L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : info@informatoredisicilia.it  - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

 - Farmacie

©  FLORIDIA

RUBRICHE

in POLITICA
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 ARTE  
 MUSICA   new
 in LIBRERIA


 CATANIA 3a 2018



Il Capitano di Vascello Andrea VENTURA dal 6 ottobre 2017 è Comandante della Portaerei CAVOUR




Catania - Comandante Maristaeli visita Direzione Marittima. Il Direttore Marittimo della Sicilia orientale e comandante della Capitaneria di porto etnea, Contrammiraglio Domenico De Michele, ha ricevuto nei giorni scorsi la visita del Capitano di Vascello pilota Andrea Cottini, recentemente insediatosi al comando della Stazione Elicotteri Marina Militare di Catania. L'ufficiale, che è subentrato al Capitano di Vascello pilota Giuseppe Galli, si è trattenuto in un cordiale colloquio con l'Ammiraglio De Michele e con altri Ufficiali della Capitaneria di porto. Al  termine dell'incontro, oltre al benvenuto ed agli auguri di buon lavoro nella sede catanese, al Comandante Cottini è stato donato il "crest" della Direzione Marittima.


 


Catania  - Manlio Sgalambro

. Era diventato noto al pubblico musicale  per la sua collaborazione ventennale con Franco Battiato.  Manlio Sgalambro, nato a Lentini il 9 dicembre del 1924, che amava   filosofia, scrittura, poesia e canto. Sgalambro ha avuto filosoficamente un orientamento nichilista apprezzando Friedrich Nietzsche ed Emil Cioran. Il filosofo ha pubblicato  saggi in riviste negli fin dagli anni ‘50, nel 1982, è stata pubblicata l’opera "La morte del sole". Manlio Sgalambro con apparizioni televisive ha raggiunto una notorietà in tutti gli ambienti oltre a quelli culturali in cui già era noto.  Ha scritto tanto : "Trattato dell'empietà", "Del pensare breve", "Dell'indifferenza in materia di società", "La consolazione", "Trattato dell'età", "De mundo pessimo" e altri. L'ultimo è nel 2013: "Variazioni e capricci morali". Sgalambro ha collaborato a gran parte dei progetti musicali  di Battiato ed ha scritto testi di canzoni anche per altri artisti. Abbiamo avuto il piacere e l’onore di averlo anche nell’elenco dei nostri collaboratori, il suo pezzo è ancora in rete (titolo con lui concordato): "Quieti"..per cinquanta anni "Questo federalismo è un "padanismo"  non può essere il solo stimolo......" di   MANLIO SGALAMBRO. I funerali sono celebrati venerdì 7 marzo alle 15:30 nella chiesa Crocifisso dei miracoli di Catania.



Catania- Ufficiale pilota catanese tra i 5 coordinatori Sicilia di Fratelli d’Italia. Sandro Pappalardo,

catanese, 46 anni, ufficiale  dell’Esercito, è stato nominato tra i cinque coordinatori regionali in Sicilia di Fratelli d’Italia. Una scelta condivisa dai tre fondatori, Guido Crosetto, Ignazio La Russa e Giorgia Meloni, del partito più rappresentativo della nuova destra italiana. Sandro Pappalardo, originario di Biancavilla, sposato, e padre tre figli, è pilota d’elicotteri, vive tra Viterbo,  Roma e la Sicilia, dove nelle scorse elezioni politiche è stato  candidato al Senato ed ha contribuito al soddisfacente risultato di Fratelli d’Italia, ad appena due mesi dalla sua fondazione. Pappalardo ha dichiarato: “Il Paese ha bisogno di punti di riferimento politici chiari e definiti e Fratelli d’Italia, fin dalla sua nascita, ha assunto una linea di condotta coerente con la storia personale e politica dei suoi fondatori, trasmessa ai quadri dirigenti nazionali, regionali e locali e alla base dell’elettorato. Stiamo migliorando l’organizzazione del partito sul territorio in vista delle prossime elezioni amministrative e seguiamo con particolare attenzione l’evolversi della situazione che riguarda la Regione Siciliana, che in questo anno non ha saputo affrontare in termini seri nessuna delle tante questioni aperte. La denuncia sì, ma non basta: si deve anche saper amministrare”, ha concluso il coordinatore Pappalardo, che nei prossimi giorni parteciperà all’inaugurazione della sede di FdI a Barcellona Pozzo di Gotto.


Catania Comandante Carabinieri Giuseppe La Gala

(clicca ed ascolta l'intervista) a Roma. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catania   il Colonnello Giuseppe La Gala, ha salutato, la stampa e la città nell’approssimarsi del trasferimento a Roma per la partecipazione alla 65^ sessione presso l’Istituto Alti Studi per la Difesa. L’alto ufficiale ha lavorato nella città etnea, al comando provinciale dei Carabinieri con dedizione e precisione esemplari ottenendo ottimi risultati nel contrasto alla criminalità organizzata e comune.. Il  Colonnello Giuseppe La Gala, che dovrà  conseguire  molto presto il grado di generale, ha incontrato i rappresentanti degli organi di informazione all’interno della sala stampa del Comando Provinciale Carabinieri, per il commiato anche se non è escluso che in futuro possa tornare a Catania per altri motivi che esulano dal servizio.  Il  Comando della Legione Carabinieri “Sicilia è affidato attualmente dal Generale Brigata Giuseppe Governale che ha in passato svolto le mansioni di Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catania. Un buon segnale di comando anche per l’alto ufficiale Giuseppe La Gala che ha lasciato un buon segnale nella città etnea. Il  Colonnello Alessandro Casarsa da Roma a Catania pronto per il comando.


 

Acicastello - Luogotenente Salvatore Raciti  neo titolare  'Ufficio Locale Marittimo di Acicastello. L’ufficiale subentra al Capo di 1^ Classe Fabrizio Tanzarella. Il passaggio di consegne è avvenuto alla presenza dell'ammiraglio Domenico De Michele, Comandante della Capitaneria di Porto di Catania. Raciti, 47 anni, in servizio nella Guardia Costiera dal 1984, è originario di Acicatena e proviene dalla Capitaneria di Porto etnea. Tanzarella, nella sede di Acicastello dal 2005, prenderà servizio all'Ufficio Circondariale Marittimo di Riposto.


Catania - Cannizzaro, attivato servizio vigilanza. Utenti ed operatori più sicuri in ospedale: ronde e controlli con guardie giurate anche di notte. La  maggiore sicurezza è sia per gli utenti che per il personale dell’ospedale Cannizzaro di Catania, soprattutto in aree e reparti più “critici”. Il  servizio di vigilanza, sorveglianza, guardiania, trasporto valori e custodia, è  stato infatti attivato in Azienda , era stato svolto in via temporanea per queste festività ed è a regime da inizio gennaio. La procedura per l’affidamento dell’appalto si è conclusa nei giorni scorsi con l’aggiudicazione alla società Nuova Invincibile. Il servizio consiste in una ronda motorizzata giornaliera, h24; nel ritiro valori dagli uffici tickets aziendali con consegna al tesoriere; nella dotazione ai singoli reparti ed uffici di sistemi di chiamata in urgenza della ronda. Le guardie giurate hanno il compito di supportare, su chiamata, il personale dell’Azienda ospedaliera in servizio al Pronto Soccorso per impedire l’ingresso di persone non autorizzate all’interno delle sale e delle stanze di degenza, evitare assembramenti e situazioni di possibile conflittualità che possano pregiudicare il normale svolgimento delle attività ospedaliere. Gli  agenti, oltre a intervenire nei casi di tentativi di effrazione o di furto, effettueranno controlli in tutte le strutture ed in particolare nelle sale con maggiore affluenza di utenti quali le sale d’attesa prenotazioni, ticket, poliambulatori, Pronto Soccorso, ingresso amministrazione; dopo le ore 20 verificheranno la chiusura degli ingressi di tutte le porte di accesso ai diversi edifici e gestiranno gli allarmi. Gli  operatori se rilevate situazioni “anomale”, ne faranno segnalazione ai competenti uffici dell’Azienda od alle forze di polizia­.L’attivazione del servizio è stata voluta dalla Direzione Aziendale, dopo che, nei mesi scorsi, si sono verificati episodi di furti a danno dei pazienti al Pronto Soccorso, al ticket ed all’interno di uffici amministrativi dell’Azienda.


CataniaComandante Fontana incontra ammiraglio De Michele. Il Colonnello Giuseppe FONTANA, neo Comandante del Centro Documentale dell'Esercito Italiano di Catania, si è recato in visita presso la Capitaneria di Porto etnea, sede del Comando Presidio Militare. L’alto ufficiale è stato ricevuto dall'Ammiraglio Domenico DE MICHELE, Direttore Marittimo della Sicilia orientale. Il Colonnello Giuseppe FONTANA dopo un breve e cordiale colloquio presso la Capitaneria al quale hanno partecipato anche alcuni Ufficiali della Capitaneria, ha ricevuto in dono il tradizionale "crest".


CataniaBloccata raccolta rifiuti Ato Simeto-Ambiente, solo 1 ditta continua.  Scrive testualmente l’ufficio stampa: ”Detto e fatto. Dopo aver requisito ieri le chiavi dei mezzi e degli autoparchi, gli operatori ecologici questa mattina sono rimasti fuori dai cancelli, senza, dunque, poter lavorare. Delle diciotto realtà di Simeto-Ambiente, in quattro Comuni si è comunque, regolarmente lavorato. L’attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti è stata effettuata a Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, realtà gestite da una della quattro consorziate, la Oikos, che ha scelto di fare un passo indietro rispetto alle altre aziende; si è lavorato anche a Nicolosi, affidata a Mosema (la scelta di operare è legata al fatto che, già diversi giorni fa Mosema ha annunciato che martedì 12 febbraio, dunque oggi, avrebbe concluso il servizio a Nicolosi, abbandonandolo perché ritenuto poco remunerativo, con il Sindaco, Nino Borzì che si è mosso indicendo una gara esplorativa, ma attendendo dalla Regione Siciliana, risposte sul da farsi; ed infine si è lavorato a Mascalucia, sempre affidata a Mosema, dove la ditta ha un contratto diretto con il Comune. E sempre oggi, alle 13, si terrà nella sede di Simeto-Ambiente, un incontro tra Consorzio Simco e sindacati”.


Catania Ing. Colombrita presidente Ance Catania. L’ingegnere  guiderà l'Associazione provinciale dei costruttori edili per il triennio 2012/15. L’ing. Colombrita succede  ad Andrea Vecchio, che ha retto l’Ance Catania per due mandati consecutivi, e al quale è stato assegnato il ruolo di portavoce e organizzatore delle iniziative dell’associazione.  L’elezione di Nicola Colombrita è nella continuità con l’impronta data da Vecchio, ed in anni precedenti da Emanuele Rimini, che il nuovo presidente intende basare il suo mandato: spirito di servizio lontano da logiche utilitaristiche, e contrasto ad ogni forma di illegalità, primo fra tutti il lavoro nero che danneggia le imprese sane. “Sono consapevole della responsabilità sociale dell’imprenditore edile – ha dichiarato Nicola Colombrita appena eletto- e metterò tutto il mio impegno in questo senso, anche dando ampio spazio alle proposte che verranno dal Gruppo Giovani Ance retto da Salvo Messina: sono convinto infatti che gli “under 40” abbiano maggiore senso civico e dello Stato rispetto a tanti meno giovani”. Colombrita, che è stato in passato il primo presidente del Gruppo Giovani etneo, è l’attuale presidente dell’Ente Scuola Edile di Catania. Altri punti fondamentali dell’azione del nuovo presidente Ance Catania saranno la prosecuzione nella collaborazione con gli ordini professionali degli ingegneri e degli architetti nel ruolo propositivo e di stimolo nei confronti della pubblica amministrazione, e l’attenzione alla formazione continua degli imprenditori per il rafforzamento della cultura di impresa. Ance Catania ha rinnovato anche il Consiglio Direttivo: sono stati eletti vicepresidenti Alessandro Bosco e Mimmo Reina, tesoriere Walter Finocchiaro, mentre i consiglieri sono Salvo Ferlito, Rosario Fresta, Franco Fonterrè, Marcello La Rosa e Giuseppe Piana.


Aci Castello collegata con pedonale e ciclabile ad Acitrezza. Al referendum i “Si” sono stati 2.057 (93.6%) e  139 i “No” (6,3%), 1 scheda bianca, 12 le schede nulle. Il lungomare unico quindi si farà secondo quanto stabilito con il referendum cittadino. Hanno votato il 13% degli oltre 16mila aventi diritto. I favorevoli al collegamento Aci Castello - Acitrezza sono stati il 93,6%. Filippo Drago sindaco Aci Castello ha subito palesato l’intenzione di  “mettersi subito al lavoro per ottenere il collegamento pedonale e ciclabile tra il lungomare di Acitrezza ed Aci Castello". Il referendum consultivo era stato indetto dal Comune Aci Castello per definire in modo democratico una vicenda che si trascinava ormai da molto tempo.


Catania L'arcivescovo di Catania Mons. Salvatore Gristina,  ha preso parte alla serata di cultura enogastronomica “Formaggi e vini”, nell'ambito della rassegna “Eventi e tradizioni” del Distretto Culturale di Catania.  Nel raffinato Museo Cafè all’interno del Museo diocesano di Catania, il barone Ursino Recupero, delegato dell’Accademia Italiana della cucina, ha intrattenuto amabilmente i numerosi invitati che hanno ascoltato con piacere il racconto sulle tradizioni dei formaggi e dei vini etnei. Giuseppe Finocchiaro, ideatore del Distretto Culturale di Catania e la signora Maria Gabriella Guzzetta, responsabile eventi, hanno consentito l'incontro fra produttori agro-alimentari d'eccellenza che si sono intrattenuti con i presenti. Non è mancato, infine, il raffinato e molto apprezzato momento di degustazione dei formaggi tipici accompagnati da vini e miele dell’Etna, curato dall’Associazione Professionale Cuochi Italiani, presieduta in Sicilia dall’executive chef Salvatore Scrivano. Prossimo appuntamento, nel mese di marzo, dedicato al pane. Il Distretto Culturale di Catania è nato grazie al supporto della Fondazione Cariplo e di un gruppo di autorevoli partner, quali la Fondazione diocesana per i beni culturali, l’Apit, il Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara, il Parco dell’Etna, la Fipe Confcommercio e coinvolge diverse realtà del territorio provinciale catanese. Ricco anche il parco dei produttori che hanno aderito al progetto valorizzando il meglio della produzione tipico locale del “sistema Etna”. Rifacendosi ad una concezione di cultura a tutto tondo, il Distretto invita a scoprire le meraviglie del Barocco catanese e il culto di sant’Agata che permea l’artigianato locale, le tradizioni gastronomiche e addirittura l’aspetto urbanistico della città, ricostruita dopo il grande terremoto di fine ‘600. Il risultato è una proposta multiforme che si articola intorno a quattro grandi temi, ognuno dei quali approfondisce un aspetto peculiare della cultura locale: un sapiente mix, dunque di arte, culto e storia, artigianato, enogastronomia e ambiente. E’ prevista, inoltre, la costruzione di pacchetti turistici che, facendo proprie e proponendo le iniziative culturali create con il progetto, promuovano Catania come una città d’arte offrendo una vacanza dal taglio culturale, rivolta anche al turismo scolastico, da fruire da sola o eventualmente come estensione di altre tipologie di turismo già sviluppate nell’area.



Contrammiraglio Domenico De Michele ed Ammiraglio Cacioppo

Catania - Guardia Costiera :  C.te Generale Capitanerie di Porto visita Direzione Marittima Catania. L'Ammiraglio Ispettore Capo Pierluigi Cacioppo, Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, ha visitato oggi la Capitaneria di Porto di Catania, sede della Direzione Marittima della Sicilia orientale. L'Ammiraglio Cacioppo, che dirige il Corpo dal febbraio del 2012, è stato ricevuto dal Direttore Marittimo della Sicilia orientale, Contrammiraglio Domenico De Michele e, in occasione della visita, ha incontrato anche i Titolari dei Comandi operanti nella "zona" marittima di giurisdizione (le Capitanerie di Porto di Messina, Siracusa, Augusta, Milazzo e Pozzallo, nonchè gli Uffici Circondariali Marittimi di Lipari, Riposto e Sant'Agata di Militello), oltre ai responsabili degli Uffici minori del Circondario etneo (gli Uffici Locali Marittimi di Acicastello e Pozzillo e la Delegazione di Spiaggia di Santa Maria La Scala). Dopo l'assemblea generale con tutto il personale militare e civile, il Comandante Generale ha visitato la vicina Base Aeromobili della Guardia Costiera dove, ricevuto dal Capitano di Vascello Patrizio Zumbo, Comandante della Base, ha incontrato i militari destinati ed il personale facente parte degli equipaggi di volo del 2° Nucleo Aereo Guardia Costiera. Al termine della breve visita, al Comandante Generale è stato donato il tradizionale "crest" dei  Reparti.


Chiesta casa comune ad Istituzioni per associazioni a Librino

Catania - La Rete delle Associazioni a Librino chiede alle Istituzioni  di individuare una "Casa comune". L'istituzione di una "Casa delle Associazioni" consentirebbe  di incidere ancor più positivamente sul territorio. Le  associazioni chiedono alle Istituzioni di individuare presto una "Casa delle Associazioni" a Librino. Si tratterebbe di una struttura funzionale da assegnare alla Rete delle Associazioni. In tal modo sarebbe istituito un organismo che possa  raccogliere una ventina delle realtà di volontariato a Librino. Già  da Ottobre la proposta è stata presentata in occasione della mostra di Urbanistica nel quartiere. A chiedere un centro comune è l'Associazione culturale Oltre la Periferica, promotrice della Rete delle Associazioni ed editore del mensile del quartiere "La Periferica".  "Nell'ultima riunione della Rete delle Associazioni si è espresso il desiderio di lavorare insieme in una struttura cogestita dalle realtà di volontariato nel territorio" - dichiara Massimiliano Nicosia, presidente di Oltre la Periferica - Le istituzioni ripetono spesso che i cittadini devono farsi promotori del proprio territorio, questa è un'occasione per dimostrare se esiste una volontà politica concreta a sostenere le iniziative dal basso a Librino o ancora una volta si tratta solo di vuote parole di propaganda verso questo quartiere. Ci sono spazi importanti a Librino che potrebbero essere destinati a tale scopo come la Masseria Bonajuto, attualmente gestita dall'Università di Catania, o Villa Fazio, che opportunamente ristrutturata e messa in funzione consentirebbe anche l'utilizzo dei campi per le associazioni sportive." Sono molte le realtà di volontariato ed organizzazioni non-profit che operano a Librino con estrema povertà di mezzi. Le associazioni però non dispongono di una sede stabile per le loro attività sociali. I volontari spesso devono scegliere tra chiudere i battenti o dover prendere in affitto dei locali. Capita poi che la copertura delle spese di affitto vada a gravare sugli iscritti escludendo in tal modo un aiuto proprio per le classi più svantaggiate del territorio. La proposta di istituire una Casa della Associazioni permetterebbe ai volontari di abbattere i costi. Le associazioni chiedono all’amministrazione comunale di Catania di distribuire tra la rete energie che consentirebbero una maggiore interazione e programmazione. Si tratterebbe quindi di un intervento più incisivo sul territorio etneo.


Catania - Caduti in guerra: onore e commemorazione. I  Caduti di tutte le guerre  sono stati commemorati di mattina nella Basilica Collegiata di Catania, con una Santa Messa officiata da S.E. Mons. Salvatore Gristina, Arcivescovo Metropolita e concelebrata dai Cappellani Militari e delle Forze di Polizia, alla presenza delle massime Autorità civili e militari. il Vice Prefetto Vicario della Prefettura di Catania, Dott.ssa Annamaria Polimeni ed il Contrammiraglio Domenico De Michele, Direttore Marittimo e Comandante del Presidio Militare etneo, dopo la Santa Messa, hanno deposto una corona al Sacrario dei Caduti della Chiesa di S. Nicolò La Rena. Commemorazioni anche nei vicini Cimiteri di Guerra inglese e germanico, con la deposizione di corone di alloro e con un momento di raccoglimento, culminato nella lettura della "preghiera dei Caduti".


Catania -  Inaugurata sede “Addiopizzo” e “Libera”. La prima sede di Addiopizzo e Libera Catania ha dimora al sesto piano di via Finocchiaro Aprile 112, nel quartiere Picanello. Un appartamento, fino a poco tempo fa, frequentato da mafiosi, oggi espone ben visibile all’ingresso lo slogan: “Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”, in cui si riconoscono tutti i commercianti, gli imprenditori e le persone oneste. Accanto, la bandiera di Libera “Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”. A festeggiare la nuova sede insieme al presidente di Addiopizzo Catania, Salvatore Grosso, al rappresentante di Libera, Giuseppe Vinci, che ha portato i saluti di Dario Montana, e al coordinatore provinciale di Libera, Giuseppe Strazzulla, c’erano  tutti i ragazzi che quotidianamente svolgono attività di volontariato per  radicare sempre più i principi di legalità e giustizia. Al loro fianco i vertici delle Istituzioni cittadine, che nel corso degli anni sono sempre stati vicini al lavoro delle due associazioni:

 

il Prefetto di Catania, Francesca Cannizzo, il presidente della Provincia, Giuseppe Castiglione, il procuratore Capo della Repubblica, Giovanni Salvi e il Procuratore aggiunto Michelangelo Patanè. A volere che l’appartamento venisse assegnato ad Addiopizzo Catania e Libera fu l’allora Prefetto di Catania Giovanni Finazzo, ed è con un sentito ringraziamento nei suoi confronti che Salvatore Grosso, presidente di Addiopizzo, ha dato il via all’inaugurazione di questo bene confiscato alla mafia. Salvatore Grosso rappresentante di Libera ha dichiarato :“Sono fiero di rappresentare un gruppo di ragazzi che dedicano molto tempo, sottraendolo alla propria vita privata, per una causa comune, per attività di recupero sociale, di sensibilizzazione a una cultura della legalità e all’impegno contro la corruzione”. A conclusione dell’inaugurazione, sono stati offerti dolci e vino prodotto da Libera nelle campagne  di Palermo confiscate e ad essa assegnate. Erano presenti anche il Questore di Catania, Antonino Cufalo, il Comandante provinciale dei Carabinieri, Giuseppe La Gala, e il Capitano Orazio Sanfilippo in rappresentanza del Comandante provinciale della Guardia di Finanza.



Catania -  Il colonnello Giuseppe La Gala incontra il presidente della Provincia Giuseppe Castiglione.

 


Mons. Gristina a Librino: Non dovete sentirvi emarginati

Catania - Una straripante comunità di fedeli librinesi si è ritrovata presso la Chiesa della Risurrezione ad accogliere l’Arcivescovo di Catania, Salvatore Gristina   . La struttura della parrocchia, che fu dell’amato padre Giuseppe (ieri presente in loco per assistere al musical realizzato dalla scuola teatrale della chiesa e a lui dedicato ndr.), oggi affidata al magistero spirituale di Padre Santino, non è riuscita a contenere tutti i presenti. Monsignor Gristina è giunto puntualissimo all’appuntamento coi fedeli ed ha dispensato la serenità e l’umanità che caratterizzano il suo tono e i suoi modi garbati. L’occasione è stata quella della Cresima di alcuni  fedeli appartenenti alla Chiesa della Risurrezione del Signore. I rappresentanti della comunità religiosa, in presenza dell’alto prelato, hanno sottolineato l’importanza dell’attuazione del progetto di collaborazione interparrocchiale per porre attenzione alle famiglie, ai giovani e ai ragazzi e al disagio socio-culturale. E hanno ringraziato l’Arcivescovo per la sua presenza e, soprattutto, per l’attenzione che sta manifestando verso i librinesi. Egli ha infatti individuato in Librino e nei giovani del quartiere, luogo e principali protagonisti della prossima Pentecoste. Monsignor Gristina, accetta i ringraziamenti, ma, prima di iniziare il rito eucaristico, affida al nostro taccuino l’esortazione al quartiere e ai suoi abitanti a non sentirsi emarginati od isolati: “Nella Chiesa non esiste centro o periferia. L’unico centro è Gesù Cristo. Avendo questo tipo di riferimento non potrete mai sentirvi periferici o emarginati. Mi fa piacere constatare questa grande partecipazione di fedeli. Spero che si possa riscoprire il valore della Domenica. Mi auguro che questo giorno di Cresima, di “Confermazione”, non sia solo un momento importante per la vita dei ragazzi e delle persone della comunità parrocchiale, ma un punto di partenza per un progetto di condivisione e solidarietà. Nel rispetto di valori fondamentali quali quelli della correttezza e dell’onestà nell’adempimento del proprio dovere”: L’Arcivescovo, al termine della celebrazione religiosa, ha chiesto ai presenti di rendersi partecipi, ognuno col proprio ruolo, nella realizzazione degli obiettivi comuni: “Qui c’è lavoro per tutti, nessuno escluso, al fine di realizzare gli obiettivi solidali che dobbiamo prefiggerci. Ho scelto di concentrare su Librino il cammino che porta alla prossima Pentecoste, puntando decisamente sui giovani librinesi.  Avremo quindi modo di rivederci presto e pertanto vi dico: arrivederci”. Padre Santino Salamone, parroco della Chiesa, che non ha dimenticato di ringraziare il suo predecessore, è ancora emozionato per l’importante compito assegnatogli. E sottolinea l’importanza della vicinanza della parrocchia alla comunità dei fedeli che la compongono: “Non c’è conoscenza senza presenza. Ed è per questo che sto adattando dei locali della struttura per farne luogo di mia residenza. Perché non voglio far mancare a questa “miniera” di valori la costante e fisica presenza mia e della Chiesa”.         Andrea Nuzzo


CUCUZZA A LIBRINO


Catania_3a_2018

 


NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24


CATANIA


Sigonella: Comando NASSIG USA, cap. Vascello Kevin Pickard Jr. subentra ad uscente cap. Brent Trickel



(ascolta intervista)cap. Vascello Kevin Pickard Jr, cap. Brent Trickel

e sindaco Saverio Bosco

CATANIAComando NASSIG USA Sigonella: cap. Vascello Kevin Pickard Jr. è subentraTO ad uscente cap. Brent Trickel. La cerimonia di Cambio  Comando ed insediamento del cap. Vascello  Kevin Pickard Jr. (ascolta intervista) (biografiain pdf)  ha luogo, giovedì 4 aprile, con inizio alle ore 10.30, presso l'hangar della Stazione Aeronavale della Marina americana di Sigonella (NAS), ubicata sulla Strada Statale 417.  Le autorità civili e militari locali partecipano alla cerimonia. Il Capitano di Vascello (biografiain pdf)Brent Trickel (ascolta intervista)  lascia l'Isola siciliana, dopo 3 anni, si era insediato il 10 maggio 2016, sostituendo il cap.  Chris DENNIS (intervista) . Il cap.Brent Trickel è destinato al college militare dell'esercito americano US Army’s Command and General Staff College di Fort Leavenworth in Kansas, dove prenderà servizio ad aprile. Il comandante uscente Trickel ha guidato con successo la base americana di Sigonella durante l'esercitazione NATO "DYNAMIC MANTA" e l'operazione ODYSSEY RESOLVE, alle quali l'installazione USA ha partecipato confermando il suo ruolo di "centro nevralgico del Mediterraneo". La NAS Sigonella, durante il periodo di comando Trickel, è stata la base operativa del summit G7 di Taormina del 2017 ed ha ospitato il primo discorso ufficiale del Presidente Trump indirizzato direttamente ai militari. La base NAS Sigonella, in questi tre anni di comando Trickel, ha ricevuto alcuni prestigiosi riconoscimenti tra i quali si annoverano il primo posto nella la gara di risparmio energetico triennale tra le basi ubicate in Europa, Africa e Asia Sudoccidentale  (EURAFSWA "Biggest Loser contest) ed il conferimento del premio "Capt. Edward F. Ney Award" per la migliore mensa militare nel 2018.  La NAS Sigonella fornisce supporto logistico al Comando della Regione Navale per l’Europa, l’Africa e l’Asia Sudoccidentale nonché alle unità della QUINTA e SESTA flotta USA ed alle forze NATO nel Mediterraneo.  Il  Capitano di Vascello Kevin "Kepper" Pickard Jr.(biografiain pdf)  è nato a New Orleans, in Louisiana, si è laureato nel 1996 presso l'Accademia Navale degli Stati Uniti ottenendo una laurea in Inglese con lode. Il Capitano Pickard ha al suo attivo più di 3.600 ore di volo su elicotteri TH-57, HH-1N, MH-53E, e MH-60S ed ha prestato servizio in mare presso il Quarto Gruppo Elicotteri (HC-4) a Sigonella in Sicilia e l’Undicesimo Gruppo Elicotteri (HC-11) a San Diego in California, ha ricoperto l’incarico di aiutante di bandiera a bordo della portaerei USS Theodore Roosevelt (CVN 71) del gruppo navale d’attacco Carrier Strike Group 2.

 


CATANIA - Generale Miniscalco cte Forze Supporto e Speciali visita Sigonella. L’alto ufficiale ha particolarmente apprezzato le attività che l’Aeroporto Siciliano fornisce alle Istituzioni ed alla collettività nel settore del controllo traffico aereo civile.  Il  Comandante le Forze di Supporto e Speciali (CFSS) dell’Aeronautica Militare (AM), Generale di Divisione Aerea Gianpaolo Miniscalco, nella sede Comando Aeroporto di Sigonella è stato accolto dal Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto. Il Gen. Miniscalco ha assistito alla presentazione della complessa realtà dell’Aeroporto Siciliano, con approfondimenti sui diversi Enti  nazionali ed internazionali  presenti e sulle attività di implementazione strutturale che ne coinvolgono tutto il sedime. Il  Comandante del CFSS a margine dell’alzabandiera generale appositamente voluta allo scopo di rivolgersi direttamente a tutto il personale dipendente ha detto : “Mi vedrete girare per la base al fine di capire ancora meglio questa grande ed importante realtà dell’Aeronautica Militare”. I  militari, nel proseguo della giornata, sono stati avvicinati dal generale nei rispettivi luoghi di lavoro al fine di coglierne l’operatività nonché riscontrare eventuali problematiche. Il sopralluogo ha riguardato diverse infrastrutture della base tra le quali l’11° Reparto Manutenzione Velivoli, il 61° Gruppo Volo Predator e la NATO AGS Force. Particolare interesse e attenzione ha suscitato la visita alle infrastrutture del 441° Gruppo Servizi Tecnico Operativo (STO) dell’Aeroporto che si occupano della gestione dello spazio aereo della Sicilia Orientale.  I  controllori militari di Sigonella, in perfetta sinergia con le altre Istituzioni interessate, disciplinano la gestione del traffico aereo civile di Catania Fontanarossa. L'emissione nell’atmosfera di cenere vulcanica dell’Etna ha per oltre un mese seriamente compromesso il traffico aereo  nel cielo entneo.  I  militari AM di Sigonella hanno continuato ad assicurare, alle Istituzioni ed alla Collettività, i consueti e quotidiani servizi di fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di interesse, gestendo l’emergenza con le limitazioni imposte e sempre nel pieno rispetto delle procedure per assicurare il massimo livello di sicurezza del volo. Il Generale Miniscalco durante la visita in Sicilia, iniziata nel pomeriggio del 29 gennaio, l’ha conclusa con un’attività addestrativa a bordo del velivolo P-72A del 41° Stormo. L’alto ufficiale  ha apprezzato le potenzialità del sistema d’arma recentemente acquisito in AM. Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze Supporto e Speciali dell’AM, ha il compito di fornire il supporto operativo, tecnico, logistico ed amministrativo agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando in continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Le mansioni includono anche l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. Il 41° Stormo Antisom (dotato di velivoli P-72A), l’11° Reparto Manutenzione Velivoli e il 61° Gruppo Volo APR (con Predator tipo A) sono le principali realtà AM nazionali insistenti sul sedime e/o supportati; a questi vanno aggiunti quelli di rilievo internazionale: gli stanziali Naval Air Station U.S. Navy e NATO AGS Force ed i rischieramenti nell’ambito dell’attuale operazione EUNAVFORMED SOPHIA (di Lussemburgo, Spagna, Polonia). L’Aeroporto di Sigonella è responsabile sia della fornitura dei servizi traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che  dei cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti,  compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG).


SIGONELLACol. Frare cede a col. Chiriatti Comando 41° Stormo ed Aeroporto. Il  Colonnello Francesco Frare, dopo un anno di intensa attività nella Base siciliana, ha passato le consegne al Colonnello Gianluca Chiriatti alla presenza delle più alte Autorità della provincia di Catania e Siracusa. La cerimonia di cambio al comando del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella tra il Comandante uscente Colonnello Pilota Francesco Frare ed il subentrante Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti ha avuto luogo martedì 13 novembre 2018, presso l’hangar di Sigonella. L’evento è stato presieduto dal Comandante le Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare, Generale di Divisione Aerea Gianpaolo Miniscalco, alla presenza dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, Generale di Brigata Aerea Carlo Moscini e di alte Autorità religiose, militari e civili della Sicilia Orientale. La cerimonia di cambio si è svolta dinnanzi alla Bandiera di Guerra del 41° Stormo, decorata di 2 Medaglie d’Argento al Valor Militare e 1 al Valor Civile, nonché dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e di tutto il personale dipendente schierato. L’evento è stato seguito anche da ex Comandanti, personale militare in congedo del reparto e  rappresentanze di tutti gli altri Enti - nazionali ed internazionali - presenti nell’Aeroporto Siciliano per vari motivi. Grande assente territoriale  Tra questi, le maggiori realtà, quelle AM - del 11° Reparto Manutenzione Velivoli e del 61° Gruppo Volo Predator  e quelle internazionali stanziali : la Naval Air Station Statunitense e la NATO AGS Force, nonché gli assetti stranieri impegnati periodicamente nelle operazioni di EUNAVFORMED (Lussemburgo, Spagna e Polonia), presenti anche i rappresentanti ANC di Catania.

    

Il comune di Catania era rappresentato dall’assessore Fabio Cantarella con fascia tricolore e gonfalone, il sindaco di Motta Sant’Anastasia dr. Anastasio Carrà ha presenziato col gonfalone, era  assente alla cerimonia la rappresentanza comunale di Lentini. La manifestazione di cambio è stata arricchita da studenti degli Istituti del comprensorio:   Besta di Ragusa,  Majorana di Gela e Milazzo, Ruiz di Augusta ed  aeronautico Ferrarin di Catania; i ragazzi di quest’ultimo al momento sono impegnati proprio a Sigonella nel percorso di alternanza scuola lavoro. Il Colonnello Frare (ascolta intervista), nel suo discorso di commiato ha ripercorso “l’anno di lavoro impegnativo e gratificante per il continuo rinsaldo nei vincoli di collaborazione ed amicizia con tutte le realtà territoriali, sia interne che esterne a Sigonella, ha ricordato lo sforzo profuso nel continuo supporto a chi opera o transita da Sigonella (Naval Air Station USA, NATO AGS Force, assetti stranieri per Eunavformed, e tanti altri), nelle attività del velivolo P-72A del 41° Stormo per la sicurezza e difesa dei nostri mari) ed in particolare, ha sottolineato  la perfetta sinergia con i vertici aeroportuali di Fontanarossa per l’ottimale gestione del traffico aereo di Catania, Comiso e Sigonella, indispensabile per la crescita dell’economia della Sicilia Orientale, nonché  riscontri positivi avuti dagli oltre 350 studenti e loro insegnati che nell’anno 2018 hanno svolto i progetti di alternanza scuola lavoro nelle diverse articolazioni interne”. Il Colonnello Chiriatti (ascolta intervista) , nel corso del suo intervento d’insediamento ha sottolineato che seguirà con convinzione il percorso lungimirante del predecessore ed ha ringraziato i Vertici AM per il prestigioso incarico affidato dicendo :  “sono conscio della delicatezza, risonanza e complessità delle attività che si svolgono su questo Aeroporto, sede di concrete e virtuose tradizioni interforze, nonchè preziosissima risorsa per tutto il nostro Paese”. Rivolgendosi poi al personale che si appresta a guidare, il comandante ha precisato: “impronterò la mia azione di Comando ponendo al centro la persona ed ispirandomi a semplici - ma eternamente nobili - valori: integrità, chiarezza e rispetto.  Ritengo che un Comandante debba fornire la visione e creare il sano clima di lavoro in cui ognuno possa esprimere - in modo leale, genuino e propositivo – le proprie idee ed il proprio potenziale”. Il Generale Moscini, dal 1° ottobre scorso Ispettore dell’Aviazione per la Marina, nel salutare tutti gli intervenuti all’evento, ha lodato l’operato del Colonnello Frare per avere portato a compimento la fase di implementazione del sistema d’arma P-72° ha detto: “Il comandante ha svolto un lavoro che ha dato frutti molto concreti e positivi, ha permesso di onorare gli impegni, qualificare equipaggi e iniziare nel migliore dei modi il nuovo corso. Il velivolo sta svolgendo le previste valutazioni operative e partecipato con successo alle maggiori recenti esercitazioni, oltre ad effettuare quotidianamente le prioritarie missioni di pattugliamento marittimo per il controllo delle vie di comunicazione, per il contrasto all’immigrazione clandestina ed il soccorso ai naufraghi; inoltre, sta crescendo nelle sue molteplici potenzialità per l’impiego sul mare e a favore delle altre Forze Armate e Agenzie dello Stato”.

 Il Generale Miniscalco, a conclusione degli interventi, ha tenuto a salutare tutte le Autorità ed Ospiti intervenuti che con la loro presenza testimoniano la loro vicinanza alla Forza Armata. L’alto ufficiale, nel confermare la piena fiducia al Colonnello Chiriatti e il plauso al Colonnello Frare, si è rivolto al personale militare che opera a Sigonella dicendo : “La peculiarità del vostro reparto, che lo rende unico e punto specifico di riferimento per la Forza Armata, è rappresentata dall’insistenza sul sedime militare di altri enti/reparti di Forza Armata, Interforze, Interagenzia ed Internazionali, che da questa base operano quotidianamente, a qualsiasi ora del giorno e della notte in tempi rapidissimi, al servizio del cittadino e della stabilità internazionale. Questa particolarità, oltre a dare prestigio, impone degli obblighi di ospitalità rilevanti, ribaditi nella missione assegnata al reparto che racchiude l’essenza del vostro operare con orgoglio, ininterrottamente e con i risultati encomiabili che sono sotto gli occhi di tutti”. Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze Supporto e Speciali dell’AM, ha il compito di fornire il supporto operativo, tecnico, logistico ed amministrativo agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando senza soluzione di continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo, che includono tra gli altri l’assistenza tecnica a terra, il rifornimento di carburante, il servizio meteorologico, il servizio antincendio, l’assistenza sanitaria, la disponibilità di infrastrutture ricreative ed alloggiative. Il Comando è inoltre, responsabile della fornitura dei servizi traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG). Il 41° Stormo Antisom di Sigonella, gerarchicamente dipendente dall’Ufficio dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, è dotato di velivoli “P-72A” con i quali garantisce la propria missione primaria di sorveglianza marittima, contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale e di salvaguardia della vita umana in mare a lungo raggio nonché protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo. Gli equipaggi del P-72A sono formati da ufficiali piloti e sottufficiali operatori di bordo che appartengono all’AM e alla MM. La caratteristica tipica rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Per questo motivo, a seguito dell’istituzione nel 1957 dell’Aviazione Antisommergibile, il 41° Stormo mantiene una veste tipicamente interforze e perfettamente integrata attraverso il connubio tra due Componenti (AM e MM). I velivoli antisom, in passato i Grumman ed Atlantic ed oggi il P72A, dipendono infatti per l’impiego dalla MM che valuta e determina tutte le missioni operative ad essi assegnabili, mentre le attività tecnico-logistiche e l’addestramento tecnico-professionale sono responsabilità dell’AM che ha alle dipendenze il 41° Stormo.


CATANIA -   23 militari americani di Sigonella puliscono chiesa a Stazzo e spazi verdi. I soldati in servizio nell'Ospedale Navale di Sigonella hanno attuato il “Progetto americano di volontariato”  che prevede l’impegno di uomini e donne delle Forze Armate USA sul territorio, nel sociale. Il  team ospedale, composto dai 23 Volontari americani compresa la traduttrice Lucia  Fichera e sotto il sole cocente, con l’ausilio di 7 collaboratori della Chiesa, ha tinteggiato le ringhiere della chiesa di Stazzo e pulito gli spazi verdi. Il  responsabile delle pubbliche relazioni di Sigonella Alberto Lunetta ha operato in sinergia con il team di volontari della marina americana di Sigonella.    

La mattinata è stata dedicata interamente dai volontari della marina dell'ospedale americano e della volontaria traduttrice e foto alla rifinitura delle ringhiere, alla pulizia delle aiuole,  alla sistemazione degli spazi esterni della Chiesa della sacra famiglia in Acireale. I militari americani di Sigonella, puliscono da molto tempo le aree degradate ed abbandonate nel territorio della provincia di Catania, e spesso si sono integrati con i servizi sociali della zona per fornire supporto alle fasce deboli e bisognose. Un impegno lodevole che merita emulazione per lo spirito volontario e collaborativo con gli abitanti  del territorio in difficoltà.

 


CATANIA - Sigonella: attivato  nuovo radar. Il nuovo strumento di controllo è in funzione nell’Aeroporto di Sigonella ed ha lo scopo di assicurare i compiti istituzionali della Forza Armata e di supportare le attività dell’Aeroporto civile di Catania Fontanarossa.  Le  operazioni di certificazione del radar di back-up nell’Aeroporto Siciliano dell’Aeronautica Militare (AM) si sono concluse a Sigonella, nell’ultima settima di giugno 2018, dopo le attività di ripristino ed ammodernamento. Il vecchio radar di riserva è stato sostituito con uno più efficiente allo scopo di assicurare i compiti istituzionali della Forza Armata nel campo del controllo del traffico aereo nazionale e per non interrompere il supporto giornaliero garantito all’Aeroporto civile di Catania Fontanarossa consistente nel servizio di assistenza al volo. I lavori erano iniziati lo scorso aprile e sono stati eseguiti da personale dell’Aeroporto di Sigonella  e   specialista proveniente dalla 4ª Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo dell’AM di Borgo Piave. L’Aeronautica Militare supporta l’Aeroporto di Catania Fontanarossa, uno degli scali di interesse nazionale con particolare rilevanza strategica. 90 mila sono stati gli avvicinamenti assicurati dalla Forza Armata nell’anno 2017,  e per il 2018 si prevede di superare i 100 mila.  Gli  interscambi sono continui tra l’Aeronautica Militare con l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), l’Ente Nazionale per l’assistenza al Volo (ENAV) e la Società di gestione (SAC) di Fontanarossa, sia per ottimizzare le interagenzie delle attività volative che per analizzare le eventuali modifiche all’attuale architettura dello spazio aereo in previsione futura. in considerazione del fatto che l’aeroporto etneo si trova nella zona di controllo (CTR) di Sigonella. Il Comando Aeroporto dell'AM di Sigonella, oltre a fornire il supporto tecnico-logistico-amministrativo-operativo agli Enti rischierati ed in transito (compresi i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo), è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo denominata “Catania CTR”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, compresi gli Aeroporti civili di Catania-Fontanarossa e Comiso e militare di Sigonella.  Tutta l’attività è  svolta nel pieno rispetto delle procedure per assicurare il massimo livello di sicurezza del volo. I  controllori appartenenti all’Aeronautica Militare per il traffico aereo (Air Traffic Controllers - ATC), assicurano un servizio di fondamentale importanza per il Paese, spesso poco conosciuto, garantendo il controllo del traffico aereo 365 giorni l'anno, in tutto l'arco della giornata.Tutto il lavoro serve per prevenire il rischio di collisione,  rendere spedito ed ordinato il flusso del traffico aereo, sia attraverso l'applicazione di procedure standardizzate che con  l'utilizzo di sistemi di comunicazione: radar di sorveglianza. Il  traffico dell’Aeroporto di Sigonella e degli aeromobili in volo nelle immediate vicinanze, è gestito  a vista, mentre  mediante l’utilizzo del sistema radar, vengono guidati gli aeromobili dalla fase di navigazione fino all'ultima fase dell'avvicinamento e  subito dopo la partenza, sino a quando   non si sono stabilizzati in aerovia.   Il Colonnello Francesco Frare      (ascolta intervista) Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella riguardo ai lavori che interessano il radar ha detto: “…Per gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare, impegnati 24 ore su 24 per la sicurezza dei cieli nazionali e dei cittadini, l’ammodernamento del nostro radar è stata un’azione necessaria per essere pronti a qualsiasi eventualità al fine di garantire il costante assolvimento dei compiti assegnati, tendendoci continuamente aggiornati ed ampliando il nostro campo di azione per una reale e sinergica utilità ed integrazione con tutte le altre Forze Armate e con le varie Istituzioni insistenti sul Territorio, sia esse pubbliche che private”.


Catania    Contrammiraglio  Gaetano Martinez Direttore Marittimo Sicilia orientale Guardia Costiera. La  cerimonia del passaggio delle consegne tra Direttori Marittimi si è svolta alle ore 11:00 del 6 ottobre a Catania presso l'hangar principale della Base Aeromobili della Guardia Costiera di Fontanarossa.

 

Il comandante cedente, dopo quasi due anni e mezzo trascorsi nel capoluogo etneo,  il Contrammiraglio Nunzio MARTELLO (ascolta intervista) , è stato trasferito a Roma, destinato presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Il  comando della Direzione Marittima della Sicilia orientale, dopo la tradizionale formula del "riconoscimento", è stato assunto dal

Contrammiraglio (ascolta intervista) Gaetano MARTINEZ.  L’alto ufficiale proviene  dalla Direzione Marittima della Sicilia Occidentale. Il Contrammiraglio Gaetano MARTINEZ 61 anni è originario di Lentini ed é entrato nel Corpo delle Capitanerie di porto nel 1982. Il Direttore Marittimo Sicilia orientale Guardia Costiera è laureato in Giurisprudenza ed abilitato alla professione di avvocato, nel corso della carriera ha ricoperto diversi incarichi in varie destinazioni. Il  Contrammiraglio Gaetano MARTINEZ, oltre ad aver comandato gli uffici Marittimi di Riposto, Augusta e Siracusa e le Direzioni Marittime di Reggio Calabria e Palermo, è stato Capo Ufficio del Reparto Ambientale Marino presso il Ministero dell’Ambiente.  La cerimonia è stata presieduta dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo MELONE. La manifestazione d'insediamento è stata seguita sia dalle Autorità civili, religiose e Militari di Catania

 che da una rappresentanza di studenti dell'istituto scolastico Duca Degli Abruzzi di Catania

accompagnati dal corpo docente. Presenti tra le autorità, i sindaci dei comuni della provincia etnea, di Lentini e Carlentini.  I due Contrammiragli  Nunzio MARTELLO e Gaetano MARTINEZ, nei giorni scorsi,  erano stati ricevuti a Palazzo degli Elefanti dal sindaco di Catania Enzo Bianco per i saluti e convenevoli di rito.

 


Catania -Esercitazione  Squalo 2017, simulato disastro aereo nel mare di Catania. Direttore dell’Esercitazione per i soccorsi in mare è il C.F. (CP) Pil. Salvatore CILONA Capo Reparto Operativo dell’11° M.R.S.C.  e direttore dell’esercitazione per l’assistenza a terra è Vice Prefetto Rosaria GIUFFRÈ designato dalla Prefettura di Catania. L’area interessata all’attività è esattamente al largo del mare compreso tra Catania e Riposto;  - Porto di Catania; - Base Aeromobili Guardia Costiera Catania. L’operazione è diretta e coordinata dal 11° M.R.S.C. di Catania (con nominativo ICI 11, in assetto di emergenza) nella persona del Direttore Marittimo di Catania, si svolge il giorno 19 settembre 2017.  L’esercitazione “Squalo “ è internazionale, di ricerca e soccorso ad aeromobile incidentato a terra ed in mare che si svolge annualmente nell’ambito dell’attività addestrativa prevista dall’accordo tecnico “SARMEDOCC” tra i Paesi del mediterraneo occidentale Italia, Francia e Spagna. L’attività ha  come obiettivo, quello di rinforzare le competenze acquisite dal personale preposto e potenziare le abilità professionali individuali e collettive volte a fronteggiare, in ogni tempo, tutti i possibili scenari di emergenza in mare a salvaguardia della vita umana. 11° M.R.S.C. di Catania per l’anno 2017 è stato incaricato di organizzare e coordinare l’esercitazione complessa di soccorso ad aeromobile incidentato in mare denominata “SQUALO 2017”. Lo svolgimento dell’esercitazione rappresenta anche una occasione per valutare le capacità di cooperazione con uomini e mezzi degli altri Enti/Organi dello Stato che possono essere chiamati ad intervenire. La gestione di una maxi emergenza causata da un incidente aereo occorso ad un velivolo di linea decollato dall’aeroporto di Catania e costretto ad un ammaraggio di emergenza.

 Il direttore marittimo Sicilia orientale Guardia Costiera Contrammiraglio Nunzio MARTELLO il 18 settembre presso la base Guardiacoste di Fontanarossa ha avviato la riunione operativa. 

Il C.F. (CP) Pil. Salvatore CILONA Capo Reparto Operativo dell’11° M.R.S.C.

 

La simulazione:Un aereo di linea passeggeri modello “Boeing 737-800” con a bordo 150 passeggeri e 6 persone di equipaggio (totale 156 persone a bordo), è decollato dall’Aeroporto “Vincenzo Bellini” di Catania, seguendo le procedure standard di partenza. Il comandante del velivolo a causa di una perdita di potenza al motore n° 1, dovuta probabilmente ad un cedimento strutturale di una turbina motore, richiede un avvicinamento a mezzo di vettori radar per tornare a Catania. Il  comandante, pochi minuti dopo aver riportato alcuni problemi meccanici,  dichiara l’emergenza,  ma da tale momento le comunicazioni si interrompono. La torre di controllo di Catania informa l'11 ° MRSC della situazione e richiede l'assistenza SAR. La sala operativa, seguendo le procedure standard, invia l'unità SAR CP 606 (completamente attrezzata per il salvataggio dei passeggeri di aeromobili civili in caso di ammaraggio). L’esercitazione prevede che dal momento in cui viene perso il contatto radar e non vi è alcuna risposta a tutte le comunicazioni radio, per cui viene attivato un piano di emergenza in base al “Piano di Emergenza per il Soccorso ad Aeromobile in Mare – 11° M.R.S.C. – Edizione giugno 2007”.  Gli organismi interessati all’esercitazione sono: Prefettura di Catania, Capitaneria di Porto di Catania, Base Aeromobili Guardia Costiera Catania, Guardia Costiera Spagnola, 82° Centro SAR di Trapani Birgi - Aeronautica Militare,  2° Nucleo Aereo Guardia Costiera Catania, Aeronautica Militare Francese, Dipartimento Protezione Civile Regionale-Servizio Sicilia Orientale, Comune di Catania – Assessorato Protezione Civile, Reparto Operativo Aeronavale GDF Palermo, Questura di Catania, Comando Provinciale Carabinieri Catania, Comando Provinciale Guardia di Finanza Catania, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Catania, Ufficio Sanità Marittima Aerea e di Frontiera di Catania; Azienda sanitaria provinciale di Catania, SUES Servizio 118, Croce Rossa Italiana Sede Provinciale Catania, Dogana Francese, Società Rimorchiatori Augusta, Corporazione Piloti del Porto – Catania, Società Aeroportuale Catania, ENAC, ENAV E Autorità di Sistema Portuale .


articolo in PDF  articolo in jpg

Catania -   7 sommergibili, 10 navi, 14 aerei ed elicotteri all’ addestramento anti-sommergibile NATO “DYNAMIC MANTA 2017” concluso  con successo nel Mediterraneo. . La NATO  è stata impegnata in esercitazione dal 13 al 24 marzo, con mezzi aeronavali ed equipaggi provenienti da 10 Paesi Alleati, riuniti nel Mediterraneo Centrale. L’addestramento alla lotta anti sommergibile e contro i mezzi di superficie ha comportato l’impiego 10 navi militari di Francia, Grecia, Inghilterra, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti.   L’Italia, oltre a partecipare con il cacciatorpediniere Luigi Durand De La Penne, il sommergibile Pietro Venuti, e un elicottero SH90 della Marina Militare, ha fornito supporto logistico attraverso il Comando Marittimo della Sicilia, la Base Navale di Augusta e la Base Aerea di Sigonella. Le navi sono state supportate da 14 aerei da pattugliamento marittimo e numerosi elicotteri forniti da Canada, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia e Stati Uniti che hanno operato sia dalla base di Sigonella e cha a bordo delle fregate. 7   i sommergibili che hanno preso parte all’esercitazione dell’Alleanza Atlantica.  I giornalisti accreditati hanno avuto modo di visitare durante le operazioni il sommergibile turco TCG Inonu, il sommergibile greco HS Papanikolis e la fregata spagnola ESPS Mendez Nunez che ha coordinato le operazioni. La nave militare spagnola comandata  dal cap. Ruben Rodriguez Pena  del Comando NATO   ha mostrato, ai giornalisti accreditati, durante l’addestramento la capacità operativa.

 

Il contrammiraglio italiano Nicola De Felice comandante marittimo  Sicilia, a bordo della fregata spagnola con il  c.te Miguel Ramon Cuartero Lorenzo il c.te Marittime Air NATO Commodore Andreas Vettos della marina Greca hanno spiegato ai giornalisti  le attività in mare   nel corso della navigazione sulla ESPS Mendez Nunez.

 

I militari della NATO hanno raggiunto l’obiettivo prefissato  con la principale esercitazione nel Mediterraneo, dedicata all’addestramento anti sommergibile, sono state  affinate le capacità e tecniche dei sommergibili e delle navi dell’Alleanza Atlantica.I  temi addestrativi per incrementare la capacità di combattimento in contesti operativi multinazionali sono stati elaborati  con scenari realistici ed eventi in difficoltà crescente. I militari si sono confrontati con ipotesi  di minaccia che è sempre presente, quella subacquea per cui è stato importante per le forze Nato partecipare con assetti in mare ed  anche con il supporto logistico della marina Italiana. La Marina Italiana  nel corso “DYNAMIC MANTA 2017” ha impiegato navi in superficie che hanno la possibilità di utilizzare il “green flue” una sorta di eco combustile composto al 50%   fossile e 50% green che è stato già sperimentato a bordo di diverse unità navali. L’Italia ha assunto un ruolo fondamentale perché ha fornito alle navi NATO il supporto logistico comprendente  i rifornimenti e  la possibilità di fruire dei porti della Sicilia Orientale da Augusta fino a Messina  e   Catania   ha ospitato ben 9 navi, con impegno  non indifferente. Catania ha permesso agli equipaggi anche di potersi rilassare nel conoscere la città che esprime anche cultura con i suoi monumenti. Augusta ha fornito supporto a livello di rifornimento e munizionamento anche per unità navali di Paesi provenienti al di là dell’Atlantico, navi americane e canadesi.

 

Sigonella con la sua capacità aeroportuale ha permesso anche ai pattugliatori Atlantic delle nazioni impegnate di atterrare ed essere presenti anche in questa esercitazione. Maristaeli Catania ha espresso il meglio della propria potenzialità in questa esercitazione NATO fornendo mezzi e supporto. Il contrammiraglio Nicola De Felice(INTERVISTA)   comandante marittimo  Sicilia ha affermato : “Ci confrontiamo con una minaccia che è sempre presente, quella subacquea per cui è importante che le forze Nato partecipino con assetti in mare ed  anche con supporto logistico.  L’Italia, con la Sicilia offre un supporto logistico non indifferente.  Le  navi della Marina Militare   hanno la possibilità di utilizzare come carburante il green flue e soprattutto in Sicilia sui pattugliatori di Augusta. Il  prodotto sarà commercializzato e reso disponibile.  Il ruolo dell’Italia in questa operazione è fondamentale come ha ricordato anche il comandante Commodore Andreas Vettos della marina Greca reso disponibile dal comando NATO in Gran Bretagna.  L’addestramento anti-sommergibile NATO “DYNAMIC MANTA 2017” strategico nel Mediterraneo ha  comunque evidenziato come il terrorismo non abbia grande influenza è relativo, poiché le navi sono sempre pronte a qualsiasi tipo di attacco, ed hanno le loro informazioni e sono in grado di esprimere nel merito una difesa importante.



Catania Sigonella  cap. Trickel a Comando. La  cerimonia di cambio di comando della Stazione Aeronavale della Marina americana di Sigonella tra il cap. Chris DENNIS ed il cap. Brent Trickel si è svolta martedì 10 maggio, con inizio alle ore 13, presso le strutture logistiche della Stazione Aeronavale della Marina americana di Sigonella (NASSIG) denominate NAS 1, alla presenza dell’Ammiraglio di Divisione Rick Williamson Comandante della Regione Navale per l’Europa, l’Africa e l’Asia Sudoccidentale. Il  Capitano di Vascello Brent Trickel (intervista) è subentrato al Comando della  NASSIG americana nel corso di una sentita cerimonia alla presenza delle Autorità  civili e militari italiane. Il nuovo comandante della Stazione Aeronavale della Marina americana di Sigonella cap. Trickel  ha un curriculum militare di primo piano è stato sin dal 2013  al Comando della Commissione Integrata di Difesa Aerea e Missilistica del Gruppo d’Attacco Portaerei CSG-15. Il Capitano di Vascello Chris DENNIS (intervista)  lascia l'Isola,  dopo 3 anni di Comando, ed assume  l’incarico di Comandante del Programma Cadetti Ufficiali della Marina USA dell’Università del Michigan (ROTC). Il Console Generale degli Stati Uniti d’America Napoli  Colombia A. Barrosse  (intervista)  che attualmente ha il grado di Consigliere ha presenziato alla cerimonia d’insediamento. Il rappresentante dello Stato Americano A. Barrosse in tre occasioni ha lavorato al Dipartimento di Stato a Washington, come Assistente Speciale del Segretario di Stato Madeleine Albright. Il Console Barrosse ha espresso a fine cerimonia soddisfazione sulla decisione sull’impianto di comunicazione satellitare USA conosciuto come MUOS, situato all’interno della base militare di Niscemi. I  droni, aerei senza pilota  allocati anche a Sigonella potranno beneficiare del moderno sistema di telecomunicazione satellitare della marina militare statunitense, composto da cinque satelliti geostazionari e quattro stazioni di terra, di cui una a Niscemi, dotate di tre grandi parabole del diametro di 18,4 metri e due antenne alte 149 metri, per il coordinamento capillare di tutti i sistemi militari statunitensi dislocati nel globo. Al   comandante Brent Trickel gli auguri di buon lavoro.

 


in foto da sx pres. TAR dott. Vinciguerra e pres. Armieri Confcommercio cav. Zaccà

Catania  Presidente TAR incontra vertici Armieri Confcommercio. Il Presidente Provinciale della Associazione Armieri Confcommercio Cav. Francesco Zaccà  si è recato in visita presso la sede di Catania del Tribunale Amministrativo Regionale per porgere le congratulazioni e l’augurio di buon lavoro in nome della categoria, al neo presidente del TAR dott. Antonio Vinciguerra insediatosi da poco alla massima carica locale. L’incontro ha avuto un momento istituzionale con la consegna della targa di benvenuto al Presidente Vinciguerra da parte di Zaccà ed uno scambio di opinioni fra i due sulla possibilità di collaborazione fra il TAR e l’associazione di categoria sulle iniziative sociali promosse da quest’ultima. Zaccà ha dichiarato : “Da tempo l’associazione ha inteso sviluppare  sul territorio una serie di iniziative a carattere sociale, anche in collaborazione con altri organismi, tese alla diffusione della cultura della sicurezza e della legalità, ed in particolare, nei vari incontri abbiamo notato, soprattutto nei giovani in età scolastica, un vivo interesse a recepire informazioni sulla struttura delle Istituzioni e sul loro funzionamento. Credo che questi siano argomenti per i quali la magistratura amministrativa possa dare il massimo supporto in termini di professionalità e ci auguriamo che quanto prima, grazie anche alla sensibilità e all’attenzione dimostrataci dal presidente Vinciguerra, di avviare una serie di iniziative, soprattutto con i giovani e quindi in collaborazione anche con gli apparati scolastici, per l’avvio percorsi formativi ed informativi in tal senso.” 


Catania -  Marines e Rotariani ospiti di Bianco: celebrati 110 anni Rotary. Una delegazione della leadership dei Marines della Stazione Aeronavale della Marina USA di Sigonella NASSIG,  accompagnata dal Responsabile Comunicazione Alberto Lunetta, nei giorni scorsi, ha preso parte, in veste di ospite d’onore, alla commemorazione annuale della "Giornata Mondiale Rotary" che ha celebrato la fondazione della prima organizzazione di servizio al mondo, avvenuta proprio il 23 Febbraio, 1905. I Rotariani dei clubs di Catania e provincia  si sono riuniti presso il Municipio, accolti dal Sindaco Enzo Bianco, per mostrare l’eccellente lavoro che il Rotary svolge nelle comunità locali. Una solida collaborazione da lunga data nel campo del servizio alla comunità esiste tra i Rotary clubs etnei e le Forze Armate Usa di Sigonella. Marines, aviatori e marinai americani di Sigonella negli ultimi anni, hanno svolto numerose attività di volontariato nel territorio catanese. Le  azioni di servizio solidale sono state sponsorizzate dal Rotary, anche con numerose ripuliture straordinarie e progetti vari di volontariato presso famose spiagge : San Giovanni Li Cuti e Playa, parchi : Parco Gioeni, chiese : Chiesa di San Nicolò l'Arena, scuole: Gemmellaro, Cavour, Battisti, Italo Calvino, Quasimodo, Istituto Maria Ausiliatrice, centri di beneficenza : CARITAS, case famiglia, siti storici : teatri greci e romani, il Castello Ursino e le Terme romane. I Marines, durante l'evento, hanno annunciato che effettueranno, il prossimo 3 marzo, per la prima volta in assoluto, un progetto di movimentazione-ripulitura straordinaria presso l'incantevole Duomo di Catania.Il Sindaco di Catania Enzo Bianco ed il Past Governatore del Rotary Antonio Mauri hanno ringraziato la delegazione dei Marines e tutte le Forze Armate USA di Sigonella US per loro azioni di volontariato svolte nel corso degli anni.


   

Catania   Circumetnea: Rossana Bulgari è la prima donna macchinista.    La conduttrice donna, dal primo dicembre 2014 è stata nominata macchinista ed ha preso ufficialmente la residenza lavorativa a  Catania Borgo. È una delle primissime donne a ricoprire questo delicato incarico tra l'altro irto di pericoli in quanto la linea, a scartamento ridotto, transita attraverso centri urbani e terreni privati. Rossana Bulgari era dipendente della Circumetnea già dal 2002 ma con la mansione di deviatore e manovratore, prima presso la stazione di Randazzo e fino al 30 novembre 2014 presso la stazione di Catania.


Catania - Comandante provinciale carabinieri Catania visita Comune e Provincia. Il colonnello Alessandro Casarsa neo comandante provinciale carabinieri Catania ha incontrato il sindaco di Catania Enzo Bianco ed il  commissario straordinario della provincia, Antonella Liotta. Lo spirito di collaborazione tra Istituzioni, Forze dell’Ordine e autorità giudiziaria prosegue con risultati tangibili. La stessa sinergia che è stata confermata dal commissario straordinario della Provincia, Antonella Liotta, al neo comandante dei Carabinieri di Catania, Alessandro Casarsa, ricevuto in visita al Centro direzionale della Provincia. Il tema della legalità, il rispetto delle leggi, la sicurezza  e la difesa del territorio sono stati i principali temi trattati dai due rappresentanti le Istituzioni che hanno confermato pieno sostegno nei rispettivi compiti ed ambiti di competenza. Il  commissario straordinario, Antonella Liotta ha affermato: “E’ obiettivo comune lavorare al servizio delle comunità per arginare qualsiasi forma di illegalità  e la città di Catania con tutto il territorio potrà certamente contare, oltre che su tutte le Forze dell’ordine, in particolar modo sulla collaudata sinergia operativa tra il neo comandante dei Carabinieri e il procuratore capo Giovanni Salvi, già sperimentata negli anni passati a Roma. L’Arma rappresenta da sempre, per i cittadini, una presenza rassicurante e di riferimento dello Stato. Auguro al comandante Casarsa buon lavoro”.   Il colonnello Alessandro Casarsa ha ricoperto incarichi di prestigio a Roma: dal 1995 al 1997 al comando della compagnia carabinieri Roma Casilina e successivamente, sino al 2001, la compagnia carabinieri Roma Centro. Il col. Alessandro Casarsa ha ricoperto a Napoli l’incarico di comandante del nucleo operativo della compagnia Carabinieri Napoli Vomero ed in Piemonte comandante della compagnia carabinieri di Mondovì. Come ufficiale di Stato maggiore. Casarsa ha ricoperto l’incarico di capo della prima sezione dell’Ufficio legislazione e dal 2004 capo ufficio del capo di stato maggiore. E’ laureato in giurisprudenza e in Scienza della sicurezza ed ha frequentato il master in Scienze strategiche.


Catania :  Giornata Forze Armate e Festa Unità Nazionale. La Festa dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate, è stata celebrata a Catania, in piazza Duomo, alla presenza delle più alte Autorità civili, militari e religiose. La  cerimonia, è stata presieduta da S.E. il Prefetto di Catania, Dott.ssa Francesca Cannizzo. Alla manifestazione hanno partecipato le Forze Armate di stanza nel Presidio Militare della provincia, comandato dal Contrammiraglio Domenico De Michele, Direttore Marittimo della Sicilia Orientale, e  le Forze di Polizia. La cerimonia ha avuto inizio con l’ingresso dei labari dell’Istituto del Nastro Azzurro e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, seguiti dal gonfalone del   Comune di Catania. Il  Prefetto, accompagnato dal Comandante del Presidio Militare, ha passato in  rassegna i Reparti schierati.  La  cerimonia dell’alza bandiera ha avuto luogo seguita dalla lettura del messaggio augurale del Capo dello Stato. La manifestazione si è conclusa con la deposizione di una corona di alloro,  donata dalle Dame dell’Istituto del Nastro Azzurro della Federazione di Catania, innanzi alla lapide del “soldato ignoto” e con la lettura della "Preghiera per la Patria". Una  nutrita rappresentanza di scolaresche ed un folto pubblico hanno partecipato alla cerimonia. Le Autorità, dopo la cerimonia in piazza Duomo, hanno visitato le vetrine allestite per l'occasione dalle Forze Armate e di Polizia, messe a disposizione da parte di alcuni esercizi commerciali lungo la via Etnea.

 


Catania –  Comandante Comando Operativo Interforze visita Guardia Costiera. Il Generale di Corpo d’Armata Marco Bertolini, Comandante del Comando Operativo di vertice Interforze (C.O.I), in transito nella città di Catania per impegni istituzionali, ha effettuato di mattina una breve visita  alla Base Aeromobili della Guardia Costiera. L'alto Ufficiale, ricevuto dal Contrammiraglio Domenico De Michele, Direttore Marittimo della Sicilia orientale e Comandante del Presidio di Catania, si e trattenuto per un cordiale colloquio con i militari, al termine del quale ha avuto luogo il tradizionale scambio dei "crest" foto. Il  Generale di Brigata Michele Pellegrino, Comandante della Brigata Meccanizzata "Aosta" di Messina è stato presente all’incontro.


Catania - Capitaneria consegnati  brevetti Assistente Bagnanti.  i militari della Guardia Costiera, nella sede della Capitaneria di Porto, hanno ricevuto i brevetti di "Assistente Bagnanti" . I militari della Guardia Costiera hanno frequentato, nei mesi scorsi,  il corso di addestramento organizzato dalla Federazione Italiana  Nuoto e superato i relativi esami. I militari in questione sono stati impiegati nell'operazione "Mare Sicuro", svoltasi lungo tutto il litorale di giurisdizione del Compartimento Marittimo etneo, sia a bordo dei battelli veloci della Guardia Costiera che a terra, tra le pattuglie impiegate nei controlli degli stabilimenti balneari e delle spiagge libere.

Nella foto, insieme ai Comandanti Giacomo Salerno e Roberto D'Arrigo, al Luogotenente Luigi Ferrara ed all'Operatore Amministrativo Antonino Arena, i Nocchieri di porto che hanno conseguito il brevetto di abilitazione al "nuoto per salvamento" :  Marco Cocina, Roberta Grasso, Antonio Gringeri, Pierpaolo Baffo, Elisa Scalia e Dario Mangiafico. 


Catania -  Corpo Consolare Sicilia O. visita strutture Marina Militare e Guardia Costiera (nella foto da sn : R.Caruso, C.De Blauwe, A.Samiani, D.De Michele). Si è svolta lo scorso 18 aprile, presso le strutture della Marina Militare e della Guardia Costiera di Messina, una visita della Delegazione del Corpo Consolare della Sicilia orientale, alla presenza dell’Ammiraglio di Divisione Raffaele Caruso, Comandante Militare Marittimo Autonomo in Sicilia e del Contrammiraglio Domenico De Michele, Direttore Marittimo della Sicilia orientale. La visita, alla quale ha partecipato anche una rappresentanza della Delegazione del Corpo Consolare della Sicilia occidentale, proveniente da Palermo, ha interessato in particolare le strutture del nuovo Centro di Formazione nazionale “Vessel Traffic Management and Information System”  (VTMIS), recentemente inaugurato ed entrato in funzione e due Pattugliatori della Guardia Costiera classe “Diciotti” (CP904 “Michele Fiorillo” e CP906 “Oreste Corsi”), dislocati all’interno della Base Navale Marina Militare di Messina, nonché  la sede dell’Autorità Marittima della Navigazione dello Stretto, ubicata nei pressi di Forte Ogliastri. I Capitani di Vascello Antonino Samiani e Paolo Zumbo, rispettivamente Comandante dell’Autorità Marittima della Navigazione dello Stretto e Direttore del Centro di Formazione VTMIS, hanno illustrato – presso le sedi dei rispettivi Comandi – l’organizzazione dei servizi e le attività svolte in materia di sicurezza della navigazione a tutela della salvaguardia della vita umana in mare ed a protezione dell’ambiente marino e costiero, nonché in materia di formazione a favore dei militari della Guardia Costiera impiegati nel monitoraggio del traffico marittimo. La visita si è conclusa nel primo pomeriggio con la tradizionale consegna del “crest” da parte del Comandante Samiani al Decano del Corpo Consolare della Sicilia orientale, dott.ssa  Christiane De Blauwe Barletta. Alla visita erano presenti anche il Capitano di Vascello Santo Giacomo Le Grottaglie, Comandante del Distaccamento Marina Militare ed il Capitano di Vascello Antonio Musolino, Comandante della Capitaneria di Porto di Messina.


CataniaSede per Addiopizzo e Libera a Picanello. La Provincia ha finanziato i lavori di ristrutturazione della sede in via Grasso Finocchiaro, nel quartiere di Picanello. Si tratta di un bene confiscato alla mafia che necessitava di interventi per il recupero pari a 20.000€. La cifra Simone Luca, Chiara Barone, Giuseppe Palazzo, Salvo Fabio, Dario Montana e tanti altri volontari delle due associazioni antimafia non riuscivano ad ottenerla dalle Istituzioi. Il presidente della Provincia, Giuseppe Castiglione, nel corso di un incontro con i ragazzi delle due associazioni tenutosi mercoledì mattina, a cui ha preso parte anche l’assessore Pippo Pagano, ha illustrato i contenuti della delibera già adottata. “La gioia più bella è stata la sorpresa e l’espressione di felicità nel volto di questi ragazzi nel sapere che finalmente potranno usufruire di una sede – ha commentato il presidente Castiglione – sono queste le scelte che qualificano l’azione di un’Amministrazione. Nonostante la Provincia non disponga di un capitolo apposito per questo tipo di attività, ho scelto di attingere al fondo di riserva per sostenere l’impegno di associazioni a cui tutti dobbiamo comunque dire grazie. Abbiamo voluto dare l’annuncio solo cose fatte, sia perché questa giunta non opera per proclami, sia perché volevamo evitare che da qualche parte si potesse speculare sulla vicenda. Addiopizzo e Libera sono infatti associazioni assolutamente apartitiche. La lotta alla mafia è di tutti e non ha colore politico”. I presidenti delle due associazioni hanno dichiarato:“E’ un bellissimo  regalo di natale. La sede di Picanello diverrà punto di riferimento per il quartiere e per tutta la città. Porteremo avanti una serie di attività di recupero sociale, sensibilizzando sempre più i nostri ragazzi alla cultura della legalità e all’impegno contro la corruzione”. Il presidente Castiglione ha manifestato la piena disponibilità ad avviare incontri divulgativi nelle scuole superiori.


Catania - Antonio Presti ha presentato il progetto “Porta della bellezza” a Librino ed incontrato le autorità davanti all’opera, in corrispondenza dello spartitraffico tra viale Castagnola e viale Librino. Per l’occasione sono state presenti le 9 scuole e gli oratori del quartiere che hanno portato oltre 5.000 bambini. Il rione Librino di Catania progettato all'inizio degli anni Settanta da Kenzo Tange  doveva essere la città satellite ma   è diventato uno dei quartieri più difficili del capoluogo etneo. La Porta della bellezza è stata costruita con oltre 9.000 forme di terracotta realizzate da 2.000 bambini del rione. Le formelle, abbinate a testi poetici, sono state applicate lungo una prima porzione di muro di 500 metri in corrispondenza dell'accesso al rione sui 3 chilometri totali che tagliano Librino. La Fondazione Antonio Presti - Fiumara d’Arte dedica il proprio impegno sociale e culturale per la rinascita del quartiere catanese di Librino, uno dei più degradati della città e con un alto tasso di criminalità giovanile. Sono tante le iniziative che sono state organizzate nel corso degli anni nell’ambito del progetto Terz’Occhio.




CATANIA – T.Col. Santagati a comando Gruppo Efficienza Aeromobili 41° Stormo Sigonella, subentra  al T. Col. Nastasi. La  cerimonia d’avvicendamento al Comando del Gruppo Efficienza Aeromobili (GEA) del 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare (AM), tra il Tenente Colonnello Alfredo Nastasi, Comandante uscente ed il Tenente Colonnello Antonino Santagati, Comandante subentrante ha avuto luogo Mercoledì 25 luglio 2017, sul piazzale bandiera dell’Aeroporto di Sigonella. Il passaggio delle consegne si è svolto nell’ambito dell’alba bandiera generale, ed è stato presieduto dal Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella Colonnello Pilota Francesco Frare, alla presenza delle rappresentanze di tutto il personale degli Enti insistenti sulla della base siciliana. Il  TC Nastasi cedente a  donne ed uomini del GEA ha detto: “Siete stati il motore del cambiamento che ha visto il 41° Stormo passare dall’impiego di una macchina vetusta ma efficiente fino alla dismissione come l’Atlantic, all’impiego di un assetto evoluto e pronto alle sfide che il futuro riserverà come il P-72A”. Il  TC Santagati, ha ringraziato il Col. Frare per la fiducia accordata, si è rivolto al personale del GEA, dicendo: “Conosco il Vostro valore e professionalità che è la stessa professionalità che ha portato il velivolo Atlantic a volare in sicurezza per oltre 45 anni raggiungendo la flotta complessivamente 256.000 ore volate. Oggi, con lo stesso impegno e rinnovato slancio, dobbiamo continuare a garantisce l’efficienza e l’operatività del nuovo velivolo P72, affrontando giornalmente le svariate problematiche tecniche e logistiche dovute alla delicata fase di fhase-in.  L'impegno e la passione per il nostro lavoro sono certo continueranno ad essere tra i valori guida a cui tutti noi faremo riferimento, al fine di conseguire gli obiettivi operativi demandati dalle nostre Istituzioni”. Il Tenente Colonnello Antonino Santagati, nato a Catania nel 1970, si è arruolato in AM nel settembre del 1990 quando ha iniziato a frequentare il 77° Corso Sottufficiali a Caserta. Nel 1992 è stato assegnato al 41° Stormo di Sigonella fino al 1996 quando frequentato il 24° Corso Ufficiali presso l'Istituto di Scienze Aeronautiche di Firenze. Inizialmente assegnato al 35° Gruppo Radar AM di Marsala ricoprendo vari incarichi, dal 2001 è stato trasferito a Sigonella ricoprendo vari incarichi da Capo Sezione. Il Gruppo Efficienza Aeromobili è stato costituito il 1° dicembre 2003, con il compito di assicurare l’efficienza e l’operatività della linea di volo attraverso la manutenzione di 1° e 2° livello tecnico del velivolo Atlantic, fino alla sua dismissione avvenuta il 22 novembre 2017, e dal 2016 anche del velivolo P-72A, con la collaborazione e il supporto dell’11° Reparto Manutenzione Velivoli di Sigonella e del già Centro Manutenzione di Cagliari Elmas. Il 41° Stormo Antisom dell’AM di Sigonella, alle dipendenze dell’Ufficio dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, è dotato di velivoli P-72A con i quali garantisce la propria missione primaria di sorveglianza marittima, contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale e di salvaguardia della vita umana in mare a lungo raggio nonché protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo. Il  Col. Frare ha ringraziato il TC Nastasi per gli eccellenti risultati conseguiti nel periodo di transizione dei due sistemi d’arma, sottolineandone l’apprezzato stile di lavoro portato avanti in modo silenzioso e con spirito di squadra sempre al servizio delle istituzioni e della Collettività.


CATANIASigonella, contrasto reti trafficanti esseri umani :  operazione EUNAVFORMED SOPHIA, insediato distaccamento Aeronautica polacca. La Polonia ha messo a disposizione dell’operazione un velivolo Antonov An-28B1R e 60 militari. La  cerimonia di insediamento del Distaccamento dell’Aeronautica della Polonia ha avuto luogo, nei gioni scorsi, nella Base Aerea di Sigonella, con circa 60 militari ed il velivolo Antonov An-28B1R,  entrato a far parte dell’operazione Militare Navale dell'Unione Europea nel Mediterraneo Centromeridionale (EUNAVFOR MED SOPHIA). L'operazione dell'Unione Europea è finalizzata al contrasto delle reti dei trafficanti di esseri umani nel Mar Mediterraneo centro-meridionale ed operante quale contributo agli sforzi dell'UE per il ritorno della stabilità e della sicurezza in Libia e nella regione. La cerimonia è stata presieduta dal vice comandante dell'operazione UE, il Contrammiraglio francese Gilles Boidevezi, alla presenza del Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Pilota Francesco Frare, dei capi degli assetti dislocati stabilmente sulla base siciliana e di tutto il personale schierato dell’unità Polacca. I Militari dell’Aeronautica (AM) di Sigonella svolgono funzioni di supporto per facilitare ed assicurare tutte le operazioni a terra di accoglienza e ricovero degli equipaggi, dal rifornimento di carburante, al servizio meteorologico, al controllo del traffico aereo, alla sicurezza delle infrastrutture e tutti quei servizi minori ma necessari alle realtà nazionali ed internazionali dell’Aeroporto Siciliano per intraprendere al meglio le attività demandate. Tra gli schieramenti internazionali, oltre a quello della Naval Air Station (NAS) degli USA presente dal 1959, a Sigonella sono operativi i rischieramenti di Frontex, di Eunavformed ed - in fase di implementazione - la componente NATO AGS Force che si dedicherà alla manutenzione di velivoli a pilotaggio remoto (APR) del tipo Global Hawk, all’analisi e diffusione dei dati raccolti e all’addestramento del personale dei Paesi dell’Alleanza destinati ad operarvi. Diversi assetti stranieri già dal mese di settembre 2013, in modo continuativo e prima ancora saltuariamente, si erano avvicendati nell’ambito delle attività Frontex/Triton, con lo scopo di coordinare il pattugliamento delle frontiere degli Stati membri e di favorire gli accordi per la gestione dei migranti. I militari ospitati, generalmente con cadenza mensile, provengono da Grecia, Portogallo, Islanda, Spagna, Svezia, Olanda, Francia, Gran Bretagna, Danimarca. Sigonella è una delle basi dell’AM, che da luglio 2015,  è pronta per EunavforMed a fornire supporto ed ospitare militari stranieri quali quelli di Portogallo e attualmente di Lussemburgo, Spagna e Polonia. Sulla base  c’è anche una Forward Operating Base (FOB) con a capo il Comandate del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella. Periodiche attività di supporto ed assistenza dall’Aeroporto di Sigonella sono quella garantire ad equipaggi e velivoli stranieri o realtà pubbliche e civili del Territorio per esercitazioni e varie esigenze: in questi giorni è in atto l’attività NATO Dynamic Manta 2018, lo scorso novembre la SATER con simulazione di salvataggi in zona etnea, la scorsa estate il supporto ad assetti dell’Esercito Italiano e della Protezione Civile per fronteggiare l'emergenza incendi boschivi (AIB) in Sicilia. Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali dell’AM di Roma, ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom - dotato di velivoli P-72A, al 61° Gruppo Volo - dotato di APR tipo Predator ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando - al contempo - i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Nell'ambito dei servizi alla collettività, fornisce supporto di linea volo 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno, a voli militari e di Stato, nonché a quelli per il trasporto aereo sanitario di organi e di pazienti bisognosi ed in imminente pericolo di vita. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.


Catania - Candelora d'oro a Luca Parmitano. La massima onorificenza catanese, è stata consegnata virtualmente in collegamento audio-video da Huston dal sindaco Enzo Bianco all’astronauta Luca Parmitano maggiore dell'Aeronautica Italiana, pilota collaudatore sperimentatore ed ingegnere di volo, medaglia d'argento al valore aeronautico. Parmitano con le foto dallo spazio è stato ambasciatore della Sicilia nel mondo. L’astronauta è nato a Paternò è sposato ed è padre di  due figlie.




Questore  Catania Salvatore Longo   

(ascolta l'intervista)

Catania - Salvatore Longo Questore di Catania sostituisce Antonino Cufalo. Il Cambio alla Questura di Catania con il passaggio delle consegne tra il funzionario dottor  Salvatore Longo 

 proveniente dalla Questura di Parma, dove lascia il posto a Giuseppe Racca, proveniente da Ravenna ed il dottor  Antonino Cufalo   è il nuovo questore di Torino. Il dottor Salvatore Longo catanese di nascita ha avuto parole di lodi per l'attività svolta dai suoi predecessori ed ha affermato di voler proseguire nella direzione della continuità, ha detto

 

(clicca ed ascolta l'intervista) :"  C'è l'impegno per risolvere i problemi interni ed aspetti logistici,  particolare attenzione per la sicurezza generale. Il servizio investigativo è efficiente e collaudato".

L’on. Salvo Pogliese (PdL), vice presidente dell’Assemblea regionale siciliana, in merito all’avvicendamento al vertice della Questura etnea dichiara:”L’alto profilo professionale ed esperienza del dottor Longo garantiranno certamente determinazione e sapienza investigativa per la repressione del crimine a Catania. Un ringraziamento inoltre va al precedente questore, il dott. Cufalo, per l’ottimo lavoro svolto nella nostra città”. 


Catania - Sindaco Bianco  visita Guardia Costiera. Il primo cittadino di Catania Enzo Bianco ha visitato, in giornata, la Capitaneria di Porto di Catania, sede della Direzione Marittima della Sicilia orientale. Enzo Bianco,  è stato ricevuto dall'Ammiraglio Domenico De Michele, Direttore Marittimo della Sicilia orientale e Comandante del porto di Catania. Il sindaco etneo si è trattenuto in un cordiale colloquio, al quale hanno partecipato anche altri Ufficiali della Guardia Costiera, in servizio nella sede di Catania. Enzo Bianco si è complimentato per l'impegno a tutela e salvaguardia della vita umana in mare e per le recenti iniziative a favore dell'utenza balneare e diportistica. L'Ammiraglio De Michele al termine della visita, ha donato al Sindaco il tradizionale "crest" della Direzione Marittima.


Catania - Associazione antiestorsione Bonanno presidente. L’assemblea dei soci dell’Associazione antiestorsione catanese “Libero Grassi” (Asaec) si è riunita per eleggere il nuovo direttivo e il presidente è stato designato Giovanni Bonanno  , dopo la presidenza di Linda Russo Zangara – a coordinare le attività dei volontari che da oltre vent’anni si battono contro il pizzo nel territorio etneo. sottolinea Giovanni Bonanno: “Ho accettato questo incarico consapevole del fatto che guidare un’associazione di volontariato in un momento così difficile per il nostro Paese, in cui cresce lo scetticismo, la disillusione, e la critica verso le istituzioni, è un impegno gravoso. Pur tuttavia è proprio in questi momenti che occorre convogliare tutte le forze sane per contrastare questi crimini, che minano alla radice la crescita economica della nostra comunità». Bonanno accettando il gravoso incarico intende «coinvolgere tutte quelle persone oneste, e sono la maggioranza, che si pongono in contrasto al crimine”.



Catania -  ONU sindaci diano cittadinanza onoraria a minorenni stranieri. 23° anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza e Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, il 20 novembre, alle ore  9,30 nell’Aula Consiliare di Palazzo degli Elefanti, sarà presentato il Rapporto UNICEF: “Facce d’Italia. Condizioni e prospettive dei minorenni di origine straniera”.  L’iniziativa, promossa e organizzata dal Comitato Provinciale di Catania per l’UNICEF, in partnership con la Provincia Regionale e con il Comune di Catania, ha lo scopo di mantenere alta l’attenzione sulla negazione di fondamentali diritti sanciti dalla Convenzione ed in particolare sull’inclusione sociale ed offrire un’occasione di riflessione e di impegno per il riconoscimento del diritto alla non discriminazione per tutti i bambini e gli adolescenti che vivono in Italia ed in particolare per quelli di origine straniera. Vincenzo Lorefice, presidente del Comitato Provinciale UNICEF, introdurrà i lavori e le finalità della campagna UNICEF: “IO come TU. Mai nemici per la pelle” e metterà in risalto il forte impegno dell’UNICEF Italia nell’azione di pressione a livello nazionale, affinché venga riformata l'attuale legge sulla cittadinanza per i bambini e gli adolescenti di origine straniera e vengano riconosciuti il principio di non discriminazione e l’uguaglianza dei diritti sanciti nella Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, approvata all’unanimità dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia con la legge n.176/91 . Il Rapporto, che sarà presentato da Liana Maria Daher, Docente di Sociologia presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Catania e volontaria UNICEF, si inserisce nel quadro della Campagna IO come TU e compie una rassegna dei dati e dei riferimenti normativi esistenti analizzati alla luce della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza e dei suoi principi cardine: il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, all'ascolto ed alla partecipazione a qualunque questione lo riguardi e i principi del rispetto del superiore interesse del minorenne e della non discriminazione. All’incontro, oltre le massime Autorità, interverranno rappresentanze delle scuole Ambasciatrici UNICEF di ogni ordine e grado della città e della provincia, sindaci e presidenti dei consigli comunali. I sindaci e i presidenti dei consigli comunali, nei giorni scorsi, sono stati invitati dal presidente Vincenzo Lorefice a conferire, con appositi atti deliberativi, la cittadinanza onoraria ai bambini e alle bambine di origine straniera, nati in Italia da genitori non cittadini ed ai bambini, alle bambine ed agli adolescenti di origine straniera che vivono, sin da piccoli, sul territorio nazionale. Un gesto simbolico ma concreto e di grande visibilità, condiviso con le Scuole e la cittadinanza tutta, a voler sollecitare alle autorità nazionali una riforma della legge 91/1992. Numerosi Sindaci e presidenti del consiglio, accogliendo con grande partecipazione l’invito loro rivolto dall’UNICEF, hanno voluto anticipare i tempi ed hanno programmato di presentarsi all’incontro con fascia tricolore, portando l’atto deliberativo già approvato, a testimonianza della loro volontà di stare dalla parte dei bambini. I sindaci dei comuni di  Aci Castello, Aci Catena, Aci Sant’Antonio, Acireale, Biancavilla, Bronte, Camporotondo, Fiumefreddo di Sicilia, Gravina di Catania, Maletto, Mascali, Mazzarrone, Nicolosi, Riposto, San Michele di Ganzaria, Viagrande e Zafferana Etnea hanno già confermato il loro assenso. La prima parte della mattinata è allietata da un gruppo di bambini che interpretano, a cura dell’Accademia di Arti Sceniche Odè - O.n.l.u.s. di Acireale, il corto teatrale “I colori della cittadinanza”. Un  Concerto dell’Orchestra Sinfonica Infantile "Falcone e Borsellino" della Fondazione “La città invisibile” -  Scuola di musica per la legalità con il metodo Abreu, diretto dal Maestro Massimo Incarbone ha luogo alle ore 11, con la collaborazione del Maestro Marco Traverso presso la  Basilica Collegiata. Gli alunni dei Circoli Didattici “G. Verga” di Catania e di Risposto, candidati alla nomina di Scuole Ambasciatrici di Buona Volontà dell’UNICEF Italia, leggeranno brevi messaggi. Alcuni  bimbi dell’orchestra propongono il saluto  con il linguaggio LIS. Il  presidente dell’ANLAI, Associazione Nazionale Liuteria Artistica Italiana, Gualtiero Nicolini ha dato l’adesione al Concerto.


Catania  - STMicroelectronics 2.100 lavoratori in “Croce” per 13 settimane. Luca Vecchio Segretario UGL Metalmeccanici Catania  scrive in un comunicato  in merito all’ esito incontro annuncio Cassa Integrazione per il sito STMicroelectronics di Catania:In data 5 settembre 2012 alle ore 11 si è  svolto un incontro tra direzione aziendale locale della STMicroelectronics e la RSU assistita dalle OO. SS.La direzione aziendale di Catania ha dichiarato che:Le previsioni indicavano una crescita di mercato del 12% nel Q2 2012 e del 10 % ulteriore nel Q3. Nel mese di giugno c'e stata un'inversione di tendenza con un calo e taglio globale di ordini che abbraccia tutti i settori,sopratutto il wireless. Questo si e’ tradotto in un forte calo di ordinativi, che si ripercuoterà sopratutto nel Q4. I settori maggiormente colpiti sono quelli dei PC, Industrial ed Automotive. Gli unici dispositivi a salvarsi sono i MEMS, che pero sono realizzati solo ad Agrate-Milano. Sugli 8 pollici il calo e' del 35%, mentre per i 6 pollici il calo e' del 20%. Il numero complessivo di raffreddamento (ogni giornata lavorativa e’ composta di 3 turni), al netto della “chiusura natalizia” è pari a 75 turni per M5 e 45 per CT6. Epi 60 turni, EWS e LIP 25 turni. La CIGO partirà da ottobre. Infine, per far fronte alle gravi problematiche connesse a ST Ericcsson, la settimana prossima il CEO C. Bozotti annuncerà le azioni che ST vorrà implementare a livello globale con particolare riferimento all’Italia e alla Francia.  Nel pomeriggio, alle ore 17, 15 circa la Confindustria  per nome e per conto di STMicroelectronics, ha avviato la procedura di consultazione sindacale ai sensi della legge 164/75 comunicando che l’intervento riguarderà 2.100 lavoratori,  per un periodo di 13 settimane,  invitando le OO.SS. ad espletare l’esame congiunto per giorno 13 c.m. alle ore 10.30. Riteniamo che ancora una volta siano i lavoratori a dover pagare lo scotto non solo della crisi economica, ma anche delle scelte manageriali. Infatti, se la fabbrica ad 8 pollici fosse stata riempita con i dispositivi MEMS si sarebbe potuto evitare il ricorso agli ammortizzatori sociali e soprattutto la ST avrebbe potuto ottemperare agli impegni sottoscritti in occasione dell’accordo sull’avvio dei 21 turni, siglato a marzo del 2011, che prevede almeno 150 nuovi assunti per il funzionamento della quinta squadra. Infine, rimaniamo con il fiato sospeso per l’annuncio dell’AD C. Bozotti, previsto per la settimana prossima, in quanto ci attendiamo una rivoluzione per cio’ che concerne l’organizzazione del lavoro. Non vorremmo che i programmi del management penalizzino ulteriormente i lavoratori. Al contrario, auspichiamo che per il sito di Catania vengano rispettati gli accordi con il ripristino degli investimenti e l’assunzione di almeno 150 nuove unità cosi com’è avvenuto per il sito di Agrate che a giugno di quest’anno ha avviato 400 assunzioni circa”.



CataniaPassaggio delle Consegne al Comando provinciale dei carabinieri  il Col. Giuseppe Governale il quale ha

passato il comando al  Col. Giuseppe La Gala . Il Col. Giuseppe Governale, ha salutato la stampa in occasione del suo trasferimento, lasciando il  Comando di Catania al colonnello Giuseppe La Gala.  Il Colonnello Governale  ha già assunto l’incarico di Capo Ufficio Personale Marescialli del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Il Colonnello Giuseppe Governale, durante l’incontro, ha riepilogato i risultati conseguiti dall’Arma in Provincia di Catania nell’ultimo triennio, sottolineando come rilevante sia stato il calo dei reati che più di ogni altri incidono negativamente sulla gente comune, come nel caso di quelli cosiddetti predatori. L’alto ufficiale ha voluto evidenziare come i risultati siano anche il frutto della costante vicinanza dei Carabinieri alla popolazione, aspetto assolutamente fondamentale, soprattutto con riguardo alle fasce giovanili, ovvero quelle su cui si deve necessariamente investire se si vuole contribuire a migliorare la società. Il comandante provinciale di Catania Col. Giuseppe La Gala nel suo incontro con la stampa ha fatto il punto della situazione programmando un proficuo lavoro.


Catania Bianco nomina Caviezel cittadino onorario catanese. Il sindaco Enzo Bianco  ha ufficialmente consegnato al maestro pasticcere Lucas Caviezel la cittadinanza onoraria. Il  provvedimento sindacale era stato adottato il 23 novembre 2013 ed ufficializzato lunedì 27 gennaio 2014 nel salone Bellini di palazzo degli Elefanti. Alla consegna del riconoscimento è stato presente il presidente dell’associazione di categoria Salvatore Farina. Le motivazioni in pergamena: “Nato e cresciuto in Svizzera, Lucas Caviezel può essere considerato tuttavia l’alfiere di quella pasticceria catanese celebrata dalla letteratura come autentica forma d’arte. Sin dal secondo dopoguerra il maestro Caviezel ha saputo, nella patria di Procopio de’ Coltelli, rilanciare in particolare la gelateria, diventando il più importante artigiano italiano, universalmente noto per aver messo a punto la tecnica del bilanciamento degli ingredienti nella formulazione delle ricette. Ricchissima è, peraltro, la sua produzione di volumi e articoli, ancor oggi fondamentali punti di riferimento per l’arte gelatiera. Per il lustro che Lucas Caviezel ha saputo dare a Catania in questi decenni, l’Amministrazione comunale ritiene di dovergli conferire, in segno di stima e apprezzamento, la cittadinanza onoraria del Comune. Con il conferimento della cittadinanza onoraria al maestro Caviezel si intende dare un ideale riconoscimento anche al lavoro di tantissimi pasticceri e gelatieri catanesi”. Il sindaco Enzo Bianco ha affermato: “Attribuire la cittadinanza onoraria è uno dei momenti più importanti della sindacatura. E’ vera la gratitudine nell’assegnare il riconoscimento della cittadinanza all’uomo che ha saputo con impegno straordinario incentivare la tradizione della pasticceria e della gelateria in particolare e che, ancora oggi pur non più giovanissimo, trasmette i suoi saperi ai più giovani offrendo loro una preziosa opportunità”.


Catania- Pippo Baudo  ha presentato, martedì 28 aprile alle 10.30, nell'Auditorium  "De Carlo" del Monastero dei Benedettini di Catania "Teletna, la nascita dell'Italia delle tv"  il libro di Giuseppe Lazzaro Danzuso, edito da Bonanno. La manifestazione si inquadra  nell’ambito del ciclo  "Conversazioni in Sicilia". Dopo i saluti del rettore Antonio Recca, del preside della Facoltà di Lettere Enrico Iachello, del Presidente del corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Margherita Verdirame, sono intervenuti il procuratore aggiunto della Repubblica di Catania Renato Papa, Michela Giuffrida, direttore di Telecolor, il direttore di Antenna Sicilia Rino Lodato, lo storico Tino Vittorio, il sociologo Roberto Vignera. Ha coordinato il dibattito Luigi   Ronsisvalle.

  

Il libro "Teletna, la nascita dell'Italia delle tv"   di Giuseppe Lazzaro Danzuso, descrive  la storia di Teletna, la prima tv privata italiana a vincere la battaglia dell’etere. La Tv privata nacque nel 1976 a Catania e crebbe in anni di piombo, eversivi,  mafiosi  e di progettati golpe. Erano gli anni delle spie russe e massonerie deviate, di rivolte studentesche e cementificazione, di crisi petrolifere ed Austerity. Su questo scenario si sviluppò in Italia la tv privata, capace di spopolare perché “domestica”, mix di informazione locale e dilettanti allo sbaraglio, di invenzione e cialtroneria, di macchiettismo. Fu seguendo questa scia che dilagarono le grandi reti private nazionali, i cui archetipi, a cominciare dal “cavaliere-conducator” , non Berlusconi ma Giuseppe Recca,  si ritrovavano già nella storia di Teletna. Una storia che toccò anche personaggi come Baudo, Piombi, Filogamo, Frizzi e persino un giovanissimo Fiorello. Una storia che dimostra come Catania e Teletna siano metafora dell’odierna Italia delle tv. Dalla prefazione di Tino Vittorio: Il libro  fa comprendere le ragioni di quel disagio generazionale ed antropologico che tutti subivano e che molti non capivano. L’autore  di "Teletna, la nascita dell'Italia delle tv" un saggio di 250 pagine  è  Giuseppe Lazzaro Danzuso, catanese, 50 anni, giornalista che ha lavorato nei quotidiani, in tv e nelle agenzie di stampa, scrittore e regista. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni e documentari dedicati alla Sicilia. Ha scritto anche alcuni libri di racconti.


Sigonella - 28a "National Night Out" : sicurezza, prevenzione crimine e uso droghe. L'evento  si è svolto alle 17.30  del 2 agosto con il discorso di apertura del Comandante della base, Capitano di Vascello Scott Butler

 

e dell'ufficiale responsabile della polizia militare. La manifestazione si è svolta  con la tradizionale serata dedicata alla sicurezza e prevenzione del crimine e dell'uso delle droghe "National Night Out"  presso il Villaggio dei Marinai, ubicato vicino alla Stazione Aeronavale della Marina USA di Sigonella (NAS 2 - Strada Statale 417 Catania-Gela ). La "National Night Out" è un evento che si svolge in contemporanea in tutti gli Stati Uniti e presso tutte le basi USA nel mondo. L'anno scorso, circa 37 milioni di persone tra personale delle forze di polizia, cittadini, associazioni civiche e culturali, rappresentanti delle istituzioni ed associazioni di commercianti hanno partecipato alla manifestazione che si è tenuta presso 15.000 comunità sparse nei 50 stati americani e in tutte le installazioni militari presenti nel mondo.  Lo scopo dell'iniziativa, alla quale hanno preso parte  le forze di polizia

e di pronto intervento italiane ed americane, è quello di promuovere la prevenzione del crimine organizzato nonché la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile presso la comunità della base, ed in particolare tra i giovani, attraverso una comunicazione ed informazione continua e costante con essa.  La manifestazione è anche un piacevole momento di condivisione di esperienze tra le forze di polizia americane ed italiane. Diverse le iniziative svolte per tutto il pomeriggio : esposizione statica di veicoli delle polizie italiana ed americana, esibizione di unità cinofile,  parata di mezzi militari di polizia e pronto intervento, dimostrazione di karate, e presenza di unità ippomontate della polizia italiana. Non sono mancati momenti ludici e ricreativi come la tradizionale grigliata di carne e la classica gara delle "torte in faccia" per la raccolta di fondi a scopo di beneficenza.


Catania XIX Premio Maugeri-Amenano d’Argento. È in preparazione la diciannovesima edizione del Premio Maugeri-Amenano d’Argento, che si terrà il 3 Dicembre 2011, ore 20, al Teatro ABC, via Pietro Mascagni, 92. La manifestazione, come ogni anno assegna il riconoscimento all’operosità, alla solerzia, alla creatività della terra siciliana, premia personaggi del mondo dell’informazione, della cultura, dello spettacolo, dello sport, regalando al pubblico catanese un evento raffinato che di edizione in edizione cresce e si rinnova grazie ad un’organizzazione impeccabile e ad ospiti d’eccezione, per una serata ancora una volta da non perdere.


Catania - Guardia Costiera : Direttore Marittimo visita Capitaneria Porto Augusta.  Il Direttore Marittimo della Sicilia orientale, Contrammiraglio Domenico DE MICHELE, ha visitato, nei giorni scorsi, la sede della Capitaneria di Porto di Augusta.n L’alto ufficiale è stato ricevuto dal Capitano di Vascello Francesco FRISONE, Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del Porto di Augusta, il Direttore Marittimo ha incontrato il personale civile e militare in servizio, complimentandosi per le attività effettuate e per le recenti operazioni di polizia marittima svolte in materia di pesca,  a tutela dei consumatori ed a salvaguardia delle specie ittiche allo stadio giovanile, che hanno registrato risultati lusinghieri. L’Ammiraglio Domenico DE MICHELE, inoltre, ha incontrato una rappresentanza di operatori dei servizi tecnico nautici e portuali.


Catania - Incontro Commissario e Capitaneria Porto.  Cosimo AIELLO, Commissario Straordinario dell'Autorità Portuale etnea, questa mattina, nella sede della Capitaneria di Porto, ha incontrato l'Ammiraglio Domenico DE MICHELE, Direttore Marittimo della Sicilia orientale. All'incontro, al quale hanno partecipato anche alcuni Ufficiali della Capitaneria di Porto, è seguita la tradizionale consegna del "crest" in segno di benvenuto, con l'augurio al neo Commissario, da parte dell'Ammiraglio DE MICHELE, di un proficuo lavoro nello scalo marittimo catanese.


Catania - Largo Maria Grazia Cutuli incrocio tra via Asiago e via Messina.

 

Il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli ha scoperto la targa, nel giorno del decimo anniversario della morte della giornalista catanese. Maria Grazia Cutuli , il 19 novembre del 2001, era inviata del Corriere della Sera quando fu assassinata con altri tre colleghi in un agguato in Afghanistan. Alla cerimonia di intitolazione erano presenti anche due fratelli di Maria Grazia Cutuli. "Ringrazio due volte il sindaco di Catania - ha detto Mario Cutuli - per aver deciso di entrare a far parte della Fondazione e per aver intitolato una via a mia sorella. La scelta di questo luogo non è casuale: siamo a due passi dal mare, da piazza Europa e corso Italia, luoghi che incrociano i percorsi di Maria Grazia". Il Comune di Catania è entrato anche a far parte della Fondazione, presieduta da Mario Cutuli, fratello di Maria Grazia.