L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SU L'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIM'ORA

NOTIZIE

ULTIM'ORA

NOTIZIE DA

©  REGIONE
©  CATANIA

©  PALERMO

©  MESSINA
©  SIRACUSA
©  ACIREALE
©  LENTINI
©  CARLENTINI
©  FRANCOFONTE
©  FLORIDIA

RUBRICHE

Ain politica
©  SPORT
©  ANNUNCI
©  EVENTI
©  CONCORSI
©  SEGNALAZIONI
©  INTERNET
©  VOLONTARIATO
©  ZODIACO
©  RICETTE
 

Siracusa - Solenne esposizione del simulacro di Santa Lucia. La Deputazione della Cappella di Santa Lucia ha predisposto le manifestazioni per il tradizionale incontro di preghiera con i fedeli siracusani e forestieri ospiti in città. Il simulacro di Santa Lucia, nel periodo estivo,  sarà esposto solennemente presso la sua cappella nella chiesa Cattedrale, ininterrottamente dalle ore 7.30 sino al termine delle funzioni, nei seguenti giorni: domenica 11 luglio, domenica 8 agosto e domenica 12 settembre. Sante Messe saranno celebrate alle ore 8, 10.30, 12 e 19 nel corso delle giornate.

† Giuseppe Costanzo

 
 
 

 INFORMAZIONI CONTATTA:

ilapera@infinito.it 

 
 
 

Inviate all’INFORMATORE

i vostri messaggi:

i.lapera1@tin.it  

 
 
 
 
 
 

NOTIZIE ULTIM'ORA 24 ORE SU 24


  SIRACUSA

"Corpo Santa Lucia da Venezia a Siracusa"


 Siracusa - "Corpo Santa Lucia da Venezia a Siracusa".L'arcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, annuncia ufficialmente l'arrivo del corpo della Vergine Martire che si trova custodito nella chiesa di Santa Lucia e Geremia a Venezia. L'arcivescovo mons. Pappalardo ha affermato : "Le sacre spoglie di Santa Lucia ritorneranno per una breve visita a  Siracusa nel dicembre di quest'anno. Il patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia, che ringrazio, mi ha  confermato la sua disponibilità,  dopo che gli avevo personalmente richiesto di riavere il corpo della nostra  Patrona nel decennale della prima visita a Siracusa".  Le sacre spoglie di Santa Lucia arriveranno a Siracusa il 14 dicembre e  ripartiranno per Venezia il 22. I dettagli della visita saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa  che sarà convocata nei prossimi giorni.


56° ANNIVERSARIO DELLA LACRIMAZIONE DI MARIA A SIRACUSA PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI

Siracusa – “La Chiesa e le lacrime di Maria” 29 agosto - 1 settembre : Questo è il tema delle celebrazioni del 56° Anniversario della lacrimazione di Maria a Siracusa che avranno luogo dal 29 agosto al 1 settembre.  Primo appuntamento dei festeggiamenti, domenica prossima, con la solenne benedizione del cotone con il rettore del Santuario Mons. Michele Giansiracusa. Poi il triduo di preparazione ed un intenso programma. Sabato 29 giornata dell'ammalato con la partecipazione dei volontari Unitalsi. Le celebrazioni eucaristiche saranno presiedute nei giorni dei festeggiamenti dall'Arcivescovo di Siracusa Mons. Salvatore Pappalardo, dall'Arcivescovo emerito di Siracusa Mons. Giuseppe Costanzo, dal vescovo di Nicosia Mons. Salvatore Muratore, e dal cardinale Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi. L'appello dell'Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo in occasione dell'anniversario della Lacrimazione.  "…Le lacrime di Maria - ha scritto l'arcivescovo - sono le lacrime della Chiesa che soffre perché ancora oggi, in tante parti del mondo, viene perseguitata e oppressa per la testimonianza a Gesù e l’annuncio del suo Vangelo. Innumerevoli sono i martiri che nel XX secolo, ed ancora oggi, hanno versato il sangue per la fede in Cristo Gesù e sono tante le situazioni di persecuzione in varie parti del mondo in cui la Chiesa non può svolgere il proprio ministero. Le lacrime di Maria che compaiono nelle apparizioni, con cui Ella, di tempo in tempo, accompagna la Chiesa nel suo cammino sulle strade del mondo» sono certamente lacrime di solidarietà e condivisione che «testimoniano la presenza della Madre nella Chiesa e nel mondo (Giovanni Paolo II, 6 novembre 1994. n.7). E anche fra noi, in nome di una malintesa laicità, la Chiesa soffre persecuzione e viene derisa ed emarginata quando annunzia il Vangelo, quando difende la sacralità della vita dal suo inizio al suo compiersi, l’indissolubilità del matrimonio e la necessità di prendersi cura dei poveri e degli ultimi! …". Mercoledì 26 agosto al via il Pellegrinaggio dei Giovani, che partirà da Brucoli per attraversare Priolo, Belvedere e arrivare venerdì 28, nel pomeriggio, al Santuario della Madonna delle Lacrime. Un cammino organizzato dall'Ufficio per la Pastorale giovanile che vedrà i giovani incontrare l'arcivescovo. In allegato il programma dei festeggiamenti, l'appello integrale dell'Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo, il programma del Pellegrinaggio dei Giovani. Per qualsiasi informazione sulla storia della Lacrimazione è possibile consultare il sito www.madonnadellelacrime.it

25 Agosto 2009  “Maria Madre di Cristo e Madre nostra”- ore 17.45 Santo Rosario - ore 18.30   Vespri solenni - ore 19.00 Santa Messa - ore 21.00  Veglia sotto le stelle animata dal Rev.do Don Salvatore Arnone. 26 Agosto 2009  Giornata della carità: Adottiamo un bambino.- “Giovanni la prese nella sua casa” - ore 17.30   Santa Messa -  ore 19.00       Santa Messa - AL TERMINE DELLA S. MESSA SOLENNE BENEDIZIONE DEL COTONE  27 Agosto 2009: “Le apparizioni: segno della materna carità di maria”- ore 16.45 Santo Rosario Meditato.-  ore 17.30 Vespri -  ore 19.00 Santa Messa .-  Nei giorni del triduo presiederà l’Eucarestia e detterà l’omelia  il Rev.mo Mons. Giuseppe Greco, Vicario Generale dell’Arcidiocesi 28 Agosto 2009 Giornata vigiliare Giornata Eucaristica -  ore 10.00 in Basilica: Santa Messa ed Esposizione del SS.mo e Adorazione silenziosa -  ore 17.30 Santo Rosario -  ore 18.15 Vespri solenni - Processione del Santissimo - Benedizione Eucaristica - ore 19.00 S. Messa -  ore 21.30 Arrivo del pellegrinaggio dei Giovani.-  Preghiera a Maria animata dai giovani della Diocesi -  ore 22.30         Pellegrinaggio della Parrocchia Chiesa Madre di Floridia guidato dal Rev.do Parroco don Antonino Lo Terzo. - Veglia e celebrazione eucaristica. - ore 24.00 - 06.00 Veglia mariana notturna animata dai gruppi del Santuario.


Mons. Salvatore Pappalardo Arcivescovo Metropolita

Roma - Il Santo Padre Benedetto XVI  ha nominato monsignor Salvatore Pappalardo   quale Arcivescovo Metropolita di Siracusa. Il neo Vescovo ha svolto finora le sue funzioni vescovili a Nicosia. La nomina di monsignor Salvatore Pappalardo quale Arcivescovo Metropolita di Siracusa è stata ufficializzata  dalla Sala Stampa della Santa Sede. Il neo  “pastore” della provincia siracusana sostituisce nell'incarico monsignor Giuseppe Costanzo, di cui il Papa ha accettato la rinuncia al governo pastorale presentata in conformità al can. 401 § 1 del Codice di Diritto Canonico.


La Catacomba di Santa Lucia

La Catacomba di Santa Lucia si configura come il più antico documento della presenza della Chiesa a Siracusa ed in Sicilia, testimoniando la vitalità della comunità cristiana già dalla prima metà del III secolo. L’apertura al pubblico della Catacomba di Santa Lucia era stata promossa, lunedì, 18 dicembre 2006, alle ore 18.00, dalla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra – Ispettorato per le catacombe della Sicilia Orientale, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siracusa, la Provincia Regionale di Siracusa e la società Kairos. Il cimitero è posto nel quartiere della Borgata, nella zona sud orientale della città, ad una distanza di circa 150 metri dal mare. Durante il lunghissimo arco temporale che va dal III sec. d.C. all’età normanna la catacomba ha subito notevoli modifiche, sia per i progressivi ampliamenti, sia per i ruoli diversi che essa ha rivestito nel tempo. Il complesso funerario, costituito da un cimitero di comunità e da alcuni ipogei di diritto privato, viene suddiviso in quattro regioni (A, B, C, D) collegate da gallerie, alcune delle quali utilizzate come rifugio antiaereo nel corso dell’ultimo conflitto mondiale. Nonostante si tratti di una parziale apertura del sito, l’area costituita dalle catacombe di San Giovanni, Vigna Cassia e Santa Lucia costituisce il complesso cimiteriale più importante dopo Roma, dove esistono un centinaio di siti, ma solo cinque di essi sono fruibili. Il messaggio Arcivescovo Giuseppe Costanzo: "Carissimi, come già Vi ho comunicato, quest’anno per la Festa di Santa Lucia verrà a presiedere la solenne Concelebrazione eucaristica Sua Eminenza il Sig. Cardinale Angelo Scola, Patriarca di Venezia. Siamo tutti profondamente grati al Patriarca per questo gesto di grande attenzione e di squisita partecipazione alla nostra devozione verso Santa Lucia. Egli ha dato nuovo impulso al dialogo tra Siracusa e Venezia. Nella sua sapienza pastorale ha promosso una commissione mista per approfondire il rapporto di conoscenza e di vicinanza tra le due Città con lo scopo di mettere in luce la nostra identità popolare in riferimento alla nostra Patrona.  Accoglieremo il Patriarca con viva cordialità e con profonda deferenza. Egli potrà constatare che il nostro culto e il nostro attaccamento a Santa Lucia è pieno di preghiera fervorosa e di devozione sincera, ma è anche lontano da ogni forma di fanatismo e di esteriorità vuota. Con questi sentimenti imploro dal Signore, per intercessione di santa Lucia, su di Voi tutti l’abbondanza delle benedizioni celesti"      † Giuseppe Costanzo


 

 

Notizie

 

Siracusa - Solenne esposizione del simulacro di Santa Lucia. Il simulacro di Santa Lucia sarà esposto solennemente nella sua cappella nella chiesa Cattedrale, ininterrottamente , domenica prossima, 12 settembre, dalle ore 7.30 sino al termine delle funzioni. La Deputazione della Cappella di Santa Lucia per il tradizionale incontro di preghiera con i fedeli siracusani e forestieri ospiti in città cura tutti gli aspetti organizzativi.  Nel corso delle giornate, una Santa Messa sarà celebrata alle ore 19.


LOURDES, FATIMA, SIRACUSA:

ATTUALITA’ E FORZA DI UN MESSAGGIO

L’appello dell’Arcivescovo

Un filo rosso lega le tre manifestazioni di Maria Santissima: un messaggio accorato della Madre ai suoi figli. C’è continuità fra i tre momenti storici che hanno segnato la presenza costante della Vergine Santa nel nostro mondo. C’è progressione dello stesso messaggio che si snoda lungo lo scorrere del tempo e che a Siracusa raggiunge un’intensità particolare: dopo aver parlato nelle varie apparizioni, a Siracusa Maria SS. si manifesta con le lacrime, che sono più eloquenti di ogni parola. Piange silenziosamente. Lacrime e silenzio: sono lacrime che sgorgano dal Silenzio, dal Mistero di Dio, nel quale Maria è immersa. Tutte le manifestazioni di Maria Santissima rivelano l’ansia della Madre per i suoi figli e per il loro destino, la tenerezza materna come riverbero dell’amore del Signore per gli uomini. Il cuore del messaggio che Maria SS. ripetutamente comunica agli uomini è compendiato nell’esortazione alla preghiera, alla penitenza, alla conversione. La preghiera cambia il cuore dell’uomo orientandolo a Dio; la penitenza cambia la tendenza egoistica prevalente nella nostra società e ci apre ai bisogni dei nostri fratelli; la conversione, con la forza del Vangelo, cambia la vita dell’uomo nel suo modo di pensare, di sentire, di agire e di essere. Questo messaggio a Siracusa ci raggiunge con la forza delle lacrime. Intravediamo anzitutto la partecipazione della Madre al dolore dei suoi figli: Maria sta ai piedi delle croci di tutti gli uomini d’oggi. Attraverso il pianto di Maria, inoltre, scopriamo che si perpetua fino ai nostri giorni il mistero della Croce: la Croce di Cristo rappresenta, ancora oggi, il tentativo di liquidare Cristo e il suo Vangelo dalla nostra società, in un inarrestabile processo di scristianizzazione. Ma Cristo ha cambiato di segno la sua Croce: da segno di odio e di rifiuto l’ha resa segno di amore e di accoglienza, di perdono e di salvezza. Su questa linea si pongono le lacrime del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria: esse possono cambiare la nostra storia. A condizione che raggiungano il nostro cuore, scuotendolo e convertendolo.