggetti ed 1 donna, avevano acquistato merce pagando in 2 negozi diversi, con banconote da 50 euro risultate essere false. Le ricerche erano scattate immediatamente. I tre malfattori sono stati fermati nei pressi dell’autostrada, vicino Alimena, comune nel quale avevano messo in circolo le banconote false, prontamente reperite e sottoposte a sequestro. Cristian Camilo Todaro Melendez, Sarah Niceforo e Luciano Alessandro Gatto   sono stati giudicati in sede direttissima presso il Tribunale di Termini Imerese che, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto: per Sarah Niceforo la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e per Todaro Meledez e Gatto la misura dell’obbligo di dimora.


PalermoCani antidroga scoprono pusher: CC 1 ai domiciliari. I  militari dell’Arma nei giorni scorsi  hanno nuovamente tratto in arresto    Alessandro Avella 35enne palermitano, in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, a più di 4 mesi di distanza dall’ultimo arresto effettuato dai Carabinieri nei suoi confronti.  L’ostinazione dei militari e l’infallibile fiuto dei cani anti droga, ha fatto si che la perquisizione avesse buon  esito. Avella infatti aveva occultato in casa più di 90 grammi di hashish e 10 grammi di marijuana, tutto già opportunamente suddiviso in confezioni termosaldate. Il Giudice ha convalidato l’arresto e disposto nuovamente gli arresti domiciliari.


Palermo Intimidazione mafia a Di Matteo: solidarietà Musumeci. Il  presidente della Commissione Antimafia dell'Ars, Nello Musumeci ha dichiarato: ''Il magistrato Nino Di Matteo sappia che le istituzioni siciliane sono accanto a lui: la mafia stavolta non riuscirà a trovare compiacenze, come forse è accaduto nel '92'. Rivolgo un appello a tutte le parti politiche: in pochi mesi è la seconda volta che giunge notizia di un attentato per un magistrato antimafia, per questo non possiamo e non dobbiamo dividerci. Creare contrapposizioni su chi è più anti mafioso degli altri e su chi ha la coperta più bianca esposta al balcone non serve. Emarginiamo chi sbaglia, senza compiacenze e senza alcuna pietà, ma sulla legalità e sulla lotta alla criminalità organizzata evitiamo la ricerca del titolo a tutti i costi. La  debolezza della politica e l'incompetenza arrivista di certa classe dirigente sono linfa per l'associazione mafiosa che non vuole governi forti, ma istituzioni deboli da condizionare. Non possiamo permettere che i successi raggiunti dallo Stato negli ultimi anni vengano vanificati''. È stato un Collaboratore a rivelare:”Cosa nostra starebbe organizzando un attentato a Palermo, dove sarebbero già arrivati 15 chili di esplosivo”. La notizia sarebbe stata   data circa un mese addietro agli investigatori dal collaboratore legato al traffico di droga e ritenuto abbastanza attendibile. L’informatore non avrebbe fatto nomi, ma il maggiore indiziato è il pm del processo sulla trattativa Stato-mafia, Nino Di Matteo, al quale è stata rafforzata la scorta, con l'aggiunta di tre carabinieri del Gis, il Gruppo intervento speciale.


Palermo Corso per diventare conciliatori a Palermo. L’iniziativa è programmata per venerdì 23, nella sede di Unioncamere Sicilia. I tempi lunghi ed i costi elevati con esiti incerti sono spesso la fotografia della giustizia civile con la quale si confrontano imprese e cittadini. Una via più breve è rappresentata dalla conciliazione, uno strumento di giustizia alternativa che consente di arrivare alla risoluzione delle controversie in maniera più veloce ed economica. Per questo Unioncamere Sicilia organizza un corso di specializzazione per formare “Conciliatori di controversie societarie, bancarie e di intermediazione finanziaria”. L’iniziativa, inserita nell’ambito della settimana nazionale della conciliazione (19-24 ottobre), è presentata venerdì 23 ottobre, alle 11, a Palermo, presso la sede di Unioncamere Sicilia, in via E. Amari 11. A fare gli onori di casa saranno Giuseppe Pace ed Alessandro Alfano, rispettivamente presidente e segretario generale di Unioncamere Sicilia. Parteciperà anche l’avvocato Roberta Calabrò di Adr Center spa, società leader nella risoluzione delle controversie ed accreditata dal ministero della giustizia come ente abilitato a tenere corsi di formazione specialistica sulla conciliazione. I professionisti di Adr Center formeranno gli aspiranti conciliatori di Palermo.Nel corso dell’incontro verranno diffusi i numeri delle controversie risolte tramite la mediazione extragiudiziale con un focus sull’utilizzo di questo strumento nelle regioni del Mezzogiorno e, in particolare, in Sicilia.


Palermo - "Verso una legge sull'editoria in Sicilia" è il titolo di un incontro-dibattito organizzato dall'assessore regionale per i Beni culturali e per l'Identità siciliana, Gaetano Armao. L’appuntamento è per venerdì 23 aprile, giornata nazionale del libro e sabato 24 aprile all'Albergo delle Povere di Palermo. Presenti: il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e l'assessore Armao. Si tratta di 2 giorni per fare il punto della situazione sull'editoria siciliana, con riferimento ai libri, ai giornali, ai periodici, alle tv, alle radio e all'informazione che 'viaggia' via Web. "Abbiamo organizzato questa due giorni sull'editoria - dice l'assessore Armao - per raccogliere i suggerimenti di tutti i protagonisti del mondo dei libri e del giornalismo. Con l'obiettivo di arrivare a un disegno di legge regionale sull'editoria". L'apertura dei lavori è prevista alle 09,30 con gli interventi introduttivi di Lombardo e Armao. Seguiranno le relazioni dei docenti universitari Giuseppe Verde, Antonio La Spina e Antonio Purpura che illustreranno, sotto diverse prospettive (giuridica, sociologica ed economica), la situazione dell'editoria in Sicilia. Poi sarà la volta di alcuni dei protagonisti dell'informazione e dell'editoria libraria: Franco Nicastro, presidente dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, Alberto Cicero, segretario regionale dell'Assostampa, Vincenzo Morgante, caporedattore del Tgr Sicilia, Bruno Della Ragione, avvocato del Foro di Roma, esperto di diritto dei media, Marisa Dolcemascolo, consigliere delegato della Flaccovio editore. La discussione verte nel pomeriggio, sui "Problemi e sulle prospettive dell'editoria in Sicilia",  per dare voce agli esponenti dei diversi comparti dell'editoria. Interverranno:  Salvatore Cusimano, direttore della sede regionale Rai, Carmelo Rapisarda, editore dei Vespri, Carlo Alberto Tregua, direttore del Quotidiano di Sicilia, Francesco Foresta, direttore responsabile di I love Sicilia, Paolo Oreto, editore. Concluderà i lavori Fausto Maria Fagone, presidente della commissione legislativa Cultura, Formazione e Lavoro dell'Ars. Sabato 24 aprile, alle 09,30, tavola rotonda su "L'editoria siciliana per l'identità siciliana". A moderare i lavori sarà il giornalista Piero Fagone. Interverranno: Antonello Perricone, amministratore delegato della Rcs, Angelo Sajeva, presidente e amministratore delegato della Mondadori pubblicità, Domenico Ciancio Sanfilippo per il quotidiano La Sicilia, Giovanni Pepi, condirettore responsabile del Giornale di Sicilia, Giancarlo Licata, responsabile della redazione Rai Mediterraneo, Salvatore Parlagreco, direttore di Siciliainformazioni.com. Concluderà i lavori l'assessore Armao.


Palermo -  Bookmaker clandestini: Polizia chiude 2 centri scommesse. I controlli degli agenti volti a reprimere il fenomeno delle scommesse clandestine continuano, incessanti e questa volta nelle maglie dell’attività ispettiva della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Palermo,  sono stati i gestori di due esercizi bagheresi.  I tutori dell’ordine dell’ufficio,  e del Commissariato  di P.S. Bagheria, ieri, hanno accertato la raccolta abusiva, per bookmaker clandestini, in due esercizi.  I gestori dei due punti, ubicati in via Piave e nel centralissimo corso Butera, raccoglievano “puntate” su eventi sportivi per conto di allibratori  stranieri. Il tutto come sempre, in assenza di licenza di Pubblica Sicurezza e di concessione governativa dei Monopoli. I titolari Sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e sono stati sottoposti a sequestro preventivo i due esercizi, nonché le numerose postazioni informatiche ed i monitor contenenti  palinsesti delle scommesse. L’intensificazione dei controlli, in ambito amministrativo e con riguardo ai centri scommesse, ha assicurato altri importanti risultati, infatti a Palermo a seguito di un controllo, gli agenti della Polizia di Stato in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale hanno denunciato in stato di libertà i gestori di un internet point di via Spedalieri per gli stessi reati.


Palermo -  Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini  ha  presentato   a palazzo d'Orleans al presidente della Regione, Raffaele Lombardo,  il progetto del nuovo stadio che sorgerà allo Zen. “Abbiamo chiesto all'architetto Gino Zavanella - ha detto Maurizio Zamparini - di progettare un stadio adatto alle esigenze di una città come Palermo, ma che sia a servizio di tutta la  Regione. Non a caso si chiamerà Stadio della Sicilia. Avrà una capienza di 36.000 posti ed il costo sarà a totale carico dei privati. Sarà dotato dei servizi recettivi più moderni ed in grado di svolgere una pluralità di funzioni. Uno stadio a misura, non solo degli sportivi, ma anche delle famiglie, dei bambini e degli anziani”. Il presidente della Regione Raffaele Lombardo ha commentato :“Ho rivolto a Zamparini i miei più sinceri ringraziamenti perché, grazie al suo impegno, Palermo e la Sicilia saranno dotati di una struttura sportiva in grado di far fronte anche alle grandi opportunità che si aprono per il futuro, come la possibilità di avere a Palermo alcune partite dei campionati europei del 2016. Pur non essendo previsto alcun onere per la Regione, saremo pronti ad accompagnare lo sforzo di Zamparini per far sì che questo progetto possa trovare concretizzazione al più presto”.


Palermo - Generale Brigata Giuseppe Governale a Comando Legione Carabinieri Sicilia. L’avvicendamento è stato tra il Generale di Divisione Riccardo Amato, che ha lasciato, dopo tre anni, il Comando della Legione Carabinieri “Sicilia”, per assumere l’incarico di direttore della Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia a Roma, ed il Generale di Brigata Giuseppe Governale, proveniente dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. La cerimonia si è svolta  il 2 luglio nella Caserma “Carlo Alberto Dalla Chiesa” a Palermo. Il Generale Giuseppe Governale,

 

palermitano di nascita, torna in Sicilia dove è stato Comandante Provinciale di Catania dal 2007 al 2010, con importanti risultati nel contrasto alla criminalità organizzata e comune. L’alto ufficiale ha ricoperto prestigiosi incarichi presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, è stato Comandante Provinciale di Modena, delle Compagnie di Livorno e Milano – Porta Monforte e del Nucleo Operativo della Compagnia di Napoli – Centro. All'alto ufficiale gli auguri di buon lavoro da L'INFORMATORE di Sicilia e personali. i.l.p.