L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SU L'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

  REGIONE
 CATANIA

 PALERMO

 CALTANISSETTA
  MESSINA
 RAGUSA
 SIRACUSA
ACIREALE
 LENTINI
 CARLENTINI
 FRANCOFONTE
TAORMINA-G.NAXOS

RUBRICHE

in politica
SPORT
ANNUNCI
EVENTI
CONCORSI
SEGNALAZIONI
 INTERNET
VOLONTARIATO
 ZODIACO
RICETTE
LETTERE IN REDAZIONE


SiracusaReale: preoccupazione per inchiesta Procura su Inda. L’esponente politico siracusano

  Ezechia Paolo Reale scrive testualmente in un comunicato :  “L'indagine avviata dalla Procura di Siracusa sulla passata gestione della Fondazione INDA è motivo di grande preoccupazione. Non basta sperare che le indagini non interferiscano negativamente con l’avvio della nuova stagione 2015.  Fermi i compiti della magistratura e nel doveroso rispetto della presunzione di innocenza che assiste le persone coinvolte, Progetto Siracusa sollecita il sindaco Garozzo, Presidente della Fondazione Inda, e il nuovo  Consiglio di Amministrazione  ad avviare un'indagine amministrativa interna sui fatti portati alla luce dalla magistratura e ad adottare misure immediate per evitare il ripetersi di situazioni analoghe”.  Ezechia Paolo Reale


SiracusaAtto vandalico contro studio di Ezechia Paolo Reale. Infranto il vetro della finestra. Ignoti nella notte hanno scagliato  1 sasso contro la finestra dell’ufficio del professionista ed esponente politico al primo piano dello stabile di viale Montedoro.  Ezechia Paolo Reale è un noto avvocato, ed anche leader di “Progetto Siracusa-Sicilia Democratica”, ha già ricoperto la carica di assessore regionale all’Agricoltura ed stato candidato a sindaco del capoluogo alle ultime amministrative. Paolo Reale arrivato in ufficio, ha rinvenuto il sasso che un ignoto ha lanciato.   Gli  uomini della Polizia Scientifica e della Digos,  hanno avviato le indagini. Gli investigatori stanno vagliando più ipotesi. È chiara l’intimidazione.


Siracusa - Anselmo Madeddu riconfermato Presidente Ordine Medici Siracusa. Il  Consiglio dell’Ordine l’ha deciso ieri sera riunitosi appositamente  dopo le elezioni. Il consenso è stato talmente plebiscitario che non c’è stato bisogno di ricorrere alle urne.   Tutti i 15   nuovi consiglieri ed i 2 rappresentanti degli Odontoiatri hanno nominato Madeddu per acclamazione.   Anselmo Madeddu era già stato il candidato più votato nell’intera provincia nel corso delle elezioni generali che si sono svolte nei giorni scorsi per eleggere i nuovi 15 consiglieri. Il  presidente uscente, sancendo il suo successo personale, era stato votato dai tre quarti di tutti gli elettori medici votanti e la lista dei consiglieri uscenti, integrata dalle quattro new entry proposte è stata votata compatta dagli elettori. Il  nuovo Consiglio dell’Ordine, con votazione a scrutinio segreto, ha nominato anche il dr. Vincenzo Bosco vicepresidente, la dr.ssa Alba Spadafora segretario e il dr. Giovanni Barone tesoriere. Il dr. Dario Di Paola era stato già confermato Presidente degli Odontoiatri. Anselmo Madeddu ha dichiarato: “Sento il dovere di ringraziare il Consiglio dell’Ordine per l’unanime consenso mostratomi nell’affidarmi un compito così prestigioso ma anche gravoso, ma desidero ringraziare anche tutti i colleghi medici della provincia di Siracusa che col loro voto ci hanno voluto qui a rappresentarli. Non avendo mai fatto politica come è noto, ed avendo sempre svolto ruoli tecnici, interpreto questo consenso come una vera manifestazione di stima professionale da parte dei miei colleghi. Siamo pronti, dunque a perfezionare quel processo di modernizzazione che avevamo già avviato col precedente mandato, fondato sulle tre parole chiave di “partecipazione”, “trasparenza” e “servizio”. E’ bene ricordare infatti che nel corso delle elezioni di tre anni fa la presenza di tre liste diede vita ad un Consiglio di veri “eletti” più che di “nominati”, ma - proprio per questo - un Consiglio eterogeneo ed in conflitto. Tuttavia quella che inizialmente apparve una criticità si rivelò una straordinaria opportunità di cambiamento, perché diversità e pluralità in fondo sono state da sempre premessa di ricchezza culturale. Quello che inizialmente apparve come un Consiglio spaccato, da un anno a questa parte è riuscito a compattarsi, dando vita ad un laboratorio di idee fondato sulla reale rappresentatività dell’intero e molteplice elettorato che lo ha espresso, ponendo le basi di un vero cambiamento. Così, diversi punti del programma sono stati portati a termine, come ad esempio l’abolizione del gettone di presenza, la riduzione delle consulenze esterne, il potenziamento delle attività formative, la forte attenzione rivolta ai grandi temi della sanità locale. Ma tutto ciò non basta. Per cambiare e modernizzare profondamente l’organizzazione dell’Ordine è necessario guardare al futuro e garantirne il necessario ricambio, aprire ai giovani, favorire una reale alternanza. Ma soprattutto è necessario rimettere il cittadino al centro della mission dell’Ordine professionale, Ordine che non può certamente ridursi all’erroneo e anacronistico significato di una autoreferenziale difesa corporativistica di casta, ma deve promuovere il decoro e la qualità umana e tecnico-scientifica di una professione che, se sa porsi al servizio dei cittadini, non ha davvero pari al mondo”.


Siracusa - Avv. Giuseppe Brandino pres. Camera Penale Siracusa, Francesco Rio pres. Probiviri. Il  rinnovo delle cariche per la Camera Penale “Pier Luigi Romano” di Siracusa è per il prossimo biennio 2014/2016. L’avv.Giuseppe Brandino  è stato designato  Presidente della Camera Penale Pier Luigi Romano di Siracusa presso la sala “A. Recupero” del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, dove si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Direttivo e del Collegio dei Probiviri.  Vice presidente della Camera Penale di Siracusa  in carica per il prossimo biennio è l’avv. Dina D'Angelo, collaborata nel direttivo, dall’avv. Luca Partescano, Segretario, l’Avv. Luca Ruaro, Tesoriere, e l’Avv. Giuseppe Cristiano, Consigliere che completano la “formazione” di un Direttivo di giovani penalisti. I neo eletti hanno mostrato pieno  entusiasmo  ed dee per continuare a tenere alto il blasone e l'autorevolezza della Camera Penale Pier Luigi Romano. L’Avv. Francesco Rio è stato designato, Presidente del Collegio dei Probiviri, composto dagli avvocati Valentina Calcinella, Federica Cassia,  Antonino Leone e Antonio Lo Iacono.



Siracusa On. Santi Nicita: lunedì i funerali è morto il 4 gennaio. Già presidente della Regione siciliana negli anni 1983 e 1984 l’on. Santi Nicita    è stato parlamentare per due legislature. Giovanni Ardizzone presidente  Ars appena cominciata la seduta, è stato informato dal deputato del Pd, Bruno Marziano, è stato osservato dal Parlamento un minuto di silenzio. il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo , commentando la notizia della morte dell’ex presidente della Regione  ha affermato: “Santino Nicita è stato un protagonista assoluto della politica siracusana e regionale, uno degli artefici di quella stagione che ha portato il nostro territorio fuori dalle secche della povertà. Alla famiglia del presidente Nicita, al quale ero legato da stima e da amicizia personale, esprimo tutto il mio cordoglio e quello della città. Egli apparteneva  a quella generazione di politici che si è spesa per lo sviluppo di Siracusa, assumendosi la responsabilità di scelte anche difficili ma fatte nell’interesse della gente. Gli incarichi di alto prestigio dal lui ricoperti,  nelle istituzioni e nel partito in cui ha militato, furono il frutto di un’intelligenza politica da tutti riconosciuta”.  la camera ardente per Santi Nicita, da domenica a  palazzo Vermexio. Il sindaco, Giancarlo Garozzo, ha disposto l’apertura di una camera ardente per Santi Nicita nel salone “Paolo Borsellino” di palazzo Vermexio. Le persone che vorranno portare l’ultimo saluto all’ex presidente della Regione possono farlo il 5 gennaio  dalle 10 alle 22.I funerali dell’onorevole Nicita sono programmati per lunedì 6 gennaio, alle 15,30, in Cattedrale. L’on. Santi Nicita è stato amico dell’Informatore di Sicilia e personale, ai famigliari  le condoglianze.


Siracusa Asp apre sportelli esenzione. La convenzione stipulata con i CAF ai fini dell’assistenza per il rilascio delle esenzioni ticket per reddito, è cessata dal primo agosto, la competenza è passata interamente a carico dei Distretti sanitari aziendali. La Direzione aziendale dell’Asp di Siracusa, attraverso i Distretti sanitari, ha disposto l’apertura di sportelli dedicati. Il Distretto sanitario di Siracusa, a completamento della copertura provinciale, ha attivato quattro postazioni per l’attività di rilascio esenzione ticket per reddito nel Presidio territoriale di assistenza di via Brenta, 2 nell’Ufficio relazioni con il pubblico e 2 nell’Ufficio Anagrafe assistiti, aperte nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15 alle ore 17,30. Mario Zappia  commissario straordinario sottolinea: “In tal modo, nei Distretti di Siracusa, Augusta, Lentini e Noto vengono soddisfatte le numerose richieste che pervengono dagli utenti considerato che i CAF non sono più abilitati al rilascio di tale certificazione”. Per qualsiasi informazione è attivo il numero verde dell’Urp 800238780.


 Mammografie gratuite per i soci Lilt   

Siracusa  - Mammografia gratuita per i soci Lilt da lunedì 26 ottobre, fino a venerdì 30 ottobre, presso il Centro di Prevenzione della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Siracusa. La prima trance riguarda coloro i quali si sono prenotati la scorsa settimana. L’iniziativa, voluta dal Presidente della Lilt di Siracusa, dottor Claudio Castobello, rientra tra le attività del mese rosa. La Lilt da anni insieme a Estée Lauder Companies si dedica alla prevenzione del tumore al seno.  Per ogni donna, infatti, la prevenzione deve essere sinonimo di promozione del proprio benessere, della propria salute, ma anche della propria bellezza. “Il tumore al seno– ricorda il dottor Castobello - è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia, i nuovi casi di cancro al seno sono oltre quarantamila l’anno. Sconfiggere questa grave patologia neoplastica è possibile nella stragrande maggioranza dei casi, se gli esami di controllo vengono praticati con regolarità”.


Siracusa –  Prevenzione per tumore al seno, la LILT tinge di rosa l’Italia. E’ giunta alla sedicesima edizione la Campagna Nastro Rosa della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. L’edizione 2009 della Campagna Nastro Rosa, dedicata alla prevenzione del tumore al seno, vedrà impegnate ad ottobre la LILT ed una nota, società leader nella profumeria di prestigio, in prima linea nella lotta a questa grave patologia neoplastica. Testimonial della Campagna per questa edizione sarà Elisabetta Canalis. La Campagna Nastro Rosa, ideata nel 1989 negli Stati Uniti e promossa in tutto il mondo, ha come obiettivo quello di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella. E’ un piano articolato per informare il pubblico femminile anche sugli stili di vita sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare. In tutto il mondo occidentale, il cancro al seno è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia, i nuovi casi di neoplasie al seno sono oltre 40mila l’anno. Sconfiggere la malattia è possibile nella stragrande maggioranza dei casi se gli esami di controllo vengono praticati con regolarità. "Per ogni donna la prevenzione deve essere- dice la LTLT -  sinonimo di di promozione del proprio benessere, della propria salute, ma anche della propria bellezza. Inoltre, poichè la strada della corretta prevenzione non può prescindere dal web, a partire dal 25 settembre sarà rilanciato il mini  portale  www.nastrorosa.it,  sul quale verranno  fornite  indicazioni specifiche sulla campagna. A breve la LILT di Siracusa comunicherà alla cittadinanza il programma della Campagna Nastro rosa 2009".


Siracusa - Cittadinanzattiva : “disponibilità e benvenuto a DG  ASP dott. Franco Maniscalco”. Il coordinatore Paolo Messina, in merito alla nomina afferma :”Desidero porgere un caloroso benvenuto al nuovo Direttore Generale della ASP e manifestare condivisione per le parole d’ordine  qualità, professionalità e meritocrazia, come anche per la dichiarata volontà di  sottrarre la sanità alla politica. Se queste sono le premesse e le intenzioni, Direttore, avrà in Cittadinanzattiva e nel Tribunale per i Diritti del Malato un naturale e convinto alleato. Mentre infatti il grosso della politica locale si attarda in una difesa di interessi corporativi e alza le barricate in difesa di questo o quel  posto letto, noi siamo tra i convinti sostenitori dell’opera di riforma intrapresa dall’Assessore Russo e ci riteniamo impegnati a perseguire, in primo luogo, proprio quegli obiettivi di  qualità, professionalità e meritocrazia dichiarati dal Dott. Franco Maniscalco. Bene quindi  sottrarre la sanità alla politica ma meglio ancora restituirla al cittadino. Il nuovo Direttore Generale ha molto lavoro da fare in questa direzione. E qualcosa, da subito, Le chiedo di fare perché il principio asserito nella legge di riforma (le associazioni di tutela dei diritti dell’utenza maggiormente rappresentative concorrono, … alla realizzazione delle finalità del Servizio sanitario regionale e alle attività di assistenza sociale) non resti lettera morta. Se vuole il  new deal , Direttore, lo dimostri in primo luogo dando forma concreta a quegli  accordi o protocolli che stabiliscano gli ambiti e le modalità della collaborazione con gli organismi di tutela dei diritti in ambito sanitario. Con i migliori auguri di buon lavoro. Cittadinanzattiva Siracusa Il coordinatore Paolo Messina”.


Siracusa  Grazia Girmena, funzionario Inpdap, è la nuova coordinatrice delle donne della Cisl. È stata eletta ieri sera, per acclamazione, dalle responsabili dei vari coordinamenti delle singole categorie, riunite alla presenza del segretario generale della Ust Siracusa, Paolo Sanzaro. Il coordinamento  – struttura interna alla Cisl – intende dare voce alle donne impegnate nel mondo del lavoro o che si vogliono avvicinare ad esso. Tra gli obiettivi già fissati nella prima riunione, una serie di incontri di informazione e formazione per promuovere e coordinare politiche di pari opportunità in tema di salario e di conciliazione lavoro-famiglia. “C’è ancora tanto da fare – ha commentato, subito dopo la sua nomina, la Girmena – ma il coordinamento della Cisl di Siracusa è formato da donne di grande esperienza ed animato da notevole entusiasmo. Tutte le categorie sono state impegnate in questa fase di preparazione e ringrazio i vari segretari generali per la grande disponibilità e l’attenzione mostrata, quotidianamente, verso questa struttura”. “Noto sempre con grande piacere lo spirito di abnegazione di queste donne divise tra famiglia e lavoro – ha aggiunto il segretario generale della Ust Cisl, Paolo Sanzaro – Il Dipartimento vuole stimolare e promuovere l’inclusione e la permanenza delle donne nel mercato del lavoro che, nella nostra provincia, vive una profonda crisi. La Cisl, in tutte le sue sfaccettature, ripone grande attenzione proprio perché ci si rende conto che la conciliazione tra lavoro e vita privata è uno dei grandi temi da sempre in discussione”.




NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24


                                             

  SIRACUSA



Servizio di radioterapia a Siracusa


 


Siracusa asp a siracusa#curiamolacorruzione. L’Asp di Siracusa ha partecipato attivamente, quale soggetto pilota del progetto “Curiamo la corruzione” promosso da Transparency International Italia, Ispe-Sanità, CENSIS e Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità, alla prima Giornata nazionale contro la corruzione in Sanità. La Giornata si è sviluppata con un evento nazionale a Roma, con la presentazione dei risultati del primo anno di ricerca sul fenomeno nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” al quale partecipano l’Asp di Siracusa, l’Asl di Bari, l’ASST di Melegnano e della Martesana (MI) e l’ASSP di Trento, campagne di sensibilizzazione sui social media ed iniziative sui territori per favorire la più ampia partecipazione di pubblico e di operatori del settore. L’Asp di Siracusa ha istituito nell’atrio dell’ospedale Umberto I del capoluogo una postazione anticorruzione presidiata e gestita dai volontari del Tribunale dei diritti del malato coordinati dal delegato regionale di Cittadinanza attiva Giuseppe Magrì e dal responsabile del Tribunale dei diritti del malato di Siracusa Pasqualino Zappulla. Il  materiale informativo è stato distribuito nella postazione, con locandine e cartoline che attestano l’impatto della corruzione nel servizio sanitario, indirizzate ai soggetti istituzionali deputati alla prevenzione e al controllo dei fenomeni corruttivi. L’iniziativa ha inteso incoraggiare tutti i cittadini, i pazienti, i medici e gli operatori sanitari ad esprimere il proprio impegno contro la corruzione attraverso l’azione simbolica, davanti alla postazione allestita, di aggiungere un mattone al muro contro la corruzione, facendosi fotografare e pubblicando la foto sui profili social Twitter e Facebook con l’aggregatore #curiamolacorruzione. Il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta plaude all’iniziativa nazionale “che agisce a sostegno delle politiche anticorruzione – sottolinea – che vengono costantemente attuate nella nostra Azienda, impegnata in azioni di trasparenza, sensibilizzazione, formazione e controllo al fine di radicare la cultura della prevenzione e della lotta alla corruzione in particolare in quei settori della sanità dove maggiore è il rischio”.  Iniziative, quelle odierne, che, ad avviso anche del responsabile della Prevenzione della Corruzione dell’Asp di Siracusa Paolo Emilio Russo, “contribuiscono a diffondere la cultura della legalità e del rispetto delle regole”.


Siracusa -  Servizio di Radioterapia a Siracusa. Il primo installato in Sicilia ormai di prossima istituzione, dotato, tra gli accessori complementari acquistati con la donazione di 500 mila euro del Fondo sociale ex Eternit, di un sistema Tac simulatore per le procedure di centraggio del tumore, unico ed esclusivo sul mercato. La società fornitrice General Electricè stata protagonista nel consentire al medesimo prezzo dell’apparecchiatura prescelta l’importante caratteristica ed ha deciso, su sollecitazione del componente il direttivo del Fondo sociale ex Eternit Ezechia Paolo Reale, di offrirne una le cui caratteristiche renderanno il servizio di Radioterapia di Siracusa decisamente all’avanguardia. Le  caratteristiche illustrate mercoledì 3 giugno alle ore 12 nel corso di una conferenza stampa convocata dal direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta e dal componente il direttivo del Fondo Ezechia Paolo Reale che si svolge  nell’aula formazione dell’Ufficio Formazione permanente nel presidio ospedaliero Rizza in viale Epipoli 72.  Una visita al cantiere si svolge nell’occasione per illustrare lo stato dell’arte dei lavori. Il  direttore amministrativo e il direttore sanitario dell’Asp di Siracusa rispettivamente Giuseppe Di Bella ed Anselmo Madeddu, il responsabile commerciale per la Sicilia orientale e lo specialista di prodotto Tac della società General Electric Roberto Conca e Salvatore Santangelo, fornitrice del sistema di centraggio di ultima generazione, l’Amministratore unico della Ignazio Alì società costruttrice della struttura, il project manager Davide Tomasi, il direttore dei lavori Vincenzo Buccheri e il direttore dell’Ufficio Tecnico dell’Azienda Sebastiano Cantarella insieme con il suo staff oltre ad una delegazione di familiari ed ex lavoratori Eternit  partecipano all’incontro.


Siracusa  – Parco intitolato a Mario Francese. Un giardino botanico di circa 3mila metri quadrati intitolato a Mario Francese il giornalista siracusano del Giornale di Sicilia ucciso da Cosa nostra a Palermo per le sue coraggiose inchieste sugli interessi economici dei corleonesi. Così l’amministrazione comunale, su decisione del sindaco, Giancarlo Garozzo, ha deciso di ricordare in maniera ancora più degna il cronista che ha pagato con la vita il suo attaccamento alla professione. Il parco è stato realizzato accanto a Casina Cuti, nei pressi della zona archeologica, e sarà inaugurato lunedì prossimo, 26 gennaio, giorno del 36esimo anniversario dell’omicidio, alla presenza di Giulio Francese, figlio di Mario anche lui giornalista, e della sorella Maria. Il sindaco Giancarlo Garozzo alle 10,30, ha accolto il prefetto, Armando Gradone, i vertici delle forze dell’ordine ed altre autorità. Mario Francese fu ucciso mentre rincasava dopo una giornata di lavoro. Alcuni componenti della cupola di Cosa nostra dell’epoca : Totò Riina,  Bernardo Provenzano, Michele Greco, Raffaele Ganci e Francesco Madonia e l’esecutore materiale, Leoluca Bagarella  sono stati condannati in via definitiva per il delitto. I giudici hanno evidenziato  nella motivazioni della sentenza, le doti umane, professionali e civili del giornalista siracusano e la capacità di anticipare, con le sue inchieste, i filoni investigativi di magistratura e forze dell’ordine. Il giardino botanico “Mario Francese”, approvato dalla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali, riqualifica una vasta area attorno alla biglietteria del parco archeologico, un passaggio obbligato per i turisti italiani e stranieri. Sono state impiantate, oltre al prato, più di 40 specie fra arbusti, piante erbacee perenni, stagionali, rampicanti, officinali e aromatiche. Inoltre, è in fase di completamento una vasca per le piante acquatiche. Una  mappa interattiva con foto del posto ed immagini delle piante presenti è stata realizzata in un sito Internet.


Siracusa - Colonnello Giovanni Monterosso nuovo Comandante della Polizia Municipale. Il Cambio al vertice della Polizia Municipale, dal prossimo 1 marzo,  il colonnello della Guardia di Finanza, Giovanni Monterosso, prenderà il posto del Comandante Salvatore Correnti. “Un normale avvicendamento ai vertici della dirigenza- dichiara il sindaco Roberto Visentin  che ha ringraziato il comandante Salvatore Correnti esprimendogli “sentimenti di apprezzamento per la professionalità e la correttezza dimostrata durante il suo mandato alla guida della Polizia Municipale”.


Siracusa Supplici di Eschilo “ermeneuta del nostos”.  Lento grave stanco è il ritorno delle figlie di Danao nella terra dei Pelasgi. Hanno il volto segnato da profondi cretti, come quadri di Burri, ma policromi. Nei loro corpi e sulle stoffe ci sono i simboli della loro tradizione locale, linguaggio di una memoria ormai scritta solo con i segni.

Le Supplici di Eschilo al Teatro Greco di Siracusa parlano in Siciliano,scelta ardita , ma coinvolgente, come testimonia  il lunghissimo applauso dalla cavea. Alto si è sollevato il grido delle sventurate in cerca di libertà, giustizia e DEMOCRAZIA.Dove? Ieri ad Argo oggi nella nostra terra. Democrazia dove la condizione di parità, affinchè si definisca tale, ha come prerequisito necessario l'isonomia, ovvero l'uguaglianza delle leggi per tutti i cittadini e l'isegoria, eguale diritto di ogni cittadino a prendere parola nell'assemblea. Da ciò ne scaturiscono la parresia la libertà di parola e eleutheria, libertà in genere. Le Supplici di Eschilo sono la metafora  di migliaia di emigranti, del nostos, di tutti coloro che  abbandonano la patria "ca truscia". Moni Ovadia, regista e interprete di re Pelasgo, ci ricorda che ogniuno di noi è terra, ogniuno di noi è porto, pronto ad accogliere l'altro petente. Certo accogliere le cinquanta figlie di Danao non è cosa da poco , in quanto potrebbe essere l'incipit del casus belli, pertanto, in quanto ad Argo vige la democrazia, sarà proprio  il popolo a decidere se accettarle o meno. I soldati di Pelasgo sigillati nelle loro asettiche tute bianche ,ricercati i costumi di Elisa Savi, sono l'analessi di immagini divenute ormai tristemente quotidiane, quali quelle degli uomini delle nostre forze armate che vanno incontro alle centinaia di emigrati esuli sui barconi che poi verranno anche insultati redarguiti davanti alla richiesta di un parabrezza da pulire... Coinvolgente nella tragedia il momento che preannuncia l'arrivo delle navi egizie. Impressionante, avvincente la musica di Antonio Vasta , Antonio Putzu, Manfredi Tumminello e Giorgio Rizzo. Essa diviene elemento metasensitivo e  rivela come ne "Lo spirituale nell'arte" di Kandinskij il suo essere linguaggio universale. Nella scena, i colpi battuti sul grande tamburo ,scolpiscono l'immaginario degli spettatori. Ne scolpiscono le prue delle navi egizie che tagliano il mare, veloci. Ogni colpo di tamburo è un colpo di remi sempre piu' veloce , dietro si lasciano solo bianca schiuma. Le Supplici si chiedono " unn'è Zeus", gridano a Danao "Patri nun ci lassari". Stanche sfinite si abbandonano sulla terra come su uno spazio-tappeto la cui trama delle figure  sembra sostituirsi a simboli di tradizionali decorativismi ancestrali.

Un territorio-tappeto come spazio d'incontro di culture la loro e la nostra. Non è stata casuale la scelta di  Pippo Kaballà, Mario Incudine e Moni Ovadia di inserire l'arabo. Forse per ricordarci che tutti proveniamo dalla grande madre Africa , pertanto il concetto universale di fratellanza. Infatti circa 200.000 mila anni fa nel corso della migrazione, l'Homo Sapiens emigrò, durante il processo chiamato Out-of-Africa, proprio da questa terra verso il continente europeo. Come in una mattanza di tonni , le donne vengono catturate dalle reti dei soldati egizi al comando dell'araldo. Il suo cavallo, una spettacolare scultura ,sviluppa la sua morfologia plastica come una scultura di Boccioni, nella pluralità della testa equina. Bellissimo il dialogo-scontro tra il re della città di Argo Pelasgo e l'araldo egizio. Lui parla in greco l'altro risponde e chiede  in arabo. E' lo scontro tra due culture , due  dottrine religiose ,due  lingue , due  tradizioni, due  usanze , due di tutto... Pelasgo avvisa l'interlocutore "Chista è la terra unni impera DEMOCRAZIA , u cuntrariu di tirannia ". E se le donne Danaidi sono state accolte lo ha voluto democraticamente il suo popolo che ne ha accettato anche  le conseguenze,forti di una legge che è  democratica e non è affatto la decisione sottoposta dal volere di chi detiene il potere. Pertanto con un forte sputo a simbolo del disprezzo per chi prevarica la libertà dell'individuo, suggella il suo rifiuto, il suo no  a restituire le figlie di Danao, ma soprattutto a non tirarsi indietro neanche davanti alle minacce del belligerante. Cosa significhi ospitalità ce lo spiega il saggio re. Significa case già pronte per gli ospiti, e non piccole. Ospitalità è la libertà di scelta, libertà di far dire loro dove vogliono andare o se vogliono restare,ovvero ciò che  i greci chiamavano semplicemente Xenía, il concetto di ospitalità. Ma oggi è possibile offrire ,sempre secondo egualitarismo, il pramno ai tutti i nostri ospiti? Mario Incudine , nelle vesti del cantastorie, così come aveva aperto la tragedia la chiude , rivelandoci che lui non è altro che Eschilo, il grande poeta drammaturgo. Si scusa con la platea del suo vernacolo, ha parlato " com'un sicilianu", riportandoci così alla memoria che anche lui fu ospite a  Siracusa, invitato da Gerone. Ribadisce la sua appartenenza alla sicilianità, visto che è qui, in Sicilia, che morì e fu sepolto. Infine Incudine indica la zona a destra della cavea  "e chisti su l'amici mei". Sono gli emigrati delle comunità di accoglienza della provincia. Un memento, se vogliamo a questa la terra che è la terra della Magna Grecia e... la Xenia come gli Dei , le antiche sculture arcaiche presenti nella scenografia del teatro, ancora dimoreranno qui, in questa terra... se lo vogliamo. Oriana Oliveri


Siracusa - Sindaco Garozzo  a vertice C.A. Inda, designati consiglieri: Walter Pagliaro, Arnaldo Colasanti, Antonio Presti e Paolo Giansiracusa. L’assessore regionale per il Territorio e l’Ambiente Mariarita Sgarlata sul nuovo Consiglio d’amministrazione dell’Inda dice:  “Felice che si sia fatta chiarezza sulla Fondazione Inda. Ho ritenuto troppo lungo il commissariamento rispetto alle esigenze dell’Istituto e adesso bisogna lavorare per dare nuova linfa e una qualità nuova a tutta l’attività. La firma del decreto di nomina del nuovo consiglio d’amministrazione della Fondazione Inda è del ministro per i Beni e le Attività culturali, Dario Franceschini. Come stabilito dal ministero il nuovo presidente del Cda della Fondazione è il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo. I consiglieri sono invece Walter Pagliaro, Arnaldo Colasanti, Antonio Presti e Paolo Giansiracusa. Da assessore regionale ai Beni culturali  ho perorato la causa di Giancarlo Garozzo. In più occasioni ho fatto presente l’esigenza di porre fine a un commissariamento durato troppo a lungo e di dare una nuova governance all’Inda. Voglio tra l’altro esprimere soddisfazione anche per l’ingresso nel consiglio d’amministrazione di Antonio Presti, una nomina che ho fortemente caldeggiato e che mi sembra rappresenti un importante cambio di marcia in funzione dell'innovazione e della sperimentazione, entrambe latitanti nell'ultima programmazione. È  un bene che questa fase di transizione sia finalmente finita. Poteva essere risolta prima ma adesso bisogna pensare al futuro e potenziare non solo la qualità dell'offerta teatrale ma anche l'attività scientifica dell'Inda che nei decenni ha accompagnato questa offerta e l'ha sostanziata. L'obiettivo di questo nuovo Cda deve essere principalmente quello di recuperare il respiro nazionale e internazionale dell'Istituto”.


nella foto: Mario Zappia ed Anselmo Madeddu

Siracusa Borsellino a consegna donazione Fondo ex Eternit e stipula contratto Radioterapia. L’appuntamento presieduto dall’assessore regionale della Salute Lucia Borsellino, è mercoledì 26 febbraio 2014 ore 15 Sala riunioni Ufficio Formazione viale Epipoli 72. La consegna della donazione di 500 mila euro da parte del Fondo Sociale ex Eternit a favore dell’Asp di Siracusa destinata all’acquisto di attrezzature complementari per la Radioterapia, di prossima istituzione nell’area del presidio ospedaliero Rizza di viale Epipoli, si svolgerà a Siracusa e non a Palermo come era stato in un primo tempo annunciato, per la volontà espressa dall’assessore regionale della Salute Lucia Borsellino, condivisa con il commissario straordinario Mario Zappia, di partecipare con il territorio siracusano ad un evento che sancirà contestualmente la stipula del contratto con la società appaltatrice per la fornitura e la posa in opera chiavi in mano dell’acceleratore lineare. Si avvia pertanto concretamente l’iter per la costruzione del bunker che porterà all’istituzione del servizio di Radioterapia nel rispetto dell’impegno che il commissario straordinario ha assunto a dicembre scorso con la cittadinanza siracusana.  Il presidente nazionale del Fondo sociale ex Eternit Astolfo Di Amato, insieme con il componente il direttivo del Fondo Ezechia Paolo Reale, alla presenza di una rappresentanza degli ex lavoratori Eternit e familiari, delle autorità civili, politiche, religiose e militari, rappresentanti sindacali, del terzo settore e dell’Azienda, procederà alla consegna formale della donazione. La cerimonia proseguirà con la stipula tra l’Asp di Siracusa e la Società appaltatrice del contratto per la fornitura e l’installazione chiavi in mano dell’acceleratore lineare propedeutico ai lavori per la prossima istituzione del servizio di radioterapia, il commissario straordinario Mario Zappia sottolinea: “che eliminerà finalmente  i disagi da sempre subiti dai pazienti siracusani a causa del gap tra questa provincia e altre province siciliane dove, invece, il servizio è presente”.


Siracusa Arresto cardiaco, sanità salvavita : impiantato 1° defibrillatore sottocutaneo.  I chirurghi dell’Umberto I di Siracusa hanno realizzato il primo intervento innovativo in Cardiologia impiantando un defibrillatore sottocutaneo che non tocca né cuore né vasi. L’intervento è stato realizzato nell’Unità operativa di Cardiologia e UTIC dell’ospedale Umberto I di Siracusa diretta da Eugenio Vinci, l’equipe di Aritmologia ed Elettrostimolazione composta da Giuseppe Romano, Gianfranco Muscio e Bruno Maltese. I medici hanno eseguito ieri pomeriggio il primo impianto di defibrillatore cardiaco sottocutaneo S-ICD,  unico dispositivo al mondo che viene inserito sottocute senza toccare né il cuore né i vasi sanguigni. L’impianto è stato effettuato su un paziente di 44 anni affetto da una rara cardiopatia su base genetica, rianimato nel pronto soccorso del nosocomio siracusano, dopo un arresto cardiaco provocato da aritmie ventricolari maligne. La riuscita dell’intervento è stata comunicata, congratulandosi con l’equipe, dal commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Mario Zappia che ha detto: “Siamo molto contenti di avere potuto offrire a questo paziente, affetto da una patologia cardiaca maligna, una terapia innovativa, indispensabile per la sua sopravvivenza e con rischi operatori molto ridotti”. Per le sue caratteristiche di “non invasività”, giacché il sistema non necessita dell’inserimento di elettrocateteri nel cuore, con conseguente riduzione del rischio d’infezione, estrazione dei cateteri e difficoltà procedurali, il defibrillatore sottocutaneo S-ICD costituisce una straordinaria alternativa - in termini di efficacia e di sicurezza - rispetto ai defibrillatori impiantabili tradizionali. Il dottor Eugenio Vinci  direttore esprime soddisfazione per il lavoro compiuto dalla sua équipe e dice:“Le sue due componenti, il generatore di impulsi e l’elettrocatetere, vengono posizionate rispettivamente sul lato sinistro della gabbia toracica e nella regione dello sterno. La selezione del paziente avviene a seguito di valutazione di parametri elettrici che garantiscano l’efficacia del sistema e la procedura d’impianto utilizza punti di riferimento anatomici senza ricorrere alla fluoroscopia. Questo defibrillatore sottocutaneo rappresenta una delle frontiere più avanzate della medicina minimamente invasiva ed è motivo di orgoglio che il primo impianto in provincia di Siracusa sia stato eseguito proprio nel nostro ospedale che oltre ad avere una lunga tradizione nel settore dell’Aritmologia ed Elettrostimolazione Cardiaca, al momento, costituisce l’unico centro che offre questa soluzione terapeutica”.


Siracusa - Tribunale nomina 3 curatori fallimentari per Sai 8. la Società che era incaricata  della gestione nei 21 comuni della provincia delle acque  è stata quindi dichiarata fallita. I  3 professionisti:  l’avvocato Girolamo Venturella del Foro di Siracusa, l’avvocato Luigi Amerigo Bottai del Foro di Roma  e Giovanni La Croce, commercialista di Milano, seguiranno l’iter legato all’esercizio provvisorio d’impresa per la durata di sei mesi. Fonti vicine alla società appena dichiarata fallita, hanno fatto intendere che presto sarà presentato un reclamo presso la Corte di Appello di Catania nel tentativo di  sovvertire la decisione del Tribunale di Siracusa. È stata la sezione fallimentare del Tribunale di Siracusa  a depositare in mattinata la relativa sentenza con la quale ha accolto in toto la tesi avanzata dai Pubblici Ministeri Marco Bisogni e Delia Boschetto, i quali avevano avanzato l’istanza di fallimento della società che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Siracusa sostenendo non avessero più i requisiti necessari per proseguire la gestione del servizio. La sentenza del Tribunale dà quindi ragione  ai P M Marco Bisogni e  Giulia Boschetto. La sentenza di fallimento è stata emessa dal Tribunale: presidente Antonio Alì, giudice Sebastiano Cassaniti estensore Salvatore Leuzzi (quest’ultimo è stato il giudice relatore che ha preso il posto di Viviana Urso che si era astenuta) a conclusione del relativo processo che ha visto la Sai 8 essere rappresentata da otto legali nell’ultima udienza di ottobre. I  giudici, nella motivazione della sentenza, danno atto, tra le altre cose, della situazione di illiquidità della società, mentre hanno sancito la correttezza della produzione degli atti da parte dei due rappresentanti della pubblica accusa, poi utilizzati nel procedimento e valorizzati dal Tribunale fallimentare di Siracusa. I giudici hanno anche riscontrato delle anomalie nei pagamenti delle forniture. Con questa sentenza si chiude uno dei capitoli aperti sul fronte della Sai 8, aperto dalla Procura della Repubblica di Siracusa per la complessa inchiesta giudiziaria legata alla gestione della Sai 8 e dei rapporti con l’Ato idrico. L’inchiesta era  scaturita dall’operazione “Oro blu”, scattata il 9 gennaio 2012, per la quale la scorsa settimana il Gup del Tribunale Patricia Di Marco, ha disposto il rinvio a giudizio a carico dell’ex parlamentare nazionale Gino Foti e dell’ingegnere Giuseppe Marotta, entrambi coinvolti nelle indagini relative a presunte irregolarità nella gestione della Sai 8. La vicenda rientra anche nel più complicato intrigo meglio noto come “Veleni in Procura” per la quale sono stati istruiti procedimenti penali sia a Messina, che a Reggio Calabria, nei quali sono coinvolti magistrati, avvocati, giornalisti, imprenditori e funzionari pubblici. Il Commissario dell’ATO Ferdinando Buceti   aveva già  ritirato la concessione di SAI8  dicendo: la concessione  non è idonea a garantire l’interesse pubblico “ Il Consorzio ha l’obbligo di adempiere alle statuizioni della sentenza del CGA del 2011. Ferdinando Buceti, uomo del Dipartimento Investigativo Antimafia era stato inviato a Siracusa in qualità di Commissario straordinario e liquidatore dell’Ato Idrico.


Siracusa – Il sindaco, Giancarlo Garozzo, ha dedicato l’intera mattinata alle visite istituzionali secondo il seguente ordine: ore 10, Prefettura, il sindaco Garozzo (da sin. Prefetto Gradone e Sindaco Garozzo)  è stato in visita dal prefetto Gradone; ore 10,30 Questura; ore 11, comando provinciale dell’Arma dei carabinieri; ore 11,30, comando provinciale della Guardia di finanza; ore 12, Capitaneria di porto; ore 12,30, Aeronautica militare.Il  Sindaco di Siracusa, Garozzo, da poco eletto alle ultime Amministrative, si è recato in Questura per un saluto (da sin. Questore Caggegi  e Sindaco Garozzo)al Questore Caggegi  . Durante l’incontro, cui hanno partecipato anche i Funzionari di Polizia presenti in Questura, il neo Sindaco ha manifestato al Questore la piena disponibilità di collaborare con la Polizia di Stato per assicurare, nell’ambito delle rispettive competenze e specificità, sempre maggior condizioni di sicurezza ai cittadini del capoluogo aretuseo.


Siracusa Ato idrico: commissario V. Questore polizia Ferdinando Buceti. L'assessore regionale all'Energia, Nicolò Marino, ha nominato per Siracusa il suo capo gabinetto vicario. Buceti ha lavorato quale V. Questore  nella Dia di Caltanissetta, ha svolto indagini su mafia e stragi. Ferdinando Buceti guida  il consorzio per i prossimi mesi con il compito di provvedere contemporaneamente alla gestione ordinaria dell'ente ed agli adempimenti di liquidazione previsti per legge. Il Commissario dopo il suo insediamento ha partecipato ad una riunione operativa con i dirigenti del consorzio per fare il punto sulla realtà  e gestione del servizio idrico in provincia. Le  divergenze tra il gestore privato da una parte ed i comuni che non hanno consegnato gli impianti dall'altra sono tra gli argomenti “caldi” all’esame del Commissario. Ai vertici della società Sai8 è stata contestata l'esecuzione della convenzione di gestione del servizio idrico integrato in danno dei cittadini di Siracusa. Lente d’ingrandimento anche per l'immissione di rifiuti speciali e lo smaltimento di fanghi provenienti dal ciclo di depurazione dell'impianto di contrada Canalicchio nelle acque del torrente Grimaldi,  con conseguente danneggiamento e deterioramento delle acque. L'assessore Marino ed il vicequestore Buceti hanno preannunciato la costituzione di parte civile dell'Ato idrico nell'eventuale procedimento penale.


Siracusa Alfio Spina direttore sanitario Umberto I, Giuseppe D'Aquila a Lentini. Il  commissario straordinario dell'Asp Mario Zappia ha deciso l’avvicendamento alla guida di due ospedali venerdì sera e comunicandolo ai due medici. Giuseppe D'Aquila già direttore sanitario dell'ospedale “Umberto I” passa ai vertici ospedalieri di Lentini SR2 (Lentini, Augusta), al posto di Alfio Spina che da Lentini diventa il direttore sanitario nella struttura di Siracusa SR1 (Siracusa, Avola, Noto). Il  commissario straordinario Mario Zappia sottolinea: “Nello svolgimento delle loro funzioni, ambedue i dirigenti si sono distinti nella gestione dei processi di integrazione tra i presidi ospedalieri dei due Distretti ed hanno acquisito una rilevante esperienza in materia di organizzazione e gestione dell’area distrettuale ospedaliera. Poiché è in corso nell’Azienda, com’è noto, un processo di riorganizzazione in ottemperanza alle direttive assessoriali, ho ritenuto opportuno, per garantire l’interesse generale del raggiungimento degli obiettivi dell’Amministrazione, effettuare la rotazione dei due incarichi,  al duplice scopo di arricchire le doti professionali dei due dirigenti mediante lo scambio di esperienze e attività e garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati secondo i principi di efficienza ed efficacia. Più in generale l'Azienda fin dallo scorso dicembre sta portando avanti una attenta verifica dei bisogni sanitari e dell'offerta di tutte le prestazioni sanitarie erogate. Entro qualche settimana avremo pronta la nuova programmazione che sottoporremo a tutti gli interessati comprese le associazioni dei cittadini. Ed in questo percorso non è escluso che altri avvicendamenti possano essere effettuati per avvalerci delle varie esperienze maturate in un’ottica di interscambio in un processo di riorganizzazione che vede l’Azienda garante della piena uniformità dei servizi sull’intero territorio provinciale, superando le logiche dei compartimenti stagni e delle gestioni personalistiche”.


Siracusa  – Alessandro Giacchetti   prefetto in quiescenza è il commissario straordinario del Comune

 

12 ginecologi neo assunti Asp giurano fedeltà a Repubblica

nella foto i 12 ginecologi neo assunti

Siracusa - 12 ginecologi neo assunti Asp giurano fedeltà a Repubblica. La  cerimonia si è svolta, nei giorni scorsi, presso la sala riunioni della Direzione generale dell’Azienda sanitaria di Siracusa. I 12 ginecologi assunti a tempo indeterminato a seguito di procedura concorsuale hanno sottoscritto i contratti e recitato la formula del giuramento alla presenza del commissario straordinario Mario Zappia.  I nuovi assunti hanno giurato di essere leali osservanti sia della Costituzione che delle Leggi dello Stato italiano con una formula che intende rafforzare la coscienza civile e valorizzare ulteriormente il dipendente della Pubblica Amministrazione. Presenti alla cerimonia: il commissario straordinario Mario Zappia, il direttore sanitario dell’Azienda Anselmo Madeddu, il coordinatore sanitario del Distretto ospedaliero SR1 Giuseppe D’Aquila, il direttore facente funzioni dell’U.O.C. Affari generali e Risorse umane Corradina Savarino. Il  commissario straordinario dell’Asp Mario Zappia ha dichiarato:  “Tenevo a dare solennità a questo momento particolare e importante per ogni dipendente che viene assunto. Al di là dell’enfasi tengo a riempire di significato questo momento importante affinché torni alla mente dei nostri dipendenti l’emozione che hanno vissuto questa mattina. Vi esorto a svolgere il vostro dovere al meglio anche per dare ai cittadini un’immagine professionale e positiva dell’azienda poichè da come si lavora viene giudicato l’intero sistema sanitario”. 11 i ginecologi assunti dei quali 5 destinati al servizio nel presidio ospedaliero Umberto I di Siracusa: Alessandra Iemmolo, Marco Farina, Andrea Molino, Elisabetta Caracò e Giovanni Mammana (Umberto I), 4 nell’ospedale Avola-Noto: Fabiola Galiani, Giuseppina Gestuccio, Giuseppe Bellia e Fernandà Vadalà (quest’ultima a dicembre),  2 nel nosocomio di Lentini: Emanuela Sampugnaro, Maria Pia Militello ed 1 nel Consultorio di Sortino: Cinzia Bonaccorso. La dodicesima assunta, attualmente in maternità, prenderà servizio a dicembre.


Siracusa - Avv. Pasquale Saraceno designato Presidente Penalisti siracusani per biennio 2012-2014. Le elezioni per il rinnovo del Direttivo e del Collegio dei Probiviri della Camera Penale “Pier Luigi Romano” di Siracusa si sono svolte nella sala “A. Recupero” del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. L’Avv. Giuseppe Brandino è il Vice Presidente, l’Avv. Chiara Simonelli il Segretario, l’Avv. Federica Cassia il Tesoriere e l’Avv. Gaetano Maria Greco il Consigliere che completano la “formazione” di un Direttivo di giovani penalisti, pieno di entusiasmo e di idee per continuare a tenere alto il blasone della Camera Penale Pier Luigi Romano. L’Avv. Dario Spadafora è il nuovo Presidente del Collegio dei Probiviri, composto dagli Avvocati Paolo Dorio, Carola Giardina, Luca Partescano e Luca Ruaro. 


Palermo - Russo  nomina  Zappia commissario  Asp  Siracusa,  sostituisce   dimissionario DG Franco Maniscalco. (nella foto a da sinistra Maniscalco e Zappia)Mario Zappia, 50 anni, laureato in medicina e chirurgia, ha già ricoperto il ruolo di dirigente generale del Dipartimento attività sanitarie dell'assessorato regionale della Salute e di capo della segreteria tecnica dell'assessore Massimo Russo. Negli ultimi due anni ha ricoperto il ruolo di direttore generale all'Irccs Oasi di Troina. L'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, ha nominato Mario Zappia commissario straordinario dell'Asp di Siracusa in sostituzione del dirigente generale Franco Maniscalco che stamattina ha rassegnato ufficialmente le dimissioni. "Ringrazio il direttore Maniscalco per la sensibilità istituzionale sempre dimostrata - ha detto Russo - e per il lavoro svolto dall'1 settembre del 2009 mirato a riqualificare l'offerta sanitaria in provincia di Siracusa alla luce della riforma del sistema sanitario che ha determinato profonde trasformazioni. Faccio gli auguri di buon lavoro a Mario Zappia che saprà certamente sfruttare la grande esperienza professionale maturata per guidare al meglio l'Asp nel corso del suo mandato".  In vista delle imminenti dimissioni del presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, il dottore Franco Maniscalco ha rassegnato le sue dimissioni, come atto dovuto e consequenziale, dall’incarico di direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa. “Avendo appreso delle imminenti dimissioni da parte del presidente della Regione – si legge nella nota inoltrata al presidente della Regione Lombardo e all’assessore regionale della Salute Massimo Russo – ritengo doveroso e consequenziale rassegnare le mie dimissioni dall’incarico di direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa in scadenza peraltro, in data 31 agosto 2012, con decorrenza dalla data di notifica dell’eventuale accettazione. Resto a disposizione delle SS.LL. per fornire ogni e qualsiasi contributo nel settore sanitario, nel quale ho maturato una pluriennale esperienza concretizzatasi nell’incarico di direttore amministrativo presso l’Azienda ospedaliera Sant’Elia di Caltanissetta e quale direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa nell’ultimo triennio”.


Siracusa  – Cimitero: “Ciro Menotti” ed Acmar vinta gara per realizzazione e gestione. Sarà un’associazione temporanea di imprese, composta dal Consorzio “Ciro Menotti” spa  (capogruppo) e dalla cooperativa Acmar, a costruire il nuovo cimitero di Siracusa, col sistema del progetto di finanza, e a gestirlo per i primi 20 anni. Il seggio di gara e la commissione di valutazione tecnica hanno ufficializzato oggi l’esito delle esame delle tre offerte, dando così il via libera alla prosecuzione dell’iter che porterà, entro la fine dell’anno, alla firma del contratto. Il prossimo passaggio sarà affidato alla Giunta che ha il compito di approvare la convenzione. Il nuovo camposanto, realizzato secondo criteri modernissimi, sarà realizzato nei pressi della Maremoti, mezzo chilometro prima del sottopassaggio della Siracusa-Gela. In tutto erano state presentate tre offerte da altrettante associazioni temporanee di imprese. Al secondo posto si è classificata quella composta dal consorzio Co&Ge, dall’A&P srl e dalla Rem srl; l’altra era formata dalla “Cedelt spa costruzioni edili” e dalla Blu Costruzioni srl. La proposta dell’Ati vincitrice è risultata più vantaggiosa dal punto di vista economico e da quello tecnico. “Molto presto – commenta il sindaco, Roberto Visentin – doteremo la città di un’infrastruttura importante e assolutamente necessaria, considerato che il vecchio camposanto è praticamente saturo. È un risultato lodevole raggiunto da questa Amministrazione, perché siamo riusciti a superare le tante difficoltà emerse nel tempo. Il nuovo cimitero è ormai un fatto tangibile perché la previsione è di realizzare 3.000 loculi già un anno dopo la firma del contratto”. A fronte di un investimento complessivo che sfiora i 50 milioni di euro, l’ammontare dei lavori sfiora i 39 milioni, tutti fondi privati e senza oneri per il Comune. Il nuovo cimitero sarà realizzato su un terreno grande 3 ettari e conterrà 14 mila loculi, ossarietti, le aree di inumazione previste dai parametri legge, una zona destinata ai loculi a due posti e alla cappelle familiari, che potranno essere a 6, 8 o 12 posti. Inoltre saranno ritagliate due aree: una per le sepolture dei cittadini non cattolici e una di 2.000 metri quadrati, esterna al cimitero vero e proprio, da destinare agli animali di affezione.  In linea con i criteri più avanzati sarà la dotazione dei servizi. Oltre a una palazzina per gli uffici ci saranno: il forno crematorio, la chiesa, il sacrario per le commemorazioni civili, la sala autoptica compresa di celle frigorifero. Ed ancora un’area parcheggi per oltre 850 posti auto, 15 dei quali riservati ai disabili e un centinaio per il personale interno, e una zona riservata ai box dei commerciali.  La nuova struttura sarà improntata ai criteri di risparmio energetico: l’illuminazione, infatti, sarà a led che consentirà un abbattimento dei costi del  50 cento. Inoltre saranno realizzati impianti di recupero delle acque piovane per finalità irrigue, sistemi di video sorveglianza e anti-intrusione.


Siracusa - Borse studio  a Caruso ed Italia, figli dipendenti Asp. Il concorso indetto dal Cral dell’Asp di Siracusa è giunto alla terza edizione. Ad essere stati premiati dal consiglio direttivo del Cral presieduto da Vincenzo Bastante sono due ragazzi figli dei soci: per il conseguimento del diploma di scuola media superiore la borsa di studio è stata assegnata a Salvatore Italia, figlio del socio Michele, di Pedagaggi. Il premio per il conseguimento del diploma di laurea di II livello, è stato invece aggiudicato a Lucia La Ferla, figlia di Silvia Caruso, di Carlentini. I premi sono stati consegnati dal presidente e dal vice presidente del Cral Vincenzo Bastante e Luigi Casinotti e dal delegato alla cultura dello stesso circolo Nazzareno Apolloni, nel corso di una cerimonia che si è tenuta nei locali del circolo, in presenza degli organismi istituzionali. Bastante ha elogiato i vincitori ma anche gli altri figli dei soci che hanno ottenuto brillanti risultati: Clelia Lapira, Valentina Di Fazio, Andrea Oddo, Dorotea Roggio, Roberta Fazio e Mario Intagliata (Scuola media superiore), Desiree Carasi, Andrea Gervasi, Lucia Pirri e Elisa Aiello (Laurea di II° livello).Bastante, infine, non ha mancato di ringraziare i componenti la Commissione per l’aggiudicazione del concorso,  il presidente Nazzareno Apolloni, realizzatore e sostenitore del progetto “borse di studio”,  Luigi Casinotti, Angela Cedro, Margherita Greco e Carmelo Schiavo, per la loro scrupolosità e serietà.


Nella foto da sinistra: Maria Rita Cocciufa, prefetto Carmela Elda Floreno, Michele Mangiafico, il direttore generale Franco Manicalco, Filippo Focardi Lavinia Lo Curzio

Siracusa - Seminario su “Richiedenti asilo, rifugiati sopravvissuti a torture e traumi estremi”.  “Ad oggi nel 2010  l’attività della commissione è stata caratterizzata da 210 audizioni, rispetto alle quali 42 soggetti hanno ricevuto lo status di rifugiato politico, mentre 111 hanno ricevuto la protezione sussidiaria”. E’ quanto ha detto la dott. Maria Rita Cocciufa , presidente della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Siracusa, avendo colto l’occasione per parlare dell’attività della commissione e per distinguere tra le varie forme di protezione cui possono accedere i soggetti interessati.  Il seminario “Richiedenti asilo e rifugiati sopravvissuti a torture e traumi estremi. Profili normativi e sociosanitari”  ha avuto luogo nei locali della sala “Costanza Bruno” della Provincia Regionale di Siracusa ed è stato organizzato dalla Presidenza della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Siracusa e dal servizio di accoglienza attiva dell’Azienda sanitaria provinciale e dalla Presidenza del Consiglio provinciale. L’incontro, che aveva carattere seminariale, ha registrato la partecipazione di 154 iscritti, tra operatori del pubblico impiego in servizi legati al mondo dell’integrazione e operatori nell’ambito del mondo dell’accoglienza e dell’associazionismo. “Significativamente, la data scelta dagli organizzatori” – come ha sottolineato il Presidente del Consiglio provinciale, Michele Mangiafico, in apertura dei lavori – “è ricaduta a cavallo tra il 20 giugno, giornata in cui il mondo intero ha ricordato i rifugiati politici e il 26 giugno, giornata internazionale delle vittime di tortura, per sottolineare l’attenzione che ciascun paese, al di là delle leggi proprie, debba avere nei confronti dei più generali e sovraordinati diritti umani”.  A sottolineare la rilevanza che le istituzioni interessate hanno voluto dare all’iniziativa, sono intervenuti i saluti del Prefetto, Sua Eccellenza Carmela Floreno, del Presidente della Provincia, On. Nicola Bono, del Direttore generale dell’Asp, Franco Maniscalco, del vicequestore di Siracusa, Salvatore Arena e di Don Aurelio Russo che, in rappresentanza dell’Arcivescovo, ha ricordato ai presenti l’esempio di Gesù Cristo e le parole con cui richiama a trattare ogni persona come se fosse lui stesso (“ogni volta che avete fatto qualcosa ad uno dei miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.  Il sostituto procuratore della Repubblica Filippo Focardi ha approfondito gli aspetti penali conseguenti all’entrata in vigore della legge 94/09, sottolineando tuttavia – attraverso una brillante metafora tratta da un testo di Brecht e apprezzata dal pubblico presente – l’indispensabile ruolo del magistrato nell’interpretazione della norma. Centrale l’intervento dello psichiatra Massimo Germani, oggi direttore a livello nazionale del progetto Nirast che guarda proprio ai rifugiati e alle vittime di tortura e che si prefigge la presa in carico di questi soggetti e la capacità di rilevare attraverso l’intervento socio-sanitario l’esistenza dei sintomi che dimostrano che il soggetto abbia subito tortura e la cura del soggetto stesso. La questione degli aspetti socio-sanitari e il ruolo determinante che in questo senso svolge l’Asp, anche a servizio della commissione territoriale, è stato più volte toccato nel corso della mattinata, anche attraverso domande rivolte dalla platea alla dott. Lavinia Lo Curzio, responsabile del servizio immigrazione, e al dott. Rosario Pavone, che collabora presso il centro Nirast del territorio di Siracusa. Proprio la dott. Lavinia Lo Curzio ha posto l’accento sulle norme in materia di erogazione dell’assistenza e tutela della salute, spiegando le differenze in questo senso tra extracomunitari, comunitari, regolari e irregolari. Breve ma incisivo il contributo della dott. Rosaria Garufi, dirigente delle Politiche Sociali del Comune di Siracusa, che ha colto l’occasione per rappresentare ai presenti il novero dei servizi erogati dall’ente locale pur nelle difficoltà economiche che in questi tempi lo caratterizzano. Tra gli interventi, rilevante anche quello della dott. Cristina Franchini sul tema della vulnerabilità, in quanto la stessa è la componente dell’Achnur in seno alla Commissione territoriale di Siracusa. Le cinque ore abbondanti in cui si sono prolungati i lavori non hanno tolto nulla all’attenzione e alla partecipazione dei presenti, che intorno alle due hanno dato vita ad un’ultima mezz’ora dedicata al dibattito con i relatori. A metà mattinata la Caritas, attraverso il responsabile regionale del settore immigrazione ha offerto numeri e statistiche sul fenomeno, proiettando anche un significativo dossier.


Siracusa - 8 marzo :“Comitato 100 Donne”: ritiene importante rilanciare anche a Siracusa  la campagna nazionale contro la violenza alle donne promossa da un gruppo di donne di schieramenti politici diversi e già adottata da altri quotidiani. La campagna dal titolo “La violenza ha mille volti, impara a riconoscerli“ intende rivolgersi soprattutto alle donne vittime di violenza per sostenerle ed incoraggiarle a denunciare la loro condizione. Scrive il :“Comitato 100 Donne”: “L’ 8 Marzo giornata internazionale della donna deve rappresentare un’occasione per riflettere su un fenomeno quale la violenza di genere, purtroppo, ancora drammaticamente in aumento. La violenza contro le donne è una violenza di genere riconosciuta dalla comunità internazionale come violazione dei diritti umani. E’ un fenomeno che ha assunto sfaccettature diverse a seconda dei contesti culturali, sociali ed istituzionali in cui si manifesta, infatti in gran parte del mondo è una normale componente del tessuto culturale e non viene identificata come tale neppure dalle sue vittime. Riteniamo che va combattuta sensibilizzando le coscienze e sviluppando percorsi di formazione e informazione soprattutto tra le nuove generazioni. La violenza sulle donne non è un problema di sole donne e non si possono lasciare sole le vittime di violenza e le  associazioni di donne che le sostengono. La violenza sulle donne non può più essere solo un problema privato. A carattere locale occorre evidenziare che  parlare in questa città di violenza sulle donne senza denunciare la mancanza di servizi territoriali che aiutino a contrastare il fenomeno, significherebbe essere corresponsabile con chi commette questa grave reato. Da  due anni il Comitato 100 Donne lotta  per la riapertura della  Casa Rifugio per donne vittime di violenza. Unica struttura in questo territorio che ha offerto con professionalità protezione a decine di donne dal 2004 al 2007. Con i rinvii e vane promesse la nuova Amministrazione Provinciale manifesta di fatto un totale disinteresse a  riaprire la struttura, di sua proprietà e arredata di tutto punto , con una grave omissione di impegno politico e finanziario. Il Comitato 100 Donne  ritiene giunto il momento di attivare, anche attraverso la campagna nazionale “ La violenza ha mille volti ,impara a riconoscerli “ un fronte comune di rivendicazione per la riapertura della Casa Rifugio di Siracusa e per più efficaci interventi sul piano della prevenzione con il più ampio coinvolgimento di cittadini,  enti e associazioni .Nei prossimi giorni sarà proposta una riunione per il lancio di una serie di iniziative come:una cartolina da inviare al Presidente della Provincia Regionale , ’apertura di un gruppo di sostegno sulla rete Facebook, lo sviluppo  della campagna nazionale  a Siracusa”.


Siracusa - Polstrada ritira patente e denuncia conducente auto con un tasso alcolemico 5 volte superiore al limite legale. Il  Comandante della Polstrada  di Siracusa  V.Q.A. dott. Antonio CAPODICASA  ha disposto servizi di controllo del territorio attinenti   la vigilanza  per scongiurare le “stragi del sabato sera”.  Un automobilista è stato  denunciato all’Autorità Giudiziaria  T.G  22enne sorpreso alla guida del proprio veicolo con un tasso alcolemico di 2.64 g/l “ben cinque volte superiore” al limite stabilito dalla normativa.   Allo stesso è stata immediatamente ritirata sul posto la patente di guida, che sarà inviata alla locale Prefettura per il periodo di sospensione compreso “tra uno e due anni”.  I tutori dell’ordine hanno operato per contrastare e prevenire le violazioni al codice della strada. Gli agenti hanno posto particolare attenzione al superamento dei limiti di velocità  e alla guida in stato di ebbrezza. Gli uomini della Polstrada  di Siracusa  e del Distaccamento di Noto,  hanno controllato  20 veicoli, identificato 85 persone, elevato 13 sanzioni amministrative per le violazioni al Codice della Strada, decurtato  75 punti  della patente di guida per infrazioni varie: sorpasso,  superamento dei limiti di velocità,  uso del telefonino,  manovre azzardate, guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche. La Polstrada, nel corso dei servizi,  ha svolto una costante  azione di  prevenzione e di informazione  per i giovani guidatori, volta a  dissuadere i comportamenti di guida scorretti. Il Comando Polstrada  lanciato un appello  ai cittadini per  assicurare  un “Patto per la sicurezza” affinché il fine settimana, e non solo,  non si trasformi in occasione di eventi luttuosi. La Polstrada consiglia il controllo sull’efficacia delle autovetture, l’uso costante dei sistemi di  sicurezza, l’uso dei caschi  protettivi, delle cinture di sicurezza, non guidare sotto l’effetto di sostanze alcoliche  o stupefacenti. Il “giro di vite” è per gli utenti  che non si atterranno alle regole previste dal Codice della Strada, che verranno fatte rispettare anche con l’utilizzo della nuova tecnologia  di controllo elettronico della velocità.


Sen. Oliva Mpa Sicilia nomina sen. Burgaretta commissario di Siracusa

Catania - Il Commissario regionale del Movimento per le Autonomie, il senatore Enzo Oliva , ha reso noto di aver nominato, nell’ambito della riorganizzazione territoriale del movimento in Sicilia, il sen. Sebastiano Burgaretta commissario provinciale del partito a Siracusa. “Sulla nostra decisione – ha spiegato Oliva – ha influito la spinta plebiscitaria della base provinciale del movimento che nel senatore Burgaretta, personaggio animato da un grande spirito di servizio e benvoluto da tutti, si riconosce completamente. Al precedente commissario, l’on. Rino Piscitello, con cui avremo modo di collaborare al raggiungimento di altri importanti obiettivi politici, rivolgo un ringraziamento per il lavoro finora svolto”. Sebastiano Burgaretta, nato ad Avola (Sr) 76 anni fa, oggi senatore della Repubblica, ha avuto una brillante carriera politica ed è stato assessore regionale e deputato all’Ars per tre legislature. Prima di approdare al Movimento per l’autonomia ha militato nelle file della Dc, del Ccd e del Udc.  “Ho accettato l’incarico – ha detto il sen. Burgaretta – con quella volontà di servire che ha sempre caratterizzato la mia azione politica. La provincia di Siracusa ha grandissime potenzialità e andremo accuratamente ad analizzarle per dar vita a un progetto di rilancio che passi da un’azione politica rinnovata nelle persone e nei modi. Ritengo che una guida serena possa far sviluppare in maniera notevole il Movimento per le Autonomie, che ha l’unico obiettivo di far crescere sotto il profilo sociale ed economico la nostra terra”.

Sindacato Nazionale Guardie Giurate aretuseo Marco Fusco segr.Naz.

Siracusa - Il Sindacato Nazionale Guardie Giurate, composto esclusivamente da guardie giurate e da altri lavoratori della sicurezza privata è stato costituito nel capoluogo aretuseo.

 

 

 

 

 

 


Santa Lucia  

Vita  Patrona SIRACUSA


PalermoEx DG Asl Siracusa condannato per danno erariale. Corrado Failla  ex manager Asl Siracusa condannato da sezione giurisdizionale d'Appello della Corte dei Conti  a risarcire un danno di 700 mila euro. Si tratta degli impianti e delle procedure di prevenzione e sicurezza e della spesa di oltre 3 milioni di euro per un anno "quando, per lo stesso servizio, ma di durata triennale, altre Asl spendevano meno di 656 mila euro", scrivono i giudici. L’ex direttore generale  è stato quindi riconosciuto responsabile del danno erariale causato dal costo spropositato dell’appalto per l'adeguamento degli impianti e delle procedure di prevenzione e sicurezza.


Siracusa1 sedia  ante scena: Inda contro femminicidio. La Fondazione ha  aderito alla campagna “Posto occupato”

 . 

Si tratta della sensibilizzazione nazionale contro la violenza alle donne. L’iniziativa ha ottenuto migliaia di adesioni in tutta Italia, anche del consiglio comunale di Siracusa.    Si tratta di un segnale dedicato alle donne vittime di violenza del marito, un ex, un amante, uno sconosciuto che decidesse di porre fine alla sua vita  occupando anche un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società.. Una sedia posta sulla scena prima di ogni spettacolo servirà proprio a riservare un posto a quelle donne che se non fossero state uccise avrebbero assistito agli spettacoli classici. Il presidente della Fondazione Inda Giancarlo Garozzo ha dichiarato : “Le notizie che arrivano da tutto il mondo sugli atti di violenza contro le donne purtroppo sono costanti. E’ anche per questa ragione che come Fondazione Inda abbiamo subito colto l’invito ad aderire a questa campagna di sensibilizzazione perché sono atti inaccettabili contro i quali non bisogna restare in silenzio ma al contrario compiere gesti concreti perché nessuno dimentichi che seduta su quel posto, all’interno del nostro Teatro Greco così come della nostra società, ci sarebbe potuta essere una donna che invece è stata uccisa”. Tra i primi ad aderire all’iniziativa ideata da Maria Andaloro, anche Moni Ovadia regista della tragedia “Le Supplici” e Mario Incudine che ha curato le musiche e l’adattamento in siciliano dell’opera di Eschilo. Moni Ovadia ha spiegato: “Abbiamo accolto con grande consenso l’invito ad aderire a questa iniziativa anche perché è un segnale forte che viene lanciato contro una vera e propria piaga della nostra società che rimane lontana da una soluzione contro la misoginia. Proprio per questo condividiamo in pieno e sosteniamo questa idea”. Mario Incudine ha aggiunto: “Le Supplici è una tragedia che già nel 463 avanti Cristo parlava di donne che rifiutano la violenza maschile. Questa iniziativa è un manifesto della lotta contro la violenza e sotto questo punto di vista rappresenta un binomio perfetto perché ci troviamo davanti a un’opera che è un vero proprio grido contro la violenza”.


SiracusaAsP SR: Bastante e Madeddu  i direttori amministrativo e sanitario. Il direttore amministrativo dell’Asp di Siracusa Salvatore Strano e il direttore sanitario Corrado Vaccarisi hanno rassegnato le dimissioni dal proprio incarico. Il commissario straordinario Mario Zappia, conseguentemente, ha deliberato di mattina, le nomine alle direzioni amministrativa e sanitaria, rispettivamente, dei dirigenti aziendali Vincenzo Bastante ed Anselmo Madeddu. Il commissario straordinario Mario Zappia ha dichiarato: “Ringrazio i dottori Strano e Vaccarisi per la professionalità ed il senso di appartenenza che hanno dimostrato durante il proprio mandato, fornendo all’Azienda un valido contributo in un periodo così delicato e difficile, con l’avvento della riforma sanitaria siciliana, nel transitare l’Ausl 8 nella nuova Azienda sanitaria provinciale. Ai nuovi direttori, profondi conoscitori dell’Azienda e del territorio provinciale con i suoi bisogni sanitari,  l’augurio di buon lavoro con l’auspicio di una proficua collaborazione avendo già dimostrato di essere particolarmente vicini all’Azienda soprattutto  in questo particolare momento di cambiamento nell’attuazione delle novità dettate dalla riforma”. Vincenzo Bastante è direttore dell’Unità operativa complessa Bilanci e Finanze nonché coordinatore amministrativo dell’Area Territoriale. Anselmo Madeddu è responsabile del Distretto sanitario di Siracusa nonché coordinatore sanitario dell’Area Territoriale.  Corrado Vaccarisi rientra nel presidio ospedaliero Umberto I nella sua funzione di direttore della Patologia Clinica. In un nota inoltrata a tutto il personale dell’Asp Salvatore Strano, sottolineando di aver concluso la propria esperienza con un notevole arricchimento in termini di valori umani e professionali, ha voluto rivolgere il suo pensiero ed il suo saluto a tutte le professionalità presenti a vario titolo nelle strutture aziendali “con i più avvertiti sentimenti di stima e di gratitudine per il qualificato ed indispensabile impegno profuso nella collaborazione volta alla soluzione delle molteplici problematiche affrontate durante il mandato”.


PalermoProcede iter per completare autostrada Siracusa - Gela. Il Commissario Straordinario Arch. Calogero Beringheli ha dichiarato: “Sono soddisfatto. Con questi due importanti adempimenti si è fatto un altro significativo passo per il completamento della Siracusa Gela. Nonostante tutto, il CAS sta dimostrando di sapere operare con efficacia e credibilità, conseguendo gli obiettivi assegnati”. L’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente ha rilasciato il parere sulla valutazione di impatto ambientale della variante del Lotto 8 “Modica” della Autostrada Siracusa Gela. L’importante provvedimento, sollecitato al Dirigente Generale del Dipartimento regionale dott. Giovanni Arnone dal Commissario Straordinario arch. Calogero Beringheli, consegnato, di mattina, al Ministero dell’Ambiente per ottenere il decreto VIA, nei tempi brevi indicati dal Ministro Prestigiacomo. Il Decreto Interministeriale, una volta notificato al CAS,  sarà trasmesso all’ANAS per la conclusione della istruttoria del progetto del Lotto unico 6-7-8. Acquisito il relativo decreto ANAS, il CAS sarà nelle condizioni di avviare le procedure di gara per l’affidamento dei lavori. La Commissione di Gara, nominata dal Ministro delle Infrastrutture, ha concluso le operazioni di selezione delle offerte delle ditte che hanno partecipato alla gara ad evidenza pubblica per l’affidamento dei lavori di costruzione della Bretella Pachino Noto. Importo dei lavori a base d’asta  19.517.987,53€ , 25 ditte partecipanti. Con il ribasso del 43,967%, la impresa TOSA APPALTI srl di Acireale si è provvisoriamente aggiudicata i lavori.  La Commissione ministeriale di Gara, ha quindi trasferito gli atti all’Ufficio Gare ed Appalti del CAS per la predisposizione della deliberazione di aggiudicazione definitiva.


Siracusa - Segretario Generale U.G.L. visita Prefettura. Il Prefetto Carmela Floreno nella mattinata ha ricevuto il Segretario Generale dell’U.G.L., dott.G.Centrella, accompagnato dai rappresentanti regionale e provinciale del Sindacato e da alcuni collaboratori. Le parti, nel corso dell’incontro hanno espresso vivo apprezzamento sia per l’attività di mediazione svolta dalla Prefettura nell’ambito delle vertenze sindacali, sia per quella di coordinamento delle Forze dell’Ordine, che hanno conseguito notevoli risultati sul terreno della legalità e del contrasto alla criminalità. Sono state altresì analizzate la situazione economica locale e le possibilità di ripresa del territorio, sottolineando la necessità di rafforzare le infrastrutture, condizione imprescindibile per il rilancio dei settori agricolo ed industriale e lo sviluppo del settore turistico. Tavola rotonda, venerdì, a partire dalle ore 9.30, nel salone Borsellino di palazzo Vermexio, "LEGALITA': punto fermo per lo sviluppo". L'appuntamento, che sarà moderato dal segretario provinciale dell'Assostampa, Aldo Mantineo, si inserisce nell'ambito del 7° Congresso provinciale del SIULP Cisl, il sindacato dei lavoratori di polizia. La tavola rotonda sarà introdotta da Mario Ferrini, segretario generale del Siulp Siracusa; quindi, dopo la relazione di Paolo Sanzaro, segretario generale della UST provinciale, l'inizio del dibattito al quale prenderanno parte Fabio Granata, vice presidente della Commissione Nazionale Antimafia, Nello Lentini, presidente regionale Confapi Sicilia, Felice Romano, segretario generale nazionale Siulp, e Paolo Mezzio, segretario nazionale confederale Cisl. Subito dopo, intorno alle 12, prenderanno il via i lavori del 7° congresso che saranno presieduti da Vittorio Costantini, commissario straordinario del Siulp Sicilia.


PalermoIacp SR, Nazzareno Mannino subentra a Filippo Caruso. La giunta regionale di Raffaele Lombardo aveva nominato  Commissario straordinario dello Iacp di Siracusa Filippo Caruso. Sembra che il designato non avesse i titoli ed stato revocato dall'incarico che per due mesi, Filippo Caruso, ha ricoperto quale Commissario straordinario dello Iacp di Siracusa.  La giunta regionale ha deciso poi di nominare come commissario straordinario dello Iacp aretuseo Nazzareno Mannino, ingegnere capo del Genio civile di Siracusa, e già in passato ai vertici Iacp aretuseo.


Siracusa - Giancarlo Garozzo  è il nuovo sindaco di Siracusa è stato sostenuto dal centrosinistra. Il primo cittadino ha vinto il ballottaggio col 53,3%. Ezechia Paolo Reale (46,7%) era sostenuto da liste civiche e dai ''ribelli'' del Pdl.    GIANCARLO GAROZZO  ha ottenuto voti 18.902  pari al 53,30%,   EZECHIA DETTO PAOLO REALE  ha ottenuto voti 16.563 pari al  46,70%, Totale Voti non Validi: 843 pari al  2,32%,  Totale Voti Validi: 35.465 pari al  97,68%, Totale Schede Scrutinate: 100,00%.

Sindaco: è ballottaggio. La sfida è tra Giancarlo Garozzo ed Ezechia Paolo Reale. Il primo ha avuto il 32 percento delle preferenze, mentre Reale sfiora il 30 per cento. Dietro il candidato del Pdl Edy Bandiera.

( dati ballottaggio  in pdf con foto)

Siracusa –  Presidente Regione e Prefetto a cerimonia consegna Cattedrale di Noto. Si tratta del completamento della cupola,  degli affreschi, vetrate e del nuovo altare della Cattedrale di Noto. Il Prefetto Carmela Floreno, nel corso di una conferenza stampa in Prefettura al 1° piano del Gabinetto, comunica le modalità di svolgimento della cerimonia programmata a Noto il 13 febbraio per la presentazione dei lavori di completamento della cupola, affreschi e vetrate  e del nuovo altare della Cattedrale dedicata a san Nicolò. Il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo, l'assessore ai lavori pubblici Piercarmelo Russo, l'assessore ai beni culturali Sebastiano Missineo ed il direttore generale della Protezione civile Pietro Lo Monaco, prendono parte  a cerimonia di consacrazione del nuovo altare e di presentazione dei lavori di completamento della cupola della Cattedrale di Noto.


Siracusa  Morte avvocato Ettore Di Giovanni, cordoglio. La camera ardente allestita presso il Palazzo Vermexio aperta dalle 10 alle 21 e lunedì dalle 07 alle 15. I funerali lunedì alle ore 16 in piazza Duomo. L’on. Giambattista Coltraro, presidente del movimento Sal - Sviluppo, autonomia, lavoro e segretario della commissione Attività produttive dell’Ars afferma: “Ho appreso con commozione la triste notizia della scomparsa di Ettore Di Giovanni, avvocato di grande spessore e politico serio e preparato, profondo conoscitore del territorio e delle sue criticità. Alla famiglia di Ettore Di Giovanni esprimo tutto il mio cordoglio".

   


Siracusa - Gianluca Agati a Belgrado. La produzione di MySyracusae dedicata al Castello Maniace, "mySiracusa - Il Castello Maniace" è stata inserita in programma alla prossima Rassegna di Cinema Archeologico di Belgrado. Per l'evento, che avrà luogo presso il Museo Nazionale di Belgrado i prossimi 13 e 14 marzo, è stata appositamente realizzata una traduzione in lingua serba del documentario. La selezione è stata effettuata dall'Istituto di Cultura di Belgrado - Ufficio Culturale dell'Ambasciata d'Italia in Serbia, che ha valutato il lavoro di Gianluca Agati idoneo a rappresentare la cultura italiana nel consesso della manifestazione internazionale di Belgrado. Per il documentario di MySyracusae si tratta della terza vetrina internazionale, dopo la distribuzione ufficiale per lo scorso G8 Ambiente e la selezione per la XX Rassegna Internazionale di Cinema Archeologico di Rovereto

Video su “Castello Maniace di Siracusa” a XX Rassegna Internazionale di Cinema Archeologico a Rovereto

nella foto da sin:Carlo De Domenico e Gianluca Agati

Siracusa –  Una vetrina internazionale d’eccezione per la città di Siracusa e il suo Castello Maniace: il documentario “mySiracusa – IL CASTELLO MANIACE”, scritto e prodotto da Gianluca Agati e diretto da Carlo De Domenico, è stato selezionato dalla Commissione della XX Rassegna Internazionale di Cinema Archeologico – “Premio Paolo Orsi”, che si terrà a Rovereto, in provincia di Trento, dal 5 al 10 ottobre prossimi. Il documentario, già opzionato in esclusiva dal Ministero dell’Ambiente quale DVD ufficiale dello scorso G8 Ambiente di Siracusa e distribuito alle venti delegazioni partecipanti al summit, è stato tradotto in quattro lingue e la sua versione in lingua inglese, che vanta la voce di Sean Patrick Lovett : speaker ufficiale inglese per Radio Vaticana nel mondo, sarà in concorso per il premio “Archeologia Viva” di Rovereto, assegnato da una apposita giuria internazionale. L’evento di Rovereto rappresenta una delle massime rassegne documentaristiche di cinema archeologico d’Europa. Tra i partecipanti alla manifestazione si annoverano anche documentaristi della BBC e di Arte France, e costituisce pertanto un momento culturale di primissimo piano a cui quest’anno anche la città di Siracusa prenderà parte con il lavoro dei due siracusani Gianluca Agati e Carlo De Domenico.  Frattanto, è stata inserita in programma una seconda proiezione ufficiale del documentario venerdì 24 luglio alle ore 21.00 presso la sede a mare del Circolo Unione di Siracusa. La proiezione è introdotta dal professore Paolo Giansiracusa, Ordinario di Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti statale di Catania, e dalla professoressa Lucia Acerra, Presidente della sezione di Italia Nostra di Siracusa.

 

Domenico Iacieri  presidente provinciale Pro Loco Unpli

Siracusa - Domenico Iacieri, di professione imprenditore, è stato  designato quale presidente provinciale delle Pro Loco Unpli Siracusa. Salvatore Tinè presidente uscente, ha iniziato i lavori ripercorrendo tutte le tappe ed il lavoro svolto dal comitato provinciale. Poi l’elezione del nuovo direttivo.  Domenico Iacieri era già al vertice della Pro Loco di Augusta ed è stato eletto, nel  corso  dell’assemblea  provinciale,  che  si è  svolta  nei giorni scorsi a Sortino. All’assemblea hanno preso parte   i presidenti delle diciotto Pro Loco  aderenti  all’Unpli. Questi gli incarichi dirigenziali: vice presidente il carlentinese Amedeo  Seguenzia, segretario  Antonio  Brunetto  di  Sortino, tesoriere  Giuseppe Giardina, di Portopalo. Designati i consiglieri : Salvatore Tinè di Palazzolo, Paolo La Rosa di Solarino e Gaetano Caruso di Avola.   Il presidente provinciale  Domenico  Iacieri,  dunque,  ritorna  alla  guida  del  comitato provinciale insieme al gruppo “storico” dei presidenti che hanno fatto  rinascere  agli  inizi  degli  anni  90  il  comitato  provinciale  delle  Pro  Loco aderenti  all’Unpli. Si tratta di un  organo  istituzionale  che  aggrega  tutte  le  Pro  Loco della  provincia  in  un  comitato  e che  porta   avanti  le  esigenze  del  territorio sotto l’aspetto turistico e della valorizzazione  e promozione del territorio. Il nuovo direttivo si metterà  subito al lavoro per risolvere i numerosi problemi in attesa, da tempo, di valide soluzioni. E’ un compito tutt'altro che facile quello che attende il presidente Domenico Iacieri ed i suoi collaboratori. Tra gli obiettivi inseriti  nell’agenda  del  nuovo  presidente,  e  del  direttivo  provinciale,  c’è la rivalorizzazione attraverso un maggiore ruolo e riconoscimento delle Pro Loco della  provincia  di  Siracusa.


Palazzetto sport intitolato a Concetto Lo Bello

Siracusa - Il Palazzotto dello sport viene intitolato all’on. Concetto Lo Bello.

Infatti l’amministrazione ha completato con una delibera di giunta l’iter per l’intitolazione alla figura del che ha dato lustro alla città, sia da arbitro internazionale di calcio che da  parlamentare. L’on. Concetto Lo Bello è stato un uomo di primo piano nel campo sportivo e politico per Siracusa, Lo Bello è stato, tra l’altro, uno degli artefici della costruzione del palazzetto, una delle più importanti strutture pubbliche della città.


Atlante Registro Tumori Siracusa accredito francese IARC

 SIRACUSA - Il prestigioso riconoscimento giunto, nei giorni scorsi, al gruppo di ricercatori siracusani del Registro Territoriale delle Patologie da parte dell’ I.A.R.C., l’Agenzia Internazionale di Ricerca contro il Cancro che ha inserito Siracusa, unica da Napoli in giù ed insieme a Ragusa, tra i duecento Registri accreditati nel mondo, ha dato lo spunto agli autori del Registro di illustrare i risultati della loro ultima ricerca, che ha indagato per la prima volta l’incidenza e non solo la mortalità per tumori nella nostra provincia. L’Accreditamento internazionale del RTP: cosa è l’IARC di Lione : L’ I.A.R.C., International Agency for Research on Cancer , è un organismo della Organizzazione Mondiale della Sanità ed ha sede a Lione in Francia.


Presidente Consiglio nazionale Inner Wheel Natascia Passarini all’Assemblea Distrettuale

Siracusa - Assemblea Distrettuale dell’Inner Wheel alla presenza del Presidente del Consiglio nazionale Natascia Passarini. 100 socie provenienti da Sicilia e Calabria ricevute, tra il 16 ed 18 ottobre, dalla Governatrice siracusana Amalia Giardina, e dalla presidente del club di Siracusa Mariarosa Giambusso all’ Hotel des Etrangers di Siracusa. L’International Inner Wheel è molto probabilmente la più grande organizzazione femminile di service al mondo, che collega Socie appartenenti ai Club di diverse Nazioni: dall’Europa all’Africa, India, Filippine, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, e Canada, per citarne soltanto alcune. Per apprezzare pienamente la forza e le tradizioni dell’Inner Wheel, occorre naturalmente considerare l’ispirazione, la dedizione e l’intuito della Presidente fondatrice e di quelle Socie che hanno guidato l’Inner Wheel nel corso degli anni. L’Inner Wheel nacque ufficialmente il 10 Gennaio 1924, quando Margarette Golding fu eletta Presidente di un Club in Manchester, costituito dalle mogli dei Rotariani. Tuttavia, le radici da cui è poi sorta l’attuale International Inner Wheel furono gettate nel 1934, quando fu fondata l’Associazione dei Club Inner Wheel in Gran Bretagna ed Irlanda. Ben presto l’Inner Wheel cominciò ad espandersi all’estero, tanto che nel 1947 le parole “in Gran Bretagna e Irlanda” furono rimosse dalla denominazione dell’Associazione, che divenne nota come Associazione dei Club Inner Wheel. Nel 1967 l’International Inner Wheel si costituì giuridicamente, dando l’opportunità a Socie qualificate di ogni Paese di prestare servizio, rinforzando l’unità dell’Associazione nel mondo. Sin dalla sua fondazione, l’International Inner Wheel è in continua crescita, grazie alla costituzione di nuovi Club in molti Paesi. Attualmente si contano più di 100.000 Socie iscritte in oltre 100 Paesi e Territori. L’Inner Wheel aiuta le persone vulnerabili, i giovani, le donne e gli anziani.  La vocazione personale al service è, infatti, un obiettivo fondamentale dell’appartenenza all’Inner Wheel. L’attenzione è certamente rivolta ai soggetti deboli ed a quelli meno fortunati, (i bambini, le donne, i giovani, gli anziani), sia nei nostri Paesi sia in quelli in via di sviluppo. Ed il service è offerto in molti modi, dagli aiuti generali a lungo termine alla raccolta di fondi per sopperire a situazioni di emergenza in aree disastrate. In tali circostanze le Socie Inner Wheel sono tra le prime a rispondere all’appello.


CataniaGovernatore Lombardo incontra Franceschelli nuovo prefetto  di Siracusa. Il presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo ha ricevuto, di mattina, in visita di cortesia nella sede catanese della Presidenza, il nuovo prefetto di Siracusa, Renato Franceschelli

 

che succede al prefetto Carmela Floreno Vacirca .

  Franceschelli, nominato prefetto dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 13 dicembre 2011, proviene dall'Ufficio di gabinetto del capo del dipartimento per le Libertà civili e per l'immigrazione, in seno al quale ha svolto il ruolo di capo ufficio di staff.