L'INFORMATORE DI SICILIA - GIORNALE D'INFORMAZIONE INDIPENDENTE - FONDATO E DIRETTO DA IGNAZIO LA PERA - PER CONTATTARE LA  REDAZIONE SCRIVETE  A : ilapera@infinito.it - SULL'INFORMATORE UNA PAGINA E' DEDICATA ALLE NOTIZIE DI ULTIMORA

NOTIZIE

ULTIMORA

NOTIZIE DA

 CATANIA

 CALTANISSETTA
 SIRACUSA
 LENTINI
 FRANCOFONTE

RUBRICHE

in POLITICA
 ANNUNCI
 CONCORSI
 INTERNET
 ZODIACO
 ARTE  
 MUSICA   new
 in LIBRERIA


 MODENA 

all. Walter Novellino

 C.CATANIA  

    all. Dario Marcolin

7-2-2015   25ª  4ª  di ritorno   rinviata per maltempo all' Alberto Braglia  di  Modena



 

 Catania - Coach Dario Marcolin . Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver sollevato dall'incarico di Responsabile tecnico della prima squadra il signor Maurizio Pellegrino, che ricoprirà nuovamente la carica di Responsabile del Settore Giovanile rossazzurro. La conduzione tecnica della prima squadra viene affidata all’allenatore Dario Marcolin, già vice di Sinisa Mihajlovic nella stagione agonistica 2009/10, caratterizzata da un ottimo girone di ritorno del Catania. Dario Marcolin sarà assistito dall’allenatore in seconda Enrico Annoni, Giuseppe Irrera assume il ruolo di collaboratore tecnico.


Catania Sannino  sulla panchina del Catania sostituisce Pellegrino.  La società rossazzurra sul suo sito comunica:”Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver sollevato dall'incarico di allenatore della prima squadra il signor Maurizio Pellegrino, che assume la carica di Responsabile del Settore Giovanile rossazzurro. La conduzione tecnica della prima squadra viene affidata al signor Giuseppe Sannino”. Il tecnico campano 57enne ha lasciato la panchina inglese del Watford dopo 4 vittorie in 5 gare ed ha sottoscritto a Roma l’accordo con la società rossazzurra del presidente Pulvirenti per la conduzione tecnica del Catania per una stagione. 


Catania -   Pellegrino succede a Maran nella guida tecnica del Catania Calcio. La società rossazzurra scrive sul sito:” Rolando Maran sollevato dall’incarico. Maurizio Pellegrino è il nuovo allenatore della prima squadra. Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra il signor Rolando Maran, con un sincero ringraziamento per il lavoro svolto e l’augurio delle migliori fortune, personali e professionali. La conduzione della prima squadra viene affidata al signor Maurizio Pellegrino”. Pellegrino oltre ad essere stato un ex giocatore del team rossazzurro ha  allenato il Catania del salto in serie B in tandem con Graziani.

Catania Assostampa ed Ersu volume su Calcio Catania e Massimino. “Il Calcio Catania tra cronaca e storia: Angelo Massimino, “il presidentissimo” a cavallo di due metodi di gestire il calcio". E’ questo il tema della conferenza  organizzata dall’Ufficio stampa dell’ERSU e dall’Assostampa di Catania, che si terrà venerdì 24 gennaio, nella Sala Museion, della Residenza ERSU, via Verona, 25/A, ore 18,30.  Il  presidente dell’ERSU, prof. Alessandro Cappellani introduce gli invitati ad intervenire, i giornalisti:  Nino Milazzo e Luigi Ronsisvalle, l’avvocato Enzo Trantino, lo storico Tino Vittorio; gli autori del volume “Tutto il Catania minuto per minuto”: Antonio Buemi, Alessandro Russo,  Filippo Fabio Solarino, Roberto Quartarone; Sergio Capizzi. Modera Daniele Lo Porto, segretario provinciale dell’Assostampa, il sindacato unitario dei giornalisti.

 

CLICCA  E GUARDA IL VIDEO

FESTA ROSSAZZURRA

 

 

 

 

Classifica finale 2009 -10 Inter Campione d’Italia

Inter 82,  Roma 80,  Milan 70,  Sampdoria67,  Palermo 65,  Napoli 59,  Juventus 55,  Parma 52, Genoa 51,  Bari 50,  Fiorentina 47,  Lazio 46,  Catania 45,  Cagliari 44,  Udinese 44,  ChieVo 44,  Bologna42,  Atalanta 35,  Siena 31,  Livorno 29 (retrocesse Atalanta ,  Siena  e Livorno)

Classifica finale serie A Campionato

2011-12   38ª giornata

Juventus 84,      

Milan 80,

Udinese, 64,

Lazio 62,

Napoli 61,

Inter 58,

Roma, Parma 56,  

Bologna 51

Chievo 49,

Catania 48,

Fiorentina, Atalanta 46,

Siena 44,

Palermo, Cagliari 43,

Genoa 42,   

Lecce 36,

Novara 32,

Cesena 22

 

Aspettando il ritorno in  "A"

 


Catania-Virtus Lanciano 3-3

 C.CATANIA     all.   

 Maurizio Pellegrino 

  V.Lanciano      all.   

Roberto D’Aversa

Reti22°Calaiò, 50° Pinato (rig.), 73°Gatto (rig.), 73°Martinho, 86° Rosina (rig.), 94°Cerri


 

 

 

Catania - Pescara 2-1  Reti : 2°Rosina, 20°Melchiorri, 51°Calaiò

C.CATANIA all.    Giuseppe Sannino  2

 PESCARA     all.    Marco Baroni   1

 


8-11-2014    Catania – Varese 2-1  

Reti 5°Calaiò, 41°Rosina, 67°Neto.

 

C.CATANIA   

  all.   

Giuseppe Sannino 

VARESE    

all.   

Stefano Bertinelli  

Catania (4–4-2) Frison, Sauro, Spolli, Capuano, Monzon, Rosina (84°Chrapek), Escalante, Rinaudo, Martinho (69°Calello), Calaiò, Leto (73° Marcelinho), all.  Giuseppe Sannino, a disp. Ficara, Ramos, Almiron, Jankovic, Chrapek, Caiaiello, Garufi, Marcelinho, Cani.

Varese (4–4-2) Bastianoni, Fiamozzi, Borghese, Simic, Luoni (88°Tamas), Zecchin (46°Petkovic), Corti, Capezzi, Falcone (84°Forte), Neto, Miracoli, all. Stefano Bettinelli, a disp. Perucchini, La Gorga, Mapelli, Blasi, Barberis, Cornacchia.   

Arbitro :  Riccardo Ros di Pordenone, guardalinee: Alfredo Zivelli di Torre Annunziata e Matteo Bottegoni di Terni, lV Dario Melidoni di Frattamaggiore, osservatore: Pietro Ferrari di Roma 2.


 


NOTIZIE ULTIMORA 24 ORE SU 24



SPORT  CALCIO  SERIE B 

 campionato  2014-15 




22-5-2015  42ª -21ª di ritorno

Carpi- Catania 0-0

CARPI    all.  Fabrizio Castori  

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

Carpi (4-3-3): Gabriel,  Pasini, Romagnoli, Letizia, Sarzi Puttini (83° Palmieri), Mbaye, Porcari (88Pugliese), Torelli, Pasciuti, Lasagna, Di Gaudio (75° Gatto), all. Castori, a disp.: Maurantonio, Brunelli, Gagliolo, Laner, Loi, Inglese.
Catania (4-3-1-2): Gillet, Del Prete, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone, Coppola, Escalante, Rosina, Calaiò, Maniero, all.  Marcolin, a disp.: Terracciano, Sauro, Capuano, Gyomber, Belmonte, Chrapek, Odjer, Barisic, Rossetti.
Arbitro: Pasqua di Tivoli, guardalinee : Segna di Schio e Paiusco di Vicenza, lV Massimi di Termoli, osservatore arbitrale Anfuso di Barcellona P. di Gotto
Note: recupero:  1', 2', angoli  0 -7, ammoniti Sciaudone, Del Prete, spettatori 4000.


16-5-2015  41ª -20ª di ritorno Catania-Cittadella  2-3

Reti: 39° Gerardi, 41°Schiavi, 53° Kupisz, 85° Calaiò (R), 90° Stanco.

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

CITTADELLA   all.  Claudio Foscarini  

 


9-5-2015  40ª -19ª di ritorno Brescia-Catania 4-2

Reti: 22° Sestu, 30° Di Cesare, 72° Rosina, 74°Da Silva, 79° Benali, 92° Castro.

 

BRESCIA   all.  Alessandro Calori

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin


Brescia (4-3-2-1): Arcari, Zambelli, A.Caracciolo, Di Cesare (85° Lancini), Coly, Benali, Budel(79° Bentivoglio), Quaggiotto, Sestu, Scaglia, Valotti  (65°Da Silva, all. Calori, a disp. Andrenacci, Gargiulo, Morosini, Bertoli, Strada, Cistana.

Catania (4-3-1-2): Gillet, Belmonte (62°Martinho), Schiavi (49°Sauro), Ceccarelli, Capuano, Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina, Maniero (46° Castro), Calaiò, all . Marcolin, a disp.  : Terracciano, Escalante, Barisic, Chrapek, Parisi, Odjer.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo

Note: recuperi 0’ e 2’, angoli: 9-4, ammoniti: Rinaudo, Caracciolo, Martinho , terreno in discrete condizioni, spettatori 3.000.


  

2-5-2015  39ª -18ª di ritorno Catania-Livorno  1-1

Marcatori: 19° Sciaudone, 97° Vantaggiato

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

LIVORNO   all.  Christian Panucci

Catania (4-3-3): Terracciano, Belmonte (57°  Gyomber), Schiavi, Sauro, Mazzotta, Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina (dal 68°  Capuano), Maniero (84° Chrapek), Castro, all. Marcolin, a disp. (Ficara, Capuano, Gyomber, Chrapek, Escalante, Martinho, Odjer, Barisic, Rossetti)

Livorno (3-5-2): Mazzoni, Bernardini, Emerson, Lambrughi, Maicon, Moscati (73°  Djokovic), Luci, Biagianti, Gemiti (67°  Galabinov), Jelenic, Vantaggiato, all. Panucci, a disp. (Cipriani, Ceccherini, Empereur, Strasser, Djokovic, Appelt Pires, Rafati, Belingheri, Galabinov, Jefferson.)

Arbitro: maurizio Mariani della sezione A.I.A. di Aprilia, guardalinee  :  Valeriani – Colella, lV : Tardino di Milano
Note : recuperi 2’ e 7’ angoli 3-9, ammoniti: Belmonte, Luci, Rinaudo, Schiavi, Mazzotta, Castro, espulso: Gyomber.

Catania - Beffa atroce in zona Cesarini. I rossazzurri all’ultimo secondo di una partita soporifera, ricca di errori e povera di bel calcio sono stati puniti. Il Catania ha pagato un conto salatissimo, anche a causa di discutibili scelte tecniche, che hanno sostanzialmente consegnato il pallino del gioco al Livorno. Gli ospiti sono “cresciuti” col passare dei minuti, sino a presidiare, nella fase finale del secondo tempo, la trequarti rossazzurra, seppur senza creare grosse occasioni.  Il gol rossazzurro è giunto al 19°, sia per la caparbietà di Mazzotta che per un rimpallo favorevole col portiere Mazzoni consentendo a Sciaudone, a pochi metri dalla rete avversaria, di far partire un bolide terra aria che si è schiantato sotto la traversa dentro  la porta sguarnita. L’urlo di gioia del Massimino è esploso, gli spalti non si presentavano certamente stracolmi dopo la sconfitta di Bologna. L’incitamento costante dei supporter nello stadio non ha costituito un  vero sprono per i rossazzurri. I padroni di casa, salvo qualche contropiede ed alcune iniziative personali del pimpante Maniero, non sono riusciti  a produrre gioco. Il Livorno neanche ha brillato, anzi ed a parte qualche protesta di Vantaggiato per alcuni scontri in area, poco ha da annotare in positivo il tecnico Panucci. Il canovaccio di una partita poco gradevole si ripete nella ripresa. Gli innesti di Galabinov e Djokovic poco aggiungono a quanto già espresso dagli amaranto (in maglia gialla).   Il  Catania, con Castro, che “sparacchia” male, prima e con il solito Maniero poi, ha sfiorato il raddoppio che avrebbe chiuso la gara.   Il  centrattacco rossazzurro è stato rintuzzato per un soffio in corner, dopo una sgroppata da metà campo, sino alla porta avversaria. I  calciatori etnei col passare dei minuti, sono sembrati  quasi appagati fino a patire la stanchezza più di quanto non sembrassero soffrirla gli ospiti. I tiri da fuori area di Luci e Galabinov, hanno messo i brividi, ma hanno soltanto sfiorato la porta rossazzurra. Marcolin dal canto suo, tra le proteste del pubblico, ha messo fuori anche l’estroso Rosina (ed è entrato Capuano), che non l’ha presa bene. L’infortunio di Maniero, a pochi minuti dal termine, ha costretto il tecnico etneo al terzo cambio. Marcolin ha effettuato la versione “contenitiva”: facendo entrare Chrapek. Il Livorno ha allora pruto sull’acceleratore provandoci con tutte le forze. L’inoperoso Terraciano ha salvato in corner su incornata di Galabinov. Sulla susseguente azione d’angolo è stato il livornese Lambrughi a salvare la rete rossazzurra, impattando di schiena, sulla linea, il pallone diretto in rete. Gli errori  dei livornesi sono sembrati segnali positivi per i padroni di casa.  L’arbitro Mariani, proprio nell’ultima azione di gioco, quella precedente il triplice fischio finale, in mischia, è riuscito ad individuare un fallo ai danni di Luci. Tra le veementi proteste dei calciatori e del pubblico etneo, dopo oltre quattro minuti e l’espulsione di Gyomber per proteste, Vantaggiato, dal dischetto, ha battuto Terraciano. Dopo la rete il direttore di gara ha fischiato tre volte, il pubblico una volta sola: ma sono stati fischi interminabili ed assordanti, per una decisione ed un risultato che, per quanto ininfluente ai fini della classifica, ha lasciato l’ennesimo sapore amaro sulla bocca dei tifosi del Catania.  Panucci a fine gara ha affermato : “Abbiamo dominato per novanta minuti: il Catania ha tirato in porta una sola volta, su un nostro errore ed ha fatto gol. La sconfitta sarebbe stata una beffa atroce”. Luci ha detto: “Punto meritato. C’erano due falli in area in occasione del rigore. L’arbitro ha fischiato quello su di me”. Marcolini ha commentato: “Non giudicate la prestazione soltanto basandovi sull’ultima azione della gara: senza quel rigore saremmo al sesto successo in sette partite. Rigore di cui preferisco non parlare. Panucci parla di dominio? Ognuno esprime la proprio opinione. Non ho adottato una tattica difensiva, ma sostituito giocatori stanchi, come Rosina, che avevano dato tanto in questi intensi tredici giorni di gare”. Andrea NUZZO


27-4-2015  38ª -17ª di ritorno Bologna- Catania  

Reti  37° Cacia, 73° Sansone

  

BOLOGNA   all.  Diego Lopez

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

Bologna (3-5-2) Coppola, Oikonomou, Gastaldello, Ferrari, Mbaye(65° Ceccarelli), Casarini(87° Perez), Krsticic, Laribi, Morleo, Sansone, Cacia(72°Mancosu), all. Fini, a disp. Da Costa, Garics, Ceccarelli, Perez, Bessa, Acquafresca, Troianiello, Improta, Mancosu.

 

Catania (4-3-1-2) Gillet, Belmonte, Sauro, Ceccarelli(82°Capuano), Mazzotta,  Rosina, Rinaudo, Coppola(75° Escalante). Castro, Calaiò, Maniero(68° Martinho), all. Marcolin, a disp. : Terracciano, Schiavi, Capuano, Gyomber,  Escalante, Odjer, Martinho, Chrapek, Sciaudone.

Arbitro : La Penna di Roma, guardialinee : Avellano e Bottegoni, lV Gavillucci

Note recuperi 1’ e 4’, angoli 12-1,  ammoniti : Mazzotta, Ceccarelli, Castro, Cacia, Calaiò, Belmonte, Sauro,Capuano, Laribi, spettatori 21000


24-4-2015  37ª -16ª di ritorno  Catania -Ternana  2-0

Reti: 45° Maniero, 77°  Castro 

                          

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

 TERNANA   all.  Attilio Tesser


Catania (4-3-1-2) Gillet, Del Prete (89° Sauro), Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Escalante, Rinaudo, Coppola(84°Odjer), Rosina, Maniero(64° Castro), Calaiò, all. Marcolin, a disp. : Terracciano, Parisi, Capuano, Chrapek, Martinho, Rossetti.


Ternana (5-3-2): Brignoli, Dianda(66° Crecco), Janse, Valjent, Fazio, Vitale, Gavazzi, Viola (78° Falletti), Eramo (55° Palumbo), Avenatti, Ceravolo, all.Tesser, a disp.: Sala, Gagliardini, Russo, Milinkovic, Bojinov, Duganozic.

Arbitro: Ghersini di Genova, guardalinee : Borzomi di Torino  e Soricaro  di Barletta, lV Arena (Palermo)

Note: Iniziata al Massimino dopo un minuto di silenzio per la scomparsa della piccola e coraggiosa Smeralda, bimba maestra di vita, recuperi: 1' e 5’ , angoli : 5-2 per la Ternana, ammoniti: Maniero, Vitale, Del Prete, Palumbo, Falletti.

  

Catania – Il Catania ha faticato solo un tempo per piegare le resistenze di una Ternana venuta al Massimino col chiaro intento di portare via almeno un punto. La formazione di Marcolin, a  fine gara ha trovato meritatamente la vittoria, la quinta consecutiva. La squadra etnea, nel corso dei primi quarantacinque minuti di gioco, ha trovato grosse difficoltà a scardinare la coriacea difesa rossoverde. La Ternana si è proposta con uno schieramento altamente difensivo, con tutti gli uomini dietro la linea del pallone e sporadici tentativi in contropiede, regolarmente soffocati sul nascere dall’attenta formazione catanese. La squadra di Tesser, col passare dei minuti, ha arretrato sempre più il baricentro, proponendo una difesa con cinque uomini in linea, che ha lasciato sempre meno spazi alle punte rossazzurre. Le  azioni degne di nota sono state rare. I ragazzi di Marcolin hanno protestano per due contatti in area di rigore (presunta trattenuta su Maniero e fallo su Rosina), su uno dei quali poteva starci l’assegnazione della massima punizione. Fischi all’arbitro. Maniero al 37° ha scaldato le mani a Valjent  che ha respinto con bravura la sfera.    Avenatti  al 38° di testa ha mandato la palla alta sulla traversa. Il gol è di Maniero in spaccata nell’ultima azione del primo tempo, poco prima del duplice fischio di chiusura della frazione di gioco, con la sgroppata e  cross sulla fascia di Rosina. Maniero ha quindi  spezzato l’incantesimo e l’equilibrio e  manda in visibilio lo stadio Massimino che festeggia in maniera tanto vibrante, quanto composta, la giornata votata al ricordo della piccola Smeralda C. La piccola due giorni prima del quinto successo consecutivo della formazione di Marcolin, aveva perso la sua battaglia contro la malattia. Commossa è stata la partecipazione del pubblico, con le curve che, per l’occasione, non hanno organizzato coreografie e rimosso tutti gli striscioni in segno di cordoglio.I rossazzurri, nella ripresa hanno preso in mano le redini del gioco sin da subito, controllando la gara, pur senza riuscire a schiacciare subito gli avversari. Il Catania ha chiuso l’incontro al 77°, in contropiede: splendido il lancio di Calaiò, versione assist-man, per il neo entrato Castro, che si è presentato a tu per tu col portiere avversario e l’ha battuto per la seconda volta. Valjent nulla ha potuto sulla sgroppata dell’argentino, che, subentrato dalla panchina, ha messo la partita in ghiaccio, rendendo gli ultimi minuti pura accademia. L’arbitro ha prolungato il supplizio di un match ormai senza storia per ulteriori cinque minuti, utili solo ad assistere alla tentata prodezza di Rinaudo con un tiro a giro da fuori area. Un  paio di giocatori sono anche finiti ammoniti sul taccuino dell’arbitro. Pesante il giallo ingenuamente subito a Del Prete, che si attardava nella battuta di una punizione: la sanzione lo renderà indisponibile per la difficile trasferta di Bologna. Piccola tegola per Marcolin, che spera di recuperare Belmonte. Il Catania è virtualmente salvo. La “spensieratezza” e l’entusiasmo potrebbero essere l’arma in più per inseguire il miraggio play-off. Maniero: “Felice per la prestazione della squadra e per il gol, che dedico ai tifosi e alla famiglia di Smeralda”. Marcolin: “Un lusso giocatori come Calaiò in serie cadetta? Per me è un orgoglio allenarli. E vorrei esaltare la prestazione di Schiavi, non la prima in questo periodo! Ho sostituito Maniero perché già ammonito e non volevo prendere rischi in una partita ancora in equilibrio. Rammarico? Troppo tardi per averne. Certo, mancassero due o tre giornate in più i discorsi sarebbero ben diversi. Ma viviamo il momento. Pensiamo partita dopo partita”. Andrea NUZZO


19-4-2015  36ª -15ª di ritorno  Latina - Catania

Reti: 16°Maniero, 52° Doudou, 62°Sciaudone

LATINA   all.  Mark Iuliano

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin


Latina (3-5-2) Di Gennaro, Brosco, Dellafiore, Bruscagin (46° Doudou), Angelo, Valiani, Viviani, Ammari(73° Oduamadi), Alhassan, Bidaoui, Litteri (66° Sowe), all.  Iuliano, a disp: Farelli, Nelson, Bouhna, Ristovski, Talamo, Jaadi.
Catania (4-3-2-1) Gillet, Del Prete, Sauro, Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone(73°Escalante), Rinaudo, Coppola(68°Odjer), Rosina(82°Capuano), Castro, Maniero, all.  Marcolin, a disp.: Terracciano, Calaiò, Barisic, Chrapek, Belmonte, Rossetti.

Arbitro: Nasca di Bari,  guardalinee Pentangelo – Intagliata, lV Melidoni di  Frattamaggiore.

Note : recuperi: 2' e 4',  angoli: 7-5 per Latina,  ammoniti: Viviani, Sciaudone, Maniero, Angelo, Valiani, spettatori 4.500 circa.


11-4-2015  35ª -14ª di ritorno  Catania-Trapani 4-1

Reti: 9°Terlizzi (R); 49° e 90° Schiavi, 52° Terlizzi autogol, 62° Castro.

  

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

TRAPANI   all.  Serse Cosmi

 

Catania (4-3-1-2) Gillet , Del Prete, , Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone (76° Escalante), Rinaudo, Rosina, Castro (92° Piermateri), Maniero, Calaiò (76° Chrapek, all. Marcolin, a disp.: Terracciano, Belmonte, Capuano, Coppola, Jankovic, Piermateri, Rossetti.


Trapani (4-3-1-2) Gomis, Perticone (82° Lo Bue), Pagliarulo, Terlizzi, Daì, Scozzarella, Ciaramitaro, Barillà (64°Aramu), Falco, Abate(46° Basso), Malele, all. Cosmi,  a disp. In panchina: Marcone, Martinelli, Zampa, Feola, Costa, Lombardi.  
Arbitro: Gavillucci di Latina, guardalinee : Carbone – Lo Cicero, lV : La Penna  di Roma 1 .

Note:  recuperi : 0’ e 3’,  angoli 7-2 per Catania,  ammoniti: Ciaramitaro, Mazzotta, Malele, Chrapek, espulso Ciaramitaro per doppia ammonizione, spettatori 17.271.


2-4-2015  34ª -13ª di ritorno      Varese-Catania  0-3

Reti: 39° Maniero, 45°Castro, 64° Calaiò.

     

VARESE    all.  Stefano Bettinelli

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

Varese (4-1-4-1) Perucchini, Fiamozzi, Borghese, Rossi, Luoni, Barberis(55°Falcone), Culina, Osuji, Capezzi, Zecchin(77°Cristiano), Kurtisi (43°Forte), all. Bettinelli, a disp.:  Birighitti, Simic, De Vito, Blasi, Jakimovski, Capello.
Catania (4-3-1-2)Terracciano, Del Prete(90° Belmonte), Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone, Rinaudo, Odjer, Castro(56° Escalante), Calaiò, Maniero(85° Jankovic), all.  Marcolin, a disp. Ficara, Barisic, Piermarteri, Parisi, Capuano, Rossetti. Allenatore: 7.
Arbitro: Manganiello di Pinerolo, guardalinee Zivelli – Bolano, lV Merchiori di Ferrarra
Note: recupero: 2' e 2', angoli 5-2 per il Varese,  ammoniti Rinaudo, Fiamozzi,  espulso  Odjer per doppia ammonizione.  


29-3-2015  33ª -12ª di ritorno   Catania -Avellino1-0 (1-0)

Rete: 42°Calaiò (R)

     

C.CATANIA   all.  Dario Marcolin

AVELLINO    all.  Massimo Rastelli

 

Catania (4-3-1-2) Terracciano,Del Prete, Sauro (30°Capuano), Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone, Rinaudo, Odjer (67° Escalante), Rosina, Maniero (56° Castro), Calaiò, all. Marcolin, a disp. Ficara, Parisi, Piermateri, Di Grazia, Barisic, Rossetti.

Avellino (3-5-2) Frattali, Pisacane, Fabbro, Chiosa, Regoli (50°Castaldo), Arini (54°Zito), Kone, Schiavon, Bittante, Soumarè, Comi (79°Mokulu), all. Rastelli, a disp.: Comis, Bavena, Almici, D'Angelo, Angeli, Filkor.
Arbitro: Baracani di Firenze, guardalinee : Segna e Prenna, lV Saia di Palemo

Note: recupero: 2'e 5', angoli: 5-3 per il Catania, ammoniti: Arini, Fabbro, Chiosa, Kone, Mazzotta, Castro, Rosina e Capuano, terreno in buone condizioni, temperatura primaverile,  spettatori 13273.


31-1-2015  ore 15.00 24ª  3ª di ritorno   Catania – Perugia  2-0

Reti : 21°Maniero, 50°Calaiò

C.CATANIA   all.   Dario Marcolin

PERUGIA   all.   Andrea Camplone

 

Catania – Gillet, Belmonte (78°Spolli), Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina, Calaiò (87°Barisic), Maniero (72°Chrapek), all. Marcolin, a disp. Terracciano, Sauro, Capuano, Ddjer, Escalante, Castro.

Perugia – Provedel, Goldaniga, Giacomazzi, Rossi, Parigini(59°Vinicius), Nicco(83°Nielsen), Fossati, Verre (63°Taddei), Fabinho, Lanzafame, Falcinelli, all. Camplone, a disp. Koprivec, Pettinelli, Lo Porto, Lignani, Zabli, Mendez.

  Arbitro : Leonardo Baracani di Firenze, guardalinee : Filippo Valeriani di Ravenna e Giovanni Colella di Padova, lV : Francesco Paolo Saia di Palermo.

Note : recuperi : 1’ e 4’, angoli : 3-6, ammoniti : Schiavi, Rinaudo, Calaiò, Rossi, Parigini, Verre, Fabinho, espulso Fabinho, pomeriggio nuvoloso, nessuna pioggia,  terreno di gioco in buone condizioni, spettatori 13.267, 200 sostenitori ospiti.


Catania  - Pro Vercelli    4-0 

Reti   6°,16°(R) Calaiò, 33°Rosina, 58°Maniero Anticipo 23-1-2015  ore 20.30    23ª  2ª di ritorno       

C.CATANIA   all.   Dario Marcolin

Pro VERCELLI   all.  Cristiano Scazzola

Catania (4-3-1-2)Terracciano, Belmonte, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta(82°Capuano), Coppola, Rinaudo, Sciaudone, Rosina(70°Chtapek), Calaiò(86°Barisic), Manero, all. Marcolin, a disp. Ficara, Sauro, Capuano, Jankovic, Odjer, Escalante, Chtapek, Castro, Barisic.

 

Pro Vercelli  – (4-3-3) Russo, Ferri, Coly, Bani, Scaglia, Ardizzone, Castiglia(59°Emmanuello), Scavone, Di Roberto, Marchi(70°Beretta), Statella(59°Sprocati), all. Scazzola, a disp. Viotti, Marconi, Cosenza, Liviero, Sprocati, Emmanuello, Fabiano, Beretta, Belloni.

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia,  guardalinee Lo Cicero di Brescia e Di Francesco di Teramo, lV Martinelli Roma2, osservatore Piero Ferrari di Roma 2.

Noterecuperi 0’ e 2’ , angoli 3-3, ammoniti : Maniero, Castiglia, Di Roberto, Bani, Schiavi, Emanuello, Beretta, serata tipicamente invernale con freddo, terreno scivoloso ma discrete condizioni, circa cinquemila spettatori con la presenza di una ventina sostenitori ospiti.


20-12-2014    Catania -Brescia  2-2 

Reti: 6°Cani, 15°Corvia, 60°Calaiò, 83°Caracciolo (R)

 C.CATANIA     all.    Maurizio Pellegrino

 BRESCIA     all.    Ivan  Javoric

Catania (4-3-3):  Frison;  Sauro, 3 Spolli,  Rinaudo,  Parisi, Escalante, Odjer (76° Garufi),  Chrapek;  Leto,  Calaiò (90° Marcelinho),  Cani (72°Jankovic). all. Pellegrino, a disp. : Ficara, Terracciano, Ramos, Gallo, Garufi, Jankovic, Piermarteri, Aveni, Barisic, Marcelinho, Rossetti.

Brescia (4-3-2-1):   Arcari, Scaglia, Ant. Caracciolo, Di Cesare, Coly, Bentivoglio, H’Maidat, Benali, Morosini (72°Sodinha), Corvia (78° Razzitti), Caracciolo, all. Javorcic,  a disp.:   Minelli, Sestu, Lancini, Ragnoli, Quaggiotto, Rizzola, Valotti, Razzitti, Sodinha

ArbitroFederico La Penna  di Roma 1, guardalinee : Stefano Alassio di Imperia ed Alessandro Marinelli di Jesi, lV Francesco Catona di Reggio Calabria, osservatore arbitrale : Arena di Palermo.

Note :  recuperi 1’ e 4’,  angoli 4 – 5, ammoniti: Odjer, Sauro, Chrapek, Garufi, H’Maidat, Escalante, pomeriggio soleggiato, terreno di gioco in discrete condizioni,  spettatori circa 7000, la curva nord quasi deserta per la contestazione, i rossazzuri “protestanti” hanno sostato fuori lo stadio, una cinquantina i sostenitori ospiti.  


6-12-2014     Catania -Bologna  2-2

Reti : 3° Zuculini, 54°Acquafresca, 57° Cani, 77° Calaiò (R.)      

C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino 

C.BOLOGNA     all.    Diego Lopez

Catania Frison, Sauro, Capuano, Spolli (57°Chrapek), Monzon(82°Parisi), Rinaudo, Almiron (86°Ddjer), Escalante, Rosina, Calaiò, Cani, all. Sannino, a disp.  Terracciano, Ramos, Jankovic, Calello, Piermatteri, Marcelinho.

 

Bologna Coppola, Garics;, Maietta, Paez, Morleo, Zuculini (74°Casarin), Matuzalem, Bessa (89°Giannone), Laribi, Acquafresca, Improtam (74°Betancourt), all. Lopez, a disp. Stojanovic, Abero, Ferrari, Masina, Radakovic, Betancourt.

 

Arbitro Luca Pairetto di Nichelino, guardalinee : Alessandro Lo Licero di Brescia e Damiano Di Iorio di Verbania, lV Gianluca Manganiello di Pinerolo, osservatore Luca Papini di Perugia

 

Note : recuperi:  0’ e 6’, angoli : 7-3 per Bologna, ammoniti : Cani, Almiron, Matuzalem e Paez, pomeriggio con temperatura fredda, terreno di gioco in discrete condizioni, spettatori: 13.040 , presenti una quarantina sostenitori ospiti.

Striscione: ricordato Andrea Loris Stival di 8 anni, strangolato ed ucciso,nei giorni scorsi, a S.Croce di Camerina RG .




25-10-2014    Catania -Vicenza    3-1   

C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino  

VICENZA      all.    Giovanni Lopez

Reti : 48°Cani, 82°Calaiò®, 88°Martinho, 92°Garcia Tena

Catania – Frison, Peruzzi, Sauro, Capuano,  Monzon, Rosina, Escalante (85°Jankovic), Rinaudo, Martinho, Calaiò, Cani, all. Giuseppe Sannino, a disp. Ficara, Parisi, Di Maio, Ramos, Chrapek, Garufi, Leto.

Vicenza (3-5-2)  Bremec, Gentili, Figliomeni, Garcia Tena, Laverone, Cinelli, Di Gennaro, Sciacca (52°Sbrissa), Sampirisi, Ragusa (28°Lores Varella), Cocco (78°Spiridonovic), all. Giovanni Lopez, a disp. Vigorito, Brighenti, Camisa, Moretti, Gerbaudo, Giacomelli.

   Arbitro :  Ivano Pezzuto di Lecce, guardalinee : Francesco Disalvo di Barletta e Mirko Oliveri di Palermo, IV Francesco Catona di Reggio Calabria, osservatore Luca Papini di Perugia

Note:  recuperi 2’ e 4’,  angoli 5 – 4  per il Vicenza,  ammoniti Cani  e Cinelli, espulso Laverone, Pomeriggio soleggiato pero’ stranamente la temperatura è piuttosto fredda, terreno in buone condizioni, spettatori: 12.505 con incasso di euro 12.607 euro. Presenti una ventina di sostenitori vicentini.



 

 

 

   



  

 


Notizie

LAV : NON

 

ABBANDONARLI


SANT'AGATA

VITA E TRADIZIONE

 



ULTIMO TURNO

22-5-2015  42ª -21ª di ritorno

Carpi- Catania 0-0

   

 

 CARPI

 

    



CataniaDASPO: 5 anni, ad ultras dopo Catania-Perugia. La misura è per M.S., 23enne di Catania. La Squadra Tifoserie della D.I.G.O.S., a seguito di specifica attività investigativa, suffragata dal contributo delle immagini videoriprese effettuate dal personale del locale Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica, ha denunciato all’Autorità Giudiziaria un ultras catanese che, in occasione dell’incontro di calcio Catania-Perugia dello scorso 31 gennaio, ha lanciato un artificio pirotecnico del tipo fumogeno in direzione del parterre della ‘Curva Sud’. L’ultrà è stato individuato mentre, nel corso del secondo tempo della gara, dagli spalti della ‘Curva Sud’ ha acceso e subito dopo lanciato 1 fumogeno che è ricaduto pericolosamente sul parterre dello stesso settore dove, peraltro, in quel momento transitavano diversi sostenitori del Catania.M.S.,  23enne, è stato pertanto deferito alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di lancio di materiale pericoloso previsto e punito dall’art. 6 bis della legge n. 401/1989. Il giovane era già stato destinatario di un D.A.SPO. della durata di un anno inflittogli nel 2012, il Questore di Catania, applicando la recente normativa in materia di contrasto a fenomeni di illegalità e violenza in occasione di manifestazioni sportive, ha emesso un ulteriore D.A.SPO. per 5 anni con obbligo di comparizione presso gli uffici di polizia competenti.



 

 

 

 

 

 

PRESIDENTE Nino PulvirentI:

"LETTERA... "

 


Catania – L’Assemblea dei soci del Calcio Catania S.p.A. riunitasi nel pomeriggio, presso  la sede sociale di Torre del Grifo, ed ha provveduto a nominare il nuovo Consiglio di Amministrazione:

Presidente

Antonino Pulvirenti

vice Presidenti

Pablo Cosentino ed Angelo Vitaliti,  

Consigliere Giuseppe Bonanno

Amministratore Delegato

Carmelo Milazzo


Presidente Provincia Giuseppe Castiglione visita Centro Sportivo Calcio Catania

Catania - Il presidente della Provincia, Giuseppe Castiglione, con gli assessori Massimo Pesce e Pippo Pagano e il capo di gabinetto Giuseppe Gennarino e il dirigente Stefano Grasso,  accogliendo l’invito del presidente Nino Pulvirenti e dell’a.d. Pietro Lo Monaco, di pomeriggio, hanno visitato il Centro Sportivo del Calcio Catania constatando con compiacimento che la società calcistica sta realizzando un’opera all’avanguardia. Presente alla visita anche il consigliere comunale di Mascalucia Fabio Cantarella.



Calcio Catania 

serie A

PORTIERI : Mariano Andujar, Andrea Campagnolo, Tomas Kosicky;

DIFENSORI : Giuseppe Bellusci, Augustyn Blazej, Ciro Capuano ,  Alessandro Potenza, Gennaro Sardo,  Matias Silvestre, N. Federico Spolli, Christian Terlizzi ;

CENTROCAMPISTI : Pablo Barrientos,  Marco Biagianti, E. Alejo Carboni, Gennaro Delvecchio, Mariano Julio Izco, P. Martin Ledesma, E. Cristian Llama, Adrian Ricchiuti, Fabio Sciacca ;

ATTACCANTI : Andrea Catellani , Jorge A.B. Martinez, Giuseppe Mascara, Takayuki Morimoto, Gianvito Plasmati;

Allenatore: Marco Giampaolo

Probabile schema e formazione: modulo 4-3-3.

Formazione-tipo: Andujar, Potenza, Silvestre, Spolli, Capuano, Biagianti, Carboni, Delvecchio, Martinez, Morimoto, Mascara

Catania - Modena  0-0

 C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino  0

MODENA   all.   Walter Alfredo Novellino  0


12-10-2014    Catania-Bari   2-3        reti :  5°Caputo, 20° e 65°Rosina(R), 33° e 63°De Luca

C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino 2

BARI    all.

Devis Mangia  3

Arbitro : Renzo Candussio di Cervignano, guardalinee : Marco Avellano di Busto Arsizio e Alessandro Rapanelli di Albano Laziale,  lV : Giovanni Luciano di Lamezia Terme, osservatore: Gabriele Contini di Forlì.

 


25-10-2014     Catania -V.Entella 5-1 

Reti : 23° Escalante, 55°Rinaudo, 76° Lanini, 81° Sauro, 88° Martinho, 93° Marcelinho

C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino 

 

V.ENTELLA all. Luca Prina

Catania (4-4-2)Frison, Peruzzi, Sauro, Capuano, Monzon,  Jankovic (68° Callelo), Escalante(91°Chrapek), Rinaudo, Martinho, Rosina(50°Marcellino), Calaio, all. sannino, a disp. Ficara, parisi, Di Maio, Ramos, Chrapek, Callelo, Garufi, Marcelinho,Cani.

 

V.Entella(4-4-2) Pellizzoli, Iacoponi, Cesar, Russo, Belli, Pedro, Botta, Di Tacchio, Battocchio(56°Mazzarani), Litteri(72° Lanini), Sansovini(86°Malele), all.Prina, a disp. Paroni, Stefanelli, Zigrossi, Lewandoski, Gerli, Mazzarani,Latour, Lanini, Malele-

Arbitro Fabbri di Ravenna, guardalinee Zappatore di Taranto e Tolfo di Pordenone, lV lacagnina CL, osservatore Ferrari di Roma 2

Note  recuperi 2’ e 3’,  angoli 10- 3 per CT,  ammoniti  Capuano, Pedro Cesar.

 

23-11-2014 

Catania – Latina 1-0   Rete : 10°Calaiò  

C.CATANIA     all.    Giuseppe Sannino 

LATINA     all.   

Roberto Breda 

Catania (4-3-3) Frison, Sauro, Rolin,Capuano, Monzon, Escalante, Almiron(78°Calello), Rinaudo, Rosina, Calaiò, Leto(86°Cani), all. Sannino, a disp. Terraciano, Parisi, Ramos, Jankovic, Chrapek, Calello, Odjer, Marcelinho, Cani.

Latina (3-5-2) Farelli, Broso, Cottafava, Dellafiore, Valiani, Crimi, Viviani, Bruno, Rossi(65°Almici), Petagna(69°Sforzini), Pettinari(74°Doudou) all. Breda, a disp. Mazzoleni, Milani, Bruscagiin, Almici, Ricciardi, Sbaffo, Doudou, Paolucci, Sforzini.

 

 Arbitro  Diego Roca di Foggia, guardalinee : Bolano di Livorno e Borzomi di Torino, lV Morreale.

Note : recuperi 0’ e 4’, angoli  1-1, ammoniti : Capuano, Calaiò, Doudou, Escalante, terreno in condizioni pessime, spettatori 13.691.